giovedì 11 giugno 2009

Il Banco Centrale Brasiliano riduce il costo del denaro


Ancora una ulteriore batosta per gli investitori in Fondi DI , la Banca Centrale Brasiliana ha ridotto la tassa Selic al 9.25% dal 10.25 % , una riduzione di un punto percentuale .

Le Banche , dal canto loro , hanno ridotto i tassi di interesse applicati ai prestiti alle persone fisiche e giuridiche . Come esempio riporto le modifiche annunciate dal Banco do Brasil . A partire dal prossimo lunedì il costo di finanziamento per l'acquisto di materiale di costruzione avrà un interesse nell'intervallo da 1,66% a 2,85% mensili contro i 1,69% a 2,89% precedenti e così via .
Con questa riduzione diventa indispensabile un riposizionamento degli investimenti finanziari a favore dei Fondi Azionari o simili . Infatti , se prima per arrivare alla fatidica somma di 3000 R$ al mese bastava investire 360 000 R$ al 12.75% , oggi sono necessari almeno 500 000 R$ che al cambio attuale ( 1 euro = 2.7 R$ ) sono ben 185 000 euro ovvero una somma di tutto rispetto .

Solo un investimento in Fondi Azionari che producano un rendimento medio annuo del 20% può bilanciare la situazione . Mantenendo infatti lo stesso obiettivo di 3000 R$ al mese e suddividendo l'investimento di 360 000 R$ in 30% azionario al 20% netto e 70% DI al 7 % netto , otteniamo un rendimento annuale di 39240 R$ ovvero 3270 R$ al mese .

In un prossimo post parleremo un poco di media e varianza allo scopo di capire meglio la rischiosità relativa di un investimento Azionario rispetto a quello DI .

Nessun commento:

Posta un commento

Lasciate qui un vostro commento