sabato 1 maggio 2010

Il cambio euro-real : la croce del pensionato italiano in Brasile


Si parla spesso del trasferimento della propria pensione in Brasile come mezzo per ottenere il visto e
vivere tranquillamente di rendita in Brasile . L'idea è sicuramente attraente e realizzabile ma merita alcune importanti riflessioni prima di essere attuata .

I cambiamenti economici intervenuti in Brasile ed in Europa negli ultimi 10 anni impongono una speciale attenzione a quello che è il cambio euro -real può riservare in futuro e già riserva oggi per coloro che la scelta di venirsene in pensione in Brasile l'hanno fatta anni fa .

Un pensionato italiano che si sia trasferito in Brasile 5 anni fa ha visto la sua pensione equivalente in reals ridursi drasticamente . Se con 1000 euro al cambio di 3.8 riceveva 3800 R$ , oggi a stento prende 2300 R$ , quasi il 40% in meno . Oltre a ciò la rivalutazione della pensione italiana segue l' inflazione europea , oggi ai minimi storici , mentre l'inflazione brasiliana benchè controllata è comunque intorno al 5% all'anno . Pertanto , anche se il cambio fosse rimasto inalterato il potere di acquisto si sarebbe comunque ridotto .

L'altro punto da valutare , senza però drammatizzarlo , è che in Brasile l'assistenza sanitaria ha un costo . Esisiste la sanità pubblica : il Sistema Unico di Salute ( SUS ) , a cui io personalmente mi sono spesso rivolto , ma per ricoveri e/o cure urgenti è meglio avere una assicurazione sanitaria ( Plano di Saude ) . Alla età tipica del pensionato , questa assicurazione , che dipende dalla età dell'assicurato oltre che dalle prestazioni erogate , vale non meno di 500 R$ . Inoltre le medicine si pagano a meno che non siano somministrate in ospedale .

Pertanto , nel prendere la fatidica decisione tenete d'occhio questi due aspetti : cambio/ inflazione e salute .

Come fare fronte a questi inconvenienti ? E' ovvio che se potessimo contare su una pensione mista parte in reals e parte in euro sarebbe ideale . Questo lo si può ottenere creandosi una rendita finanziaria qui in Brasile all'atto del trasferimento come pensionato .

Si tratta di trasferire qui in Brasile , attraverso la banca , un gruzzolo di almeno 100 000 euro da applicari in fondi a basso rischio del tipo DI . Questi fondi renderanno entro fine anno il 10% netto ovvero 1900 R$ al mese che andranno ad integrare la pensione italiana in euro . Il vantaggio di questa soluzione è che la parte in reals è agganciata al costo del denaro e quindi indirettamente alla inflazione brasiliana . Naturalmente , per evitare che il gruzzolo perda il suo valore nel tempo sarebbe opportuno non prelevare non più di 1000 R$ al mese , potendo fare una eccezione di tanto in tanto .


292 commenti:

  1. ciao antonio
    sicuramente prima di una decisione cosi' rischiosa e meglio creare o comprare qualcosa che dia un reddito e non basarsi solo sulla pensione.. perche' i tempi cambiano e il brasile non e piu' cosi' vantaggioso..
    anche se spero che in europa le cosa migliorino e che l'euro/real ritorni come in passato.
    ciao

    RispondiElimina
  2. Paixao

    un altra possibilità sarebbe investire in immobili , ma rende meno dell'investimento finanziario . Io ho appena acquistato un ufficio . Ho speso cash 120 000 R$ e ricavo 700R$ al mese al netto delle spese . Se avessi investito in Fondi DI ricaverei 1000 R$ al mese .In più i 1000 R$ sono al netto delle tasse che sono il 22% mentre i 700R$ sono al lordo delle tasse che dovrò pagare sulla dichiarazione !

    Pertanto io non consiglio l'immobile , se non per uso proprio o per rivenderlo se acquistato a basso prezzo e poi ristrutturato .

    Ciao

    RispondiElimina
  3. Caro Antonio e' vero quello che dici che il cambio euro/real si e' deprezzato abbastanza, anche se penso che questa situazione non possa durare per molto tempo a causa della costante penalizzazione delle esportazioni brasiliane che ne risenteranno sempre piu' dell'apprezzamento della valuta locale e di conseguenza il Governo e soprattutto la Banca Centrale dovra' intervenire per correggere queste distorzioni, ma i pensionati che sono tassati qui in Brasile pagano molto meno di tassazione rispetto alle aliquote italiane e quindi bisogna considerare anche questo aspetto che potrebbe minimizzare l'effetto cambio.
    Un grande abbraccio.

    RispondiElimina
  4. L'investimento immobiliare ha ancora la sua validita' qui in Brasile perche' recupera la perdita inflazionistica con un costante incremento annuo del valore patrimoniale; e' logico comunque che bisogna investire in immobili di qualita' e ben localizzati nei quartieri nobili della citta' come gia' avviene per esempio in Natal dove la qualita' e l'ubicazione degli immobili sono ben valorizzati.
    Questo e' un complemento al mio precedente post.

    RispondiElimina
  5. Pixao

    leggiti il post del 21 Febbraio http://www.vivereinbrasile.com/2010/02/doppia-tassazione-sulle-pensioni.html
    e vedrai che purtoppo non è così

    RispondiElimina
  6. Caro Anonimo

    l'analisi dell'investimento immobiliare io l'ho già fatto in molte sedi . Quando sono presi a quattrocchi tutti gli immobiliaristi , purtroppo ,mi danno ragione !

    Per quanto mi riguarda ho sempre investito nelle aree nobili sia a Salvador che a Natal.

    L'ufficio di cui parlavo si trova in un Predio Empresarial nuovo in Via Romualdo Galvao no Tirol . Più nobile di così solo il principe di Galles ! Allo stesso prezzo compravo tre sale commerciali al centro na Cidade Alta !

    Per inciso la Receita Federale alcuni mesi fa ha beccato un amico a Bahia che viveva da anni affittando tre appartamenti agli stranieri ma non lo aveva mai fatto la dichiarazione .Una ragazza gli ha fatto la spia . Risultato ci ha rimesso un sacco di soldi di multa .

    RispondiElimina
  7. Caro Antonio,
    la mia esperienza immobiliare e' stata molto positiva specie qui in Fortaleza; un esempio ho acquistato un immobile nel 2006 a R$ 150.000 e l'ho rivenduto nel marzo di quest'anno a ben R$ 305.000, una rivalutazione di ben il 100% in appena 4 anni, naturalmente come dicevo nel mio precedente post immobile di qualita' e ben localizzato; altro immobile acquistato nel 2004 a R$. 420.000 e rivenduto alla fine del 2008 a ben R$ 850.000, altro immobile acquistato a Praia das Fontes a fine 2006 per R$ 240.000 e adesso me lo vogliono gia' pagare R$ 490.000, ma non vendo. Questi sono dati reali e per questo considero l'investimento immobiliare in Brasile ancora un ottimo affare con rendimenti superiori a quelle delle rendite finanziarie, naturalmente occorre saper bem acquistare e non perdere il timing.

    RispondiElimina
  8. ciao antonio
    la mia esperienza immobiliare e positiva..
    affitto delle casa a brasiliani che vivono li..
    e non ci sono mai stati grossi problemi.. tranne la manutenzione visto il mare a pochi metri..
    penso che il cambio euro real come e adesso non sia ottimo per il turismo..
    se le cose non cambiano in futuro andare in brasile costera' molto ... oltre il volo ci sara il cambio poco favorevole..
    ciao

    RispondiElimina
  9. Innanzitutto grazie per i commenti che animano il Blog e creano spunti nuovi ed interessanti per nuovi articoli .

    Io non dico che l'investimento immobiliare sia un cattivo affare tanto è che ho acquistato e continuo ad acquistare immobili . Ma che il suo rendimento sia superiore a quello finanziario , qui in Brasile , è tutto da dimostrare .

    Il discorso meriterebbe un articolo apposta . Basta solo osservare che in Brasile una agenzia immobiliare che si occupa di affitti prende per questo servizio il primo affitto oltre al 10% al mese di quelli seguenti .

    Se ad esempio conseguite 1000 R$ di affitto per un contratto annuale invece di percepire 12000 R$ ne percepirete solo 9900 pari al 17.5% in meno !

    Per quanto poi riguarda la vendita di un immobile per poter fare un confronto bisogna rendere i dati omogenei . Si confrontano pere con pere . I dati di acquisto e vendita degli immobili sono lordi dalle tasse , dai costi di gestione dell'immobile ( IPTU ,condominio , manutensioni ) e dalle eventuali commissioni di agenzie immobiliari coinvolte nelle transazioni .

    Inoltre sul guadagno effettuato nella vendita immobiliare ,anche in Brasile devi pagare le tasse , a meno di non reivestire il tutto entro l'anno .
    Pertanto i dati vanno depurati da tali costi prima di fare confronti .Le rendite finanziarie sono tassate alla fonte e pertanto sono gia al netto di tasse ( Dal 15 al 22% ) e commissioni
    ( Dallo 0.5 al 3 % ).

    Giusto per non esagerare , dal Maggio 2004 al Maggio 2010 l'indice BOVESPA , a cui ad esempio è legato il rendimento del Fondo Azionario BOVESPA ATIVO del BANCO REAL , dove ho il mio conto , è salito del 250% .

    Inoltre i due tipi di investimento sono del tutto diversi .

    Molti che vengono a vivere in Brasile hanno bisogno di una rendita per " mangiare " ogni mese e non possono farlo acquistando un appartamento da 450000 R$ ed affittandolo a 1000R$ ( Difficile ! ).

    Se invece investono i 450000 R$ in CDS o Fondi DI ( Semplicissimo ! )che oggi rendono il 10% netto al mese e sono a bassissimo rischio ricavano una rendita di 3750 R$ al mese con la quale possono vivere .

    E' vero che l'appartamento si rivaluta ma è anche vero che nel frattempo sto facendo la fame a 1000 R$ al mese ! Mentre , se voglio , dei 3750 R$ posso prelevarne solo 2000 e lasciare gli altri 1750 sul conto a creare profitto composito .

    Con questa tecnica dopo 15 anni i 450 000 R$ saranno diventati 1 175 323 R$ pur avendo nel frattempo prelevato 828 940 R$ !!

    E allora perchè investire anche in immobili ? Perchè è sempre bene differenziare . Perchè esiste sempre e comunque il rischio politico , ecc. ecc.

    Ciao

    RispondiElimina
  10. ciao Ottoaprile,scusa non ho capito questa frase che hai scritto sopra:
    "un gruzzolo di almeno 100 000 euro da applicari in fondi a basso rischio del tipo DI . Questi fondi renderanno entro fine anno il 10% netto ovvero 1900 R$ al mese che andranno ad integrare la pensione italiana in euro..."
    forse volevi scrivere 10000 euro anziche' 100000?
    grazie
    Leo

    RispondiElimina
  11. ho letto meglio,scusami ;-)

    RispondiElimina
  12. Sono capitato su questo interessantissimo blog digitando su google le parole "cambio euro real futuro", preoccupato di come l'idea di trasferirmi con la mia famiglia in Brasile possa non essere più conveniente se basata su una rendita finanziaria. Ecco, volevo sapere se al di là degli auspici e delle analisi approssimative ("il real deve essere svalutato se no vanno in crisi le esportazioni - il real deve essere svalutato perchè il turismo potrebbe risentirne"), qualcuno può fare delle previsioni puntuali e analitiche su come sarà il futuro del cambio euro-real. Grazie e complimenti al sig. Antonio

    RispondiElimina
  13. Bella domanda ... vediamo chi ha il coraggio di rispondere !

    RispondiElimina
  14. Salve a tutti,
    per quanto riguarda la valutazione del real in futuro, penso che per il momento non vedo riprese per l'euro
    Il real dovrebbe ancora apprezzarsi fino ad attestarsi su 2 nei confronti dell'euro almeno fino alle prossime elezioni presidenziali
    1 euro = 2 reais
    In futuro penso che venga mantenuto questo cambio fino ai prossimi mondiali del 2014
    Per il momento le banche mondiali stanno comprando grosse riserve di real brasiliano e di won sudcoreano che porta a schizzare verso l'alto il valore di queste monete
    Successivamente al 2014 si potrebbe avere un riequilibrio del cambio sui 2.6/2.8 che è il veritiero valore di cambio
    Saluti a tutti

    RispondiElimina
  15. ciao a tutti sono Enrico da ancona io dovrei ricevere 60.000 reais sul mio conto in italia per la vendita in corso di un flet a boa viagem recife era di mio figlio che una tragedia me lo ah portato via chi mi sà dire come fare sembra ci siano problemi a ricevere un acconto prima del compromesso così mi dice l'agenzia brasiliana che mi segue la cosa vi sarei grato di vostri consigli. e-mail ruamuniz@lice.it era la via dove abitava il mio Massimo. grazie a tutti.

    RispondiElimina
  16. scusate sono enrico di ancona la mia e-mail l'ò scritta male è questa ruamuniz@alice.it avevo omesso la a sù alice

    RispondiElimina
  17. Le sue previsioni si stanno rivelando esatte sig. anonimo. Ma perchè le banche mondiali stanno comprando grosse riserve di reais? e perchè questa supervalutazione dovrebbe durare fino ai mondiali 2014? Infine perchè ritiene che il cambio veritiero sia 2,6 - 2,8? Scusi le troppe domande e grazie per l'attenzione. Atè mais

    RispondiElimina
  18. Salve a tutti,sono Alberto da Napoli.Devo trasferirmi a Belo Horizonte con 1110 euro di pensione,ho un appartamento comprato 7 anni fa.Sarò tranquillo,non uso l'auto.Grazie

    RispondiElimina
  19. Ciao Albero

    Belo Horizonte è la capitale dello stato di Minas Gerais uno dei più sviluppati del Brasile . Le sue condizioni sono ideali per poter condurre una vita più che dignitosa . Peccato solo che la città , rinomata per le sue donne molto belle , non abbia il mare .

    Saluti ed auguri

    RispondiElimina
  20. salve a tutti, tra pochi giorni devo andare in brasile ospitato da miei parenti. secondo voi conviene imparare la lingua e incominciare a studiare la? quale stipendio si prende in media?, il potere di acquisto ora come ora com'è? (alcuni esempi vanno bene).

    RispondiElimina
  21. Caro Giuseppe

    è praticamente impossibile rispondere alla tua domanda . Il Brasile ha le dimensioni di un continente e le condizioni di vita cambiano moltissimo tra Nord ( meno sviluppato) e Sud ( Più sviluppato ) . Inoltre se non hai il permesso di soggiorno non puoi lavorare ne restare in Brasile per oltre 6 mesi all'anno . Ti consiglio di stare lì qualche mese e renderti conto di persona . La lingua la impari sul posto senza grandi difficoltà .

    Auguri e buona fortuna

    RispondiElimina
  22. ciao Giuseppe tu chiedevi quale sia lo stipendio medio in brasile ti dico quello minimo che è di 450 real considera il cambio 100 euro = 230 real ogni giorno le quotazioni cambiano negli ultimi 5-6 anni l'euro ha perso il 40% di valore al cambio pertanto non c'è più convenienza nemmeno andarci con la nostra moneta unica andarci a lavorare poi immagina tu ,se vai per ditte europee che ti pagano bene è una cosa altrimenti permessi a parte non voglio scoraggiarti, lascia perdere vai con i nostri soldi come turista stai sei mesi poi volta per la disperata italia dimenticavo anche così fatti un seguro medico perchè altrimenti se ti succede qualcosa ti fanno piangere ,perchè negli ospedali pubblici è meglio che non li visiti nemmeno .sappi che mio figlio nonostante l'assicurazione privata al medical center di recife me l'anno condannato a morte cosa poi avvenuta in italia era un atleta con un fisico da invidiare perciò attenzione pensano solo ai soldi sono dei bastardi stai in campana e non contare sulle ambasciate e consolati italiani non contiamo niente e ricorda nel loro paese un brasiliano a sempre ragione non è come in italia nonostante i difetti anzi mille difetti. ciao da enrico di ancona

    RispondiElimina
  23. ciao a tutti,ho una voglia matta di trasferirmi in brasile ho 42 anni sposato con una brasiliana da 12 anni,ho una casa in saquarema-rio de janeiro,ho appena venduto una casa in italia e ho messo da parte un bel gruzzoletto,diciamo sui 270.000 euro avendo gia un conto corrente aperto banca bradesco,volevo sapere se riesco a vivere dignamente di rendita quale il miglior investimento senza alcun rischio di perdere il capitale non ho molte pretese(mi basta una casa vicino al mare che ho gia,sole,samba e un buon caiperinha)saluti a tutti da CLAUDIO.

    RispondiElimina
  24. Ciao Claudio

    ci credo che non vedi l'ora di trasferirti ... ma attenzione che tua moglie ti terrà d'occhio :)

    Visto che non hai figli ed hai gia acquistato la la casa non vedo grossi problemi .Certo il momento non è ideale per cambiare in R$ i tuoi euro e pertanto io aspetterei un poco che il cambio migliori . Se proprio hai fretta cambiane solo la metà ed aspetta almeno sei mesi per cambiare l'altra metà .

    Facendo un calcolo ad oggi 270 000 euro sono circa 594 000 R$ che ti rendono , investiti in FONDI DI , poco più di 4000R$ netti al mese .

    Naturalmente , data la tua giovane età , la eventuale pensione di vecchiaia italiana ti verrà corrisposta tra circa 25 anni ! Questo tempo è troppo lungo per non tener conto della erosione del tuo capitale dovuto all'inflazione ( Oggi al 4.5% ). E allora ?

    Allora sarà bene , anche se non c'è fretta , pensare a qualcosa da fare per compensare l'inflazione . Del resto dopo alcuni anni di samba , caipirinha e ... tu stesso avrai voglia di fare qualche cosa d'altro .In fondo in fondo siamo brasiliani di adozione ma restiamo italiani .

    RispondiElimina
  25. ciao claudio con la tua cifra io non la investirei tutta in brasile io ci andrei cauto i risvolti della vita sono tanti non per essere un guastafeste ma ,un piccolo canale con l'italia te lo consiglio spassionatamente poi vedi meglio le cose e le situazioni vivendo li ho diversi amici e contatti ,il mio vuole essere solo un piccolo contributo sai: io tra l'altro ci andavo spesso ,mio figlio viveva là 6 mesi l'anno comunque in attività piccoli investimenti altrimenti ti giochi il capitale e.... occhio agli italiani ed ai brasiliani,in tutto .boa sorte. enrico

    RispondiElimina
  26. Ciao Enrico,prima di tutto ti ringrazio del tuo intervento,so che tasferirsi in un altro paese non e facile per vari motivi,ma la decisione ormai l'ho già presa mi trasferisco entro due anni perchè non ne posso proprio più di lavorare(da 25 anni che faccio turni compreso sabato e domenica)non ho intezione di aprire nessuna attività in Brasile perchè non ho le capacità e non voglio complicazioni nella mia testa,so perfettamente che vivere di rendita con capitale messo in banca e un grande rischio(visto che e già capitato in brasile)ma e un rischio che devo prendere perchè non vedo altre possibilità,non vorrei passare altri 20 anni a fare turni e andare in pensione con il 55% dello stipendio(cosa certa)anzi molto probabilmente dovevo prendere questa decisione molto prima ma per vari motivi non ho avuto coraggio ma meglio tardi che mai.Sia io che mia moglie abbiamo davvero pochi amici in Brasile,e la maggior vive in europa e ci vediamo solo quando andiamo in vacanza,so che fidarsi e bene ma non fidarsi e meglio(almeno penso che si dica cosi')per ultima cosa non voglio assulutamente perdere contatti con la nostra amata patria(daccordo con mia moglie) anzi ho intenzione almeno per i primi anni di passare almeno 3-4 mesi nel periodo estivo in italia visto che ho molti familiari e mia madre sarebbe contentissima,ti ringrazio ancora per il tuo pensiero a risentirci a presto,saluti da Claudio boa sorte para vocè.

