domenica 28 novembre 2010

Una miniera per le Banche brasiliane l'inadempienza delle carte di credito .


Benedetta l'inadempienza delle carte di credito che consente al Presidente della Associazione Brasiliana delle Imprese di Carta di Credito ,a fronte di un 8% di sofferenze , di giustificare un tasso di interesse sullo scoperto che può arrivare al 600% l'anno e che in media si attesta al 238% l'anno .

Che dire : usatele con parsimonia e pagate subito la fattura a fine mese .


O diretor presidente da Associação Brasileira das Empresas de Cartões de Crédito e Serviços (Abecs), Paulo Rogério Caffarelli, justificou nesta terça-feira (9) a inadimplência no setor de cartões de crédito como o principal motivo da cobrança de juros elevados nos cartões, que pode chegar até a 600% ao ano e que, em média, estão em 238% ao ano, conforme dados da Associação Nacional dos Executivos de Finanças, Administração e Contabilidade (Anefac), de setembro.

Segundo Caffarelli, a inadimplência nos cartões é de 8%. De acordo com dados do Banco Central, a inadimplência de pessoa física em setembro, que envolve basicamente os correntistas, foi da ordem de 6% e, em janeiro do ano passado, chegou a bater em 8,2%. "O volume de correntistas que usam o crédito é muito maior. A inadimplência reflete mais em uma base menor", justificou.

sabato 27 novembre 2010

Alexandre Tombini è il nuovo presidente del BC

In queste tre immagini ho voluto rimarcare

1) Un volto che vedremo spesso in futuro , quello del nuovo presidente del Banco Centrale brasiliano : Alexandre Tombini
2) La sfida che il BC ed il Brasile hanno di fronte ( Inflazione e deficit in conta corrente crescente )
3) Una breve sintesi di quello che i suoi predecessori hanno fatto nel corso del loro mandato .

La taxa di juro , oggi al 10,75% sarà uno degli argomenti più discussi e controversi dei prossimi mesi .

Dicono :

“A indústria está trabalhando com taxas de ocupação elevadas, e ainda temos desemprego baixo e massa salarial em expansão”, diz Aquiles Rocha de Farias, professor de economia e mercado financeiro do Ibmec. Ele aposta que na reunião de dezembro, que ainda será presidida por Meirelles, o
Copom deverá aumentar a taxa de juros para atacar a inflação e reafirmar sua independência.

O economista e consultor Roberto Troster também defende uma elevação da taxa de juros na última reunião do Copom no ano, logo no início de dezembro. “Quanto mais cedo se sofre, menor é o custo da alta. E Tombini assume com menos pressão”, considera. Mas nem todos têm a mesma expectativa.

“O novo Banco Central terá o suporte político para elevar a taxa de juros nos primeiros meses do próximo governo?”, indaga Marcelo Salomon, economista-chefe para o Brasil do Barclays.

O economista Delfim Netto, por sua vez, aposta que o “pudim de coco” está chegando ao fim. Ele se refere ao longo ciclo que o Brasil viveu como o País das mais altas taxas de juros do mundo.

“Os investidores terão que começar a ganhar a vida honestamente
”, diz ele. Na prática, Tombini terá de se equilibrar entre as expectativas dos que esperam um BC mais alinhado com o compromisso de reduzir os juros e daqueles que se dizem assustados com o ritmo da inflação. E sua credibilidade será construída mais pelas ações do que pelas palavras.


Come si vede l'argomento è controverso ma per il breve periodo non sembra esserci altra alternativa alla lotta all'inflazione se non l'aumento della Taxa di juro .

In futuro però , chi intende vivere in Brasile dovrà cominciare a pensare ad altre forme di investimento . Seguite il Blog e ne saprete di più .








mercoledì 24 novembre 2010

Eurogiostra : paura e preoccupazione


Come in una giostra impazzita , dove il motore principale è fuori controllo e gira a velocità sempre più alta , la periferia è quella che sente maggiormente gli effetti .


Nel caso dell'Eurogiostra il centro è rappresentato da Germania e Francia e via via si arriva in periferia passando per Italia , Spagna , Portogallo , Irlanda , Grecia ,... . La velocità della giostra è oramai tale che i pezzi periferici stanno volando via . La agenzia di rating S&P ha appena declassato il debito dell'Irlanda di due punti da AA- ad A con outlook negativo .
Un politico irlandese David Begg , intervistato da Bloomberg , afferma : E' arrivata la resa dei conti ... i Barbari sono alle porte . Ma i Barbari evocati dalla visione epica di Begg hanno già fiutato la prossima preda : il mammout che , troppo grande per essere salvato dal resto del branco , farà volare via a pezzi tutta la giostra .

Quando vedo tutto ciò penso alle parole degli amici che solo fino a pochi anni fa mi dicevano di avere avuto coraggio a lasciare l'Italia per il Brasile . Per rispondere a loro io scrissi nel Marzo 2009 l'articolo http://www.vivereinbrasile.com/2009/03/trasferirsi-in-brasile-alcuni-buoni.html dove descrivevo alcuni buoni motivi per trasferirsi in Brasile .
Da allora periodicamente riprendo lo stesso articolo e ne aggiorno i contenuti . Ad un anno di distanza , nell'Aprile del 2010 ho scritto http://www.vivereinbrasile.com/2010/04/trasferirsi-in-brasile-un-anno-di-buoni.html .
Riprenderò l'articolo nel 2011 e speriamo di raccontare il seguito della storia .

domenica 21 novembre 2010

Il rientro a casa dei brasiliani emigrati in Irlanda


Via via che la crisi economica mondiale diventa più profonda e con essa cresce la disoccupazione aumenta il numero di emigrati brasiliani che rientra a casa . Dopo il caso degli Stati Uniti da dove gli emigrati erano rientrati a causa del cambio sfavorevole con il dollaro adesso è il caso dell'Irlanda stretta nella morsa di una disoccupazione ufficiale al 13% .
In questo articolo del sito G1 della Globo è descritto il punto di vista di molti emigrati brasiliani in Irlanda ora costretti a rientrare .

