mercoledì 29 settembre 2010

Il cambio con l'euro riprende finalmente a salire



La forza del Real verso l'euro nell'ultimo anno è stata sorprendente ed esagerata.

Le esportazioni brasiliane soffrono e la bilancia commerciale è in forte deficit. E' ovvio che a compensazione della bilancia commerciale in questi mesi sono arrivati miliardi e miliardi di soldi alla ricerca di investimenti in Brasile in occasione del 2014 e 2016.

Investire in progetti in Brasile con il cambio in area 2,10-2,20 è fattibile ma comporta dei rischi di ritorni inferiori alle attese. Da 10 giorni a questa parte sembra che il BRASILE abbia deciso di puntare a una svalutazione del real.

- Mantega dichiara che compra dollari a costo di indebitarsi
- l'operazione Petrobras viene identificata come UN ARTIFICIO CONTABILE
- Prossimo passo potrebbe essere la rielezione il 3 ottobre (manca pochissimo) di Dilma, il candidato di Lula

Il cambio è passato rapidamente da 2,18 a 2,32 di oggi, e il movimento potrebbe continuare fino a 2,45 e poi anche un po' piu' in là.

Per tutti coloro che, come noi, decidono di investire in Brasile sarebbe una vera manna. Ci permetterebbe di investire in un momento di debolezza valutaria e sfruttare sia la rivalutazione del mercato immobiliare nei prossimi anni sia un ritorno del real a valutazioni piu' aggressive piu' avanti nel tempo!


COMUNQUE VADA IL BRASILE RIMANE IL POSTO DA ESSERCI!!!

Fonte : Mercato Libero

martedì 28 settembre 2010

Assalto in Hotel a Ponta Negra : coppia di turisti italiani derubati


Uma quadrilha composta por cinco homens armados assaltou o hotel Margherita Flat na Rua José Bragança, na Vila de Ponta Negra, Zona Sul de Natal. O grupo rendeu funcionários e hóspedes e roubou cerca de R$ 30 mil em dinheiro e outros objetos, durante a madrugada de ontem.
Segundo o tenente-coronel PM Alarico Azevedo, um dos assaltantes esteve hospedado no estabelecimento antes do crime. Os dois recepcionistas foram amarrados e trancados em um dos quartos pelos criminosos, que ainda levaram computadores e outros objetos das vítimas que estavam no hotel. Nenhum dos bandidos foi preso.

Um dos funcionários, que preferiu ter a identidade preservada, conta que um dos bandidos se hospedou no hotel com o nome de "Antony Soares" na manhã do domingo. Sem apresentar qualquer documento e sem pagar adiantado, ele se instalou em um dos quartos, com uma mulher, e passou o dia dentro do cômodo. "Não me lembro de tê-lo visto aqui fora em nenhum momento". A mulher que o acompanhara deixou o estabelecimento por volta das 16h.

Já por volta das 0h20 de ontem, quando houve a troca de turno dos recepcionistas, "Antony" foi até o saguão de entrada do hotel e, armado, anunciou o assalto e rendeu o funcionário que começara o seu plantão. "Em seguida ele abriu a porta da frente. Nesse momento, um carro chegou em alta velocidade e parou em frente. Quatro homens armados e encapuzados desceram do veículo e invadiram". Um vigilante que trabalha na rua do hotel também foi rendido pelos bandidos.

Ao entrar no estabelecimento, a quadrilha rendeu outro recepcionista, o que tinha deixado o plantão. Com os dois sob a mira das armas, os bandidos os forçaram a entrar em três quartos. Em um deles,
um casal de turistas italianos também foi rendido, do qual foram roubados R$ 20 mil e 5 mil euros, além de notebooks, relógios, celulares e outros objetos. Além disso, foram levados pelos bandidos o computador do hotel e ainda R$ 3 mil em dinheiro.

