giovedì 29 ottobre 2009

La Borsa brasiliana : correzione annunciata


Così come previsto nel post del 13 Ottobre " Economia brasiliana : la sfera di cristallo " la Borsa brasiliana è entrata nella fase di realizzo . L'immagine allegata mostra l'andamento degli ultimi 5 giorni .

A determinare questi realizzi che hanno peraltro caratterizzati le Borse di tutto il mondo , da un lato la consapevolezza di una eccessiva crescita degli indici e dall'altro la preoccupazione che la spinta si potrebbe esaurire con l'interruzione degli incentivi statali che in tutto il mondo sono stati impiegati per iniettare liquidità nel sistema creditizio in crisi .

Ora la questione è : si tratta solo di prese di profitto oppure siamo nuovamente alle soglie di un crollo . Per il momento i segnali provenienti dalle imprese non sono allarmanti , molti bilanci sono tornati in attivo . Tuttavia , come già notato in un post precedente questo è dovuto principalmente alla riduzione dei costi conseguente alla drastica riduzione del personale .

Il nodi da sciogliere sono almeno due , quello della disoccupazione , oramai dappertutto a due cifre e quello del debito pubblico che ha raggiunto livelli allarmanti e minaccia seriamente il nostro futuro .

Prometto che nel prossimo post non parlerò di economia !

mercoledì 21 ottobre 2009

Cambia il logo del Blog : Vivere in Brasile


A partire da oggi il logo del Blog cambia con la sostituzione della lettera s nella parola Brasile con il carattere $ . Questo cambiamento vuole sottolineare il peso che nel corso del tempo hanno assunto i post di carattere economico e finanziario . Senza dubbio l'economia ha sempre avuto un ruolo di primaria importanza nella società ed oggi più che mai a causa della "globalizzazione " dei mercati . Abbiamo visssuto tutti sulla nostra pelle anzi lo stiamo vivendo tuttora l'effetto che la crisi di credito ha avuto sul nostro stile di vita .

Mi dispiace ammetterlo ma veramente non c'è angolo del pianeta che sia immune . Anche nel remoto villaggio dell'interiore del Brasile il contadino risente degli effetti del prezzo del carburante o dei prezzi delle materie prime fissati , ad esempio , alla borsa di Chicago .

Pertanto il nostro benessere presente e futuro dipende fortemente dalla nostra capacità di comprensione dei movimenti economici . Anche se tutto quello che desideriamo è semplicemente : vivere in Brasile .

lunedì 19 ottobre 2009

Reintrodotta la tassa sui capitali speculativi


Il governo brasiliano , nel tentativo di evitare un eccessivo apprezzamento del real rispetto al dollaro , cosa che danneggerebbe le esportazioni , ha deciso la reintroduzione di una tassa sugli investimenti stranieri destinati alla rendita fissa .

Un fiume di dollari si riversa quotidianamente in Brasile a causa degli elevati tassi di interesse nel settore della rendita fissa . Si tratta di capitali che non generano attività industriale e che fanno aumentare a dismisura il valore della borsa brasiliana .Il risultato è la bolla che è sotto gli occhi di tutti . Oggi l'indice Bovespa ha chiuso nuovamente in rialzo superando i 67 000 punti .

La nuova tassazione ( IOF) vale a partire da domani ed è pari al 2% .

E' bene precisare che la misura non interessa i capitali diretti ad investimenti industriali che sono benvenuti perchè sono a lungo termine e non speculativi , creano nuovi posti di lavoro e rafforzano l'economia .

La misura sortirà l'effetto desiderato ? Secondo il ministro Mantega il reale non si svalorizzerà ma si eviterà una sua ulteriore valorizzazione . Nel solo 2009 la valuta brasiliana si è apprezzata del 36% rispetto al dollaro .

Up


Terza età e fuga in Sudamerica questi gli ingredienti del nuovo film della Disney : Up . Apparentemente è l'avventura di un tranquillo signore in pensione che stanco della solita routine e dei vicini decide di iniziare una incredibile viaggio in Sudamerica nientedimeno che sollevando la propria casetta con una enorme quantità di palloncini volanti . Io tuttavia ci vedo un altro significato che sta tutto nei tre ingredienti del film : terza età , fuga e soprattutto up . Up significa letteralmente su , to get up è alzarsi . Sarà che ci si riferisce alla casa o al sogno nascosto del nostro protagonista di "sollevarsi " o meglio di sollevarlo ... il morale , scappando appunto in Sudamerica E voi che ne pensate ?

martedì 13 ottobre 2009

Economia brasiliana : la sfera di cristallo


Ed ora diamo una occhiata alla sfera di cristallo per cercare di intravedere il futuro della economia brasiliana e poter posizionare al meglio gli investimenti . Il rally delle borse negli ultimi mesi ha sorpreso molti investitori ed in tanti si chiedono se le quotazioni non abbiano anticipato un pò troppo la ripresa . Infatti l'economia reale non si è affatto ripresa e la disoccupazione continua quasi dovunque a due cifre . Il lato " buono " però è che proprio grazie alle dismissioni molti bilanci di importanti aziende appaiono oggi molto più in salute che sei mesi fa .
Apparentemente quindi in questa fase della " ripresa " non sono i consumi a guidare ma la riduzione dei costi . Inoltre questi risultati positivi sono amplificati in percentuale se comparati con i dati catastrofici di un anno fa . Tutto ciò genera euforia in borsa e quindi una tendenza all'ottimismo che gli inglesi chiamano " bullish " dalla parola bull : toro , l'animale che rappresenta la crescita in contrapposizione all'orso o bear che invece è sinonimo di depressione .

