mercoledì 22 ottobre 2014

Domani , qui a Natal il Centro di Cultura Italiana festeggia con gli amici i 15 anni della "Festa do Macarrao "

                                                     logo_final_curva 2011

“È ora di pasta!” – 15ª Festa do Macarrão
Dia Internacional do Macarrão

Desde 1998 o Centro di Cultura Italiana MadrelinguA vem apresentando È ora di pasta!-Festa do Macarrão, em ocasião da comemoração do Dia Internacional do Macarrão (25 de outubro).
Consolidado no calendário gastronômico da cidade, esse evento é único no Brasil por apresentar um conjunto de documentos que permite conhecer a verdadeira origem deste alimento.

Lenda e realidade: as origens do macarrão

Por quem, quando e onde foi “inventado” o macarrão? Até não muito tempo atrás a lenda dizia que o mercador veneziano Marco Polo (1254 - 1324), ao voltar da China, teria introduzido a receita na culinária italiana. Entretanto, existem provas que mostram que tudo começou antes e em outro lugar.
            A mistura de água e farinha de trigo duro (triticum durum) já era conhecida na Mesopotâmia e na área do Mar Mediterrâneo desde 1.000 a.C.. Mas é na Sicília do século XII que a realidade prevalece sobre a lenda. Em 1154 o geógrafo árabe Al-Idrisi presenteia o rei normando Rogério II da Sicília com um livro, no qual ele descreve que “...em Trabia (cidade que ainda hoje existe) fabrica-se uma massa filiforme, a itriya e expedem-se grandes cargas em navios para a Calábria (região da Itália) e outros países do mundo islâmico.... Deduz-se, então, que se essa massa podia viajar durante semanas sem se deteriorar, só podia ser na forma de massa seca, isto é, mistura de água e farinha de trigo duro colocada ao sol escaldante daquela região. Assim nasceu o macarrão que conhecemos hoje!
            A partir desse momento, outros documentos (que também estarão expostos durante o evento) provam a difusão do macarrão ao longo do tempo pela península italiana e que, mais tarde, se difundiria no mundo inteiro.
_____________________________________________________________

O jantar será composto por:
2 entradas: Fantasia de bruschette (presunto cru italiano, patê de fígado e tradicional) e salada caprese;
3 massas: 1) Tortelloni ao molho de tomate fresco 2) Spaghetti com camarão e abobrinha 3) Tagliatelle alla bolognese.
Sobremesa: Bavarese de chocolate

Como em toda festa italiana, a música terá seu devido espaço com a alegria da voz do cantor italiano Paolo Fiore, interpretando as inesquecíveis melodias italianas.

Dia – 5ª-f 23 de outubro
Hora - 20:00h
Onde – Trattoria Bolognese, Av. Rodrigues Alves, 658, Tirol, Natal
Palestrante - Michele Maisto, diretor do Centro di Cultura Italiana MadrelinguA
Número de vagas: 50
Valor: R$ 70,00 (setenta reais) por pessoa
Reservas -  Trattoria Bolognese, tel.: 2010-9121
Informações: Centro di Cultura Italiana MadrelinguA   Tel.: 4141-6437 / 9991-0876

Michele Maisto
Diretor
____________________________________________________________________________________________________________________
Rua Souza Machado, 1034,–  Tirol  -   59015-080   –  Natal/RN  Brasil
Telefone: (84) 4141-6437 / 9991-0876                                          E-mail:madrelingua@supercabo.com.br

domenica 19 ottobre 2014

Richiedete il vostro visto permanente : potrete finalmente risiedere e lavorare in Brasile senza alcun impedimento


Molti lettori, spinti soprattutto dalla crisi in Europa , mi chiedono se sia possibile trovare un lavoro dipendente qui in Brasile . Non voglio creare nessuna falsa illusione,   è estremamente improbabile trovare un lavoro dipendente perchè il mercato del lavoro  è estremamente protetto .

Ai laureati inoltre  non è riconosciuta la laurea conseguita all'estero a meno che non seguano un lungo processo burocratico detto di validazione .Recentemente  il Governo ha lanciato un programma per la rapida validazione delle lauree in medicina .


Inoltre , a meno che non si tratti di un professionista con particolari abilità , gli stipendi per un lavoro dipendente sono bassi ed insufficienti ad uno stile di vita europeo . In ogni caso il visto di lavoro deve essere richiesto dalla impresa brasiliana che assume e questo evento è estremamente improbabile a meno che non si tratti di una multinazionale .


E' comunque consigliabile , prima di decidere di trasferirsi  in Brasile avere una buona conoscenza del Portoghese ed aver trascorso almeno alcuni mesi come turista . Per quanto riguarda il regime dei visti turistici potete consultare la seguente guida  e scaricare le info che interessano.