O funcionário acredita que toda a ação da quadrilha deve ter durado cerca de uma hora e meia. Segundo ele, enquanto tentavam invadir outros quartos, hóspedes conseguiram acionar a polícia. Antes de deixar o hotel, porém, os bandidos amarraram as pernas e os braços dos recepcionistas e os amordaçaram, trancando-os em um dos quartos. O funcionário conta que uma viatura da polícia chegou ao local logo após a partida dos criminosos. No entanto, nenhum integrante foi detido. Após o crime, as vítimas foram prestar queixa na delegacia de plantão da zona Sul. O caso, porém, será apurado pela Delegacia Especializada de Furtos e Roubos (Defur).

Fonte : Diario de Natal



venerdì 24 settembre 2010

Evento mediatico alla Borsa brasilana




L'inizio della vendita delle azioni della Petrobras si è trasformata in un evento mediatico . La cerimonia è stata marcata da un clima di commemorazione e patriottismo . La facciata della Bovespa è stata decorata con i colori giallo e verde della bandiera del Brasile . Il presidente Lula ed altre autorità presenti hanno indossato una tuta di colore arancio della Petrobras con relativo casco ( Vedi foto ) .


giovedì 23 settembre 2010

Mercato dell 'usato : è boom nelle ristrutturazioni

Ricordate quello che ho detto sul Blog a proposito dell'investimento in immobilili usati da ristrutturare ? Sembra che i brasiliani abbiano seguito il mio consiglio !


Lojas de material de construção vivem "melhor dos mundos"

Procura por imóveis usados e entrega de apartamentos novos levam a um boom nas vendas; setor é o que mais cresce no varejo

Claudia Facchini, iG São Paulo | 22/09/2010 05:50



Foto: AE

Maior procura por imóveis usados eleva vendas de artigos para reforma

O aquecimento nas vendas de imóveis usados e a entrega das chaves de uma grande parte dos imóveis lançados em 2007 deram novo fôlego às varejistas de material de construção, que registram atualmente o maior ritmo de crescimento das vendas entre todos os segmentos do comércio.

Em julho, segundo o Instituto Brasileiro de Geografia e Estatística (IBGE), a receita das lojas de artigos para reforma cresceu 19,8% em relação ao mesmo mês de 2009, taxa superior à expansão de 13,5% das vendas do comércio de forma geral. No acumulado do ano, o varejo de material de construção apresenta um aumento de 20,3% nas vendas, em receita.

O setor ficou acima até mesmo das concessionárias de veículos, cujas vendas aumentaram 16,9% em julho em relação a igual período do ano passado e acumulam um crescimento no ano de 13,3%.

O varejo de material de construção passou, no período de apenas um ano, do “pior para o melhor dos mundos”, afirma Dimitrios Markakis, controlador da Construdecor, holding à qual pertence a Dicico, uma das cinco maiores redes de material de construção do País.

A varejista prevê faturar R$ 880 milhões em 2010, 25% mais que em 2009, quando as suas vendas totalizaram R$ 700 milhões. Markakis projeta atingir, até o fim de 2010, a marca de 50 lojas, com a inauguração de cinco unidades ao longo dos próximos três meses.

Durante a crise econômica, em contrapartida, as lojas de material de construção foram as que mais sofreram. O setor encerrou o ano passado com uma queda de 5,9% no volume vendido, enquanto o comércio varejista como um todo comercializou um montante 5,9% maior.

Oferta de crédito

A forte elevação do custo do dinheiro foi um dos principais algozes do varejo de material de construção. As taxas de juros cobradas pelos bancos para o financiamento de capital de giro chegaram a ser superiores a 130% do CDI (Selic) durante a crise, em 2009, para as empresas de médio ou pequeno porte.

Agora, em compensação, as taxas estão mais baixas que antes da crise, chegando a 115% do CDI, e não há falta de linhas de crédito nos bancos, segundo uma fonte consultada pelo iG. A retomada do crédito fez com que a recuperação do consumo fosse vertiginosa: as vendas de material de construção pelo varejo aumentaram 17,2% no segundo trimestre de 2010, enquanto, entre abril e junho de 2009, os lojistas haviam amargado uma queda de 9,7% nos volumes comercializados.

Reforma

Os varejistas dependem essencialmente da disposição dos donos de imóveis em reformar a casa, já que as construtoras compram os insumos diretamente dos fornecedores. E a oferta de crédito é essencial, tendo em vista que grande parte das compras feitas pelos clientes é financiada em 12 vezes ou mais.

