venerdì 29 aprile 2011

Vino italiano : radici antiche per un mondo nuovo


E' in vino il grande soggetto di questo terzo incontro 2011 della Associazione Culturale Italo Brasiliana do Rio Grande do Norte ( ACIBRA ) .

Tra i relatori l'amico Tarcisio De Pizzol , Direttore commerciale della Sitio Alimentar importatrice di prodotti alimentari nonche produttore di vino in quel di Vicenza .

Grazie a Tarcisio si incominciano a trovare vini italiani buoni e non cari sulle tavole dei ristoranti di Natal . Ma il suo segreto obiettivo è di ben altra portata : come Bill Gates , il patron di Microsoft , voleva un computer in ogni casa lui , Tarcisio , vuole una bottiglia di buon vino italiano su tutte ( o quasi ) le tavole dei natalensi .

Il vino , bevuto con moderazione , come veicolo di cultura e socializzazione , nonchè elemento fondamentale della Dieta Mediterranea .

A tutti i partecipanti all'evento : prosit !

Terzo incontro a Natal per l'Associazione ACIBRA

Associação Cultural Ítalo-Brasileira

do Rio Grande do Norte

a identidade italiana

Ciclo de encontros sobre as idéias, as pessoas, os produtos que fizeram a Itália até hoje

Vinhos italianos – Raízes antigas para um mundo novo

Sexta-feira 6 de maio, na Livraria Siciliano Midway, terceiro momento do evento A identidade italiana - Ciclo de encontros sobre as idéias, as pessoas, osprodutos que fizeram a Itália até hoje.

Trata-se de exibição de entrevistas (vídeos legendados em português) a personalidades da cultura italiana sobre 5 elementos que, segundo eles, representam a Itália; a cada evento será escolhido um tópico que, depois da exibição, será aprofundado com a participação de convidados.

Nessa 3ª edição do evento a atriz de cinema Stefania Rocca comenta: o vinho Dolcetto d’Alba; a personagem de histórias em quadrinhos Ranxerox e as máscaras de Veneza.

Depois da exibição haverá um debate, aberto ao público, com os convidados: Elmano Marques (blog Vino Divino Vino – Tribuna do Norte) e Tarcisio De Pizzol (produtor italiano): pela primeira vez no panorama enogastronômico de Natal, falar-se-á de vinho de forma pública e acessível a todos.

Objetivo do evento é compreender a presença e a importância do vinho na cultura italiana e as razões da crescente aceitação dos vinhos italianos no resto do mundo. Acreditamos fortemente que eventos desse tipo também contribuem para difundir a cultura do vinho e de seu consumo responsável, elemento fundamental dadieta mediterrânea: um estilo de comer, beber e socializar reconhecido mundialmente como patrimônio gastronômico que traz gosto e qualidade de vida à mesa.


Opportunità di business per le imprese italiane

giovedì 28 aprile 2011

Giovani paulisti realizzano il sogno di acquisire l' appartamento proprio .


Mentre in Italia i giovani vivono in casa dei genitori a Sao Paulo almeno 30 mila giovani di età compresa tra i 25 ed i 35 anni si trasferiranno nel loro nuovo appartamento entro il 2012 . Sono famiglie di tre persone con una rendita media congiunta di 4 mila R$ .

Pelo menos 30 mil paulistanos deverão mudar de casas para apartamentos em condomínios residenciais até o final de 2012. O estudo aponta que casais jovens, com idades entre 25 e 35 anos, com um filho e rendimento mensal conjunto de R$ 4 mil, em média, ocuparão os novos apartamentos da cidade.
De acordo com o levantamento, cerca de 300 dos 520 condomínios que serão entregues nos próximos dois anos têm como público alvo a classe C. São empreendimentos com média de 120 apartamentos cada, duas torres, piscina, churrasqueira e valor de condomínio em torno de R$ 200.
Esses novos condomínios econômicos representarão 37 mil apartamentos residenciais, com ocupação média de duas pessoas por unidade. 40% dos apartamentos serão ocupados por pessoas que migram de casas para condomínios, o que representa aproximadamente 30 mil moradores.

mercoledì 27 aprile 2011

Arancini : buoni da morire !


Che ci crediate o no ho veramente fatto gli arancini con lo chef Piero . In realtà io mi sono limitato a friggerli , mangiarli e soprattutto lavare l'enorme quantità di stoviglie che Piero mi ha sporcato . Ragù di carne , melenzane fritte , besciamella , prosciutto e piselli : questi i ripieni . Il riso non si e rivelato scadente quanto dovuto per consentire alla massa di riso di modellarsi come una creta . I chicchi rimanevano staccati e questo ha costretto Piero a fare arancini grandi e tondi e non piccoli ed a pera come avrebbe voluto . Comunque erano egualmente buonissimi . Ne ho congelato una certa quantità per gli amici ritardatari :)

Noi duri a morire !

Leggendo alcuni commenti che mi arrivano sembra proprio che per vivere in Brasile bisogna avere la pelle dura .

