Home Vivere in Brasile Brasile : dalla mancanza di istruzione nasce la diseguaglianza

Brasile : dalla mancanza di istruzione nasce la diseguaglianza

8
12
CONDIVIDI

Concordo perfettamente con le conclusioni di questo articolo , tra l’altro anche ben documentato .L’istruzione è veramente il problema primario del Brasile , senza la quale una delle principali risorse del Paese , il suo popolo , sarà sempre sottovalutata . 

Nonostante il Brasile sia uno dei Paesi più ricchi al mondo di risorse naturali, uno degli aspetti più marcanti della società brasiliana è la stridente disuguaglianza tra i vari ceti. Per un processo storico che affonda le sue radici nei secoli passati, la ricchezza si concentra nelle mani di una ristrettissima elite di proprietari terrieri ed industriali che agiscono da lobbisti nelle più alte sfere del potere economico e politico.

Tuttavia, i due recenti governi di Luis Inacio Lula da Silva hanno provato (in molti casi con esiti positivi) ad intaccare tale sistema consolidato che costringe milioni di brasiliani ad una vita povera o addirittura miserabile .


Quello che però manca, affinché il Brasile possa intraprendere un cammino di sviluppo sociale di lungo periodo è l´investimento massiccio nel settore dell´istruzione, ad oggi considerato uno dei peggiori al mondo dalle organizzazioni internazionali: l´Unesco ha stimato che il Brasile raggiungerà livelli pari a quelli dei Paesi più avanzati del mondo, di questo passo, solamente nel 2036.

Certamente non mancano le eccezioni, come nel caso dell´Universidade de São Paulo che il QS World University ranking ha appena collocato al 169º posto, davanti perfino alla prima italiana in classifica, la storica Università di Bologna (183ª). In appena un anno, la USP ha scavalcato ben 84 posizioni dopo che il suo rettore ha annunciato di voler internazionalizzare l´istituzione grazie alla costruzione di 300 nuovi alloggi dedicati esclusivamente agli studenti stranieri.

Se l´università avanza, però elementari, medie e superiori rimangono ancora molto carenti. Del resto il sistema scolastico brasiliano è abbastanza peculiare: le università pubbliche, come quella di San Paolo, sono nella maggior parte dei casi di livello nettamente superiore rispetto alle private. Essendo gratuite e di buona qualità, accedervi è molto difficile: pochissimi posti sono disputati ogni anno da migliaia di studenti che devono affrontare durissimi test d´ingresso.

Al contrario, la scuola pubblica dell´obbligo è di pessimo livello e chi se lo può permettere paga tasse molto alte per mandare i propri figli negli istituti privati. Il risultato è il consolidarsi dello status quo: i ricchi fanno studiare i figli nelle migliori scuole del Paese, mentre le classi meno abbienti rimangono ferme al palo. Se l´ascensore sociale negli ultimi 10 anni ha ricominciato a funzionare lo si deve solamente alla forte ripresa economica che ha permesso a milioni di brasiliani di entrare nel mercato del lavoro, sebbene privi della qualificazione professionale necessaria proprio per le carenze del sistema scolastico.

Per sopperire al problema, negli ultimi anni il governo dello Stato di São Paulo (che dovrebbe essere preso a modello dagli altri 26 Stati della Federazione) ha cominciato ad investire massicciamente in centinaia scuole tecniche ETEC e in facoltà di tecnologia FATEC.

Tuttavia, molte aree del Paese, soprattutto nel nordest, rimangono in condizioni di estrema arretratezza culturale. Gli ultimi sondaggi, realizzati nel 2007, evidenziano come la tassa di analfabetismo totale si aggiri intorno al 10% della popolazione (circa 14 milioni di persone), mentre l´analfabetismo funzionale (cioè di chi sa leggere, ma senza comprendere il testo o che non sa svolgere semplici operazioni matematiche) supera il 20%. Addirittura alle spalle di Bolivia e Paraguay, i paesi più poveri dell´America meridionale.
Fonte : Andrea Torrente  corrispondente da San Paolo  di Articolotre 
CONDIVIDI
Articolo precedenteLa scommessa
Prossimo articoloIl cambio OANDA

