sabato 28 agosto 2010

La patente per stranieri in Brasile


L'ente CONTRAN ( Consiglio Nazionale per il Transito ) ha recentemente emendato una risoluzione risalente al 2006 che obbligava gli automobilisti stranieri a fare una traduzione giurata della propria patente per poter circolare nel territorio brasiliano .

Il paragrafo 3 dell'articolo 1 della risoluzione 193 del 2006 recitava :

O condutor ... deverá portar a carteira de habilitação estrangeira, dentro do prazo de validade, acompanhada da respectiva tradução juramentada e do seu documento de identificação, devidamente reconhecida mediante registro junto ao órgão ou entidade executivo de trânsito dos Estados ou do Distrito Federal.

Dal Marzo 2010 il paragrafo 3 è stato così emendato :

O condutor ... deverá portar a carteira de habilitação estrangeira, dentro do prazo de validade, acompanhada do seu documento de identificação.

Pertanto dal Marzo 20101 è sufficiente la patente in corso di validità accompagnata da un documento di identificazione ( Passaporto ) .

Vale la pena ricordare che questo è valido solo per i turisti entro i 180 gg di permanenza mentre per i residenti , ovvero coloro che permangono oltre i 180 gg all'anno , permane l'obbligo di sostenere l'esame per ottenere la patente di guida brasiliana come recita la stessa risoluzione 193 nel par.4 dell'Art.1

O condutor estrangeiro, após o prazo de 180 (cento e oitenta) dias de estada regular no Brasil, pretendendo continuar a dirigir veículo automotor no âmbito territorial brasileiro, deverá submeter-se aos Exames de Aptidão Física e Mental e Avaliação Psicológica, nos termos do artigo 147 do CTB, respeitada a sua categoria, com vistas à obtenção da Carteira Nacional de Habilitação.

Si noti che non è necessario fare un vero e proprio esame di guida con corsi teorici e pratici ma basta il cosiddetto Esame Psicofisico e la Visita Medica . Il tutto è svolto al DETRAN di competenza in un paio do giorni . Naturalmente la patente straniera deve trovarsi in corso di validità .

Io ho personalmente sperimentato questa procedura al DETRAN di NATAL nell' Ottobre 2009 ed ha perfettamente funzionato . Costo complessivo : 275 R$ .

Resta comunque un dubbio . Per ottenere la patente il DETRAN ha preteso la mia CIE ( Carta di identità di Straniero ) che notoriamente non è concessa immediatamente dopo la richiesta del visto permanente . Pertanto se non si è in possesso della CIE difficilmente il DETRAN prenderà in considerazione la vostra richiesta e sarete costretti a guidare per un certo periodo fuorilegge .

Se qualche amico ha risolto questo cavillo burocratico sarebbe interessante sapere come .
Sembra che nell'attesa dell'RNE la PF rilasci su richiesta un documento detto SINCRE che consente il rilascio provvisorio della Carteira de Trabalho nonchè della  Carteira de Motorista ( Habilitaçao ) 


74 commenti:

  1. Certo che solo menti acute potevano pretendere una traduzione giurata di una patente..da un turista!
    In alternativa la PF rodoviaria (personaggi da 5000rs mese)accettava la patente internazionale, peccato pero' che non abbia pero' la pagina in portoghese !

    RispondiElimina
  2. anche io sto a Natal e sto avendo problemi. Ho il documento provvisorio di identità di straniero, dove non è riportato l'RNE e al detran mi hanno chiesto l'RNE perchè fondamentale. La policia fededral mi dice che l'RNE mi viene concesso solo dopo 2 anni con il visto definitivo. Cosa devo fare?

    RispondiElimina
  3. E' proprio la anomalia che segnalavo nel post e per la quale avevo chiesto se qualcuno l'aveva risolta in qualche modo . In teoria , fino a 6 mesi puoi guidare con la patente italiana accompagnata dal passaporto dopo sei fuorilegge .
    Naturalmente la PF ti risponderà che non sei obbligato a guidare , puoi usare il bus o il taxi . Difatti se ti beccano l'infrazione è guida senza patente e non è bello per chi è in attesa dell' RNE .

    RispondiElimina
  4. Buongiorno, cumplimenti per il blog, é davvero molto utile!!! Ho due domande, in caso converto la mia patente italiana con quella brasiliana, rischio la revoca della patente italiana? Qualcuno sa dirmi in cosa consiste l'esame psicologico? Grazie mille.

    RispondiElimina
  5. Ciao Paixao

    assolutamente no .In realtà non è una conversione ma una validazione . Devi andare al DETRAN della tua città e ti spiegheranno tutto . Inizialmente dovrai tradurre la patente italiana che deve ovviamente essere in corso di validità.
    Poi fare l'esame di vista e l'esame psicofisico . Io ho fatto tutto al DETRAN di Natal in due giorni .

    L'esame psicofisico non è banale e se non conosci la lingua portoghese è meglio rinunciare ed aspettare prima di conoscere la lingua .

    L'esame consiste in una serie di quiz dove sceglire delle risposte . Hai un tempo limitato ed i quiz sono tanti ecco perchè devi conoscere bene la lingua .

    RispondiElimina
  6. Ciao Paxiao

    dimenticavo una cosa fondamentale . Se non hai il numero di RNE non ti validano la patente anche se hai fatto domanda per il visto .

    RispondiElimina
  7. Ciao Antonio,
    vorrei prendere questa benedetta patente brasiliana, l'ultima volta che sono stato in Brasile non ho avuto tempo di farla ma ora.. cacchio in 1 settimana che sono qui mi hanno già fermato 3 volte e tutti che mi dicono che devo convertire la patente altrimenti sono guai.. scusa lo sfogo.. ma in cosa consistono questi test psicofisici? esiste qualcosa in giro in modo che possa un minimo esercitarmi prima di fare questo esame?
    Grazie mille Enzo

    RispondiElimina
  8. Ciao Enzo

    per superare i test psicofisici devi sono conoscere il portoghese ed armarti di pazienza ed un poco di logica .