    RispondiElimina
  27. ciao ottoaprile,
    ho letto con interesse i tuoi commenti sopra, riguardo investimenti in immobili o nel campo finanziario.
    mi potresti spiegare meglio il funzionamento dei Fondi DI ?
    sono fondi a tasso fisso, o sono legati a qualche indice particolare ?
    inoltre che grado di rischio hanno ?
    ti ringrazio se potrai rispondere a queste mie domande.
    ciao

    RispondiElimina
  28. Ciao Henrik

    Inizio ricordando che l’investimento essendo in valuta locale può essere fatto se e solo se si possiede un conto corrente in Brasile . Questo è ottenibile facilmente se si possiede il visto permanente mentre risulta difficoltoso , ma non impossibile , se non si possiede tale visto .

    In Brasile tutte le banche offrono certificati di credito (CDB) o fondi legati al costo del denaro ( SELIC ) oggi al 10.75 % . Solitamente il rendimento lordo è intorno al 92 % o più di tale indice ( Dipende dall’importo investito ) quindi intorno al 9.9 % lordo che con la tassazione del 15% si riduce all'8.4 % netto. Fino a pochi anni fa la SELIC era oltre il 20% !!!

    I prodotti finanziari associati a tale indice sono fondamentalmente tre : CDB , Libretto di Risparmio ( Caderneta de Poupanca ) e Fondi di Investimento.
    I CDB sono veri e propri certificati di credito emessi dalla banca , possono avere interesse pre o post fissato . Se l’investitore ritiene che i tassi di interesse scenderanno in futuro ( E’ il caso attuale ) ha senso investire su CDB prefissati in quanto essendo il tasso fisso non risentiranno della prevista riduzione . Se , al contrario , si prevede un rialzo conviene investire in titoli postfissati che avendo tasso variabile si avvantaggeranno dell’aumento degli stessi . Insomma il contrario di un mutuo .

    La garanzia di un CDB dipende dalla credibilità e dalla solidità della Banca oltre ad essere garantiti dal Fondo di Garanzia del Credito ( FGC) fino all’importo di 60 000 R$ per Codice fiscale / Partita IVA .
    La tassazione sul rendimento dei CDB segue la seguente tabella :
    Entro 180 gg 22,5%
    Da 181 a 360 gg 20%
    Da 361 a 720 gg 17,5%
    Oltre i 720 gg 15%

    Allo scopo di evitare speculazioni sul breve periodo esiate una ulteriore tassazione decrescente (IOF) per chi decidesse di ritirare l’investimento entro i primi 30gg .
    A partire 31 ° giorno tale tassazione è zero e restano le sole aliquote pubblicate nella tabella in alto . Non ci sono commissioni di gestione da pagare .

    Banche credibili e solide in Brasile sono il BANCO DO BRASIL , BRADESCO , ITAU’ , ABN AMRO REAL ( GRUPPO SANTANDER ) , ecc.

    Il libretto di risparmio o Poupanca , è remunerato secondo un indice TR ( Tassa di Riferimento ) aumentato di un tasso mensile pubblicato dalla Banca . E’ esente da tassazione . E’ la soluzione preferita dai piccoli risparmiatori per la sua semplicità . Ha la stessa garanzia del CDB ed il suo rendimento è mediamente inferiore ai CDB .

    I Fondi di Investimento , sono strumenti finanziari che consentono di investire su di un paniere di titoli azionari e obbligazionari nelle più diverse proporzioni gestito da esperti analisti della stessa Banca . I Fondi cui faccio riferimento in particolare sono quelli agganciati al cosiddetto indice DI che è appunto legato alla SELIC .

    La tassazione dei fondi è più articolata di quella dei CDB . In particolare i Fondi sono suddivisi in :
    Fondi a breve termine tassati al 22,5% entro i 180 gg ed al 20% oltre i 180 gg
    Fondi a lungo termine tassati come i CDB
    Fondi azionari tassati al 15%

    I Fondi DI sono generalmente trattati come fondi a lungo termine . A differenza dei CDB che sono tassati solo al momento del riscatto , i Fondi a breve e lungo termine sono tassati ogni sei mesi e al momento del riscatto.

    I Fondi azionari al contrario sono tassati solo al momento del riscatto indipendentemente dal tempo che restano applicati ed inoltre non pagano IOF qualora il riscatto avvenga entro i primi 30 gg .

    A differenza del CDB , inoltre i Fondi presentano delle commissioni di gestione variabili con il tipo di investimento . Le commissioni , ad esempio , possono andare dallo 0,8% al 5,5% nel caso del BANCO DO BRASIL in funzione soprattutto dell’importo investito . Più si investe , più la commissione si riduce .

    Infine i Fondi non godono di alcun tipo di garanzia da parte della Banca nè tantomeno del Fondo di Garanzia del Credito .

    RispondiElimina
  29. ok, grazie ottoaprile.
    quindi mi par di capire che i fondi DI sono una sorta di fondi bilanciati.

    RispondiElimina
  30. Henrik

    i fondi bilanciati contengono tipicamente una parte azionaria ed una obbligazionaria . I Fondi DI con contengono alcuna componenente azionaria e pertanto sono considerati di basso rischio alla stregua dei fondi obbligazionari .

    Il loro tasso non è fisso ma varia in accordo al costo del denaro , la cosiddetta SELIC . Storicamente queto tasso è sempre stato molto alto e pertanto i rendimenti , per questa tipologia di fondi , sono tra i migliori al mondo ( Fatta salva naturalmente l'inflazione ).

    RispondiElimina
  31. Ciao a tutti gli interlocutori.
    Mi chiamo Stefano, ho 55 anni, faccio il fotografo di professione ed ho un piccolo negozio nella provincia di Firenze. Ho una profonda crisi economica che mi porterebbe a cambiare completamente vita, non è scappare, ma intraprendere nuove strade. Una mia cara amica, brasiliana, persona molto importante in Brasile mi sta incoraggiando ad andare a vivere in Brasile con mia Moglie, a JOAO PESSOA, dove potrei aprire un negozio in un centro commerciale (mi sconsiglia di starne al di fuori per la delinquenza diffusa - in un centro commerciale non ci sarebbero rischi di sorta). Sarebbe mia intenzione continuare con la mia attività di fotografo ma mi interesserebbe anche la ristorazione con prodotti italiani, sia perché a me piace cucinare, sia perché mia moglie, con la sua famiglia aveva un ristorante e sa fare bene da mangiare e servire ai tavoli. Ho letto con molta attenzione tutti i vostri colloqui e, devo esservi sincero, sono un po' confuso, perché se da una parte si caldeggia tanto il partire per un'avventura del genere, dall'altra si mettono grosse paure, rischi e problemi. Se si mettesse tutto su una bilancia, l'ago da quale parte penderebbe? Devo precisare che questa persona mi darebbe ad uso gratuito un appartamento ed un'auto (con la speranza, un giorno, di potermi staccare da quel "cordone ombelicale"), mi aiuterebbe ad inserirmi nella Società grazie alle sue molteplici ed influenti conoscenze; la lingua brasiliana riesco a comprenderla abbastanza, grazie alla mia frequentazione pluriennale con ambienti brasiliani in Toscana e credo di non trovare troppe difficoltà ad imparare a parlarla. So per certo che in Brasile vivono circa 33 milioni d'itaiani, ma non so quanti potrebbero essere a Joao Pessoa. "Viaggiando" con internet sulla città vedo che ha l'aspetto d'una metropoli moderna, ho soprattutto notato che quasi tutte le abitazioni hanno la piscina, quindi mi fa ben sperare; ma ho visto che ci sono distese di favelas e questo mi fa star male soprattutto al pensiero di quanta gente può viverci, ed anche per quanto incidono sulla qualità della vita della città e della Regione. In questo periodo la mia amica è a Joao Pessoa per trascorrervi una vacanza di un mese e mi ha promesso che mi invierà messaggi per aggiornarmi sulla situazione laggiù...Voi che ne pensate? Il vostro parere, i suggerimenti e /o le critiche saranno per me PREZIOSISSIMI! Scusatemi per la klometrica scrittura. Attendo con trepidazione vostre considerazioni. Grazie!!! di cuore. Stefano

    RispondiElimina
  32. Ciao Stefano

    in attesa che qualche lettore ti risponda , faccio qualche considerazione .

    Dal tuo intevento sembra che non sei mai stato in Brasile e che questa idea del trasferimento derivi dalla crisi economica italiana e dalla tua amicizia brasiliana a Firenze .

    Se è così , allora lascia stare i consigli ed i commenti e parti per il Brasile per alcuni mesi come turista tu e tua moglie e fatti una TUA opinione .

    Il Brasile è un paese bellissimo ma per viverci non è per tutti , soprattutto se ci vai a 55 anni e vuoi anche iniziare una attività lavorativa . Perchè lo capirai da solo quando sarai a Joao Pessoa .

    Per quanto riguarda la città Joao Pessoa è una tranquilla capitale del Nordeste brasiliano ( Stato del Paraiba ) , ancora non scoperta dal turismo straniero di massa . Tra l'altro è vicino a dove vivo io , Natal ( Stato del Rio Grande do Norte ) si trova a soli 180 Km a sud .

    Quando decidi di venire fammelo sapere , sarò lieto di incontrarti e spiegarti le cose da vicino .

    Saluti ed auguri

    RispondiElimina
  33. Ciao, Ottoaprile,
    Ti ringrazio per la velocità con cui mi rispondi.
    Per quanto riguarda l'età, grazie al cielo, sono molto giovanile e pieno di voglia di fare, mia Moglie, inoltre ha 10 anni meno di me e tanta voglia di voltare pagina, come me. Venire a Joao Pessoa per alcuni mesi solo come turista potrebbe essere utile per conoscere il quotidiano, l'ambiente, le persone e ciò mi sembra più che giusto, ma tu conosci il quotidiano di questi posti dove io abito? Le mie domande sono: cosa potrei trovare di tanto negativo rispetto a qui? Cosa potrebbe accadere che non potrebbe accadere qui? La situazione economica generale è peggiore di quella italiana? Si prendono forse malattie che in Italia sono sconosciute? Ci sarà più delinquenza di quella che abbiamo adesso in Italia? L'egoismo, il menefreghismo, il cinismo italiano è inferiore a quello brasiliano? Cos'è che dovrebbe farmi desistere dal provare una nuova vita in un posto come Joao Pessoa? Questa città è solo bella da vedere ma pessima da vivere? Quanto peggiore può essere vivere a Joao Pessoa rispetto a Milano, Firenze, Roma, Napoli... oppure nella campagna toscana, che è favolosa e non la cambierei con altri luoghi, ma le persone che ci vivono? La maleducazione, invece che diminuire sta aumentando in tutti gli strati sociali ed a Joao Pessoa è forse peggio?
    A tutte queste domande credo che sicuramente sapresti rispondermi, ma vorrei che tu lo facessi facendo, appunto, paragoni molto obiettivi, perché è nell'indole umana criticare il luogo dove si vive (infatti, anch'io adesso lo sto facendo) ma se si guarda con distacco si riesce meglio ad analizzare. Io, ripeto, non scappo dall'Italia, la mia terra l'adoro, ma se a Joao Pessoa farò la stessa vita di quaggiù, perché non cambiare, in fondo il popolo brasiliano ormai lo conosco abbastanza ed è per me fantastico, il luogo è molto bello ed il clima è sicuramente mgliore rispetto a qui, e forse potrei inventare qualcosa di nuovo che ormai in Italia non ha più effetto, come, ad esempio, aprire un piccolo locale di ristorazione con cucina Italiana (lo so che non sarei originale, ma non credo che Joao Pessoa pulluli di ristoranti italiani). Tu mi dici che il turismo di massa ancora non è arrivato e questo è per me uno stimolo a venire, proprio perché, come mi ha detto questa mia amica, la città è in sviluppo e se un giorno arrivassero i turisti io sarei già lì ad accoglierli... e, perché no, essere io stesso a fare da "ponte" con l'Italia. Quando avevo 5 anni la mia famiglia si trasferì in un piccolo paese di pescatori, in Toscana,sconosciuto da tutti, perché mio Padre aveva trovato lavoro lì vicino, come direttore di un bar di un villaggio turistico di Svedesi, anch'esso sconosciuto dai più. Dopo 7 anni tornammo a Firenze e lasciammo quel piccolo paese che oggi è una delle mete preferite in tutta Italia: Castiglione Della Pescaia. Se a quell'epoca i miei avessero "fiutato" l'affare, oggi forse io non sarei nella condizione di tentare nuove esperienze. E riterrei che Joao Pessoa potrebbe essere la Catiglione Della Pescaia brasiliana!!!
    Ti saluto e ti ringrazio anche per la tua disponibilità ad incontrarmi, ne farò tesoro!!!
    A presto.
    Stefano.

    RispondiElimina
  34. Stefano

    ma sei proprio un toscano pieno di entusiasmo ! Io ho la tua stessa età e sono venuto a vivere in Brasile 5 anni fa . Mio fratello , di un anno più giovane di me, vive a Scarperia nel Mugello e quando vado a trovarlo con mia moglie brasiliana , lei non vuole più andare via .

    Il Brasile è un paese in forte sviluppo pertanto l'aria che si respira è di ottimismo e speranza. Molto è il cammino ancora da percorrere soprattutto in tema di sanità pubblica , educazione e sicurezza . Vivendo in una capitale , come Joao Pessoa non si hanno particolari problemi , almeno io non ne ho avuti a Natal .

    Ma restando con i piedi per terra . come intendi ottenere il permesso di soggiorno permanente ? Senza di quello non puoi restare in Brasile se non per 6 mesi al massimo e ovviamente non puoi lavorare .

    Essendo tu già sposato hai una sola possibilità : il visto permanente come investitore . L'investimento minimo è 150000 R$ pari circa a 70000 euro . Potrebbe essere il negozio di fotografo o il ristorante che tu suggerivi . Ecco perchè ti consigliavo un periodo di permanenza come turista , per poter ambientarti e decidere con maggiore sicurezza cosa fare .

    Considera seriamente ,anche durante la tua permanenza come turista , l'acquisto assieme al biglietto aereo di una assicurazione sanitaria . I costi degli ospedali privati sono elevati , anche in relazione al reddito di un europeo .Quando poi risiederai qui stabilmente dovrai stipulare una assicurazione sanitaria privata ( Plano di saude ).

    Per il resto goditi pure il sole ,il mare ed il buon cibo brasiliano .

    Saluti

    Antonio

    RispondiElimina
  35. Antono, ti ringrazio infinitamente. sei veramente un preziosissimo riferimento in Brasile e spero di poter arrivare a dire "ce l'ho fatta!" e a poterti incontrare come concittadino (all'incirca, 180km permettendo). L'entusiasmo che ho nel raggiungere codesta meta mi darà la forza e le idee per superare gli ostacoli che, ne sono consapevole, non saranno facili, ma credo nemmeno insormontabili.
    Adesso ti faccio una domanda un po' delicata e se non vorrai rispondermi non ti biasimerò e fin da adesso ti chiedo scusa: come hai fatto tu per stabilirti a Natal, quali prassi hai seguito? Come hai superato questi ostacoli? Sono molte le regole da seguire? C'è molta burocrazia come in Italia?... e di questo noi siamo campioni!!! E' mia indole seguire sempre le regole, le leggi, le disposizioni senza MAI cercare il modo di aggirarle e nemmeno stavolta lo farò, quindi a me servono consigli utili per superare questi ostacoli nel rispetto assoluto di tutte le regole. Qui, dove sono adesso, emetto scontrino fiscale anche per una busta da lettere (ho anche piccola cancelleria) per €0,10!!! E tutti quelli che mi conoscono sanno della mia precisione in tal senso. Se devo trascorrere 6 mesi senza lavorare, chi mi dà da mangiare? Dovrò in qualche modo trovare una fonte di sostentamento; anche se avessi denaro a sufficienza per trascorrere tutto quel periodo senza lavorare, quando poi torno in Italia, non avendo più nemmeno il mio piccolo negozio di fotografa, che faccio? Se faccio il passo e vengo in Brasile, quella sarà una strada senza ritorno... In riferimento all'investimento, quella cifra che mi indichi è imposta dalla Legge Brasiliana, oppure è una stima approssimativa di quanto ci vorrebbe per aprire un'attività, e non ho compreso cosa significhi il fatto d'essere sposato.
    Ancora grazie di tutto... è veramente un piacere averti "incontrato", mio coetaneo!
    Scarperia è una stupenda Città Mugellana, famosa per i coltelli, se vengo in Brasile, te ne porto uno, promesso! Tu di dove sei?
    Alla prossima.
    Stefano.

    RispondiElimina
  36. Ciao Stefano

    per risiedere in Brasile , così come un extracomunitario in Italia , devi avere il permesso di soggiorno permanente altrimenti puoi restare come turista 3 mesi più altri 3 mesi con l'estensione .

    Grazie a Dio quì non c'è la Lega ed inoltre gli italiani sono benvenuti . Restano comunque le difficoltà burocratiche .

    Per ottenere il visto esistono diversi modi :

    1) ti sposi una brasiliana ( e non è il tuo caso perchè sei già sposato )
    2) hai un figlio con una brasiliana ( tua moglie non sarebbe contenta ! )
    3) fai un investimento di 150000 R$ aprendo una attività . L'acquisto di un appartamento non è considerato investimento a meno che non entri come conferimento nel capitale della società )

    Io sono qui grazie al punto 2 , ma in quell'epoca ero divorziato da anni dalla mia prima moglie italiana .

    Il valore di 150000 R$ è imposto dalla legge brasiliana : http://www.vivereinbrasile.com/2010/03/visto-permanente-per-investitori.html . Inoltre la procedura deve essere seguita da uno studio con avvocato e commercialista e questo ti costerà qualche migliaio di R$ .

    Fino a che non ottieni il visto non puoi aprire un conto corrente e quindi dovrai vivere attingendo al tuo conto italiano usando la carta di credito per prelevare .

    I tempi di attesa del visto dovrebbero essere intorno ai 12 mesi .Circa la tua attitudine a fare le cose in regola vedrai che in Brasile non puoi farne a meno . Nonostante quello che la gente crede certe cose qui funzionano molto più che in Italia . Una di queste è l'Agenzia delle Entrate .

    Internet è molto sviluppata e puoi fare quasi tutto srnza uscire di casa . Pagare una multa , l'ICI , la TARSU , l'energia elettrica , il condominio , sapere di un tuo processo , ricevere i risultati degli esami medici , ecc.

    Una cosa che invece è poco sviluppato è il Registro Immobiliare . Te ne renderai conto quando acquisterai il tuo appartamento .

    Per chiudere mi fa pensare la tua frase : se devo trascorrere 6 mesi senza lavorare, chi mi dà da mangiare? Tieni presente che venire in Brasile senza un capitale è fortemente sconsigliabile perchè oltre al tempo di attesa per il visto c'è da attendere anche il tempo che il tuo business si " riscaldi " . La stessa cosa accade in qualsiasi altro paese .

    A tale scopo dai uno sguardo al mio post sul costo della vita in Brasile .

    Saluti

    Antonio Oliviero

    RispondiElimina
  37. Carissimo Antonio,
    Parto dal fondo: circa quanto mi scrivi nel penultimo capoverso, è ovvio che uno non possa sperare di nascere e già saper camminare, quindi quanto mi dici è già messo in preventivo. L'ipotesi d'avere un figlio da una brasiliana sarebbe allettante, ma credo che alla fine dei conti non ne sarei contento nemmeno io....!!!
    Beh, capisco che gli ostacoli sono notevoli e che per superarli bisogna cmunque essere sul posto, è impensabile risolverli da quaggiù.
    Il fatto che le cose funzionino meglio che in Italia mi fa ben sperare, per non incorrere in ritardi causati da questo o quel funzionario, come succede qua (proprio in questi giorni sono ai ferri corti con un ufficio INPS): se i tempi tecnici sono quelli, basta saperlo, l'mportante è che poi non si trovino altri problemi causati dal malfnzionamento di questo o quell'ufficio.
    Sono consapevole che gli Italiani sono i benvenuti, basta che portino benessere e non come qua in Ialia che si fa entrare di tutto e dopo a patire la fame siamo il doppio di persone! Ben vengano persone che portano lavoro, benessere e prosperità quindi fanno bene in Brasile a pretendere un fondo di capitale da investire considerevole, in tal modo si ha una selezione degli immigranti (non avete la Lega, ma i metodi sono un po' come quelli leghisti).
    Riterrei perciò fondamentale avvalermi del supporto di questa Signora che mi ospiterebbe a casa sua (quindi avrei un tetto garantito, e non andrei a dormire sotto i ponti... di ciò farà piacere al Governo Brasiliano!) ed avere un mezzo di trasporto mi consentirà maggiore indipendenza di movimento. Al ritorno di questa persona avrò maggiori ragguagli sulla situazione e sul da farsi per vedere di non farsi prendere dallo sconforto e cercare di vincere la burocrazia, con armi lecite, ma decise!!!
    Per adesso ti ringrazio, spero che tu possa essere sempre collegato a questo sito in modo che anche nelle prossime settimane ti possa contattare per ulteriori informazioni o semplicemente per salutarti. Se vuoi puoi scrivermi alla mia casella di posta in modo che mi rimanga un tuo recapito e ti possa contattare con maggiore celerità.
    Per adesso ti ringrazio tantissimo, sei un "gancio" molto prezioso per me e spero di non perderti anche solo come amico. Mi puoi trovare anche su Facebook : stefano marsini e comunque il mio indirizzo è stefanomarsini@teletu.it
    Carissimi saluti e ti auguro immense soddisfazioni in Brasile... spero d'incontrarti n giorno, sarebbe come dire che ce l'ho fatta!!