Tassi di interesse alti si ma non sufficienti a coprire l'inflazione galoppante , costo della vita superiore che nel Bel Paese , istruzione da Paese dei Balocchi , violenza inaudita .

Noi residenti costretti a vivere barricati in casa , ad uscire senza il fedele Rolex al braccio ed il rassicurante vestito griffato . Condannati a mangiare solo fagioli dalla mattina alla sera con cui gonfiare mongolfiere di gas la notte .

Ospedali con attrezzature della prima guerra mondiale con corpi riversi nei corridoi in attesa di cura e/o sepoltura .

Adesso ho capito perchè Stallone ha deciso di scegliere il Brasile per uno dei suoi ultimi film di azione : mercenari .

Mentre resto in attesa di qualche gradito commento vado a preparare con l'aiuto dell'amico e cheff Piero , ospite in questi giorni del Janelas do Potengi , i famosi arancini di riso siciliani . Beato chi li mangerà ! Gli amici presenti a Natal in questo momento sono invitati .


martedì 26 aprile 2011

La resa dei conti ?


Siamo prossimi alla resa dei conti ? I rendimenti delle obbligazioni di Grecia , Irlanda e Portogallo hanno raggiunto ormai livelli record . Livelli che lasciano presagire una imminente ristrutturazione del debito .

Yields on government securities from Greece, Ireland andPortugal reached records amid speculation the heavily indebted nations won’t be able to avoid restructuring.

Ireland’s two-year yield reached a euro-era record 12.08 percent after the European Union said the nation’s debt burden surged the most in the currency area last year. Greek two-year yields have climbed almost 870 basis points this month, reaching 24.45 percent today as investors priced in losses, or so-called haircuts, they may incur in the event of a restructuring. Lars Feld, a member of German Chancellor Angela Merkel’s council of economic advisers, said Greece cannot avoid restructuring its debts.

“There’s more speculation about debt restructuring, which is reflected in the Greek curve,” said Christopher Rieger, head of fixed-income strategy at Frankfurt-based Commerzbank AG. “I don’t see where any support for Greek debt will be coming from. The prices are still quite a long way away from any reasonable haircut that people will expect if restructuring was announced.”

Greece’s two-year yields rose to a euro-era record of 24.45 percent and were at 24.24 percent as of 5:07 p.m. in London. The 4.6 percent security due 2013 fell 1.39, or 13.9 euros per 1,000-euro ($1,462) face amount, to 70.79. Ten-year yields reached a record 15.38 percent, up from 12.84 percent on March 31.

Portugal’s two-year note yields touched a euro-era record of 11.74 percent, up from 8.78 percent at the end of last month. The 10-year yield reached a record 9.61 percent today, compared with 8.41 percent on March 31.

Greek-German Spread

“I don’t think that Greece will succeed in this consolidation strategy without any restructuring in the future,” Feld told Bloomberg Television in Frankfurt. “I think that Greece should restructure sooner than later.”

The yield difference, or spread, between Greek 10-year bonds and German securities of a similar maturity widened to 1,212 basis points, the most since Bloomberg began collecting the data in 1998. The spread has widened 264 basis points this month, even as the Greek government said it has no plans to renegotiate terms with creditors.

The spread between Portuguese and German 10-year bonds widened to as much as 636 basis points, the most since before the introduction of the euro.

The cost of insuring debt sold by Greece and Portugal rose to records, according to traders of credit-default swaps. Contracts on Greece jumped 13 basis points from April 21 to 1,345 basis points, signaling a 66 percent chance of default within five years, according to CMA. Portuguese swaps climbed six basis points to 666.

Fonte : Bloomberg

La mia storia di Pasqua

Mae Luiza è un quartiere popolare di Natal stretto tra il mare e le dune di sabbia bianca del Parque das Dunas che deve il suo nome ad una anziana levatrice che lì abitava . E’ suggestivo pensare che chi aiutava le madri del quartiere a dare alla luce i propri figli sia stata assunta a simbolo dell’intera zona . Qui sono tutti figli di Mae Luiza . Il vento che soffia tra le dune non trova ostacoli nei grattacieli che caratterizzano la skyline dei quartieri adiacenti di Petropolis e Tirol , quartieri nobili come li definiscono qui ma dove è sempre più difficile godere della brezza costante che soffia su questa città dandole la carratteristica di città con l’aria più pura dell’America Latina secondo una ricerca della Agenzia spaziale NASA del 1992 .

E’ inutile cercare un Centro commerciale o qualcosa di simile a Mae Luiza , qui esistono solo strade e stradine , case e casette dai tetti rossi , piccole attività artigiane e di commercio, Dai secondi piani delle case il mare azzurro è già visibile mentre su tutto troneggia il Farol di Mae Luiza . Completato nel 1951 , il faro , una torre di cemento alta 37 metri completamente dipinta di bianco , emette un potente fascio luminoso visibile sino a 72 Km dalla costa .

