Home Vivere in Brasile La festa di Sao Joao tra sacro e profano

La festa di Sao Joao tra sacro e profano

8
0
CONDIVIDI


Oramai siamo nel periodo delle cosiddette feste junine , una antichissima tradizione contadina ancora molto viva in Brasile . La festa ufficialmente inizia con San Joao il 24 Giugno e termina il 29 con San Pietro . In pratica già a partire dalla ricorrenza di Sant Antonio del 13 Giugno la città è percorsa da una agitazione che va aumentando via via che si avvicina la data fatidica del 24 .

La festa è molto sentita nell’interiore dello stato di Bahia e per molte città è l’equivalente del carnevale di Salvador . I prefetti delle cittadine fanno a gara per invitare le Bande di Forrò più note , ne va della loro popolarità molto di più che per la costruzione di una nuova scuola o di un ospedale . Saranno ricordati , al momento delle elezioni , come migliori dei loro predecessori perchè hanno organizzato il Sao Joao più memorabile della storia della città .
Una grande massa di lavoratori si sposta in questi giorni dalle metropoli del sud , specialmente Sao Paolo , per raggiungere sperduti paesini del sertao nordestino dove risiedono le famiglie di origine . Le Rodoviarie ( Stazioni dei bus ) sono prese d’assalto e già da qualche giorno c’è il tutto esaurito e non si trova più un biglietto . La mancanza di una rete ferroviaria determina il totale congestionamento delle reti viarie già provate dalle piogge del periodo e dall’incessante e crescente traffico di mezzi pesanti che trasportano le merci in tutto il Brasile .
Per avere una idea , in condizioni normali , un viaggio Salvador Natal di 1200 km necessita di due giorni per essere compiuto , alla media di 600 Km al giorno viaggiando quasi ininterrottamente dalle 8 di mattina alle 18 di sera . In questo periodo è meglio non tentarci nemmeno .

Io ho partecipato due volte al Sao Joao e così come per il carnevale di Salvador la prima cosa è essere fisicamente in forma . Le danze frenetiche e l ‘ abbondanza di bevande alcoliche mettono a dura prova il fisico di noi europei . Il nordestino invece , sia gli uomini che le donne , che non aspettano altro durante l’anno sembrano resistere alla grande . Ma forse è solo una impressione .
Un discorso a parte meritano le varie Band che si esibiscono durante il Sao Joao . A parte quelle famose , ve ne sono una quantità di nuove che nascono tutti gli anni come funghi . Tutte si presentano con un gruppo nutrito di musicisti che suonano gli strumenti tradizionali e non del forrò quali fisarmonica , sassofono , ecc oltre a quattro ballerini , due uomini e due donne che si esibiscono sul palco mentre i musicisti suonano .
Questo è il vero spettacolo . Le ballerine sono formosissime ( gostose ) con dei sederi prorompenti ( poposuda ) e c’è sempre una bionda ( rigorosamente tinta ) ed una bruna . Lo scopo delle ballerine è chiaro : portare all’orgasmo il maggior numero di spettatori . E ce la mettono tutta simulando accoppiamenti con i ballerini che farebbero arrossire un coniglio tanto sono veloci . Sapienti movimenti delle anche , repentini abbassamenti del sedere a gambe divaricate e via così sino a che qualche ragazzotto eccitato si lancia sul palco e tenta un approccio diretto e non simulato . La sicurezza interviene puntualmente e rimette a posto le cose . Le ballerine affatto intimorite , anzi incoraggiate dal risultato , continuano con i loro movimenti frenetici .

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here