12 Commenti

  1. A proposito di istruzione, mi chiedono se è possibile in qualche modo equiparare i nostri diplomi (ragioniere/geometra ecc) ossia per renderli utilizzabili nel mondo del lavoro brasiliano o per iscriversi alla Università brasiliana ?
    grazie

    Mary

  2. io per il momento sto' facendo validare il diploma di maturita' scientifica in quanto e' uno dei documenti che devo presentare per ottenere il patentino di agente immobiliare(creci). dopo febbraio tentero' di far validare anche la laurea in scienze politiche. vi faro' sapere

  3. Con sei mesi di Brasile e con un figlio in età di scuola dell'obbligo, già posso sottoscrivere tutto che è scritto nell'articolo ed anzi posso dire che molti dei problemi sociali di questo stupendo paese sono dovuti proprio alla mancanza di cultura di base

    Marcello

  4. Salve Antonio,
    io ho un diploma in Elettronica e Telecomunicazioni. Vorrei iscrivermi nell'Università Federale di Manaus(ufam), mi è sufficiente il diploma italiano ?
    Hai dei consigli da darmi.
    Comunque grazie, fai un lavoro utilissimo a tutti,e i tuoi articoli sono frutto di un ragionamento equilibrato e mai di parte.

    Andrea.

  5. Salve,
    Questo é il contenuto del pdf che ho, é per l' anno 2010 e vale per la UFRN(Universidade do Rio GRande do Norte);
    DEPARTAME TO
    DE
    ADMI ISTRAÇÃO
    ESCOLAR

    EDITAL
    PARA
    RECEBIME TO
    DE
    SOLICITAÇÃO
    DE
    REVALIDAÇÃO

    DE
    DIPLOMAS
    DE
    GRADUAÇÃO
    PARA
    O
    A O
    DE
    2010

    2.1.4 Na data agendada, o interessado deverá entregar os seguintes
    documentos:
    2.1.4.1 Diploma objeto da revalidação;
    2.1.4.2 Histórico escolar do curso contendo carga horária ou conversão para
    esta em caso de sistema de contabilização diverso;
    2.1.4.3 Comprovação de reconhecimento do curso pelo órgão competente
    do país emissor do diploma, atestando ser curso superior;
    2.1.4.4 Programas de todas as disciplinas e outros componentes curriculares
    cursados, autenticados pela instituição de origem;
    2.1.4.5 Documento de identidade; 2.1.4.6 Certidão de nascimento ou casamento;
    2.1.4.7 Prova de estar em dia com as obrigações relativas ao serviço militar
    para os candidatos brasileiros;
    2.1.4.8 Certidão de quitação eleitoral obtido no sítio http://www.tse.gov.br ou
    emitida pelos órgãos da Justiça Eleitoral para os candidatos brasileiros;
    2.1.4.9 Certificado de naturalização (quando for o caso);
    2.1.4.10 Cópia autenticada do passaporte, comprovando visto no Brasil,
    para os estrangeiros.
    2.1.4.11 Procuração particular, se for o caso.
    2.1.4.12 Certificado de proficiência em língua portuguesa CELPE-BRAS,
    para os estrangeiros, exceto para os naturais de países cuja língua materna
    seja o português.
    2.1.4.13 Comprovante de pagamento da taxa de inscrição no valor de R$
    500,00 (quinhentos reais), depositado na conta única do Tesouro Nacional
    em qualquer agência do Banco do Brasil. Código 1: 1531031523428883-7 e
    código 2: CPF do declarante
    2.1.4.14 Requerimento de inscrição devidamente assinado.
    2.2 Para os demais cursos: o interessado deverá agendar na Divisão de
    Registro e Expedição de Diplomas do Departamento de Administração
    Escolar da UFRN, no endereço Campus Universitário – Reitoria – DAE,
    Bairro Lagoa Nova, Natal RN, CEP 59078-970, ou mediante telefone pelo
    número (84) 3215-3220, e, na data agendada, entregar os documentos
    descritos nos sub-itens 2.1.4.1 a 2.1.4.14, em sistema de fluxo contínuo.
    § 1º. Os documentos descritos nos sub-itens 2.1.4.1 a 2.1.4.4 devem ser
    autenticados pela autoridade consular brasileira no país de origem.
    § 2º. Os documentos emitidos em língua estrangeira deverão ser traduzidos
    para a língua portuguesa por tradutor público juramentado, sendo
    dispensada a tradução de documentos emitidos em língua espanhola.
    § 3º. Todos os documentos devem ser apresentados em original e cópia,
    todos e de uma só vez, ressalvada a hipótese do parágrafo seguinte.