O goiano Gustavo Sacipieri, 33, sustenta a família vendendo produtos cobiçados pelos brasileiros que moram na Irlanda: feijão, achocolatado, guaraná, picanha. Todos os dias, ele e sua equipe acordam cedo para carregar item por item nas três vans da empresa criada por ele - a "Brasil na Van" - e saem por uma rota que percorre cidades em todo o todo o país e aproximadamente 860 casas.

Desde 2008, quando a Irlanda começou a sentir os efeitos da crise financeira internacional, Gustavo já viu suas vendas caírem 50%. Para manter o negócio, diz ele, usou o que chama de "flexibilidade" de brasileiro: além da entrega de comida, aproveita o trajeto do veículo fazer serviços de transferência bancária, oferecer cupons promocionais e até vender consórcio para carro, a ser contemplado por aqui. Planeja, para breve, vender também consórcios de imóveis.

"Não me importo de me adaptar e até fazer cortes se a situação pede. O irlandês não está acostumado a isso porque não tem a vida que a gente tem aí no Brasil, a instabilidade. Aqui é impressionante o tanto que o governo ajuda os irlandeses", opina o ex-metalúrgico, que chegou com a esposa ao país em 2006 - sem visto e sem falar inglês - para trabalhar como pintor. Hoje tem passaporte italiano e nenhum plano de ir embora. "Para quem já se estabilizou por aqui, ainda vale a pena ficar", diz.
Seus clientes, na maioria, são famílias brasileiras com pouca qualificação profissional que deixaram a terra natal para trabalhar em subempregos tradicionalmente rejeitados pelos irlandeses: dessossadores em frigoríficos, operários de construção civil, realizadores de pequenos serviços. A estimativa do Ministério das Relações Exteriores é de que, em 2009, 15 mil brasileiros estavam na Irlanda. Goiás liderou o movimento: muitos trabalhadores do estado chegaram à ilha nos últimos anos para trabalhar em frigoríficos e na construção civil.

Foi o caso de Waldeir Ferreira dos Santos, 31 anos, que volta definitivamente para Anápolis (GO) neste sábado (20), depois de quase sete anos morando em Ennis. Desde então, ele passou o tempo trabalhando muito e até arrumou uma noiva, também goiana, que volta com ele. O desânimo com o sonho irlandês veio depois que a construtora em que trabalhava faliu, há um ano e meio. Sem emprego fixo, passou a ajudar Gustavo nas entregas.

"Quando eu comecei a trabalhar com ele (na van) eu já estava com plano de ir embora, a firma já tinha acabado, eu já tinha desanimado. Quando eu cheguei era muito bom: faltava mão de obra e tinha trabalho todo dia, nunca faltava oportunidade de receber 60 euros por dia", relembra.

Escassez de emprego

Hoje, com a economia irlandesa retraída, a realidade é bem diferente. Apenas em 2010, 1,1 mil empresas fecharam suas portas. Em apenas cinco anos, a taxa de desemprego passou de 3% para 13,5%. Uma em cada três pessoas com menos de 30 anos está desempregada


Resultado: vagas antes desprezadas por irlandeses passam a ser consideradas alternativas de trabalho - já que a tendência é que a Irlanda corte cada vez mais os benefícios "polpudos" tradicionais no país, como seguro-desemprego, como parte dos cortes fiscais que precisará fazer para sanear a economia.

"Às vezes você está em uma roda entre amigos e encontra um irlandês que está desempregado e você, brasileiro, empregado. Não é legal você abordar esse assunto, fica um clima chato", conta Thiago Silva, que trabalha em Dublin há dois anos como assistente de cozinha.

"Tem duas moças irlandesas que começaram a trabalhar comigo como garçonete e isso é uma coisa diferente. Você começa a ver mais irlandeses nesse tipo de trabalho que não se via antes, em atendimento, loja de roupa, caixa", diz Silva, que já teve redução nas horas de trabalho semanais por conta da queda na demanda.

A partir de janeiro, passam a valer novas regras de imigração: matriculados em cursos de inglês poderão ficar por um limite máximo de três anos. Ficar mais só fazendo cursos de graduação, que são bem menos acessíveis: não custam menos de 20 mil euros por ano.

"Antigamente fazendo curso você podia ficar o tempo que quisesse", diz o publicitário paulista Heitor Bonfim, 27 anos, que faz mestrado em Dublin desde abril deste ano e trabalha 20 horas por semana como chefe de cozinha. "Conheço muita gente que está voltando, não sei se por causa da crise, mas porque as regras da imigração vão apertar", diz.

A desvalorização imobiliária e o excesso de imóveis vazios, decorrentes da crise, tiveram impacto positivo em seu custo de vida. "Eu mudei recentemente para um apartamento bem maior e melhor localizado, pelo preço de um bem pior", diz.

Não significa, no entanto, que brasileiros estejam banidos das terras irlandesas. Acabou-se, no entanto, o tempo do subemprego farto.

"Isso afeta muito os brasileiros porque a maioria é informal. É compreensível, porque o país quer ajudar os irlandeses e não as pessoas de fora. Não deixo de dar razão para o próprio irlandês. Tem muito irlandês falido", diz Gustavo, da Brasil na Van.

"Hoje não dá para eu pensar em trazer um parente amigo que não fale inglês e tentar arrumar um emprego. Precisa falar bem e dirigir. No passado, o empresário dirigia 60 km para buscar alguém para trabalhar que não abrisse a boca para falar uma palavra em inglês o ano inteiro", afirma Roberto Camargo da Silva, que lidera comunidade brasileira da Irlanda e paga faculdade para o filho mais velho, que estuda engenharia aeronáutica na Universidade de Limerick.

