domenica 18 settembre 2011

Secondo WSI gli Incas avevano ragione , nel 2012 la fine del mondo


E mentre l'Italia  si divide tra il fare o meno santa Manuela Arcuri dopo che le ultime  intercettazioni telefoniche  hanno rivelato il suo " gran rifiuto"  alle advances di Silvio , il Wall Street Italia dichiara  :


Wall Street Italia sta ignorando volutamente le centinaia di dispacci di agenzia che riempiono in questi giorni paginate e paginate di giornali. Evitiamo di dare spazio alle "escort news", per un motivo molto semplice: il paese non ne puo' piu' e ha bisogno d'altro. Chi lavora e sfacchina, tutti i giorni, non ha tempo da perdere con questa robaccia. Spazzatura degradante, che abbassa il livello della psiche e ammazza l'ottimismo e il bello della vita.

Questa situazione grottesca riguardante Silvio Berlusconi, il «premier a tempo perso» (come lui stesso si definisce a una delle sue zoccole, tra una telefonata a un malavitoso latitante e uno scambio di battute con un cocainomane) va sbloccata. Bisogna girare pagina. E' una questione di dignita'. Bill Clinton per molto meno fini' sotto impeachment di fronte al Congresso degli Stati Uniti.

Perche' noialtri italiani normali (lui non lo sa perche' vive in una "bolla", come narcotizzato) siamo nel bel mezzo di una enorme crisi finanziaria ed economica, una recessione senza precedenti. Il 2012 sara' il 1929 per l'Italia. La gente ancora non lo sa (non gli viene detto). Il nostro tenore di vita collettivo si sta abbassando paurosamente. Paghiamo tutti piu' tasse. I nostri figli e nipoti (e anche gli amici ormai...) non troveranno mai piu' lavoro o lo perderanno.

Peggio: l'Italia - un paese di 60 milioni di persone - potrebbe tracollare l'anno prossimo sui mercati internazionali e finire nel caos politico e sociale di un drammatico default stile Argentina. Il nostro maxi debito da 1,9 trilioni di euro ($2,6 trilioni) cresce di mese in mese. Saremo noi a far saltare l'Europa e l'euro, se proprio volete sapere cosa si dice nelle segrete stanze. La migliore delle ipotesi e' che dovremmo pagare 140 miliardi l'anno per i prossimi tot anni. Solo per stare a galla e vivere di stenti. No, grazie.

Ci rendiamo conto di quanto siamo diventati masochisti, come popolo, a tollerare tutto cio' senza indignarci? Ma non abbiamo un po' di carattere e spina dorsale? Non e' piu' sostenibile farsi rovinare il futuro: questi qui sono un pugno di governanti irresponsabili e di bassa levatura, gente da bordello, manigoldi senza alcuna dignita' per la politica.

E l'opposizione - tutti questi anni senza proposte alternative - sembra al momento inadeguata e soprattutto senza un leader (Bersani? No grazie due volte). Guiderebbe guardando al retrovisore invece che davanti. Basta. Bisogna liberarsene. Come, ci dobbiamo pensare. Tutti insieme.



11 commenti:

  1. Purtroppo, per cambiare realmente le cose ci vorrebbe una vera e propria presa di coscienza del popolo.
    Ma noi Italiani siamo e rimarremo dei "pecoroni" ancora divisi tra destra e sinistra capaci solo di demandare e non prendere noi le decisioni sul nostro futuro; con il risultato che abbiamo politici corrotti, cocainomani e puttanieri, incompetenti e arroganti, al punto tale di potersi permettere di continuare a prendere in giro gli italiani e in particolare coloro che li hanno votati (mi riferirisco all'ultimo caso..... e purtroppo non sarà l'ultimo.... di castelli che si permettere di dire in televisione che lui da quando è entrato in politica è più povero dichiarando "solo" 145.000 Euro/anno).
    Sino a quando gli italiani permetteranno di essere presi per il culo da questi cialtroni di qualsiasi estrazione politica, possiamo solo lamentarci e proseguire sulla strada del baratro.
    L'unica alternativa sarebbe una democrazia partecipativa dove il popolo è sovrano e decisionista.... ma uesto purtroppo resta solo un'utopia.
    POVERA ITALIA!!!!!!!

    RispondiElimina
  2. dimenticavo.... per chi non avesse avuto l'occasione di vedere la dichiarazione di Castelli..
    http://www.cadoinpiedi.it/2011/09/16/castelli_a_la_7_sono_povero_video.html

    RispondiElimina
  3. Scusate,ma come mai nell'ultima settimana il Real sta viaggiando verso i 2,4 sull'Euro nonostante il deprezzamento del medesimo? Spero sia una cosa temporanea..Buona Domenica a tutti!

