giovedì 31 marzo 2011

Il cambio torna ai livelli del pre-sisma


Vi ricordate del mio post del 20 Marzo scorso sul cambio ?

In quell' articolo spiegavo che nell'aumento dell'euro nei confronti della valuta brasiliana non vi era nulla di strutturale ma semplicemente legato al terremoto in Giappone . La conferma la trovate nel grafico allegato . Qualcuno dirà che era banale ma posso fare un post lunghissimo raccogliendo i commenti di coloro che dicevano di aver previsto l'aumento del cambio e che tra poco si sarebbe tornati a quota 2,5 . Parlo di commenti anche di siti finanziari !

Ebbene tutto ciò ha danneggiato coloro che hanno atteso pazientemente che il cambio salisse per poter trasferire i loro risparmi in Brasile e cominciare o continuare a guadagnare con gli elevati rendimenti brasiliani .

Con questo non voglio dire che un giorno il cambio non possa raggiungere i 2,5 o più ma in questo momento di tassi brasiliani in ascesa ed Europa e quindi euro sempre più vicina ad un baratro non vedo alcuna reale possibilità di recupero del cambio . La batosta elettorale che ha preso la Merkel non aiuta certo l'euro . Questa apparente calma sui mercati sembra più la quiete che precede la tempesta .

19 commenti:

  1. concordo pienamente con te, infatti tutti aspettano di vedere di che morte morirà il Portogallo poi il castello di carta verrà giù.
    aggiungo inoltre che a dare la mano finale .. in tutti i sensi.... saranno a breve ( 2012) le prime scadenze dei debiti contratti per salvare l'euro nel 2007-2008. Vorrei essere testimone del crollo del capitalismo e avere ancora un pò di tempo per ripartire da 0 finchè sono giovane ... penso una grande esperienza di vita.

    RispondiElimina
  2. Fl@vio
    "che il cambio salisse per poter trasferire i loro risparmi in Brasile e cominciare a guadagnare con gli elevati rendimenti brasiliani"

    È bene ricordare che il Real non ha nessun valore sul mercato internazionale. Il Real non è "esportabile" se non con commissioni del 10 per cento richieste da finanziarie "sporche" è perciò a rischio perdita patrimonio. Anche se il tasso overnight raggiunge il 10 per cento attenzione ai controlli incrociati tra receita federal e Banche, a meno che, non si abbiano dei conoscenti i quali non lavorano gratis ma, incentivare la corruzione, quando la stessa é monitorata da tutta la tecnologia disponibile, oggi, si rischia parecchio.
    Un'altra raccomandazione, anche se é vecchia e appartiene alla storia ma che é sempre da leggere poiché la storia ci dice qualcosa in più, è che il Brasile, sotto la presidenza del cocainomane Collor, aveva bloccato i conti correnti dei cittadini per 18 mesi.
    Se volete speculare è bene sapere a cosa andate incontro.
    Até logo

    Flavio Fortaleza
    PIC: portale degli Italiani nel Ceará

    RispondiElimina
  3. Mi trovo ancora una volta d'accordo con te Antonio ed anche con l'anonimo delle 9:56.
    A costo di apparire un gufo, ribadisco la mia convinzione che sia più facile vedere il cambio avvicinarsi a 2 piuttosto che a 2,50.
    Non riesco a vedere un solo motivo valido per aspettarmi un rafforzamento dell'euro sul real nel medio periodo.
    Solo uno tsunami su Angras dos Reis, sede dei reattori nucleari brasiliani, potrebbe comportare l'indebolimento del real ma la cosa mi sembra geologicamente improbabile (oltre che NON augurabile ovviamente).
    abraços
    Marco

    RispondiElimina
  4. Falvio

    scusa ma cosa ti sei fumato ? Perchè uno che la pensa come te e sta ancora in Brasile , Fortaleza, è veramente matto da legare .

    Cosa dovrebbe rischiare uno che si trasferisce in Brasile ed investe in HSBC o Santander ed utilizza il reddito prodotto per vivere di rendita qui ?

    Per quanto riguarda il blocco dei conti correnti mi pare che sei poco informato ... sta accadendo in Europa . Irlanda docet .

    Se poi ho capito male mi scuso .

    Saluti

    RispondiElimina
  5. Anto ... forse Flavio è quello che ha dato risposta essendone lui stesso il soggetto, alla storia triste del brasile che ancora tutti noi aspettiamo dell'altro blog. :-).
    Infatti io i soldi li ho messi in hsbc e sono discretamente tran. e poi se me li terranno fermi vorrà dire che sarò già a Natal ...aspetterò in spiaggia che li liberano e intanto venderò un pò di cocco ...
    meglio che aspettare l' Italia di serie B con l'euro di serie B......governata dal circo del nano .... ciaooo
    anonimo 9.56... Andrè

    RispondiElimina
  6. Non mi sembra criticabile cio' che dice Flavio Fortaleza. In più si deve considerare l'inflazione Brasiliana che si mangia tutti i ricavi della Poupança ed anche dei Buoni del Tesoro. Questo io ho notato, leggendo qua e là ed avendo intenzione di vivere in Brasile. Ne' mi sembra assurdo cio' che ho letto in un altro post di Vivere in Brasile riguardo la Violencia.