    Non conosco un testo per prepararsi nè credo sia necessario perchè non sono domande relative alla circolazione stradale .Si tratta di rispondere a domande con alcune risposte possibili da selezionare , associazioni di immagini , disegnare delle righe diritte e così via .

    Vogliono testare la tua attenzione e verificare che non danno la patente ad uno squilibrato . Per noi stranieri l'unica vera difficoltà può essere la comprensione della lingua portoghese in cui sono scritti i quiz .

    Saluti ed auguri

    RispondiElimina
  9. Grazie mille Antonio, per il portoghese non dovrei avere problemi pensavo che ci fosse anche qualche domanda relativa alla circolazione stradale.. meglio così! Squilibrato non dovrei esserlo.. pazienza un po'ne ho.. logica si spera.. forse sono pronto per sostenere l'esamne!! Speriamo bene!
    Ancora grazie Enzo

    RispondiElimina
  10. io ho fatto la patente brasiliana nel 2006 a natal.
    non ho fatto la traduzione di quella italiana.
    RNE non me lo hanno chiesto. io però avevo un visto temporaneo di un anno in attesa di quello definitivo, fatto dalla PF, probabilmente grazie alle conoscenze del mio contador.
    per i test li ho ritenuti molto semplici, considerando che ancora non conoscevo molto bene il portoghese.

    p.s. ciao Antonio, com'è quel di Natal, ormai non ci torno da più di 6 anni. ero al ristorante vicino al Chaplin, difronte all'hotel( non ricordo il nome)..
    ora sono in Italia, ma sempre con un occhio in brasile che frequento solo in ferie. (recife e anche Rio)
    vista la situazione europea io e mia moglie stiamo pensando a Rio dove vive mio cognato........un saluto a tutti....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao

      grazie del saluto . Per quanto riguarda il Brasile in generale , dal 2006 ad oggi il cambiamento maggiore per gli stranieri è stato il cambio euro/real che ha ridotto di molto il potere di acquisto .Qui a Natal questo ha provocato la sostituzione del turismo europeo con quello brasiliano, per chi si è adattato "tudo bem ".

      La città è molto cresciuta e così il traffico di auto ma ancora di più è cresciuta la vicina periferia . Parnamirim ad esempio ha visto raddoppiare la sua popolazione dall'ultimo censimento . Il settore dei servizi e del commercio è quello che cresce di più anche se l'apertura al mercato cinese ha messo in crisi la più grande attività industriale del Rio Grande do Norte , quella tessile che non solo non riesce più ad aumentare i livelli di occupazione ma addirittura li riduce .
      Infine una buona notizia sul fronte energetico dove grazie alla sua estrema ventosità si avvia a diventare lo Stato con maggiore produzione di energia eolica del Brasile .

      Elimina
  11. Io ho fatto la patente brasiliana a marzo. Il test psicotecnico è stato divertente anche se un po' lungo (2 ore circa...), la visita medica è durata meno di 5 minuti...

    Esempio del test psicotecnico: http://youtu.be/4LXVxfP3gmU

    RispondiElimina
  12. Ciao Antonio ho trovato quest'articolo:

    Le convenzioni internazionali in materia prevedono due distinti modelli di patente internazionale: il modello "Ginevra 1949" e il modello "Vienna 1968". Entrambi i permessi internazionali di guida sono attualmente ottenibili in Italia ; il modello "Vienna 1968" ha una validità di 3 anni, mentre quello "Ginevra 1949" ha una validità di 1 anno, sempre nei limiti della validità della patente nazionale. Si segnala che alcuni Paesi (ad esempio Stati Uniti) riconoscono validità unicamente alle patenti internazionali conformi al modello "Ginevra 1949": anche per questo aspetto è opportuno consultare il sito Viaggiare Sicuri.
    In BRasile è valido il modello Vienna ?
    Grazie
    Andrea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Andrea

      ti sei "incartato ben bene " .In Brasile se vieni come turista è valida la patente italiana NON hai bisogno di alcuna patente internazionale nè di traduzione così come spiegato nel post .
      Una volta residente devi riconvertire la patente italiana in brasiliana recandoti al DETRAN di zona .

      Elimina
  13. caro Antonio , e io che sono italiano residente in Brasile , con visto permentente , patente di guida brasiliana ecc. posso guidare in Italia con la mia patente brasiliana , perche quella italiana mi è scaduta?si tratta di soggiorno turistico in Italia per 15 giorni

    cordiali saluti
    Mike

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se tu avessi la cittadinanza brasiliana o fossi brasiliano non avrei dubbi e a causa del principio di reciprocità la risposta sarebbe si . Ma tu hai solo un visto permanente in Brasile , continui ad essere italiano a tutti gli effetti . Se il passaporto ti scade ad esempio lo devi rinnovare e pertanto ho dei dubbi sulla validità della tua patente brasiliana in Italia .

      Elimina
    2. Mike se sei iscritto all AIRE, tra gli "innumerevoli" vantaggi hai anche quello di poter rinnovare la patente italiana presso il Consolato italiano in Brasile.
      Infatti, in tema di patenti di guida, la Circolare n. 107 del 1997 del Ministero dei Trasporti prevede per i cittadini residenti
      all'estero, regolarmente iscritti in A.I.R.E. o dimoranti all'estero per un periodo di almeno 6 mesi o iscritti nelle anagrafi consolari per i quali sia stata avviata la procedura di iscrizione in A.I.R.E., che la procedura di conferma di validità
      della patente anziché in Italia venga effettuata interamente all'estero ad opera della stessa Autorità diplomatico-consolare. Quest'ultima provvederà direttamente all'apposizione sul documento dell'attestato di conferma di validità subordinatamente all'acquisizione della prevista certificazione del medico fiduciario della Rappresentanza e previa percezione dei relativi diritti consolari.
      http://www.esteri.it/MAE/normative/Normativa_Consolare/ServiziConsolari/Autoveicoli/Rinnovopatenti/circ_patenti.pdf

      saluti
      Marco

      Elimina
    3. Vantaggio relativo per chi come me e tanti altri vivono in una Capitale priva di rappresentanza consolare effettiva . Nemmeno il passaporto ci rinnovano a Natal ! Io personalmente ho preferito comprare un biglietto aereo e sono stato in Italia dove ho rinnovato passaporto , patente e carta di identità ... e mi sono mangiato anche una bella mozzarella !