Para John O'Reilly, irlandês aposentado aficcionado pelo Brasil e que há anos presta serviço voluntário de orientação à comunidade brasileira, o bom momento econômico do Brasil faz com que a Irlanda deseje atrair brasileiros dispostos a gastar dinheiro no país. "Quem veio para cá com intenção de se manter com emprego, sem dinheiro no bolso ou no banco, pode enfrentar dificuldade. Mas o país busca jovens para estudar e fazer graduação aqui, já que agora o Brasil que é rico", diz O'Reilly.


Fonte G1

venerdì 19 novembre 2010

Mantega confermato al Ministero delle Finanze


Dilma manda un segnale di continuità della politica finanziaria del nuovo governo nonchè un segnale di tranquillità ai mercati nel mezzo delle turbolenze internazionali confermando , nella nuova squadra di governo , il Ministro delle Finanze Guido Mantega .


Dilma Rousseff , la prima donna ad essere eletta Presidente del Brasile , è stata classificata dalla rivista Nordamericana Forbes come la 16- ma persona più potente al mondo .

giovedì 18 novembre 2010

Venire e restare in Brasile : il visto permanente .


Ricevo sempre più spesso delle e-mail di italiani che hanno deciso di trasferirsi in Brasile , alcuni addirittura con moglie e figli , e che mi chiedono informazioni sulla situazione del lavoro o della sicurezza .

Ho notato che molti ignorano il fatto elementare che il Brasile , non essendo un Paese dell'Unione Europea , richiede il conseguimento di un visto permanente per restarci . Ho addirittura osservato un senso di fastidio in alcune risposte come a dire : ma come noi italiani che apparteniamo ad un paese sviluppato , abbiamo bisogno di un visto per stare in Brasile , un paese in via di sviluppo ?

Ricordo che per l'ingresso in Brasile basta il visto turistico che viene rilasciato senza costi e formalità particolari all'aeroporto di destinazione in Brasile mediante semplice apposizione di un timbro sul passaporto . La validità di tale visto è fino a tre mesi . Osservate che ho detto fino a tre mesi , può accadere infatti che il funzionario addetto al controllo vi rilasci il visto solo per un mese e questo in dipendenza della data di rientro sul vostro biglietto aereo .

Il visto turistico può essere prorogato per altri tre mesi recandosi agli uffici appositi della PF ( Polizia Federale ) . Trascorsi i 6 mesi bisogna uscire dal Paese pena essere dichiarati irregolari e quindi essere espulsi al primo controllo che vi scopre . Per rientrare in Brasile dopo i 6 mesi regolari dovete attendere almeno altri sei mesi . Il limite di permanenza è infatti di 6 mesi all'anno : 6 dentro e 6 fuori del Brasile . Molti utilizzano questa ciclicità per trascorrere i sei mesi invernali in Brasile ed i sei mesi estivi in Italia sfruttando il fatto che in Brasile le stagioni sono invertite rispetto all' Italia .

Per coloro che intendono restare in Brasile come residenti è necessario un visto permanente . Il modo più semplice è quello di richiedere un visto per investimento . Non che sia l'unico ma è senz'altro il più semplice . Gli altri due : sposare un/a brasiliano/a oppure avere un figlio brasiliano non sono in realtà dei mezzi per avere il visto ma sono degli eventi che vi danno diritto al visto , il che è profondamente diverso .

Esiste in realtà un altro tipo di visto permanente , quello per i pensionati che si trasferiscono in Brasile . Anche in questo caso però si tratta di una situazione particolare in cui la maggior parte degli aspiranti non si trova .

Il visto quindi per eccellenza , valido in tutte le circstanze è quello per investimento che risolve in un solo " colpo " sia il problema visto che quello della attività da svolgere in Brasile . Per questo visto è necessario prevedere un investimento di almeno 150 000 R$ che , badate bene , non è la somma che pagate per ottenere i visto , ma quella che investite nella vostra attività . Il visto in realta vi costa dai 2000 ai 3000 R$ ed è la somma pagata alla Agenzia che segue il vostro processo ( Avvocato e commercialista ) .

Il 13 febbraio del 2009 è stata pubblicata sul Diario Ufficiale dell'Unione ( La nostra Gazetta Ufficiale ) la nuova risoluzione normativa che regola l’ottenimento del visto permanente per investimento in Brasile. Di seguito riporto una sintesi della legge .
L’autorizzazione del visto permanente è condizionata all’investimento in valuta straniera di una quantità uguale o superiore a R$ 150 000 in una impresa nuova o gia esistente .

In casi di eccezionale interesse sociale l’importo potrà essere inferiore , questo è a discrezione del Consiglio Nazionale di Immigrazione . La richiesta di visto dovrà essere accompagnata dai seguenti documenti :

1) Modello appositamente compilato

2) Procura se l’investitore si fa rappresentare da qualcun’ altro

3) Atto costitutivo della Società beneficiaria dell’investimento

4) Registazione SISBACEN di investimento diretto in Brasile o contratto di cambio emesso dalla Banca che riceve l’investimento redatto secondo i canoni del RMCCI ( Regulamento do Mercato de Cambio e Capitais Internacionais )

5) Ricevuta del pagamento della tassa individuale di immigrazione in nome della impresa richiedente .

6) Ricevuta di consegna della dichiarazione dei redditi dell’ultimo esercizio fiscale dell’impresa richiedente , quando esistente

7) Piano di investimento Il Ministero del Lavoro comunicherà al Ministero degli Esteri l’ autorizzazione alla concessione del visto.
La prima CIE ( Cédula de Identidade do Estrangeiro ) rilasciata avrà validità di tre anni . Alla sua scadenza la CIE sarà rinnovata nei termini disposti dalla legge nº 8.988, del 24 Febbraio del 1995 , a patto che l’imprenditore continui ad essere investitore in Brasile . A tale scopo dovrà produrre la seguente documentazione :

1) Tassa per la sostituzione della CIE

2) La CIE in suo possesso in originale

3) Copia autenticata del rappresentante legale dell’impresa

4) Copia dell’ ultima dichiarazione dei Redditi della Impresa e relativa ricevuta di consegna .