    RispondiElimina
  38. Salve a tutti sono un architetto italiano di lunga esperienza.
    Dopo tante belle opere realizzate in Italia ho un sogno progetto che voglio realizzare al più presto.
    Voglio comprare un terreno nel nord est del Brasile nel Pernambuco vicino Recife vicino Muro Alto o Serrambe etc un terreno di circa 2000 m2 di m. 40 x m. 50 sul mare e realizzare una pousada di circa dieci camere e gestirla. Ho già scelto il nome il logo e tutto.
    Ho già fatto il progetto ed è molto bello, è perfettamente divisibile in due parti uguali e simmetriche in modo che chiunque voglia realizzare l’opera con me può uscirsene quando vuole vendendo cedendo la sua metà etc. Ho effettuato gia dieci visite in due anni sui luoghi ed ho visitato molte pousade ed ho visto la pousada ideale per me che deve essere semplice fine e con gusto italiano molto legno colori e tanta arte ho fatto tante foto e so come deve essere la mia pousada. Ho anche effettuato un attento studio di fattibilità analizzando ogni aspetto dell’operazione con un analisi dettagliata dei costi dal mattone alla maniglia ed alla mano d’opera insomma tutto.
    Ho anche buoni amici in Recife tra cui un avvocato amico mio che assiste le imprese di costruzioni ed è esperto in questo genere di operazioni conosco bene un altro noto architetto di Recife amico mio ed un italiano amico mio trapiantato in Brasile esperto in costruzioni locali.
    Ho valutato che in considerazione della mia lunga esperienza nell’edilizia e volendo proprio realizzare l’opera direttamente con le mie mani con l’aiuto di un paio di muratori l’investimento non dovrebbe superare i € 120.000 quindi € 60.000 a testa chiavi in mano piscina compresa. Sembra poco ma è così.
    Credo però che sarebbe meglio che io realizzassi l’opera con un'altra persona che veramente abbia il mio stesso sogno e che si ritenga serio e concreto. E che desideri venire a realizzare la costruzione insieme a me. Bello no?
    Tuttavia ho un poco di paura perché so bene che su Internet si possono incontrare anche persone poco affidabili ….ma non è detto…esistono anche tante persone oneste con le quali poter iniziare un bel rapporto di amicizia e collaborazione che tra l’altro ci consentirebbe di gestire a turno il tutto potendo così stare in Italia ed in Brasile sei mesi all’anno a turno.
    Se qualcuno dovesse essere veramente interessato ed avesse il mio stesso sogno potrà scrivermi al mio indirizzo email savigneri@live.it potremmo così conoscerci vedere il progetto fare amicizia e …..se sono rose fioriranno. Viceversa farò lo stesso l’opera da solo.
    Ho anche fatto altri due progetti molto belli di due villaggi residence in architettura creola ed in architettura moderna con terreni da 5000m2 e cinque ville ognuna con la sua piscina ma di questo si potrà parlare dopo fatta la pousada se ci sarà ancora la convenienza.
    Ma non perdiamo altro temo il real perché ogni anno guadagna rispetto l’euro e con i mondiali nel 2014 e le olimpiadi nel 2016 non è detto che questo vantaggio resti per sempre certamente due anni fa sarebbe stato già molto più conveniente.
    Cari saluti a tutti e scusate se sono stato lungo e dettagliato
    Ciao Sandro

    RispondiElimina
  39. Buonasera,
    cercando nelle varie banche brasiliane e per internet si parla di una rendita ben diversa dei fondi che essi siano DI o altro.Tenendo conto delle imposte su almeno 2 anni 15% e del costo d'amministrazione del 2,25% ogni anno la rendita liquida e' uguale se non minore della poupanca.Vorrei sapere cortesemente dove avete elaborato uma rendita netta annua del 10% perche' non si trova da nessuna parte in brasile grazie.

    RispondiElimina
  40. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  41. X Anonimo delle 19:07

    quando è stato scritto l'articolo la prospettiva della SELIC di fine anno era del 12% (http://www.vivereinbrasile.com/2010/07/la-taxa-selic-verso-l11.html ) , in seguito al raffreddamento della inflazione ( ed alle elezioni politiche )la SELIC si è invece fermata allo 10.75% . Pertanto in base alla ipotesi del 12 % di rendimento lordo , al 15% di tasse ed una commissione dello 0.7% ( FONDO PRIORITY )si è pervenuti ad un netto di circa il 10% .

    Per quanto riguarda il confronto tra la poupança ed il fondo DI riporto i valori della mia Banca Banco Real .

    Rendimento Poupança di Settembre : 0,57% pari ad un totale negli ultimi 12 mesi del 6,72%

    Rendimento Fondo Priority Settembre : 0,89% pari ad un totale negli ultimi 12 mesi del 8,99%

    Da questi dati si vede chiaramente che il rendimento del Fondo DI PRIORITY è ben più interessante di quello della Poupança .

    RispondiElimina
  42. Il rendimento della poupanca non e' soggetto a tassazione non ha nessun rischio e di sicuro da il 6% netto lo si puo' ritirare quando si vuole partendo dai primi 30giorni in poi. Il fondo non da nessuna garanzia ha perso gia' l 1% netto in 3 mesi lo si deve lasciare in deposito come minimo 2 anni per avere una tassazione agevolata e ha un rischio basso e' vero ma sempre un rischio.Le previsioni sono a peggiorare quindi dire che se uno investe X per un periodo Y e' fuorviante dire che ricavera' un 10% i dati gia' mi danno ragione ora. I fondi nel 2003 davano addirittura un 25%.Le rendite si stanno contraendo ai livelli europei purtroppo e per una differenza di un 2% neppure sicuro per me rimane 100 volte meglio la poupanca.Per concludere e' corretto dire che chi vuole vivere di rendita in Brasile come in tutto il resto del mondo deve essere milionario.Altro che rendita netta al 10% vita natural durante.

    RispondiElimina
  43. Caro Anonimo , dal punto di vista dei rendimenti i due prodotti sono molto simili .

    Nessuno vuole convincerti ad investire in Fondi DI . Se per il tuo profilo di rischio va bene la Poupança per altri no ( La Poupança è garantita sino a 60000 R$ pertanto per chi investe 500000 R$ non è priva di rischio ed anche una piccola differenza nel rendimento è importante )

    Un brasiliano tipo con un poco di quattrini , non investità mai in Poupança o in Borsa ma acquisterà appartamenti o meglio ancora terreni o una fazenda .Il suo profilo di rischio è ancora più conservativo del tuo .

    Detto ciò siamo precisi . Il calo di rendimento conseguente alla crescita dell'economia brasiliana ha ridotto la redditività dei Fondi a tasso fisso e Poupança assieme e non solo i Fondi .

    Ma questa è solo una parte della storia perchè in quel periodo i Fondi azionari rendevano oltre il 30% !Io ,come tanti altri che seguono il mercato , ho commutato parte dei fondi DI su Fondi legati all'indice BOVESPA . Quando nel 2008 la borsa brasiliana ha cominciato a risentire degli effetti della crisi degli Stati Uniti sono ripassato sui Fondi DI .

    Da circa un anno la Borsa ha ripreso a salire recuperando i livelli precrisi . Altro che 10% di rendita netta ... è vero ! Questo rendimento è per chi non ama " rischiare " .

    Per quanto poi riguarda il futuro dei prossimi 5 - 10 anni concordo che le rendite dei prodotti a tasso fisso si contrarranno ma questo vale a maggior ragione per la Poupança !

    Vivere di rendita , sia essa immobiliare che finanziaria non deve essere confuso con vivere senza fare nulla : questo si che è un falso .Bisogna seguire attentamente il mercato e muoversi di conseguenza .

    Buona fortuna

    RispondiElimina
  44. Se la soluzione e' investire in borsa allora e' meglio fare una rapina forse si ha piu fortuna.I guadagni possono essere sicuramente piu elevati indubbio ma i rischi altissimi.Bisogna sempre seguire i mercati come se fosse un lavoro e tante volte sperare che nella notte non scappi con i soldi il proprietario delle tue azioni.Inoltre per investire in borsa me ne rimango in europa.La mia era solo una presa di posizione perche' non siamo tutti esperti di finanza e se si danno informazioni bisognerebbe farlo nel modo piu' esatto possibile.C'e' gente che vede il Brasile come un paradiso e sentir dire che c'e' una rendita del 10% netto quando qui al massimo prendi il 4% piu il cambio a 2,35 favorevole pensa di poter vivere di rendita.E' vero che la poupanca s'e' ridotta a causa di un governo che ha dato con una mano per togliere con l'altra.Sicuramente Lula ha avvicinato i brasiliani alle comodita' moderne telefonini.internet,automobili ma i prezzi sono altissimi per chi si vuole trasferire e se mai il real sara 1:1 con l'euro allora anche i prodotti costeranno come qua.Cosa mi importa di avere un cambio anche 3 volte migliore del mio se poi solo l'automobile mi costa 5volte tanto?Chi investe in appartamenti lo puo' fare anche qui non ci vedo tanta differenza perche' gli appartamenti in centro Rio,Sao Paolo,Salvador sono cari come Roma,Milano etc ma costruiti con materiale piu scadente.A me il Brasile faceva sognare,sentendo parlare cosi bene di Lula.Prima di lui erano veramente alla fame ma da europeo sono rimasto molto deluso.Il boom economico da quando esiste il mondo arrichisce le multinazionili i potenti e strozza i poveri che si credono benestanti.E' successo in america coi mutui subprime stava succedendo anche in europa succedera' anche in Brasile di sto passo.

    RispondiElimina
  45. X Anonimo delle 19:38

    Incomincio a pensare che non vivi in Brasile , non almeno in quello che io conosco .

    Come fai a continuare ad affermare che qui la rendita è al massimo il 4% quando io percepisco l'8,5% netto al mese e ho anche detto in quale Banca e su quale Fondo .

    Fai dei nomi , fornisci dati concreti legati alla tua esperienza diretta .

    Le auto che costano 5 volte tanto ? Quale auto hai acquistato ?
    Edifici costruiti con materiale scadente ? Quale appartamento hai acquistato e da quale costruttore per aver avuto un tale impressione ?

    Eviterò in futuro di pubblicare ulteriori commenti che hanno il solo scopo di buttare fango gratuitamente e senza una fondata motivazione .

    RispondiElimina
  46. E' molto interessante questo forum, sopratutto per me che ci capisco veramente il giusto in Economia, contabilità e investimenti.
    Io mi sono trasferito con moglie in Brasile da 4 mesi (ho 36 anni) con visto permanente pagatomi dalla società italiana per cui lavoro.
    Facciamo case, percepisco circa 3.000€ in Italia e 1.000R$ qua in Brasile.
    In Italia ho una casa di proprietà del valore di 160.000€ tutta pagata che mi rende 600€ di affitto.
    Ho la possibilità di spostare dall'Italia 40.000€ nella mia banca hsbc in poupança in Brasile. E' una scelta giusta?

    RispondiElimina
  47. Innanzitutto benvenuto al Blog e benvenuto in Brasile .

    Se ho ben capito tu dovresti avere un visto di lavoro .Immagino che la Società, pur essendo italiana , abbia una sede anche in Brasile .

    Generalmente il visto per lavoro è di tipo temporaneo e non permanente a meno che non si tratti di DIRETTORI, AMMINISTRATORI O GERENTI D'IMPRESA .Mi chiedevo questo per capire se la tua permanenza in Brasile si protrarrà nel tempo o è di brave durata .

    Questo infatti cambia la prospettiva dell'investimento .Se infatti resti in Brasile solo un anno ti consiglierei di lasciare tutto come sta , se invece pensi di rimanerci per un periodo maggiore allora il trasferimento dei 40000 euro in Brasile è senz'altro una una buona scelta .

    Anche investendo in Poupança allo o,55% al mese è sicuramente meglio che tenere i soldi infruttuosi in Italia . Il cambio non è dei migliori in questo momento ma più attendi e più tardi incomincerai a prendere gli interessi .

    Del resto anche se la Società ti paga la casa e una autovettura i 1000R$ di pocket money sono pochi per due persone in una grande città del sud del Brasile ( Immagino che la Società sia da quelle parti ) pertanto invece di ririrare con la carta di credito i tuoi euro è meglio trasferirli qui e farli fruttare .

    Saluti ed auguri

    RispondiElimina
  48. ciao sono Enrico da Ancona scusa ottoaprile dopo una vicenda tragica devo far rientrare da recife dei soldi relativi alla vendita del flet che era del mio Massimo ,come meglio fare bonifici dal posto oppure ? grazie per qualsiasi indicazione. Enrico.

    RispondiElimina
  49. Ciao Enrico

    ogni volta che devo risponderti non posso fare a meno di immedesimarmi nella tua situazione e provare un senso di angoscia .

    Scusami non mi sono mai trovato nella necessità di rimpatriare delle somme di denaro . Tuttavia i bonifici internazionale funzionano in entrambi i sensi per cui non vedo particolari problemi se non quello fiscale .

    A questo punto ti faccio una domanda : i soldi per l'acquisto dell'immobile sono transitati tramite banca ? Assumendo di si , allora per evitare di pagare tasse sul capitale rimpatriato , che deve essere dichiarato nella Dichiarazione dei redditi italiana , devi essere in possesso del documento di trasferimento dei soldi dall'Italia al Brasile ( Informati presso un commercialista ).

    Le tasse evidentemente si pagano solo sulla differenza tra quanto riportato in Italia rispetto a quanto esportato in Brasile .

    Qualunque altro sistema , che non lasci tracce , potrebbe crearti problemi in futuro se tuo figlio ha registrato a suo nome l'immobile al Cartorio e lo ha correttamente dichiarato nella dichiarazione dei redditi brasiliana .

    Se vuoi puoi anche contattarmi privatamente alla mia e-mail a.oliviero55@gmail.com

    RispondiElimina
  50. ciao Antonio grazie della tua disponibilità nei mie confronti e di tutti quelli la quale contribuisci a dare consigli veramente lungimiranti e disinteressati farò come dici,a presto Enrico Ancona.

    RispondiElimina
  51. X STEFANO IL FOTOGRAFO:
    Mi permetto di avallare il primo suggerimento dato da Antonio. Ossia quello di iniziare passando un periodo limitato di tempo a Joao Pessoa, magari un mese o due durante la pausa estiva che puoi dare al tuo negozio in Toscana. Il Brasile è un Paese bellissimo, dalle mille opportunità, e i brasiliani mediamente sono persone splendide ma nessun suggerimento potrà mai esserti prezioso come l'idea personale che tu e tua moglie potrete farvi personalmente, sopra le difficoltà della lingua, burocratiche, ambientali e, soprattutto, sulle opportunità imprenditoriali. Inoltre potreste constatare le effettive possibilità di aiuto che la Signora vostra amica, ed i suoi conoscenti, potranno eventualmente darvi. Credo che tu abbia molte carte in regola in termini di predisposizione e motivazionali per fare il grande passo ma tradurle in atti concreti richiede verifiche sul campo. Te lo dice uno che sta pianificando la fuga in Brasile da circa 5 anni. Nulla è impossibile se lo si vuole veramente ma fare passi avventati alla nostra età è meglio evitarlo. Inoltre, per avviare una qualunque attività in qualsiasi parte del mondo, richiede un capitale seppur minimo di avviamento. Non sto assolutamente cercando di scoraggiarti, anzi, io sono convinto che il Brasile abbia un posto per quasi tutti ma non si può pianificare qualcosa senza verifiche concrete.
    Buona fortuna e abraços
    Marco

    RispondiElimina
  52. Salve a tutti il 2 gennaio partirò per una breve vacanza a Rio, spero di aver scelto bene anche se il cambio nell'ultimo anno si è ridotto notevolmente a ns sfavore.
    Qualcuna sa darmi indicazioni su quali spiagge e attrazioni da visitare oltre coapcabana e Ipanema, come fare attenzione a tutto. Accetto tutte le indicazioni che saprete darmi.

    Grazie

    Luke

    RispondiElimina
  53. SALVE A TUTTI .... DA ANNI MI CHIEDO MA CON 500000 EURO .. SI POTTREBBE VIVERE DI RENDITA IN BRASILE ... CALCOLANDO CHE CON IL CAMBIO REAIS-EURO SIAMO ALL INCIRCA SUL MILIONE E MEZZO DI REAIS?

    RispondiElimina
  54. Ciao Andrea

    se la tua domanda non è retorica e se veramente sono anni che ti chiedi una cosa del genere allora hai perso un sacco di soldi . Dai una occhiata infatti al tasso di interesse brasiliano degli anni passati e capirai perchè .

    Tuttavia ho la vaga sensazione che vuoi prenderci semplicemente in giro :)

    RispondiElimina
  55. intanto cominciamo col dire che sono un milione e 140 mila reais!poi che si possa vivere di rendita non lo so.x Ottoaprile .. probabilmente ti riferisci ai tassi di interesse bancari brasiliani per cui uno dice vado a vivere in Brasile trasferisco 500 mila euro in banca brasiliana e vivo di interessi circa al 10%.Ma forse si dimentica un particolare:il conto corrente come lo apro? non serviva il visto o cosi' almeno mi sembrava di aver capito?grazie a tutti.

    RispondiElimina
  56. Caro anonimo

    ti do il benvenuto visto che sei nuovo nel Blog . Lo capisco dal fatto che non hai mai letto i miei numerosi post su come ottenere il visto permanente da investitore .

    C'è anche la pagina " visto " a cui si accede clickando in alto sotto il titolo del blog che spiega come ottenerlo.

    Il problema pertanto non è quello ... sono i 500 000 euro :)

    RispondiElimina
  57. Caro Ottoaprile ti ringrazio per il benvenuto.Ho letto i tuoi post sul come ottenere il visto da investitore ma davo per scontato che uno che dice di voler vivere di rendita in Brasile con una tot cifra mai si sognerebbe di fare l'investitore.Vivere di rendita almeno per me non significa fare impresa anche perche' impresa=rischio.ditemi se sbaglio qualcosa io almeno il post dell'amico Andrea l'ho interpretato cosi'cioe' lui chiedeva se 500 mila euro bastavano per vivere di rendita senza lavorare in Brasile.Poi sappiamo che ottenere il visto e' tutta un'altra storia...

    RispondiElimina
  58. Caro Andrea

    se vuoi vivere in Brasile hai bisogno prima di tutto del visto , ma questo lo sanno anche i bambini.

    In tutti i paesi vige il principio di reciprocità . Se un brasiliano , per vivere in Italia ha bisogno del visto , altrettanto vale per un italiano che vuole vivere in Brasile .

    La riposta alla domanda se si può vivere di rendita in Brasile con 500 000 euro è si .

    Alcuni però vedo che confondono il vivere di rendita con vivere senza lavorare , cosa che io non ho mai detto .

    Vivere di rendita significa investire in assets finanziari e immobiliari che generano una rendita adeguata per vivere senza dipendere da un datore di lavoro . Chiunque vive veramente di rendita sa cosa voglio dire .