In questo luogo , dove la popolazione vive principalmente di salario minimo , le difficoltà economiche sono all’ordine del giorno e chi soffre maggiormente sono naturalmente i più deboli : i bambini e gli anziani . Molto è stato fatto grazie alle politiche sociali dell’ultimo governo ma pensiamo un momento a come doveva essere la situazione trenta anni fa , negli anni settanta . Perché proprio trenta anni fa ? Perché la storia che sto per raccontarvi inizia proprio in quegli anni . E’ la storia di un Padre italiano , salesiano che ha dedicato la sua vita ai poveri ed agli emarginati di questo quartiere : Padre Sabino Gentili di Castel di Tora un paesino della provincia laziale .

La prima volta che ho sentito parlare dell’opera di Padre Sabino è stato durante la inaugurazione della Associazione Culturale Italo Brasiliana do Rio Grande do Norte . Ad un certo punto della cerimonia ci sono stati degli interventi di imprenditori e uomini di cultura sia italiani che brasiliani che hanno ricordato la presenza italiana a Natal , Successivamenete sono state donate delle placchette commemorative ad alcuni personaggi e tra questi appunto Padre Sabino Gentili . Una giovane donna ha raggiunto il palco ed ha ricevuto l’omaggio in sua vece . Apparecida , questo il nome della giovane , che successivamente ho appreso esssere nata proprio a Mae Luiza e aver seguito tutta l’opera di Sabino , ha ringraziato il pubblico ed ha letto un brano scritto dal Padre che era anche giornalista .

Questo è stato il mio primo contatto con Padre Sabino , tra me ed i suoi pensieri resi vivi dalla voce di una testimone della sua opera . Padre Sabino Gentili , purtroppo è morto nel 2006 durante una breve visita nel suo paese natale di Castel di Tora . Quando , due settimane dopo , grazie proprio ad Apparecida , sono stato in visita al Centro Anziani fondato da Padre Sabino a Mae Luiza , una anziana donna , sapendo che ero anche io italiano , mi si è avicinato e mi ha detto tra il serio e lo scherzoso nel suo dialetto natalense : ma come Padre Sabino ha messo assieme tutti questi vecchi e poi ci ha abbandonato ?

L'opera di Padre Sabino continua anche dopo di lui grazie all'aiuto di tante persone di buona volontà e di sponsor che sostengono con i loro contributo le istrituzioni create a Mae Luiza per i giovani e gli anziani .Coloro che sono interessati a dare un aiuto tangibile possono contattarmi in privato ed io fornirò il contatto per le donazioni .


sabato 23 aprile 2011

Da Natal , buona Pasqua a tutti


Auguri a tutti gli amici di Vivereinbrasile una buona Pasqua ( Feliz Pascoa ) . Alle varie alternative di festeggiamento ho preferito passare la festività in casa cucinando il tradizionale baccalà ( tradizionale per il Brasile perchè a Napoli si fa il " casatiello " , la pastiera e chi più ne ha più ne metta ) L'ho preparato non alla brasiliana ma cucinato con pomodori , ulive nere e capperi ma accompagnanto da riso con "tempero brasiliano " e patate . Anche qui si trova la classica colomba pasquale con uvetta e frutta candita oppure con goccie di cioccolato . Del vino rosso cileno varietà Carmenere , forte ma adatto al baccalà che non è proprio delicato , accompagnerà il pranzo .

venerdì 22 aprile 2011

Cerca nel Blog

Ho notato che molti lettori del Blog fanno domande su argomenti già ampiamente trattati da Vivereinbrasile . La risposta a queste domande sottrae una grande quantità di tempo alla scrittura di nuovi articoli oltre ad essere poco interessante per molti lettori . Volevo pertanto stimolare l'uso del gadget Cerca nel Blog , una risorsa messa a disposizione da Google per la piattaforma Blogger . Il gadget si trova nella pagina iniziale del Blog sul lato sinistro immediatamente sotto al cambio . Attraverso questo strumento , digitando le parole che vi interessano arrivate direttamente agli articoli relativi evitando così domande ed attese inutili .

giovedì 21 aprile 2011

SELIC al 12%


Come previsto il COPOM ha aumentato nella sessione del 20 Aprile la taxa SELIC che dal 11,75% è passata al 12 % annuo . Sindacati ed industriali protestano . Il governo lo ritiene indispensabile per combattere l'aumento della inflazione e raffreddare i consumi . Chi ha investimenti legati a questo indice vedrà i suoi rendimenti aumentare .

O Comitê de Política Monetária (Copom) do Banco Central elevou, nesta quarta-feira, a Selic em 0,25 ponto, em linha com a aposta majoritária do mercado, elevando a taxa básica brasileira para 12% ao ano, o nível mais alto em dois anos.

O colegiado do BC deu sequência ao ciclo de aperto monetário iniciado em janeiro, quando decidira pelo primeiro aumento de 0,5 ponto, estratégia que vem sendo acompanhada de outras iniciativas do governo para tentar controlar a inflação.