      Elimina
    4. A proposito di mozzarella e dei suoi nostalgici, all'aereoporto di Fiumicino (duty free) vendono delle ottime mozzarelle di bufala. Le fanno pagare 28 euro al chilo ma le confezionano in modo tale da arrivare in buone condizione a destinazione in Brasile. Se avete nostalgia e qualcuno viene a trovarvi da Roma fatevele portare, vale la pena.
      Da para matar a saudade ...
      abraços
      Marco

      Elimina
  14. hai ragione , oggi ho inviato una mail alla motorizzazione civile e mi hanno risposto che in questo caso non è valida , solo lo puo' essere se tradotta da un giurato in italiano

    comunque grazie 1000
    complimenti
    Mike

    RispondiElimina
  15. Leggi sol sito del consolato Italiano in Rio,se sei iscritto A.I.R.E puoi rinnovare la patente,fino dopo 3 anni dalla scadenza,dovrai fare la visita medica,presso un medico riconosciuto che fortunatamente, opera in un determinato giorno direttamente nel consolato,dovrai solo agendare l'appuntamento e potrai risolvere tutto in un solo posto.Adesso una mia domanda , so che chi iscritto all'Aire non ha più diritto,alla sanita pubblica italiana, ma ho letto non mi ricordo dove, che basta solo fare tipo una richiesta in consolato,per poterne usufruire nel periodo di permanenza in Italia.C'è qualcuno in grado di confermare o smentire?

    RispondiElimina
  16. Ciao Antonio,
    visto che di patenti si sta parlando, potresti darmi informazioni in merito ad una patente di guida di apparecchi VDS (volo diporto sportivo), ultraleggeri, per intenderci.
    Visto che ho in corso il progetto di trasferimento a Bahia, volevo continuare a volare con il mio pendolare, che in Brasile chiamano Trike, ma in rete non sono riuscito a trovare informazioni in merito.
    Sarà sufficiente una traduzione giurata o bisognerà rifarla in loco?
    Ti ringrazio
    Roberto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho trovato sulla rete molte info . Ti allego quella relativa ai requisiti necessari in Brasile per conseguire la licenza partendo da zero .

      Para pilotar um ultraleve, você precisará ter um CMPU (Certificado Médico para Pilotar Ultraleves). Para obter o CMPU, você precisará fazer os seguintes exames em qualquer laboratório médico:

      - Glicemia
      - Creatina
      - Tipagem Sanguínia
      - Lipidograma Colesterol total e frações + Triglicérides
      - Eletrocardiograma (Menor de 40 anos)
      - Teste ergométrico (Acima de 40 anos)

      De posse destes exames, fazer uma consulta com um médico que emitirá um certificado de capacidade física que deverá ser enviado para o ABUL (Associação Brasileira de Ultraleves) e esta emitirá o CMPU válido por 2 anos.

      Você precisa também fazer um curso teórico das seguintes matérias:

      - Teoria de vôo
      - Regulamento de trafego aéreo
      - Conhecimentos técnicos e motores
      - Metereologia
      - Navegação

      Estas matérias são ministradas em uma escola de aviação, como a que existe em Tatuí-SP, que oferece uma matéria por fim de semana (Sábado e Domingo) das 9:30 as 12:00. Ao final do curso, você deverá prestar uma prova teórica destas matérias, caso seja reprovado em alguma, após 15 dias você poderá prestar a prova novamente.

      Durante esse tempo, você já pode e deve ir fazendo suas aulas práticas (vôos), em média, um aluno aprende a voar e fazer as manobras de emergência com 35 horas, mas tem pessoas que levam menos ou mais tempo, depende de cada um, de sua disponibilidade, etc.

      Os alunos escolhem e marcam seus dias e horários de vôo e comunicam a escola ou um dos instrutores. Falando em restrições, são muito poucas, existem pilotos com mais de 90 anos, pilotos que tem apenas uma mão, cego de um olho, etc. A legislação médica para pilotos de ultraleves é bem parecida com a legislação do DETRAN, basicamente quem pode dirigir um automóvel pode pilotar um ultraleve.

      A Escola de Aviação Leve FREEDOM de Tatuí cobra os seguintes valores:

      1 - Consulta com o médico R$ 150,00
      2 - Inscrição na ABUL R$ 223,20/ano
      3 - Curso Técnico (Completo) R$ 950,00
      4 - Material didático (cinco livros) R$ 250,00
      5 - Taxas de exames e emissão de carteiras (ABUL) R$ 300,00
      6 - Hora de vôo em avião da escola R$ 300,00
      7 - Hora de vôo em avião do próprio aluno R$ 120,00

      A diferença entre o CPD (Certificado de Piloto Desportivo) e o CPR (Certificado de Piloto de Recreio) é que você deve fazer primeiro o CPD, para aprender a pilotar o ultraleve e com esta carteira você não poderá se afastar mais do que 40 km do seu local de decolagem e deve sempre pousar no mesmo local onde decolou. Já o detentor de uma carteira de CPR, pode voar por todo o Brasil, neste curso o aluno aprende a voar controlado e em rota, fazer fonia, etc.

