giovedì 18 novembre 2010

Venire e restare in Brasile : il visto permanente .


Ricevo sempre più spesso delle e-mail di italiani che hanno deciso di trasferirsi in Brasile , alcuni addirittura con moglie e figli , e che mi chiedono informazioni sulla situazione del lavoro o della sicurezza .

Ho notato che molti ignorano il fatto elementare che il Brasile , non essendo un Paese dell'Unione Europea , richiede il conseguimento di un visto permanente per restarci . Ho addirittura osservato un senso di fastidio in alcune risposte come a dire : ma come noi italiani che apparteniamo ad un paese sviluppato , abbiamo bisogno di un visto per stare in Brasile , un paese in via di sviluppo ?

Ricordo che per l'ingresso in Brasile basta il visto turistico che viene rilasciato senza costi e formalità particolari all'aeroporto di destinazione in Brasile mediante semplice apposizione di un timbro sul passaporto . La validità di tale visto è fino a tre mesi . Osservate che ho detto fino a tre mesi , può accadere infatti che il funzionario addetto al controllo vi rilasci il visto solo per un mese e questo in dipendenza della data di rientro sul vostro biglietto aereo .

Il visto turistico può essere prorogato per altri tre mesi recandosi agli uffici appositi della PF ( Polizia Federale ) . Trascorsi i 6 mesi bisogna uscire dal Paese pena essere dichiarati irregolari e quindi essere espulsi al primo controllo che vi scopre . Per rientrare in Brasile dopo i 6 mesi regolari dovete attendere almeno altri sei mesi . Il limite di permanenza è infatti di 6 mesi all'anno : 6 dentro e 6 fuori del Brasile . Molti utilizzano questa ciclicità per trascorrere i sei mesi invernali in Brasile ed i sei mesi estivi in Italia sfruttando il fatto che in Brasile le stagioni sono invertite rispetto all' Italia .

Per coloro che intendono restare in Brasile come residenti è necessario un visto permanente . Il modo più semplice è quello di richiedere un visto per investimento . Non che sia l'unico ma è senz'altro il più semplice . Gli altri due : sposare un/a brasiliano/a oppure avere un figlio brasiliano non sono in realtà dei mezzi per avere il visto ma sono degli eventi che vi danno diritto al visto , il che è profondamente diverso .

Esiste in realtà un altro tipo di visto permanente , quello per i pensionati che si trasferiscono in Brasile . Anche in questo caso però si tratta di una situazione particolare in cui la maggior parte degli aspiranti non si trova .

Il visto quindi per eccellenza , valido in tutte le circstanze è quello per investimento che risolve in un solo " colpo " sia il problema visto che quello della attività da svolgere in Brasile . Per questo visto è necessario prevedere un investimento di almeno 150 000 R$ che , badate bene , non è la somma che pagate per ottenere i visto , ma quella che investite nella vostra attività . Il visto in realta vi costa dai 2000 ai 3000 R$ ed è la somma pagata alla Agenzia che segue il vostro processo ( Avvocato e commercialista ) .

Il 13 febbraio del 2009 è stata pubblicata sul Diario Ufficiale dell'Unione ( La nostra Gazetta Ufficiale ) la nuova risoluzione normativa che regola l’ottenimento del visto permanente per investimento in Brasile. Di seguito riporto una sintesi della legge .
L’autorizzazione del visto permanente è condizionata all’investimento in valuta straniera di una quantità uguale o superiore a R$ 150 000 in una impresa nuova o gia esistente .

In casi di eccezionale interesse sociale l’importo potrà essere inferiore , questo è a discrezione del Consiglio Nazionale di Immigrazione . La richiesta di visto dovrà essere accompagnata dai seguenti documenti :

1) Modello appositamente compilato

2) Procura se l’investitore si fa rappresentare da qualcun’ altro

3) Atto costitutivo della Società beneficiaria dell’investimento

4) Registazione SISBACEN di investimento diretto in Brasile o contratto di cambio emesso dalla Banca che riceve l’investimento redatto secondo i canoni del RMCCI ( Regulamento do Mercato de Cambio e Capitais Internacionais )

5) Ricevuta del pagamento della tassa individuale di immigrazione in nome della impresa richiedente .

6) Ricevuta di consegna della dichiarazione dei redditi dell’ultimo esercizio fiscale dell’impresa richiedente , quando esistente

7) Piano di investimento Il Ministero del Lavoro comunicherà al Ministero degli Esteri l’ autorizzazione alla concessione del visto.
La prima CIE ( Cédula de Identidade do Estrangeiro ) rilasciata avrà validità di tre anni . Alla sua scadenza la CIE sarà rinnovata nei termini disposti dalla legge nº 8.988, del 24 Febbraio del 1995 , a patto che l’imprenditore continui ad essere investitore in Brasile . A tale scopo dovrà produrre la seguente documentazione :

1) Tassa per la sostituzione della CIE

2) La CIE in suo possesso in originale

3) Copia autenticata del rappresentante legale dell’impresa

4) Copia dell’ ultima dichiarazione dei Redditi della Impresa e relativa ricevuta di consegna .

5) Copia del RAIS (Relação Anual de Informações Sociais) degli ultimi due anni che dimostri la effettiva creazione di posti di lavoro prevista nel piano di investimenti .

6) Copia dell’ultima ricevuta del FGTS (Fundo de Garantia do Tempo de Servico), il nostro TFR.

PER COLORO CHE SONO INTERESSATI A CONSEGUIRE QUESTO VISTO METTO A DISPOSIZIONE UNA STRUTTURA IN GRADO DI SVOLGERE L'INTERO PROCESSO .
PER INFO INVIATE UNA E_MAIL A : A.OLIVIERO55@ GMAIL.COM

106 commenti:

  1. e meno male che ha chiarito le idee,è vero che ci sono strani personaggi italiani che non capisco il perchè credono che la provenienza da un paese del 1 mondo sia il visto per entrare senza regole ovunque, ma mi chiedo allora il perchè vogliano andarsene.. in un paese del terzo mondo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti rispndo io, perche adesso dove vive te, e il terzo mondo, voglianno andare num paese di primo mondo, le cose cambiaranno, ma dorme...............

      Elimina
  2. Molte grazie! Sei stato BRAVISSIMO!!

    Una sola informazione. Nel caso si dovesse cambiare idea e piani (dopo un paio di anni), l`investimento di 150.000 reais viene restituito?

    grazie

    Luca (LPORCELLATI@HOTMAIL.COM)

    RispondiElimina
  3. Ciao Luca e grazie del BRAVISSIMO ,

    i soldi investiti sono e restano tuoi e se l'attività va bene potresti in teoria rivendere tutto anche ad un prezzo maggiore .

    Naturalmente in questo caso perdi il diritto al visto come recita la legge :

    La prima CIE ( Cédula de Identidade do Estrangeiro ) rilasciata avrà validità di tre anni . Alla sua scadenza la CIE sarà rinnovata nei termini disposti dalla legge nº 8.988, del 24 Febbraio del 1995 , a patto che l’imprenditore continui ad essere investitore in Brasile .

    Saluti

    RispondiElimina
  4. Ci sono Domande alle quali non servirebbero neppure delle risposte, ma la classe e l'educazione nonche' la professionilita' di OLIVIERO e' al di sopra di ogni spiegazione!

    RispondiElimina
  5. salve a tutti sarebbe anche buona cosa sapere cosa si rischia se scoperti in territorio brasiliano con visto di 6 mesi scaduto..oltre naturalmente all'espulsione .grazie

    RispondiElimina
  6. Ricordo che quando uscì la nuova RN del 2009, oltre che elevare la soglia minima dell'investimento, la stessa introdusse alcune modifiche in merito alla valutazione e alle finalità richieste da parte del Consiglio Nazionale di Immigrazione per il Piano d'Investimento. In precedenza bastava scrivere qualunque cosa, paventare l'assunzione di qualche dipendente brasiliano e basta. Cosa prevede la nuova RN in merito ai requisiti che deve avere il Piano d'Investimento e sui relativi controlli di verifica successivi? Mi sembra anche di ricordare che il Consiglio si riservasse comunque una totale discrezionalità sia per la valutazione delle domande che per la concessione dei visti. Qual è la tempistica di questo tipo di processo?
    Colgo l'occasione per rammentare a tutti coloro i quali si lamentano delle procedure di concessione dei visti d'ingresso in Brasile che le procedure previste dall'Europa (Shengen) sono di gran lunga ben più limitanti e complicate, tanto da rendere spesso difatto addirittura impossibile l'ingresso regolare di immigrati. E' ora di scrollarci definitivamente di dosso l'idea che proveniamo da Paesi del primo mondo è quindi suppostamente più civili. Il Brasile è per molti versi oramai ben più civile e liberale di tanti altri. Ma liberale non significa "senza regole".