5) Copia del RAIS (Relação Anual de Informações Sociais) degli ultimi due anni che dimostri la effettiva creazione di posti di lavoro prevista nel piano di investimenti .

6) Copia dell’ultima ricevuta del FGTS (Fundo de Garantia do Tempo de Servico), il nostro TFR.

PER COLORO CHE SONO INTERESSATI A CONSEGUIRE QUESTO VISTO METTO A DISPOSIZIONE UNA STRUTTURA IN GRADO DI SVOLGERE L'INTERO PROCESSO .
PER INFO INVIATE UNA E_MAIL A : A.OLIVIERO55@ GMAIL.COM

martedì 16 novembre 2010

Eurolandia : e' iniziato l'effetto domino ?


E' quello che pensa l'opinionista di Bloomberg , Matthew Lynn autore di Bust un libro di prossima uscita sulla crisi del debito della Grecia .

L'opinione di Lynn , peraltro condivisa da molti economisti , è che quello a cui stiamo assistendo è solo l'inizio di un effetto domino che via via coinvolgerà tutti i paesi dell'area euro a partire dalla Grecia e seguendo con l'Irlanda , il Portogallo , la Spagna , l'Italia sino alla stessa Francia .

Per ognuna di queste nazioni Lynn , nel suo articolo pubblicato su Bloomberg , individua un punto debole che farà da trigger per la crisi . Ma la causa di fondo per tutte queste crisi secondo l'opinionista è l'idea stessa che una moneta unica possa far convergere differenti economie e la Banca Centrale Europea operare una singola politica monetaria valida per tutti .
Le economie dei Paesi dell'euro sono così differenti che il tasso di interesse è sempre errato da qualche parte . L'unica soluzione possibile conclude Lynn è che ci sia uno split dell'euro in aree economicamente compatibili .
Questa è una ipotesi ventilata da più parti che ci vedrebbe inevitabilmente nell'area più debole ( Grecia , Portogallo , Spagna , Italia ,... ) e quindi con un euro svalutato rispetto a quello dell'area più virtuosa ( Germania e Francia ) . Risultato : immediatamente tutti i nostri risparmi si svaluterebbero dal giorno alla notte in maniera consistente .
Consiglio di meditare su questa ipotesi a coloro che aspettano di investire in Brasile in attesa che il cambio euro/real possa migliorare a breve .

sabato 13 novembre 2010

Investire divertendosi a Porto Seguro con Mercato Libero


Ricevo quotidianamente richieste di amici che vorrebbero partecipare al " banchetto " dei titoli di stato brasiliani o semplicemente investire un questa economia emergente ma che non avendo un conto corrente in Brasile non possono farlo .

Ebbene avere una rivalutazione complessiva del proprio capitale nell'ordine del 10% all'anno è possibile , attraverso un oculato investimento immobiliare in Brasile .

Per coloro che intendono diversificare gli investimenti o semplicemente mettere al sicuro almeno una parte dei propri sudati risparmi senza rinunciare ad una adeguata remunerazione del capitale esiste oggi una canale tutto italiano che consente di investire senza stress in Brasile .

A questo scopo è nata l'iniziativa : Mercato Libero Village 2 che prevede la realizzazione di villette per vacanze nella stupenda località turistica di Porto Seguro a Bahia .

Oltre alla naturale rivalutazione dell'investimento immobiliare la società , attraverso l'affitto dell 'immobile nei periodi di assenza del proprietario , garantisce a chi aderirà un ulteriore rendimento del 6-8% che servirà a pagarsi tutte le spese condominiali e perchè no anche la vacanza in Brasile .

Troverete tutti i dettagli sul sito di Mercato Libero
ma bisogna affrettarsi perchè già molti hanno aderito ed i posti vacanti si riducono rapidamente . Un gruppo di vacanzieri/investitori è partito per Porto Seguro il 5 Novembre e rientra questa domenica .
Il termine ultimo per l'adesione al progetto è il 10 Dicembre .

La vita di Lula diventa un fumetto


La vita del Presidente brasiliano Luis Inàcio Lula da Silva diventa un fumetto . Con questo numero dedicato a Lula la Casa Editrice Sarandi inizia una collezione sulle personalità che hanno marcato la storia del Brasile .

La storia ha inizio con un episodio chiave durante il G20 tenutosi a Londra . In quella occasione il neo eletto presidente americano Barak Obama , disse a Lula ." Questo è il mio uomo " definendolo come il politico più popolare del mondo .

Il fumetto illustrato dall'argentino Rodolfo Zalla sarà in edicola la prossima settimana e sarà venduto a 4,95R$ . Il tiraggio previsto è di di 37000 copie che sicuramente andranno a ruba . Una vera chicca per i collezionisti .

Chissà se in Italia avremo mai un fumetto dedicato al presidente Berlusconi . Di sicuro se accadrà sarà di quelli vietati ai minori !

giovedì 11 novembre 2010

La birra artigianale in Brasile


Per il piacere degli amici appassionati di questa nobile ed antica bevanda che è la birra , pubblico questa intervista rilasciata al sito Cronache di birra da Roberto Fonseca , un giornalista brasiliano che scrive per l’O Estado, il terzo quotidiano della nazione, nonché un grande appassionato di birra artigianale.

Ciao Roberto, raccontaci qualcosa di te, cosa fai nellla vita e come è nata la tua passione per la birra artigianale.