A Selic entrou no ano de 2010 a 8,75% ao ano, patamar que foi mantido até a reunião de 28 de abril, quando a taxa foi elevada a 9,5% ao ano. Nas duas reuniões que seguiram, a de 9 de junho e a de 21 de julho, houve aumento, de 0,75 ponto percentual e de 0,5 ponto percentual, respectivamente. Nas últimas três reuniões, as de 1º de setembro, a de 20 de outubro e a que fechou o ano de 2010, em 08 de dezembro, a taxa foi mantida em 10,75% ao ano. Na penúltima reunião, em 19 de janeiro, ela foi elevada para 11,25% ao ano e na última, em 1º e 2 de março, ela foi para 11,75%.

mercoledì 20 aprile 2011

Fineco aumenta il costo del prelievo in Brasile


Pesanti limitazioni sono state imposte da Fineco sui prelievi e sulle spese che possono essere sostenuti in Brasile . I prelievi soprattutto sono stati limitati alla ridicola somma di 150 euro a prelievo . La Banca si giustifica invocando misure di sicurezza ma poi consentono prelievi ripetuti ! La vera ragione secondo me è lucrare sulla commissione che a questo punto si triplica . Prima per prelevare 1000R$ spendevo 2,9 euro adesso dovrò spendere 2,9x3 = 8,7 euro . Se qualche lettore ha una soluzione più economica è pregato di comunicarla .


martedì 19 aprile 2011

Oggi piove : ma grazie ad Al Pacino è lo stesso una bella giornata

Una grande lezione di vita ed un grande Al Pacino : prendetevi alcuni minuti di relax e godetevi questa indimenticabile arringa .

lunedì 18 aprile 2011

Una decisione senza precedenti nella storia


Standard & Poor's conferma il rating di "Tripla A" degli Stati Uniti ma rivede l'outlook a "negativo" da "stabile". Una decisione senza precedenti nella storia. Riflette, spiega in una nota l'agenzia di rating, il deterioramento dei conti pubblici. Per S&P, la cui decisione arriva dopo lo stallo del Congresso sulla manovra fiscale , c'è il rischio che il Congresso e il presidente Usa, Barack Obama, «non riescano a raggiungere un accordo per risolvere le sfide di bilancio di medio e lungo termine entro il 2013». Probabile, spiega l'agenzia, che un accordo sarà trovato solo dopo le elezioni presidenziali del prossimo anno (novembre 2012).

Ragion per cui il profilo fiscale degli Stati Uniti potrebbe diventare secondo l'agenzia «significativamente più debole» rispetto a quello degli altri Paesi con rating sovrano di tripla A. «L'economia Usa - si legge nella nota di S&P - è flessibile e altamente diversificata e le politiche monetarie del Paese hanno sostenuto la produzione contenendo le pressioni inflazionistiche». Tuttavia «poiché gli Usa hanno un deficit molto ampio rispetto agli altri Paesi con tripla A, e il percorso per ridurlo non ci è chiaro, abbiamo rivisto il nostro outlook sul rating di lungo termine a "negativo" da "stabile"».

La reazione del Tesoro Usa
Immediata la reazione del dipartimento al Tesoro. «Riteniamo che un outlook negativo sottostimi la capacità dei leader americani di trovare un punto di incontro per risolvere i difficili problemi di bilancio che la Nazione deve fronteggiare», ha detto Mary Miller, collaboratore del segretario al Tesoro, Timothy Geithner.

Proprio Geithner ieri aveva annunciato di essere «assolutamente certo» che il Congresso degli Stati Uniti approverà l'innalzamento del tetto del deficit Usa. Anche perché, se non lo facesse, i parlamentari americani avrebbero la responsabilità di mettere l'economia americana in condizione di «rischi catastrofici».

Dalla Casa Bianca: un giudizio politico
Secondo il consigliere economico della Casa Bianca, Austan Goolsbee quello di S&P è un «giudizio politico». Parlando alle tv MSNBC e CNBC, Goolsbee ha riferito di non essere d'accordo con ribadendo che gli Stati Uniti raggiungeranno un'intesa a lungo termine sulla riduzione del deficit di bilancio.

Obama: faremo meglio delle previsioni di S&P
Gli Stati Uniti «faranno meglio» rispetto all'outlook dell'agenzia di rating Standard & Poor's'. Il governo, come ha sottolineato il portavoce della Casa Bianca Jay Carney, «troverà una soluzione» per i problemi di bilancio del Paese. Il presidente Barack Obama, ha detto il portavoce, è convinto si troverà un accordo, dal momento che sia il piano per migliorare i conti pubblici presentato dal presidente sia quello dei repubblicani della Camera dei Deputati chiedono una riduzione del deficit di circa 4.000 miliardi. La decisione di S&P, ha detto ancora Carney, è comunque un «promemoria» dell'importanza dei problemi di bilancio.

Mercati in rosso, dollaro giù, oro record
Dopo la notizia, Wall Street e le Borse europee viaggiano in netto ribasso. Mentre l'oro si è avvicinato, per la prima volta nella storia, alla soglia dei 1.500 dollari. Complice il calo del dollaro. Reazione negativa anche da parte dei titoli del Tesoro Usa, con l'interesse sul titolo decennale in rialzo al 3,45 per cento a New York.