In conclusione possiamo ragionevolmente affermare che , almeno per il Brasile , siamo vicini al punto di toccare un massimo relativo dopodichè la borsa potrebbe subire qualche realizzo .

Ricordiamo che siamo vicini al massimo assoluto dell'indice BOVESPA che raggiunse circa 75000 punti nel 2008 . A ciò si aggiunge un altro importante elemento , la TAXA SELIC ( Il costo del denaro ) dopo essere scesa vertiginosamente sino all'8.75% dovrebbe riprendere a salire nel 2010 e ciò contribuirà ulteriormente a frenare l'indice BOVESPA .

In definitiva il consiglio è quello di mantenersi sul 10-15% per quanto riguarda l'investimento azionario e tenere il resto su immobili e Fondi DI che torneranno ben presto a dare le loro soddisfazioni , diciamo 10% netto all'anno .




lunedì 12 ottobre 2009

Continuando ad investire in Brasile


Nel Giugno di quest'anno ho pubblicato un post intitolato : Come investire in tempi di Real forte . Ne riassumo brevemente il contenuto " La valuta brasiliana si sta valorizzando sempre di più .Basti pensare che a Febbraio il cambio euro real era di 1 a 3 ed oggi è 1 a 2,7 , una rivalutazione del 10% in tre mesi . Contemporaneamente la tassa Selic ( Legata direttamente al costo del denaro ) nello stesso periodo è scesa dal 12.75 al 10.25 , una svalutazione del 19.6% e l'indice BOVESPA è passato da 40 000 a 53000 punti , una rivalutazione del 32 % "
Poi concludevo "
1) Quelli che hanno investito in immobili ( terreni o appartamenti ) vedranno il loro capitale crescere nei confronti dell'euro
2) Investire in Fondi DI , ovvero legati alla tassa Selic , converrà sempre di meno
3) Investire in Fondi Azionari , opportunamente selezionati , converrà sempre di più "

Cosa è realmente accaduto da allora ? Sono passati tre mesi e la situazione è la seguente : la SELIC si è ulteriormente ridotta dal 10,25 al 8,75% , il reale si è ulteriormente rafforzato arrivando a 1 euro per 2,57 real e dulcis in fundo l' indice BOVESPA ha superato i 64000 punti !

Pertanto le previsioni si sono tutte realizzate : chi ha investito in Fondi Azionari ha sicuramente guadagnato molto di più di chi ha lasciato i suoi soldi sui Fondi DI , almeno 5 volte tanto ( Lo affermo per esperienza diretta ).

L'argomento immobili poi merita un discorso a parte : se volete investire in immobili in Brasile fate presto o presto sarà troppo tardi ! Il mattone , comprato nel posto giusto ed al prezzo giusto , non è facile ve lo posso assicurare , è un ottimo affare . La parola magica è pagamento a vista ovvero in contanti . Qui a Natal ad esempio si riescono ad ottenere sconti sul prezzo esposto di oltre il 30 % . Si ma dove comprare ? Nel caso di Natal , ma la regola è generale , conviene acquistare nelle aree cosiddette nobili : Tirol , Petropolis , alcune aree di Barro Vermelho , Lagoa Nova e soprattutto appartamenti di grande metratura , almeno superiori agli 80 mq . Il mercato è saturo di appartamenti nuovi dalle dimensioni di scatole di sardina concepiti all'epoca del boom turistico e oggi dopo due anni , tempo minimo di realizzazione qui a Natal , riversati sul mercato reso asfittico dalla crisi in Europa .
Come al solito attenzione alle spese condominiali , possono far crollare il prezzo dell'immobile all'acquisto ma renderne impossibile la vendita successivamente .



sabato 3 ottobre 2009

Sim , nos podemos


" Sim , nos podemos " ( Si , noi possiamo ) sono state le parole che Lula ha pronunciato nel suo discorso a sostegno di Rio 2016 , parafrasando il più celebre " Yes we can " del suo collega statunitense Obama . E la scelta della capitale carioca come sede dei giochi olimpici del 2016 segna una tappa storica per il Brasile e ancor di più per tutta l'America Latina .

Al culmine della emozione il presidente Lula , con gli occhi lucidi , ha affermato : " Oggi è un giorno sacro per me . Se io morissi oggi già sarebbe valso la pena di vivere ."
Alle spalle della vittoria brasiliana , che si è aggiudicata 66 voti contro i 32 della seconda candidata : la Spagna c'è un progetto ambizioso di relizzazione di infrastrutture per un totale di circa 14 miliardi di dollari . Il progetto presentato , il più costoso tra tutti i finalisti , è garantito dai tre livelli del governo : municipale , statuale e federale .
Ancora un segno tangibile che il Brasile vuole , a ragione , entrare a far parte delle prime 5 nazioni più potenti del pianeta .

Contemporaneamente cosa leggo sui giornali italiani ? Storie di ruffiani , anziani potenti oramai impotenti , giovani laureati che fuggono all'estero , professionisti cinquantenni che si trovano di colpo senza lavoro ,piccoli imprenditori oramai usurati dalle tasse e dagli usurai , cassa integrazione che cresce a dismisura corrodendo la certezza di una pensione per noi che abbiamo versato soldi e sangue per oltre trent'anni e poi siamo andati in esilio volontario all'estero perchè oltre a mancare il lavoro , in Italia è venuta meno la certezza di vivere in un paese giusto e che premia il lavoro ed i lavoratori .

Si , sono proprio contento di vivere in Brasile .