Home Vivere in Brasile BNDES pressiona affinchè la SELIC sia ridotta ulteriormente

BNDES pressiona affinchè la SELIC sia ridotta ulteriormente

11
31
CONDIVIDI

Se l’ augurio di Coutinho , presidente del BNDES , dovesse avverarsi la Taxa SELIC nel lungo periodo dovrebbe tendere al 6% . Ma quale dovrebbe essere il valore della inflazione per arrivare a questo punto , mi chiedo . Al momento la SELIC è ad un valore relativamente attraente o ” confortevole ” per investitori che desiderano un interesse elevato a basso rischio . 

O Brasil precisa ampliar a taxa de investimento para cerca de 24% do Produto Interno Bruto (PIB) , mas, para chegar a esse percentual, é necessário que os juros básicos da economia (Selic) caiam ainda mais.

 A avaliação é do presidente do Banco Nacional de Desenvolvimento Econômico e Social (BNDES), Luciano Coutinho, que participou de audiência pública na Comissão de Assuntos Econômicos (CAE) do Senado. Atualmente, disse Coutinho, a taxa de investimento está perto de 19%.

Com relação à queda da taxa Selic, o presidente do BNDES enfatizou que não está fazendo nenhuma recomendação ao Banco Central, autoridade monetária responsável pela definição da taxa básica de juros.

O presidente do BNDES estima que, no longo do tempo, a taxa Selic convirja para o nível da Taxa de Juros de Longo Prazo (TJLP), que está em 6% ao ano.
Para Coutinho, atualmente, há uma situação “cômoda” para os investidores, que podem aplicar em títulos públicos de curto prazo, com pronta liquidez, indexados e sem risco. Em outros países, disse ele, quem quer ter rendimentos mais altos, aplica no médio e no longo prazos em ativos de maior risco.

31 Commenti

  1. SENZA LA FORZA D'ATTRAZIONE DI CAPITALI ESTERI GENERATA DAGLI ALLETTANTI RENDIMENTI BANCARI SINO AD ORA OFFERTI SVANIREBBE UN ALTRO MITO DEL "TRASFERIRSI IN BRASILE".QUI LA VITA HA RAGGIUNTO COSTI FOLLI, SCRIVO DA FORTALEZA, E CHI PENSA DI VENIRE A VIVERE CON LA CANNA DA PESCA IN SPIAGGIA E' ORA CHE REGOLI LA SVEGLIA.TURISTI ITALIANI RIDOTTI AL LUMICINO, ANCHE GLI INVESTIMENTI IMMOBILIARI DESTINATI AD USO VACANZIERO NON COSTITUISCONO PIU' LA CASSAFORTE DEGLI ANNI PASSATI.SEMPRE PIU' DIFFICILE IN EUROPA, MA QUI NEGLI ULTIMI 8 ANNI E' CAMBIATO TUTTO E DI GENTE TORNATA IN ITALIA IN LACRIME, DOPO QUALCHE ANNO D'ORO, E' PIENA FORTALEZA!!IMMAGINO CHE FORTALEZA NON SIA UN CASO ISOLATO

  2. X Anonimo

    potresti quantizzare questi " costi folli " sarebbe di maggiore aiuto ai lettori .

    Il rischio SELIC esiste anche se al momento i tassi sono ottimi . Consiglio di investire su titoli a tasso fisso che manterranno un ottimo rendimento anche in presenza dell'eventuale calo della SELIC.

