venerdì 1 luglio 2016

Scenario economico Giugno 2016


Ho ricevuto in questi giorni un report di una importante banca internazionale presente in Brasile e che riguarda lo Scenario Economico attuale e dei prossimi 6 mesi .

In riferimento al Brasile si osserva che da diminuzione del PIB del primo semestre ha sorpreso gli analisti essendo inferiore al previsto . Questo è visto come segnale di decelarazione della crisi . Un altro segnale positivo sarebbe la diminuzione della inflazione che il governo vuole riportare al di sotto del 6% già nel 2017 .La previsione sulla tassa di Juro , oggi ricordiamolo al 14,25% , è pertanto di riduzione gia nel secondo semestre di quest'anno .

La prossima riunione del COPOM è prevista il 19-20 Luglio , meno di un mese da oggi .La disoccupazio è vista ancora in crescita ma con tendenza a stabilizzarsi nel 2017 . 

Questo in estrema sintesi lo scenario economico e le previsioni a breve termine . Ebbene volete sapere una cosa ? Io sento puzza di propaganda elettorale . Mi sembra di sentire il Governo Monti pochi mesi dopo l'insediamento mentre la Fornero preparava la sua infame riforma delle pensioni o il Governo Renzi  che regalava 80 euro a chi lo votava .
Temer sta facendo la stessa cosa approvando aumenti per gli stipendi dei parlamentari , per Borsa Famiglia, per la crisi dello Stato scialacquone di Rio de Janeiro ,  ecc . Qualcuno già si chiede dove sono i tagli sul costo della macchina del governo promessa alla vigilia dell'impeachment di Dilma .

Il ministro dell'economia Meirelles continua a ripetere che " stanno calcolando " ma che tutti gli aumenti di spesa sono già previsti nella voragine di quest'anno di 140 miliardi di reais .

Bene, staremo a vedere.


venerdì 24 giugno 2016

BREXIT e fagioli cinesi !


Buongiorno a tutti . Stamattina apprendiamo dai giornali e dalla televisione di tutto il mondo che la UK ha deciso , con una risicata maggioranza a dire il vero , di abbandonare la Unione Europea .

Sino alla scorsa settimana avevo due figli che vivevano e lavoravano nella City . Il più giovane  , forse presagendo il risultato aveva  gia abbandonato Londra per rientrare in Italia .

Il più grande , che vive a Londra da oltre 5 anni e dove ha acquistato casa ed ha un ottimo lavoro ci sta seriamente pensando e con lui tutto un esercito di giovani talenti europei che contribuiscono con il loro eccellente lavoro e le loro tasse a mantenere il wellfare britannico . 

Da parte mia , emigrato in Brasile da oltre dieci anni , il BREXIT è solo un episodio marginale rispetto alla crisi in cui è affondato il Brasile . Possiamo parlare di BRA XIT nel senso di uscita del Brasile dai grandi paesi costituenti  il blocco dei BRICS sigla nata , esplosa e divenuta obsoleta in una decade . Notate che nessun giornale la cita  più .

L'impeachment di Dilma non ha fermato la catena di arresti per corruzione di membri del veccho e soprattutto del nuovo governo . Temer non fa a tempo a nominare un ministro che questi deve dimettersi perchè coinvolto in un nuovo scandalo .Oramai la composizione del  governo è in mano alla magistratura .

L'ultima titanica sfida del governo sembrano essere le Olimpiadi di Rio . Lo Stato di Rio , collassato sotto il peso di un enorme debito in buona parte dovuto alla fuga di risorse rubate all'epoca delle vacche grasse oltre alla caduta del prezzo del petrolio che garantiva ricche commissioni al governo locale , è tenuto in vita a forza da iniezioni miliardarie del Governo Federale .Non oso pensare a cosa accadrà all'indomani delle Olimpiadi .

Ad aggravare il quadro il più grande operatore di telefonia fissa del Brasile ed uno dei primi nella mobile la Oi , è miseramente fallita .Migliaia di lavoratori resteranno senza lavoro nonostante le rassicurazioni del governo .

Infine , come ciliegina sulla torta arriva l'annuncio del Governo di importare i fagioli dalla Cina a causa della " improvvisa " mancanza del prodotto , alimento nazionale dei brasiliani . Il prezzo dei fagioli ha superato per la prima volta quello della mitica pasta Barilla utilizzata come indice del costo della vita in Brasile dai nostri connazionali .

Il fatto incredibile è che i fagioli mancano perchè nel corso degli anni i grossi " fazendeiros" , appoggiati dal governo , PT in testa , hanno convertito le piantagioni di granturco e fagioli in soia da vendere al mercato cinese .

Un esempio al contrario di agricoltura  zero chilometri . 

martedì 21 giugno 2016

Il gigante della telefonia Oi chiede l 'amministrazione controllata e le azioni totalizzano una perdita del 60% nel 2016 .