    RispondiElimina
  7. Salve,Antonio,ho una domanda a proposito del visto:io l'ho già ottenuto,ma purtroppo(o per fortuna)risiedo ancora in Italia,dato che vivo con mia madre 89enne.Mio fratello,col quale divido l'impresa edile appena aperta,spesso mi sventola davanti la minaccia di perdere il visto medesimo in quanto risiedo troppo poco in Brasile.
    Il mio avvocato invece afferma che soltanto in caso di mia assenza per più di due anni si potrebbe perderlo.
    Ora,io capisco che lavorare senza aiuto sia gravoso,ma per adesso non posso fare altrimenti.
    Posso star sicuro in quanto al visto oppure potrebbe esserci un controllo sulla mia residenza?
    In fondo il mio investimento resta in Brasile,e solo quello dovrebbe importare al Governo,o no?
    Inoltre è arrivata da tre mesi la carta d'identità richiesta alla PF,ma per lo stesso motivo descritto sono impossibilitato a ritirarla.

    RispondiElimina
  8. Ad Anonimo delle 10:40

    non ti sembra sufficiente essere espulso dal Paese che hai scelto per viverci ? Un eventuale futuro rientro ti risulterà compromesso in quanto il tuo passaporto sarà segnalato .

    Se qualcuno è stato espulso dal Paese è invitato a testimoniare la sua esperienza .

    RispondiElimina
  9. Ciao Roberto

    ma che senso ha fare un investimento in Brasile e richiedere il visto permanente se poi lasci l'Identità negli uffici della PF e non risiedi in Brasile ?

    Probabilmente il tuo avvocato è nel giusto circa i due anni ma io non farei passare tanto tempo senza rientrare in Brasile e soprattutto mi precipiterei a ritirare l'identità ( RNE ) .

    Tieni anche presente che dal momento in cui hai l'identità brasiliana non puoi più usare la patente italiana e pertanto ti consiglio di fare al più presto la conversione .

    Ciao ed auguri

    RispondiElimina
  10. Allora:l'identità è arrivata nel mese di Luglio,e doveva ritornare a Brasilia dopo 60 giorni.Purtroppo nessuno tranne me,avvocato compreso,può chiedere se ancora si trova alla PF,e quindi anche arrivando a Gennaio rischierei fortemente di non trovarla e di doverla richiedere nuovamente!
    Sono stato in Brasile a Febbraio,e penso di ritornarci più o meno in quel mese ogni anno.
    Perchè l'ho fatto?Per metter le mani avanti nel caso che nel frattempo le leggi si fossero fatte più restrittive a livello di investimento,ma la mia situazione familiare mi tiene ancora legato all'Italia.
    Mi giunge nuovo il discorso sulla patente...cosa succede se faccio questa conversione?E dove devo farla,in Brasile o in Italia?Non vorrei dover guidare solo in Brasile,poi..Ciao!

    RispondiElimina
  11. La conversione della patente va fatta in Brasile al DETRAN che è l'organo che si occupa del transito ( DEpartamento de TRANsito ) . Infatti come turista tu puoi guidare con la patente italiana o internazionale ma come residente brasiliano devi avere la patente brasiliana .

    Questa la acquisisci o facendo regolarmente l'esame di guida in Brasile oppure , se la patente italiana non è scaduta fai la conversione in quella brasiliana .

    In questo modo fai sono l'esame della vista e quello psicofisico ed eviti i fatidici quiz . Comunque se non conosci bene il portoghese superare l'esame non è semplice .

    La patente italiana naturalmente nessuno te la toglie .

    Saluti

    RispondiElimina
  12. ho letto di un certo signor Caporaso che sul suo sito sconsiglia vivamente di vivere in Brasile causa Burocrazia al limite, tanto da scriverci un ebook sopra, immagino sia solo per profitto ,ma può anche darsi che ci sia del vero ,cosa ne pensa a tal proposito?

    RispondiElimina
  13. Ho pubblicato il commeto di Caporaso solo per dovere di cronaca . Il personaggio è abbastanza singolare . Si dichiara sovrano di uno Stato Artico di cui conia leggi e moneta . Leggere il suo sito per credere ed eventualmente porre a lui la domanda direttamente ... se risponde .

    RispondiElimina
  14. Se riuscissi a sapere,in qualche modo,che il mio RNE è ancora presso la Polizia Federale,a Gennaio andrei a ritirarlo.Ma mio fratello mi dice che a lui non danno informazioni.Possibile che neppure lui o il mio avvocato possano sapere qualcosa?
    So che magari dico una fesseria,ma non potrei avere informazioni dall'Italia?

    RispondiElimina
  15. Ciao Roberto

    esiste solo il vincolo di presentarsi alla PF entro 90gg dalla data di pubblicazione della concessione del visto sul Diario Uficiale da Uniao . Durante questa visita alla PF loro tì prendono le impronte digitali . Se tutto questo lo hai già fatto allora il tuo RNE ti aspetta alla PF . Non mi risulta infatti che esista una data per il ritiro . Vieni tranquillamente a Gennaio a ritirare il documento . ( Come ti hanno avvertito del fatto che il tesserino era pronto ? )

    Comunque da internet puoi conoscere lo stato del processo accedendo alla seguente pagina :

    http://portal.mj.gov.br/data/Pages/MJ1C684B92ITEMID857642E424BA450FB23C694F67B340DBPTBRIE.htm

    Ma nel tuo caso penso che riporti solo info che già conosci .

    Saluti

    RispondiElimina
  16. Grazie di tutto,mitico Oliviero! Come l'ho saputo?Mio fratello era passato "per caso" alla PF in Settembre,ed era stato informato che l'RNE era già li da fine Luglio.
    Sì,ho già fatto tutte le procedure richieste entro i 90 giorni successivi l'ottenimentodel visto,recandomi a Sao Luis lo scorso Gennaio.

    Grazie di nuovo per la disponibilità e in bocca al lupo per la scelta di vita..:)

    RispondiElimina
  17. Confermo che non esiste una data per il ritiro dell´rne fisico, la carteira, quando e´arrivato.
    Dopo che hai l´rne lo puoi perdere se rimani fuori dal paese per 2 anni consecutivi

    RispondiElimina
  18. Se si rimane piu´di 6 mesi, cioe´oltre i 180 gg del visto turistico, la PF ti fa´la carta di espulsione e si paga una ammenda di tot rs al giorno per un massimo di ca 850 rs

    RispondiElimina
  19. Salve,
    ho un amico il cui padre lavora da almeno una decina d'anni in Brasile, dopo 6 mesi è costretto a tornare in Italia oppure se ne va in Argentina ma, solo dopo poche settimane max 2 e poi rientra tranquillamente.
    C'è qualcosa che non quadra o mi sbaglio?
    O.

    RispondiElimina
  20. Interessantissimo, ho tre domande da porre:
    per ottenere il visto tramite pensione, é vero che la pensione deve essere superiore ai 2.000 €?
    Se uno ha una pensione di € 1000 e la possibilità di depositare in banca una determinata somma può ugualmente ottenerlo?
    Se l'ottiene mia moglie (pensionata) come marito si estende pure a me?
    W o Brasil

    RispondiElimina
  21. Caro O.

    le cose che non quadrano sono molte . La prima è relativa al lavoro . Una persona che lavora in Brasile da 10 anni deve gia possedere un visto ! Contatta il tuo amico e fatti spiegare meglio la cosa .

    RispondiElimina
  22. Caro W o Brasil

    per quanto ne so le risposte alle tue tre domande sono in ordine :

    SI ai 2000 USD ( Non euro )
    NO al deposito in Banca anche perchè non ti aprono il conto se non hai il visto :)
    SI in base alla legge della Riunione familiare di cui ti riporto un estratto :

    A reunião familiar é uma modalidade de permanência que visa a aproximação da família, mantendo a unidade de seus membros. Assim, um estrangeiro registrado como permanete ou um brasileiro assume a qualidade de chamante de um ente familiar que se enquadre na condição de dependente legal (chamado), conforme previsto na Resolução Normativa nº 36/99 do Conselho Nacional de Imigração.