      Documentos necessários para a matrícula (Escola Freedom)

      2 x Fotos 3x4
      2 x Cópias simples do RG e do CPF
      2 x Cópias de um comprovante de endereço
      2 x Cópias de um comprovante de escolaridade

      Consulte a Escola de Aviação Freedom de Tatuí para maiores informações:

      Site: www.ultrafreedom.com.br
      e-mail: jeovan@terra.com.br (Instrutor Chefe da Escola de tatuí-SP)
      Endereço: Via Municipal Karl Heinz Jahmann s/n - Hangar 2 - Tatuí - SP - Brasil, CEP: 12270-000

      Elimina
  17. BUONA SERA A TUTTI ! MIO NOME E MICHAELA POPA .COMPLIMENTI A LEI , PER QUESTO BLOG COSI ATTIVO E INTERE SANTE . IL MIO INTERVENTO NON E LEGATO A COSE TECNICHE ,VIVO ANCORA IN ITALIA ..PER POCO. LAVORO NEL SOCIALE , CONCETTO AMPIO. PER ESSATEZA PER I DIRITTI UMANI , RECISAMENTE PER I DIRITTI DEI BAMBINI E DELLE FAMIGLIE NATURALI. DA UN ANNO LAVORO IN UN MOVIMENTO NAZIONALE CON UNA SQUADRA DI PERSONE FANTASTICHE, CHIAMATI FRATELLI DI SOFFERENZA. LAVORO IN ITALIA E IN EUROPA, ALLE STESSE ANOMALIE SOCIALI. IN SPECIFICO IL FENOMENO DELLA SOTTRAZIONE DEI BAMBINI. IO STESSA VITTIMA ANNI FA.TUTT'ORA COMBATTO. COLLABORÒ CON LE PIÙ IMPORTANTI ASSOCI AZIONI AL LIVELLO NAZIONALE ,MA E UN ALTRO MONDO DI DELUSIONE ,PER NON PARLARE DELLA VECCHIA POLITICA . LE MIE VEDUTE SI SONO AMPLIATE ARRIVANDO HA STRINGERE LEGAMI CON AMBITO SOCIALE LONDINESE , FRANCESE ...E AVERE UN QUADRO GENERALE DELLA POLITICA SOCIALE CHE STA RIVELANDO DELLE REALTÀ RACAPRICIANTI CHE TUTTI I PAESI FIRMATARI DEL PROGRAMMA EURO SUBBIRANO. COME PERSONAGGIO POLITICO , SALITO DALLA BASE DEL SOCIALE , PORTO NEL'MIO IMPEGNO UNA VENTATA DI REALTÀ CHE IL PAESE CERCA DI OCCULTARE. PRESTO CI SARA UNA RIVOLUZIONE INASPETTATA MA LA GENTE NON DOVRÀ SAPERE. QUESTA E LA POLITICA DELLE FORZE CHE CONCORRONO ..IN QUESTO SCEMPIO A QUI..ITALIA IMPASSIBILE STA ASSISTENDO.SENZA REAGIRE! INDOTTRINA TI DALLA DOTTRINA DELLA CHIESA CHE E PARTE INTEGRANTE DI QUESTA MACABRE MACCHI NAZIONE,IL POPOLO CONFIDA IN MIRACOLI DAL CIEL'SERENO..SENZA IMPEGNARSI A GARANTIRSI UN FUTURO , UNA SICUREZZA PER I PROPRI FIGLI. COSI ASSISTE AMO ALLA SOTTRAZIONE DEI BAMBINI DALLE FAMIGLIE E LA LORO DESTINAZIONE A UN MONDO DI CRIMINI E ABUSI DI QUALSIASI GENERE!! NON DICO NULLA DI ESAGERATO !! E LA CRUDELE REALTÀ !! DOVETE AIUTARCI SE E POSSIBILE !! IO IL MIO IMPEGNO L'HO APPLICATO ARRIVANDO AD APRIRE TUTTE LE PORTE DEI MINISTERI INTERESSATI , CAPO DELLO STATO , ONU ETC. HO SCOPERTO COSE CHE NON SI VOGLIONO FAR SAPERE ALLA POPOLAZIONE .
    FRA LE MIE COLABORAZONI NEL EUROPA HO CONOSCIUTO IL MIO FUTURO MARITO , A LONDRA.
    ANCHE LUI HA LE SUE BAMBINE SEQUESTRATE DAI SERVIZI SOCIALI CON DEI METODI CHE ACCOMUNA TUTTI I SEQUESTRI DI BAMBINI ! IN ITALIA ,INGHILTERRA , FRANCIA ...E TANTI ALTRI PAESI FIRMATARI ONU , QUESTO FLAGELLO CRIMINALE STA ROVINANDO LE FAMIGLIE E LE VITE DEI NOSTRI FIGLI !! NESSUNO INTERVIENE !! E UNA SITUAZIONE INSOSTENIBBILE .. E LA GENTE DORME IGNARA PENSANDO CHE IL PROBLEMA E SOLO DEL VICINO..SPERANO ANCORA NELLA ..INVISIBILE GIUSTIZIA CHE NON ESISTE PIÙ. SIAMO IN UN PERICOLO REALE CHE VIENE MANIPOLATO DALLA MASS MEDIA INTIMATA AD RACCONTARE ..UN ALTRA COSA,DEVIANDO SEMPRE SISTEMATICA MENTE IL FULCRO DELLA VERITÀ! TEMO ANCHE PER LA MIA VITA !! MIO FUTURO MARITO RISCHIA DI ESSERE INCARCERATO A LONDRA PER AVER DIVULGATO NOTIZIE SUL SUO CASO E PER IL FATTO CHE LOTTA PER AVERE ACCASA LE SUE BAMBINE !! IL MONDO ASSISTE IMPASSIBILE A DEI CRIMINI CONTRO L'UMANITA !! VORREI SAPERE SE SI PUÒ CHIEDERE ASILO IN QUESTI CASI PER GENITORI NATURALI E PER I PROPRI BAMBINI !? E FONDAMENTA LE SAPERE IN CHE MODO ! TANTE FAMIGLIE CERCANO DI RIPRENDERSI I FIGLI E METTERLI AL SICURO ! AIUTATEMI A DIFFONDERE QUESTE NOTIZIE ! GRAZIE !
    MI TROVARE SU FB AL IND.MAIL michaelapopa.roma@gmail.com

