lunedì 25 luglio 2011

Ridotta la durata del visto turistico per gli italiani (?)



L'amico Silvio Nicchi  mi ha inviato una nota su Facebook in cui mi informa che il periodo di permanenza in Brasile con il visto turistico per gli italiani è stato ridotto a  90 gg all'anno senza possibilità di estensione . Questo è il link dove trovate l'aggiormamento : http://www.portalconsular.mre.gov.br/antes/quadro-geral-de-regime-de-vistos-1 .L'informazione è attualizzata al 20 Luglio 2011 ed  è quindi recente .


Se qualcuno degli amici ha modo di confermarlo  è pregato di comunicarlo attraverso i commenti al Post . Ricordo che fino a poco tempo fa il limite era di 180 gg  ovvero 90 gg oltre una estensione di altri 90 gg  Se ciò fosse confermato sarebbe una gravissima limitazione per tutti coloro che erano abituati o planeggiavano di trascorrerre sei mesi in Brasile e sei in Italia . I motivi sono al momento oscuri ma potrebbero  ricondursi ad un deterioramento dei rapporti diplomatici tra i due paesi . Speriamo che si tratti solo di una errata interpretazione .

83 commenti:

  1. Ho controllato sul sito del Consolato di Roma dove è ancora riportata l'attualizzazione di maggio che parlava solo dei 90 giorni senza visto. Su questa del 20 luglio 2011 sembra effettivamente che, solo per l'Italia, è stata prevista l'improrogabilità del visto oltre i 90 giorni all'anno.
    Sarà dovuto agli eccessi del caso Battisti oppure ai troppi italiani che si trattenevano oltre i 3 mesi senza apparenti motivi?
    Attenzione: il Brasile non è più una Repubblica delle banane da tempo. Vale la pena di ricordare che chi viene beccato a lavorare in Brasile senza le necessarie autorizzazioni e tutele può essere arrestato e rinchiuso in galera in attesa di processo ed espulsione.
    Marcofalco

    RispondiElimina
  2. apparenti motivi?? chiedevano la prorrogazione per turismo, di cosa vai parlando
    sempre a dare la colpa agli italiani tu
    non sarà una repubblica delle banane ma si comporta come tale, nel caso Battisti poi neanche commentare, e sinceramente ne ha tutto l'aspetto del paese da terzo mondo, favele e jipponi

    RispondiElimina
  3. conosciamo tutti marcofalco e la sua "obiettività" riguardo all'Italia. penso che se un giorno lui dovesse venire assaltato in Brasile, invece di morire di paura, gli verrebbe un colpo per la sorpresa di ritrovarsi in un paese diverso da quello che pensava. in ogni caso qui è in buona compagnia.

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  5. Salve,non mi sono informato ma sembrerebbe che sia una reciprocità giuridica,credo che un turistas bras. possa permanere in italia 90 giorni,così come,ad esempio,un turista U.S.A. debba richiedere il visto d' ingresso prima di imbarcarsi per il brasile.
    Favele e jeep,può darsi?ma è solo un' aspetto del brasile,peraltro minimo,guardate quanto è la quota del debito pubblico italiano che detiene il brasile,ad esempio,o di quello americano...sono in europa in ferie,una delle cose che più mi lascia perplesso è l' ignoranza e l'incultura media dei giovani italiani...trovatevi il test del vestibular in internet passatelo ad un 18enne italiano e vediamo,questo è un fatto...
    molti italiani ed europei vengono in brasile senza nè arte,nè parte,magari sposandosi con delle semianalfabete,come si dice dimmi con chi vai e ti dirò chi sei...e quindi terminano straparlando e denigrando ,un paese che in realtà non hanno neppure conosciuto nei suoi aspetti buoni e meno buoni.

    RispondiElimina
  6. Ciao Corrado

    grazie per l'intervento . Indubbiamente la limitazione è reciproca ma il problema è : ma chi ha iniziato prima ? Voglio dire che sino a pochi mesi o settimane fa i giorni consentiti in un anno erano 90+90 . Ora da qualche parte si saranno riunite le delegazioni brasiliane ed italiane ed avranno deciso a nostra insaputa questa reciproca riduzione .

    Mi chiedo : coloro che sono qui gia da oltre 90 gg cosa faranno ? Quelli che hanno comprato il biglietto aereo o il pacchetto turistico e sono oltre i 90 gg non partiranno ? Ma da qualche parte deve essere scritto tutto ciò ?

    Faccio notare che la Francia , la Spagna e tutti gli altri Paesi continuano ad avere 90+90 gg . Cosa abbiamo quindi noi di speciale ?

    RispondiElimina
  7. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  8. Ciao Corrado

    ho letto bene la tabella ed è proprio questo il problema : tutti gli altri possono prorogare e noi no , e ti sembra poco ?
    Comunque il Consolato ,almeno quello di Milano non se ne ancora accorto e continua a pubblicare 180 gg di permanenza http://www.brasilemilano.it/ita/consolare/visti/turismo.asp

    RispondiElimina
  9. ciao a tutti,sono brasiliana e vivo in italia ,della questione dei 90 giorni per gli italiani vorrei dire che secondo me e' giusta l'applicazione degli accordi bilaterali tra Brasile ed Italia .Il Brasile ha i suoi ideali ed e' giusto che le leggi vengano rispettate da tutti .Poi ai tanti lettori che non sono venuti mai in Brasile ma anche a chi ci e venuto , che il Brasile non un paese da terzo mondo o come dice qualcuno che e' un paese della repubblica delle Banane.Le cose sono cambiate negli anni il percorso di crescita globale e' migliorato per tanti settori e per tanta gente , c'e' ancora tanto da lavorare ma la strada intrapresa e' quella giusta. Io parlo spesso con mio marito italiano e diciamo che il futuro del Brasile sara'sempre piu' florido e potente. un saluto da Polliana

    RispondiElimina
  10. X Marlonbrando,
    A me risulta che molti italiani soggiornano 6 mesi (alcuni anche di più) all'anno in Brasile non per fare "turismo" ma per gestire le proprie attività in nero e/o altro. Non so se risulta anche a te.
    Se tu del Brasile hai conosciuto solo favelas e jeep, mi spiace per te, problema tuo. Mi sembra una visione quanto meno superficiale la tua.

    X Anonimo delle 09:36,
    Se può tranquillizzarti sono già stato assaltato in Brasile ma lo sono stato anche in Messico, a Cuba, a Roma ed a Bari. E allora dimmi, di cosa dovrei stupirmi?
    Quanto alla mia obiettività riguardo all'Italia, vi invito a controbattere con fatti e dati tangibili ai miei commenti, non con chiacchiere ed etichette senza senso. Diatribe sterili credo non interessino nessun lettore del blog e tantomeno Antonio che ci ospita. Cerchiamo piuttosto di capire il vero perchè di questo atteggiamento in merito al visto e magari vedere se possiamo fare qualcosa per cambiare le cose.

    Concordo con l'interpretazione di Corrado Sabatini.
    saluti
    Marcofalco

    RispondiElimina
  11. corrado sabattini ti sbagli e molto, se fosse applicato il principio della reciprocità non sarebbero solamente 90gg all'anno, DATO che un brasiliano ha diritto a 90gg di turismo PIU 90gg, 90 in un semestre e 90 in un altro semestr, per un totale di 180gg all'anno
    informati meglio la prossima volta caro
    inoltre se proprio vogliamo dirla tutta un cittadino brasiliano può ottenere il visto di lavoro con un semplice contratto di magazziniere, mentre provaci tu ad avere la stessa cosa in brasile...chiaro il concetto? qualè adesso il paese più avanzato in termini civili?