  3. ALLINEAMENTO DEL COSTO DI VITA AGLI STANDARDS EUROPEI.VOCI PESANTI SONO: ALIMENTAZIONE(QUALITA' INFINITAMENTE INFERIORE);AFFITTO ( UN APPARTAMENTO DI 60 METRI NON LO SI TROVA A MENO DI 1000 REAIS A ESSERE BUONI); SALUTE; TRASPORTO(COSTO ELEVATO DEL CARBURANTE E DELLE AUTO);FORMAZIONE SCOLASTICA.SONO STATO SUPERFICIALE MA UNA COPPIA CON UN FIGLIO, SE NON VUOLE MORIRE DI FAME, DEVE DISPORRE DI ALMENO 1500 EURO PER LE SPESE BASICHE(CIRCA 3500 REAIS).E CI FERMIAMO QUI SENZA VOLER PARLARE DELL'ASPETTO LUDICO, ED IL BELLO DEL BRASILE E' CHE NON SI MUORE DI DEPRESSIONE COME IN EUROPA, DOVE SPENDERE 100 REAIS PER UNA SERATINA SENZA TROPPE PRETESE E' ALL'ORDINE DEL GIORNO. I SALARI DELLA CLASSE MEDIA SONO CRESCIUTI, IL BRASILE NON ASPETTA CERTO CHI RIMANE INDIETRO!!QUI E' CAMBIATO VERAMENTE TUTTO, ANCHE IN TERMINI DI AUTOSTIMA NAZIONALE,E QUEL PAESE ACCOGLIENTE E MENO ZELANTE DI UNA VOLTA MI ERA PIU' SIMPATICO.OGGI SE VAI ALLA FEDERAL E VEDONO CHE HAI PASSAPORTO ITALIANO TI RICORDANO PURE CHE HAI 90 GIORNI PER ANDAR VIA, NON E' IL MIO CASO MA L'ATTEGGIAMENTO DI SUPERIORITA' E LA SPOCCHIA SONO UN DATO DI FATTO.

    MARIO

  4. Ciao Mario,
    al sud ( Curitiba ) e' la stessa cosa, ormai anche la classe media comincia ad aprire gli occhi, sta' diventando tutto inaccessibile. Quando sento che vogliono venire in Brasile con mille euro al mese di pensione credendo di fare una vita migliore che nella disastrata Italia, mi viene da ridere.. Se volete suicidarvi almeno andate nel nordeste, al caldo sotto di un ombrellone!! Almeno tu hai il mare, io sono in montagna..:)
    Riccardo

  5. quoto in toto mario, come non dargli torto, sopratutto nella parte finale, ma d'altronde il propietario del blog non la pensa cosi e mette il brasile su un piedistallo, sempre e cmq

  6. Ciao Mario,
    il tuo post è estremamente realistico. Posso confermare dato che vado a Fortaleza almeno due volte all'anno da circa 7 anni. Che consigli daresti a chi eventualmente volesse trasferirsi per viverci? Grazie in anticipo da parte di tutti coloro che sognano una nuova vita nel paese del futuro.

