venerdì 17 settembre 2010

Abbattute le barracas de praia di Salvador


Ai primi di Settembre , dopo poco più di un anno dalla mia partenza per Natal sono ritornato per alcuni giorni a Salvador . Chi segue il mio Blog da tempo sa che ho vissuto per quasi 5 anni in questa città che rimane per me quella che più rappresenta il Brasile nell'immaginario europeo .

Purtroppo ho avuto una sgradevole sorpresa : lungo tutta l'orla che va da Lauro de Freitas , Praia do Flamenco , Itapoà e così via sino alla estremità della penisola della Ribeira non esistevano più le tradizionali Barracas de Praia . Erano state demolite pochi giorni prima , triste epilogo di una vicenda che andava avanti da anni . Ricordo che anni fa , per motivi sia igienici che di estetica era stato concordato tra l'associazione dei Barracheros e la Prefettura di Salvador di sostituire gradualmente le tradizionali strutture di legno e paglia con delle moderne strutture in mattoni . L'operazione iniziò e poi inspiegabilmente , almeno per noi cittadini , si bloccò .

Oggi tutti si tirano fuori e danno la colpa agli altri . Il Governatore Wagner si dissocia ed attribuisce la scelta scellerata alla Prefettura che dal suo canto afferma di dover obbedire al Giudice dell'Unione che ha decretato l'abbattimento pena la prigione dello stesso Prefetto .

La Marina Brasiliana che si era detto reclamava il possesso della parte di spiaggia dove erano costruite le baracche afferma che si è equivocato su una espressione . Ecco testualmente cosa scrive a proposito il quotidiano di Bahia Atarde :

De acordo com a Marinha, por conta de um equívoco nas expressões “terrenos da marinha” e “terrenos de marinha”, a propriedade destas áreas foi atribuída equivocadamente à instituição

Insomma nessuno sa niente ... ma le ruspe in quattro e quattrotto hanno abbattuto oltre 350 barracas lungo tutta l'orla .

E adesso ? I turisti dovranno attrezzarsi con sedie ed ombrelloni e bere la birra gelata o quasi dai contenitori di polistirolo dei venditori ambulanti , gli unici ad aver guadagnato in tutta questa
confusione .

In effetti la spiaggia adesso appare più larga , pulita ... e deserta ! In certe ore anche pericolosa , come hanno già riportato alcuni giornali locali .

Ma a chi giova tutto ciò ? Nè ai turisti , nè ai lavoratori delle baracche che ora sono sul piede di guerra perchè disoccupati .

E pensare che molti proprietari di barracas erano italiani che si erano trasferiti sull'onda di " LASCIAMO TUTTO E FACCIAMO UN BAR SULLA SPIAGGIA IN BRASIL "

1 commento:

  1. è proprio vero ed è per questo che rimango ancora perplesso nel fare il passo di trasfermi in brasile,a volte sembra una democrazia molto ma molto blanda.

    RispondiElimina

Lasciate qui un vostro commento