As ações da Oi operam em forte queda nesta terça-feira (21), chegando a desabar 30% na mínima da sessão, após a empresa anunciar na véspera que entrou com pedido de recuperação judicial. 


A Justiça ainda precisa aceitar o pedido. Por conta da forte queda, a BM&F Bovespa chegou a suspender as negociações dos papéis da empresa na bolsa no início dos negócios, por aproximadamente 1 hora.

Após a abertura das negociações, os papéis da Oi entraram em um leilão para ser definido o preço inicial das ações, às 11h. Isso ocorre, pelas regras da bolsa, quando um fato novo é anunciado antes do início dos negócios, como foi o caso do anúncio de recuperação judicial na véspera.

Até as 12h, os papéis já tiveram 5 leilões, anunciados após forte oscilação de preço, segundo a BM&F Bovespa. Há possibilidade de novos leilões, conforme as regras da bolsa para casos de forte variação das ações.

Perto das 15h36, as ações preferenciais da empresa caíam 21,21%, cotadas a R$ 0,78. Os acionistas que possuem esses papéis têm preferência na distribuição de dividendos. Na mínima do dia, o preço da ação chegou a R$ 0,68. Já as ações ordinárias (que dão ao acionista direito a voto em assembleias da empresa) caíam 18,25%, a R$ 1,03. Na mínima do dia, o preço chegou a R$ 0,98.

Com o tombo desta terça-feira, as ações da Oi acumulam em 2016 desvalorização de cerca de 60%, segundo a Reuters.





Índices da bolsa


A BM&F Bovespa também anunciou que, no final do pregão desta terça, os papéis da Oi serão retirados dos índices de ações. Isso acontece por causa do pedido de recuperação judicial, conforme as regras da bolsa. A retirada, no entanto, não significa que as ações deixarão de ser negociadas na bolsa.

A Oi não faz parte do Ibovespa, o principal índice da bolsa. Mesmo assim, as notícias sobre a empresa repercutiam no índice nesta terça, com papéis de bancos, credores da empresa, se destacando entre as principais pressões de queda do dia. Já as ações da TIM e da Vivo, que também fazem parte do Ibovespa, operavam em alta.

As ações da Oi fazem parte dos seguintes índices: Índice Brasil Amplo BM&FBOVESPA (IBrA), Índice Brasil 100 (IBrX 100), Índice de Governança Corporativa Trade (IGCT), Índice de Ações com Governança Corporativa Diferenciada (IGC), Índice de Sustentabilidade Empresarial (ISE), Índice Small Cap (SMLL).


Recuperação judicial

A Oi anunciou nesta segunda-feira (20), em fato relevante, que entrou com pedido de recuperação judicial no Rio de Janeiro, incluindo no processo um total de R$ 65,4 bilhões em dívidas. Trata-se do maior pedido de recuperação judicial da história do Brasil, de acordo com dados da Thomson Reuters.

A Oi é a maior operadora em telefonia fixa do país e a quarta em telefonia móvel, com cerca de 70 milhões de clientes.

"Considerando os desafios decorrentes da situação econômico-financeira das empresas Oi à luz do cronograma de vencimento de suas dívidas financeiras, ameaças ao caixa das empresas Oi representadas por iminentes penhoras ou bloqueios em processos judiciais, e tendo em vista a urgência na adoção de medidas de proteção das empresas Oi, a companhia julgou que a apresentação do pedido de recuperação judicial seria a medida mais adequada, neste momento", informou a operadora, em comunicado.

O pedido vem após a Oi ter anunciado na última sexta-feira (17) que ainda não havia obtido acordo com credores para tentar reeestruturar sua dívida, considerada impagável.

Segundo a empresa, 60% de seus recebíveis (valores que a empresa tem a receber de clientes decorrente de vendas a prazo) estavam penhorados a bancos brasileiros.

Em comunicado, a maior concessionária de telecomunicações do Brasil afirmou que a medida visa, entre outros objetivos, proteger o caixa das empresas do grupo e garantir a preservação da continuidade da oferta de serviços aos clientes.

Segundo a Oi, "o total dos créditos com pessoas não controladas pela Oi listados nos documentos protocolados com o pedido de recuperação judicial soma, nesta data, aproximadamente R$ 65,4 bilhões".

O pedido de recuperação judicial será deliberado em assembleia geral de acionistas. A empresa não informou para quando elas estão previstas.

A empresa também informou, por fato relevante, que não prevê fazer mudanças no quadro de funcionários ou de gestão das empresas Oi em razão da recuperação judicial. "Todas as obrigações trabalhistas da companhia e benefícios atuais serão mantidos normalmente", disse a empresa.