    Matteo

  7. PER MATTEO:OGNUNO DI NOI E' LIBERO DI AVERE UN'OPINIONE MA IL COMUNE DENOMINATORE E' L'AMORE PER IL BRASILE.SUL DA FARSI LE VISIONI POSSONO ESSERE DIVERGENTI,IO CREDO CHE IL BRASILE POSSA ANCORA ESSERE UN'ALTERNATIVA MA RISPETTO A 8 ANNI FA LO E' SOLO PER PERSONE GIA' ABBIENTI.FINO AL 2002/2003 CON 1200 EURO(UN AIUTO O UNA PICCOLA RENDITA DALL'ITALIA SOMMATA A QUALCHE INVESTIMENTO FATTO IN LOCO)SI RIUSCIVA A FARE IL SALTO DI QUALITA';OGGI CON LA STESSA SOMMA SI STA FORSE MEGLIO IN ITALIA CHE QUI(UN GELATO 8 REAIS, UNA PIZZA 30….).SECONDO ME UN'EMIGRAZIONE VERSO IL BRASILE DEVE AVERE ALLA BASE UNA CONSAPEVOLEZZA: QUESTO E' UN PAESE AFFASCINANTE MA FONDAMENTALMENTE CHIUSO IN UN SISTEMA CLASSISTA. UN INSERIMENTO IN BRASILE PUO' ESSERE VALIDO SE SI IMPOSTA IL TUTTO ATTORNO AD UN CAPITALE GIA' FORMATO.3 PILASTRI:UN PICCOLO APPARTAMENTO DI PROPRIETA'PER NON SOCCOMBERE SOTTO LA SCURE AFFILATA DEGLI AFFITTI, PREFERIBILMENTE NON IN CITTA'IN MODO DA SPENDERE 100.000 REAIS; UNO ZOCCOLO DURO IN BANCA TALE DA ASSICURARE UN RENDIMENTO UTILE A COPRIRE ALMENO 2000 REAIS DI SPESE MENSILI BASICHE;UN CAPITALE DI RISCHIO DA INVESTIRE IN ATTIVITA' COMMERCIALE CHE QUI PUO' RENDERE MOLTO(I BRASILIANI SONO CONSUMISTI) MA CHE E' DIFFICILE INDIVIDUARE.ATTORNO A QUESTI 3 CARDINI SI PUO' FAR GIRARE UN MINIMO DI SOGNO, ALTRIMENTI SI DIMENTICA CHE QUI SIAMO GRINGOS E CHE PENSIONE,ASSISTENZA MEDICA E QUANT'ALTRO NON SONO CHE CHIMERE.ULTIMO ELEMENTO:SE SI E' LONTANI DA CASA VIENE MENO ANCHE IL PIU' GRANDE AMMORTIZZATORE SOCIALE CHE E' LA FAMIGLIA.QUI SIAMO IN UNA FASE DI BOOM ECONOMICO GESTITO IN FORMA INFANTILE,L'IMPAZZIMENTO GENERALE HA CREATO GRANDE INDEBITAMENTO E MOSTRUOSA INFLAZIONE.SE IN 8 ANNI IL COSTO DI VITA E' AUMENTATO DEL 40%FIGURIAMOCI SE UNO PUO' SOGNARE DI FARE LO ZIO BELO SOTTO L'OMBRELLONE A COSTO ZERO.SE SI E'BENESTANTI QUI CI SI GODE LA VITA, SE NON LO SI E' MEGLIO STARE ALLA LARGA PER NON DISTRUGGERE MAI IL SOGNO!!TRADOTTO IN NUMERI: VISTO PERMANENTE E ALMENO 250.000 EURO PER TENTARE L'AVVENTURA. SOTTO QUESTA CIFRA E'DURA!!
    MARIO

  8. porto la mia piccola esperienza, e chiedo un consiglio.
    Questa estate sono stato in vacanza a Natal. Ho conusciuto un pompiere, sposato con un figlio piccolo, la moglie non lavora: prende 800R$ al mese: ovviamente non sa più come fare, la moglie sta cercando un lavoro, e lui già ha un secondo lavoretto. Ho conosciuto un Cassiere del BB, divorziato, 2 figli piccoli a carico, prende 1200R$ al mese, anche se mi diceva che il banco prevede per i suoi dipendenti un ottima cassa malattia, più varie altre agevolazioni: anche lui, comunque, si lamenta per lo stipendio assolutamente inadeguato al costo della vita(mi pare, infatti, che in ottobre c'è stato uno scipero generale dei bancari, proprio perchè gli stipendi sono molto indietro rispetto all'inflazione). Entrambi, comunque, si lamentano del bassissimo stipendio. Certo che sentire quello che dice Mario, ovvero che 3500R$ è il minimo per vivere, mi lascia preplesso, se penso ai due casi che vi ho riportato (come diavolo fanno??).
    Io sono stato ospite, quindi non ho pagato vitto e alloggio, ho notato però che i costi del buon vivere (ristoranti / bar) ecc, sono circa un 10-20% in meno che in Italia : certo non il paradiso che ci si immagina. La benzina è cara (1.6 alcol – 1.9 benzina) ma pur sempre la metà che in italia. Le auto, invece, sono incredibilmente costose (non so quantificarle, ma da un +50% in su).