E' inutile consultare i siti di ricerca di lavoro brasiliani come Cathonline e simili . Le richieste sono rivolte a brasiliani o a persone dotate di carteira de trabalho ( Libretto di lavoro brasiliano ) , identità , CPF , e titolo di studio valido in Brasile .  


Quale è dunque la strada più pratica per restare in Brasile ed iniziare subito a lavorare ?

La strada è quella che lo stesso Governo brasiliano indica con le sue leggi  : conseguire un visto permanente come investitore . 

Il processo  si articola nelle seguenti fasi :

Emissione del CPF per i soci 
Redazione del Contratto Sociale Costituzione  Società  Ltda ( Srl )  e  registrazione alla "Junta Comercial"
Emissione del CNPJ ( Codice Fiscale della Società )
Emissione  del Certificato Digitale
Registrazione della Società al SISBACEN
Apertura conto corrente della Società presso Banco do Brasil 
Invio del capitale sul conto della società 
Contratto di cambio 

Una volta costituita la Società  e depositato il capitale minimo di  R$ 150 000 si acquisisce il diritto a richiedere il  visto permanente  che comporta :

Redazione del Piano di investimenti  triennale della Società 

Invio documentazione al MTE ( Ministero do Trabalho e Emprego ) a Brasilia per l'ottenimento della autorizzazione .
Pubblicazione della autorizzazione sul Diario Oficial da Uniao  ( DOU ) 

Una volta ricevuta l'autorizzazione dall'MTE entro sei mesi bisogna ritirare il visto al Consolato brasiliano di competenza ( Roma o Milano )


Rientro in Brasile e richiesta  RNE alla Policia Federal entro 30gg dalla entrata 


Il visto è individuale , ciascun socio richiedente deve aver investito  R$ 150 000  ad eccezione dei familiari del socio ( Moglie e figli minori ) 

NOTA IMPORTANTE : La maggior parte dei  suddetti costi possono essere caricati sul bilancio della società e quindi prelevati dal Capitale Sociale .Non rappresentano pertanto un esborso ulteriore di capitale .


Ricordate che i soldi trasferiti  restano vostri ed avete tempo per decidere come investirli .Il trasferimento  comporta il solo pagamento di una tassa obbligatoria dello 0,38%  (IOF ) oltre alle normali commissioni della Banca ricevente . 

Naturalmente NON sto consigliando di aprire una Società in Brasile con il SOLO scopo di conseguire il visto , non sarebbe etico e finanziariamente non conveniente . Ricordate infatti che il fine del governo brasiliano è quello di creare nuovi posti di lavoro e pertanto pretenderà il rispetto di questo vincolo nella stesura del Business Plan della nuova società . Inoltre , così come in tutto il mondo , la tenuta della contabilità comporta avere un Commercialista ( Contador ) con i costi relativi .


Se si opta per una Società immobiliare , parte dei soldi possono essere utilizzati per l'acquisto di un immobile da affittare , rivendere , ristrutturare ed i restanti  possono momentaneamente essere investiti in Titoli di Stato approfittando del discreto  interesse pagato in Brasile . Oggi il tasso lordo ha superato il 10%


Ricordo che qui a Natal , una delle città più tranquille del Nordeste e con un clima eccellente ,  "Vivereinbrasile " può aiutare i nuovi investitori a conseguire con rapidità e sicurezza il visto permanente .Il 100% dei nostri clienti ha conseguito il visto .  A tale scopo b
asta la visita di una settimana qui a Natal per organizzare la pratica . L' unico documento necessario è il  passaporto valido .

 Il visto lo ritirerete direttamente in Italia presso il  Consolato brasiliano di riferimento ( Roma o Milano ) . Inoltre potrete seguire comodamente da casa l'andamento del vostro processo cliccando qui  e digitando il vostro nome .Una volta approvato il visto è pubblicato sul Diario Oficial da Uniao 

Aver ottenuto il visto non vi vincola assolutamente a vivere costantemente in Brasile . Potete tranquillamente continuare a viaggiare , permanere in Italia per lunghi periodi se lo ritenete necessario . Il solo vincolo è quello di non allontanarvi dal Brasile per oltre due anni di seguito 


Una volta in possesso del visto  dovrete rientrare in Brasile entro 90 gg ed  avrete 30gg per recarvi alla PF per completare la procedura e ricevere  il vostro RNE .


Per iniziare il processo  basta inviare una e-mail a vivereinbrasile.visa@gmail.com   e fissare un appuntamento qui a Natal .