Sono giornalista e scrivo da molti anni di politica. La passione per la birra è cominciata 15 anni fa, quando in Brasile il presidente di allora aprì il mercato ai prodotti importati: da un giorno all’altro era possibile trovare birre di diversi paesi (Stati Uniti, Europa, Asia, Africa), sebbene in verità fossero tutte lager industriali. Ho cominciato in questo periodo una collezione di lattine di birra, approfittandone per assaggiare qualche prodotto particolare. Dopo ho “dimenticato” la birra per sei o sette anni, fino al 2006. In quell’anno scelsi di passare le vacanze in uno stato brasiliano chiamato Santa Catarina, che vanta diversi birrifici artigianali dalla forte ispirazione tedesca. Visitai 12 birrifici e assaggiai birre di diverso livello qualitativo, provenienti sia da produttori con 100 anni di storia, sia da altri aperti da pochi mesi. Tornato a San Paolo, scrissi un resoconto del viaggio nel giornale dove lavoro e successivamente mi invitarono a pubblicare con costanza articoli sulla birra. Fino ad oggi ho visitato circa 45 birrifici brasiliani, ma il recente viaggio in Italia è stata la mia prima esperienza birraria internazionale.

Tanti appassionati italiani non sanno che in Brasile si sta sviluppando una vera cultura della birra artigianale. Quanti microbirrifici brasiliani esistono? Quali sono le caratteristiche di questo movimento birrario?

Oggi ci sono circa di 120/140 birrifici. Ma di questi, il 90% produce Lager di stampo industriale e una Malzbier (la stessa tipologia di Lager con caramello di mais). Molti microbirrifici portano avanti ancora un’idea un po’ sbagliata: non sono pochi coloro che ritengono che la propria funzione sia produrre la stessa birra che fa Ambev o qualche altro grande gruppo birrario, per occupare le nicchie di mercato dove queste multinazionali non arrivano. Altri hanno “paura” di fare birre diverse e non vanno oltre il classico trittico Pilsen/Dunkel (o Bock)/Weizen. D’altra parte, ci sono 10 o 12 birrifici brasiliani che fanno propriamente il lavoro che devono: puntare su birre di qualitá e su stili tradizionali o nuovi, o anche utilizzare ingredienti tipicamente brasiliani per le ricette. Tra questi ad esempio ci sono Cervejaria Colorado, Cervejaria Bamberg, Falke Bier, Chop Wäls, Abadessa, Gattopardo e altri. Bisognerebbe citare anche Eisenbahn e Baden Baden, ma sono stati acquistati da un grande gruppo birrario chiamato Schincariol: fino ad ora le ricette non sono cambiate, ma c’è una certa apprensione tra gli appassionati.

Quali tipologie di birre vengono prodotte dai microbirrifici brasiliani?

Fondamentalmente ci sono tre scuole diverse qui in Brasile. La piu diffusa è la tedesca, soprattutto per un certa influenza storica (immigrazione, mastri birrai che hanno studiato in Germania, ecc.), che si trova specialmente negli stati del sud, come Rio Grande do Sul e Santa Catarina. La seconda scuola è la belga, più forte a Minas Gerais, dove vengono fatte ricette ispirate a Dubbel, Tripel, Quadrupel, Blonde Ale, ecc. Infine, la terza scuola puó essere definita “brasiliana”, è quella nata più di recente e la meno diffusa. Tuttavia può vantare le ricette più interessanti, come a Colorado: una IPA con rapadura (o zucchero di canna solidificato), una Pilsen con la radice della manioca, una Weizenbier con miele, una Porter con caffè e un’Imperial Stout con rapadura nera. Anche la Dado Bier ha fatto una Lager con erba mate (o ilex paraguaryensis), utilizzata solitamente per ottenere un’infusione calda chiamata chimarrão. Questa scuola mi sembra oggi la più vicina a quella italiana.

Che idea ti sei fatto del movimento nostrano dal tuo recente viaggio in Italia? Quali sono le differenze col Brasile?

Il movimento in Brasile è cominciato all’incirca nel 1999, in Italia poco prima. Ma i birrifici italiani hanno mostrato uno sviluppo più rapido e diverso. Penso che la maggiore differenza fra i due paesi è nella provenienza dei professionisti del settore. In Brasile chi vuole cominciare con un microbirrificio non conosce molto della birra o immagina la relativa attività semplicemente come un “negozio” per guadagnare soldi. Solitamente viene ingaggiato un ex-mastro birraio di qualche birrificio industriale, che sa come si fa la birra in un grande impianto, è capace di destreggiarsi tra poche ricette (Pilsen, Malzbier, forse una Stout) e possiede una formazione professionale di forte impronta tedesca – non sa come fare una Witbier, ad esempio. Ci sono pochissimi casi di birrifici artigianali che hanno cominciato con un homebrewer con idee diverse. In Italia invece è esattamente l’opposto: dei 10 birrifici che ho visitato, tutti hanno cominciato dalla figura di un homebrewer appassionato che voleva puntare alla qualità più che alla quantità. E questo fa tutta la differenza del mondo. Penso che fra 5 o 10 anni saremo allo stesso livello dell’Italia di oggi. Ci sono altre due differenze: in Italia é abbastanza normale utilizzare botti di legno per maturare la birra e impiegare ingredienti tipicamente italiani nella birra. In Brasile ci sono pocchisimi casi di maturazioni in legno o dell’uso di ingredienti locali. Peccato che gli importatori brasiliani non abbiano ancora scoperto la birra italiana, ma questo cambiarà presto…

Per concludere, quali sono i birrifici e le birre brasiliane che preferisci? E’ possibile trovare qualcuno di questi prodotti in Europa?

Ci sono tante birre che adoro… Colorado Demoiselle (la Porter con caffè) e Índica (la IPA con rapadura); Bamberg Rauchbier, Schwarzbier e Bock; Baden Baden 1999 (una Bitter Ale) e Red Ale (che, al contrario del nome, è un Barley Wine), Eisenbahn 5 (una Märzen con dry hopping), Weizenbock, Dunkel e Lust (una birra da 11,5% alc. prodotta con il metodo champenoise), Falke Monasterium (una Tripel con bucce di arancia curaçao e coriandolo), Wäls Dubbel. Fra pochi mesi sarà disponibile in Brasile anche la prima birra “moderna” maturata in botti di legno. Dico moderna perché c’è un birrificio chiamato Canoinhense (nella cittá di Canoinhas, a Santa Catarina) che ha compiuto 102 anni di attività. Il proprietario è un signore di 93 anni. La birra li è fatta come una Sour Ale: il mosto è lasciato a raffreddare in “piscine” di rame, quindi viene messo a maturare in botti. Il risultato è una birra acida e con aroma e sapore forte di legno. Tecnicamente non è una birra eccellente (ci sono degustatori che non la sopportano), ma una cosa è certa: è una birra storica e la più antica in Brasile ad essere fatta ancora oggi.