    Passiamo al consiglio.
    Mi piacerebbe trasferirmi in Brasile, più che altro vorrei andarmene dall'Italia per motivi personali, ma con un capitale teorico di soli 120.000€, e senza un lavoro – qui sono libero professionista nell'ambito dell'assistneza informatica, un lavoro che senza clientela non esiste – equivale, come avete detto voi, a fare la fame. A questo punto mi piacerebbe provare ad investire in Brasile, ma ho letto qui che aprire un CC è impossibile senza residenza, ed ottenere la residenza è altrettanto impossibile. Quindi vi chiedo : come è possibile investire del capitale in brasile per un italiano?

  9. X Mario

    non so quale lavoro tu faccia in Brasile ma certo è che se sei pensionato fai la fame … al caldo .

    Capisco dalle ultime righe che sei un residente come me e pertanto non capisco come un italiano con la sua educazione e creatività molto superiori a quelle di un nordestino ( sena offesa ) non riesca a guadagnare R$ 3500 al mese . E' vero che alcuni prezzi sono aumentati ma questo ha colpito solo i lavoratori dipendenti non certo i commercianti o i lavoratori autonomi che si sono arricchiti ancora di più .

    Qualcuno dei lettori ha scritto che la storia è scritta sui marciapiedi e non sui giornali ebbene io sui bordi dei marciapiedi di Natal vedo molti più fuoristrada e SUV che mendicanti .

    Non consideratemi cinico ma penso che noi italiani abbiamo la brutta abitudine di lamentarci sempre e incolpare gli altri dei mali che ci affliggono . Reagite , trasformate i problemi in opportunità . Le polizze salute sono care ? Allora vendetele , anche le commissioni saranno alte . Lo stesso dicasi per gli immobili . Una pizza 30 R$ , bene è una ottima opportunità per chi fa e vende pizze non credete ? Perchè vi mettete sempre dalla parte sbagliata ?
    Caro Gino io a 50 anni sono restato senza lavoro in Italia con tre figli . Il Brasile mi ha dato una casa , affetto ed opportunità per iniziare una nuova vita … altro che piedistallo .

    Buona giornata

  10. CARO ANTONIO,
    NON SONO IL SOLITO ITALIANO A CUI LE COSE SONO ANDATE MALE(PERCHE' IN PASSATO NON HA SAPUTO LEGGERE IL FUTURO)E ORA SEMINA DISFATTISMO.CONTINUO A CREDERE NEL BRASILE MA HO SEMPLICEMENTE ALZATO L'ASTICELLA ADEGUANDOMI ALLE MUTAZIONI DI QUESTO BRASILIANE.PRIMA BASTAVANO 100.000 EURO PER RISCHIARE?OK, ORA PER ME BISOGNA METTERNE SUL PIATTO SOPRA I 200.000 PER DECIDERE DI FARE LA VALIGIA E LASCIARSI TUTTO ALLE SPALLE.IO NON SPAVENTO I SOGNATORI MA INVITO, COME TE D'ALTRONDE, A PIANIFICARE, STUDIARE, QUANTIFICARE.QUI E' ARRIVATA TANTA GENTE DI BASSO LIVELLO CHE OLTRE A DIFFONDERE UN'IDEA SBAGLIATA DELL'ITALIANO SI E' AUTODISTRUTTA NEL GIRO DI POCHI CALENDARI.CHI GIA' HA PUO' PENSARE DI FARE LA RIVOLUZIONE, CHI NON HA E' MEGLIO CHE FACCIA GIRARE IL MAPPAMONDO E FACCIA CADERE IL DITO SU ALTRE METE PERCHE'IL BRASILE E'CAMBIATO!!
    PER CHI HA PARLATO DI APERTURA CONTO IN BANCA SENZA VISTO O 120.000 EURO SENZA VISTO ETC ETC…..MEGLIO LASCIAR PERDERE!!QUESTO SITO VI OFFRE TUTTE LE INFO,SONO NEL SUO ARCHIVIO, SU APERTURA CONTI BANCARI E VISTI.STUDIATE E CAPIRETE COSA E' MEGLIO FARE, OGNUNO DI NOI HA IL DIRITTO DI FARE LE PROPRIE SCELTE.I MIEI SONO APPENA DEI CONSIGLI DETTATI DALLA MIA PERSONALISSIMA ESPERIENZA BRASILIANA.