    RispondiElimina
  12. conosco molte persone che ci passano 6 mesi e ci anno anche investito dei soldi in appartamenti, bella fregatura adesso come fanno a gestirseli in soli tre mesi, e gli altri mesi, li debbono fare da qualche altra parte. ba cosi è prendiamone atto

    RispondiElimina
  13. a te risulta che tutti gli italiani siano da disprezzare..meno te naturalmente
    classico da italiano mesmo, parabens

    RispondiElimina
  14. favele e jeep un aspetto minimo? le puoi vedere in tutte e dico TUTTE le città brasiliane, capitali e provincie, vedrai grandi agglomerati di casupole, favele e in mezzo sfrecciare jipponi da 200mila reais

    non è certamente un aspetto minimo, se poi vogliamo parlare di vestibular, sarò della vecchia generazione io perchè ancora non ho incontrato un brasiliano che sappia le tabelline direto oppure interrogato in geografia abbia coscienza delle cose, certo se gli si parla di ivette sangalo allora le le cose cambiano

    eppoi vogliamo parlare delle laure facili a pagamento? meglio non toccare quel tasto, e cmq non mi risultano premi Nobel brasiliani mentre europei e italiani tantissimi, scusa se è poco

    il Brasile stà vivendo una crescita economica a cui non corrispondono tante cose a livello sociale, politico etc etc, credo proprio che sia una grande illusione quella che stà vivendo, una economia in bolla e una moneta super valutata, con ciò non nego la crisi europea e americana e la decandenza dei nostri paesi a tutti i livelli, ma almeno non considero il Brasile un elemento da adottare ad esempio

    e voglio pensare a quelle come marcofalco a cui auguro di venire in brasile e vivere sempre in maniera agiata all'occidentale per intenderci, e non dover mai fare le file negli ospedali pubblici, oppure mai a che fare con un interà unità di poliziotti corrotti, oppure avere a che fare con un gruppetto di playboyzinhos figli di papà capaci di fare di lui qualsiasi cosa e il giorno essere impuniti e ricchi come e più di prima, notizie di tutti i giorni per i brasiliani veri cioè quelli del popolo

    andate a chiedere a loro cose ne pensando di queste cose, e chiedetegli se non pensano al brasile come una repubblica delle banane, giusta per alcuni e bellissima per "quem pode"

    detto questo, io che ci vivo nel brasile continuo a mettere sulla bilancia le cose, e se ci stò ancora vuol dire che pende a favore ma non dimentichiamoci mai la CRITICITà, necessaria nella vita per ogni cosa e anche per renderci conto cosa ci circonda e cosa vale la pena e cosa no

    questo lo dico per chi pensa che criticare il brasile sia solo per frustrati e senza successo nella vita, mentre invece è solo uno sguardo realista delle cose che non dimentica delle tante positività che ci sono indubbiamente

    RispondiElimina
  15. e vorrei dire un altra cosa se il propietario del blog me lo permette e cioè che questo atto dei 90gg ridotti è il secondo grave atto che si aggiunge a quello del caso battisti, di affronto al popolo italiano da parte del governo dilma e lula, Pt per dirla in una parola, un atto di disprezzo verso un popolo italiano in toto che ha da sempre una relazione solida e profonda con il brasile, che ha dato tanto al brasile in termini di immigrazione produttiva, e di turismo che ha portato sempre soldi anche in periodi non felici, senza dimenticare che milioni di brasiliani nelle aeree piu produttive del paese e nelle elite sono di origine italiana, e abbiamo aziende italiane tra le prime file nel paese, insomma un rapporto che va al di là delle semplice relazioni tra paesi ma che è storico e che ha contribuito alla storia del brasile passata ed attuale

    e questi del PT si sono tenuti un assassino, un terrosti che voleva sovvertire un sistema democraticamente eletto e non certo una dittatura militare come in brasile, condannato a tre gradi di giudizio nella patria del diritto romano, mica in china, su cui sono fondati praticamente tutti i sistemi giuridici mondiali, non stiamo parlando del niente ma della storia
    ed ora per pura "rebeldia" un ennesimo schiaffo, una dimostrazione di arroganza assoluta, un messaggio chiaro, italiani possiamo fare a meno del vostro turismo
    questo dimostra innegabilmente che come in italia sia in brasile attualmente ci sia un governo di pagliacci
    la mia critica è rivolta a loro ovviamente, che sono quelli che hanno deciso e costruito questa pagliacciata, ma ad essere onesti il governo brasiliano si sta comportando anche peggio di quello italiano che ha solo subito e i vari marcofalco possono dire quello che vogliono, dare la colpa sempre agli italiani, ma non è sempre cosi...in questo caso il popolo italiano è solo che VITTIMA!

    RispondiElimina
  16. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  17. Ciao Antonio, complimenti per il blog sempre molto interessante e di piacevole lettura.
    Vogliamo far rispettare gli accordi bilaterali? Perfetto, allora qualcuno mi spieghi perchè io che sono italiano e che avevo una bisnonna e una nonna brasiliane non posso avere diritto alla cittadinanza brasiliana per discendenza. I brasiliani basta che abbiano un trisavolo italiano ed hanno diritto alla cittadinanza italiana comprensiva di diritto di voto.
    Se vi sembrano accordi bilaterali questi... a me sembrano solo accordi a vantaggio del Brasile e a totale svantaggio di noi italiani.
    Buona giornata a tutti.
    Federico

    RispondiElimina
  18. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  19. X Marlonbrando:
    Un cittadino brasiliano secondo te può ottenere un visto per lavoro in Italia con un semplice contratto da magazziniare?? Ma che dici? E le impossibili quote d'ingresso previste dalla subdola legge Bossi-Fini dove le metti??
    Basta con 'sta storia dei premi Nobel, che significa? A Obama hanno dato il Nobel per la pace anche se ha mandato altri 300 mila soldati a combattere in Iraq!
    "Quem nao pode", come dici tu, oggi in Brasile rappresenta circa il 16% della popolazione totale, quindi una minoranza per fortuna in costante diminuzione. Mi dispiace che tu abbia avuto la sfortuna di andare a vivere tra loro e che ti debba confrontare tutti i giorni con la povertà (a dispetto del tuo nome evidentemente). Dicci dove vivi e cosa fai per vivere?

    In ultimo vorrei solo ribadire che fare investimenti in Brasile, tipo aprire un pousada o un ristorante o una locadora o un bar o costruire immobili, e gestirli per anni con un semplice visto turistico NON è una cosa legale perchè si infrangono le norme sull'immigrazione, sul diritto d'impresa, sul riciclaggio e, probabilmente, fiscali. Così è in ogni Paese del mondo, non solo in quelli che voi considerate repubbliche delle banane.
    Non credo proprio che il caso Battisti c'entri qualcosa. Ma questa è solo la mia opinione.
    saluti
    Marcofalco

    RispondiElimina
  20. Caro marlonbrando,
    concordo su molte cose che hai scritto. ma con persone come marcofalco (e non solo lui) puoi stare qui a parlare per ore che mai capirà quello che gli stai dicendo. Lui (e non solo) ha la sua visione del Brasile e dell'Italia, e qualunque cosa tu dica o faccia sempre rimarrà di quell'opinione. Io, graças a Deus, ho tanti difetti ma riesco, nel limite del possibile, a essere obiettivo in quello che succede. Quando 10 anni fa venivo in Brasile come turista tutto mi pareva un sogno e immaginavo di fare tante cose. Il giorno stesso che ho lasciato il mio paese per vivere definitivamente qui in Brasile già le cose in qualche modo cambiarono. E, come te, se sono ancora qui in Brasile è perchè qui sto meglio che in Italia, ma questo non significa che non esistano cose negative. E prima che qualcuno lo dica, non pensiate che io sia il classico frustato per non aver ottenuto quello che sognavo. Come ho detto sto meglio qui che in Italia, ho una casa di 130 m2 e guadagno circa 5.000 reais al mese, il che non è male qui in Brasile. Qui, se c'è un frustrato, è proprio marcofalco che ancora vive in Italia, il paese peggiore del mondo.