    Salvatore

  6. Molto mirato l'articolo e perfettamente rispondente alla realtà. Anch'io penso che l'educazione sia il primo problema in Brasile. Domenica scorsa su Globo hanno passato un reportage sugli errori degli infermieri e c'è da inorridire (ma la colpa non è dei singoli, mentre mi pareva che il taglio del servizio non fosse decisamente contro il sistema, come dovrebbe essere, ferma restando la responsabilità personale)
    Sto tentando di validare la laurea, se e quando ci riuscirò (o no) lo posterò sul blog!
    Francesco

  7. Anche io mi porterò la mia, ma sinceramente vorrei sapere se c'è qualcuno che è riuscito a validarla e ancora più importante è riuscito a sfruttarla. Dico questo perchè ho la strana sensaz. che noi laureati europei non siamo ben visti ..altrimenti ci sarebbero siti dove poter scaricare l'iter burocratico e sicuramente senatori come Anto e Marcof. avrebbero delle dritte o ci sarebbero già riusciti ( ..puoi far validare la laurea ma è un processo così complesso che al momento non conosco nessuno che lo abbia portato a termine . Se qualcuno lo avesse fatto è invitato ad intervenire .)

    . Come dicevo io la porto ma sinceramente come ultima spiaggia ..come un di più ..al bisogno ecco .. anche perchè non mi sono licenziato da un posto fisso di responsabilità e discretamente pagato in Italia per andare in un altro paese a cercare il medesimo lavoro, rifare la gavetta ecc ecc … personalmente vedo nel brasile opportunità imprenditoriali che l'Itlia aimè o non è stata in grado di darmi o ha chiesto troppo per lasciarmele fare…. cmq se qualcuno scoprirà come fare sarò lieto di apprendere le metodiche e provvedrò a validarla .. un bocca in lupo a tutti.Andrè

  8. Io sono diplomato dal 2007 al liceo scientifico di Napoli; è da appena un mese che sono iscritto in una università particular de Belo Horizonte chiamata PROMOVE e sto facendo il corso administraçao de empresas e mi sta piacendo.

    Beh è bastato solo il mio diploma, riconosciuto al consolato di Roma e basta.

  9. Ciao,

    si si è riconosciuta. Prima di fare il vestibular mi sono informato su quali corsi erano riconosciuti e quali no. Beh io ho fatto il vestibular per SISTEMAS PARA INTERNET tecnologo dell INFORIUM di belo horizonte (anke esso riconosciuto e consigliatomi da un italiano ke lavora all'IBM) purtroppo pero' la classe no si è formata, cosi ho certcato sul sito del MEC ed ho parlato anche con loro per sapere quali corsi erano riconosciuti. Avevo come scelta: PUBLICIDADE E PROPAGANDA, DIREITO, ADMINISTRAçAO gli altri sono in fase di riconoscimento.
    Vedi bene sul sito. Ha IG 2 (ke sarebbe REGOLARE) mi pare e voto ENADE 3. Non è la UFMG ma non è male come università, inoltre pago meno di 100 reais al mese avendo una borsa di studio. Vedi meglio sul sito e fammi sapere se lo trovi ecco il link http://emec.mec.gov.br/emec/consulta-cadastro/detalhamento/d96957f455f6405d14c6542552b0f6eb/MjQ1MA==

    Poi basta sia riconosciuta, perchè come dicono na queste parti l universita' la fa l alunno e non l istituzione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here