    Para efeitos de reunião familiar serão considerados dependentes legais:

    filhos solteiros, menores de 21 anos, ou maiores que comprovadamente sejam incapazes de prover o próprio sustento;

    ascendentes desde que demonstrada a necessidade efetiva de amparo pelo chamante;

    irmão, neto ou bisneto se órfão, solteiro e menor de 21 anos, ou de qualquer idade quando comprovada a necessidade de prover o próprio sustento;

    cônjuge de cidadão brasileiro;
    e
    cônjuge de estrangeiro permanente no Brasil.


    Il tuo caso è l'ultimo contemplato . Quello di un coniuge di straniero ( Tua moglie ) con visto permanente in Brasile

    RispondiElimina
  23. forse una domanda stupida...ma se rilevo un'attivita' esistente per il valore di 150 mila dollari e siamo 2 soci il visto lo otteniamo entrambi o dovremmo spenderne il doppio?grazie

    RispondiElimina
  24. Caro anonimo

    sono 150 000 R$ non dollari americani . Se sei interessato inviami una e-mail con la richiesta ed i dettagli . Io la passerò alla struttura competente per un preventivo .

    Saluti

    RispondiElimina
  25. ciao...a gennaio vorrei trasferirmi in Brasile..la mia somma da investire non arriva a 150mil reais....ho paura di aprire qualcosa lì e non avere il visto...quali altre soluzioni mi restano???...matrimio???..claro q se for...separacao dos bens...non ci sono altre alternative?grazie

    RispondiElimina
  26. Ciao Fabinho25

    nella tua situazione ti sconsiglio il visto per investimento anzi ti sconsiglio proprio il trasferimento .Vieni in vacanza piuttosto .

    Saluti

    RispondiElimina
  27. ciao,
    io avrei i 150000R$ ma quale potrebbe essere qualche idea su come investirli?
    Ho sentito che ristoranti/negozi è molto difficile che vadano bene. Investimenti immobiliari non danno diritto al visto. Come ci si può muovere per valutare un po' di alternative? magari qualcosa di già esistente e avviato.... E un'altra domanda: una volta che si è ottenuto il visto per investimento è possibile anche essere assunti legalmente per qualche lavoro (tipo insegnante di italiano)?

    Grazie e saluti

    RispondiElimina
  28. Ciao Anonimo

    ma se non avete idea su come investire i 150 000 R$ perchè volete investirli ? Il trasferimento in Brasile o in qualsiasi altra parte del mondo è un affare serio e deve essere motivato da ragioni valide . Altrimenti , come ho detto all'altro amico , meglio venirci in vacanza .

    Comunque per rispondere alla tua domanda , se non hai idee proprie puoi scegliere tra le innumerevoli proposte di Franchising disponibili in Brasile .

    Una volta conseguito il visto nessuno ti impedisce di fare anche un altro lavoro , senza però chiudere la attività per la quale ti è stato concesso il visto .

    RispondiElimina
  29. Caro ottoaprile,
    grazie per la tua risposta. I motivi per volere investire i soldi sono: 1)ottenere il visto; 2)avere un'attività che permetta di vivere e conservi o possibilmente rivaluti il capitale.
    Il fatto di non avere idea su come investirli è dovuto al fatto che da fuori è difficile sapere che cosa possa essere conveniente e redditizio in un altro Paese (sono stato in Brasile due volte ma credo che una scelta di investimento necessiti una conoscenza un po' più approfondita del posto).
    Le motivazioni per il trasferimento in Brasile sono nel mio caso, oltre alla bellezza del posto, il fatto che mi interesserebbe dedicarmi parte del tempo al volontariato con i bambini. Ma ovviamente, come dicevo, serve anche qualcosa che dia da mangiare e da vivere. Inoltre, fatto non trascurabile, che qui in Italia nel giro di qualche anno non ci saranno più i soldi non solo per venire in vacanza in Brasile ma per campare proprio.
    La cosa del franchising comunque sembra interessante.
    Saluti

    RispondiElimina
  30. Gentilissimo Oliviero, sono Pasquale e continuo a leggerti con estremo piacere e come vedi ogni tanto ti chiedo qualche informazione (in attesa del visto)circa il modo di vivere in Brasile più che altre questioni delle quali comunque parli e rispondi sempre con estrema chiarezza ai tanti che intervengono...vengo alle richieste: la connessione Internet (che penso venga gestita come in Italia da varie compagnie telefoniche) che costi mensili ha e a Natal e NE in generale quale è la compagnia che offre il miglior servizio e la maggior velocità per il servizio senza limiti? a proposito la velocità di connessione qual'è? inoltre secondo te nella zona di Natal quale delle assicurazioni private per le coperture malattia (ho visto che ci sono una quindicina di queste) sono meglio servite e qualitativamente meglio attrezzate sopratutto a livello di professionalità dei medici? esiste, sempre nella zona, la possibilità di fare volontariato con i bambini? Ti saluto in attesa di leggerti e penso che sia doveroso farti i complimenti per come riesci a soddisfare le nostre tante curiosità. Grazie

    RispondiElimina
  31. Ciao Pasquale

    grazie per i complimenti . Rispondo volentieri alle tue domande perchè sono di interesse generale .

    Il servizio internet larga banda è diffusisssimo in Brasile perchè la maggior parte dei servizi pubblici sono erogati via rete .

    Qui a Natal esistono numerosi providers . Io utilizzo la CABOTELECOM http://www.cabotelecom.com.br che oltre ad Internet offre sullo stesso cavo TV e telefono fisso .Se accedi al sito potrai trovare offerte e prezzi del servizio che comunque è più caro di quello in Italia .

    Per quanto riguarda le assicurazioni mediche quelle che sono più diffuse sono AMIL http://www.perfilnatal.com.br e UNIMED http://www.unimednatal.com.br

    Accedendo ai rispettivi siti puoi ottenere un preventivo orientativo facendo una simulazione . Io ad esesmpio, con AMIL , pago 560 R$ con una famiglia di 4 persone .

    Entrambi i piani prevedono due opzioni : quella partecipativa ( l'utente paga un piccolo ticket per i servizi ma la rata mensile è meno salata ) e quella non partecipativa . Inoltre entrambi offrono due opzioni di ricovero ospedaliero chiamati : enfermagem ( Camera doppia ) o apartamento ( Camera singola ) . I piani di salute NON coprono i costi di acquisto dei medicinali a meno che non siano somministrati durante il ricovero .

    RispondiElimina
  32. Caro Pasquale

    per quanto riguarda la tua domanda relativa al volontariato mi piace ricordare la iniziativa dell'amico Enrico Bertolino , la ONLUS Vida a Pititinga http://www.pititinga.org/ proprio nei pressi di Natal .

    RispondiElimina
  33. Caro Antonio,
    se possibile vorrei porti anche io un quesito. Che tu sappia e´possibile costituire oggi la societa´, effettuare línvestimento, iniziare láttivita´e poi, magari tra un anno, iniziare la pratica per il visto? Ossia non sara´che poi tra un anno, quando andro´a chiedere l´RNE vorranno un investimento di ulteriori R$150.000,00?
    abraÇos
    Marco

    RispondiElimina
  34. Ciao Marco

    non lo so , ma perchè correre questo rischio ?

    Io personalmente non credo sia possibile aprire a proprio nome una società senza avere il visto . Sono troppi gli adempimenti , anche bancari , che non vedo proprio come potresti fare .

    Comunque anche se fosse possibile non lo farei perchè le leggi cambiano e diventano sempre più restrittive .

    RispondiElimina
  35. Non avendo il visto brasiliano non si può aprire alcuna attività a meno che non si abbia un socio brasiliano o persona straniera con residenza in Brasile che sia il legale rappresentante della ditta.
    Ciao Filippo.