    Inoltre , poichè le condizioni della economia cambiano nel tempo ,la distribuzione degli investimenti deve accompagnare questi cambiamenti . Ad esempio se il tasso di interesse si prevede in diminuzione nei prossimi anni , allora conviene ridurre la esposizione in investimenti a tasso variabile e buttarsi su quelli a tasso prefissato e così via.
    Una buona opzione è acquistare la casa dove vivere oltre a qualche immobile da affittare ed investire il restante in titoli di Stato visto che al momento il Brasile ha i tassi di interesse più alti del mondo . Se le cose , in futuro dovessero cambiare ( queste cose non succedono dal giono alla notte ) hai tutto il tempo di modificare il tuo mix di investimenti . Se inizialmente non ti senti capace , niente paura , studia ed affidati ad un consulente .

    Piano piano imparerai a fare da solo . Ti ci vuole solo impegno e disciplina . Diffida di coloro che mostarno solo i problemi e non le soluzioni , probabilmente non hanno il coraggio di affrontarli e cercano solo compagni di sventura con i quali lamentarsi .

    Ciao e buona fortuna .

    RispondiElimina
  59. Scusatemi ma se acquisto immobili come persona fisica a scopo di rendita affittandoli mi pare di aver capito di non aver diritto al visto.E se uno li comprasse come societa'?mi spiego meglio vi sto chiedendo se una persona ha diritto al visto permanente acquistando immobili come societa' e affittandoli.Torno all'esempio di prima uno ha 500 mila euro chiede il visto per investimento allo scopo di comprare immobili(minimo 150 mila reais) il resto ottenuto il visto si compra una propria casa e dopo l'apertura di c. corrente compra titoli di stato ad alto rendimento.Sbaglio qualcosa?Grazie a tutti

    RispondiElimina
  60. ciao ottoaprile... cosa intendi quando dici che il problema sono i 500000 euro ... non capisco???

    RispondiElimina
  61. In qualità di moderatore del Blog chiedo cortesemente agli Anonimi di usare almeno un nickname altrimenti non si capisce più niente .

    Grazie

    RispondiElimina
  62. Caro Andrea

    ti consiglio di seguire le news del nostro amico di Mercato Libero ( Vedi Link di Vivere in Brasile ). I nostri risparmi in euro sono a forte rischio di svalutazione ( Vedi ipotesi di euro forte ed euro debole della Europa a due velocità )

    RispondiElimina
  63. Ripropongo la domanda aggiungendo il nick:Scusatemi ma se acquisto immobili come persona fisica a scopo di rendita affittandoli mi pare di aver capito di non aver diritto al visto.E se uno li comprasse come societa'?mi spiego meglio vi sto chiedendo se una persona ha diritto al visto permanente acquistando immobili come societa' e affittandoli.Torno all'esempio di prima uno ha 500 mila euro chiede il visto per investimento allo scopo di comprare immobili(minimo 150 mila reais) il resto ottenuto il visto si compra una propria casa e dopo l'apertura di c. corrente compra titoli di stato ad alto rendimento.Sbaglio qualcosa?Grazie a tutti

    RispondiElimina
  64. Ciao robyleave

    ti cosiglio la lettura attenta della legge sugli investimenti che trovi sul blog .
    http://www.vivereinbrasile.com/2009/04/visto-per-investimento-nuova-normativa.html

    Vedrai che per ottenere l'approvazione i 150000 R$ non sono l'unico requisito .

    Na apreciação do pedido, será examinado prioritariamente o interesse social, caracterizado pela geração de emprego e renda no Brasil, pelo aumento de produtividade, pela assimilação de tecnologia e pela captação de recursos para setores específicos .

    Devi dimostrare l'interesse sociale del tuo investimento ( = assunzione di dipendenti ) e pertanto se apri una immobiliare con tanto di funzionari , tutto bene .

    Comunque scopo del blog è dare un orientamento generale e non sostituirsi agli specialisti del settore.Se hai necessità di contrattarne uno fammelo sapere .

    RispondiElimina
  65. ciao ottoaprile .... forse se uno ha un gruzzoletto di denaro come ti dicevo prima (circa 500000 euro) gli conviene di piu investirli in italia, o in immobili ( 2-3 appartamenti affittati) o in fondi obbligazionari con tasso fisso ( in posta ce ne uno che ti da il 3% netto all anno) e rimanere in brasile per 6 mesi all anno e il resto in italia ... tu che ne pensi? un abbraccio e grazie per i consigli

    RispondiElimina
  66. Ciao Andrea

    la scelta di vivere in Brasile non ha niente a che fare con i soldi . E' una scelta di qualità della vita , soprattutto se si sceglie il nordeste . I soldi se ci sono e sono tanti , meglio così .

    A me personalmente la vita del pendolare non mi attira . Rientrare in Italia di tanto in tanto va bene ma trascorrerci 6 mesi non ce la farei .

    Oramai non sopporto più quelle facce grige ed incazzate , uffici pubblici , banche e negozi pieni di gente scortese , il cielo quasi sempre bianco ( Eppure vivo al sud ) . Insomma quando sono in Italia non vedo l'ora di andarmene .

    Ritornando ai famosi euro io non ne terrei tanti in banca in Italia , non si sa mai ( Visto il mio ultimo Post ? ) Dividerei il gruzzolo tra Italia e Brasile con preferenza verso il Brasile . Naturalmente avendo il conto corrente qui il 3% del Banco Posta mi fa sorridere .

    Saluti

    RispondiElimina
  67. Ciao Antonio,come sempre sai ponderare e dare consigli,mi riferisco ad Andrea inoltre mi ha colpito le tue parole e considerazioni sul vivere in Italia per un attimo mi hai fatto rivivere dei momenti che una persona mi diceva sempre precisamente alle tue parole senza entrare nel merito tu sai di chi stò parlando.Un saluto e tanta serenità a te e tutti i tuoi visitatori per le prossime festività. Enrico Ancona.

    RispondiElimina
  68. Ciao Enrico

    ti ringrazio molto per gli auguri . Immagino che in queste giorni di festa dedicati sopprattutto alla famiglia certi vuoti diventino ancora più pesanti da sopportare .
    Noi tutti che amiamo il Brasile ti siamo vicini.

    Un abbraccio

    Antonio

    RispondiElimina
  69. In tutti gli interventi non trovo nessuno che menzioni quello che io ritengo il pericolo maggiore.Mi riferisco alle malattie endemiche ed in particolare alla febbre dengue provocata dalla zanzara cosidetta tigre.Sono convinto che prima o poi non si scappa e se la forma è emorragica ci si possono lasciare le penne. C'è qualche persona gentile che mi possa ragguagliare su questo aspetto? Saluti a tutti

    RispondiElimina
  70. Caro Beppe

    Vivere in Brasile ha dedicato ben cinque articoli sull'argomento Dengue , malattie ed insetti pericolosi . Vai sul motore di ricerca del sito e digita la parola dengue .Ti do un paio di link a caso

    http://www.vivereinbrasile.com/2009/08/gli-insetti-salvador-de-bahia.html

    http://www.vivereinbrasile.com/2009/07/bahia-e-lo-stato-con-maggior-numero-di.html

    Saluti

    RispondiElimina
  71. caro ottoaprile , ho letto moltissimo il tuo blog , e sono molto confuso in questo periodo, il mio desiderio sarebbe di fuggire dall'italia e andare ovviamente in brasile piu precisamente a maceio stato di alagoas , ma le informazioni reperibili su internet sono moltissime e spesso confuse dunque a volte invece di delucidare finiscono col confondere di piu le persone che hanno il desiderio di dare una svolta decisiva alla loro vita . detto questo vorrei un consiglio sono molto inesperto nelle materie giuridiche burocratiche e non saprei nemmeno da dove cominciare !sono stato in brasile da ottobre2010 a dicembre 2010 dunque 3 mesi mi sono letteralmente innamorato di maceio perchè è una cittadina abbastanza tranquilla e vivibile , ora vorrei chiederti visto che potresti essere mio padre una ''mano'' un consiglio o meglio una pianificazione . io ho pesnato che per ottenere il visto sia sufficiente magari comprare due case di cui affittarla e dimostrare al governo di avere degli introiti anche se pur bassi questo per ottenere il visto permanente ! dispongo di un capitale di circa 130 mila euro e pur sapendo che magari un appartamento in affitto a lungo termine mi possa portare introiti di 500/600 real mensili e non sono sufficienti per vivere bene ! o ancora pensavo di comprare una casetta per me stesso e magari le mura per avviare una piccolissima attivita ! eventualmente tu cosa mi consiglieresti dammi un consiglio come se fossi tuo figlio te ne prego ,sono stanco di vivere in italia e vorrei riuscire a dare una svolta alla mia vita con questo capitale pur se piccolo ! cosa ne pensi ? io domani parto per la campania per qualche per qualche sett e non so se avro' possibilita' di collegarmi per leggere la tua risposta che so gentilmente mi darai ma posso lasciarti la mia mail di msn , nel caso in cui tu avresti come dire : da ''suggerirmi un programma di viaggio''ho conosciuto una donna del brasile e e tutto è andato a monte lei viveva in italia ora ha deciso di non tornare piu e parla perfettamente italiano , avevo lei come punto di riferimento e di aiuto ma ora non credo che lei sia disponibile perchè forse ha deciso di lasciarmi al di fuori della sua vita per sempre ! TI RINGRAZIO MOLTO IN ATTESA DI UN TUO GENTILE CONSIGLIO ! ALE ! si_sonoio@hotmail.com

    RispondiElimina
  72. Caro Anonimo

    se hai letto il mio blog saprai che non è possibile ottenere il visto permanente acquistando ed affittando immobili . Devi investire in una società almeno 150000R$ ( 75000 euro ) , assumere dipendenti e presentare un piano di sviluppo . In alternativa puoi sposarti con una brasiliana . In ogni caso tieni presente che i tempi di ottenimento del visto sono lunghi 8-12 mesi ed anche se ti danno immediatamente un provvisorio con cui puoi restare in Brasile non puoi aprire un conto bancario .

    Comunque ti sento molto confuso e pertanto non ti consiglio di trasferirti in Brasile adesso . Saresti un altro italiano deluso che alla fine parlerebbe male di questo Paese . Chiarisci prima bene le idee con te stesso . Parla con qualche amico ed aventualmente fai questo passo in società con qualcuno .

    Saluti ed auguri

    RispondiElimina
  73. Ciao Ottoaprile,
    sono capitato per caso sul tuo blog e da amante del brasile mi sono messo a leggere i vari messaggi, mi ha incuriosito il discorso dell'investimento in Fondi DI, mi puoi dire cosa sono e se è possibile acquistarli da qui in italia da un italiano....
    grazie
    luciano

    RispondiElimina
  74. Ciao Luciano

    trovi tutto sul post http://www.vivereinbrasile.com/2009/04/investimenti-finanziari-in-brasile.html

    Puoi acquistarli dall'Italia via internet banking ma solo se hai un conto corrente aperto qui in Brasile .

    Saluti

    RispondiElimina
  75. Buona sera,
    fra pochi mesi mi sposero' con una brasiliana,e andremo in luna di miele nello stato di goiais e tocantis,abbiamo parlato di comprare una casa li, che piu o meno dovrebbe costare sui 30-40000 euro,leggendo il blog sono molto curioso di quei fondi di e dei cdb. QUANDO ANDRO' IN BRASILE IN QUEL MESE POTRENO APRIRE IL CONTO CONGIUNTO GRAZIE PER LE RISPOSTE.

    RispondiElimina
  76. quanto' puo costAre una casetta fronte mare a maceio e a chi rivolgersi per l'acquisto?GRAZIE

    RispondiElimina
  77. Ciao Giuseppe

    purtroppo su Maceiò non posso aiutarti , io seguo Natal ed in generale il Rio Grande do Norte . Comunque se hai scelto Maceiò vuoldire che ci sei già stato e ti è piaciuta . Pertanto la cosa più semplice è rivolgersi ad una Agenzia immobiliare locale eventualmente accompagnato da un amico .

    Comunque ti sconsiglio di acquistare una casa isolata , fuori di un condominio chiuso , esistono serie probabilità di ritrovarla vuota al tuo rientro .

    Saluti ed auguri

    RispondiElimina
  78. Ancora per Giuseppe

    mi è appena arrivata una proposta di una casa a beira mar con un terreno di 2000mq . Come ti dicevo però la proposta riguarda la costa del Rio Grande do Nord . Comunque può aiutare la valutazione :185 000 R$ . Ti passo il link :

    http://touros.olx.com.br/novo-preco-casa-beira-mar-iid-161231904#pics

    Saluti

    RispondiElimina
  79. Ciao Ottoaprile,
    Ho un amico brasiliano ormai da molti anni ed abbiamo deciso di aprire una società in Brasile. Il mio capitale dovrebbe essere di circa 25mila euro.
    Hai per caso dei consigli su come posso portare questi soldi in Brasile visto che non ho il conto corrente in modo tale che possa trasferirli? Se li portassi a mano dichiarandoli che tasse dovrei pagare? Se andassi in brasile prima potrei aprire il conto per spedirmeli? E' forse meglio aprire prima la società per poi spedire questi soldi sul conto della società?
    Grazie mille

    RispondiElimina
  80. Ciao Lagoabianca

    per risponderti dovresti precisarmi :

    1) Lo sai che per vivere e lavorare in Brasile hai bisogno del visto permanente ?
    2) Che tipo di società pensi di aprire con 25 000 R$ ?
    3) Sai che non puoi aprire un conto corrente se non hai il visto ?
    4) Sai che per aver diritto al visto come investitore devi investire almeno 150 000 R$ ?

    I soldi puoi portarne una parte a mano , tipo 5000 euro ma per il resto ti consiglio un trasferimento bancario ( Quando avrai il conto )

    RispondiElimina
  81. Grazie per la risposta ottoaprile,

    con questi 25mila Euro vorremmo comprare una piccola fazenda e cominciare a commerciare in bestiame/agricoltura/ etc per poi in un futuro (una volta che l'attività sia ben avviata in Brasile) esportare alcune di queste cose nel nostro paese.
    La mia sarebbe comunque una quota di questa società (circa il 25%) e non avrei intenzione di rimanere in brasile per più di 6 mesi l'anno (devo curare anche la mia attività qui in Italia).
    Siccome so che non riuscerei a ottenere il visto come investitore e quindi aprire il conto corrente sono rimasto un po smarrito sulla strada da percorrere per portare questi soldi in maniera legale in Brasile.

    Grazie

    RispondiElimina
  82. Ciao Lagoabianca

    adesso mi è tutto più chiaro anche se non so legalmente se e come puoi essere socio minoritario in Brasile . Comunque in molte nazioni è possibile e quindi penso che esista anche qui la possibilità . Informati bene presso un commercialista della zona ( Contador ) .

    Un altro metodo per portare i soldi , senza avere il conto , è quello della carta di credito . Puoi usare anche una prepagata se vuoi . Qui in Brasile puoi ritirare 1000 R$ al giorno con la carta nei bancomat abilitati fino al limite consentito dalla carta .

    Pertanto , facendosi elevare il limite sulla propria carta prima di partire o semplicemente usando una prepagata che puoi ricaricare da internet se hai internet banking , sarai in grado di prelevare 15000-20000 R$ al mese che puoi usare per pagare in modo frazionato la tua quota della società .

    Saluti

    RispondiElimina
  83. Ciao a tutti, sono Bruno, per completezza voglio informare che in Italia attualmente, in caso di trasferimento della pensione all'estero, esiste un diverso trattamento tra i pensionati INPS e pensionati INPDAP, infatti la pensione INPS viene trasferita al lordo dell'Irpef, mentre la pensione INPDAP viene prima assoggettata all'Irpef.

    RispondiElimina
  84. consigliare di portare soldi in brasile con una carta di credito, o 5000 euro a mano...è alquanto dilettantistico e aprossimativo

    nel caso poi di una società, è un consiglio assurdo a dire poco

    per chi vuole tenere un blog sul brasile e dispensare consigli, adirittura di investimento!, è alquanto poco credibile....

    RispondiElimina
  85. Ciao a tutti, sono Gigi mi rifaccio alla precedente mia richiesta di aiuto alla quale Marco mi suggeriva la seguente procedura per il visto per trasferimento pensionistico in particolar modo per la dichiarazione bancaria:
    * La dichiarazione bancaria è sicuramente firmata da un funzionario della Banca (Quadro Direttivo). Tutte le Banche italiane hanno dei Notai "di fiducia" o di riferimento presso i quali sono depositati i poteri delegati ai vari funzionari (in genere sono gli stessi presso i quali fanno stipulare i propri atti di mutuo). Dovrai quindi farti indicare dalla banca che ha firmato la dichiarazione il nome del loro Notaio presso il quale farai autenticare la firma del funzionario. Successivamente ti recherai al Consolato brasiliano per la legalizzazione del documento.
    Il mio dubbio è che sul sito del Consolato è riportato:• Dichiarazione che determini l'assenza di restrizioni per il trasferimento dell’ importo pensionistico in Brasile, firmata dal direttore dell’istituto bancario e legalizzata presso l'Ufficio legalizzazioni per l'estero della Camera di Commercio competente.
    Vuol dire che devo : 1) farmi fare la dichiarazione; 2) autenticare la firma da un notaio; 3) farmela legalizzare dalla Camera di Commercio?????
    Grazie a chi mi saprà essere d'aiuto e ringraziamenti da tutti quelli che in futuro vorranno trasferirsi in questo bel paese.

    RispondiElimina
  86. Caro Prof. Anonimo

    la prego di limitarsi a rispondere alle domande di aiuto dei lettori .Pertanto risponda a Lagoabianca che dal suo intervento non ha ricavato alcun contributo .

    Portare denaro cash in Brasile è perfettamente legale nelle quantità consentite dalla legge così come prelevare con la carta di credito .

    Per quanto riguarda la Società ho consigliato a Lagoabianca di rivolgersi ad un commercialista del posto . Dov'è il problema ?

    Lo so che sto rompendo le scatole a voi saccenti consulenti a pagamento .Pertanto le consiglio , se intende aiutare i lettori, di aprire un blog suo e ci dedichi dalle quattro alle cinque ore al giorno come fa il sottoscritto senza percepire un centesimo nemmeno in pubblicità . A quel punto sarò lieto di consigliarlo a tutti i miei lettori . Sino ad allora eviti di fare brutte figure e soprattutto di nascondersi dietro l'anonimato.

    Per quanto riguarda la credibilità del blog penso che la fiducia dimostrata dai lettori cresciuti da 1000 a 11000 in un anno e dei quali molti sono professionisti sia un segnale di fiducia indiscutibile .

    Infine mi chiedo : ma lei cosa lo legge a fare questo blog ?

    RispondiElimina
  87. ciao antonio leggo con piacere la tua risposta all'anonimo codividendo le tue osservazioni e suggerimenti a quanti vogliono dare un contributo e non criticare il tuo lodevole contributo verso tutti . Enrico Ancona

    RispondiElimina
  88. Confermo anche io i miei attestati di massima stima per l'opera di Antonio.
    Per quanto attiene Lagoabianca credo che, pur non avendo il visto brasiliano, possa fare l'investimento nella società brasiliana tramite rimessa bancaria dall'estero direttamente nel conto della società presso la banca brasiliana con causale per aumento capitale o acquisto quote sociali. Ovviamente in occasione di riscossione di futuri utili e/o disinvestimento dovrà incassare tramite rimessa internazionale verso l'Italia supportata da adeguata documentazione ed assoggettandosi ai prelievi fiscali previsti sia per l'investimento che per il disinvestimento e la riscossione, sia in Brasile che in Italia.
    Per questo il consiglio di avvalersi di un ottimo contador (io consiglio anche più d'uno) è fondamentale.
    abraços
    Marco

    RispondiElimina
  89. Ciao Antonio e salve a tutti,
    scopro oggi questo blog.....prima di tutto grazie per le molteplici e
    dettagliate informazioni.....proprio in un periodo che sto pensando
    al modo di trasferirmi in Brasile...ho da poco acquistato un appartamento
    a Fortaleza...che ho al momento affittato....il mio scopo sarebbe quello
    come da te sopra detto di vivere in mezzo a gente piu' spensierata....
    sorridente e sotto un bel sole....non ne faccio un discorso economico,,,
    spero di annoiarti ma mi presento un pochino...
    domani compio 40 anni, sono single, sono laureato in Scienze Naturali e
    mi occupo di consulenza nel settore ambientale (gestione rifiutiti)
    e sicurezza sul lavoro
    ......ti faccio sicuramente una domanda da 1 milione di euro....sapresti
    darmi qualche consiglio su come poter lavorare in brasile in questi settori..
    logicamente sarei disposto anche a rimettermi in gioco facendo altri lavori...
    come puoi capire non avendo una strada da seguire in questo momento vedo grosse difficolta'...magari con un tuo consiglio si potrebbe un po schiarire la situazione.