Sfortunatamente, credo che nessuna di queste birre sia reperibile in Europa. La Eisenbahn aveva cominciato a vendere a Londra alcuni anni fa, ma dopo la cessione a Schincariol penso che non si trovi più. Ma posso dare un’anteprima: c’è un appassionato della birra in Italia che è interessato ad organizzaree un evento con birre artigianali brasiliane nel 2010. Aspettiamo…


Fonte : http://www.cronachedibirra.it/

Nel Brasile del miracolo agricolo


Propongo questo articolo tratto dal Sole24ore di questo mese e che si aggancia al mio precedente post su commodities e prodotti industrializzati :


CURITIBA. Sul volo San Paolo-Curitiba, vera nave Argo del Brasile di oggi, il cellulare dei passeggeri imprenditori squilla fino al monito, perentorio, delle hostess: «Da questo momento siete vivamente pregati di spegnere telefoni e dispositivi elettronici». All'atterraggio, non appena l'Airbus A330 di Tam tocca terra, subito tutti accesi: contattano le segretarie, ridefiniscono l'agenda, diramano ordini.


Sementi, trattori, ettari, camion e naturalmente... reais. Sono queste le parole che ricorrono nelle loro conversazioni. Il Brasile del miracolo agroindustriale lo si vede qui, prima ancora che gli operatori varchino la soglia del portellone dell'aereo e si infilino nel finger. Due ore dopo, lasciata la piana di Curitiba, la messa in moto di cinque gigantesche macchine agricole rompe il silenzio della campagna attorno a Ponta Grossa ma è la partenza che genera una certa inquietudine. Le mietitrebbia sono senza autista: giganteschi e avveniristici robot agricoli.

Avanti e indietro per le grandi fazendas del Paranà, campi sterminati battuti con una precisione quasi millimetrica. Uno spettacolo quasi surreale. Marcos, quarant'anni, agroimprenditore brasiliano, sorride e previene con tempismo domande irrituali. «Non si preoccupi, rientrano tutte alle base, puntuali, tra 9 ore. Nessuna si perderà, c'è il gps. Sono teleguidate a distanza da un operatore».

Il Brasile si é trasformato nella prima potenza agricola tropicale, capace di sfidare e battere il predominio dei cinque grandi esportatori di alimenti: Stati Uniti, Canada, Australia, Argentina e Unione europea.

A 30 chilometri di distanza un altro imprenditore, snocciola dati impressionanti: 1.600 ettari coltivati a soia, 1.100 a miglio e 1.000 a mais. Fazendas di dimensioni inimmaginabili in Italia. I conti sulla semina, sui raccolti, sui costi di trasporti sempre a portata di calcolatrice. Celso Macedo Kossatz ne parla con la competenza di una vita spesa in campagna. Pensare che è un ginecologo. «Ma non scriva che sono un rinnegato» un sorriso in tralice «...è che mi sono appassionato alla campagna». Il fatto è che il Brasile, di questi tempi, offre opportunità talmente redditizie da indurre alla rinuncia di professioni e posizioni consolidate.

Nell'ufficio di Kossatz, scrivania, pc a schermo piatto, e telefono, l'unica oggettistica non funzionale sono dei modelli, non di auto, di mietitrebbia. Tra queste anche la Cr9090, un bestione prodotto da New Holland che lavora 573 tonnellate in dieci ore. Un record mondiale. Non l'unico per la verità, di traguardi il Brasile ne ha tagliati tanti in questi anni. Ha bruciato tutti, Stati Uniti compresi.

Proprio quando il dibattito sul fabbisogno alimentare si faceva più vibrante il governo di Lula ha tracciato un modello di sviluppo riconosciuto come il più solido. Nel 2000 esportava 20,6 miliardi di dollari che sono diventati 64,7 nel 2009. Triplicati. Il Brasile è leader mondiale nelle esportazioni di soia (in grani, farine e olio), carne vaccina, caffè, zucchero, tabacco, etanolo e succo di frutta. Poi viene il resto: mais, cotone, cacao, frutta fresca e carne di maiale. Ma è la produzione strettamente agricola che ha inanellato risultati stupefacenti. Le superstrade del Paranà che si irradiano da Curitiba verso nord e verso ovest costeggiano per centinaia di chilometri campagne pettinate ma anche nuovi capannoni, centinaia di aziende agricole. La produzione agricola è aumentata del 79% in dieci anni, passando da 83 a 149 milioni di tonnellate, mentre l'area seminata è cresciuta solo del 28%, da 36 a 47 milioni di ettari. La crescita è stata resa possibile grazie all'utilizzazione di Ogm.

La presidenza Lula ha saputo modulare interventi diversi, nella piccola, media e grande impresa agricola: il vicepresidente commerciale di New Holland, Francesco Pallaro, spiega come sia aumentata la competitività del settore «con il rafforzamento i meccanismi di mercato e rilanciando l'agricoltura familiare. Il programma "trator solidario», introdotto nel 2008, ha concesso agevolazioni ai piccoli proprietari, prestiti per macchinari agricoli rimborsabili con il 2% di interessi, facilitazioni creditizie per gli investimenti in macchinari».

È la quadratura del cerchio di uno schema che ha soddisfatto i grandi produttori e i nuclei familiari. L'industria e le famiglie. A differenza di quanto avviene in Europa, in Brasile è decollata una vera e propria politica agraria gestita da Embrapa, la più grande agenzia agricola del mondo,che pianifica e programma interventi nazionali basati sul forza del mercato, interno e internazionale.