Per info su altri tipi di visto consultate il sito del consolato di Milano o Roma 

martedì 7 ottobre 2014

Comunità : La Dolce Vita

A pochi chilometri da Fortaleza ,nello Stato del Cearà , sorge  una deliziosa Pousada  immersa nel verde e nel fresco della Serra di Guaramiranga . La Pousada si chiama La Dolce Vita ed è gestita da Daniela Orsi , una italiana  che vive in Brasile da 24 anni  .Situata a breve distanza dal villaggio di Mulungu , la Pousada è stata eletta una delle migliori della regione dalla Guida 4 Rodas .

Sono 10 suite dotate di ogni confort e raggruppate in chalet ognuna con il proprio terrazzino con vista sul giardino ed una grande piscina .
Gli chalet sono costruiti in mattoni rossi con rifiniture il legno massello in armonia con la  natura lussureggiante .Splendidi fiori , curati con amore dalla proprietaria , contribuiscono a rendere il luogo ancora più accogliente . 






La temperatura della regione è però  il vero tesoro : costante tutto l'anno con oscillazioni diurne tra i 22 ed i 28 gradi e di notte scende a 15 gradi  , valori questi ben difficili da incontrare nel Nord Est del Brasile  ed che invitano a sorseggiare un buon calice di vino .
Tutt' intorno un paesaggio incantevole e la maggior foresta umida primitiva dello Stato ( Sitio Alvaro ) . Non mancano attrattive culturali come gli  " engenhos " ovvero aziende agricole dove viene lavorata la canna da zucchero e dove vengono prodotte la " rapadura " , "la cachasa"  e dove è possibile degustare  il miele di canna ancora caldo .
Esistono ancora "Casas de Faninha"  dove si lavora la tapioca , case di stile coloniale , chiese centenarie ed un ricco artigianato . Feste tradizionali come quella del patrono : San Sebastiano in Gennaio , le  classiche quadriglie di Giugno e la Festa de Nossa Senhora das Dores a Settembre fanno parte della cultura e del folclore locale .

Ma diamo una occhiata alla area comune della Pousada  e immaginate di sorseggiare un calice di vino di fronte al caminetto della sala  mentre arriva il fresco della notte .







Parliamo adesso del progetto : La Comunità Dolce Vita . Daniela , che gestisce da anni la Pousada assieme al figlio Italo ed alcuni funzionari , ha deciso di condividere questo luogo con persone con la medesima passione per la natura e la tranquillità creando una comunità . I membri della comunità sono di preferenza indipendenti finanziariamente e liberi da impegni di lavoro : sostanzialmente in pensione .

Per una cifra simbolica di soli 450 reais mensili gli "ospiti "  hanno a disposizione una suite con verandina dotata di internet , energia , pulizia e cambio biancheria inclusi . L'alimentazione è a cura dei singoli ed a tale scopo è disponibile una cucina comunitaria perfettamente attrezzata . In basso potete vedere alcune delle suite 




Le foto parlano da sole . Ambienti puliti , ampli , luminosi ed arieggiati . Arredamento essenziale e decorazione  in stile con l'architettura del luogo  .

Una cifra così irrisoria di adesione alla iniziativa lascia molto spazio per le diversioni  come gite nei dintorni organizzate dallo stesso  Italo e la culinaria . Potrete finalmente coltivare i vostri hobby preferiti , partecipare a tornei sociali o semplicemente prendere il sole sdraiati ai bordi della piscina sorseggiando un succo di frutta fresca e leggendo il vostro libro preferito . 

Gli interessati possono contattare direttamente Daniela Orsi all'indirizzo mail :daniela.orsi @bol.com.br mentre l'indirizzo Skype è daniela.orsi1



domenica 21 settembre 2014

Nota di servizio

Volevo segnalate che alcuni Post hanno oltre 200 commenti e pertanto , se continuate a commentare sullo stesso rischiate di non ricevere risposta per il semplice motivo che non riesco a trovarlo una volta pubblicato . La piattaforma Blogger non aiuta in tal senso . 

Approfitto per dire  a Giuseppe 54 anni di cui 32 passati in Svizzera e che si incazza perchè dopo ben 24 ore dalla domanda ( in realtà ci vorrebbe un post per rispondere )non ha ancora ricevuto una risposta  che mi sembra una pessima idea la sua di trasferirsi in Brasile perchè avrebbe molti problemi di integrazione come tutti gli svizzeri che conosco e che che si sono trasferiti qui al Nordeste .Il Brasile è il contrario della Svizzera in tutti sensi e pertanto te lo sconsiglio .Per risposte veloci consiglio di  rivolgersi all'efficiente Consolato Brasiliano in Svizzera dove ci sono impiegati pagati apposta per questo .