    RispondiElimina
  21. salve,
    rispondo ancora a marlon brando dopo il mio post di ieri.
    Vivo in brasile da decenni ormai,anche se passo la maggior parte dell' anno in inghilterra per il mio lavoro.
    Gli ospedali pubblici brasiliani sono dei mattatoi e la maggior parte delle scuole pubbliche infrequentabili;ma in termini di accesso al benessere e lotta alla corruzione stanno accadendo cose impensabili(in positivo) fino a 12 anni fà.Detto questo le università federali sono eccellenti ed anche massima parte le private,ti assicuro che mia moglie ed i miei suoceri le tabelline le sanno!parlando serio spesso mi rattristo per la grossolanità e la pochezza mentale(e morale) di molti italiani che vedo in giro per il brasile.Tu conosci brasiliani che non sanno la geografia,evidentemente frequentiamo persone ed ambienti diversi,non conosco il ranking dei nobel(!),ma la ricchezza del brasile in primis è il patrimonio culturale,ma mi fermo qua...credo che voi del blog siate di natal,la città di camara cascudo,uno dei massimi antropologi in assoluto,il curso di antropologia della UFRN è frequentato da molti univ stranieri in interscambio...Stranieri che hanno avuto il visto di lavoro in brasile solo io ne conosco almeno una dozzina,indirettamente molti di più,poi in italia servono magazzinieri,qua servono figure specializzate,questo è il mercato che lo decide.Sobre i 90 giorni credo,alla luce degli altri interventi,sia un fatto(opinabile come giustam. dici tu)di reciprocità giuridica,ma,sono caustico,molti italiani "semestrali" e residenti che vengono qua ad aprire improbabili padarias,ristoranti senza averlo mai fatto in vita loro,che comprano posadas senza alvarà e licenza ambientale,che passano la giornata tra "signorine varie" e tutto il sottobosco che le accompagna e che poi finiscono per vomitare sopra il brasile,o quello che ritengono sia il brasile, preferisco farne a meno.Il bello e l' essenza di un paese non ne è l' arte o la natura,per me,lo è il suo popolo;ho molti conoscenti stranieri che vivono in italia perchè amano gli italiani,ritengo questo un principio universale,se disprezzi un popolo come ci puoi vivere junto?
    Scusate la lunghezza,sono in vacanza e allora me la prendo comoda!

    RispondiElimina
  22. Caro Anonimo

    grazie per le parole su Camara Cascudo , la ricchezza della città di Natal è tutta ancora da scoprire la parte degli italiani ... che ci vivono ! Grazie ancora dal profondo del cuore .

    RispondiElimina
  23. Ciao Corrado

    il commento è stato pubblicato ma evidentemente tu non dormi la notte ... io si . Il commento è arrivato alle 23:21 di ieri sera ed alle 7 : 35 di stamattina stavi già invocando " la pluralità " .

    Spero che tu non abbia dipendenti altrimenti ti farebbero causa per sfruttamento :)

    RispondiElimina
  24. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  25. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  26. Ciao Corrado

    grazie della tua schiettezza . Ho visitato il tuo sito : http://www.ecoturismobahia.com/index.php , semplice e ben fatto . Auguri per il tuo lavoro a Bahia che mi rimane sempre nel cuore ( Ci ho vissuto 5 anni )

    RispondiElimina
  27. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  28. ti sei dimenticato un "baciamo le mani"

    RispondiElimina
  29. x corrado sabatini
    so che non vale la pena di puntualizzare, ma "l'Italia è il peggior paese dle mondo" era riferito a quello che pensa marcofalco. Avrai anche un blog e un taxi ma evidentemente ti manca il senso dell'ironia, perchè chiunque lo avrebbe capito. Per quanto riguarda VIVA L'ITALIA, ti posso assicurare che sono uno dei pochi che ha il coraggio di gridarlo davvero.

    RispondiElimina
  30. Il nuovo provvedimento del governo di Brasilia tradotto significa : "Cari italiani a noi brasiliani non frega niente di voi". Abbiamo deciso di considerare BATTISTI innocente e voi avete alzato la voce...bene! Per cominciare vi permettiamo di restare sul nostro territorio solo 3 mesi all'anno" -(UNICO PAESE EUROPEO a veder aplicata questa norma! )-, "e se continuate a rompere le palle magari decideremo di penalizzavi in qualche altro modo ma non a casa vostra..qui da noi..per la gioia di tutti quelli che vivono in Brasile e lo considerano un paese che "ama" l'Italia. Forse l'Italia e' amata dalle schiere di "signorine" che aspettano (aspettavano...)il "gringo" non certo dalla politica e dai governanti Brasiliani...

    RispondiElimina
  31. all'anonimo del 27-7 ore 8.41 che dice
    "salve,
    rispondo ancora a marlon brando dopo il mio post di ieri.
    Vivo in brasile da decenni ormai,anche se passo la maggior parte dell' anno in inghilterra per il mio lavoro.." vorrei sapere come puo' vivere in brasile da decenni e passare la maggior parte dell' anno in Inghilterra..e poi formulare quelle considerazioni sulla realta brasiliana uguale se non migliore della europea (scuole, universita,cultura generale dei cittadini..ecc,) . Resta in Brasile 2-3 anni di seguito e poi dimmi se ancora la pensi in quel modo...

    RispondiElimina
  32. A Marlonbrando,
    smettila di mischiare capra e cavoli. I tuoi sproloqui sulla vicenda Battisti non c'entrano nulla con il rinnovo dei visti.
    Per tua scienza ti ricordo però che la Costituzione Brasiliana del 1988 vieta espressamente la concessione di estradizione di condannati per reati politici come Battisti. Su tale dettame costituzionale si è basato il parere del STF che, a sua volta, ha ispirato la decisione di Lula. Piaccia o no così è in Brasile, come così era in molti paesi ed in Francia con la dottrina Mitterand fino a pochi anni fa quando la Francia rifiutò per molti anni, al pari del Brasile di oggi, l'estradizione di Battisti in Italia. Ma nessuno all'epoca si permise di inveire contro la Francia come state facendo tu e quel trombone insulso di Ignazio La Russa oggi con il Brasile. Perchè? Perchè secondo me avete ancora in mente il preconcetto ignorante del Brasile=terzo mondo. Il che la dice lunga sul vostro grado di percezione e interpretazione della realtà.
    Detto questo posso dire che questa storia sul prolungamento dei visti turistici mi interessa ben poco anche perchè io, per trattenermi oltre i 3 mesi, ho costituito un'impresa, versando il relativo capitale, pagando le tasse ed assumendo persone. Io ho scelto di rispettare le regole, se qualcun altro invece preferisce scorciatoie aggirando le regole, problema suo, non sta a me difenderlo.
    Ricordo ancora la faccia della poliziotta federal che mi controllò il passaporto lo scorso anno al mio arrivo a Salvador. C'erano oltre 30 timbri dell'immigrazione brasiliana per turismo sopra. Lei mi guarda e, per fortuna sorridendo, mi disse "sempre in vacanza in Brasile hein, come mai, deve piacerti proprio tanto"?
    E' stato li che ho capito e ho deciso di costituire la società, per rispettare le regole e non aggirarle perchè le bugie possono avere le gambe corte.
    Marcofalco