    MARIO

  11. Ciao ottoaprile,

    per investimento intendevo in banca, ho seguito il topic "un anno di buoni motivi", in cui si parla dei BOT brasiliani che ancora rendono circa il 10% netto – non so se sia ancora cosi, visto che le tue considerazioni sono di inzio 2011 – ma già con il solo cambio a 2.39, se il real torna ai valori di agosto (2.25) ci si guadagna qualcosa. Il problema è : senza un CC è possibile?

  12. ciao antonio ,un salutone da Macerata ,ti racconto brevemente che sto preparando a trasferirmi a Natal (entro 5 o 6 mesi di stare li ) , saro' molto sintetico. io ho un grosso dubbio e riguarda la possibilita' di visto permanente , alla voce carichi pendenti ho una condanna per calunnia (rientrata nell'indulto 2006) sono sposato con una ragazza brasiliana , uso una brutta parola come posso superare questo scoglio senza rinunciare alla possibilita' di vivere a Natal. ti lascio la mia mail privata e con la speranza di conoscerci di persona quanto prima ti ringrazio di tutto. francocecchi@libero.it

  13. x Anonimo del 11 novembre,
    tutto dipende dalla vita che vuoi fare. Io conosco molte persone che vivono solo con un salario mino (545 R$). Conosco una famiglia che vivono in 4 con meno di 900 R$. E' ovvio che loro possono concedersi una pizza solo una volta ogni tanto, come è ovvio che non hanno un "carro zero" nè tantomeno un appartamento in un condimio fechado. Però vivono abbastanza bene e non si lamentano.

    Quindi il problema è quello che vuoi fare tu qui in Brasile. Se hai intenzione di fare una vita MIGLIORE che in Italia allora ti dico già che sarà molto difficile. Ma se non hai problemi a fare una vita semplice (molto semplice) penso che puoi fare un pensierino anche tu. L'importante è pensarci bene, ma molto bene prima di trasferirti qui in Brasile, perchè abituarsi a tante cose nuove non è per niente facile.

    Il problema diventa quando incontri, specialmente in questo blog, persone che non sanno capire le tue scelte, ma hanno il coraggio di criticarti. Qualcuno una volta ha scritto "Non capisco che senso ha venire a fare l'operaio in Brasile". E' ovvio che per questa persona (e ce ne sono tante così)se non guadagni almeno 4000/5000 reais al mese non ha senso vivere in Brasile. Ma come ho detto tutto dipende dalle tue necessità e priorità.

    Per quanto riguarda l'investimento, penso che ottoaprile ti sappia dare i consigli giusti, anche se, per quanto riguarda il "piedistallo" non posso che dare ragione a Gino, perchè, putroppo dobbiamo ammeterlo, sia ottoaprile che alcuni suoi "amici" hanno una certa propensione a parlare solo bene del Brasile e parlare male dell'Italia. E questo è un grande, e forse unico, difetto di questo blog.

    Marco

  14. Concordo con Mario, il costo della vita è aumentato e il rapporto di cambio è sfavorevole rispetto a qualche anno fa, quindi non si può pensare di fare lo "ziu belo" sotto l'ombrellone a meno che non si sia benestanti.
    A dir il vero anche il mitico ziu belo di Abatantuono faceva il barbiere di rio.
    Infatti, come dice Antonio, in Brasile bisogna LAVORARE cogliendo le opportunità e sapendosele creare.

