venerdì 26 agosto 2011

Vivere in Brasile : le vostre storie /9




( Vista della città di Natal vista dal mio ufficio nella Rua Romualdo Galvao  nel quartiere Tirol ) 



Alcune volte mi chiedo perchè perdo 4 ore al giorno e qualche volta anche di più per tenere questo Blog che economicamente non paga nemmeno i costi , modestissimi , del dominio Google .Poi arrivano lettere come quella di Vincenzo e mi rendo conto che non posso smettere . 


Grazie a te , Vincenzo . 




Ciao Antonio, complimenti per il tuo blog e per le tue dritte e informazioni,che per chi volesse cominciare da zero passerebbero anni per ottenerle,hanno fatto molto comodo anche a me che vivo a Recife da ormai 3 anni.
Dopo una settimana che arrivai come turista conobbi Raphaela la mia attuale moglie e madre di mia figlia,una ragazza d'oro che a quel tempo era all'inizio della facoltà di diritto e a cui oggi mancano 3 semestri per laurearsi.La madre aveva ,ed ha ancora,un atelier di enxovais para bebè e per cominciare un negocio e restare quà in brasile lei aaccettò la mia proposta di aumentare il volume di affari.
Lasciai il mio lavoro in Italia di responsabile alla logistica nella Ferrero a Roma e mi trasferì nell'incredulità totale di famiglia e amici.Comunque le cose sono andate bene,subito recuperai il piccolo capitale che investii ma avevo bisogno di cominciare qualcosa da solo.Fortunatamente gli studi in economia aziendale che ho fatto in italia mi sono serviti per avere una visione di quello che chiedeva e offriva il mercato e con il mio piccolo capitale mi lanciai in un settore che era a me completamente sconosciuto:la costruzione civile.
In poche parole sono venuto a conoscenza del programma abitazionale minha casa minha vida e comprai un lotto a Carpina,città a 55 km di Recife,e cominciai a costruire una casina.Misi insieme tutto:architetto,ingegnere,manodopera e materiale,cominciò una burocrazia che passa per prefetura,crea,cartorio,receitae e caixa economica e a metà dell'opera cominciarono ad arrivare persone interessate e fortunatamente prima di terminare la prima casa già avevo il cliente per quella e per le 2 successive che feci. Le case sono di 80m2 1 suite+2 quartos,sala cozinha e area di servico,+ che dignitose e le vendo a r$ 80.000.
Dopo comprai un terreno + grande dove sto facendo un condominio "popolare".A parole potrebbe sembrare facile ma nonostante i "guaranà" per accellerare i processi e a parte tutti i furbi che ho incontrato lungo il cammino ci sono state anche delle pretese del governo e della caixa che ci hanno messo il bastone tra le ruote,ma piano piano sto terminando.


Ti scrivo tutto questo perchè a me e mia moglie non piace + vivere a Recife,lavorando e avendo a che fare con le persone del posto vediamo un popolo molto individualista e da un pò di tempo,anche notando il grado di soddisfazione tuo e degli altri che ci vivono,abbiamo pensato seriamente di trasferirci a Natal che abbiamo visitato solo per 2 giorni ma che a noi è sembrato un mondo completamente differente rispetto a Recife.
Problemi con l'università nn ci sarebbeo perchè la Mauricio de Nassau sta anche a Natal ma i miei dubbi era sulla possibilità di continuare a costruire visto che ormai conosco tuto l'iter oltre ad essere a disposizione di un equipaggiamento e di un pò di esperienza che sto accumulando in questo cantiere.In pratica ti chiedo:ci sono lottizzazioni dove è possibile costruire casine o piccole villette a schiera con il discorso minha casa minha vida?


Mi sto rendendo conto che sono partito troppo da lontano per farti questa domanda ma ti volevo far capire la mia reale situazione,nn sono un ricco,sono solo con mia moglie e la bambina,sono partito da pochissimo e ho creato qualcosina,volevo sapere se vale la pena tentare a cercare un tenore di vita che + si avvicina alle nostre esigenze o arrangiare un altro pò da queste parti e poi vedere cosa fare.Magari avessi incontrato una persona come te o il tuo blog un pò prima,avrei avuto risposte + rapide ed esaustive alle tante cose a che si affrontano tutti i giorni stando lontani da casa.So che questa storia potrebbe nn interessare alle persone che ti seguono ma per me sarebbe importante il tuo parere.Grazie per l'attenzione


Vicente77

4 commenti:

  1. Ciao Vicente77, ti scrivo qui in modo che Anto possa girare il messaggio visibile a tutti senza passare direttamente dalla sua mail e chiedere la tua mettendolo in difficoltà.
    A ottobre sarò a Natal, dal 77 ipotizzo sia la tua data di nascita ...io sono un 76 ... come te lascio posto fisso ( Responsabile Qualità ) in uno stabilimento alimentare e una piccola attività che cercherò di riproporre a Natal.
    Ho fatto richiesta del visto permanente che a giorni dovrebbe arrivare e ho investito con mia moglie nel progetto m.c.m.v. Diciamo che per ora i miei primi passi sono identici ai tuoi e leggerti mi ha rassicurato un pò. Vorrei chiederti se puoi girarmi la tua mail; ho alcune cose da chiederti. La mai mail è andrinell69@alice.it
    Andrea ...per gli amici del blog Andrè

    RispondiElimina
  2. Ciao Vincenzo, sono contento che stai riuscendo ad andare avanti con il tuo progetto. Il mese prossimo anche io apriro' una piccola ditta che si occupera' della costruzione di piccole villette(80-120 metri quadri)poco fuori Rio de Janeiro. Mi piacerebbe entrare in contatto con te per chiederti qualcosa in piu' riguardo la tua esperienza. la mia mail guido@ciaoplanet.com o skype:ciaoplanet
    grazie

    RispondiElimina
  3. Vedo con piacere che la storia di Vincenzo accomuna molti di noi.
    Ho 46 anni ed anche io ho deciso di lasciare un posto da funzionario di banca, dopo 25 anni di carriera, ed una casa di proprietà a Roma per aprire un'impresa di costruzioni e un bar a Salvador, cuore nero del nordeste. Inutile parlare dello stupore e dell'incredulità di parenti ed amici italiani.
    L'idea è quella di costruire un condominio residenziale di 8 appartamenti ma non con il progetto m.c.m.v.
    Tante le difficoltà e le lungaggini burocratiche ma nulla che non si risolva.
    Pazzia? Forse ....
    Motivo? Certo non per diventare ricchi ...
    Anche a Salvador si inizia a parlare di speculazione e bolla immobiliare perchè si è costruito e si continua a costruire tantissimo ma, valutando bene la tipologia di immobile da costruire e le zone, io credo ci siano buone possibilità di riuscita.
    In bocca al lupo a tutti noi !
    Marcofalco

    RispondiElimina
  4. Salve a tutti, anche io come altri sono stufo dell'italia e dei suoi problemi, ed ho letto da più parte che investire nel progetto minha casa minha vida in brasile può essere una buona opportunità di lavoro, saprete darmi delle dritte su come muovermi a riguardo?

    Grazie anticipatamente

    RispondiElimina

Lasciate qui un vostro commento