    RispondiElimina
  33. salve
    8 aprile sono io che ringrazio te!credo che riguardo a folkrore e tradizioni popolari R.N. e pernambuco non siano secondi neppure alla bahia!o almeno gli si avvicinano!
    Miki in brasile ho passato molto più di 2 0 3 anni di seguito!diciamo che supero i 20 abbondantemente,ma spesso,da qualche anno, sono all' estero(in europa) per lavoro,mi stupisce il tuo stupore:ancora non capisco bene come vivano e quali parametri abbiano alcuni di quelli che intervengono, quindi ritengo superfluo ribadire quello che ho scritto;chiaro che in brasile c'è una diffusione scolare generale inferiore a quella europea,ma mi fermo qua,mi sembra di essere così ovvio...su alcune cose in brasile sono più avanti,su altre no,ripeto ancora: prova a far fare il test del vestibular ad un 18enne che esce da una superiore italiana,vediamo cosa combina;dalle università brasiliane escono fior di professionisti,ci lavoro ogni giorno,e non solo io!ripeto forse frequentiamo ambienti e persone diversi...
    Marcofalco purtroppo i brasiliani in miseria sono più del 16 per cento,le statistiche lasciale perdere,è triste ma buona parte della popolazione non ha ancora accesso a sanità e le scuole pubbliche sono deficitarie,anche al sud.
    MI spiace per la signora dei 6 mesi,davvero,ma(correggetemi se sbaglio,non seguo queste cose)con 2000 dollari di rendita o pensione hai una permanencia;mi metto nei panni delle autorità bras:con meno di 2000 dollari,di rendita che turismo devi fare?è più il rischio di riempirsi di personaggi indesiderati o fannulloni...ok battisti spero di non incontrarlo mai,ma ai tempi cosa fece l' italia per salvatore cacciola?nulla,qui restammo tutti indignati,ma il governo brasiliano rispettò la decisione degli italiani,purtroppo alcuni, rovinati, si suicidarono,assassino pure questo...la russa avrebbe dovuto usare altri termini per manifestare il suo dissenso,nulla di politico,ma alla fine per repubblica delle banane ci è passata l' italia con mio sommo dispiacere

    RispondiElimina
  34. "allora qualcuno mi spieghi perchè io che sono italiano e che avevo una bisnonna e una nonna brasiliane non posso avere diritto alla cittadinanza brasiliana per discendenza."
    Salve,
    Tenterò di risponderle,non sono certo,non sono cose che seguo molto,ma credo sia così:in termini di acquisizione di cittadinanza,il brasile adotta lo ius soli(come gli USA ed i paesi anglosassoni in genere),l' italia lo ius sanguinis(come ancora la Germania ad esempio) cosiddetti.

    Mi sembra che chi abbia,comunque,uno dei 2 genitori brasiliani abbia i requisiti pe rrichiedere la cittadinanza,almeno una volta era così.

    RispondiElimina
  35. povero marcofalco, ama tanto un paese e il suo popolo ma se ne stà in un altro dove non sopporta il popolo e disprezza la sua stessa nazione

    facile criticare senza vivere giornalmente le cose, con le terga in Europa

    se non è frustrazione questa..

    RispondiElimina
  36. 1 In america del sud il Brasile e' secondo come tassa di analfabetismo dopo la Bolivia
    http://noticias.uol.com.br/educacao/ultnot/ult105u5900.jhtm
    Fate l' 11% di 200 milioni!
    2 Hanno avuto 8 anni un presidente semianalfabeta che si vantava di non aver letto nemmeno un libro ed essere diventato presidente
    3 Cacciola ha passaporto italiano nessun paese rilascia estradizione ad un proprio cittadino
    4 Che i reati di battisti siano solo politici lo crede giusto Tarso Genro e la sua turma (compreso quello che ha scritto qui sopra)
    cercare su google chi e'battisti
    ... credo che stiano peccando molto di Hubris

    RispondiElimina
  37. X Marlonbrando a Anonimo:
    invece di compatirmi e provocare inutilmente, provate a controbattere nel merito le cose che dico e che faccio.
    Io, per motivi di lavoro e di famiglia, vivo 6 mesi qui e 6 mesi in Italia, che NON disprezzo affatto, tutt'altro.
    Voi invece chi siete? Che fate? Sulla base di quale presupposto vi arrogate il diritto di sparare giudizi da beota ed opinioni superficiali e totalmente disinformate sul paese che ci ospita?
    E' l'ignoranza unita all'arroganza e alla supponenza tipica di alcuni italiani come voi che disprezzo, questo si, perchè siete voi che esportate la peggiore immagine dell'Italia in Brasile. Il modo con cui rispettate le opinioni e le regole altrui ne è la riprova.
    L'autocritica è fondamentale per imparare e per migliorare il proprio comportamento.
    Marcofalco

    RispondiElimina
  38. Salve,
    sono l' autore del post delle 17.44
    ora vado a memoria ma cacciola non è stato estradato perchè i reati per cui era perseguito non prevedevano l' estradizione secondo le leggi italiane,inoltre un cittadino può essere estradato dal propio ad altro paese se i reati riconosciuti rientrano negli accordi(non ho fatto giurisprudenza,ma credo sia così);ma questi per l' opinione pubblica sono sofismi,intendo dire che per i brasiliani questa vicenda ha avuto lo stesso impatto emotivo della vicenda battisti per voi italiani.E' evidente che le motivazioni per trattenere battisti siano pretestuose,volevano tenerselo punto e basta,ma detto ciò le sentenze di uno stato sovrano si rispettano,e ritengo che il ministro la russa abbia letteralmente perso la testa e alla fine sia stato controproducente per la vicenda;sono qua da molti anni ho la presunzione di poter conoscere la mentalità dei brasiliani,(ormai lo sono anche io in verità!);comunque ritengo lula un grandissimo presidente,nonostante scandali vari,perchè veramente è la prima volta dagli anni 80 che vedo che stanno,progressivamente e con difficoltà,attuando politiche efficaci per eliminare la miseria,bisogna ricordarsi del brasile degli anni 80 ma anche di fine anni novanta pe rpercepire questi mutamenti.OLtre a ciò riconosciamo che queste politiche hanno arricchito molto pure noi,quindi per me è OK.
    Sull analfabetismo migliorerà anche questo,col benessere,come già scrissi,sono in italia in ferie,qua noto sempre piùquello che in portoghese si chiama analfabetismo funcional,cioè i ragazzi qua oltre illeggere e scrivere non vanno,veramente preoccupante per il futuro

    RispondiElimina
  39. Penso che una delle cose di cui il Brasile possa vantarsi,sia proprio il fatto di aver avuto un presidente semi analfabeta,a mio personale giudizio, un grande presidente.Abbiamo sempre magnificato il sogno americano ma,se il sogno è brasiliano non va bene?? Noi italiani,abbiamo avuto, ed abbiamo ancora dei politici tanto colti quanto corrotti e mafiosi.Un Berlusconi qualunque non sarebbe mai stato eletto in nessun altro paese europeo, per il palese conflitto d'interessi.Infine, a me fà molta più paura un presidente con un pressochè totale potere economico ,mediatico e politico,che non un presidente ignorante ma che fin da giovane ha lottato per i diritti del popolo e dei lavoratori.
    Ciao Giovanni
    P.S. ma perchè tutti contro marcofalco?? ogniuno esprime le proprie opinioni ed esperienze per arricchire questo blog, si possono condividere o no ma arrivare ad insultare e denigrare mi sembra eccessivo.