  15. X Mario

    non volevo assolutamente dire che cose ti sono andate male , volevo sono evidenziare come noi italiani abbiamo perso un poco il senso del rischio nel senso positivo del termine . Sarà dovuto al fatto che la popolazione è molto invecchiata ? Cerchiamo sicurezze che nel nostro stesso Paese oramai non esistono più . I nostri giovani non hanno più un futuro : nè lavoro , nè casa , nè possibilità di crearsi una famiglia , nè pensione e noi stiamo qui a discutere di rischio .

  16. Ciao Franco di Macerata

    purtroppo per quello che ne so il ritiro del visto permanente richiede di non avere carichi pendenti . Ma per esserne certi meglio contattare direttamente la Polizia Federale .

  17. X Anonimo delle 11:26

    non è possibile fare investimenti finanziari senza cc in Brasile . Il cc lo ottieni con il visto permanente che non è affatto impossibile come ho tante volte spiegato . Comunque NON ti consiglio di fare il visto SOLO per conseguire il cc : non ti conviene a meno che non investa somme ingenti.

  18. LA SITUAZIONE ITALIANA E' SEMPLICEMENTE DRAMMATICA, MA CREDO,PARAFRASANDO ANTONIO, CHE SIA ANCHE UN'OPPORTUNITA'PER RIPARTIRE DA ZERO.GLI ITALIANI SI SONO IMBORGHESITI E IL BENESSERE DEGLI ULTIMI 30 ANNI GLI HA STACCATO I COGLIONI.QUESTA CRISI SARA' SALUTARE SE LA SPINTA DAL BASSO SAPRA'IMPORSI SULLE SCELTE DETTATE DAI POTERI FORTI.SE DINI TORNA A MAFIOSEGGIARE E' ORA DI ANDARE IN ARMERIA!!!!IL BRASILE STA SPRECANDO UN'ALTRA OCCASIONE STORICA:CRISI DELLE ECONOMIE TRADIZIONALI, CAMBIO FAVOREVOLE,ATTRAZIONE DI ENORMI CAPITALI STRANIERI.TUTTO QUESTO BEN DI DIO ANDAVA SFRUTTATO MEGLIO DALLA CORROTTA CLASSE POLITICA BRASILIANA.OCCORREVA PARTIRE DAL BASSO E FARE QUELLO CHE NESSUNO HA AVUTO LE PALLE DI FARE:RADDOPPIARE IL SALARIO MINIMO!!LULA HA RIVOLUZIONATO SOLO LE CHIACCHIERE MA E' STATO L'UOMO CHE HA DIVARICATO LA FORBICE SOCIALE.LE SUE POLITICHE HANNO FAVORITO CLASSE IMPRENDITORIALE E MONDO DELLA FINANZA INTERNAZIONALE.NON HO NESSUNA FIDUCIA NEL PLANALTO, E'UN CLUB PRIVATO!!MANDIAMOCI PURE DINI IN ELICOTTERO,PAGHIAMOGLI IL VISTO DA INVESTITORE!!

    MARIO

  19. Grazie a tutti per i chiarimenti e per il lavoro sul blog che fa l'amico Antonio ma ho una gran confusione in testa.Si e' detto piu' volte che per avere il cc bisogna avere il visto permanente e su questo non ci piove.Ora Antonio nell'ultimo commento dici "non ti consiglio di fare il visto solo per conseguire il cc" ma non si era detto che il visto si otteneva investendo in attivita' o immobili presentando un piano d'investimento?Da quando in qua e' possibile richiedere un visto permanenente per aprire un cc e magari metterci 500 mila euro convertiti in real?Io cado dalle nuvole se e' cosi'!Ti prego Antonio con la tua consueta' disponibilita' e professionalita' di chiarirmi ove possibile questo dubbio grazie.Visto che ci sono vorrei chiederti cosa ne pensi di questi : http://www.gringoes.com/forum/forum_posts.asp?TID=10933 da quello che ho capito sono NTN titoli del tesoro legati all'inflazione mi sembrano una buona opportunita'.Anche per questi titoli ci vuole il cc? essendo acquistabili dal sito del tesoro non e' che basta il codice fiscale? e tramite "il corretora"la cosa cambia? Scusami per le molte domande penso che la cosa interessi a diversi lettori grazie e buona giornata a tutti