    RispondiElimina
  36. Hai ragione Antonio, il fatto e´ che non conosco un avvocato del settore a Salvador che mi segua la pratica e devo rientrare in Italia il 15 gennaio. Per il momento avrei solo il fiscalista che mi farebbe la costituzione e la parte fiscale.
    Lídea e´ costruire un condominio di 10 aptos tramite una limitada al 50% con un socio e amministratore brasiliano. Il terreno sarebbe da acquistare entro febbraio.
    Per caso tu che hai vissuto 5 anni qui a Salvador, conosci qualche struttura affidabile per la parte amministrativa del visto qui?
    Tra láltro io avrei gia´diritto a richiedre il visto avendo una moglie bahiana ma non ho ancora la possibilita´di trasferirmi definitivamente qui, almeno fintanto che non decolla límpresa immobiliare, mentre il visto come investitore posso richiederlo anche non vivendo qui tramite procura e mi darebbe diritto ad aprire subito un conto bancario.
    Grazie
    Marco

    RispondiElimina
  37. Ciao Marco

    ho ben pochi contatti di lavoro con Salvador e non a caso vista la bassa affidabilità dei bahiani nelle questioni relative ai business .A parte il mio contadore ed un avvocato esperto nel settore immobiliare non conservo altri contatti .

    Capisco la tua esigenza in relazione al conto corrente ma io comunque avrei sfruttato l'opportunità della moglie brasiliana visto che sei già sposato . Il visto da investitore è comunque legato alla continuità della tua attività e tra tre anni devi ripresentare tutta la documentazione altrimenti lo perdi .

    Acquistare il terreno entro Febbraio ? La fretta in Brasile è la peggiore consigliera .Tu non hai alcun motivo per avere fretta . Questo è un grosso vantaggio nella negoziazione , non perderlo fissandoti dei tempi inutilmente stretti .

    Ciao ed auguri

    RispondiElimina
  38. Grazie per il consiglio Antonio.
    In realta´ non credo si tratti di fretta ma di ¨timing¨ o di tempi maturi.
    Dico questo sulla base dei seguenti fattori:
    1) il mercato immobiliare del nuovo continua a tirare molto concedendo lípotesi di un lucro lordo di circa il 50% in un anno (non conosco altre attivita´oneste che diano prospettive migliori);
    2) credo che il cambio euro/real continuera´a scendere ancora e a breve lo vedremo sotto i 2;
    3) nella zona dove mi muovo io a Salvador (Stella Maris - Flamengo) sono rimasti pochissimi terreni disponibili quindi non e´detto che si presenteranno analoghe opportunita´tra qualche anno;
    4) non sopporto piu´lÍtalia ed il mio lavoro italiano (qualita´della vita);
    5) ho quasi 46 anni e da oltre 6 sto dietro al mercato immobiliare brasiliano reputandolo una buona opportunita´.
    Ho trovato la struttura legale seria per fare la pratica del visto per investimento e costituire la societa´qui a Salvador e ho appuntamento per oggi pomeriggio.
    Se límprendimento dara´i frutti sperati tra 3 anni potro´pensare di trasferirmi stabilmente qui ed allora potro´tramutare il visto come investitore in visto per ricongiungimento familiare.
    Espero que tudo vai dar certo!
    Grazie ancora per i tuoi pareri Antonio, sappi che sono sempre ben accetti.
    abraços
    Marco

    RispondiElimina
  39. Buona sera,
    fra pochi mesi mi sposero' con una brasiliana,e andremo in luna di miele nello stato di goiais e tocantis,abbiamo parlato di comprare una casa li, che piu o meno dovrebbe costare sui 30-40000 euro,leggendo il blog sono molto curioso di quei fondi di e dei cdb. QUANDO ANDRO' IN BRASILE IN QUEL MESE POTRENO APRIRE IL CONTO CONGIUNTO

    RispondiElimina
  40. O Brasil é um pais emergente, a economia esta estabilizando...da mesma maneira que fazer investimento aqui na Italia precisa de tanto din heiro no Brasil nao é diferente.O Brasil esta certo, tem q fazer esta gente entender e nos respeitar, eles agora estao por baixo.Se sentem superior a America do Sul, esta ai a resposta do meu Brasil a todos, aqui nao é a casa da sogra q vem e fazem o que bem entendem.Precisam aceitar que o Brasil nao é mais um pais qualquer!!!Terceiro mundo ta se tornando Europa...rsrsrs!!

    RispondiElimina
  41. vorrei sapere una cosa....io sono stata il brasile 6 mesi...poi il settimo avevo un foglio che dichiarava la domanda al visto motivazione:riunione familiare. e il 7 ho girato con questo.poi sono dovuta tornare in italia a gennai per due mesi per un problema familiare. io ancora non ho il visto permanente ...ma sul passaporto ho scritto che lo sto a aspettando. posso rientrare in brasile o devo anche io aspettare sei mesi!?!??!

    RispondiElimina
  42. ciao antonio e salve a tutti,
    ancora non mi e' chiaro il concetto di visto per investimento gentilmente se possibile vorrei avere degli esempi pratici in modo da capire esattamente como funziona e le varie opportunita' che ci sono,per esempio se io compro un negozio pari a 150000 rs usandolo come semplica attivita' commerciale tipo una gelateria o un negozio di abbigliamento e' valido per ottenere il visto permanente? oppure,aprendo un qualsiasi franchising brasiliano tipo megamatte,mr mix,ect ect sempre pari a 150000rs ho il diritto al visto? poi ua volta fatto questo investimento devo aspettare il visto definitivo o posso subito iniziare a lavorare nella mia attivita'con il visto provvisorio? potete darmi altri esempi di investimento diversi da quelli da me citati e in caso fossi obbligato ad aspettare il visto definitivo,quindi circa 1 anno di tempo,come posso fare per lavorare nel frattempo, pur vivendo in brasile? quali "soluzioni" ci sono per evitare l'attesa del visto permanente da disoccupato??
    grazie mille scusate le molteplici domande...

    RispondiElimina
  43. Ciao Lele ( Sei per caso lele di Roma ?)

    non voglio sostituirmi allo studio che ti seguirà nella apertura della società e pertanto non parlerò di aspetti tecnici .

    Per quanto riguarda la tua preoccupazione posso dirti che è infondata . Nel momento in fai la richiesta del visto permanente la società è gia stata costituita dall'amministratore ed ha il suo conto in banca ed il suo CNPJ ( Cadastro Nacional Pessoa Juridica ) e pertanto può operare in attesa che tu ottenga il visto permanente .

    RispondiElimina
  44. ciao antonio ,
    si sono lele di roma ci siamo sentiti tramite email piu' di una volta,come vedi ancora non ho chiare alcune cose ,comunque non ho nessun studio che mi segue per questo continuo a leggere e documentarmi sul tuo blog ,cosi' quando arrivera il momento del trasferimento saro' preparato su tutti i fronti....ancora sono in attesa della vendita del mio appartamento per poter iniziare il tutto....
    ti ringrazio come al solito se nel frattempo gentilmente potresti rispondermi a qualche mia domanda del messaggio precedentete ne sarei grato
    scusa il disturbo ciao

    RispondiElimina
  45. Ciao Lele,
    potrai trovare risposta ai tuoi quesiti leggendo la Risoluzione Normativa del MTE n. 84 del 10/2/2009 che regola la concessione dei visti a stranieri investitori.
    Fermo restando che dovrai necessariamente appoggiarti ad un buon professionista (contador fiscalista) è sempre bene studiarsi personalmente le normative e non affidarsi "ciecamente" a qualcuno.
    Potrai trovare la risoluzione originale a questo link:
    http://portal.mte.gov.br/data/files/FF8080812BA5F4B7012BA713454612E5/rn_20090210_84.pdf
    saluti
    Marco

    RispondiElimina
  46. scusate ma un volontario di associazione italiana che dovesse svolgere attivita'per periodi superiori ai 6 mesi o addirittura a 1 anno e al limite in maniera continuativa permanente, dove puo' essere inquadrato per ottenere il necessario visto permanente? grazie mille so che e' un argomento limite...purtroppo Ivano

    RispondiElimina
  47. Ivano

    rivolgiti al Consolato brasiliano più vicino , è l'unico che può risponderti .

    RispondiElimina
  48. Ciao carissimo.Come va la vita nel mio bellissimo paese? Che saudades! Comunque a Settembre torno in Brasili,per viverci dopo 21anni in Italia. Vorrei chiederti se la pratica x la conversione della patente italiana in brasiliana,e uguale anche x me. Ho la patente italiana,posso convertirla? Grz mille!

    RispondiElimina
  49. Ciao Eva

    bella domanda : convertire la patente di un brasiliano/a ottenuta in Italia in quella brasiliana . In teoria il DETRAN non dovrebbe importarsi della nazionalità di chi ha la patente , tuttavia potrebbe non essere stata prevista una procedura ( processo ) per tale circostanza .