Al ristorante italiano "Barolo" Joao Gonçalves, un imprenditore agricolo con interessi in molte regioni brasiliane, confessa che gran parte dei suoi amici e colleghi hanno votato per Dilma Rousseff, la pasionaria che la scorsa settimana ha raccolto l'eredità politica di Lula. «È un po' troppo di sinistra, ma pazienza. Noi siamo pragmatici, sappiamo che Dilma seguirà la politica di Lula senza neppure modificare una virgola, squadra che vince non si cambia. Vale per il Santos, (la mitica squadra di calcio di Pele', ndr) di cui sono grande tifoso e vale per il governo di Brasilia». Un sorso di Malbec, e poi ancora: «tutti sappiamo che neppure l'avversario Josè Serra avrebbe cambiato la sostanza del modello agricolo in vigore, ma perché rischiare qualche inciampo?». L'ottimismo è diffuso, non c'è che dire. Il tavolo a fianco al nostro è occupato da 12 manager agricoli. Tema del giorno è lo sviluppo del progetto porco leve, the light pig, più carne e meno grassi.


Fonte : IlSole24ore

domenica 7 novembre 2010

Effetti collaterali


Spesso i cosiddetti effetti collaterali possono essere più importanti dell' azione primaria .

Il caso che voglio portare all' attenzione dei lettori è quello della tassazione dei Fondi DI e dei CDB . Per questi due tipi di investimento esiste una tassazione (IR ) progressiva sul rendimento basata sulla durata dell'investimento .

La tassa è del 22.5% per i primi sei mesi , si riduce al 20 per i sei mesi successivi , si riduce ancora al 17,5 % dopo un anno per arrivare e mantenersi al 15% dopo due anni .

Questa è l'azione diretta , la cosa che viene spiegata in tutti i siti di investimento delle varie Banche che offrono questi prodotti . L'effetto collaterale è che se , ad esempio dopo un anno o peggio dopo due anni , decidete di cambiare il vostro investimento per qualsivoglia motivo : perchè avete scoperto che esiste un fondo simile in un altra Banca che rende un punto percentuale di più , ebbene il vostro investimento inizierà tutto il suo iter di tassazione da capo .

Come nella formula Bonus Malus delle assicurazioni auto ma peggio perchè non tornate indietro di uno , due livelli ma partite proprio dall'inizio . In questo modo si crea come effetto collaterale una fidelizzazione forzata all'investimento fatto .

Morale del post : prima di scegliere guardate bene tutte le possibili opzioni .

sabato 6 novembre 2010

La FED inietta altri 600 miliardi ... in Brasile


Il titolo è provocatorio ma non tanto . Mi riferisco all'ultima azione della FED che nel tentativo controverso di riavviare l'economia americana ha deciso di iniettare nel sistema economico altri 600 miliardi .

Dure critiche sono state mosse a Bernake da Germania , Cina e Brasile durante l'incontro tenutosi a Jacksonville in Florida .

La risposta di Bernake peraltro è chiara : il nostro obiettivo primario è il controllo della inflazione ed il massimo impiego all'interno degli Stati Uniti .

“Our first objective, the first goal that we have, is to meet our mandate to get price stability and maximum employment in the United States,”

Come dire : si salvi chi può !

Contemporaneamente , consci che questa valanga di soldi a basso costo finiranno almeno in parte qui in Brasile , aumentando quindi il valore del real e riducendo la competitività delle esportazioni brasiliane , Robson Andrade , il nuovo presidente della Confederazione Nazionale dell'Industria (CNI ) auspica nuove misure per controllare gli investimenti speculativi .


Quanto à questão cambial, Robson Andrade defende novas medidas para conter a valorização do real e garantir mais competitividade às exportações brasileiras. Além do aumento do Imposto sobre Operações Financeiras (IOF), que está em 6%, ele cita também a cobrança de Imposto de Renda (IR) nas aplicações de estrangeiros e quarentena sobre os recursos externos de curto prazo.

Para ele, o período de permanência do dinheiro aplicado por estrangeiros no país pode ser superior a 40 dias."Temos de achar medidas para controlar a aplicação especulativa, tributando-a de tal modo que o diferencial de ganho não seja tão grande como é hoje", afirmou o presidente da CNI.

E conclude : gli investitori internazionali captano denaro a basso costo negli Stati Uniti con un tasso di interesse prossimo a zero e lo applicano in Brasile dove il ritorno è del 10% al 12% all'anno oltre alla eventuale valorizzazione del real .

Como exemplo, ele disse que o investidor internacional capta recursos nos Estados Unidos a taxas próximas de zero e tem retorno anual de 10% a 12% no Brasil, além do eventual ganho com a valorização do real. "

Podemos, pois, tributar esses recursos ou criar uma quarentena."


venerdì 5 novembre 2010

Commodities o prodotti industrializzati ?


Questo venerdì , in occasione del discorso per le nuove lauree all'Istituto Rio Branco ( Dove vengono formati i diplomatici brasiliani ) , Il presidente Lula ha fatto una affermazione insolita ed apparentemente controcorrente .

Ha infatti detto che , al contrario di quelli che affermano che il Brasile non può continuare ad esportare materie prime ma deve passare a vendere prodotti industrializzati , sta arrivando il momento che le commodities ( termine inglese che indica genericamente le materie prime e non solo ) stanno diventando più preziose dei prodotti industriali .

In realtà questa affermazione è più profonda di quello che sembra e questo, a mio modesto parere , per almeno due ragioni :


1) L'agricoltura in Brasile e non solo , è una vera e propria una industria .

Le piante brasiliane , geneticamente selezionate e modificate , sono le macchine di questa industria trasformatrice di elementi chimici semplici ed energia solare in semi e frutta .

Questi sono veri e propri prodotti , altamente industrializzati che nel mondo della finanza si ostinano ancora a chiamare commodities .