    RispondiElimina
  40. X Anonimo delle 06:40,
    non giocare con le parole, qui nessuno ha sostenuto che Battisti sia stato giudicato colpevole SOLO di reati politici, nè che non meriti in assoluto la galera. Ma l'estradizione è stata richiesta sulla base delle condanne subite in contumacia per i reati ascritti in quanto membro dei PAC Proletari Armati per il Comunismo, non per i reati precedenti.
    Il problema è che gli italiani ne hanno fatto un problema ideologico mentre Tarso Genro, come giusto, giuridico-costituzionale e quindi di sovranità nazionale.
    E queste non sono opinioni ma realtà.
    saluti
    Marcofalco

    RispondiElimina
  41. Nessuno insulta nessuno. Il problema che marcofalco, come altri qui nel blog, vogliono solo sentire quello che vogliono. Quindi se c'è uno che proprio non accetta le opinioni degli altri è proprio lui. E' per questo che molti con lui si arrabbiano. Non mi credi? Guarda una cosa: quando marlonbrando ha parlato di favelas e jeepponi lui gli è subito andato contro crticandogli di avere una visione superficiale del Brasile. Ma marlonbrando non ha detto che TUTTO il Brasile è così, e chiunque, ripeto CHIUNQUE, sia venuto almeno una volta in Brasile o in sudamerica sa che queste cose fanno parte di questo paese. Ma per marcofalco tutto ciò non esiste. Quindi chi ha una visione superficiale? Quando marlonbrando ha parlato di livello scolare, prendendo come esempio le tabelline, subito qualcuno gli è andato contro prendendo come riferimento le prove per i vestibular. Ma sono due cose completamente diverse. Il discorso è che a livello pubblico la situazione scolastica brasiliana è veramente a livello di 3 mondo. prova a chiedere a un qualunque ragazzo dell'ottava serie di una qualunque scuola PUBBLICA brasiliana di dirti la tabellina del 7 o del 9 (per fare un esempio) e vediamo cosa ti dice. Ma evidentemente questo per marcofalco non esiste, perchè lui, come molti altri italiani qui nel blog, non ha mai frequentato o conosciuto una scuola pubblica, perchè mandano i loro figli in una scuola particular. Allora è ovvio che le cose cambiano. Ma quanti ragazzi brasiliani hanno la possibilità di frequentare e pagare una scuola privata? Quindi capisci dove è il problema? Se qualcuno dice che l'Italia è una merda e che il Brasile è un paradiso... tudo bem, ma se provi solamente a dire "guarda che quella cosa in Brasile non funziona" sei finito! E secondo te è questo il modo di arricchire questo blog?

    RispondiElimina
  42. X Anonimo delle 18:16,
    Marlonbrando ha scritto :
    "sinceramente ne ha tutto l'aspetto del paese da terzo mondo, favele e jipponi"
    Io mi sono permesso di commentare questa affermazione dicendo:
    "Mi sembra una visione quanto meno superficiale la tua." per non dire semplicistica e generalista.
    Successivamente un Anonimo ha scritto su di me:
    "con persone come marcofalco puoi stare qui a parlare per ore che mai capirà quello che gli stai dicendo - Qui, se c'è un frustrato, è proprio marcofalco che ancora vive in Italia"
    e Marlonbrando di rimando:
    "povero marcofalco ... se non è frustrazione questa.."

    Quindi su di me è stato scritto ESPRESSAMENTE che sono uno stupido frustrato.

    Ora dimmi caro Anonimo delle 18:16, sei ancora convinto che qui nessuno insulta nessuno? Che sono io che non accetto le opinioni degli altri??
    Impara a leggere piuttosto!
    Saluti
    Marcofalco

    RispondiElimina
  43. Per anonimo delle 18.16,ok tutto vero,anche io conosco molta gente che non sa sottrarre 5 da 10,non abbia idea di dove sia l'Italia ecc...ecc..,é capitato anche a me di pagare due medici particular, il primo mi ha detto che il collo non era la sua specializzazione (dopo averlo pagato),il secondo evidentemente dotato di raggi x negli occhiali,mi ha dato la diagnosi senza nemmeno toccare il gonfiore che avevo al collo,ma di contro posso dirti che ho avuto necessità di rivolgermi all'UPA e sono stato trattato meravigliosamente ,visita, diagnosi e medicinali gratis il tutto in mezza ora..Il Brasile è un paese enorme,era 3 mondo 20 anni fà e obbiettivamente oggi sta diventando una potenza mondiale, mi sembra normale che abbia molte disuguaglianze e sicuramente molti problemi da risolvere,ma diamole il tempo.Quello che probabilmente da rabbia a Marcofalco nei confronti dell'Italia, è il continuo e inarrestabile regredire del nostro bel paese tutto sta peggiorando ,economia, sociale,salute insomma tutto,mentre in Brasile con lentezza, con difficoltà con tutto quello che vuoi tu, sta migliorando...il Blog si arricchisce con esperienze ed opinioni...non mente marcofalco....come non mente chi dice che l'istruzione pubblica è da 3 mondo....tutto aiuta il lettore del blog, magari in procinto di trasferirsi.
    Ciao a tutti Giovanni

    RispondiElimina
  44. questa diatriba diventa monotona ma, nello stesso tempo ci aiuta a comprendere sempre più questo "nostro" Brasile.

    Chi, come il sottoscritto, è stato innumerevoli volte in Brasile (io personalmente ho collezionato 107 viaggi nel corsodi 30 anni) di esperienze ne ha vissute tante e, a torto o ragione, s'è creata una propria opinione sul Brasile.

    Io, per esempio, stimo fortemente Henrique Cardoso, ritenendolo il vero artefice del miracolo economico brasiliano.

    Non stimo, invece, Lula che ha avuto il solo merito di trovarsi in groppa ad un cavallo in corsa.

    Lula, per esempio, si è sempre vantato di essere un semi-analfabeta e non di essere partito da tale condizione, semmai iscrivendosi, poi, ad un corso di " Non è mai troppo tardi" ed ecco che ha partorito una prima aberrità . " Fame zero", dimenticando, invece, che avrebbe , in primis, dovuto lanciare la campagna : Ignorancia Zero.

    E poi ecco il programma "Bolsa familha" che ha dato un unico risultato : Nel profondo Nordest ci si adagia sui benefici di questo programma, col risultato che innumrerevoli persone, ivi compresi i miei parenti acquisiti, si guardano bene dal lavorare per non perdere i benefici che derivano da questo programma assurdo.

    Ho solo voluto esprimere alcune mie opinioni, ma sono attento al seguito della discussione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. girava in internet che assime alla evarie bolse famiglia,estudante.. c era anche bolsa ai PRESI,carcerati x la somma di 1700 reais a figlio,non vorrei errare xche ormai passato molto tempo,corruzione,e assalti continui,ma in definitiva tutto il mondo e paese,scusate la mancanza di accenti e apostrofi rs..ma ho la tastiera brasiliane e..che casino kk,non sputiamo nel piatto...sono stato in ospedale qui e sono stato postegiato in BOX35 ,appena sentito bene ,fuggito a gambe levate,ma sono esperienze di vita anche queste! godiamoci il sole,mare e qualche balletto..il resto ai posteri..

      Elimina
  45. Caro Italioca

    benchè concordi con alcune aberrazioni del Programma Bolsa Famiglia ti chiedo : ad una persona affamata del sertao cearense tu cosa avresti dato prima : il pane o un libro ?

    Purtroppo come si dice a Napoli : o sazie nun capisc o riun ( Il sazio non conprende chi è digiuno ) e questo vale in tutti i settori in senso figurato .

    Chi lavora non comprende i problemi del disoccupato ...anzi lo accusa della sua situazione come nel medioevo i malati di certe malattie erano visti come colpevoli e non vittime .