    RispondiElimina
  18. Anche con la patente internazionale sappiate che se verrete a Rio potrebbe capitarvi di dover pagare 50 -100 reais il poliziotto della "blitz" che vi ferma sulla strada che passa davanti all'aeroporto menrte state transitando con il vostro "carro" appena noleggiato (sono lì apposta anche se non sempre).
    A parte queste amenità sappiate però che in qualsiaisi caso per ottenre la CNH definitva oltre la visita medica e la prova psicotecnica (a prova di demente) dovrete anche fare una prova a quiz con risposte multiple in caso che...
    (tratto dal http://www.detran.rj.gov.br/_documento.asp?cod=138)

    prova de atualização, com questões de Direção Defensiva e Primeiros Socorros, se o motorista tiver tirado Primeira Habilitação antes de 21 de janeiro de 1998).
    Comunque anche se dispiace dirlo potete affidarvi ad un despachante del DETRAN che...vi consiglierà!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non ci sono infrazioni contestabili non si deve pagare. Si deve insistere chiedendo la presenza della Policial Federal, come da diritto, e alla fine vedrai che si stancherà e ti manderà via. Se poi andiamo di fretta o ci vogliamo togliere dall'impaccio è un altro paio di maniche. Non dimentichiamo che la PM al massimo può elevare multe o sequestrare il mezzo (se è della locadora chissene importa).
      E' ovvio che tanto più si cede ai ricatti infondati, tanto più questi cercheranno di fotterci tutti, grazie e voi che pagate senza motivo.
      Anche a me è capitato di dover pagare piccole somme, anche se a malincuore, ma perchè c'era motivo del contendere.

      Elimina
  19. Qualcuno sa dirmi il numero della normativa che stabilisce che si può utilizzare la patente italiana per 6 mesi?
    L'ultima volta che mi hanno fermato,il poliziotto aveva delle perplessità sul fatto che potessi guidare con patente italiana.
    Vorrei stamparlo e portarmelo dietro.
    Grazie
    Cristian

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cristian

      è scritto nel Post : Risoluzione 193 del CONTRAN . Trovi il testo completo su diversi link . Ti segnalo questo :
      http://www.portalconsular.mre.gov.br/mundo/europa/republica-francesa/paris/servicos/informacoes-consulares/estrangeiros-dirigir-no-brasil/

      Elimina
    2. Questo link non è vecchio? Ancora parla della traduzione giuramentata. Entro i 180 gg non basta patente e documento? Ciao. Daghy

      Elimina
  20. Ciao otto,

    Invio questo link del Detran appositamente per i tusti stranieri a Rio che desiderano guidare:

    http://www.detran.rj.gov.br/_documento.asp?cod=141#oque

    Riccardo (noveaprile55) ehehehe

    RispondiElimina
  21. sta di fatto che dopo i 6 mesi e fino all'arrivo del visto permanente (2 anni in media) si guida fuorilegge, come sto facendo io. Chiedo inoltre conferma se sia davvero necessario il quiz di pronto soccorso per chi ha fatto la patente la prima volta prima del 1998.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. P.S.: non sono solo quiz sul pronto soccorso.

      Elimina
    2. Ciao, io ho fatto il registro della CNH estrangeira proprio in questi giorni e nello stato di Sao Paulo non ho fatto nessun test di pronto soccorso, solo Vista e Psicotecnico 64,00 + 75,00 reais, la mia patente italiana e' stata emessa per la prima volta nel 1997 e non mi hanno fatto alcun problema. P.s. io RNE l'ho ottenuto per Coniuge al seguito sposato da meno di 5 anni in 9 mesi , ovviamente le pratiche per il visto le avevo iniziate in Italia

      Elimina
  22. Sì qui a Rio io l'ho fatto.
    C'è un libretto oppure puoi vedere di fare i quiz di simulazione di prova su internet c'è una pagina apposita del Detran di Rio. Basta azzeccarne 21 su 30. Comunque conviene leggere il libretto anche perchè non tutte le domande sono su internet. E' un libretto azzurro di poche pagine. Inoltre ogni 5 anni in Brasile (RJ)l'esame di atualizaçao credo lo debbano fare tutti.
    Riccardo

    RispondiElimina
  23. mi chiamo helen,sono una cittadina brasiliana residente in italia,sono in possesso della patente di guida italiana,posso guidare in brasile come turista?basta solo la patente e un documento che attesta che sono residente in italia?
    grazie

    RispondiElimina
  24. Per la patente di guida si puó (esperienza personale) fare prima di venire in Brasile, la patente internazionale con validitá di 3 anni, farla tradurre da un traduttore giuramentato anche qui in Brasile e poi accompagnata dal passaporto che comprova la identitá usarla normalmente in attesa di RNE brasiliana ( carta d'identitá) e definitiva richiesta con esami ecc. per conseguire la CNH (Carteira Nacional de Habilitação). Per un brasiliano che ha la patente italiana é piú semplice: traduzione giuramentata e trasformazione diretta della patente italiana in patente di guida brasiliana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alex

      un turista italiano può tranquillamente usare la patente italiana con il passaporto come documento di riconoscimento . Non ha bisogno di traduzioni giurate . Una volta che però ha ottenuto il visto permanente DEVE validare la patente italiana in Brasile . Nell'attesa della documentazione definitiva basta portarsi indietro il protocollo dele richieste effettuate : la polizia rodoviaria per mia esperienza non fa particolari problemi .