    Pertanto ti consiglio , una volta arrivata in Brasile di rivolgerti al DETRAN di competenza della tua area . Alcune volte il DETRAN di altri stati potrebbe avere procedure differenti .

    RispondiElimina
  50. Salve, complimenti per il forum... Vi scrivo per sapere quanto spende una persona con residenza in brasile ad aprire un attività...Chiedo questo per capire se facendo aprire tale azienda a questa persona e facendomi assumere come dipendente riuscirei ad ottenere un visto permanente risparmiando un po ei 150000 reais.. grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse non ti è chiaro che il visto spetta all'investitore e non al dipendente . Inoltre non c'è nulla da risparmiare perchè i 150000 reais non vengono regalati al Governo brasiliano ma restano sul conto della Società a disposizione dell'investitore . In altre parole sono e restano tuoi .

      Elimina
  51. olà senhor otto bom dia. por favor gostaria muito de tirar uma duvida, sou Brasileira casada com um italiano, e estamos pensando em nos transfirir em Brasil pelo fato que meu marido recebeu uma boa proposta de trabalho e se como queriamos ir no inicio de abril, a dùvida è se pedimos o visto de permanencia diretamente na pf do brasil, meu marido poderà trabalhar, abrir conta em banco e usar a carteira de motorista ou nao? e quais sao os documentos necessarios para levarem de la? desde ja agradeço a respota. obrigada!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Seu marido vai pedir um visto para trabalho ou familiar? Temporario ou definitivo?
      Dependendo disso a documentaçao muda e tambèm o lugar onde pedir o visto è diferente.
      A melhor coisas è voçes pedir informaçoes no Consulado brasileiro na Italia (Roma o Milao) mesmo via email.
      Voçe vai ser um brasileiro a mais entres os muitos que estao voltando para o Brasil. Parabens!
      Marco

      Elimina
  52. Ciao tutti vorrei avere aiuto riguardo un problema di visto...saro´in cassa integrazione nei prossimi 2 anni e vorrei passarli in Brasile. Il problema e´che vorrei avere un visto temporaneo anche per studio ( vorrei frequentare un corso di portoghese ) che mi sembra sia di un anno rinnovabile per un atro anno ma non posso cambiare residenza visto che non percepirei piu la cassa integrazione. Ossia si puo mantenere la residenza in Italia ed avere un visto che mi permetta di rimanere piu tempo in Brasile? grazie

    RispondiElimina
  53. ciao Antonio volevo una info da te che credo gia avrai avuto questa esperienza
    io ho la patente brasiliana visto che vivo qui da tre anni ho il visto permanente , dovrei rientrare in italia per turismo per 15 giorni e siccome mi è scaduta la patente di guida italiana , volevo sapere se posso guidare con quella brasiliana che ha validita' fino al 2015
    ti ringrazio anticipatamente , e ti faccio i complimenti per il blog
    saluti
    Mike

    RispondiElimina
  54. ciao a tutti. presto mi trasferisco in brasile a guaraparì dove la mia compagna ha la sua famiglia di origine. Ho un paio di anni di autonomia finanziaria e 50000 reais che vorrei utilizzare per aprire una piccola produzione e vendita di pasta fresca con una macchina Italiana da 20 chili l'ora. Vorrei anche sporzionare al banco e con qualche tavolino fuori facendo i ragù più graditi come per esempio il pesto. Che mi dite? si trovano attrezzature in acciaio come cuocipasta, banchi, frigo ecc magari usate? Si trova buona farina per la lavorazione? Piace la pasta all'uovo, tortelli, ravioli ecc? Stroncatemi pure vi prego!! Leonardo e Glaucia

    RispondiElimina
  55. Ciao Leonardo

    dai una occhiata a questa attività : http://massamia.com.br/

    si tratta di pasta fresca ... congelata . L'attività qui sta spopolando . Ci sono già tre negozi a Natal .

    RispondiElimina
  56. Sono completamente profano in materia,ma ho sentito dire che per impasti di vario genere,avendo una farina differente, qua può diventare difficile conseguire buoni risultati. Ma chiaramente non impossibile:ho sentito che dopo un anno di esperimenti mescolando tre farine differenti,un pizzaiolo italiano a Pipa sta facendo la pizza meglio che in Italia!
    E riuscire a fare una pasta buona,potrebbe anche essere una idea per un domani, per una produzione in scala maggiore.
    Buona fortuna
    Cristian

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a Dio a Natal non abbiamo questo problema . Infatti a Ponta Negra abbiamo una pizzeria eccellente " Tomatinho " dove porto tutti gli amici che vengono a trovarmi dalle varie parti d'Italia e tutti sono stati soddisfattissimi sia della qualità che del prezzo giusto . Il segreto del proprietario salernitano Ivano sono gli ingredienti di primissima qualità e la passione . Un poco aiuta anche il fatto che uno degli ingredienti fondamentale , la mozzarella , è prodotta e commercializzata da un italiano residente a Natal . Per la farina so con certezza che usa la stessa che uso io per fare il pane in casa ovvero una normalissima tipo 1 Dona Benta . Il segreto sta tutto nella lievitazione . In cucina bisogna sperimentare !

      Elimina
  57. Leonardo, l'idea è buona a condizione che tieni sempre a mente che la pasta la devi vendere a brasiliani e quindi a loro deve piacere. Non sempre quello che piace a noi va bene anche per gli altri. In questo senso in Brasile è importante anche scegliere il target di clientela cui intendi rivolgerti, anche in base alla zona di riferimento, in modo da calibrare meglio anche il prodotto e i relativi costi di produzione.
    Marco

    RispondiElimina
  58. Un anno fa sono stato tre mesi a Ipatinga nel centro di Minas. Ho fatto le melanzane alla parmigiana che hanno spopolato, le lasagne classiche con ragù di carne e besciamella e...il pesto con il loro mangericaon, le noci, l'olio portoghese e il cacio da grattugia del sud a 30 reais un pezzettino. Non vado per arricchire ma per riempire la giornata facendo una cosa che adoro: cucinare, se poi si guadagna qualcosa tanto meglio. A Guaraparì "girano" 100.000 persone ogni 6 mesi, bella con tutti quei grattacieli non lo è ma ricca si. per delle spiaggie bellissime si va verso Villa Vecchia verso Nord.
    Se qualcuno ha il sito o il tel di un importatore di prodotti Italiani (vino, pelati, olio, parmigiano ecc) ve ne sarei grato.
    ps=provate il pesto con i broccoli al posto del basilico. pps= secondo voi la "panzanella" fresca piacerebbe ai brasiliani?
    Leonardo

    RispondiElimina
  59. Salve a tutti,ho trovato molto interessanti le info pubblicate in questo blog, visto la competenza di chi scrive qui avrei diversi quesiti da rivolgervi:

    1) Sono in attesa di Visto Permanente per ricongiungimento familiare( sono gia' stato alla PF ed ho lasciato le impronte, l'ufficiale mi ha detto che avrei solo dovuto attendere 3 mesi e poi andare a ritirare la carta d'identita, senza dover attendere la visita a casa,ho provato ha vedere su internet ma inserendo il n. di protocollo mi dice : "Registro não encontrado"

    http://portal.mj.gov.br/data/Pages/MJ1C684B92ITEMID857642E424BA450FB23C694F67B340DBPTBRIE.htm


    Visto l'esito negativo su internet ( potrebbe non essere aggiornato?) dove posso telefonare ? Alla PF in cui ho consegnato la documentazione? o al ministero da Justicia?

    2) La mia patente italiana l'ho mandata a far tradurre da un traduttore juramentado, una volta che avro' questa traduzione che altro devo fare per farla convertire in quella brasiliana?