Os grandes clientes dos lojistas são os compradores de imóveis usados, que costumam investir na remodelação das residências. “Com a forte alta nos preços dos imóveis novos, que já estão custando R$ 6 mil ou R$ 7 mil o metro quadrado em São Paulo, a aquisição de imóveis usados voltou a ser atraente”, afirma Markakis, que atribui a melhora das vendas de material de construção à retomada do mercado.

Mas muitos dos imóveis novos também precisam, após a entrega das chaves, de itens de acabamento. Como um empreendimento demora, em média, três anos para ser construído, os apartamentos lançados em 2007, no início do boom do mercado imobiliário, estão sendo entregues agora, diz Markakis.

“Daqui para frente, o mercado só tende a ficar ainda melhor”, diz o empresário.

Ideacaffè : il gusto italiano del caffè


Il post di oggi è dedicato ad una Azienda brasiliana di radici italiane : la Ideacaffè a cui ho già dedicato un post introduttivo alcuni giorni fa .

La Ideacaffè ha la sua sede principale a Porto Alegre oltre a numerose affiliate in tutto il Brasile . Storicamente la società produce , nelle sue fazende di Bahia un ottimo caffè che viene direttamente processato e venduto con diversi marchi ai supermercati . L'attività di produzione di caffè è stata successivamente affiancata dalla distribuzuine in esclusiva sul territorio brasiliano delle macchine per caffè espresso della Sanremo di Treviso.

La Società mette ora a disposizione il suo know how per espandere ulteriormente il business ed a tale scopo ha lanciato una affiliazione commerciale in piena regola . Dato l'interesse suscitato dal post precedente ho deciso di intervistare il Responsabile commerciale e socio della Ideacaffè Cristiano Zara allo scopo di soddisfare le leggittime curiosità degli amici di Vivereinbrasile .

Ciao Cristiano , molti amici italiani che si sono trasferiti in Brasile mi chiedono suggerimenti sulla attività da intraprendere . Pousada , ristorante , bar sono le attività più gettonate ed anche inflazionate . La tua proposta mi sembra invece veramente originale . Vuoi parlarcene ?

Mi chiamo Cristiano Zara e da circa 5 anni sto vivendo nel sud del Brasile . Assieme ad un altro italiano (che vive da circa 10 anni) abbiamo avviato un attivitá imprenditoriale che si basa sulla distribuzione di caffé di nostra fazende in bahia e di macchine per caffé espresso che importiamo dall Italia.

In questi anni abbiamo riunito una serie di fornitori strategici ed affidabili oltre che aver depositato e registrato un marchio italiano ed abbiamo creato un modo di lavorare vincente.
Abbiamo cominciato lavorando in piccolo e oggi siamo una bella realta in Porto Alegre controllando circa il 30% del mercato locale.
Stiamo aprendo distribuzioni a Rio (con rappresentanti) e altre cittá, mentre in Fortaleza abbiamo aperto l anno scorso la prima filiale con un partner brasiliano.

La mia idea é quella che potremmo fornire un alternativa di investimento per altri italiani che come noi vorrebbero fare qualcosa di differente, ma con l appoggio di qualcuno che ha iniziato da 0 e che conosce le 1000 difficoltá che si incontrano in questo bellissimo paese che é il Brasile.

Cristiano , puoi spiegarci in maniera sintetica il vostro business ?

Come puoi capire non é semplice spiegare un business in poche righe. Posso dirti che il mercato delle macchine professionali, in Brasile, é in mano a solo 6 - 7 importatori (..noi siamo uno di questi).

Togliendo le grandi piazze (Rio, SP) in tutte le altre troveremo concorrenti che non importano macchine ma che sono piccoli rivenditori o che hanno business con macchine bem usate...o alle volte sono free-lance que danno manutenzione a macchine che sono affittate o vendute direttamente dagli importatori di San Paolo o Rio.

Questi free-lance, in genere, non hanno grande capacitá commerciale, non hanno una vera formazione tecnica e sono semplicemente il supporto tecnico locale di una azienda maggiore.
Ci sono 2 grandi aziende brasiliane che hanno una buona presenza in varie cittá, ma ci siamo accorti che sono cresciute molto perché non avevano nessun concorrente.