      Elimina
  25. Ciao a tutti,

    finalmente dopo un anno dal mio arrivo in Brasile sono riuscito ad avere questa benedetta CNH Brasiliana. Ho guidato per i primi sei mesi in regola con la legge e per i secondi 6 mesi sono stato abbastanza fortunato non incontrando molti controlli. Comunque tutto il ritardo e' stato dovuto alla ricezione dell RNE che invece di essere pronto in 3 mesi ( come da data scritta nel protocollo della PF) ci ha impiegato 9 mesi, cosi nel frattempo in Minas Gerais hanno cambiato la procedura di consegna dei documenti che sarebbe dovuta avvenire direttamente al Detran di BH e non piu' a quello della citta' di residenza. Fortunatamente mia cognata vive a Ribeirão Preto (molto piu' vicino da dove vivo io) ed ho fatto tutto li e in 15/20 giorni ho avuto la patente. I documenti che ho presentato sono:

    - Modulo riempito on-line sul sito del Detran Sao Paulo con protocollo, data e ora dell'appuntamento

    - Patente Italiana in corso di validita' + copia

    - Traduzione Juramentada della Patente + Copia

    - Dichiatazione di Residenza fatta da mia cognata in cartorio + copia e originale di una bolletta intestata a mia cognata

    - Originale e Copia dell RNE

    - Originale e Copia del CPF

    - Originale e Copia del Passaporto Italiano

    Dopo aver visionato tutti i documenti mi hanno fatto una foto e preso le impronte e dato un foglio con una tassa da pagare e con indirizzo del medico per fare la visita della vista e dello studio dove fare il Test Psicotecnico.

    Tassa Registro CNH estrangeira 95,00 reais (pagata nel Banco do Brasil)
    Esame Vista 64,00 reais ( pagata direttamente al dottore)
    Test Psicotecnico 75,00 reais ( pagata direttamente al dottore)

    Una volta superati gli esami il medico entra direttamente nel sito del detran e sulla ma scheda da l' ok con la sua impronta digitale ( molto piu' avanzati di noi in queste cose). Poi sono tornato al detran ed ho consegnato tutte le copie ( ricordatevi di andare direttamente con le fotocopie fatte, ho visto due persone prima di me nella fila essere mandate via con una maleducazione . . . ). Poi mi e' stato consegnato un numero di protocollo e la ricevuta del pagamento della tassa di registro di 95,00 reais, dopo 15 giorni sono tornato a ritirare la CNH ed ora posso guidare il mio HB20 senza paura di essere fermato ;-)

    La patante Italiana mi e' stata lasciata, in quella brasiliana hanno inserito la data della mia prima patente ed il nome dei miei genitori in piu' sono presenti anche il numero di RNE ed il CPF, sara' che e' valido come documento di identita' e posso andare in giro senza portarmi l'RNE? ( con tutta la fatica che ho fatto per averlo ho paura di perderlo rsrsrsrsr).

    Spero che queste info siano utili per gli altri amici di questo blog.
    Ciao e complimenti per il blog

    RispondiElimina
  26. Ciao a tutti,
    in Goiania con il sincre, traduzione giuramentata della patente italiana, passaporto,e un pagamento di quasi 300 rs mi hanno detto che posso fare la loro patente, ma ho degli amici in Bahia che sono riusciti ad avere la patente brasiliana con i documenti sopra elencati, ma senza il SINCRE.

    Dimitri Pesci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, dipende dallo stato in cui ti trovi, alcuni richiedono Rne, altri in attesa accettano il sincre o la ricevuta con il protocollo della PF, pero' di regola serve solo l'Rne.
      Ciao

      Elimina
  27. POLEMICA DAL PIANETA DELLE SCIMMIE:
    Oggi sono stato al detran a Fortaleza ( Av. Godofredo Maciel,Maraponga) nell'unico posto dove si può fare questa pratica per quanto riguarda lo stato del CEARA'. Portando le varie fotocopie e documenti sono andato a parlare con quella che dovrebbe essere stata la ragazza più attualizzata del posto tentando di risolvere la questione: PER CONVERTIRE LA PATENTE SERVE O NON SERVE LA TRADUZIONE GIURATA?
    Insomma,la ragazza mi ha portato l'articolo di riferimento, del 2010 ,che potete trovare anche su questo sito: http://www.denatran.gov.br/download/Resolucoes/RESOLUCAO_CONTRAN_360_10.pdf così la domanda mi é sorta spontanea,ovvero,dove stà scritto che devo portare la traduzione giurata?
    Così se nè andata di nuovo e dopo un pò é ritornata con questo articolo del 2004: http://www.denatran.gov.br/download/Resolucoes/RESOLUCAO_CONTRAN_168.pdf in cui all'articolo 29 paragrafo 3 dice che bisogna essere accompagnati dalla traduzione giurata.
    Avevo già tentato di spiegargli che era testato che in altri stati si poteva fare senza traduzione giurata e lei mi ha risposto che questo varia da stato a stato...??? Come può essere se il COTRAN significa appunto "Conselho NACIONAL do transito"!
    Tornato a casa mi sono messo a leggere le due normative,e la seconda (2010) alla fine dice appunto:
    - Art. 7°. Ficam revogadas as Resoluções n° 193/2006 e n° 345/2010 – CONTRAN e
    os artigos 29, 30,31 e 32 da Resolução n° 168/2004 e as disposições em contrário.
    Art.29 é proprio quello che parla della traduzione... :/
    Che faccio?
    Ritorno la domani con una pistola e un libro di grammatica o tra due gg.con la traduzione?!!!
    BINTAR

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti consiglio di non demordere . Ritorna ed affronta la situazione con calma e diplomazia . Vedrai che alla fine la spunterai . L'importante è dare alla impiegata " una via di fuga " ovvero non metterla con le spalle al muro affinchè possa trovare una scusa onorevole .Non esaltarti quando l'avrai vinta anzi chiedi scusa .