    Cerchiamo pertanto di vedere oltre la punta de nostro naso : non tutto ciò che ci sembra male lo è così come non tutto ciò che ci sembra bene lo è . Vedrai che tra i tanti bambini risparmiati alla morte per fame nel sertao sorgeranno dei futuri uomini e donne di valore . Io ne sono certo perchè questa gente ha un valore che molti di noi hanno perso : l'ingenuità ( www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=19585 )

    RispondiElimina
  46. Salve,
    se lei viene in brasile da 30 anni,pensi al brasile degli anni 80 o solo di 12 anni fà(io vivo qua dall' 87) e valuti le differenze.
    Mi irrita che chiamino lula analfabeta,FHC ha fatto cose importanti,ma,sarò corto e grosso,le politiche del signor lula ci hanno fatto guadagnare un mucchio di soldi!!!basta ipocrisie!!!questo lo capisce anche chi


    gestisce una lanchonete!Non a caso il suo




    maggior elettorato è tra le classi D/E ma anche tra la classe A e A/A/A!!!chi afferma il contrario: o non vive qua, o vive qua non producendo!Di solito sono più flemmatico ma ora stò scrivendo di fretta,scusatemi;Programma assurdo? ma scherziamo?non credo che FHC avrebbe promulgato politiche così radicali di lotta alla miseria...iniziamo a fare in modo che i bambini non muoiano per malattie curabilissime e mandiamoli a (pur deficitaria) scuola,questo significa amare il propio paese!i suoi parenti non vogliono lavorare?casi limite,appunto dovuti all' ignoranza in cui li hanno lasciati e li lasciano tuttora i loro prefetti,in molti interior oltre a prendere il sussidio si fà un pò di bracciantato agricolo e qualche lavoretto in nero...oltre al posto in prefeitura non c' è altro...Ci stiamo cambiando opinioni ma se la lotta(reale e efficace)alla miseria la chiama politica assurda,anche lei,,come molti italiani che ogni tanto vedo in giro,viene qua in vacanza,ci prende moglie,ma non ama questo popolo e questo paese.Se lula non ha la laurea non mi importa,anche se mi piacerebbe conoscere il titolo di studio di coloro che lo additano analfabeta,questo sì!ma il titolo di studio non determina l' intelligenza di una persona,o non ne è l' unico fattore:le politiche economiche di questo signore hanno avuto eccezionali riscontri:chi è qua da pochi anni forse non è conscio del passato...e poi,ripeto,GUARDIAMO ANCHE AL NS CONTO IN BANCA,non parliamo solo di lotta alla miseria!!!Quello che non và bene sono le politiche sulla sicurezza(leggi iper garantiste,peggio che in europa:assassini a piede libero,minorenni pluriassassini a piede libero grazie all' estatuto sulla criança e sull? adolescente) e le politiche ambientali,anche se sull' ambiente è stato fatto più di molti altri paesi occidentali,ma non basta.
    HO scritto un pò di fretta,ma devo chiudere,
    vi ringrazio

    RispondiElimina
  47. mi aspettavo delle reazioni al mio intervento e innanzi tutto faccio rilevare che è Lula stesso che si è vantato di essere semi-analfabeta.

    Io, personalmente, non l'ho mai affermato.

    Ma, proprio dagli interventi sul sito si evidenzia quanto sia basilare la istruzione in un popolo.

    L'assistenzialismo non paga, e ne è evidente la crisi mondiale nella quale viviamo

    Solo responsabilizzando la popolazione, si può ottenere che la si liberi dalla fame, e questo può avvenire soltanto attraverso la istruzione.

    Potrà sembrare crudele il concetto, ma ritengo che chi amministra un popolo, più che all'oggi, deve guardare al futuro

    RispondiElimina
  48. X Italioca,
    a me non risulta che Lula si sia mai "vantato" di essere semi-analfabeta bensì che abbia risposto con una battuta a chi, come ad esempio Caetano Veloso in campagna elettorale, lo ha definito tale. Mi risulta che la famiglia non ebbe la possibilità di dargli un'educazione degna di un futuro presidente e quindi lasciò la scuola alla quarta elementare. La sua vita lavorativa iniziò a soli 12 anni come lustrascarpe e venditore di strada. A 14 anni trovò il suo primo lavoro regolare in una fabbrica di lavorazione del rame, quindi proseguì gli studi fino al diploma di scuola secondaria.
    Anche Marina Silva, che io stimo, ad esempio non mi sembra che abbia mai fatto mistero del proprio analfabetismo giovanile e delle proprie umilissimi origini. Ma questo che significa?
    Correggimi se sbaglio ovviamente.
    Inoltre vorrei che ci spiegassi meglio la tua equazione assistenzialismo : crisi mondiale, perchè non l'ho capita.
    Vuoi forse dire che la crisi mondiale attuale è dovuta al troppo assistenzialismo? Proprio quando tutte le trite ricette liberiste di taglio del welfare pubblico in atto in tutti i Paesi occidentali si stanno dimostrando inutili e controproducenti?
    Anche qui a me risulta, salvo errore, che attraverso il programma Bolsa Familia più di 11 milioni di famiglie con figli a carico (per un totale di 46 milioni di brasiliani) hanno beneficiato di contenuti aiuti economici con l'impegno di mandarli a scuola e fare controlli medici regolari.
    Poi ovviamente sappiamo tutti che in merito a scuola e sanità pubblica in Brasile si sarebbe dovuto e potuto fare di più. Tutto è perfettibile.
    Ricordo però che quando fu eletto Lula nel 2002 si era all'indomani del default argentino e tutti scommettevano anche sul default brasiliano. Lula preferì invece rimborsare integralmente l'ingente debito estero esistente, ingraziandosi i mercati finanziari ed i suoi ricchi partecipanti ma penalizzando così le risorse finanziarie pubbliche (enormi) che sarebbero invece state utili per maggiori investimenti sociali su scuola, sanità, sicurezza ed infrastrutture.
    Marcofalco

    RispondiElimina
  49. Ma chi vive in Brasile da tanti anni non si ricorda che la bolsa familia l'ha istituita FHC e Lula la' critico' aspramente??
    Il debito estero che esisteva lo ha girato come debito interno ma a un tasso di juros ben superiore!!

    RispondiElimina
  50. Ciao Anonimo

    quoto Wikipendia

    " O Programa Bolsa Família (PBF) é um programa de transferência de renda com condicionalidades criado pelo Governo Lula em 2003, para integrar e unificar ao Fome Zero os antigos programas implantandos no Governo FHC: o "Bolsa Escola", o "Auxílio Gás" e o "Cartão Alimentação".
    Foi considerado um dos principais programas de combate à pobreza do mundo, tendo sido nomeado como "um esquema anti-pobreza inventado na América Latina (que) está ganhando adeptos mundo afora" pela britânica The Economist. Ainda de acordo com a publicação, os governos de todo o mundo estão de olho no programa..[2][3] O jornal francês Le Monde reporta: "O programa Bolsa Família amplia, sobretudo, o acesso à educação, a qual representa a melhor arma, no Brasil ou em qualquer lugar do planeta, contra a pobreza."[1]