Além disso, o foco em investimentos para melhora de qualidade dos serviços será mantido, assim como as metas operacionais para 2016, informou a Oi no comunicado.

O Ministério da Ciência, Tecnologia, Inovações e Comunicações publicou uma nota informando que a Anatel (Agência Nacional de Telecomunicações) já adotou as medidas para garantir o direito dos consumidoresapós o pedido de recuperação da Oi, mas não explicou quais são essas medidas.

O que é recuperação judicial

A recuperação judicial é o mecanismo através do qual as empresas em dificuldade financeira tentam reestruturar a dívida com credores. A lei 11.101, sancionada em 9 de fevereiro de 2005 pelo Presidência da República, regula a recuperação judicial, a extrajudicial e a falência do empresário e da sociedade.

A lei de 2005 acabou com o instrumento da "concordata" no Brasil e permite que a empresa endividada apresente a sua própriaproposta para os credores.

A legislação fixa um prazo de 6 meses para a negociação entre as partes, que é intermediada por um administrador judicial nomeado pela Justiça. No caso de não haver acordo entre credores e devedores sobre o plano de recuperação, é decretada a falência.

O pedido da Oi envolve também suas subsidiárias integrais, diretas e indiretas: Oi Móvel, Telemar Norte Leste, Copart 4 Participações, Copart 5 Participações, Portugal Telecom International Finance BV e Oi Brasil Holdings Coöperatief U.A.


Fonte : Globo

venerdì 17 giugno 2016

Come direttori di banca e professori della Bocconi trasmutavano merda in oro !


Trasformare casalinghe, pensionati, operai o qualsiasi altro genere di risparmiatori completamente privi di conoscenza finanziaria in accaniti traders di Borsa, o in smaliziati gestori di hedge fund, è stato l'ultimo passatempo dei consigli di amministrazione dellebanche alle prese con difficoltà patrimoniali. Banca Etruria, CariChieti, CariFerrara e Banca Marche sono stati tra i casi più clamorosi.

Vicenza hanno voluto strafare.

Ad alzare il velo sul "così fan tutti" vicentino è stata l'ispezione della Banca centrale europea, condotta tra il 26 febbraio e il 3 luglio 2015 e conclusasi con una relazione di 103 pagine che non lascia scampo agli ex vertici della Banca. I profili di ben 58mila azionisti, tra vecchi e nuovi, non risultano in linea con le normative Mifid, la direttiva europea (Market in Financial Instruments directive) che, tra le altre cose, impone di classificare i clienti in modo adeguato per fornire loro servizi finanziari appropriati.

L'ex presidente Gianni Zonin e l'ex amministratore delegato Samuele Sorato, oggi indagati per aggiotaggio e ostacolo alle autorità di vigilanza, hanno portato con due aumenti di capitale i soci a 108mila con una crescita del 57% in soli due anni. Una seconda città nella città, cresciuta sull'inganno e con l'unico scopo di rafforzare lo zoppicante patrimonio della banca. "Gli aumenti di capitale del 2013 e del 2014 - si legge nel documento - sono stati portati a termine adottando un approccio non in linea con le normative Mifid, poiché la Bpvi non ha stilato il profilo di rischio completo dei clienti attraverso i test prescritti oppure li ha alterati a suo vantaggio". Gli ispettori hanno calcolato che sono stati almeno 29mila i nuovi sottoscrittori di titoli coinvolti. Altri 29mila azionisti, invece, a cui è stato offerto il diritto di prelazione, non sarebbero stati assistiti correttamente dalla banca, ma semplicemente informati con una lettera che avrebbero dovuto rispedire firmata in filiale. Nove su dieci dei destinatari contattati non hanno mai risposto.

Serviva in effetti qualche magheggio per far comprare un titolo che nel giro di un paio di anni è passato da un valore di 62,5 a 0,1 euro. La Vicenza è una banca non quotata e dal 2011 il consiglio di amministrazione ha pagato professionisti definiti indipendenti per assegnare un valore alle azioni. Se ne è quasi sempre occupato Mauro Bini, professore della Bocconi esperto in valutazioni d'impresa, che ad aprile 2014 ha ribadito quel valore astronomico. L'ispezione della Bce, invece, non lascia scampo: "I titoli sono sempre stati sovrastimati come dimostra la costante e significativa differenza tra il valore dei titoli della Bpvi e delle altre popolari quotate, utilizzando medesimi modelli di valutazione". Prendendo solo uno dei molti parametri utilizzati dagli ispettori, il "price to book value", ovvero il rapporto tra il valore di mercato del titolo (nel caso della Bpvi, il prezzo fissato dai consulenti) e il valore di libro è risultato che il coefficiente della Vicenza (1,2) è quasi il doppio della media di quello delle popolari italiane quotate in Borsa (0,73).