    3) In attesa del visto permanente posso acquistare un auto? Al momento sono in possesso dei seguenti documenti:

    - Passaporto con visto permanente rilasciato dal consolato brasiliano in italia, timbrato dalla policia federal entro 30 giorni dal mio ingresso in brasile
    - Sincre ( con scritto in numero RNE, classificacao permanente con indirizzo di residenza in brasile )
    - CPF
    - Ho aperto un conto in banca co-intestato con mia moglie
    - Scheda telefonica a mio nome , tramite registro del cpf

    Grazie per l'immenso aiuto, saluti Giorgio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giorgio

      non preoccuparti , hai il numero di protocollo , il SINCRE con l'RNE cosa vuoi di più ? Tra tre mesi o forse più ( La PF è stata in sciopero sino a 15gg fa ) avrai il tuo tesserino .La macchina la puoi acquistare . Per quanto riguarda la validazione della patente devi andare al DETRAN della tua città e ti spiegheranno cosa fare . In sintesi devi fare la visita medica e l'esame psicofisico per il quale è indispensabile una buona conoscenza del portoghese . Recentemente il DETRAN di Mossorò ( La seconda città del RN) è stato oggetto di uno scandalo incredibile . Vendevano le patenti addirittura agli analfabeti per R$ 1200 e chi non poteva pagare in soldi pagava con gamberi ed aragoste .

      Saluti ed auguri

      Elimina
    2. Grazie mille ottoaprile,
      ma come sapro' quando sara' pronto il tesserino? continuo a guardare su quel sito del ministero da justicia? o mi avviseranno loro? La mia paura e' che se rimane troppo in giacenza poi lo rimandano indietro, non c'e' un limite di tempo per il ritiro?

      Saluti Giorgio

      Elimina
    3. Ciao Giorgio, ti sarei grato se mi dicessi una cosa, visto che anche tu hai richiesto il visto tramite consolato brasiliano in Italia. A te hanno chiesto anche un comprovante di reddito, tuo o di tua moglie? Grazie. Dario

      Elimina
    4. Ciao Giorgio

      il ministero ha fatto il suo lavoro , ha esaminato la pratica e ti ha concesso il visto . Se ho ben capito hai già avuto l'RNE . Pertanto aspetta i tre mesi che ti hanno detto e poi ritorna alla PF per il ritiro del tesserino . L'importante è che resti in Brasile durante questo tempo .

      Elimina
    5. Grazie mille per le risposte,sono Giorgio,

      Rispondo a Dario: quando ho consegnato la documentazione al consolato brasiliano a Roma stavo ancora risiedendo insieme a mia moglie in Italia,premetto di aver richiesto un visto permanente per ricongiungimento familiare sposato da meno di 5 anni,prendendo tutte le info da questo link :

      http://www.consbrasroma.it/it/vistos/visto_perm01_02.html

      quindi io non ho consegnato nessun comprovante di reddito di mia moglie , ho semplicemente stampato e riempito un modulo sul sito del consolato, allego il link:

      http://www.consbrasroma.it/formularios/termo_responsabilidade.pdf

      consegnato e firmato da mia moglie li al consolato, se invece lei stava in brasile avrebbe dovuto farlo in un cartorio e poi mandarlo per posta a me e successivamente io avrei dovuto consegnarlo al consolato.

      Non c'e' scritto da nessuna parte che del comprovante di reddito

      Elimina
    6. Ciao Ottoaprile, sono Giorgio,ora rispondo a te:

      tu mi dici : " . . . .Se ho ben capito hai già avuto l'RNE . Pertanto aspetta i tre mesi che ti hanno detto e poi ritorna alla PF . . . ."

      credo di si, la PF mi ha rilasciato il timbro sul passaporto me lo ha segnato a penna li,anche nella ricevuta con il numero di protocollo e' segnato lo stesso numero ed infine inserito fra i vari dati sul foglio Sincre, pero' gli quando ho chiesto se potevo uscire dal paese nell' attesa , mi hanno risposto di si tranquillamente, importante era non stare piu di 6 mesi fuori. Io non posso confermare la veridicita' di quest'ultima info perche' al momento non rientrero' in Italia ( sto per diventare papa' e non intendo muovermi per il momento) .

      Un Saluto a tutti , Giorgio

      Elimina
    7. Ciao Giorgio a me sembra che il tuo processo di visto e rilascio RNE stia andando tutto alla perfezione. Ti resta solo di andare al DETRAN per convertire la patente e poi potrai comprarti magari una bella Fiat Mille (ex Uno) che sembra sia l'auto con il più basso consumo in Brasile. :-)
      Per avere coscienza dei tempi relativi al tuo processo, potresti dirci quando hai iniziato la pratica di richiesta visto per ricongiungimento presso il Consolato di Roma? Secondo le statistiche dei lettori del blog il tempo complessivo che intercorre dalla richiesta al consolato fino all'effettivo rilascio del RNE non supera complessivamente i 9 mesi. Ti sembra giusta questa stima?
      Vai di tanto in tando alla PF per vedere se arriva l'RNE e vedrai che, anche se gli scioperi stanno dilatando i tempi, entro 3 mesi te lo consegnano.
      In bocca al lupo per tutto ma, soprattutto, per la prossima paternità!!
      abraços
      Marco

      Elimina
    8. Scusa Giorgio non avevo letto sotto. Hai già risposto al mio quesito.
      Marco

      Elimina
  60. Ciao Giorgio

    pubblico questo commento dell'amico Cri sulla tua domanda essendo l'originale stato cancellato per errore . IL commento si riferisce alla mia precedente risposta .

    Permettimi di correggerti, io l´ho fatto e non bisogna restare in Brasile nell´attesa. Infatti sono uscito e tornato dopo alcuni mesi. Il tesserino provvisorio ha validita´180 gg.
    Nel mio caso, al rientro in Brasile, sono andato alla federale (erano trascorsi 7 mesi) e mi hanno consegnato la CIE. Ho consegnato il provvisorio e ho ritirato il definitivo. Ho solo firmato, nessuno mi ha chiesto niente.
    Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao sono Giorgio,

      infatti come ti scrivevo nell'altro post anche a me avevano detto solo di rientrare entro 6 mesi, unica differenza e' che a me non hanno consegnato nessun tesserino provvisorio, solo numero di protocollo.

      Comunque volevo aggiungere una cosa alla domanda di Dario,
      io tutti i documenti li ho iniziati a febbraio 2012 ( certificati vari, legalizzazioni e traduzioni) consegnandoli a meta' marzo al consolato Brasiliano, l'ultima settimana di Aprile ho avuto la conferma dell'ok e che potevo consegnare il mio passaporto al consolato, una settimana dopo l'ho ritirato con il visto incollato, fortunatamente e' stato tutto molto rapido. Il 4 di maggio stavo seduto nella poltrona dell'aereo . . . he he he , io sono stato fortunato con i tempi,ho rischiato con di perdere il volo, il biglietto l'avevo comprato 3 mesi prima .
      Questo era solo per confermare che il mio visto e' stato rilasciato abbastanza recentemente e mi sembra strano che ora richiedano il comprovante di reddito. Neanche quando mia moglie ha richiesto la carta di soggiorno qui in Italia io ho dovuto presentare nulla, ho solamente fatto anche io una dichiarazione in era scritto che mi assumevo la responsabilita' del suo mantenimento.

      Spero che la mia testimonianza possa essere d'aiuto, perche' non e' affatto facile riuscire a fare tutto correttamente e nei tempi, a me sono state molto d'aiuto tutte le info su questo blog.

      Tornero' sicuramente a rompere con qualche altro quesito, appena convertiro' la mia patente vi faro' sapere.

      Grazie a tutti, Giorgio

      Elimina
    2. Ciao Giorgio, grazie per le tue risposte esaustive. Io ho iniziato la pratica di visto permanente per ricongiungimento familiare tramite consolato di Roma il 14 agosto, consegnando tutti i documenti richiesti e mia moglie ha firmato la dichiarazione di mantenimento come nel tuo caso. Ad inizio settembre il consolato invia a me ed altre 4 persone una mail una mail in cui richiede il "comprovante de renda" del coniuge chiamante. Rispondo che mia moglie negli ultimi anni non ha lavorato e propongo di inviare la mia dichiarazione dei redditi, che accettano e mi dicono di attendere la decisione del "capo ufficio visti". Ancora non sono passati 2 mesi quindi sto tranquillo (il biglietto lo comprerò solo con il visto sul passaporto)

      Elimina
  61. Scusa, hai fatto il visto con motivazione " ricongiungimento familiare" o " coniuge di cittadino brasiliano"? E' forse li la questione, in quanto il ricongiungimento presume che il coniuge brasiliano risieda in brasile (vedi sito del consolato) e richiedono espressamente la dichiarazione dei redditi brasiliana.
    Nel caso mio ho fatto il secondo e mia moglie ha fatto solo una dichiarazione
    Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravo Cri , mi sembra una ottima osservazione di cui tenere conto nella richiesta del visto .