    Grazie mille, a presto Riccardo

    .....

    RispondiElimina
  90. nessuno sa darmi un consiglio come portare soldi in brasile intorno a 200000 euro senza che me li sequestrino o li perda in tassi di interessi

    RispondiElimina
  91. Ciao Riccardo

    a tua è tua domanda frequente a cui di solito rispondo consigliando l’iscrizione al sito Linkedin .com , un sito professionale dove potrai inserire il tuo curriculum ed entrare in Gruppi di discussione di tuo interesse .

    Tra questi consiglio i seguenti tre gruppi :

    1) Italians Making Business in Brazil
    2) Opening a Business in Brazil
    3) Brazil – All Things Business

    Il primo gruppo è in lingua italiana ed a questo partecipano moltissimi italiani che lavorano in Brasile ed altri che , come te , vogliono trasferirsi .
    In particolare è stato aperto un Argomento di discussione che si chiama :Offerte lavoro in Brasile dove sono presentati le modalità di ricerca di un lavoro in Brasile .

    Per quanto mi riguarda io credo che il modo più sicuro sia quello di aprire una propria attività . In questo modo si dipende solo da se stessi e dal mercato . Naturalmente è una strada che implica possedere un capitale iniziale ma è anche quella che percorsa sino in fondo da i migliori risultati qui in Brasile .

    Auguri e seguite il mio Blog http://www.vivereinbrasile .com dove appaiono alcune volte proposte di lavoro autonomo o in franchising .

    Nel tuo caso specifico esiste una Azienda qui a Natal che si chiama BRASECO ( www.braseco.com.br ) che opera nel settore ecologia ( Gestisce l'atterro sanitario della città di Natal ) ed il cui socio è un imprenditore torinese che ho conosciuto personalmente . Indirizzo e numero di telefono della Società sono sul sito , non posso darti info personali sul Blog per riservatezza.

    Puoi fare il mio nome . Buona fortuna

    Antonio

    RispondiElimina
  92. Grazie mille delle informazioni....ho gia' inviato la mail con il mio curriculum...anche se per ora sembra che siano al completo...

    comunque speriamo si apra' qualche strada..

    Un saluto,

    Riccardo

    RispondiElimina
  93. Se uno ha un appartamento e lo affitta deve annualmente fare la dichiarazione dei redditi come da noi in Italia?
    Come e il procedimento?
    Grazie

    RispondiElimina
  94. X Anonimo delle 12:28
    Certo che si.
    Devi dichiarare ad aprile l'immobile secondo il valore dichiarato in atti, l'importo del bonifico internazionale utilizzato per il pagamento sulla base del contratto di cambio del Banco Central attestante l'avvenuto pagamento dello IOF, il valore degli affitti incassati secondo quanto indicato nei relativi contratti registrati ed, eventualmente, le somme depositate in banche brasiliane a tuo nome.
    Se sei residente in Brasile devi anche dichiarare rendite e patrimoni detenuti all'estero.
    Questo per sommi capi, ovviamente è sempre bene rivolgersi ad un ottimo fiscalista brasiliano.
    Attenzione su questi argomenti, il Brasile non è più da molto tempo una "repubblica delle banane" e la Receita Federal non scherza. Chi possiede immobili è sempre facilmente identificabile, rintracciabile ed "attaccabile".
    saluti,
    Marco

    RispondiElimina
  95. Salve Antonio,ti ho mandato una mail qualche giorno fà,forse hai risposto o no.Non è un problema ti riformulo la domanda,io gradirei trasferirmi con la mia famiglia a natal,al di là ti tutti gli aspetti burocratici,ci sono un paio di cose che ho verificato durante una mia temporanea permanenza sul posto,(premetto io in italia lavoro nel turismo e mi occupo di ristorazione ed ultimamente anche di una gelateria)non ho trovato una buona gelateria (intesa come prodotto di qualità)è un problema di reperire materia prima di qualità? oppure come sostiene mia moglie che è brasiliana è un problema di mancanza di gusto ? Inoltre secondo te aprire una gelateria artigianale di qualità all'Italiana a Natal è una buona idea? e dove?Inoltre una volta aperta una società in brasile è possibile importare macchinari (anche usati) e materie prime dall'Italia? é conveniente secondo la tua esperienza? Scusa tutte queste domande ma conosco natal solo da turista e non da imprenditore.Grazie

    RispondiElimina
  96. Ciao Umby

    ho cercato il nominativo Umby tra le e-mail ma non ti ho trovato .

    Tormando alla tua richiesta mi risulta che la migliore gelateria di Natal è la Tropical nella Prudente de Morais . Ci sono stato diverse volte ed ho notato numerose pecche . Varietà , gusto , attendimento appena accettabile , costo elevato . Ci sono altre gelaterie con prodotti letteralmente immangiabili .
    Io credo che alla base manchi una cultura del prodotto che ovviamente si traduce anche in una scarsità della domanda .
    Secondo me il gelato dovrebbe essere un alimento primario nella dieta del natalense . Almeno per me lo è dato il caldo infernale che fa .

    Non posso aiutarti per quanto riguarda materie prime e importazione di macchine dall'Italia ma sono certo che a Sao Paulo trovi tutto . E' solo fare una buona indagine via internet . Vedi al esempio il sito di questa Gelateria Italiana di Sao Paulo : http://stuzzigelateria.blogspot.com

    Se vieni a Natal fatti sentire e soprattutto associati alla Associazione Culturale Inatlo Brasiliana del Rio Grande do Norte di cui fanno parte molti imprenditori Italiani ed italibrasiliani di Natal .

    RispondiElimina
  97. Grazie Antonio per le tue preziosi informazioni,sarà mia premura contattarti quando verrà a natal e mi iscriverò all'associazione culturale italo brasiliana del rio grande do norte.A presto

    RispondiElimina
  98. Ciao sono un Italiano che vive in brasile da tre anni,non so nelle grandi citta ma dove sono io cioé a Majorlandia nello ceara ci sono dei buoni investimenti tipo comprare una licenza per dirigere combi comprare la combi cioé il pulmino anni 60 e affittarlo per 3000 reats al mese.La spesa per comprare una licenza e dai 30000 ai 40000 piu devi comprare la combi che nuova costa 44000reais se ne compri due e spendi 150000 reais hai un guadagno mensile di 6000reais eti dico che dove sono io si vive con 1000reais al mese e nel paese dove sono io non si paga acqua ne assicurazione ne bollo da paura!Pensaci se vuoi altre informazioni contattami oscar.erica@hotmail.com ciao.

    RispondiElimina
  99. Ciao Oscar

    scusami ma il tuo " modello di business " è abbastanza semplicistico . Hai trascurato un sacco di costi ( Assicurazione , manutensione , costi legali ,ecc ).
    Oltre a questo il valore del capitale , almeno la parte che riguarda la Combi si riduce nel tempo ( A differenza che per un appartamento che generalmente si rivaluta ) . Dopo diciamo 5 anni di uso la Combi la devi ricomprare e quindi parte del "guadagno" dovrai spenderlo per mantenere il business . Ammesso che il prezzo della vettura aumenti del 5% all'anno alla fine dei 5 anni dovrai sborsare almeno 115000 R$ per ricomprare le due Combi pari a 19 mesi di guadagno !
    Insomma a conti fatti il vero guadagno non supera i 3500 R$ al mese su 150 000 investiti che comunque è sempre un bel 28%.

    Comunque , con il credito al consumo che esiste in Brasile mi sembra difficile che qualcuno possa pagarti 3000 R$ al mese per affittare una vettura che costa 44000 R$ . Probabilmente questo business valeva sino a 5 anni fa , oggi se la comprano tranquillamente a rate .

    Pensaci .Lo stesso è accaduto con gli appartamenti che oggi si acquistano a rate di 600 R$ ed hanno distrutto il mercato dell'affitto . Oggi affittano solo le classi più disagiate e quindi più a rischio di "calote" .

    Auguri

    RispondiElimina
  100. TORNARE IN ITALIA...IN QUESTO MOMENTO E'LA VITA MENO CARA DEL BRASILE !!!NON CONVIENE RESTARE IN BRASILE O PRIMA O POI TI AMMAZZERANNO COME UN CANE..DATE RETTA A ME....E' MEGLIO ANDARE IN VIETNAM...O LA TAILANDIA...NON CI SONO PARAGONO....PER NON PARLARE DELLE DONNE BRASILIANE....MAMMA MIA...SOLO I PIRLA ITALIANI SPOSANO LE DONNE CHE IL BRASILIANO NON VORREBBE NEANCHE REGALATE !!!CIAO

    RispondiElimina
  101. ciao caro Antonio,
    vivo dal 2007 a MACEIO'...MA NON sono iscritto all'aire ..associazione italiana residenti all'estero...sono empresario ma la mia impresa non ha mai lavorato...vorrei sapere 2 cose importantissime ...la prima in italia si dichiarano gli immobili comprati in brasile ?...considera che io gia' faccio la dichiarazione di renda della persona fisica e della persona giuridica in brasile...atra cosa nel 2013 mi scadra' il visto..cosa mi chiedera' la receita federal o il ministero della fazenda ?..ciao grazie e sei bravo nel rispondere tecnicamente

    RispondiElimina
  102. ANDREA LA ROSA10 marzo 2011 07:41

    Grazie mille Antonio per avermi pubblicato il di sopra...ho vissuto 4 anni a Maceio'e per l'esattezza a Praia DO FRANCES dove ancora oggi possiedo una pousada e una casa ...infelicemente nessuno mi ha comprato ne' l'una ne' l'altra...da 2 anni vivo a JOAO PESSOA SENZA FARE NULLA...HO LETTO DI quell'italiano che voleva trasferisrsi a JOAO PESSOA...IN UN POSTO TRANQUILLO......MAH...CHE DIRE....DIETRO OGNI QUARTIERE CI sono le favelas...gli assalti sono continui...e pure ti ammazzano...ogni settimana ci sono una marea di morti ammazzati....sicurezza ???....neanche l'ombra...se cammini in macchina la sera sarai assaltato...conosco poco Natal ..ma e' mille volte meglio !!!grazie ANTONIO E complimenti per come scrivi...!ciao ANDREA LA ROSA

    RispondiElimina
  103. Ciao Andrea

    ti consiglio di rientrare nella tua tranquilla Palermo almeno li non ci sono le favelas dietro ogni quartiere e non ci sono morti ammazzati ogni settimana .

    Se vuoi puoi pubblicare il link della tua Pousada a Praia do Frances .Ti confermo che Natal è una città molto tranquilla ed ottima per viverci . Io ho addirittura evitato di fare l'assicurazione contro il furto della mia auto e parcheggio dove voglio in qualsiasi ora .

    A Caserta , dove abitavo , mi hanno rubato l'auto 4 volte in due anni oltre ad essere stato sequestrato da due drogati e rilasciato di notte in strada solo per rubare la mia auto .

    Auguri

    RispondiElimina
  104. francesco salvador10 marzo 2011 11:24

    Salve e complimenti x il blog, se si parla di violenza e´meglio rifarsi alle statistiche,dati oggettivi, quelle che ho in mano io sono ufficiali del 2011 fonte Ministero della Giustizia. Per esempio Natal solo nel 2008 ha avuto 248 omicidi che fa una percentuale di 31,2 morti ammazzati ogni centomila persone, nel 1998 erano 16,2, quindi il numero omicidi e´raddoppiato in 10 anni, nella classifica delle capitali piu violente Natal e´passata da posizione 24 a 19. Joao Pessoa e´al numero 5 delle capitali violente, era al numero 11 nel 1998, anche qui si va al raddoppio, da 220 omicidi del 1998 a 416 omicidi nel 2008. Dove sto io, Salvador e´ancora piu pesante , quadruplicati gli omicidi da 351 nel 1998 a 1771 del 2008. In tutta Italia nel 1998 ci furono 879 omicidi, scesi a 553 nel 2007 , tanto per avere un termine di paragone. Saluti

    RispondiElimina
  105. Mammamia, quanti messaggi negativi ed allarmistici!
    A Salvador io sto in un quartiere residenziale dove attorno non esistono affatto favelas anche perchè è area di preservazione ambientale fatta di dune: Stella Maris.
    In Italia lavoro in banca dove ho subito 2 rapine a mano armata con sfondamento delle vetrate con jeep.
    Mia moglie bahiana fa la commessa in una boutique del centro di Roma (via del Corso) e mentre si trovava al lavoro è entrato un ragazzo (italiano), gli ha rubato il cellulare dalla borsa ed è uscito tranquillamente. Nei precedenti 35 anni di vita trascorsi ad Itapuà - Salvador (non certo uno dei quartieri più sicuri della città) non erano mai riusciti a rubargli il cellulare. Non vi dico come ci è rimasta pensando di trovarsi (suppostamente) in un Paese del "primo" mondo.
    Con questo voglio solo dire che certi episodi possono accadere più o meno ovunque, molto dipende da come ci si comporta, dalle zone e dalle persone che si frequentano.
    Questo vale anche in relazione ai commenti, quanto meno generalisti, e gli apprezzamenti fatti da qualcuno in merito alle donne brasiliane.
    Ricordate il detto che fa "Dimmi con chi vai e ti dirò chi sei ..." ?
    Certo, immagino che in alcuni Paesi orientali governati da dittature di stampo mussulmano, osannati da un anonimo, la "qualità della vita" sia mooooolto meglio.
    saluti
    Marco

    RispondiElimina
  106. Ciao Francesco

    hai anche il numero di suicidi in Italia , potremmo avere qualche sorpresa almeno dalla quantità di persone depresse che mi scrivono dallo Stivale :)

    RispondiElimina
  107. Scusate,ma se i dati del Sig.Francesco sono reali,perchè criticarli?Avere nella sola Salvador il doppio o il triplo dei morti di tutta Italia non è certo motivo di conforto.Il fatto che,forse per combinazione,ad alcuni non sia successo niente e ad altri invece,in Italia o Brasile,siano capitate disavventure,non significa che ci si debba nascondere dietro a un dito.A Sao Luis do Maranhao,dove vado ogni anno,i furti sono numerosissimi,e il rischio di rimanere vittima di assalti armati se si passeggia di sera è elevato,nonostante il Maranhao sia uno degli Stati più tranquilli del Brasile.In Italia dove vivo,al Nord in un tranquillo paesino emiliano,tutto questo non esiste,o almeno non fa parte della vita quotidiana...
    Detto questo,personalmente non sono mai stato oggetto di "attenzioni" nè in Brasile nè in Italia,anche perchè sono piuttosto prudente quando mi muovo e molto sospettoso...
    Preferisco vivere in Italia per motivi affettivi e di sicurezza,ma rispetto le scelte degli altri,motivate sicuramente da esperienze personali e quindi da accettare in toto.
    Se però mi riuscirà di far fruttare in pieno la mia attività in Brasile...tanto meglio per me!

    RispondiElimina
  108. francesco salvador10 marzo 2011 21:33

    non capisco perche´fornire dati oggettivi del crimine in Brasile sia fare allarmismo, marcofalco le probabilita´che ti fanno secco qui sono piu alte che in Italia.Punto.Anche in italia vale la regola di sapersi muovere , persone che frequenti etcc..Che poi a qualcuno sia successo qualcosa in Italia e qua no, conta un ciufolo, a me in Italia 50 anni zero occorrenze, qua in 2 anni sono entrati mentre dormivo in hotel na Barra e assaltato in spiaggia a Piata, bottino zero.Ignorare le statistiche impressionanti di Salvador e´infantile, se ne e´accorto pure zio Wagner che ha cambiato il pirla che gestiva la sicurezza.Basta guardare la tv o A Tarde per capire che non ci sono zone franche, io sto in zona nobre e succede di tutto , tirare in ballo cose negative dell´Italia con nessun significato statistico e´solo aneddotica.Io guardo in faccia al Brasile per quello che e´nel bene e nel male,e dove posso mi attivo perche´migliori.Vivere in Brasile appunto!

    RispondiElimina
  109. X Francesco,
    il mio post non si riferiva al tuo (che quando scrivevo non era ancora stato autorizzato da Antonio) ma a degli interventi precedenti, a dir poco generalisti, che descrivevano il Brasile come un posto dove basta uscire di casa per essere ammazzati, anche in auto, dove le donne sono degli scarti, facendo paragoni improbabili con altri paesi che nulla hanno a che vedere.
    Nessuno mette in dubbio il fatto che in Brasile ci siano molti omicidi. Non so dire se questi siano percentualmente più o meno che in altri posti ma volevo solo dire che la mia personale percezione del pericolo non è quella descritta da altri.
    A sostegno della nota scritta ieri da Antonio e come spunto di riflessione, vorrei aggiungere questa notizia:
    Fonte: L'Internazionale (20.03.2005)
    "Ogni anno nel mondo sono circa un milione le persone che si suicidano. Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità questa cifra è destinata ad arrivare ad 1,5 milioni nel 2020. Nel 2001 le morti per suicidio hanno superato quelle dovute a guerre e omicidi.
    Il più alto numero di suicidi è stato registrato in Lituania, Giappone e Australia, il più basso in America Latina ed in alcuni paesi asiatici; in genere, il numero di suicidi è basso nei paesi musulmani.
    A togliersi la vita sono soprattutto gli uomini in età avanzata, ma sono in sensibile aumento i casi di suicidio tra i giovani di età compresa tra i 15 e i 25 anni."
    saluti
    Marco

    RispondiElimina
  110. In effetti questo studio fatto da Julio Jacobo Waiselfsz in merito alla Mappa della Violenza in Brasile del 2011 mette in luce dati molto interessanti, in particolare in merito alla classifica degli Stati e delle Capitali brasiliane per tasso di omicidi ogni 100 mila abitanti.
    Guardate a pagina 11.
    http://www.sangari.com/mapadaviolencia/pdf2011/SumarioExecutivo2011.pdf
    saluti
    Marco

    RispondiElimina
  111. Con mio marito vi seguiamo da alcuni mesi......ed ora che finalmente abbiamo fatto il passaggio di proprietà di un apt in Natal ( dopo lungo girovagare...dal 2008 ) ci sentiamo un po " brasiliani".
    Abbiamo scelto Natal per svariati motivi; è il punto più vicino all'Europa......il clima...la simpatia e la semplicità delle persone .....la natura, la quotidianità un po easy going.. sembra di stare sempre in vacanza , anche quando in realtà siamo rimasti recentemente lì ben 15 gg a lavorare per interventi di arredo d'interni ecc.il mare lo abbiamo visto solo dal terrazzo ma ne abbiamo gioito lo stesso.
    Io avrei intenzione di fare una delle due cose che qui vi elenco....Arredamento d'interni (qui un po scarsino...)e aprire una gelateria dato che sto per iniziare un corso all'università del gelato CARPIGIANI.
    Non ho ben capito se l'investimento dei 150mila reais è per ogni socio o per il totale dei soci (2/3 soci).
    Altra info che chiedo è: si può subentrare in una società già in essere attiva da oltre 5 anni con una quota ics equivalente al 5% del totale del capitale societario?
    Grazie e complimenti per il blog interessantissimo che ci tiene sempre così aggiornati
    Manu

    RispondiElimina
  112. I dati riportati nelle tabelle segnalate da marcofalco sono interessanti, però credo sarebbe anche molto interessante avere delle statistiche sui tipo di omicidi, cioè sapere quali sono le cause principali degli omicidi in brasile( droga, rapine, guerre tra bande rivali, ecc ).
    Per esempio se prendiamo i dati italiani, penso che vedremo facilmente che la causa principale di omicidi è legata alla mafia o camorra.