L' unica azienda italiana che aveva iniziato un lavoro similare al nostro (basato su logomarca e filosofia italiana) é stata la Segafredo, ma dopo un buon inizio, verso il 2000-2001, ha cambiato il suo obiettivo che é passato dalle caffetterie e ristoranti alle gondole dei supermercati e quindi ha ridimensionato la presenza locale, specialmente nelle piazze medie e piccole.

A Fortaleza la Segafredo era molto forte, ma in pochi mesi il nostro partner ha giá dimostrato di avere tutte le "armi" per conquistare una ottima nicchia di mercato e "disturbare" il lavoro della concorrenza.

Il fatturato medio che ho collocato nella presentazione é quello che noi abbiamo raggiunto a Porto Alegre dopo 2 anni di lavoro (oggi siamo ben oltre quel fatturato), quindi essendo Porto Alegre una piazza "media", abbiamo deciso di riportarlo come esempio iniziale.

Per dare un altro esempio: Fortaleza, dopo circa 8-9 mesi di lavoro, ha fatturato, nel mese passato circa R$ 25.000,00, ed é in continua crescita del 5-10% al mese.

Abbiamo altri piccoli partner, tipo il profilo Silver, che hanno uno Show Room multi prodotto, ovvero hanno uno Show Room con le macchine ed il caffé in condivisione con altri prodotti (filtri d acqua, condizionatori d aria..etc) ed in questo caso, é ovvio, che fatturameno meno con i nostri prodotti, non essendo pienamente concentrati con noi.

A Caxias do Sul, cittadina di circa 500.000 abitanti, per esempio, il nostro partner locale fattura circa R$ 20.000,00 al mese, con i nostri prodotti, ma in veritá poi lui vende anche altri servizi.
Questa ditta di Caxias sta collaborando con noi da circa un anno e mezzo.

Conosciamo benissimo i nostri concorrenti ed i loro prezzi, anche perché noi siamo stati assistenza tecnica per 3 grandi importatori di SP e Rio nella regione di Rio Grande do Sul nel 2007 e 2008.


Questi dati che ci hai fornito sono realmente chiarificatori . MI sembra che un differenziale della vostra Azienda stia nel fatto che voi siete anche produttori del caffè che distribuite . Quali sono le prospettive di lucro ? Vogliamo entrare un poco più nel dettaglio operativo ?

Le prospettive di lucro sono molto buone:
1) Vendita di macchine
2) Affitto di macchine
3) Vendita di caffé in grano
4) Vendita di caffé in cialda
5) Vendita di prodotti correlati ai ristoranti e caffetterie (accessori vari)

Vorrei soffermarvi sul business dell´affitto delle macchine.
In Brasile esiste questo grande business della locazione (cosa che per noi italiani é un assurdo)
L affitto medio-mensile, che pagano le caffetterie, varia tra i R$ 300,00 e i R$ 500,00, dipendendo dal modello di macchina e se pensiamo che il costo-medio delle macchine professionali, per il nostro partner varia dai R$ 7.500,00 ai R$ 12.000,00, significa che l applicazione del denaro é MOLTO INTERESSANTE.

La vita utile di una macchina supera i 10-12 anni di uso. Il nostro periodo di ammortamento della macchina, in affitto, é circa 2 anni. Il fatturato ideale é composto in parte da vendita di macchine e in parte da affitti. Per dare un esempio, una macchina che costa al nostro partner R$ 8.500,00 si vende in media per R$ 15.000,00. Esistono anche macchine piccole, per uso ufficio, con costi infeiori ai R$ 1.800,00 (valore per il cliente finale). La vendita mensile del caffé, invece, é la goccia contiua che paga i costi fissi.

Per quanto riguarda le piazze commerciali, capitali turistiche o distretti industriali e aree con piú di 500-800,00 abitanti, sono ovviamente ottimi.
Per pareggiare i costi fissi ed iniziare ad avere un lucro, dobbiamo puntare a conquistare rapidamente i primi 60-70 clienti fissi (tra affitti di macchine e vendita di caffé) e tutti i mesi, ovviamente, continuare a incrementare il portafoglio clienti. Per questo l importanza strategica del nostro apporto iniziale: affiancamenti commerciali, studio di fattibilitá, corsi tecnici in loco.