      Elimina
    2. Le tipologie di visto permanente sul sito del consolato di Roma (http://www.consbrasroma.it/it/vistos/permanente.html) sono:
      Ricongiungimento Familiare
      Trasferimento di reddito pensionistico
      Investimento in Brasile
      Per Direttori, Amministratori o Gerenti d’Impresa

      La motivazione "coniuge di cittadino brasiliano" mi è nuova. La scopro adesso vedendo il sito del consolato di Milano (http://milao.itamaraty.gov.br/it/permanente.xml), nel quale, in apparenza sembrano esserci alcune tipolgie di visto in più. In realtà, per il consolato di Roma, il ricongiungimento familiare comprende il "coniuge di cittadino brasiliano" presente sul sito di Milano come tipologia a sé stante.
      In effetti, all'interno del "ricongiungimento familiare" ricadono le tipologie ascendente, discendente, coniuge.
      Forse nel leggere "Ricongiungimento familiare" hanno comunque richiesto la dichiarazione dei redditi, come se fossi un ascendente/discendente; ma comunque nei fogli consegnati è specificato che sono coniuge di cittadino brasiliano.


      Elimina
    3. Dario probabilmente se sul modulo hai indicato che tua moglie risiede e lavora in Brasile si tratta di ricongiungimento familiare (e ti chiedono la dichiarazione dei redditi) mentre se hai scritto che risiede in Italia si tratta di coniuge di cittadino brasiliano. In pratica nella seconda ipotesi diventi come "un pacco" al seguito di tua moglie che, rientrando in Brasile, si assume l'onere di mantenerti, fino al rilascio del tuo CIE definitivo, e di pagarti il biglietto di reimpatrio in caso la residenza ti venisse negata, sulla base di una semplice dichiarazione.
      Forse sbaglio ma io la interpreto così.
      Marco

      Elimina
  62. Questo articolo di legge merita attenzione al riguardo :

    O artigo 75, inciso II, alíneas “a" e “b”, da Lei 6.815/80 dispõe que será inexpulsável o estrangeiro casado de fato e de direito com cônjuge brasileiro há mais de 5 (cinco) anos, bem assim aquele que possui prole brasileira sob sua guarda e dependência econômica.

    L´avevo trovato qundo ricercavo info in merito al visto definitivo per matrimonio.

    Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cri. Quindi per chi è sposato da meno di cinque anni potrebbero fare qualche storia in più

      Elimina
    2. La legge in questo caso parla chiaro, pero´ sai, siamo in Brasile. Quindi non dare mai niente per scontato!!!!
      Resta il fatto, agganciandomi al post dell´ amico qui sotto, che essendo sposato, ho il DIRITTO di vivere con mia moglie. E questo non me lo toglie nessuno!!!!!
      Cri

      Elimina
  63. Comunque nella lista dei documenti da presentare al consolato Brasiliano a Roma non c'e' la dichiarazione dei redditi ne' Italiana ne' Brasiliana e neanche una tipologia di visto separata tra ricongiungimento familiare e coniuge al seguito,io ho trovato solo differenza tra sposati da meno 5 anni e da piu' di 5 anni (pratiche piu' rapide), e mettete il caso che fosse un familiare in Brasile della moglia a mantenere tutti e due??? Si dovrebbe presentare la sua dichiarazione dei redditi? Non se ne uscirebbe piu' fuori . . . certo come sempre loro stanno cercando di salvaguardare i posti di lavoro.

    Io sto pensando che in Brasile abbiano cominciato ad essere un po' piu ristrettivi nel rilascio dei visti a causa dell' "esodo di massa" ( esagerato????) che sta avvenendo dall'Europa in generale (vedi anche i frequenti ritorni in patria dei cittadini Brasiliani residenti all'estero). Quindi tentano di attaccarsi ad ogni minima cosa per non concedere il visto, pero' sara' dura non concederlo a chi ha moglie e figli Brasiliani.

    Saluti

    RispondiElimina
  64. scusate ma io vorrei stare direttamente in brasile per 6 mesi prenotando quindi in una volta il volo di andata e ritorno è possibile? grazie mille

    RispondiElimina
  65. per il momento, almeno che la direttiva non sia cambiata nell'ultimo mese, se entri come turista puoi rimanere solo 3 mesi. Cio' non toglie che ho testimoniato casi di persone a cui hanno prorogato il visto per altri 3 mesi! Molto piu' semplice se entri con il visto da studente che ti permette di rimanere 6-12 mesi

    RispondiElimina
  66. Se hai il visto permanente si altrimenti con il visto turistico puoi restare 3 mesi max a semestre pertanto non puoi fare il ritorno dopo 6 mesi .

    RispondiElimina
  67. una domanda...con il visto permanente che otterro' a breve, e' possibile prenotare il volo sola andata??
    ho delle miglia TAP che vorrei sfruttare..
    saluti

    Robby

    RispondiElimina
  68. io sono sposata da un mese con un italiano residente in brasile con regolare visto di soggiorno permanente perchè ha fatto un investimento li,per fare il ricongiungimento dobbiamo essere sposati minimo da quanto tempo,e che documenti dobbiamo produrre? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Domanda delicata per differenti motivi . Meglio chiedere direttamente al Consolato brasiliano di Roma o Milano .

      Elimina
  69. Buon giorno 8 aprile e buon giorno a tutti,

    VI PREGO AIUTATEMI!!!!

    a ottobre 2013 ho richiesto il visto permanente per casamento com brasileira al consolato di milano. Ho ottenuto dopo poco tempo l'autorizzazione dal governo brasiliano. Ho compilato il formulario al link https://scedv.serpro.gov.br/frscedv/index.jsp ma non mi permette di stamparlo. Mi é stato dato il numero di protocolo ma quando faccio la pesquis mi dice enviado. Ci sono altre possibilità oltre a enviado (em analise, recebido, pronto para entrega). Ho mandato piu mail al consolato per avere chiarimenti ma non mi sono stati forniti chiarimenti esaustivi. Qualquno l'ha già fatto e mi puo dare info? Devo aspettare che ci sia scritto "pronto para entrega" e mi verrà fornito il formulario completa con lo spazio per la foto e per firmarlo?

    Ringrazio chiunque mi possa aiutare!!!!

    Luca Amistadi

    RispondiElimina
  70. Ciao a tutti, sono Giorgio ( quello in attesa dell RNE ) finalmente dopo 9 mesi e' arrivato questo benedetto tesserino ( la "CIE" con validita' fino al 2021)!!! Io continuavo a controllare sul sito del Ministero da Justiça ma senza esito,dava sempre registro nao encontrado, invece inserendo il protocollo sul sito della Poliçia Federal mi ha indicato esattamente la data di fabbricazione del tesserino, poi certo è passato un altro mese per l'invio, comunque io mi tenevo informato chiamando direttamente a Brasilia.

    Poi vi terro' informati sul processo di conversione della patente che iniziero' a fare in questi giorni. Grazie e ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giorgio

      il sito del Ministero è da consultare solo per il visto . Una volta che lo hai ottenuto e sei stato alla PF per le foto e le impronte devi consultare il sito della PF ( Come hai fatto ) per la CIE . E' il processo normale .

      Auguri !

      Elimina
  71. Aiutatemi per favore,sono sposato mia moglie e brasiliana ed abbiamo anche una figlia che e nata in italia mi da due mesi mia moglie e mia figlia sono in brasile in attesa che mi concedano il visto e li posso poi raggiungere. ho fatto richiesta di visto permanente per ricongiungimento familiare al consolato di roma il 3\01\2013 e la procedura e quella di coppie sposate da meno di 5 anni ed ho portato tutta la documentazione che serviva oltre la dichiarazione dei redditi mia in italia,fin qui tutto bene.in data 24\01\2013 vengo convocato dal consolato per farmi delle domande di routine (intervista) cosi la chiamano loro... che si fa a quelli che come me sono sposati da meno di 5 anni, ed ho portato anche il certificato di mia figlia nata in italia.la mia domanda e....devo aspettare 2 mesi oppure oltre? vi prego rispondetemi grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rosario se trascorsi 60 giorni dalla domanda consegnata il Consolato non ti da notizie, mandagli una email scritta. Vedrai che allora ti risponderanno. In genere il visto arriva ben entro i 60 giorni ma il consolato avvisa quando può, con calma bahiana ....