    RispondiElimina
  113. X Manu,
    In merito all'investimento di R$150.000, se sono riferiti alla richiesta di visto come investitore straniero, è chiaro che i R$150.000 si riferiscono ad ogni richiesta di visto (quindi 2 visti = R$300.000) salvo eccezioni a discrezione dell'ufficio immigrazione.
    Si può benissimo acquistare quote di una società già esistente ma bisogna valutare i rischi di accolarsi eventuali debiti e/o pendenze pregresse della società. C'è però il vantaggio di entrare nel mercato con un nome o ragione sociale già conosciuto (ad esempio bancariamente o commercialmente).
    Non vedo perchè non costituire una nuova azienda tutta tua visto che i soldi ce li devi mettere e che il costo di costituzione è abbastanza contenuto.
    Rivolgiti sempre ad ottimi commercialisti (contador) e avvocati, non fare nulla solo "per sentito dire" e/o solo per amicizia.
    ciao
    Marco

    RispondiElimina
  114. Concordo con Enrico e, in fondo, non sarà solo un caso se il 90% delle vittime di omicidio in Brasile sono uomini, ed in grande maggioranza neri.

    RispondiElimina
  115. Adesso mi è più chiaro il discorso della somma come investimento.......( 150mila X2).
    In quanto all'altro discorso che comunque rimane interessante il rilevare una quota di società già in essere...(non per amicizia) dovrò prendere più informazioni sulla sudetta società che attualmente importa il Suo semilavorato dall'Italia poi lo termina e lo monta.
    Come società ha anche Import-export ( cosa che mi interessava alquanto, anche se sono già a conoscenza dei costi in tasse ecc per quel che riguarda l'importazione) so che alla gelateria posso affiancare altre attività di società pagando per l'aggiunta di ogni voce.
    Se qualcuno vive a Natal e mi legge mi potrebbe consigliare un BUON e SERIO STUDIO COMMERCIALISTA E DI AVVOCATI?
    Il notaio ce l'ho già .........grazie per ora
    a ben risentirci
    Manu

    RispondiElimina
  116. Ciao Antonio,
    ho un amico che sta per fare il trasferimento dei 150 mila reais per l'apertura della societa', ieri e' andato in banca a chiedere che cambio gli avrebbero applicato nel trasferimento e gli hanno risposto che il cambio del giorno era di 2.17 contro i 2.32 che quasi tutte le agenzie stanno applicando, e' una cosa normale? e' obbligato a fare il trasferimento da banca a banca o si puo' passare tramite agenzie private?
    Grazie Luca

    RispondiElimina
  117. Scusate una info , ma volendo portare circa 200.000 euro in brasile diciamo su un conto del banco do brasil quale e' la procedura se fattibile da seguire?
    Grazie

    RispondiElimina
  118. Ciao Luca

    il cambio va negoziato con la Banca e non accettato passivamente . Non capisco cosa intendi con Agenzie private visto che trattandosi di una Società con il conto aperto in quella Banca il trasferimento deve avvenire con tutte le pezze di appoggio ( Contratto di cambio ).

    RispondiElimina
  119. Per Anonimo delle 8:46

    si tratta di fare un bonifico estero e motivare la causale del trasferimento . Una volta in Brasile ( tre /quattro giorni ) il titolare del conto deve recarsi in Banca per firmare il Contratto di Cambio che è bene negoziare visto l'importo .

    RispondiElimina
  120. Se ho ben capito una volta fatto il bonifico estero dalla banca italiana i soldi arriveranno al Banco do Brasil in euro e li si dovra' firmare il contratto di cambio negoziando quest'ultimo?

    RispondiElimina
  121. Ciao Luca

    è proprio così . Saluti

    RispondiElimina
  122. Ok, grazie Antonio
    si raccolgono piu' informazioni sul questo sito che al consolato!
    un saluto

    RispondiElimina
  123. Ciao, sono Daniele diplomato nautico e vorrei lavorare in Brasile con questa qualifica.
    C'è qualcuno che mi può aiutare o dare qualche consiglio?
    In attesa vi ringrazio.

    RispondiElimina
  124. Devo trasferirmi dall'Italia e acquistare un appartamento ma non ho ancora il visto permanente, come posso trasferire somme di denaro non sapendo ancora quale appartamento acquisterò e dove? E se avessi già trovato il venditore potrei fare un bonifico al suo conto anche di importi di 30/40 mila euro per volta? E se volessi portare denaro contante (travel cheques) potrei poi cambiarli in Banca in Brasile?...
    Grazie in anticipo Blog spettacolare che ancora non ho avuto modo di leggere ma molto bello..Complimenti

    RispondiElimina
  125. X Anonimo

    se non hai il visto permanente non puoi trasferirti in Brasile ma solo venirci da turista . Puoi comunque acquistare un appartamento disponendo del CPF e passaporto .

    I soldi , una volta firmato il preliminare e pagato la cauzione , puoi spedirli direttamente sul conto del proprietario/costruttore specificando la causale del trasferimento . Il ricevente dovrà andare in banca con il preliminare per sbloccare la somma in arrivo .Per gli importi puoi inviare 30/40 euro per volta o anche di più .

    Puoi portare denaro contante mi pare sino a 10 000 euro senza problemi e cambiarli in Banca ma non ti conviene rispetto al bonifico .

    RispondiElimina
  126. bel sito , molto interessante. complimenti. miki verona-salvador

    RispondiElimina
  127. mi chiamo giorgio, vorrei farti una domanda:
    mia moglie ha una pensione di € 1.100,00;
    vorrei farLe fare domanda per il visto da pensionato (estendibile quindi anche al sottoscritto) ma la soglia pare essere di 2.000 dollari.
    Tali parametri sono assoluti o variabili? mi spiego, non potrei, in aggiunta alla pensione dimostrare di poter raggiungere tale soglia effettuando un deposito bancario in grado di generare interessi per la differenza?
    in caso affermativo a chi mi dovrei rivolgere per la pratica burocratica?
    grazie

    RispondiElimina
  128. Ciao,
    prima di tutto compliemnti per il sito.

    Vorrei un tuo consiglio. Sono un dipendente di una società di informatica americana, lavoro a Milano. Per questioni di mriduzione, stanno offrendo pacchetti di 3/4 anni di stipendio come bonus a fronte di dimissioni volontarie.
    Sono attaulmente fidanzato con una Brasiliana, di Feira de Santana, ma che non posso sposare in quanto separato da poco,e quindi ancora lonmtano dal Divorzio definitivo. Stavo pensando di approfittare di questo Bonus, che tradotto in euro trattasi di circa 150.000.
    Il consiglio che ti chiedo è questo, con questa cifra si riesce nella zona della mia fidanzata o a Salvador, a compare un piccolo negozio per esempio di informatica, ( pc, net, piccola manutenzione, ecc.)?
    O altro tipo di negozio di tipo tecnologico, tipo piccoli elettrodomestici, lavatrici, forni, ecc. o altro del genere?
    Grazie per il consiglio.

    Paolo

    RispondiElimina
  129. Ciao Paolo

    conosco Feira de Santana , una grossa cittadina prossima a Salvador . La somma di cui mi parli è del tutto adeguata alla apertura di un negozio di informatica anche se prima io mi porrei tutta una serie di domande .
    Per quanto riguarda consigli di attività su base tecnologica esiste tutto il mondo dei servizi autorizzati di manutensione per elettrodomestici, ascensori , sicurezza ( Cancelli automatici , barriere elettriche o foto elettriche , telecamere , ecc )

    Insomma la scelta è ampia ma richiede una analisi delle potenzialità del luogo dove si va a risiedere .

    RispondiElimina
  130. x paolo

    un amico a Natal ha qualcosa che fà al caso tuo, un negozio di pc, internet etc etc, cerca socio a metà per essere più libero, prendi il visto etc etc, se interessato fammi sapere

    RispondiElimina
  131. Grazie Otto,

    per i consigli. Apprezzo molto la tua risposta.

    Per Max, certo che sono interessato, se possibile avere maggiori dettagli...sono disponibile.

    Grazie mille in anticipo.

    Paolo

    RispondiElimina
  132. Ciao,mi chiamo Manuel sono un ragazzo di 30 anni, sono sposato da 4 anni con una ragazza brasiliana (di Goiania) di 25 e da un anno abbiamo un bellismo bimbo.
    Sto valutando l'ipoesi di trasferirmi in Brasile, ma ogni mutamento di vita ha conseguenze positive e negative, non che molti dubbi...
    Volevo informazioni da persone italiane che abitano in Brasile:
    1)Sono preuccupato per mio figlio, il quale crescendo dovra andare a scuola, esistono scuole italiane (anche private, se si quanto potrebbe essere la retta?) che possona dare un impronta italiana nell'istruzione di mio figlio? e in tal caso è riconosciuta a pari merito a un normale istituto scolastico brasiliano?
    Non voglio che mio figlio abbia un istruzione solo brasiliana, diciamo per un mio attaccamento all'Italia e per mia ignoranza su ciò che viene insegnato nelle buone scuole brasiliane(mia moglie a studiato in una scuola di un paesino di periferia, il ciò mi fa essere pessimista)

    2)che tipo di plano de saude mi consigliate?
    non so ancora bene dove andrò a stabilirmi (credo Natal o Sao Luis do Maranhao)so che alcune polizze assicurative tipo la Unimed copre solo per lo stato del Goias, e se mi capita qualcosa in Maranhao, o Sao Paulo ecc.. ??? esiste un plano de saude che risponda in tutto il Brasile?
    Ho sentito mio suocero che paga l'ipasgo (assicurazione/plano de saude per funzionari statali)che alcuni suoi colleghi sono morti perche il plano de saude non copre tutto, certe tecnologie sanitarie non sono convenzionate, cosa mi potete dire in merito?

    3)Io per mia sfortuna sono mutilato ad un arto inferiore (simpatico regalo della strada), esitono centri dove forniscono protesi ad alto livello come qua in Italia?

    4)parlando di rendite:
    poupança si intende conto corrente presumo, si ha una rendita del 8% circa all'anno sul contocorrente??? Ammazza l'altro ieri ho comperato obbligazioni SUBORDINATE le quali staccano cedole del 6% (al massimo ho visto titoli dello stesso tipo al 7,125% ) lordo...
    secondo me dal 6 al 10 % c'è una differenza non elevatissima se si considera che le obbligazioni italiane sono a capitale garantito e comunque tolto la banca antonveneta di banche in italia non sono mai fallite (poi per le corporate è un altro discorso vedi parmalat/cirio), ma ho informazioni (poco chiare sul quale vi chiedo se potete di aggiornarmi)che tempo fa in Brasile il Banco do Brasil prelevo cospicue somme dai conti correnti.

    se potete darmi consigli e delucidazioni ve ne sarei immensamente grato. (la mia mail è manuelbelo@libero.it)

    RispondiElimina
  133. Ciao Manuel

    per essere sposato da quattro anni con una brasiliana mi sembri abbastanza disinformato . Comunque trovi tutte le risposte dettagliate sul Blog , cercando con il motore di ricerca .

    Io posso provare solo a darti delle risposte sintetiche anche se mi manca un elemento essenziale : cosa vieni a fare in Brasile ?

    Voglio dire , hai il permesso di soggiorno permanente , hai un lavoro ,hai una abitazione di tua proprietà , ecc . Perchè senza queste cose fondamentali è inutile avventurarsi in Brasile .

    Ciò detto , tuo figlio può frequentare delle ottime scuole private brasiliane come i Salesiani qui a Natal . La retta è di circa 450R$/mese incluso libri e divisa .

    Tieni presente che qui in Brasile anche se sei laureato alla Bocconi la tua laurea non vale un tubo . Poi se vuoi ti passo un sito dove incontrerai centinaia di laureati italiani che si dibattono inutilmente da anni nel vano tentativo di trovare un lavoro in Brasile.Pertanto fai studiare tuo figlio qui e scegli delle buone scuole .

    Esiste il Plano Unimed valido per tutto il Brasile ma è molto caro . Info dettagliato sul tuo specifico problema le otterrai solo qui parlando con il consulente Unimed ( forse ).

    Comunque come regola generale in Brasile a livello di salute incontri tutto e di più ma costa salato .

    La poupança NON E' un conto corrente ma l'equivalete del nostro libretto di risparmio con tutti i suoi limiti . Rende al netto il 6,5% circa ad oggi .

    Rendimenti superiori , intorno al 10% netto sono ottenibile investendo in CDB o Fondi DI .

    Infine se non sei deciso non trasferirti . Ti bloccheresti alle prime difficoltà burocratiche
    che qui non mancano.

    Ciao ed auguri

    RispondiElimina
  134. Ciao ottoaprile, grazie per la tempestiva risposta.
    In Brasile mi vorrei trasferire per desiderio di mia moglie e perchè certe localita tipo Natal e la varie coste mi sembrano semiparadisi tropicali...
    Fare cosa in Brasile? non lo so, ma ho una cospicua somma (circa un milione di euro)e credo che se investito bene mi possa aiutare a vivere tranquillamente anche senza lavorare, volgio dire se libretto/poupança/brasilero ha una resa intorno al 6% non credo che passerò difficolta, non ho nessun tipo di permesso di soggiorno, ma essendo sposato con una nativa brasiliana ed avendoci un figlio, portando capitali non credo di incontrare problemi, te che dici?

    A me piacerebbe provare a gestire una pousada (adoro cucinare Italiano) o un chioschetto/ristorante, magari se puoi darmi 2 prezzi per l'affitto, poi magari posso sempre decidere se comperare: sai indicativamente fornirmi dei prezzi di affitto o di vendita su una pousada di medio livello vicino/fronte al mare?(anche a Natal come esempio)
    Avendo la fortuna/sfortuna di questi soldi (derivano dall'incidente stradale) vorrei intraprendere la cariera di ristoratore o alla malapeggio (sono geometra non abilitato)dedicarmi a investimenti immobiliari, anche se non vado alla ricerca della speculazione sfrenata(anche perche non ne ho bisogno) non credo di riuscire a starmene con le mani in mano, diciamo mi piacerebbe riuscire a creare un business immobiliare sostenibile e dare buoni prodotti a basso prezzo ai brasiliani io mi accontenterei del 10% (indicativo) se dovessi decidere di effettuare operazioni immobiliari e credo che con la cassa economica che elargisce mutui non farei fatica sul mercato.
    Detto ciò preferirei la classica pousada in tutta sincerità, mi pare piu rilassante, contando il fatto che non ambisco a grandi guadagni...

    Sul fatto della scuola:
    Sti Salesiani (ho uno zio padre a Goiania, ma non ci parlo)che tipo di istruzione offrono? il livello sono sicuro sia alto,sai se insegnano anche storia,lingua e letteratura italiana? accettano bambini non battezzati?
    (450 reais al mese credo che moltiplicando x 12 mensilità sia la spesa per la frequentazione di una suola pubblica in italia: 450x12:2,3 = 2347 euro)

    Per un piano di salute completo che cifre si possono incontrare?
    per il mio discorso (proteizzazione)non mi interessa, ma mia moglie e mio figlio, un piano completo (non mi serve camere super lusso e un infermiera 24H), diciamo un servizio tipo italiano, ma con tempi meno lunghi, con un baget di spesa medica illimitato, metti il caso...poi sicuramente valido in tutto il brasile...

    Se puoi darmi informazioni anche generiche, scusa la mia ignoranza e la mia perplessita, ma sono pieno di dubbi e credo che se mi appoggio ai miei parenti o di mia moglie li in Brasile mi conviene andare a vivere a Cuba.
    Ciao e anticipatamente grazie!

    RispondiElimina
  135. Ciao Manuel

    con la somma di cui mi parli puoi tranquillamente startene in Italia senza dover affrontare i " traumi " della delocalizzazione .

    Comunque non entro nel merito della scelta e passo alle risposte .

    1) Il visto permanente ti serve per vivere in Brasile oltre 6 mesi all'anno . Il fatto che tu sia sposato ti da la possibilità di chiedere il visto e di attendere in Brasile sino a che non lo ottieni . Potresti fare anche la richiesta in Italia attraverso l'ambasciata .

    2) I salesiani offrono un tipo di istruzione di buon livello ma innaffiata con abbondante cultura cattolica . Pertanto se non ritieni di dover dare questa cultura a tuo figlio sarà bene scegliere un'altra scuola . Io non ne conosco di migliori ma esistono numerose scuole non cattoliche .

    3) Un Plano di Saude completo , come tu lo chiedi si aggira sui 1000R$ a persona al mese .Facendo un piano familiare otterresti uno sconto notevole . I bambini pagano molto meno . Io ad esempio , per un piano solo per Natal per 4 persone pago 600R$ al mese con AMIL .

    4) Una Pousada di 6/8 camere costa dai 450 000R$ in su a seconda della zona .Il turismo da queste parti tira sempre , il clima è quello che è .

    5) Business immobiliare ? Per quando ti sarai stabilizzato i tempi buoni saranno già passati. Meglio attendere il prossimo ciclo .

    Un consiglio finale . Non strombazzare in giro che hai un milione di euro . Non trasferire tutto in una volta ma solo il necessario per partire e comunque non più del 50% della somma .
    Non tagliarti i ponti alle spalle insomma .

    Ciao ed auguri

    RispondiElimina
  136. Ciao ottoaprile, grazie per i consigli, ma l'Italia mi deprime quindi opto x il trauma, comunque vediamo, prima faccio un viaggetto di almeno 6 mesi cosi valuto il plano di saude e i vari investimenti.
    Secondo te posso richiederlo a Goiania il visto permanente o a lungo termine? (premetto che neppure io ho intenzione di trasferire tutto il capitale lì, ma andrò a scaglioni mammano che mi convinco)
    prima di partire devo passare in ambasciata perche a mia moglie a ottobre scade il passaporto, vediamo se la mi sanno dare informazioni, ma ormai propongo ottoaprile x console!
    logicamente farò tutto con i piedi di piombo, te quale località mi consigli x stabilirmi?
    a me piace un clima mite tutto l'anno con temperature tra i 25/30°... te conosci paradisi del genere in Brasile (è tanto vasto, ma se chiedi a gente di Florianopolis ti dicono Florianopolis, chiedi a persone di Santos e tidicono che Santos è il top)...

    Comunque io sono positivo, l'unico ostacolo che mi frena è la mia frenesia europea, diciamo che se qua corro a 100Km/h li mi sento piu che fermo e spesso mi saltano i nervi; qua in Italia lascerei un lavoro partime che non mi giova economicamente, anzi mi fa venire l'ulcera (non consigliarmi l'equitazione o l'orto: potrei risponderti male,kkk.)
    Lavoro in un industria metalmeccanica a conduzione familiare (na famiglia di matti)solo che se lascio il lavoro poi vado in depressione a cazzeggiare, l'idea di spostarmi in brasile è piu che allettevole, anche se so che lì come qua è un mondo di squali in agguato, lì però cè possibilità di sbocco, qua tra crisi fisco e mafia siamo sulla brutta strada...

    grazie e ancora boa tarde!
    Manuel

    RispondiElimina
  137. Sul sito HSBC ho rilevato oggi il rendimento netto della poupança negli ultimi 12 mesi pari al 7,13% e al 23,37% netto negli ultimi 36 mesi.
    In merito alla comparazione delle varie forme di investimento (poupança, Fondi Comuni, CDB, azioni o titoli di stato) vorrei proporre la lettura di questo interessante articolo di Bruno Yoshimura che sottolinea l'incidenza dei costi di gestione e dell'inflazione sui rendimenti effettivi netti e prospetta la possibilità di un interessante investimento in azioni di imprese elettriche e concessionarie di energia con dividendi addirittura del 16% rivalutabili in base ad alcuni indici e possibilità di affitto (aluguel) delle azioni (??) che darebbe un ulteriore 2% annuo.
    Io non sapevo di questa opzione e tu Antonio ne sai qualcosa? Cosa ne pensi?
    Questo è l'articolo che ho letto:
    http://www.investidorjovem.com.br/comparando-a-rentabilidade-liquida

    abraços
    Marco

    RispondiElimina
  138. Ciao Manuel

    sicuramente farsi un periodo di alcuni mesi prima di prendere la decisione finale è necessario .

    E' vero che il Brasile è grande ma considerando che cerchi una zona con un clima temperato e probabilmente vicino al mare allora le scelte si restringono al Nordeste, da Bahia in su per intenderci . Io ho vissuto circa 5 anni a Salvadoe de Bahia e da due sono a Natal nel Rio Grande do Norte . Climaticamente Natal è il massimo ... certo se la tranquillità ti innervosisce può essere un problema .