Cosa chiedete ai vostri affiliati e come li supportate ?

L affiancamento nelle prime settimane di lavoro é indispensabile, per iniziare l attivitá riducendo al minimo i tempi di Start-Up. Corsi tecnici, corsi di barista, visita alle nostre fazende di caffé, permanenza di un nostro responsabile tecnico e commerciale negli uffici del nostro partner, per tutto il tempo necessario fino all avvio del lavoro.

Tutto questo é quello che forniamo e per questo richiediamo la royalty iniziale di R$ 25-30.000,00 che noi crediamo siano molto bem investiti, in quanto, sbagliare alcune strategie, errare la scelta del personale, non sapere che tipo di contrattualistica usare etc..costerebbe molto piú caro.

Persone che non hanno intenzione di investire per la Formazione, che vogliono risparmiare pensando che non ci sia bisogno di un supporto speciale, che non sono interessate a crescere e raggiungere determinati risultati in breve tempo: non sono interessanti al nostro fine,
Abbiamo giá un caso di una ditta che lavorava con caffé e che ha iniziato a lavorare con noi, quindi aveva giá una esperienza e un mercato consolidato.

Il tempo di formazione per adattare questa struttura alle nostre esigenze é stato molto minore ed essendo che il partner ci ripassava clienti che erano del suo antico portafoglio, in questo caso, non abbiamo richiesto la royalty iniziale.

Nelle piazze di San Paolo e Rio, ci riserviamo ancora piú attenzione nel selezionare il partner, essendo che la concorrenza in queste zone é molto alta e i costi fissi (affitti dei locali, stipendi, spostamenti, etc) sono quasi il doppio che nelle capitali minori.

A dimostrazione della nostra serietá e capacitá commerciale, quest anno abbiamo conquistato il gruppo WALMART, e stiamo vendendo il nostro caffé e le nostre macchine in tutte le caffetterie che hanno nei vari centri commerciali del sud del Brasile. (WALMART é la maggiore rete di supermercati a livello mondiale ed hanno il progetto di collocare caffetterie anche nel nordeste del Brasile).

Grazie , Cristiano , da parte dei nostri lettori ed auguri per la vostra iniziativa .


martedì 21 settembre 2010

Da Dicembre il Brasile adotta il passaporto elettronico


A partire da Dicembre 2010 i nuovi passaporti emessi dalla Polizia Federale avranno il chip elettronico .

I nuovi passaporti , che conserveranno il colore azzurro dei paesi del MERCOSUL , conterranno un simbolo sulla copertina che indicherà la presenza del chip .

Nel chip , che sarà letto via radio , saranno contenuti la foto , la firma e le dieci impronte digitali oltre ad altre informazioni sul passeggero . Il chip sarà leggibile da qualunque autorità mondiale ma non modificabile .

I nuovi sportelli di immigrazione , che faranno la lettura del chip e l'analisi biometrica del passeggero consentiranno la riduzione della fila nei principali aereoporti .



A partir de dezembro deste ano, os passaportes comuns emitidos pela Polícia Federal terão chip eletrônico, tecnologia já adotada por outros países.
O novo documento será mais seguro que o atual, emitido desde dezembro de 2006.
A cor azul, padronizada para países do Mercosul, será mantida no novo passaporte, que terá um símbolo na capa indicando a presença do chip. As dez digitais, a foto e a assinatura ficarão armazenadas nele. Inserido na contracapa, não ficará exposto e a leitura será feita por radiofrequência. A página com informações do passageiro ainda será enrijecida. "E o chip é travado, ninguém consegue alterar os dados. Além disso, pode ser lido por qualquer autoridade de imigração do mundo", diz Galoro.
Os novos guichês de imigração automáticos que fazem a leitura do chip do passaporte e a análise biométrica do passageiro. Essa prática deverá reduzir as filas nos principais aeroportos.