      Elimina
  72. Rosario ma tua moglie non è venuta con te al momento della richiesta al Consolato per firmare davanti al funzionario la Dichiarazione d'impegno e mantenimento del coniuge? Cosa ti ha detto il funzionario del Consolato dopo il colloquio? Ti hanno rilasciato una ricevuta di presentazione della domanda e del pagamento degli emolumenti consolari?

    RispondiElimina
  73. salve, io avrei un piccolo problema e una domanda, sto pregando di ricevere una risposta, allora io vivo in brasile da quasi 2 anni solo ce un problema mi trovo in una situazione illegale, volevo sapere adesso che io voglio lasciare il paese, posso lasciarlo senza pagare la multa di circa 830 reais, per poi pagare in un secondo momento? ringrazio molto chi mi rispondera..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ireni

      presentati alla PF alcuni giorni prima della presunta data di partenza e spiega la tua situazione . Certamente ti faranno rientrare in Italia con o senza il pagamento della multa che potrà eventualmente essere pagata al rientro in Brasile .

      Elimina
    2. Ciao Ireni, innanzitutto stai tranquilla: ti dico per esperienza che anche se ti presenti il giorno della partenza e vedono la tua situazione irregolare, ti stamperanno una ricevuta, bofonchieranno qualcosa, metteranno un timbro sul passaporto dicendo che devi pagare la multa, ma poi ti fanno partire. TI daranno anche la ricevuta per pagare la multa e dovrai restare 1 anno fuori dal Brasile. Prima di tornare dovrai mandare il foglio per il pagamento della multa a una persona di tua fiducia in brasile che pagherà e ti manderà indietro la ricevuta, con la quale, trascorso l'anno potrai rientrare.
      Il vantaggio di presentarsi qualche giorno prima della partenza alla polizia sta nel poter pagare subito e personalmente la multa.
      Io ho poi scoperto che il signore della polizia, quando mi aveva fatto la multa, non l'aveva inserita nel sistema; quindi, trascorso un anno, al mio rientro in BRasile, potevo far finta di nienta, ma mi sono comunque fatto scrivere sul passaporto che ho pagato la multa.
      Comunque, come ti ha risposto Antonio, se vai alla Polizia qualche giorno prima stai più tranquilla.
      Dario

      Elimina
  74. ciao, chi mi può spiegare cosa ci vuole per un pensionato che prende circa 1600 euro al mese in Italia per avere il visto permanente in Brasile? Ho già una compagna che economicamente stà molto bene, ha una casa di 350 metri e quanto basta per vivere bene

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dal sito del Consolato brasiliano di Milano

      PER TRASFERIMENTO DI PENSIONE (Risoluzione Normativa n°45/2000/CNIg)

      La richiesta di questo visto si svolge in due fasi.

      FASE 1 - Documentazione da presentare al Consolato Generale

      1. Prova di pensione equivalente o superiore a 6.000,00 Reais mensili: dichiarazione dell'Ente erogante o Modulo Obis M per l’anno in corso da cui risulti l'importo netto mensile della pensione, firmato dal dirigente della sede e legalizzato presso l’ufficio territoriale del Governo (es. Prefettura, Camera di Commercio);

      2. Dichiarazione bancaria di assenza di restrizioni al trasferimento dell’importo della pensione in Brasile, firmata dal direttore dell’istituto bancario e legalizzata in Camera di Commercio;

      3. Estratto di Nascita con maternità e paternità legalizzato presso la Prefettura;

      4. Certificato contestuale cumulativo di residenza, cittadinanza e stato civile legalizzato presso la Prefettura;

      5. Certificato Generale del Casellario Giudiziale con esito NULLO (legalizzato presso l’Ufficio legalizzazioni della Procura della Repubblica, con firma del Procuratore o Sostituto Procuratore);

      6. Certificato di Carichi Pendenti con esito NULLO (legalizzato presso l’Ufficio legalizzazioni della Procura della Repubblica, con firma del Procuratore o Sostituto Procuratore);

      7. Passaporto: originale e fotocopia della pagine d'identificazione e della firma.

      Tutti i documenti in lingua italiana dovranno essere presentati già corredati da traduzione ufficiale in lingua portoghese, effettuata da traduttore giurato (iscritto all´albo del Tribunale).

      Nota: I documenti indicati ai punti 1, 2, 3 e 4 dovranno essere successivamente legalizzati dal Consolato Generale (costo della legalizzazione: € 20,00* per ogni documento). Il Consolato farà la copia autentica del documento indicato al punto 7 al costo di€ 10,00*.

      Validità dei documenti: data di rilascio inferiore a 3 mesi.

      FASE 2 - Documentazione da presentare al Consolato Generale in seguito all'ottenimento dell’autorizzazione

      1. Passaporto originale e fotocopia con validità minima di 6 mesi e 2 pagine libere;

      2. 1 (una) foto formato tessera, frontale, con sfondo bianco o chiaro;

      3. Modulo unico https://scedv.serpro.gov.br/frscedv/index.jsp; compilato on-line e firmato.


      Tempi di rilascio del visto: circa due mesi per la consultazione al Ministero Degli Affari Esteri brasiliano. All’arrivo dell’autorizzazione, 10 (dieci) giorni lavorativi dopo la consegna della documentazione completa.

      Costo del visto: € 200,00* (duecento euro). Il visto è gratuito per i cittadini italiani.

      * i valori degli emolumenti consolari sono soggetti a variazione del tasso di cambio.

      Le informazioni sopra citate possono essere soggette a modifiche in conformità alle norme divulgate dal Ministero degli Affari Esteri brasiliano.

      Elimina
    2. In pratica dovresti ricevere una pensione di almeno 2000 euro netti per poter avere diritto al visto permanente

      Elimina
  75. ciao a tutti, sono un italiano in brasile da circa tre mesi, fra dieci giorni scadono i tre mesi di visto turistico. Io vorrei rimanere un altro mese. La legge parla chiaro tre dentro e tre fuori (ma posso rimanere fino ai sei mesi fuori dai tre del visto turistico in un anno pagando la multa diaria di 8,27 reais) ma non ho capito una cosa. Se rimango un mese in piu rispetto ai tre mesi concessi dal visto turistico quanto devo aspettare prima di rientare? ...giustamente chi rimane sei mesi deve rimanere fuori per sei mesi. Chi rimane quattro, quanto deve rimanere fuori prima di rientrare in Brasile?

    RispondiElimina
  76. buongiorno, disturbo per chiedere un'informazione. il mio compagno (marito a breve) andrà a vivere a san paolo per lavoro con visto. la mia domanda è: io posso ottenere un visto per ricongiungimento familiare? se sì, mi dicono che bisogna spettare 2 anni, in alternativa devo trovare lavoro là anche io per avere un visto. E' vero? grazie mille, aspetto una gentilissima risposta. Michela Bonicoli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Michela

      il visto per lavoro NON è un visto definitivo ma temporaneo e dura due anni . Tuttavia , in seguito ad una recente modifica della legge SE a tuo marito l'impresa conferma il visto per ulteriori due anni allora questo diventa permanente immediatamente . In tal caso potrai chiedere il visto per ricongiungimento familiare .

      Elimina
  77. buongiorno volevo portare alla vostra attenzione la mia situazione io piu´di 5 anni orsono ho conseguito il visto per investimento con la relativa identita´RNE ho fatto degli investimenti comprando delle case per poi un giorno venire a vivere in questo paradiso ora il giorno e´arrivato pero´il visto mi e´scaduto nel maggio del 2013 io lúltima volta che sono entarto in brasile era novembre del 2012 ora essendo in brasile e pensando che essendo un visto permanente basta rinnovarlo mi ritrovo che mi si dice che non si puo´rinnovare ma bisogna necessariamente fare tutto a nuovo quindi nuovo visto con tutti i documenti e la burocarazia. vi risulata anche a voi questo tipo di situazione? in pratica con il visto scaduto devo per forza farne uno nuovo? per ora sono entrato in brasile come turista quindi con i 90 giorni a disposizione.grazie per la vostra risposta
    marco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il visto per investimento non e permanente e il rinnovo dopo 2 anni non e automatico nel senso che devi dimostrare che hai assunto personale,fatto funzionare un attivita ecc...
      a quanto ne so io,devi rifare tutto da capo.quello che hai in mano non vale piu niente.
      ciao
      francis

      Elimina

Lasciate qui un vostro commento