    Il nordestino fa le cose con estrema calma , non dice mai di no ... ma non è detto che faccia quello che ha promesso di fare :)

    Squali in agguato qui non ce ne sono , la gente non si incazza mai . Tuttavia la città è molto provinciale immagina che durante il Carnatal ( Carnevale di Natal anticipato a Dicembre ) nella Piazza Civica organizzano un " controcarnevale " religioso dove è proibito vendere bevande alcoliche !

    Saluti

    RispondiElimina
  139. Ciao Marco

    grazie della segnalazione . Siccome io opero direttamente con i prodotti della banca e non attraverso il correttore pertanto non acquisto azioni ma al massimo fondi azionari .

    In passato ho acquistato fondi della Vale e fondi della Petrobras che è quasi come acquistare azioni della Vale o della Petrobras .

    Dopo tre anni ( Agosto 2006 - Luglio 2009 ) di analisi degli andamenti confrontati con un fondo DI ho ottenuto i seguenti risultati :

    VALE Media : 1.6 Varianza : 10.97
    PETRO Media : 1.41 Varianza : 11.96
    PRIORITY Media : 0.86 Varianza : 0.11

    Sostanzialmente a fronte di un rendimento medio doppio mi sono dovuto sobbarcare una volatilità quasi 100 volte superiore ( 0.11 contro 11 )

    Avendo bisogno di una rendita costante da prelevare mensilmente ho preferito pertanto il Fondo DI .

    Saluti

    RispondiElimina
  140. salve a tutti sn capitato nel forum per caso,mi chiamo silvio ho 33 anni..ho messo da parte piu o meno un gruzzolo intorno ai 100000 euro e desidero trasferirmi in brasile,cosa dite riuscirei ad investirli in qualche attività riuscirei a viverci li sono consapevole del fatto che restando qui in italia aprendo qualcosa ecc rimarrei a secco in pochi anni il mio desiderio e di andare via di qua ma in brasile sono stato solo in viaggio non ho idea come muovermi e se posso realizzare qualcosa premetto che mi piace molto natal come città cosa mi consigliate

    RispondiElimina
  141. Ciao Silvio

    dici che sei già stato in Brasile per turismo , vuoi trasferirti qui e che Natal ti è piaciuta . Sulla base di queste poche informazioni posso dirti che , avendo tu 33 anni , devi necessariamente aprire una attività per vivere in quanto 100000 euro sono insufficienti a vivere di rendita finanziaria .

    Per aprire una attività e contemporaneamente conseguire il visto di permanenza devi investire almeno 150000 R$ oltre ovviamente a quello che ti servirà per vivere il primo anno ( Circa 36000 R$ incluso l'affitto di piccolo appartamento ).

    Essendo , al cambio attuale 100000 euro pari a 230000 R$ , in teoria dovresti farcela ma abbiamo trascurato dei particolari non poco importanti ( Acquisto di un auto , spese per la salute , spese impreviste )

    Insomma sei al limite ma con un poco di fortuna potresti farcela .Ci sono amici che hanno iniziato con soli 30000 euro !

    RispondiElimina
  142. Ciao Antonio, anch'io come tanti sto accarezzando l'idea di trasferirmi in brasile e per essere piu' precisi a BH. E' interessante dal mio punto di vista il post di Silvio in quanto volevo chiederti qual' e' Il capitale minimo per poter avere una rendita finanziaria tale da poter vivere di rendita? So' che e' una domanda molto generica.... Ma tant'e'! ad ogni modo ti informo che ho gia' l'RNE e casa in brasile in quanto sposato con una cittadina brasiliana ho circa 40 anni e una bimba di 2 insomma quale puo essere una cifra che tenda conto della inflazione , costo della vita e prospettiva di vita prima di una minima pensione ( per chi ci crede) italiana? Possono essere sufficienti per uno stile di vita europeo circa 5000 R$ mensili? Grazie per il tuo blog e per le inforarmazioni che ci dai in modo davvero gratuito... Lorenzo

    RispondiElimina
  143. Ciao Lorenzo

    5000 R$ sono sicuramente sufficienti qui a Natal per uno stile di vita europeo per te e la tua famiglia .La cifra da investire per conseguire questa rendita è di 600000 R$ . Oltre questa devi investire una somma ulteriore per compensare l'inflazione .

    Data la tua giovane età ti suggerisco di investire parte in finanziario e parte in altra attività legata alla inflazione .Ad esempio l'affitto di un immobile cresce in media del 10% all'anno ( Quest'anno in alcune località gli immobili si sono rivalutati del 25% / Fonte rivista EXAME di questo mese ) . Attenzione ovviamente a non comprare prodotti sopravvalutati .

    RispondiElimina
  144. Otto mi sapresti spiegare bene cosa è il SELIC?
    vedi sto link, ma son solo tabelle:

    http://www.receita.fazenda.gov.br/pagamentos/jrselic.htm

    se nn ho capito male è l'indice su cui si basa poupança...

    Poi volevo delucidazioni su tua affermazione:

    "i CDS o Fondi DI ( Semplicissimo ! )che oggi rendono il 10% netto al mese e sono a bassissimo rischio"

    Secondo te i CDs rendono il 10% (netto) i FONDI DI rendono attorno l'8% (netto)e la poupança intorno al 7%:
    la poupança è garantita dal governo brasiliano fino a un massimo di 70k reais, mentre x i CDS e i FONDI DI il governo offre garanzie?
    Im Italia se non erro sono garantiti dalla banca d'italia gli investimenti quotati in borsa.


    Il rating di Fitch sull'Italia è attualmente ad AA-, con outlook stabile; quello di S&P ad A+, ora con outlook negativo.
    il rating del debito sovrano brasiliano è BBB-(investment grade), come la maggior parte di società brasiliane.
    Certamente è giusto rischiare di piu se si perseguono migliori risultati, ma se non sbaglio anni fa il banco do brasil (sono sicuro fosse una banca brasliana,ma che sia il banco do brasil no) effetuò grossi prelievi sui conticorrenti brasilaini, puoi darmi delucidazioni???
    (il governo amato prelevo somme di 25k lire, ma cmq somme ben piu irrisorie)
    ti chiedo delucidazioni sugli investimenti bancari perchè mi appaiono molto interesanti, ma ancora poco chiare:
    anche se probabilmente la metà d qllo che ho detto sono cazzate infondate data la mia ignoranza in economia brasiliana, ti chiedo se puoi illuminarmi raccontandomi un po come gira l'economia in brasile.
    in italia un obbligazione ordinaria bancaria a 10 anni stacca cedole intorno al 4,5 % lorde mentre x le obbligazioni subordinate (in caso d default rimborsate solo dopo le ordinarie) si va dal 6 al 7,5 % ma spesso con tagli minimi di 100000 pezzi.

    se ci fosse un mondiale di calcio tra il banco do brasil e l'unicredit, io scommetterei sul brasile, ma diciamo che sarebbe una scelta istintiva, sono graditi commenti e info.

    Grazie.

    RispondiElimina
  145. Ciao Lorenzo

    ho lasciato volutamente fuori l'inflazione perchè è un punto delicato . Ognuno ha il suo paniere di beni e servizi e non si può generalizzare . Inoltre possiamo sempre modificare il paniere per adeguarlo alle mutate condizioni di mercato .

    In generale all'inizio della tua permanenza in Brasile spenderai dal 30 al 50% in più del necessario ! Ti ci vorrà del tempo per capirlo . Avere una moglie brasiliana può aiutarti sicuramente .

    RispondiElimina
  146. Ciao Manuel

    purtroppo sto partendo per l'Italia e la tua domanda è troppo impegnativa per dare una risposta rapida . Spero che qualche amico possa nel frattempo darti dei lumi al mio posto.

    Saluti

    RispondiElimina
  147. Ho capito, cmq appena puoi aspetto una tua risposta, sei la miglior fonte che conosco.
    Certo che investire 600000 reais in brasile e vivere in italia magari in toscana... la resa è d circa 2170 € al mese, ninte previdenza sociale, però si patisce l'inverno...

    RispondiElimina
  148. Grazie Antonio, quindi per avere una rendita finanziaria di circa 5000 R$ mi servono circa 600000R$ ma facendo un ragionamento che so gia' che lascia il tempo che trova perche' i paramtri non saranno sempre questi ( rendimenti al 10% e inflazione al 5%) se io investo il doppio quindi 1200000 R $ e prelevo mensilmente 5000 R$ ho una rendita mensile e preservo il mio capitale.. E' corretto il ragionamneto o qualcoa mi sfugge ... Di economia ne capisco veramente poco...( E poi il vero problema e' avere1200000R$)Grazie mille per tutto anche ad eventuali commenti/aiuti da qualche lettore del blog Lorenzo

    RispondiElimina
  149. Ciao Lorenzo

    in effetti anche 600000 R$ non sono pochi di questi tempi . Pensa che qualche anno fa , con il cambio a 3,5 equivalevano a poco più di 170000 euro !

    Per quanto riguarda l'inflazione è come dici tu anche se il calcolo va fatto sulla tua inflazione , sul tuo paniere come ho puntualizzato nella seconda parte del commento .

    In generale , alla tua età è abbastanza difficile pensare di vivere di rendita finanziaria fino alla pensione ( Dovrai attendere circa 30 anni e senz'altro si tratterà di una mini pensione ) pertanto il mio consiglio è quello di affiancare comunque una attività produttiva .

    Saluti

    RispondiElimina
  150. brasiliancappex2 giugno 2011 17:22

    Il Brasile è come tutto il resto del mondo, senza denaro o fondi non riuscirete ha fare niente..Una pensione?E di quanto?Minimo per non avere problemi deve essere di almeno, al cambio, 10mila-15mila reais al mese;alloggio..e dove?un appartamento?Una casa?in Brasile occhio che ci vuole sicurezza, specie per gli starnieri, quindi condominio fechado(opzione abbastanza cara) dai 2000 ai 4000 reais mensili...e se ti senti male cosa fai?Vai ad un posto de saude pubblico?non lo consiglio neanche al mio peggior nemico, quindi per non dover prendere un aereo e presentarsi nella Usl piú vicina all'aereoporto é bene stipulare un plano de saude particolar e qui i costi sono molteplici, ci sono piani abbastanza accessibile e piani de saude cari con tutto previsto...a voi la scelta....
    Altra possibilitá é investire...si ma investire rimanendo in Italia senza occuparsi personalmente dell'investimento non é molto salutare...
    Il mio é piú uno sfogo, di questi tempi sento molti italiani che vogliono andare ha vivere in Brasile, penso che sia una scelta ottima, io l'ho fatto, ma attenti....non é tutto oro qui in Brasile..e poi!!!!ma siamo diventati tutti quanti un popolo di ristoratori?...Ci sono un miliardo di possibilitá qui in Brasile...posso dare solo un consiglio, e qui grazie a dio chiudo,stati attenti e prudenza

    Ciao Antó,
    Brasiliancappex

    RispondiElimina
  151. Ciao Brasilian Cappex

    i numeri che hai dato sono da capogiro . 10-15 mila R$ sono 4000-6500 euro !! Neanche la pensione di un dirigente . A Vinhedo la vita è così cara ?

    Adesso capisco perchè vogliono venire tutti al Nordeste . Per esperienza gli italiani che si trasferiscono qui non hanno queste possibilità economiche .

    Qui a Natal , una famiglia di 4 persone può vivere decentemente con 4500 R$ al mese essendo proprietari di un piccolo appartamento e di una utilitaria .

    Ci sono amici italiani che lavorano a Sao Paulo , guadagnano 15000 R$ al mese ed arrivano semplicemente a fine mese... ma quello è un altro mondo .

    RispondiElimina
  152. Ciao a tutti, concordo con Antonio,Brasilian cappex che valori stai dando ???io vivo vicino a Rio e, pur sapendo che non è certo la zona più economica del Brasile,nessuna delle cifre che hai dato sono lontanamente paragonabili a quelle che ci sono qui...toglierei uno zero a tutte le tue cifre.....concordo con il finale ....non servono solo ristoratori,gli italiani non sanno fare solo questo,ci sono migliaia di occasioni ma bisogna essere prudenti.
    Giovanni

    RispondiElimina
  153. Buongiorno Antonio, per attivita'produttiva da affiancare a una rendita finanziaria si puo' intendere anche una rednita derivata da affitti? Quindinuna rendita mista composta da attivita'finaziaria e affitti pu' essere coretta in un rapporto di circa 1/2 affitti e 1/2 rendita finanziaria. es concreto: rendita finanziaria 600000 R$ dannocirca 5000R$di interessi.. Ne tengo la meta' per sopperire l'inflazione quindi 2500R$ piu' una rendita mensile di circa 2500 R$ derivata da affitti che seguono ogni anno l'inflazione totale circa 5000 R$ ogni mese. E'corretto un ragionamento del genere nel lungo periodo come rendita? Grazie mille Lorenzo

    RispondiElimina
  154. Ciao Lorenzo

    ragionamento correttissimo . Auguri

    RispondiElimina
  155. Salve io ho vissuto in brasile vari anni e ho alcune decine di migliaia di reais, voglio tornare in italia e cambiare in euro i miei reais. però le banche mi danno 2,5, quando il cambio vero è 2,3. stesso problema è per chi vuole reais, a cui fanno 2,1. C'è qualcuno che vuole incontrarsi e cambiare di persona, io vivo tra recife e la toscana...grazie antonio bellissimo blog

    RispondiElimina
  156. ciao sono paulo da curitiba.agora sto a roma.sono interessato per cambiare euro.come possiamo fare.un saluto

    RispondiElimina
  157. Ciao Paolo

    scusa ma non capisco : tu sei in Italia e vuoi cambiare euro in R$ ?

    RispondiElimina
  158. Ciao enrico, credo di sapere chi era tuo figlio , si chimava Massimo ? lo vedevo tutti i giorni fare frescoball sulla spiaggia di boa viagem. ricordo un giorno che appena svegliato mi disse che si si era svegliato con un dolore dietro alla testa. Io ne so poco della sua storia in ospedale ma ho il presentimento che sia stato condannato a morte non appena l'hanno visto entrare in ospedale con una assicurazione sanitoria di 50.000 dollari.

    RispondiElimina
  159. Ciao Antonio, ho vissuto in Brasile alcuni anni lavorando, ora ho dei risparmi e vorrei riportarli in italia, solo che banche e case di cambio mi chiedono 2,4 minimo sull´euro quando in questi giorni sul sito del BCB il cambio é a 2,28. Quindi non volevo perdere circa 10000 euro nel cambio e trovare il modo di cambiare questi soldi al tasso "reale"... Grazie un abbraccio

    RispondiElimina
  160. Ciao Paolo

    ti premetto che non ho mai riportato euro in Italia dal Brasile , quando ho avuto qualche piccola necessità in Italia ho usato la carta di credito internazionale del mio conto brasiliano.

    Naturalmente non ti suggerisco questo sistema per l'elevata tassazione recentemente imposta .o

    Naturalmente immagino che tu sappia che puoi rimpatriare senza tassazione solo i risparmi che hai preventivamente trasferito in Brasile via Banca . Per il resto pagherai delle tasse all'arrivo in Italia . Normalmente nel trasferimento Italia- Brasile il tasso di cambio viene contrattato all'arrivo della somma in Brasile con la Banca ricevente , pertanto credo che la stessa cosa possa essere fatta nel passaggio Brasile-Italia , a patto che il trasferimento avvenga con un bonifico bancario .

    Da quello che racconti sembra quasi che tu voglia cambiare i reais in euro stando però in Brasile ( Parli di casa di cambio ) . In questo caso dovresti portare con te migliaia di euro cash dal Brasile in Italia !

    Io lo eviterei e cercherei una via attraverso il trasferimento bancario . Mi dispiace non poterti aiutare , forse qualche altro amico potrà darti qualche suggerimento diverso .

    RispondiElimina
  161. ciao,per l'anonimo che conosceva mio figlio Massimo a Recife e lo vedeva sulla spiaggia sono Enrico da Ancona se ti và e mi farebbe piacere puoi contattarmi alla mia e-mail ruamuniz@alice.it era la rua dove abitava a boa viagem Grazie a te e Antonio della disponibilità. Enrico Ancona.

    RispondiElimina
  162. Esattamente Antonio, sono in Brasile, e vorrei questi euro in cash in cambio di reais. Ho vissuto vari anni qua lavorando e ho dei risparmi in reais guadagnati in Brasile. Insomma, riportarmi 15000 euro in tasca non mi sapventa, mi spaventa piú perderne 1000 nel cambio... Ti rinnovo i miei complimenti per l´interessantissimo blog

    RispondiElimina
  163. X Paolo,
    sappi che per la dogana brasiliana (uscita) è obbligatorio dichiarare il possesso di contanti superiore ai 10.000 real mentre per quella italiana (arrivo) è obbligatorio dichiarare il possesso di contanti superiore ai 10.000 euro. Le sanzioni previste sono pesanti e anche le conseguenze.
    Mi associo all'invito di Antonio di scegliere una via bancaria ufficiale. Qualora non fosse proprio possibile e se viaggi con altre persone ti consiglio di dividere il denaro.
    Considera anche che, oltre al rischio rapina, in Italia le banche adottano ora un fiscale sistema di monitoraggio dei movimenti contanti e, se non giustificati, li segnalano alle autorità.
    boa viajem
    Marcofalco

    RispondiElimina
  164. Salve ragazzi, sto facendo i biglietti per andare in Brasile!
    Qualcuno sa dirmi se esiste una convenzione sanitaria tra Italia e Brasile?
    mi sono informato per un assicurazione, per tre persone mi fanno spendere 450€ e ho una copertura di 5000€ sulla salute, 25000€ sugli infortuni...

    mi pare una stronzata, visto che che per solo soggiornare in ospedale il costo si aggira intorno ai 2500€ al giorno...

    RispondiElimina
  165. Manuel

    vedi se ti convince l'assicurazione NOMAD ( http://www.worldnomads.it) che è quella consigliata da vivereinbrasile .

    Saluti

    RispondiElimina
  166. ciao manuel.sente vai al asl della tua città li troverai un reparto dove la asl italiana te dara un documento che con la qualle potrai in caso di bisogno recarsi nei ospedale in brasile.cerca di informarti bene so che esiste questa possibilita.ed e gratuita.eni

    RispondiElimina
  167. ...insomma se ho ben capito OGGI servono 300.000 / 400.000 EURO ,da convertire poi in reals, per vivere di "rendita" strettamente da tenere sotto controllo diciamo a Natal e dintorni...giusto?

    RispondiElimina
  168. Caro Anonimo

    OGGI con 300000 euro in Italia investiti al 4% netto ricevi 12000 euro , giusto 1000 euro al mese .Se porti questi soldi in Brasile al pessimo cambio odierno di 2.2 e con il rendimento del 10% netto ricevi : R$ 66000 , ovvero R$ 5500 al mese con il quale, nel Nordeste , vivi da nababbo .

    Il discorso poi del vivere di rendita a vita è diverso . Dipende da troppi fattori come ho già più volte spiegato .

    Naturalmente puoi vivere anche con meno ... molto meno in dipendenza del tuo stile di vita .

    RispondiElimina
  169. Caro Antonio un paio di riflessioni..punto uno i titoli di cui parli sono in valuta locale e col cambio odierno,pessimo,si potrebbero avere grosse sorprese.Punto due sono riservate a correntisi e tu lo sai che un conto senza visto permanente e' molto difficile da ottenere.Punto terzo gli interessi percepiti in Brasile(tassati dal 15 al 20 percento dal governo brasiliano a seconda della durata) devono essere denunciati sul quadro RW e a quel punto ci si dovrebbe pagare le tasse irpef italiane.So di un trattato sulla doppia imposizione fra i 2 paesi ma se e' rispettato come fanno con i pensionati residenti in BRasile stiamo freschi!Davvero chiedo lumi agli utenti del blog oltre che all'amico Antonio con gli ipotetici interessi percepiti in Brasile come ci si comporta dal punto di vista fiscale?grazie a tutti sono graditi esempi di esperienze personali concrete ove possibile

    RispondiElimina
  170. Caro Anonimo

    qui parliamo di persone che come me vivono in Brasile e pertanto per noi in cambio è ininfluente . Il conto corrente lo abbiamo perchè siamo residenti in Brasile con tanto di visto permenente . La dichiarazione la devi fare solo se non risiedi fiscalmente in Brasile .