Fonte : Il Sole24ore

domenica 17 aprile 2011

Vivere in Brasile : le vostre storie/4


Questa è la storia di Rodolfo ( Nome di fantasia su richiesta dell'autore ) . Ho ricevuto questa email lo scorso Dicembre da Rodolfo della provincia di Como da poco trasferito ad Uberlandia nello Stato di Minas Gerais . La sua storia è diversa da quelle pubblicate sinora perchè Rodolfo ha 35 anni ed è un ingegnere civile libero professionista ma lascia l'Italia anche lui a causa della crisi economica .


Ciao Antonio,
ho scoperto il tuo blog vivereinbrasile alcuni mesi fa e lo leggo sempre con estremo interesse. Ti scrivo da Uberlandia - Minas Gerais (città in grande crescita), dove dopo diversi mesi di "ragionamenti" ho deciso di trasferirmi a inizio dicembre dalla provincia di Como. Ho 35 anni e sono ingegnere civile, ho sempre lavorato come libero professionista in ambito stradale per i comuni della mia zona, adattando lo studio nella mia sala, non avendo dietro nessuno, e certi anni è anche andata bene (sempre lavorando onestamente e pagando le tasse fino all'ultimo centesimo, sono preciso e fondamentalmente onesto), tant'è che nel tempo, essendo un risparmiatore, ho messo da parte un discreto gruzzolo che ho investito pressochè in toto nella costruzione di una casa ad Arraial d'Ajuda, vicino a Porto Seguro, che sta finendo in questi giorni. L'idea è quella di affittarla.

Il 21 novembre scorso ho chiuso la mia P.Iva perchè negli ultimi due anni la crisi e il decreto Bersani hanno spazzato via migliaia di piccoli professionisti come me, anche se la cosa non fa notizia, e questa è stata la goccia che mi ha fatto fare il passo, questa "fuga" che però vuol essere anche propositiva.

Se non avessi conosciuto la mia ragazza, che è appunto di Uberlandia, non credo sarei qui ora; nonostante molti aspetti dell'Italia di oggi non mi piacciano e mi facciano sentire estraniato (in primis la freddezza delle persone e lo Stato predatore), amo profondamente la mia terra, il paesaggio, la sua natura, la storia, insomma tutto, e sono molto combattuto tra il desiderio di una nuova vita qui, anche se l'idea di restarci per sempre non ce l'ho, e il ritorno in Italia.

Oggi cmq sarei disoccupato in Italia come lo sono qua; l'idea di cercare lavoro in Italia dopo 10 anni da autonomo mi mette ansia, qui si respira più ottimismo, ma è tutto molto diverso e pensare di inserirsi in ambito lavorativo è strano; son qui da solo 3 settimane, la vita è diversissima da quella a cui sono abituato, molto più consumistica e questo non mi piace, certe cose come la propensione brasiliana a spendere soldi facilmente o a compare com cartoes e le priorità nella vita di tutti i giorni (dalla comida al parrucchiere) mi lasciano basito dopo 35 anni in brianza, ma lo sapevo che era così ed è anche un modo per scoprire un'altra realtà di cui sento non farò mai parte appieno, nonostante a tutti piacciano i piaceri della vita!

Abito a casa della mia ragazza brasiliana, che vive coi genitori (non è il massimo), lei ha 21 anni e frequenta ancora l'università (emfermagem) che finirà tra due anni. è 3 anni che stiamo insieme; questa è la quarta volta che vengo in Brasile mentre lei è stata a casa mia un mese le ultime due estati. Economicamente i suoi stanno bene perchè proprietari, insieme agli zii e ad un altro socio, di una ditta di refeiçoes, ma spendono tutto quello che guadagnano. Il discorso è che per stare qui più di 6 mesi e per lavorare (perchè non si può senza visto come m'insegni) mi devo sposare; quindi oltre a dubbi lavorativi (perchè lo devo trovare un lavoro...sia per come son fatto io sia perchè mi sento a disagio nella situazione attuale) c'è anche una situazione personale delicata. Insomma, sono arrivato sin qui ma ora sono molto dubbioso.

Scusa se ti atrapalho, ma sentivo il bisogno di scrivere a qualcuno che non mi conoscesse... se ti va di rispondermi tu come la vedi?

Dopo la mia risposta passano diversi mesi senza notizie , finchè il 15 Aprile Rodolfo mi scrive nuovamente :


Ciao Antonio, come stai? Innanzitutto auguri in ritardo per il tuo compleanno!
Continuo a leggere il tuo blog con frequenza xchè è sempre interessantissimo.
Dopo alcuni mesi ti riscrivo... la permanenza in Brasile prosegue... tra entusiasmi e perplessità, immagino puoi capire che non è facile, xò mi sto impegnando!