    RispondiElimina
  7. Fl@vio

    HSBC e Santander sono due gruppi bancari con seri problemi di cassa. È chiaro che quando la cosa è grossa vengono in soccorso tutte le istituzioni governamentali e non per salvare il salvabile ma i debiti ci sono, eccome se ci sono; ricordiamo che tra breve ( a Giugno) scadono i buoni del tesoro americano, una valanga di carta da rifinanziare: fate il Vostro gioco.

    Bradesco è una banca "abbastanza" seria.

    Itaù ruba: è stata la prima banca online e a me hanno "deviato" 400 reais su un altro conto sempre Itaù. Mi hanno rimborsato dopo che li ho citati in tribunale ma ho fatto andare il conto in rosso

    RispondiElimina
  8. 31 marzo 2011 14:41
    ottoaprile ha detto...

    Falvio

    scusa ma cosa ti sei fumato ?


    Se ciò non significa DROGATO dimmi tu cosa significa.

    RispondiElimina
  9. Flavio

    sai bene che è un modo di dire e non una accusa di essere un tossicodipendente !

    Comunque lo stress è evidente ... ma non è colpa tua . E' probabilmente l'effetto che fanno 20 anni di Brasile ad un milanese :)

    Um abraço

    RispondiElimina
  10. hahahha..HSBC e Santander sono propio le due uniche banche su cui non metterei i miei risparmi, e propio perchè sono banche internazionali, gruppi esteri venuti a investire in brasile, e guardacaso la Santander è spagnola...hihih..la HSBC è inglese.....due paesi messi benissimo

    propio un bel consiglio! e con lo scopo di mettere al riparo dalle tempeste europee...ottimo consiglio!

    RispondiElimina
  11. Caro anonimo ridens

    mettili dove vuoi i soldi ma cosa c'entra con il Post ?
    Infine ricordati che si dice proprio e non propio ... questo almeno è un ottimo consiglio .

    RispondiElimina
  12. Per anonimo....
    visto che sembri conoscere bene l'economia europea, se anche gli inglesi sono messi male......noi?

    RispondiElimina
  13. Mi trovo in disaccordo su TUTTO quello che ha scritto Fl@vio, assolutamente tutto, tranne forse il fatto che cercare di distribuire i propri risparmi su più banche, anche a costo di perdere qualcosa sui rendimenti, è forse consigliabile.
    Non dimentichiamoci che 1/3 del debito pubblico del Portogallo in default è in mano a banche spagnole. E anche la Spagna non sta messa proprio bene. Molte banche inglesi sono già fallite da tempo e altre falliranno, nonostante i salvataggi di stato.
    Diversificare i rischi è sempre consigliabile. Di questi tempi bisogna verificare bene a chi prestiamo i nostri soldi e fare un versamento in banca è come fare un prestito perchè si diventa creditore della banca stessa.
    abraços
    Marco

    RispondiElimina
  14. Questo è un blog bellissimo..ognuno dice la sua,e difficilmente cambia opinione:giusto ciò che serve a chi deve decidere se vivere o no in Brasile..:) In fondo Antonio dice proprio questo:ognuno si formi la PROPRIA opinione sul posto e decida di conseguenza.Eh,sì!

    RispondiElimina
  15. Fl@vio

    x Cri (cristina?)

    Noi in senso di italiani o di emigrati in brasile?

    Mah, tutto si puo dire di Berlusconi ma che non sappia gestire la cassa Italia...

    (provoco- non troppo- per capire quali sono i miei "amici")

    RispondiElimina
  16. Abbiamo finalmente capito perchè Fl@vio sta intervenendo su questo blog: provocare e rompere le scatole a chi vuole farsi opinioni sulla base di fatti oggettivi. Perchè di fatti oggettivamente veri non ne ha proposto neanche uno. Lui vuole solo divedere i lettori tra "amici e nemici" per spirito di polemica e a noi di polemiche proprio non ci importa. Per cui non ribatterò più alle sue esasperate fandonie.
    saluti
    Marco

    RispondiElimina
  17. Per Flavio
    ma tu scegli gli amici in base all'appartenenza politica?
    Cmq io mi riferivo a noi italiani.....

    RispondiElimina
  18. fl@vio

    io cerco solo di divertirmi e non dividere nessuno. Per l'amor di Dio, non cerchiamo quello che non esiste. Provocatori lo erano anche Nietztsche e Schopenauer.

    Scusa Cristina, non ho capito quello che hai scritto: io ho fatto una considerazione sul Governo Berlusconi che non è in defauld come la Grecia, Portogallo, Spagna, Irlanda, Ungheria. Tutto qui, ma Berlusconi è da arrestare, è chiaro.
    Ciao

    RispondiElimina
  19. per anonimo ridens ... bella anto !!
    PROPIO come asserisci tu ... HSBC è una banca che potrebbe avere dei problemi in Europa e spostarli oltreoceano ... ma se accadesse un problemino in Brasile di tipo economico ...vai tu a ITAU' a chiedere i soldi ...io ti aspetto fuori e .... rido !!!
    La verità ..ai giorni nostri è che l'economia del mondo si fonda sul debito ... c'è più moneta in circolaz. che oro nelle cassaforti da anni ... soldi finti che girano girano girano e a volte finiscono nella pancia di qualche banca e ...bumm... perciò o li mettiamo sotto il letto o li investiamo in ( case, attività ..) tanto cmq a breve ci sarà la seconda grande crisi economica mondiale ... ciaooo

    RispondiElimina

Lasciate qui un vostro commento