La soia , il mais , il caffè e così via sono veri e propri prodotti industrializzati , non sono più prodotti " naturali " , materie prime , commodities .

Le materie prime infatti hanno la caratteristica che
tendono ad esaurirsi . Forse possiamo ancora considerare materie prime il minerale di ferro ed il petrolio , già l'etanolo brasiliano o alcool di canna con cui si alimentano oramai la maggioranza degli autoveicoli non è in senso stretto una commodity perchè può essere prodotto mediante un processo industriale .

2) Il mondo è sempre più affamato delle cosiddette commodities . La loro domanda e con essa il loro prezzo cresce continuamente mentre il prezzo dei prodotti industrializzati diminuisce .

Il Brasile , investendo costantemente negli anni in questo settore e grazie all'abbondanza delle vere materie prime che sono l'acqua , la terra e l'energia solare , oggi è uno dei pochi Paesi in grado di produrre efficientemente ed in quantità " industriali " questi prodotti .



O presidente Luiz Inácio Lula da Silva disse nesta sexta-feira que, devido ao aumento da procura por alimentos no mundo, "está chegando a hora em que as commodities estão ficando mais valiosas dos que os tais produtos manufaturados".

O presidente fez a afirmação após lembrar que, anos atrás, o que se dizia era que o Brasil não poderia continuar sendo um exportador de produtos básicos e precisava vender mais bens industrializados.

"O mundo precisa de mais comida e o Brasil é quem tem a competência de produzir muito mais comida", afirmou Lula durante discurso na solenidade de formatura de novos diplomatas do Instituto Rio Branco.

O presidente aproveitou a ocasião para fazer um balanço da política externa de seu governo e defender, principalmente, a chamada "estratégia Sul-Sul", que privilegiou reforçar os laços com outros países em desenvolvimento.


giovedì 4 novembre 2010

The walking dead : il ritorno della CPMF !?


Si incomincia di nuovo a parlare della restaurazione della odiosa tassa chiamata CPMF . Non c'è che dire , un buon inizio di Governo . Per chi non la conoscesse la CPMF è una tassa apparentemente infima dello 0,38% che però si applica a tutti i movimenti bancari .

Per capirci se versate sul conto ,100 000 R$ e poi piano piano li prelevate o per spenderli o anche per investirli in qualche applicazione , il governo stacca una piuma per ogni operazione . Alla fine vi avrà staccato un bel guanciale pari a 380 R$ .

Immaginate se vi arriva un bonifico estero sul conto perchè avete deciso di acquistare un immobile . Nel momento in cui i soldi escono dal conto pagate la CPMF .

La tassa fu eliminata nel 2007 grazie al voto della opposizione . Ecco perchè alcuni definiscono questo ritorno un " capriccio vendicativo " di Lula .

O DEM divulgou hoje nota em que repudia a tentativa de recriar a Contribuição Provisória sobre Movimentação Financeira (CPMF), qualificado pelo partido como "o famigerado imposto do cheque". Para o líder do DEM, deputado Paulo Bornhausen (SC), que assina o comunicado, a convocação feita aos governadores para assumirem o movimento pela volta do imposto é um "capricho vingativo do atual presidente da República", o presidente Luiz Inácio Lula da Silva.

Bornhausen afirmou que o aumento do Imposto sobre Operações Financeiras (IOF) logo depois do fim da CPMF e o constante aumento da arrecadação de impostos alimentaram os cofres públicos com mais recursos do que o "imposto do cheque".

A CPMF acabou em dezembro de 2007, depois que a oposição se uniu a senadores governistas dissidentes e rejeitaram a proposta de sua prorrogação. O DEM conclamou a oposição no Congresso e nos Poderes Executivos e Legislativos estaduais a se unirem para impedir a volta da CPMF.

Já o deputado tucano Luiz Carlos Hauly (PR), vice-líder da oposição, afirmou em discurso na Câmara que o presidente Lula "mente" ao afirmar que faltou dinheiro para a saúde. Citando números da Receita Federal e do Tesouro Nacional sobre aumento na arrecadação de impostos, Hauly disse que "nem sempre os interesses do Planalto são os da nação. É o caso dessa famigerada contribuição para a saúde."

lunedì 1 novembre 2010

Non comprate questo libro : è pirateria !


Non comprate il libro della foto . Ma perchè , vi chiederete ? I motivi sono almeno due :

1) Molti contenuti sono copiati integralmente dal Blog : Vivere in Brasile e sono stati pubblicati non solo senza la mia autorizzazione ma completamente a mia insaputa . Naturalmente io non avrei mai dato l'autorizzazione allo sfruttamento commerciale di contenuti che ho ritenuto , pubblicandoli sul Blog , mettere a disposizione gratuitamente di tutti .

2) Essendo i contenuti copiati potete trovarli , senza pagare un centesimo , su : Vivere in Brasile e sul web . Inoltre alcune sezioni , quali quelle relative al costo della vita o alle leggi sui visti sono costantemente aggiornate sul Blog .

Il libro è uscito nel Luglio di quest'anno ma solo stamani ne sono venuto a conoscenza grazie ad un amico del Blog che avendone una copia ed avendo riconosciuto il contenuto dei post ha pensato che fosse mio e mi ha mandato una e-mail per complimentarsi !

La cosa più scandalosa di tutte è stato scoprire che l'autore del libro è una società immobiliare di Natal la cui sede è quindi a poche centinaia di metri da casa mia ! Il nome della società è Brazil Real Property .

Gli autori non si sono sforzati più di tanto ,un esempio è il capitolo intitolato : Il 37,5% di guadagno con riferimento al post http://www.vivereinbrasile.com/2010/04/trasferirsi-in-brasile-un-anno-di-buoni.html .

Un gesto conciliatorio , che potrebbe dimostrare la buona fede dell'autore , sarebbe quella di dare la possibilità a tutti di scaricare gratuitamente il libro in formato PDF .