Sono stato oltre due mesi ad Arraial d'Ajuda per finire la casa facendo veramente di tutto (dal falegname, al muratore, al giardiniere, è stata un'esperienza formativa notevole, soprattutto per la pazienza necessaria, ma siamo troppo contenti del risultato xchè ci abbiamo messo l'anima). In più ho fatto il grande passo: ci siamo sposati da poco (6 aprile!) e ora sono in cerca di lavoro...è la cosa che mi preoccupa di più, son sempre pensieroso e un po' triste... son stato in alcune ditte di lavori stradali, speriamo bene, il mio pensiero è sempre lì.... proprio oggi poi abbiamo trovato un appartamento dove andare in affitto qui a Uberlandia (il che ti garantisco non è facile, era 10 gg che cercavamo senza sosta il giusto compromesso tra costo e qualità, alla fine staremo in un piccolo appartamento ma carino a 650 R$).

So che non posso fare pubblicità ma se vuoi divulgare privatamente a qualcuno il sito della mia casa ad Arraial sarei contento: https://sites.google.com/site/villalamantinarraial/; per passare qualche giorno di relax è il massimo, è in una zona tranquilla e c'è tutto...

Ciao e grazie per le tue parole di dicembre...


Auguri a Rodolfo per il suo recente matrimonio ed invito i lettori ad visitare il suo sito e se decidete di passare una vacanza ad Arrajal d'Ajuda non mancate di andare alla Villa Lamantina . Da parte mia gli faccio i complimenti per il gusto con cui ha realizzato la sua casa di vacanza e gli auguro un grande successo professionale qui in Brasile .


sabato 16 aprile 2011

Hotelbookingbrasil : l'indirizzo del tuo appartamento in Brasile


La Hotelbookingbrasil , l'Agenzia di servizi turistici dell'amico Gianni , già famoso per essere il primo ad offrire l'Assicurazione di Viaggio Nomad qui a Natal , da oggi consente di prenotare anche il Janelas do Potengi ed il Varandas de Ponta Negra . Seguite i link .














Uomini o caporali

Il 15 Aprile del 1967 moriva il grande Totò che assieme ad Eduardo de Filippo ritengo siano autentici giganti e non solo nell'ambito delle loro professioni . Il breve filmato che riporto è tratto dal celeberrimo Siamo uomini o caporali ? Ascoltate attentamente la definizione di Totò e capirete che sta parlando di una categoria universale . Il suo discorso sarebbe stato valido anche se fosse stato fatto 5000 anni fa in Mesopotamia e sarà valido anche tra 5000 anni .




venerdì 15 aprile 2011

Euro : il segreto nascosto ... o quasi

L'eurozona sta mostrando enormi carenze strutturali e sistemiche, ignote al 99% della popolazione.

L'euro e' l'unico vero collante di un'idea/progetto in cui adesso e' obbligatorio credere ma solo perche' non ci sono alternative ad una serie di default rovinosi di singoli stati. Dal primo salvataggio nell'area dei PIIGS (Portogallo, Irlanda, Italia, Grecia e Spagna) quello avvenuto per evitare il crack di Atene, e' passato quasi un anno. Poi sono seguiti i bailout di Irlanda e Portogallo. E' la Spagna, il prossimo? Questo intervento coordinato ma insano di banche centrali e governi, che agiscono come croupier di una bisca dove il gioco e' truccato, ha immesso finora centinaia di miliardi di euro sul piatto del mercato finanziario globale. Obiettivo: evitare il tracollo tragico di paesi irresponsabili fiscalmente, sapendo comunque che alle popolazioni, massimamente ignare di quel che accade, le misure di austerita' chieste da un'elite di burocrati non-eletti, in contropartita per il "raddrizzamento" dei conti, porteranno ancor piu' miseria e recessione nella vita di tutti i giorni. Ma chiunque si occupa, per lavoro o per ricchezza propria o per voglia di capire, di mercati finanziari, chiunque conosce le leggi della macroeconomia sa perfettamente che dissanguarsi stampando carta moneta ed ingigantendo all'infinito i debiti sovrani, con la copertura di una martellante propaganda di bugie mediatiche sulle tv e i giornali posseduti dai poteri forti, e' una mascheratura patetica dell'insolvenza virtuale ed in futuro fattuale a cui l'Europa sta tragicamente andando incontro.

Sono aumentati i rendimenti sui bond a 10 anni degli stati sovrani dei paesi PIIGS (Portogallo, Irlanda, Italia Grecia e Spagna). PIIGS e' una sigla che a Roma si tende a non accettare "mentalmente" per ignoranza, per malafede o tutt'e due insieme. L'Italia nel chart e' rappresentata dalla curva dei rendimenti del BtP a 10 anni emesso dal Ministero del Tesoro. Al momento e' in posizione piu' bassa e quindi meno "a rischio" nella griglia dei rendimenti di bond delle altre nazioni del Club Med. Ma mentre il bond greco ha stabilito il nuovo massimo con rendimenti al 13,41% (i titoli a breve hanno toccato il 18%) il che sul fronte CDS indica un 60% di probabilita' di default per la Grecia, il bond italiano a 10 anni quota un tasso di interesse del 4,709%, piu' ragionevole ma comunque al top di periodo. Certo sono rendimenti molto alti per quegli investitori (e speculatori internazionali) che accettano di correre il rischio di vedere calare ulteriormente i prezzi di questi bond e il rischio quintuplo di una ristrutturazione dei debiti che sara' per forza nell'ordine compreso tra il 30 e il 50%. Quale titolo infatti rende oggi il 13% a meno che non sia un bond del Vietnam? Robe da junk, titoli spazzatura appunto: altissimo rendimento, altissimo rischio. Il fatto e' che l'eventualita' di improvvisi eventi negativi che spazzino via in un weekend ogni calcolo utilitaristico di breve periodo, esiste eccome.