Continuano ad arrivarmi curriculum vitae in privato provenienti anche da laureati e professionisti . Ripeto che non siamo una agenzia di collocamento , abbiamo semplicemente una sezione dove accedere ed inserire la propria richiesta o offerta di lavoro . Non verifichiamo le offerte di lavoro , pertanto occhio alle truffe .

Come ho già comunicato sulla pagina Facebook sarò meno presente in rete sino a fine mese . I clienti che hanno già acquistato dei servizi non subiranno alcun ritardo ma potrebbero aversi dei ritardi nell'aggiornamento dei commenti .

Il gadget  "Ultimi commenti" al momento è fuori uso   


venerdì 19 settembre 2014

Il Blog Vivereinbrasile invitato a Sao Paulo per la" Settimana della lingua italiana nel Mondo"

Ho ricevuto un invito , riportato in seguito , per partecipare a Sao Paulo all'evento annuale la Settimana della Lingua Italiana nel Mondo . Il tema dell'evento di quest'anno è : “Scrivere la nuova Europa: editoria italiana, autori e lettori nell’era digitale”.

In questo contesto i blogs ed i suoi autori sono i veri protagonisti della rivoluzione digitale . Mi fa molto piacere che  sia  riconosciuto pubblicamente la funzione fondamentale di " servizio pubblico " offerta dai siti privati . : riteniamo molto utile la Vs. presenza, visto l'ampio bacino di utenza del sito, la chiarezza e la precisione delle spiegazioni e il punto di vista per niente superficiale.

L'evento si terrà il 24 Ottobre alle ore 19 nella sede dell'Istituto Italiano di Cultura . Purtroppo da un punto di vista logistico fare una toccata e fuga a Sao Paulo da Natal è proibitivo per la durata assurda dei voli interni  da 6 a 20 ore e pertanto penso che dovrò rinunciare alla partecipazione  nonostante che alcuni sponsor si siano dichiarati disposti a sostenere i costi di viaggio .  Speriamo che in futuro qualcosa del genere sia organizzato qui al Nordeste ad esempio a Salvador .


Mi chiamo Eleonora Silanus, lavoro presso l'ACLI di San Paolo e collaboro

con il Comitato Italiani all'estero.


Ogni anno, la terza settimana di Ottobre, il Ministero degli Esteri italiano organizza la Settimana della Lingua Italiana nel Mondo. A San Paolo l’evento é promosso dall’ Istituto Italiano di Cultura e dal Consolato Generale Italiano e conta tra i collaboratori l’USP, il colégio Dante Alighieri, Mackenzie e il colégio Eugenio Montale. Quella di quest’anno é la 14º edizione, dal tema “Scrivere la nuova Europa: editoria italiana, autori e lettori nell’era digitale”.


Parallelamente a questo evento, la Comissão Jovem del COMITES di San Paolo
organizza la “Semana Jovem de Arte e Cultura Italiana”.Quest’anno, alla sua 6º edizione, le attivitá previste includono proiezioni di film italiani, workshops di fotografia e teatro, attivitá infantili e musicali.

Vista la nuova e innegabile ondata emigratoria che sta interessando l'Italia da parecchi anni, il COMITES intende focalizzarsi sugli autori che, proprio nell'"era digitale", per mezzo di blog e siti internet sono riusciti a contribuire alla creazione di una rete di informazioni, racconti e testimonianze utili per gli italiani in patria ed all'estero. Un ponte fatto di esperienze e parole che sta riuscendo nell'arduo compito di avvicinare l'Italia al Paese di emigrazione, in questo caso il Brasile.

La proposta del COMITES riguarda la partecipazione all'evento di quest'anno
per mezzo di interviste, dibattiti e/o seminari, con l'obiettivo di far conoscere l'attuale Italia all'estero, analizzando e divulgando le difficoltà ed i successi di una nuova generazione emigrante che offre questo fondamentale "servizio pubblico" offerto da blog e siti internet privati.

Riteniamo molto utile la Vs. presenza, visto l'ampio bacino di utenza del sito, la chiarezza e la precisione delle spiegazioni e il punto di vista per niente superficiale.

È prevista la partecipazione di rappresentanti del Circolo Italiano, della Camera di Commercio di SP e delle Associazioni degli Italiani all'estero, per rendere il dibattito il più completo e utile possibile.

In attesa di riscontro rimango a disposizione per qualsiasi chiarimento,

Eleonora Silanus- Comissão Jovem – COMITES – São Paulo
tel. (11) 3257-0435
cel. (11) 968366045