Oltre alla fabbrica dei falsi profili, Zonin e i suoi manager hanno finanziato gli acquisti delle azioni e illuso i clienti con la possibilità di rivendere quei titoli alla banca. Ma tra gennaio 2013 e dicembre 2014, le richieste di riacquisto sono diventate insostenibili, tanto che la Vicenza si è trovata di fronte 15mila ordini dal valore complessivo di un miliardo di euro: a gennaio 2013 le richieste valevano solo 52,5 milioni di euro e ci volevano 28 giorni per evaderle. 


Alla fine del 2013 è stato calcolato che servivano 311 giorni. La banca non aveva mai segnalato nei prospetti informativi la possibilità di non essere in grado di garantire la liquidità sul titolo, comunicata solo a marzo del 2015 con una lettera.

E al danno si aggiunge la beffa, perché l'ispezione ha appurato che la banca, anche quando ha riacquistato, non ha rispettato l'ordine della priorità temporale: ovvero ha ricomprato i titoli non secondo un criterio oggettivo, ma come piaceva a lei. Tra gennaio 2014 e febbraio 2015, "almeno 200 ordini sono stati evasi con una priorità che non ha seguito la normale procedura per un controvalore di 21,8 milioni di euro". Sono state scoperte anche alcune lettere in cui la banca garantisce ai più "fortunati" 
o il riacquisto di titoli pari al capitale investito o assicura un rendimento minimo o ancora un generico riacquisto. Le assicurazioni più impegnative riguardano 10 clienti per un controvalore di 38 milioni, mentre le altre si riferiscono a 52 clienti per un controvalore di 182,2 milioni.

sabato 11 giugno 2016

Vacanze in Italia /1


Sono in Italia in vacanza da 20 gg e vorrei fare alcune considerazioni  . So che fare confronti non è sempre condivisibile ma  quando è la stessa persona che sperimenta entrambe le situazioni c'è poco da far polemica .

Incominciamo con cose piccole ma che influenzano la qualità della vita .Ho fatto alcuni acquisti ed in un caso ho avuto bisogno di sostituire il prodotto a causa di un errore sulla misura . Il venditore ha fatto un sacco di storie prima di cedere e darmi NON il prodotto che desideravo ma un buono da spendere nel negozio .

In Brasile il cambio merce è una procedura standard , NON è mai fonte di stress ed  esiste un reparto apposta per gestire i cambi con  commesse  gentilissime .
Vengono cambiati  i prodotti  acquistati per sbaglio o addirittura i regali ricevuti da amici per un anniversario non graditi o doppioni .Non è necessario che il prodotto sia difettoso .

Il Codice di diritto del consumatore è , per legge , disponibile  in tutti gli esercizi commerciali ed in caso di contestazioni esiste un organo pubbligo , il PROCOM che difende i diritti dei consumatori .

Saliamo di tono . Sanità pubblica .Mia madre , 82 anni ha avuto bisogno di una visita oculistica , ticket  28 euro . Visita di 10 minuti ed attesa di mezza giornata. Alle proteste di mia madre che era stanchissima per l'attesa oltre ad essere digiuna il medico ha risposto sgarbatamente che lei " era una paziente e doveva avere pazienza " .

Non commento il comportamento non etico del medico , nè il fatto che in Italia un anziano NON ha alcuna preferenza nelle file di attesa in nessun posto ( banca , ospedale , parcheggio , casse di pagamento al supermercato ) ma pagare 28 euro ovvero al cambio attuale oltre 100 reais di ticket è ridicolo . Questo è SUPERIORE al prezzo di una visita totalmente privata in Brasile .

Questa è l'assistenza sanitaria gratuita per tutti erogata in Italia ? Preferisco di gran lunga pagare un PLANO de SAUDE di 250 euro al mese per l'intera famiglia ed essere trattato con riguardo e rispetto . 

Torniamo al piccolo .Sono in un Comune dell'area vesuviana molto turistico . NON esiste un servizio di taxi . Arrivati alla stazione o avete un familiare che viene a prendervi o , come nel mio caso , siete condannati a trascinarvi per alcuni chilomentri in salita per arrivare a casa .Inutile affidarsi agli autobus pubblici , se siete fortunati potete incontrare una navetta privata .

Il problema del trasporto pubblico  è gravissimo perchè quasiasi cosa richiede l'uso dell'auto privata con la conseguenza di avere un traffico sempre congestionato . Ma i  problemi sono solo all'inizio perchè anche ricorrendo all'auto privata , una volta arrivati non sapete dove parcheggiare . Ecco quindi il ricorso al parcheggio creativo e relative maledizioni  da parte degli altri automobilisti ed in qualche caso pesanti multe .

Il bello è che tutti gli uffici pubblici si trovano in aree rigirosamente prive di parcheggio .Ho molte altre considerazioni da fare ma preferisco somministrarle a piccole dosi .