    Questi punti sono stati trattati ampiamente da Marcofalco in diversi suoi interventi .

    RispondiElimina
  171. Grazie Antonio per la risposta quindi tu consigli tale investimento solo a chi risiede fisicamente in Brasile o mi sbaglio?

    RispondiElimina
  172. ciao ottoaprile,mi chiamo massimo,stavo leggendo tutta la discussione,(molto interessante)ma se non sbaglio il 10% di 450000 sono 45000 non 3750 (4500lordi) quindi se non sbaglio la rendita è l'1% mensile o sbaglio?

    RispondiElimina
  173. ciao ottoaprile,grazie del blog,interessantissimo e utilissimo,non tutti spenderebbero tutto questo tempo per dare tutte queste informazioni...massimo

    RispondiElimina
  174. Ciao Massimo

    la rendita ovviamente è il 10% netto all'anno il che produce appunto R$ 3750 al mese su un investimento di R4 450000 .

    Attualmente il tasso in Brasile è il 12,5% lordo !

    RispondiElimina
  175. Ciao gente,per chi volesse trasferirsi in questo meraviglioso Paese,molta pazienza ed attenzione !!! Nn è cosi' facile l'integrazione ,abbiamo pensieri e logiche molto/tanto differenti. La cultura media è molto bassa e si vive di opportunita'. Mi ritengo molto fortunato per gli amici che ho,ma perche la classe sociale è alta.Credo che sia un argomento da approfondire perche' per chi desideri vivere in pace lo sappia.Vi abbraccio è un salutone alla mia preziosa Italia

    RispondiElimina
  176. concordo con anonimo del 27luglio 2011 19:28..paese che vai usanze che trovi..è un azzardo molto grande decidere di trasferirsi in brasile senza averci passato almeno tre mesi.è un paese che và conosciuto,anche se devo dire che offre moltissimo sia sotto l'aspetto economico,ma sopratutto sotto l'aspetto sociale.ciao ,masimo

    RispondiElimina
  177. ciao a tutti ciao massimo,sono Alessandro anonimo de 27 luglio.Adoro questo blog e spero di riuscire com l'aiuto d voi tutti diminuire i miei dubbi e migliorare la mia condizione economica qui in Brasile.Sembra che il mondo sia nel pallone,euro dollaro ecc,costruisco case e mi piacerebbe sapere secondo voi se vale la pena(date le condizioni difficili di mercato mondiale),investire tutto in muri e pareti oppure mantenere un buon conto corrente applicato costruindo meno.So che la via di mezzo sarebbe la + ovvia ma ho 43 anni e desidero moltiplicare cio' che ho fino ai 50 e poi la meritata pensione.Altra domanda,voi credete che tutto questo costruire in Br ,per quanti anni dara' ancora??? 2/3/4 anni??? Nessuno è indovino ma ho percepito che in questo Blog c sono ottime teste k con certezza possono aiutarmi.
    Vi abbraccio Alessandro

    RispondiElimina
  178. Ciao Aòessandro

    fammi capire meglio : tu sei già in Brasile e stai costruendo immobili e chiedi a noi lumi sul futuro del mercato immobiliare ?
    Dove stai operando ? Nella tua area quali sono i prezzi a mq per una abitazione residenziale ( Non Minha Casa Monha vida per intenderci ) ? Questi dati possono aiutare molto .

    RispondiElimina
  179. Ciao a tutti,ciao ottoaprile.
    Secondo voi,facendo riferimento al mio mess del 29 d luglio,pensate che come stanno andando le cose nel mondo (difficolta'),e' meglio investire tutto in costruzione oppure dividere il capitale con appl.bancarie o altro??? Leggete segnali come me k anche qui in Br si cominciano a vivere difficolta'(vedi inflazione,v.cambio nn + vantaggioso,v. inademplenzie varie,v.aumenti di prezzi in Europa impensabili,ecc)???Vivo nel Sud Br,vicino a Florianopolis SC. Caro Antonio t chiamo in causa, cosa faresti ???Abbraccio tutti ciao Alessandro

    RispondiElimina
  180. Ciao Alessandro

    con il pericolo che gli USA vadano in default ( Un default parziale diventa sempre più probabile ) fare previsioni diventa sempre più difficile .

    Ma se accadesse veramente qualcosa di grave un poco di liquidità potrebbe far comodo . Io sono sempre del parere di differenziare gli investimenti per ridurre il rischio specialmente in periodi come questi .

    RispondiElimina
  181. ciao Antonio, se posso posto una mia analisi da operatore del settore immobiliare. In questi anni il mercato immobiliare è letteralmente impazzito (bolla) ed il valore degli immobili non corrisponde in nulla al loro effettivo valore considerandone le caratteristiche costruttive nella stragrande maggioranza dei casi, pessime sotto tutti gli aspetti. Purtroppo (in Italia) la politica della casa è stata sbagliata già dal primo dopoguerra ed anno per anno hanno peggiorato la situazione ed ora ci troviamo con il maggior indotto industriale nazionale in crisi e senza sbocchi, con valori assurdi e migliori di operatori in difficoltà. Se a questo si aggiunge il tasso di denatalità, di mortalità (popolazione vecchia) ed il minor afflusso di immigranti (10% delle transazioni di acquisto negli ultimi anni erano extracomunitari) io temo che nei prossimi anni ci sarà in Italia un'implosione dei valori immobiliari. Con questo penso che oggi non solo in Italia ma ovunque i valori siano esagerati per la bolla che si è creata e solo 'pezzi' veramente pregiati possano mantenere ed aumentare il loro valore. Io oggi starei liquido e chi ne ha tanti, nei prossimi anni farà acquisti a prezzi di scampolo!!!

    RispondiElimina
  182. ciao ottoaprile,ho la possibilità di portare in brasile 20, 30 mila euro senza violare le leggi,(siamo 5 6 persone che faranno il viaggio)quindi 4,5 mila euro a testa,se volessi investirli in fondi di,avrei problemi?dovrei dichiararne la provenienza e pagare delle tasse,oppure si possono investire senza tanti problemi? ciao, massimo

    RispondiElimina
  183. Ciao ottoaprile,ti ringrazio per la tua celere risposta.So,è difficile immaginare cos'accadra'!! Qualcun'altro si pronuncia???
    Abbraccio Alessandro

    RispondiElimina
  184. Ciao Massimo

    se hai il conto corrente puoi tranquillamente investirli . Quando cambi gli euro in reais fatti dare e conserva il documento di cambio .

    RispondiElimina
  185. grazie ottoaprile,il conto corrente ancora non ce l'ho,potrei farlo fare a mia moglie che è b rasiliana...il punto è che non cambierei i soldi in banca,ma tramite un contatto che ho lì in brasile,...mi fa un cambio più favorevole,...solo che non ci sarebbero documenti..semplicemente vado lì coi contanti e me li cambia...il tizio ha un negozio in un centro commerciale...è fidato,perche è già diversi anni che vedo che continua a cambiare...addirittura se il cambio del giorno è 2,50 lui riesce a cambiare a 2,55...2,60.ciao ,massimo

    RispondiElimina
  186. Ciao Paolo,ho letto attentamente il tuo mess del 31 di luglio. Credo tu abbia piena ragione scrivendo che il mercato di costruzione implodera',ma nn credi che mantenendo i soldi fino a quel giorno,vedendo l'alto rischio collasso banche nel mondo,potrebbero valere molto meno???Ricordi Lira Euro cos'è successo???Avrei insomma anche paura di tenere i soldi in banca!!! Nn credi che in terra e muri i soldi siano + al sicuro??? Nulla mi sta dando un minimo d sicurezza se nn solo beni al sole !!! Alessandro

    RispondiElimina
  187. Ciao Massimo,
    attento,nn t consiglio di fare questo tipo d cose.Solo apparentemente semmbrano vantaggiose,ma in realta sono rischiose in ogni aspetto.

    Alessandro

    RispondiElimina
  188. Ciao Massimo

    non so cosa sia più rischioso se cambiare senza ricevuta o collocare i soldi sul conto di tua moglie brasiliana :)

    Non me ne vogliano le brasiliane ma sono stato sposato due volte qui in Brasile e so di cosa parlo .

    RispondiElimina
  189. rsrsrsrssrsrsrsr le conosco anch'io,ho frequentato l'ambiente,io l'ho conosciuta in austria,avevo già avuto una storia con una di fortaleza,non era nè menina di programa nè tantomeno interessera,aveva solo problemi personali...era infantile,mi è andata di lusso con lei...mi voleva veramente bene,ma era impossibile andarci d'accordo.non ne volevo più sapere di brasiliane.mia moglie è una brasiliana ''atipica''.è do interior,tutta una famiglia di lavoratori,suo fratello è laureato.è tre anni che sono assieme a lei,e per ora mai avuto un problema...non penso che una persona possa fingere tutto questo tempo,e poi è come da noi...quì ormai le ragazze ti chiedono il 730 pèrima di uscire srsrsr dipende da chi si trova...comunque grazie per i consigli

    RispondiElimina
  190. anche io ho un pò di paura nel cambiare così...dovrei avvertirlo prima per cambiare tutti quei soldi,non vorrei trovare qualcuno che mi aspetti fuori dal centro commerciale.potri farmi accompagnare da suo fratello e da un suo zio,ma resterebbe sempre pericoloso,i soldi mi servono per costruire 3 appartamenti su un terreno già di proprietà,il fatto è che sono un pò tirato,quindi più reais riuscivo a cambiare e meno tasse pagavo meglio era....certo che perderli tutti....o pagare qualche multa salata...mi sa che la cosa migliore è aprirmi il conto e farmi un bonifico,e per ole spese pagare con la prepagata delle poste.grazie a tutti.massimo

    RispondiElimina
  191. enrico ancona1 agosto 2011 19:30

    ciao massimo ho seguito il tuo commento con Antonio riguardo il cambio e il conto corrente della tua consorte brasiliana,dove dovresti versare i tuoi Eurini segui il consiglio di Antonio è un saggio sull'argomento credimi. ciao Enrico (Ancona)

    RispondiElimina
  192. grazie enrico,si,dal blog ho visto che antonio è uno che la sa lunga...solo che quì in italia ormai son diventato allergico a pagar tasse,e quindi mi veniva voglia di non pagarne proprio per fare il cambio...anche se devo ammettere che è molto rischioso..ciao massimo

    RispondiElimina
  193. Ciao a tutti...mi chiamo paolo h 36 anni vivo in Sardegna, mi son sposato in Italia con una bella Brasiliana che h conosciuto chattando....ora viviamo insieme in sardegna..volevo chiedere a ottoaprile un consiglio....mia moglie ha un conto poupanca in brasile....se io metto esempio 30 o 50 mila euro in quel conto è conveniente rispetto a che tenerli nel mio contocorrente italiano?Potrei metterli li e fruttano di piu?in termini monetari all'anno su 10 mila euro versati nel suo conto poupanca a gennaio dopo un anno effettivamente quanto c'è in quel conto?grazie a tutti quelli che mi vogliono rispondere correttamente

    RispondiElimina
  194. Ciao Paolo

    se vivi in Brasile ( e non è il tuo caso ) la risposta è ovvia : si ti conviene . Se non vivi in Brasile allora bisogna fare qualche conto .

    Il rendimento della Poupança è intorno al 7% netto all'anno , quindi sicuramente superiore al conto corrente italiano ... ma è in R$ e pertanto devi considerare che devi trasferire gli euro in Brasile , cambiarli in R$ , aspettare un anno , ricambiarli in euro , riportarli in Italia .

    Oggi , causa crisi , un BPT rende il 5% e pertanto , se non hai paura che l'euro sparisca o l'Italia vada in Default , è più conveniente investire in BTP .

    Saluti

    RispondiElimina
  195. scusa otto aprile ma il tuo post del btp e in netto contrasto con le linee guida del fmi e della maggior parte di economisti , fra l altro il distacco di deutsche dalla esposizione di 900 milioni di euro in titoli btp della settimana scorsa ne e una avvisaglia dello tsunami che colpira a brevissimo il bel paese , poi se mi parli della valorizzazzione del investimento btp quotato ora a 5 % ti rispondo che e lo spread bon btp ad accentuare questo divario , cioe pagano molto perchge sono poco affidabili , questo e un normale detto di economia reale che tralascia totalmente i derivati o i credit default swap , personalmente in italia non ho niente ma allo stato attuale il massimo investimento che potrei fare se mi esponessi in quei mercati potrebbe essere una cassa di acqua minerale almeno la bevo ... altro che btp !! ps l euro non potra mai sparire , ma in default se continua cosi e questione di pochissimi mesi ciao

    RispondiElimina
  196. Ciao Corrado

    leggi bene il post , ho detto : " se non hai paura che l'euro sparisca o l'Italia vada in Default " .Il motivo per cui pagano il 5% lo sappiamo tutti ma tu pensi davvero che l'Italia andrà in default ?

    Ciò detto , la domanda di Paolo era un'altra . Paolo vive in Italia , in Sardegna , ed i soldi li ha già su un conto corrente italiano . La sua preoccupazione non è quindi il default dell'Italia ma come aumentare il rendimento : tu cosa gli consigli ?

    RispondiElimina
  197. Ciao 8aprile,
    ho letto le tue risposte.
    Ho visitato il Brasile alcune volte e in posti diversi ma non per lunghi periodi.
    Ho anche un parente che vive a Porto Seguro da molti anni e da quello che ho sentito, mi è sembrato che - anche con il visto permanente - riuscire ad aprire un conto in banca sia un'impresa titanica e davvero lunga e difficoltosa. E' davvero così difficile come sento dire? Se così fosse, anche un attesa molto lunga per avere il conto bloccherebbe molte attività, sia operazioni finanziarie che immobiliari.
    Un'altro dubbio: io sapevo che per l'investimento ai fini del visto permanente c'erano due fasce di ingresso con due cifre diverse: la più bassa ma devi impiegare dipendenti brasiliani e la più alta ma senza vincoli. Non mi ricordo bene le cifre, ma
    sono cambiate le cose? Grazie

    Luigi

    RispondiElimina
  198. Ciao 8Aprile, ho letto qs blog e mi è piaciuto molto! Sono stato in Brasile a Natal e a Maceio e e' qui che vorrei comprare un appartamento, un immobile di pregio in zona centrale vicino al mare, come ho letto e come mi hanno consigliato opterei per un pre lancamento che acquistando sulla carta ti consente di fare già un affare,(lo stato richiede serie garanzie alle aziende che vendono sulla carta) per poi usarlo io e affittarlo ai turisti quando non mi serve e in futuro visto che ho un impresa che intendo vendere visto l'andamento economico dell'italia, e' un modo per mettere un primo piede in brasile. A Maceio ho visto che i prezzi per gli immobili con qs caratteristiche si aggirano sui 150000R. Volevo cmq sapere come si trasferiscono i soldi non potendo aprire un conto, e se ci sono società che si occupano di affittarlo ( conosco anche dei privati ma meglio chi lo fa di mestiere). Che consigli puoi' darmi?

    RispondiElimina
  199. Ciao Anonimo delle 16:00

    per acquistare un immobile , qualunque sia la il luogo prescelto in Brasile , devi avere innanzitutto il CPF ( codice fiscale brasiliano ). Una volta firmato il preliminare il denaro va inviato direttamente sul conto del costruttore via trasferimento bancario anche nel caso di pagamento rateale .
    Comprare sulla carta ha dei vantaggi solo se paghi in contanti tutta la somma altrimenti le rate sono indicizzate all'indice INCC . Tuttavia esiste sempre la possibilità che la Società costruttrice fallisca e tu perda tutto il denaro .La assicurazione esiste ma costa .Io preferisco la soluzione del pagamento contanti di un immobile finito .

    I prezzi a Natal variano .Un appartamento a Pontanegra vicino al mare di 38mq costa intorno ai R$150 0000 . Puoi anche scendere col prezzo se sei al primo piano e senza vista mare . Un appartamento di 50-55 metri vista mare in un buon edificio a Pontanegra costa almeno R$ 200 000. Il prezzo scende alla metà se lo acquisti a Praia do Meio .

    Per la gestione dell'immobile è meglio comprarne uno dove esiste già un pool albergiero . Nessuna società immobiliare si impegna a gestire un appartamento in un immobile dove non ne abbia almeno una ventina : non è economico . Immagina solo il costo in pubblicità e pulizia che dovrebbe scaricare solo sul tuo appartamento .Pertanto occhio a cosa e dove compri .

    RispondiElimina
  200. Ciao Antonio,
    complimenti per il tuo blog e per le tue dritte e informazioni,che per chi volesse cominciare da zero passerebbero anni per ottenerle,hanno fatto molto comodo anche a me che vivo a Recife da ormai 3 anni.Dopo una settimana che arrivai come turista conobbi Raphaela la mia attuale moglie e madre di mia figlia,una ragazza d'oro che a quel tempo era all'inizio della facoltà di diritto e a cui oggi mancano 3 semestri per laurearsi.La madre aveva ,ed ha ancora,un atelier di enxovais para bebè e per cominciare un negocio e restare quà in brasile lei aaccettò la mia proposta di aumentare il volume di affari.Lasciai il mio lavoro in Italia di responsabile alla logistica nella Ferrero a Roma e mi trasferì nell'incredulità totale di famiglia e amici.Comunque le cose sono andate bene,subito recuperai il piccolo capitale che investii ma avevo bisogno di cominciare qualcosa da solo.Fortunatamente gli studi in economia aziendale che ho fatto in italia mi sono serviti per avere una visione di quello che chiedeva e offriva il mercato e con il mio piccolo capitale mi lanciai in un settore che era a me completamente sconosciuto:la costruzione civile.In poche parole sono venuto a conoscenza del programma abitazionale minha casa minha vida e comprai un lotto a Carpina,città a 55 km di Recife,e cominciai a costruire una casina.Misi insieme tutto:architetto,ingegnere,manodopera e materiale,cominciò una burocrazia che passa per prefetura,crea,cartorio,receitae e caixa economica e a metà dell'opera cominciarono ad arrivare persone interessate e fortunatamente prima di terminare la prima casa già avevo il cliente per quella e per le 2 successive che feci.Le case sono di 80m2 1 suite+2 quartos,sala cozinha e area di servico,+ che dignitose e le vendo a r$ 80.000.Dopo comprai un terreno + grande dove sto facendo un condominio "popolare".A parole potrebbe sembrare facile ma nonostante i "guaranà" per accellerare i processi e a parte tutti i furbi che ho incontrato lungo il cammino ci sono state anche delle pretese del governo e della caixa che ci hanno messo il bastone tra le ruote,ma piano piano sto terminando.Ti scrivo tutto questo perchè a me e mia moglie non piace + vivere a Recife,lavorando e avendo a che fare con le persone del posto vediamo un popolo molto individualista e da un pò di tempo,anche notando il grado di soddisfazione tuo e degli altri che ci vivono,abbiamo pensato seriamente di trasferirci a Natal che abbiamo visitato solo per 2 giorni ma che a noi è sembrato un mondo completamente differente rispetto a Recife.Problemi con l'università nn ci sarebbeo perchè la Mauricio de Nassau sta anche a Natal ma i miei dubbi era sulla possibilità di continuare a costruire visto che ormai conosco tuto l'iter oltre ad essere a disposizione di un equipaggiamento e di un pò di esperienza che sto accumulando in questo cantiere.In pratica ti chiedo:ci sono lottizzazioni dove è possibile costruire casine o piccole villette a schiera con il discorso minha casa minha vida?Mi sto rendendo conto che sono partito troppo da lontano per farti questa domanda ma ti volevo far capire la mia reale situazione,nn sono un ricco,sono solo con mia moglie e la bambina,sono partito da pochissimo e ho creato qualcosina,volevo sapere se vale la pena tentare a cercare un tenore di vita che + si avvicina alle nostre esigenze o arrangiare un altr pò da queste parti e poi vedere cosa fare.Magari avessi incontrato una persona come te o il tuo blog un pò prima,avrei avuto risposte + rapide ed esaustive alle tante cose a che si affrontano tutti i giorni stando lontani da casa.So che questa storia potrebbe nn interessare alle persone che ti seguono ma per me sarebbe importante il tuo parere.Grazie per l'attenzione

    RispondiElimina

Lasciate qui un vostro commento