      Elimina
    2. Niente da fare! La ragazza si é scaldata già solo per il fatto che non sono ritornato con la traduzione. Così sono andato dalla dirigente, che ha passato la patata bollente alla dirigente superiore, che mi ha rimandato la ragazza di nuovo per chiedermi i documenti. Dopo poco la ragazza é uscita dicendomi che non si poteva fare perchè la mia patente era scaduta (scade nel 2020!!!). Entra di nuovo, mostra la scadenza alla dirigente generale,esce e mi dice che senza traduzione non si fa niente. Ribadisco che vorrei avere la norma che regolamenta il tutto e lei mi dice che la norma c'é ma é la mia interpretazione che é errata.Pronto! Sparita! Quà é proprio il pianeta delle scimmie!
      Ma ci sono precedenti in cui questa traduzione non é servita?!!!

      Elimina
    3. Ciao, potresti valutare/minacciare una queixa al ministerio publico. Vedi qui: http://pfdc.pgr.mpf.gov.br/informacao-e-comunicacao/contato/como_encaminhar_denuncia/
      Una mia amica in passato ha minacciato la gerente della banca perchè non voleva sbloccarle i soldi in arrivo dall'Italia ed ha sbloccato la situazione.

      Elimina
    4. Interessante.
      Appena ho una testimonianza che qualcuno é riuscito a passare la patente senza traduzione giurata,non minaccio di farlo, ma lo farò direttamente!
      Intanto non mi costa niente andare un attimo là e denunciare il fatto. Anche perché questa PFDC, qui a Fortaleza,é vicino alla zona dove ho un giro d'affari.
      Obrigado pela dica! ;)

      Elimina
    5. De nada! Purtroppo bisogna fronteggiare con armi adeguate le persone affette da quel misto di ignoranza-pigrizia, soprattutto in questioni burocratiche. Anche se la perdita di tempo e le noie resteranno sempre. Mantienici informato!

      Elimina
  28. Ultime sul fronte patente . Mi è stato confermato sia da Rio de Janeiro che da Joao Pessoa che alla consegna della patente brasiliana il DETRAn RITIRA la patente italiana .
    Si tratta di una nuova disposizione , sembra che la patente venga rispedita in Italia alla motorizzazione .
    Vale la pena osservare che la patente brasiliana è valida anche in Italia se ci si reca come turisti .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sulla base di quale presupposto un ente brasiliano sequestra/ritira un documento rilasciato da un ente straniero? Con quale motivazione?

      Elimina
    2. Come sembra? Ci sarà una circolare, una legge, un qualcosa caratterizzato da un numero e da una data in cui si dice ciò? Vale in tutto il Brasile?
      Motivazione di tale eventuale bizzarra procedura?
      Comunque io andrò tra uma decina di giorni e vi informo

      Elimina
  29. ma stai scherzando ?

    RispondiElimina
  30. io ho fatto la conversione il mese scorso della mia patente inglese qui a Rio de janeiro ma non mi e' stata ritirata quella inglese

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Guido

      Se vai su Linkedin nel gruppo Italians doing business in Brasile e trovarai proprio il caso attuale di Rio de Janeiro . La patente in questione è quella italiana e pertanto il caso è diverso dal tuo .

      Il caso è stato riportato da Marco Villa uno dei membri del gruppo 26 giorni fa .

      MARCO VILLA
      Ciao Gente, oggi sono andato al DETRAN per convertire la patente italiana in quella brasiliana. Scopro che al momento del ritiro della patente brasiliana dovrò consegnare la patente italiana al DETRAN, il quale la spedirà prima a Brasilia e successivamente in Italia. Come quando e perchè non hanno saputo dirmelo (da non crederci).
      L'unica cosa che mi hanno detto è che si tratta di una nuova legge applicata da pochi giorni.
      FINE

      Sono seguiti 23 commenti . Riporto gli ultimi tre che sono conclusivi :

      MARCO VILLA
      Gente, venerdi sono andato a ritirare la patente brasiliana al DETRAN di Rio de Janeiro. Confermo che la patente italiana viene ritirata per essere spedita alla motorizzazione in Italia. Trattasi di nuova normativa emessa i primi di giugno.

      MIRIAM FERREIRA DO COUTO
      Ciao Marco, io vivo in Italia, a Milano. Tanti anni fa ho fatto la conversione della mia patente brasiliana a italiana. Hanno ritirata la mia e ho chiesto perché, mi hanno detto che di quello momento in poi la mia patente diventava italiana anche quando andassi in Brasile. Essendo cosi, non vedo dove sia la tua perplessità.

      MARCO VILLA
      Non ho perplessitá, semplicemente fino a 20 giorni fá quella italiana non doveva essere consegnata, mentre ora é cambiato tutto.
      Almeno chi mi legge quando si troverá di fronte al DETRAN sa cosa si aspetta, visto che ad ora nessun sito ne parla.

      END

      Elimina
  31. Ciao a tutti!

    Vi racconto la mia esperienza: mi sono recato al Detran di Sao Paulo per ottenere la patente brasiliana.
    Ho portato tutti i documenti richiesti, effettuato l'esame psicologico e della vista e pagato la tassa.
    Alla fine ho riportato tutti i documenti al Detran, che li ha controllati e approvati e ha definito la data on cui passare per ritirare la CNH.
    Quando sono andato a ritirarla, alla fine del processo, mi hanno detto che non potevo perché mancava un documento.
    Io non sono ancora in possesso dell'RNE definitivo, ma sono ancora in attesa di riceverlo (dopo più di 6 mesi). Così ho consegnato il Protocolo RNE e il modulo SINCRE.
    Al Detran mi hanno detto che in aggiunta al Protocolo RNE e al SINCRE devo presentare un "certidão qualificativa emitida pela Polícia Federal em que conste o número e a validade do documento (RNE ou CIE)".

    Qualcuno ne ha mai sentito parlare o se lo sono inventati? Come si otterrebbe?