    RispondiElimina
  4. se continuiamo a fare come gli struzzi che mettono la testa sotto la sabbia non possiamo credere che qualcosa cambiera'.Bisogna che ognuno di noi si dia una bella SVEGLIATA!!l'immobilismo non porta da nessuna parte .....

    RispondiElimina
  5. (AGI) Roma - 18 settembre 2011 - "Dobbiamo sapere che il rischio di default c'e'".
    Lo ha detto solo oggi l'amministratore delegato di Intesa Sanpaolo Corrado Passera a "In Onda" su La7. In Italia "non dobbiamo dare per scontato che possiamo farcela senza scelte coraggiose". Le difficolta' si acuiscono con la combinazione in cui si trova il Paese: "alto debito, bassa crescita e bassa credibilita'". E, ha aggiunto, il fatto che l'Italia sia la terza economia dell'euro significa che "siamo troppo grandi per fallire, ma anche troppo grandi per essere salvati" .

    Eppure l'Italia ad un passo dal fallimento (con tutte le sue banche) continua a sperperare fortune mantenendo, ad esempio, decine di migliaia di soldati impegnati in sbagliate missioni di guerra in giro per il mondo tra l'indifferenza di tutti.
    La politica italiana (tutta) ha smarrito il senso logico e la misura della realtà.
    Il fatto che anche banchieri del calibro di Passera rilascino oggi certe dichiarazioni, dovendo ammettere la realtà oramai incontrovertibile, deve suonare come ulteriore campanello di allarme per tutti e far riflettere chi come noi, deve fare, sta facendo, oppure ha fatto determinanti scelte di vita.
    Credo che questa tempesta sarà in realtà un grande uragano che non lascerà indenne quasi nessuno, e questo a prescindere dal cambio del Real.
    Marcofalco

    RispondiElimina
  6. purtroppo non solo abbiamo un premier che non è un politico,ma che si fa gli affari suoi con le donne e con i soldi suoi(infatti nessun politico italiano ha mai usato soldi suoi per queste cose, ma i nostri)ma tutti i "veri politici"non fanno altro che parlarne e cercare di portarlo in tribunale solo per quelle cose....forse perchè non hanno trovato altro?vabbè che al capone è stato arrestato per evasione fiscale, ma siceramente non se ne può più di sentire ogni giorno del premier che deve testimoniare di qua e di la....e tutte le altre cose che succedono in italia?stanno trasformando la vicenda in fumo negli occhi, come se uno che ricatta berlusconi e che lui non ha denunciato fosse più importante dei problemi di tutti noi...ma almeno lo ha pagato con i soldi suoi!se lui avesse avuto un appartamento davanti al colosseo senza pagarlo sarebbe già in galera, o se fosse stato coinvolto in una storia di un omicidio di un trans suo amante come l'altro ministro:invece di quello li non se e parla più; sinceramente, cosa stanno cercando di non farci vedere mentre gridano allo scandalo su cose che la classe politica italiana ha sempre fatto da mussolini in poi?(indipendentemente dall'orientamento politico, ladri e sporcaccioni nelle posizioni di potere ce ne sono sempre stati, e tutti lo sanno!)sono stufa delle grida allo scandalo, mi ricordano quelli che gridano forte per distogliere l'attenzione da quello che stanno facendo....e chissà cosa combinano!

    RispondiElimina
  7. X Anonima delle 17:38,
    Ma di cosa parli? Nessuno cerca di portare in Tribunale Berlusconi solo "per quelle cose", ossia per la storia delle donne, come dici tu.
    Forse tu segui più il gossip che le cronache giudiziarie effettive.
    Il Presidente del Consiglio dei Ministri della Repubblica italiana è attualmente imputato in 7 processi, oltre alla storia delle puttane procurategli da Tarantini in cui vuol apparire come ricattato, di cui 1 solo processo riguarda un'imputazione per induzione alla prostituzione minorile. Gli altri 6 processi riguardano ben altri fatti di ben altra natura, ossia i reati contestati sono:
    1 - Ruby: concussione e prostituzione minorile;
    2 - Diritti Mediaset: frode fiscale e appropriazione indebita (in pratica furto);
    3 - Mills: Corruzione in atti giudiziari (per cui Mills il corrotto è già stato condannato);
    4 - Mediatrade: irregolarità nella compravendita diritti televisivi;
    5 - Rai - Agcom: abuso d'ufficio;
    6 - Diritti Mediaset: Frode fiscale;
    7 - Unipol: rinvio a giudizio per rivelazione di segreti d'ufficio.