  20. Vorrei condividere quello che è sta succedendo a me, cosi forse può essere utile a qualcuno: Dopo la lunga trafila ho ottenuto il visto permanente e ho aperto il conto bancario (nel mio caso al banco santander) ho trasferito la somma di circa 75000 euro ma questi soldi non mi vengono accreditati. Il banco in questione mi comunica che per effettuare l'accredito non è sufficiente che il bonifico internazionale sia da banca Italiana a banco Brasilero e che nella dicitura sia scritto "trasferimento di patrimonio". Pretendono che l'origine dei soldi sia giustificata es. la vendita di un appartamento in Italia ecc.
    Antonio a te risulta una normale procedura?
    grazie
    Hugh (il mio nick)

  21. Caro Hugh

    è cosi' e l'ho anche scritto diverse volte nei commenti . Per caso ho anch'io il conto al Santander e quando ho trasferito importi elevati , non piccoli importi , ho dovuto presentare la mia dichiarazione dei redditi italiana .Penso che sia una procedura interna della Banca ed è comunque richiesta nell'intento di evitare lavaggio di denaro di provenienza illecita. Naturalmente stiamo parlando del tuo conto personale non di quello della Società immagino .

  22. Caro Roby

    " Da quando in qua e' possibile richiedere un visto permanenente per aprire un cc e magari metterci 500 mila euro convertiti in real?Io cado dalle nuvole se e' cosi'"

    E' sempre stato così come ti dimostra il lettore Hugh a cui ho risposto poco fa . Una volta che hai conseguito il Visto permanente , per qualsiasi ragione ovvero matrimonio , figlio , pensione o investimento tu PUOI aprire un cc personale ed investire tuoi soldi personali . Più chiaro di così!

    Il fatto è che tu vorresti aprire solo un cc per investire in Brasile e questo NON si può fare se non hai un visto permanente . Ma una volta che hai ottenuto il visto puoi tranquillamente aprire un conto corrente , fare la patente brasiliana , fare il libretto di lavoro , ecc .

    Per i Titoli del Tesoro Brasiliani ci vuole il cc brasiliano e firmare un contratto di gestione con una Correttora . Comunque ogni Banco ha la sua Correttora ed una volta aperto il cc in un Banco automaticamente è definita pure la Correttora .

    Ti consiglio comunque di fare un passo per volta altrimenti farai solo confusione .Il primo passo è decidere di fare il visto permanente . Io opero su Natal e , se ti interessa conseguire il visto per investimento , puoi scrivermi in privato .

  23. X Hugh,
    la richiesta di documentazione a "supporto" dell'operazione è un preciso obbligo per la banca in base alla normativa antiriciclaggio brasiliana.
    Qualora tu abbia già presentato dichiarazione dei redditi in Brasile, dovresti aver indicato l'esistenza di patrimoni anche all'estero. Qualora tu non abbia mai fatto dichiarazioni fiscali in Brasile dovrai presentare quella italiana dalla quale si evincano redditi sufficienti a giustificare il patrimonio che stai trasferendo. Sarai assoggettato ad una IOF ridotta dello 0,38% ma, in caso di reimpatrio delle somme, le stesse saranno assoggettate a IR minimo del 15%.
    In qualità di residente, d'ora in avanti, dovrai presentare dichiarazione dei redditi anche in Brasile.