    RispondiElimina
  32. Forse é giá stato detto ma non l´ho trovato......ho la patente scaduta (quella italiana) saró in italia a fine mese posso guidare con la patente brasiliana?
    p.s sono italiano residente in brasile
    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si .Anzi volevo rassicurare coloro che stanno in questi giorni trasformando la loro patente da italiana a brasiliana che quando rientrano in Italia possono usare quella brasiliana .

      Elimina
  33. fatta la patente al Detran di BH in questi giorni... nessuno mi ha chiesto indietro quella italiana!

    RispondiElimina
  34. boh, io sto in Brasile anche qualche mese e mi sono sempre fatto la PATENTE INTERNAZIONALE in Motorizzazione.... mi hanno fermato varie volte ed è sempre stata accettata consegnando insieme quella italiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come turista tutto bene anche se è consigliabile avere sempre una copia del passaporto per poter dimostrare la data di ingresso in Brasile . Comunque , tranne casi particolari , la polizia rodoviaria è più interessata ai documenti del veicolo ed alla sua proprietà che non alla vostra patente ( se stranieri )

      Elimina
  35. Anche chi ha la CHN da tempo rientra nella nuova legge? sembra un sistema che porta dritto alla iscrizione AIRE e perdita di residenza italiana , immagino la motorizzazione ricevuta la patente inneschera' la cancellazione anagrafica, mi sbaglio? saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non esiste alcun nesso logico tra richiedere la patente brasiliana in seguito all'ottenimento dell'RNE e la perdita della residenza italiana . Difatti l'RNE , non obbliga a risiedere stabilmente in Brasile ma solo a passarci qualche tempo una volta ogni due anni .

      Elimina
  36. io non vedo il nesso logico del ritiro della patente con la presenza sporadica in Brasile, ai Carabinieri gli mostro la CHN? che fanno alla motorizzazione dopo aver ricevuto le patenti ritirate? io non capisco e non trovo link utili.Saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi spiego in altre parole : l'iscrizione all' AIRE è dovuta solo se permani oltre un anno fuori dell'Italia . La storia del ritiro della patente è un fatto nuovo e NON sempre rispettato . Alcuni amici lettori hanno riportato di recente che la patente italiana non è stata loro ritirata .
      Ai carabinieri puoi senz'altro mostrare la CHN e puoi anche affittare un'auto come ho fatto io questa estate .Naturalmente mostrerai come documento di identità il tuo RNE .

      Elimina
  37. Leggendo le sopracitate novità sulla patente, mi sorge un dubbio: la nuova normativa,e quindi la ritenzione della patente italiana, viene applicata solo a coloro che fanno richiesta di conversione dopo l'entrata in vigore del nuovo regolamento, o anche a coloro che pur avendo validato la patente italiana in precedenza, si rechino al detran in questi giorni per il semplice rinnovo?

    Grazie a tutti complimenti per il blog

    RispondiElimina
  38. sarebbe illegale, secondo un avvocato brasileiro, la mia sta nel comodino in italia, mi pagano il volo? saluti

    RispondiElimina
  39. sono un italiano che un anno fa si e' trasferito in Brasile dove ho convertito la patente italiana in Brasiliana,ora sono tornato
    in Italia, chiedo se la patente brasiliana puo' essere convertita dinuovo in quella italiana sono in possesso di patente per camion. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per questo devi chiedere alla Motorizzazione Civile . Ma che fine ha fatto la tua vecchia patente italiana ? Un tempo la lasciavano e non la trattenevano come oggi .

      Elimina
    2. Non puoi semplicemente chiedere una nuova copia della patente per smarrimento ?

      Elimina
  40. Confermo tutto, appena 2 giorni fa al DETRAN di Rio de Janeiro hanno chiesto il ritiro della patente italiana all´atto della consiena della patente brasiliana. Qualcuno sa di che legge si tratta? Ma poi quando si ritorna in Itália ci faranno fare la procedura al contrario, pagando altre tasse? Mi sembra veramente assurdo che un ente brasiliano si prenda il disturbo di inviare patenti in giro per il mondo, generando altri costi. E la motorizzazione civile che ci fa com queste patenti che riceve dal Brasile? Ce le restituisce al ritorno in Itália? Sinceramente non so cosa fare....se rimanere com la patente italiana e guidare con questa, forse vale la pena chiedere al Consolato.

    Saluti a tutti e complimenti per il Blog,
    Federica

    RispondiElimina
  41. Che fine ha fatto il post sulla patente? Perchè non compare più nella testata principale?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie della segnalazione . E' stato rimesso a posto .

      Elimina
  42. Ammesso che per i primi 180 giorni si possa guidare con la patente italiana ed un'auto adatta, quale procedura si applica per la conversione di una patente BS ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per la conversione è necessario essere residente e possedere una patente italiana ancora in corso di validità . Per la conversione bisogna recarsi al DETRAN di competenza dove provvederanno a fornire tutte le informazioni . A parte il pagamento di un bollettino dovrai sostenere un esame psicofisico scritto non superabile se non conosci bene il portoghese oltre al classico esame medico per la vista .

      Elimina
  43. Ciao a tutti. Tra i molti post non penso di aver visto il seguente: Da qualche anno in Brasile quando si fa la conversione a quella brasiliana, la propria patente italiana viene ritirata e spedita in Italia (nessuno sa bene dove). La mia domanda è: se vado in ferie in Italia o voglio rimanerci un po' e voglio guidare, come faccio? Perchè di certo non potro' guidare con quella brasiliana. Qualcuno mi puo' schiarire la situazione o dare qualche dritta? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho già risposto a questa domanda . Puoi guidare in Italia con la patente brasiliana . Io ho addirittura affittato l'auto alla HERTZ mostrando solo la patente brasiliana . Il fatto è ovvio se pensi che tra i due Stati in questione Italia e Brasile vige la legge di reciprocità .

      Elimina

Lasciate qui un vostro commento