    Su questi fatti, e su molti altri passati per i quali gli italiani hanno la memoria corta, l'Italia e gli italiani vengono giustamente valutati a giudicati all'estero, nelle sedi istituzionali politiche e finanziarie oltre che sui media.
    In pratica l'Italia NON è più ritenuto un paese serio e credibile per cui, in barba alle manovre che ci tolgono il futuro, nessuno al mondo vuole più sottoscrivere il nostro debito ed è per questo che l'Italia e le sue banche sono sull'orlo del baratro del FALLIMENTO. Ovviamente ci sono anche altri fattori geopolitici e finanziari che concorrono ma, il cuore del problema, ora è questo che attiene la politica italiana e la storia delle prostitute è solo un di più, folclore che, comunque, danno un'idea dello spessore dei personaggi che ci guidano.
    Non si tratta tanto di scandali, come vedi, ma di credibilità agli occhi del mondo avendo eletto a Presidente un evidente malavitoso. Un grande problema che si somma ai già grandi e annosi problemi italiani che tutti conosciamo e che nessuno sa come risolvere.
    Marcofalco

    RispondiElimina
  8. anonima delle 17,38, ma non ti vergogni di quello che stai dicendo? Berlusconi e´il peggio del peggio che poteva capitare all´Italia e tu fai il confronto con Marrazzo,che non ha ammazzato nessuno, e si e´dimesso per quello che ha fatto.Sei stata geneticamente modificata a pensare che un bandito come B. ci puo stare, una macchietta tragicomica che sta fottendo tutti anche te,e il mondo ci ride dietro, chi vive all´estero sa di cosa parlo.In Italia la gente ancora pensa che e´il posto piu bello del mondo,come se bastasse la storia ,la cucina la ferrari e armani,a fare andare avanti la baracca o a farci sentire degni di essere italiani.Comincio a pensare che in italia e´in atto una strana lobotomia collettiva che non puo essere spiegata solo con le malattie croniche della societa´italiana,cioe´la profonda ignoranza grassa e diffusa,la corruzione endemica , dove alla gente piace fregare il prossimo e se ne vanta e la Chiesa benedice e incassa.Tu anonima fai parte del Marcio Italia e mi vergogno di avere la nazionalita´in comune con te , ora che ci penso forse e´arrivato il momento di fare la cittadinanza brasiliana. Francesco Salvador

    RispondiElimina
  9. grande marco, come sempre concordo con quello che scrivi e purtroppo posso solo dire che la gravità degli eventi che accadranno sarà
    solo la metà di quello che immaginaiamo. Andrè

    RispondiElimina
  10. Caro Francesco Salvador, se il problema dell'Italia fosse solo il cainano saremmo a posto, vedremmo la luce in fondo al tunnel.
    Ma veramente pensi che sia cosi'?
    Ritengo il nostro (rigorosamente minuscolo) B.un sintomo , non la malattia.
    In Italia siamo i piu' furbi, lavorare non serve (avere un posto fasullo si'), discutiamo ancora se i negozi il primo maggio debbano stare aperti,e abbiamo solo diritti mai doveri.
    Siamo divisi in corporazioni che non vanno toccate, e in fondo ci sono i fessi che pagano.
    Le decisioni impopolari non verranno mai prese da nessuno dei nostri politici, appena muovi una foglia scatta il ricorso al TAR e tutto si ferma.
    Salvo poi guardare ammirati quello che viene fatto all'estero.
    B. e' indifendibile, ma attenzione a chi si profila all'orizzonte (gli stessi del '92).
    Stefano

    RispondiElimina
  11. ahahahah non hanno trovato altro??? anonima sei proprio molto confusa......come molti italiani,credi ancora che sia giusto vietare le intercettazioni perche ledono la nostra privacy?? che tutto sia colpa dei comunisti?? ecc.. ecc.il Tarantini non procurava signorine al presidentissimo per farkle un piacere ma per accapparrarsi appalti,le signorine non vanno con il presidentissimo per le sue doti amatoriali,ma per magari essere elette nei consigli regionali (minetti)o addirittura ministri,ma c...o ma ancora dobbiamo stare qui a spiegare certe cose ???

    RispondiElimina

Lasciate qui un vostro commento