    RispondiElimina
  51. Salve,
    Caro 8 aprile mi hai anticipato!ma alèm delle riconoscenze(e le emulazioni) che hanno riscontrato queste politiche nel mondo,quel che conta è vedersi in giro,e ripeto,fare un paragone col passato,come gia scrissi.I programmi di FHC in realtà non hanno avuto tutta questa incidenza reale,intendo che poi di fatto ne è stata realizzata una parte minima,col governo lula TUTTI ne accedono,e chi non manda i figli a scuola non riceve più!Sempre valutando i pro e i contro,quanto stà investendo questo governo nella ricerca e nelle università?se avete voglia andate a

    documentarvi...e fate un parallelo con quello

    che investono nella ricerca i governi
    italiani...Lula è un grande comunicatore,come berlusconi in europa,sà cosa deve dire all' interlocutore ogni volta,per ciò le sue "parabole calcistiche",il vantarsi di non avere un percorso lineare di studi,ed altre uscite,a me almeno,indisponenti,poi nei fatti,io ritengo,è stato un grande presidente che,e anche qua mi ripeto,ha beneficiato tutti,credo che molti di voi qua guadagnino bene,se le cose girano bene,girano bene per tutti,su questo siamo d' accordo tutti spero...HO già scritto che buona parte della classe A lo vota,poi lui le chiama "elites" per quello che ho scritto sopra,ma tutti stiamo beneficiando di un buon governo...
    Sulla sicurezza,tema per me importante,ho già scritto cosa ne penso...
    Le mie ferie italiane sono quasi al termine,avrò meno tempo per seguire il blog ma vi ringrazio

    RispondiElimina
  52. X Anonimo delle 15:37,
    Il debito pubblico complessivo brasiliano è costantemente diminuito dal 2002 ad oggi passando da oltre il 60% del PIB ad un 42/45% attuale.
    Caratteristica dei BRIC è proprio quella di avere debiti pubblici contenuti (India a parte) e ingenti riserve valutarie, per questo non è più necessario nè conveniente emettere titoli di debito in dollari.
    In merito al tasso di juros, ricordo perfettamente che già nel 2000 nelle banche italiane vendevamo titoli di stato brasiliani con cedole superiori al 12-14% annuo.
    Marcofalco

    RispondiElimina
  53. Ciao Antonio
    Io quoto youtube:
    http://www.youtube.com/watch?v=khrWYPd3hRQ
    Il primo che ho trovato, poi c'e' pure quello dove Lula diceva che con la
    "bolsa familia" ..deixam de plantar macaxeira..

    RispondiElimina
  54. Ciao a tutti
    oggi sono stato presso la policia federal a Piracicaba (SP) e mi è stata negata la proroga, mi è stato detto solo per gli italiani e presumibilmente per il caso Battisti.

    Luca

    RispondiElimina
  55. Grazie Luca

    per la tua testimonianza .

    RispondiElimina
  56. salve vorrei sapere se qualcuno di voi sa se l'applicabilita' di questa nuova norma decorra da luglio 2011 oppure è estesa a tutto l'anno 2011 ? Mi spiego meglio: chi nel 2011 ha gia' trascorso 90 giorni in Brasile puo' tornare quest'anno oppure no ? Grazie Arturo

    RispondiElimina
  57. In risposta all'anonimo delle 11.41 mi risulta che la Polizia Federale di Fortaleza come anche altre di altri Stati, considerano nel conteggio dei 90 giorni anche tutti quelli che si sono gia' usufruiti nel corso del 2011 e non solo a partire da luglio.
    Purtroppo e' una amara constatazione per tanti italiani che devono immediatamente lasciare il Brasile avendo gia' superato questa soglia.
    Chi nel tempo ne fara' le spese sara' lo stesso Brasile in quanto un italiano non e' incentivato per esempio a comprare qui un immobile sapendo che lo puo' abitare direttamente soltanto per 3 mesi all'anno.
    Tutto questo grazie al sig. Battisti che se la gode alla grande qui con elargizione del visto permanebte da parte del governo brasiliano.
    Questo e' il risultato di quando la demagogia prevale sul buon senso.

    Michele di Fortaleza

    RispondiElimina
  58. Ciao Michele

    purtroppo , oltre a non comprare immobili che comunque non compravano tutti , i turisti italiani passeranno invece molto meno giorni in Brasile .Io avevo dei clienti abituali che hanno dovuto lasciare l'appartamento e rientrare mentre altri non sono potuti venire perchè hanno già superato o quasi i 90gg .

    Insomma danni economici per coloro che vivevano di turismo italiano ... per non parlare delle " signorine di programma " !!

    RispondiElimina
  59. cetto che con il real basso e questa storia dei 3 mesi non piu prorogabili chi ha appartamenti da affittare o si rivolge prevalentemente a turisti italiani si trova in difficolta! E come va con il turismo brasiliano? Vorrei sapere per chi lavora nel settore se ce' la possibilita' di puntare esclusvamente su di esso e quali sono le differenze maggiori tra il turista straniero e quello " locale" (molti dei quali provengono specialmente d estare dal sud del Br)
    Un abbracio a tutti
    miki

    RispondiElimina
  60. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  61. Ciao Miki

    certo che vale la pena puntare sul turismo brasiliano senza ovviamente escludere quello straniero . La differenza maggiore ? Non parlano italiano :)

    RispondiElimina
  62. Cari italiani , che ancora pensate che il Brasile e' solo favelas e ricchi , venite a vivere il vero Brasile dove c'e' allegria , felicita e ricchezza , dove il governo investe soldi veri per aiutare i poveri , dove il codice fiscale funziona, dove si vive meglio che in Italia dove un Primo Ministro Craxi e' fuggito in Africa , dove ce la piu' grande evasione , dove sta' arrivando la FAME.

    RispondiElimina
  63. Caro Anonimo delle 8:46

    ho pubblicato il tuo commento solo per chiederti di chiarire meglio il concetto ...

    RispondiElimina
  64. Ho bisogno di informazioni urgenti.
    io e mio marito (italiani entrambi) siamo stati in Brasile 26 giorni in gennaio e ora ci torno per 6 mesi dal 10 di ottobre al 12 aprile.
    Non sapevo nulla dei 90 giorni non prorogabili.
    I biglietti per me e mio marito li ho comprati prima della legge in oggetto.
    Ora che posso fare ? sul sito del consolato di Milano resta ancora la possibilità per 180 giorni...

    RispondiElimina
  65. Ciao Mary

    non preoccuparti la legge NON è retroattiva pertanto potrai entrare in Brasile ma potrai restarci LEGALMENTE solo sino al termine dei 90 gg .

    RispondiElimina
  66. ok puoi consigliarmi il da farsi

    www.ratravelbrasil.com

    grazie

    RispondiElimina
  67. Ciao Ottoaprile io ho lo stesso problema di Mary. Sono stato in Brasile 22 giorni a marzo 2011, 22 giorni a maggio 2011 e 43 a luglio-agosto 2011 per un totale di 87 giorni. Non sapendo della restrizione ho prenotato 30 giorni ad ottobre 2011. Cosa posso fare adesso??

    RispondiElimina
  68. Chi può darmi delle lucidazioni???siamo sicuri,che la legge non venga messa in atto da luglio 2011 e non da gennaio 2011?all'arrivo in aeroporto ti mettono il timbro inderogabile dei 90 giorni.e fino a luglio nessuno che sia entrato prima ha questo timbro sul passaporto!!. io ho già passato gennaio e febbraio 2011,e ho già il biglietto per i primi di novembre.potrò entrare in brasile? GRAZIE

    RispondiElimina
  69. X Anonimo delle 16:16
    io sono entrato ad agosto e non mi hanno messo nessun timbro inderogabile dei 90 giorni. Forse la PF di Salvador all'epoca ancora non si era organizzata? Comunque la nuova norma è chiara, ora si contano i giorni di presenza turistica negli ultimi 365. Se negli ultimi 12 mesi ne hai passati già 3 in Brasile ti dovrebbero (il condizionale è d'obbligo) respingere. Quando arriverai ai primi di novembre 2011 andranno a controllare quanti giorni di presenza hai già fatto a partire dagli inizi di novembre 2010 sul computer dove veniamo tutti registrati quando passiamo la frontiera.
    saluti
    Marcofalco

    RispondiElimina
  70. Da fonti certe della Policia Federal Sezione Immigrazione.