Ridotto il tempo di rilascio del protocollo RNE


A partire da quest'anno la Polizia Federale adotta un nuovo procedimento nell'attendimento degli stranieri in attesa dell' RNE ( Sia per la prima volta che per rinnovo )
La procedura anteriore prevedeva che la Polizia Federale , al ricevimento della richiesta , analizzava la documentazione e rilasciava una password ( Con numero e data ) con la quale lo straniero si sarebbe dovuto presentare dopo 70 gg per concludere la richiesta mediante raccolta delle impronte digitali , firma e rilascio del protocollo dell'RNE .
La nuova procedura annulla i 70 gg di attesa . Nella medesima giornata di presentazione della documentazione , sono raccolte le digitali e rilasciato il protocollo dell'RNE .


A Policia Federal adota novo procedimento para atendimento aos estrangeiros na obtenção dos protocolos do RNE (iniciais ou renovações)
O procedimento anterior, o qual os funcionários da Policia Federal recebiam o processo, analisavam e disponibilizavam uma senha (com numero e data) para após 70 dias, quando o estrangeiro deveria comparecer ao órgão e concluir o pedido, com a coleta de impressões digitais, foi alterado para a conclusão dos processos (entrega dos documentos, coleta de impressões digitais, assinaturas e entrega do protocolo do RNE) no mesmo dia. O prazo para a finalização do processo (obtenção do protocolo do RNE) pode ser de até oito horas.

Brasile in testa alle richieste di censura su Google

Secondo l'autorevole motore di ricerca Google , il Brasile risulta essere in testa alle richieste di ritirare dal Web specifiche informazioni . Le richieste nella sola prima metà dell'anno ammonterebbero a 398 , seguite dalla Libia a 149 .

La notizia dimostra l'attenzione che il Governo Brasiliano rivolge ai contenuti diffusi sulla rete . Nella maggior parte dei casi le segnalazioni riguardano l' infrazione del diritto di autore .

I dettagli li trovate sull'articolo tratto da Bloomberg riportato in basso .


Google Says Brazil, Libya Make Most Government Demands to Pull Web Content

Google Says Brazil, Libya Make Most Demands to Pull Content

Google, owner of the world’s largest search engine, aims to are information about its dealings with foreign governments in order to promote free expression and competition in emerging internet markets. Photographer: Ryan Anson/Bloomberg

Google Inc. was asked by Brazilian officials to remove content from the Web 398 times in the first half of the year, the most by a government, according to a report published today by the Internet-search company.

Brazil’s requests were more than double the total from Libya, which came in second with 149. The U.S. and Germany followed with 128 and 124 requests, respectively, Google said in its second report on government transparency, which lists 35 countries that make such demands.

Google, owner of the world’s largest search engine, aims to share information about its dealings with foreign governments in order to promote free expression and competition in emerging Internet markets. Mountain View, California-based Google closed its search engine in China earlier this year after clashing with the country over censorship. Users in China are now redirected to its Hong Kong site.

“We care about this because we care about free expression as a value,” Niki Fenwick, a spokeswoman for Google, said in an interview. “We also care about it because it’s core to our business. When our services are blocked or filtered, we can’t serve our users.”

In addition to ranking the number of government requests to remove content and plotting them on an interactive map, Google today opened access to a new tool that graphs the traffic of Web users in individual countries. If traffic drops off, Google plans to add notes to the site explaining whether the interruption is the result of government blocking or from a technical glitch, Fenwick said.

Brazil Requests

Access to Google’s website in China became briefly unavailable in July, causing some news outlets to speculate authorities there had completely blocked access to the site. The service became available again to Chinese users the same day, and the company said the problem may have been a measurement error.

Many requests to remove content from Brazil, where Google’s Orkut social-networking service has the most users, are related to people the government alleges committed crimes of impersonation or defamation, Google said. Earlier this year, a Brazilian court ordered the removal of more than 18,000 photos from Google’s photo site, Picasa, after a lawsuit claimed they contained images from copyrighted books, Google said.

Brazil also topped Google’s list of government requests for the second half of 2009, issued in April. So-called takedown requests in the country rose 37 percent in the first half of 2010 from the previous six months.

Fonte : Bloomberg