Anche perche' cio' che oggi manca in modo plateale alle classi politiche che ci governano e alla burocrazia di non-eletti che guida le banche centrali cardine del sistema, e' il semplice buon senso economico, un sano e pragmatico approccio secondo il quale salta o muore chi non e' in grado di stare in vita. Non e' normale, anzi e' patologico, continuare a forzare una situazione sfuggita di mano solo perche le lobby perseguano il proprio elitario progetto di dominio in un'Europa in cui la gente NON crede. E' accanimento terapeutico. Capiamo avesse funzionato, ma invece l'eurozona e' un disastro.

Molto probabilmente chi aveva tirato un sospiro di sollievo la scorsa settimana, scommettendo sullo smorzarsi delle preoccupazioni sui PIIGS, lo ha fatto in modo alquanto prematuro. E' torna alta infatti nella giornata di oggi la tensione sui mercati dei titoli di stato europei, con i rendimenti sui bond portoghesi e greci a nuovi livelli record.

Secondo quanto riporta Bloomberg, i rendimenti dei titoli portoghesi a cinque anni sono balzati al 10,46%, mentre i rendimenti dei bond greci a dieci anni sono saliti sopra la soglia del 13% per la prima volta da almeno il 1998, esattamente al massimo del 13,41%. I rendimenti dei bond greci a due anni sono balzati poi di 92 punti, portando il rialzo totale di questa settimana a 157 punti base; tensione anche nel resto dei paesi periferici, con i rendimenti dei titoli decennali spagnoli cresciuti di 9 punti base, e quelli irlandesi di 13 punti base.

Come se non bastasse, i credit default swap sulla Grecia hanno indicato una probabilità del 60% di un default del paese entro i prossimi cinque anni e hanno toccato il record di sempre a 1.105 punti base, secondo i dati raccolti da Markit. In più Mortz Kraemer, responsabile del team di valutazione dei debiti europei presso S&P ha affermato che i detentori di bond potrebbero assistere a una svalutazione compresa tra il 50% e il 70% sul valore dei propri bond, se la nazione decidesse di ristrutturare i propri debiti.

E il punto è che proprio nella giornata di oggi pesano come un macigno le parole proferite da Lorenzo Bini Smaghi, membro del comitato esecutivo della Bce, che ha affermato che qualsiasi ristrutturazione del debito pubblico di Atene "comporterebbe il fallimento di gran parte del sistema bancario greco". Pesano in quanto analisti come Greg Venizelos, strategist del credito presso BNP Paribas, a Londra, dichiara a una intervista a Bloomberg, che "la Grecia potrebbe non avere altra alternativa alla ristrutturazione del debito, al fine di tornare su un percorso di debito sostenibile"; e questa necessità del paese, precisa l'analista, "è probabilmente il segreto peggiore che ci è stato nascosto".

Il mercato dei titoli di stato torna così a tremare. Oggi, i rendimenti extra che gli investitori richiedono per detenere un bond portoghese a 10 anni invece che un bund tedesco è balzato a 549 punti base, al record dai tempi dell'introduzione dell'euro, mentre lo spread Grecia-Germania è aumentato di 32 punti base.

Fonte Wall Street Italia


Il flauto di Pan


Una foto curiosa ma significativa . Stavo preparando un piatto di pastasciutta e aprendo il pacchetto di penne del pastificio Sora di Salvador mi sono imbattuto come al solito nel divertente mix di pezzature differenti . Insomma la macchina che taglia la pasta non è sincronizzata all'avanzamento del tubo di pasta e pertanto il taglio è del tutto casuale come mostrato in questa mia foto che assomiglia ad un flauto di Pan .

Qualcuno potrebbe accusarmi di non avere un c....o da fare ma non è così . E' la abitudine ai dettagli di noi italiani ed inoltre il mio lavoro per 30 anni è stato quello di ingegnere in automazione industriale . Spero che quello del taglio sia l'unico problema del pastificio Sora ma ho i miei dubbi visto che anche il colore della pasta varia da lotto a lotto !

Vivere in Brasile : le vostre storie/3

Continuano ad arrivarmi dall'Italia email che io reputo sempre più allarmanti e capirete presto il perchè.

Molti , soprattutto giovani , guardano al Brasile come una terra promessa e pensano al grande passo senza pensarci due volte . Ce ne sono di tutte le estrazioni sociali con o senza laurea ma tutti con il medesimo problema : non vedono futuro in questa nostra Italia .