    "Esse prazo anual é contado da primeira entrada no Brasil identificada no Sistema de controle da Polícia Federal.
    A partir dessa data, Vocè readquire, o direito ao prazo máximo permitido para a sua nacionalidade que, atualmente, repito, é de 90 dias.

    Quindi il conteggio dei 90 giorni parte dalla prima entrata che figura sul passaporto e da quella data parte il conteggio dei 90 giorni ogni anno.

    RispondiElimina
  71. Salve...mi sapreste dire cosa succede se si supera la soglia dei 90 gg?? Il ritorno in Brasile dopo quando tempo sarà possibile? Grazie. Lorenzo

    RispondiElimina
  72. io ho fatto quest'anno 3 mesi , poi ho aspettato 180 gg. ho preso ora un biglietto per Salvador di 20 gg , ma alleeroporto di venezia non mi hanno fatta partire dicendomi chevo g io aveià fatto 3 mesi in brasile e ora devo aspettare l'anno prossimo !
    ha ha ..
    arianna

    RispondiElimina
  73. Ciao, volevo sapere se ci sono notizie riguardo al ripristino dei 180 giorni.ho letto che si sta muovendo qualcosa,e che sia l'on.porta ad occuparsene.come posso fare per avere delucidazioni?visto che ho casa a salvador,e solitamente ci passo 6 mesi l anno e ora sono in procinto per la partenza!

    RispondiElimina
  74. Ciao Anonimo

    il post è vecchio ! Dal 24 Ottobre l'Italia , assieme alla Francia ha ottenuto che il visto turistico fosse di 90 gg a semestre ovvero 180 in un anno anche se non consecutivi .

    RispondiElimina
  75. Ciao Ottoaprile,
    ti sto scrivendo in questo momento da Trancoso, Bahia, dove insieme al cugino abbiamo per il momento affittato una pousada.
    Sono arrivato in Brasile il 7 luglio e alla scadenza dei tre mesi mi sono presentato alla polizia federale per rinnovare gli altri 90gg, la sorpresa è stata enorme quando la signorina mi ha mostrato il foglio dove veniva indicato l'Italia come unico paese a cui non era possibile il rinnovo. Alla domanda e se rimango di più cosa succede, la signorina mi ha spiegato che ce solo da pagare una multa di mais o meno 4€ al giorno di permanenza in più...non so quanto sia vero. Dalla tua ultima risposta invece sembra che tutto sia stato ripristinato cioè, 6 mesi l'anno e solo tre mesi di attesa per ritornare...è corretto? Dove posso trovare info dettagliate per tornare a dormire sogni tranquilli visto che la nostra intenzione era di fare le cose il più regolari possibili.

    Grazie e complimenti

    Stefano

    RispondiElimina
  76. Ciao Stefano

    se leggi il post è riportato il link dove trovi gli aggiornamenti UFFICIALI sul visto turistico per TUTTI i paesi . L'ultimo annuncio è del 22 Novembre del 2011 :http://www.portalconsular.mre.gov.br/antes/quadro-geral-de-regime-de-vistos-1

    oramai lo avrò scritto una decina di volte . Questa è veramente l'ultima .

    RispondiElimina
  77. Ciao Ottoaprile, mi sapresti dire qualora superassi i 3 mesi di soggiorno cosa succederebbe? Oltre alla multa, è previsto l'impossibilità di rientrare entro un "x" periodo? Grazie mille! Buon Natale e felice 2012! Lorenzo

    RispondiElimina
  78. Ciao!Sai per caso se si può estendere il visto di tipo IV, cioè per studio?

    RispondiElimina
  79. Il Brasile non è solo Rio o Nordeste, ma anche Brasilia, San Paolo, Tocantins, Espirito Santo, Porto Alegre, Curitiba (una delle migliori e più ricche città del mondo). Non so perché ma ogni volta che aprono qualunque discussione sul Brasile si parla sempre di favelas, Nordeste, e cose del genere. Per chi ha parlato delle scuole brasiliane: ho studiato in Brasile a Brasilia e la mia preparazione mi ha portato a pari livello rispetto ai miei compagni alla Sapienza. L'unico mio problema è stato ovviamente con l'italiano anche se mio padre che è veneto me lo ha insegnato (più che altro il dialetto veneto). Comunque come amo tanto l'italia quanto il Brasile trovo di cattivissimo gusto quando leggo certi discorsi sul Brasile. Li c'è una ormai estesa classe media che vive dignitosamente. Credo che il Brasile è andato avanti economicamente e non solo perché molti brasiliani si sono rotto le palle dagli stranieri che voglio sempre e comunque imporre la sua visione su quel che è giusto, e anche da una vecchia mentalità buonista cattolica ovvero che basta dare un piccolo aiuto "riso, fagioli e gas" per accontentare a tutti. Oggi il brasiliano vuole di più. Il problema principale in Brasile: gli ospedali pubblici... anche se ci sono alcuni di primo mondo (il sarah kubitschek in Brasilia ad esempio) tanti altri sono terribili e quindi molti sono costretti ad avere l'assicurazione privata.
    Anna Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna Maria

      sul Brasile sfondi una porta aperta con me che ci abito da 8 anni e che , nonostante tutto amo il Nordeste . Rinnegarlo sarebbe un errore perchè è ricchissimo di cultura ... non tecnologia ma cultura umana . Il problema principale del Brasile comunque non sono gli ospedale e nemmeno la violenza . A mio parere è l'educazione scolastica ( scuola pubblica ) che forma gli individui che miglioreranno la società di domani .Tutto il resto è una conseguenza . Su questo argomento io vedo molte parole e pochi fatti . Tanto per dirne una si è appena concluso lo sciopero dei professori dello Stato di Bahia che durava da oltre 100gg !! Chi vuoi che ripagherà questo divario di 100 gg che marcherà per sempre questi studenti ? Il tempo è l'unica risorsa che non si può comprare .

      Elimina
  80. appena oggi sono stato alla polizia federale in salvador, chiedendo un prolungamento del visto mio turistico che scade il 17 settembre prossimo dato che ad ottobre mi sposo qui in salvador per viverci ed ho gia fatto le pubblicazioni, mi e stato risposto dal funzionario (in modo molto brusco e maleducato) che per gli italiani ed i francesi non ce nessun prolungamento per tutti gli altri si!!!....e che se non volevo rimanere illegale in brasile dovevo andare via, oppure pgare una multa di 8,50 reias al giorno a a partire dalla scadenza del mio visto fino all´avvenuto matrimonio che signfica questo??? cosa bolle in pentola?? per essere trattati cosi....ho visto che ultimamente i rapporti italo-brasiliani che qualche tempo fa erano idilliaci si sono logorati causa Battisti o cosa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se avessi letto il Blog con attenzione sapresti che da oltre un anno il visto turistico è modificato da tre mesi + tre di proroga a tre mesi a semestre . Alla fine hai sempre 90gg all'anno ma NON possono essere consecutivi . Nel tuo caso ti conviene restare e pagare la multa alla fine . Si tratta di R$ 8,5 al giorno con il limite di R$850 ( se resti 200 gg paghi sempre R$ 850 ).
      Sarà stato anche maleducato il funzionario ma ti ha dato un consiglio ed una informazione preziosa . Io non avrei mai detto che potevi sposarti da illegale !

      Elimina

Lasciate qui un vostro commento