  24. Ciao. Esiste la possibilità del ricongiungimento familiare, come fanno gli extracomunitari residenti in Italia per figli/moglie?
    Se si, ottengo un visto permanente? E in questo caso, non sono obbligato a risiedere ufficialmente in Brasile, giusto?
    Ipotesi: ottengo il visto permanente, apro un CC, trasferisco 20000euro ed investo in un fondo per un anno. Quanto mi costa la dischiarazione dei redditi (che, se ho capito bene, diventa obbligatoria nel momento che apro un conto).

    Grazie

    F.

  25. Ciao F.

    il ricongiungimento familiare è una delle condizioni che da diritto al visto permanente . Ma non è così rapido ed automatico come credi . Devi dimostrare di risiedere in Brasile assieme al tuo congiunto ed ovviamente DEVI risiedere in Brasile . La PF verrà a farti visita a casa proprio come fanno i carabinieri con gli exracomunitari per verificare le tue affermazioni .

    La dichiarazione dei redditi in Brasile , se non sai farla da solo , devi rivolgerti ad un Commercialista e ti costerà 50 R$ ( E' quello che pago io )

  26. Grazie ad Antonio e MarcoFalco per i chiarimenti
    Oggi mi reco in banca con il contratto di vendita del mio appartamento in Italia. Spero sia sufficente….
    abraço
    Hugh

  27. per il visto permanente per matrimonio, io è 8 mesi che l'ho richiesto e la Policia Federal non mi ha ancora fatto visita in casa. Dopodichè la pratica passa al ministerio da justiça dove dura in media 2 anni. Non è immediato, per usare un eufemismo.

  28. Grazie per la pronta risposta. Ho un po di confusione: ma residenza e visto permanente sono la stessa cosa? Io vorrei trasferirmi in Brasile ma per motivi di lavoro potro farlo tra 1 o 2 anni. Nel frattempo volevo cominciare a rasferire ed investire : senza visto permanente e impossibile. Ma come fa un imorenditore che ha affari sia in italia che in brasile? Deve per forza appoggiarsi a qualcuno per aprire un conto personale? Grazie. F.

  29. X F. e Fran75,
    come anche riferito da un altro frequentatore del blog, la procedura per il conseguimento del visto e conseguente RNE per ricongiungimento familiare (matrimonio) è complessivamente più veloce se iniziata tramite consolato brasiliano in Italia invece che presso la PF in Brasile. Complessivamente sembra che ci si impieghi 8/9 mesi totali contro 3 anni circa.
    Non chiedetemi il perchè di questo ma posso assicurare che un mio amico, peraltro sposato con una poliziotta federal, dopo 1 anno di inutile attesa, ha annullato il processo in Brasile e lo ha ricominciato tramite consolato di Milano ed in breve ha ottenuto il SINCRE con il quale ha potuto aprire il conto in banca e fare la patente auto. Dopo l'ingresso con il visto consolare entro 6 mesi la PF dovrebbe consegnare l'RNE (almeno questi sono i tempi a Salvador).
    Certo è che la residenza in Brasile è presupposto per il ricongiungimento familiare anche se non sempre la PF effettua la visita di controllo. Durante l'iter del processo è comunque possibile recarsi temporaneamente all'estero ma, in questo caso, è bene avvisare la PF affinchè non effettui l'eventuale controllo durante l'assenza.
    Marco

  30. Ciao F.

    non devi mica avere il visto permanente per gestire interessi in Brasile . Puoi essere anche solo socio straniero di una società brasiliana . E comunque , anche con il visto permanente un imprenditore può tranquillamente rientrare in Italia alcuni mesi all'anno e gestire i suoi affari in Italia . Quindi non capisco l'origine della confusione .

    Se intendi trasferirti in Brasile tra 1 o 2 anni rimanda tutto . Oggi al massimo puoi cominciare ad acquistare immobili visto che ti basta solo il passaporto ed il CPF ( Codice Fiscale ) che si ottiene facilmenete .

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here