A tutti vorrei dire che Vivere in Brasile non è un invito a trasferirsi nel Paese Tropicale altrimenti si chiamerebbe Andiamo a vivere in Brasile , ma una serie di foto , di spaccati della realtà brasiliana vista dagli occhi di un gruppo di persone che vivono quotidianamente questa situazione . Il tutto in completa buonafede e senza alcun fine commerciale .

Una per tutte voglio segnalare questa email dove per motivi di riservatezza cancello il nome del mittente . La segnalo affinchè tutti possano dare un consiglio disinteressato a questo lettore che si dichiara lui stesso confuso e preoccupato . Naturalmente io ho già risposto alla email in privato .

ciao Antonio,

scusa se ti disturbo da un po’ di tempo ho veramente deciso di trasferirmi il prima possibile in brasile esattamente a rio, volevo approfittare della tua conoscenza del posto per avere qualche informazione sul brasile . ti spiego in breve la mia situazione ,sono un ragazzo di 37 anni che come tanti altri no ha piu’ un lavoro in questo momento sono costretto ad andare avanti con 700 euro di entrata mensile grazie all’affitto di un piccolo appartamento qui a Roma ,ho deciso insieme alla mia famiglia ,madre e zia ,visto che sono single di trasferirci a rio mettendo in vendita questo appartamento ,facendo 2 calcoli la vendita dell’ appartamento si aggira intorno ai 200mila euro e mi piacerebbe sapere cosa si può fare a rio de janeiro con una somma simile ,in confidenza ti dico che sono innamorato del brasile ma anche un po preoccupato per questo trasferimento perche non so esattamente il costo della vita in brasile ! come costo della vita intendo un ‘affitto umile per 3 persone a rio de janeiro , il costo per aprire un’attivita’ commerciale ecc . guardando in internet ho trovato solo appartamenti da circa 1000 euro al mese ,ma e’ possibile che a rio non ci siano appartamenti piu’ economici? poi volevo anche chiederti se anche in brasile come molti paesi del sud america esiste il cambio nero di denaro sicuramente e’ piu’ alto del cambio ufficiale di euro/reales 2.280 , se puoi potresti dirmi a quanto e’ il cambio non ufficiale di euro cosi mi faccio 2 calcoli ! scusa se ti ho fatto molte domande , sono un po’ confuso sul mio futuro ma completamente sicuro che non sara qui in italia ma in brasile .....ti ringrazio anticipatamente per qualsiasi informazione o consiglio tu mi possa offrire ,aspetto una tua risposta ci sentiamo ciao ciao



giovedì 14 aprile 2011

Dilma , Cina e Brics

Brics apregoam reformas na ONU e no sistema monetário

Grupo alerta para fluxo excessivo de capitais para economias emergentes e reivindica participação global mais preponderante

Presidentes de Índia, Rússia, China, Brasil e África do Sul participam de encontro em Sanya, na China.

Presidentes de Índia, Rússia, China, Brasil e África do Sul participam de encontro em Sanya, na China. (How Hwee Young)

Em declaração conjunta emitida nesta quinta-feira, os Brics defenderam reformas na ONU e no sistema monetáro internacional. Reunido na cidade chinesa de Sanya, o grupo dos cinco países emergentes - Brasil, Rússia, Índia, China e África do Sul - criticou o atual formato do modelo econômico. "A crise financeira internacional expôs as inadequações e deficiências do sistema monetário e financeiro internacional existentes", informa o comunicado.

Os países ainda se mostraram preocupados com o crescente fluxo de capitais para as economias emergentes: "Apelamos a uma maior atenção diante dos riscos que representam os fluxos em massa de capitais internacionais". Os emergentes atraem o mercado pela taxa de juros mais elevados na comparação com os países desenvolvidos.

ONU - Os Brics também reivindicaram uma participação mais efetiva nas decisões geopolíticas, por meio de uma reforma na ONU (Organização das Nações Unidas). Em comunicado, os países destacaram o modelo anacrônico do organismo internacional. "A reforma da ONU e de seu Conselho de Segurança são essenciais porque não é possível iniciarmos a segunda metade do século XXI vinculados a um acordo institucional criado após a guerra", disse a presidente do Brasil, Dilma Rousseff.

China e Rússia, membros permanentes do Conselho de Segurança da ONU, manifestaram apoio às entradas de Brasil, Índia e África do Sul no bloco. "Podemos unir esforços, sem precipitação, a diplomacia e a negociação devem ser privilegiadas", declarou Dilma.

Brics - O banco de negócios Goldman Sachs inventou em 2001 a sigla BRIC, em referência ao crescente peso das quatro economias emergentes. A China convidou a África do Sul a se juntar ao grupo no final do ano passado.

Os cinco países, que contam hoje em dia com mais de 40% da população mundial, representarão 61% do crescimento do planeta em 2014, de acordo com estimativas do Fundo Monetário Internacional (FMI).

Entre 2003 e 2010, o crescimento dos países BRICS representou cerca de 40% do PIB (Produto Interno Bruto) mundial, segundo dados divulgados pela Chancelaria brasileira.


Fonte : Veja