domenica 8 gennaio 2012

Come rivalidare la laurea italiana in Brasile


Ai molti laureati che mi scrivono alla ricerca di un lavoro in Brasile  rispondo spesso  che il primo passo da fare è la rivalidazione della laurea italiana .
Oggi , approfittando della gentilezza del  collega  Piero Bergonzini del gruppo Linkedin : Italians doing business in Brasil , pubblico il procedimento da seguire per ottenere la benedetta rivalidazione .

Il procedimento è stato " testato " alla UFRJ , per un'altra università potrebbero esistere delle differenze ma il percorso da seguire rimane sostanzialmente quello .Aggiungo che se si vuole solo seguire un corso di post graduazione , un cosiddetto mestrado , non sempre è richiesta la rivalidazione della laurea : la Unicamp ad esempio non lo richiede.

Proprio oggi sono stato alla UFRJ per far partire il processo della rivalidazione della mia laurea, visto che sto frequentando lì un "mestrado". In effetti è un procedimento un po' lungo, ma non impossibile. Può darsi che qualche piccolo particolare diverga da università a università, ma devi fare diversi passaggi.

1) prendere il diploma in originale e lo storico universitario (la certificazione della tua università italiana con l'elenco di tutti gli esami superati - con votazione - e la durata del corso di laurea).

Per questi due documenti bisogna :

a) far riconoscere la firma in calce dalla prefettura dove si trova l'università.
b) andare al consolato brasiliano in Italia per far riconoscere la firma della prefettura.
c) in Brasile, fare tradurre i due documenti e farli autenticare in un cartorio

questa è la fase più lunga . I  due documenti vanno portati  all'università brasiliana, insieme a:

2) una scheda (io l'ho presa da internet) della tua università italiana
3) il programma con la bibliografia di tutti gli esami sostenuti (io ho fatto le fotocopie dalla guida dello studente, che poi ho fatto vidimare dalla mia università italiana come copie conformi
4) copia autenticata della carta d'identità brasiliana (o del passaporto) e del CPF
5) comprovante di residenza

se tutto va bene, loro ti daranno un "boleto" per pagare la relativa tassa. Alla UFRJ sono 70,65 R$

Da questo momento, mi hanno detto, ci vogliono 3/6 mesi per concludere l'iter.

Come  dicevo, può darsi che qualche cosa possa divergere in altre università federali. In ogni caso, dai rispettivi siti internet si dovrebbe poter verificare come fare. Poi, come ho fatto io, penso valga la pena fare un salto là per chiedere conferma.

In bocca al lupo!

35 commenti:

  1. Davvero interessante...una domanda questo processo di validazione della laurea lo si puo' fare solo nelle universita' 'Federal o la stessa cosa puo' valere anche per quelle private " particular" grazie mille Enzo

    RispondiElimina
  2. Ciao sono Luigi Martini,
    seguo sempre il Vs blog con interesse e vi faccio i complimenti per i temi trattati.
    Io sono laureato in agraria ed ho avuto alcune esperienze in brasile con la cooperazione italiana, attualmente sono in italia ma volevo riconoscere la mia laurea in brasile, avrei alcuni dubbi sull'elenco pubblicato nell'articolo:
    -Punto 2)che scheda sarebbe?
    -Punto 2) e 3) vanno tradotti in portoghese con le solite autenticazioni?
    -Punto 5) non abito in brasile e non ho comprovante de residencia, è possibile farlo lo stesso?

    Un abbraccio e grazie
    Luigi Martini

    RispondiElimina
    Risposte
    1. scusa il ritardo della risposta, ma solo ora ho visto che avevano messo il mio "vademecum" su questo sito. allora, circa il punto 2 mi hanno richiesto una scheda informativa sull'ateneo di provenienza. io l'ho presa dal sito internet dell'universitá, ma sarebbe andata bene anche una pubblicazione, folder o altro.
      questo documento, insieme ai documenti di cui al punto 3, non li ho tradotti ma presentati tali e quali (quelli al punto 3, come scritto, vidimati in italia come copie conformi).
      per il punto 5 non saprei, ma vedo che ti hanno giá risposto
      Piero Bergonzini

      Elimina
  3. Salve

    rispondo a tutti coloro che hanno fatto domande sul processo di rivalidazione della laurea . Il mio consiglio è quello di iscriversi al gruppo di Linkedin citato nel Post .Il motivo è che nel gruppo ci sono molti più lettori con questa problematica rispetto ai lettori di Vivereinbrasile .

    Per Martini : per comprovante di residenzia qui in Brasile si intende una bolletta di qualsiasi utenza brasiliana ( Luce , telefono , ecc ) a te intestatata . In mancanza puoi produrre un Contratto di locazione dell'appartamento dove vivi in Brasile o di un amico compiacente . Infine le traduzioni in Portoghese vanno sempre fatte da un traduttore giurato .

    RispondiElimina
  4. con una laureA "vecchio ordinamento" in legge, cosa puoi fartene in brasile? complimenti per il sito!!!

    RispondiElimina
  5. per Luigi Martini.. ma sei di Forlì? ciao Enzo

    RispondiElimina
  6. Ciao Enzo,
    uso il blog per risponderti!
    sono Luigi Martini, sono toscano della provincia di Arezzo, la mia mail è luigimartini2000@yahoo.com.br; se mi vuoi scrivere.
    Grazie a tutti
    Luigi

    RispondiElimina
  7. io ho iniziato il processo di rivalidazione alla UFU di Uberlandia il 6/10/11. il 15/12/11 mi hanno richiesto ulteriori documenti inizialmente non previsti che sto richiedendo alla Università italiana dove mi sono laureato. Il processo è lungo e difficile. PS: ho già pagato R$ 500 di tassa.

    Francesco B. - Uberlandia

    RispondiElimina
  8. Per Francesco B. Di uberlandia quali soo i documenti ulteriori che ti hanni richiesto? io penso di inziare a fare il mio processo di validazione della mia laurea di agraria presso la uniaraxa di Araxa ( non sono molto lontano da uberlandia...) ciao Enzo

    RispondiElimina
  9. ciao Enzo, siamo vicini!

    oltre alle cose richieste nella documentazione iniziale che mi hanno consegnato (pergamena di laurea originale, elenco esami sostenuti, programmi di tutte le discipline con monte orario, diploma di maturità, il tutto autenticato dal consolato brasiliano di milano e in copia conforme autenticata qui in cartorio), dopo 2 mesi hanno richiesto documentazione ufficiale circa l'attribuzione dei voti e le modalità di svolgimento delle lezioni, documentazione circa lo stage supervisionato e il TCC, ovvero la tesi di laurea. Dopodichè il processo ricomincerà daccapo. Sto richiedendo questa documentazione al Politecnico di Milano.

    Francesco B.

    RispondiElimina
  10. informo gli amici del sito che la UFU di Uberlandia NON ha rivalidato la mia laurea al Politecnico di Milano in ingegneria civile, dicendo che mi mancherebbero 8 (!) esami da fare qui per renderla equiparabile. Ahah... vabè... 9 mesi, sbattimenti vari e R$ 500 buttati... non che ci credessi più di tanto, ma fa rabbia lo stesso. Comunque visto che in ogni posto è diverso, magari in altri casi può andar bene, ma preparatevi a soffrire lungaggini e umiliazioni. Buona fortuna

    Francesco B.

    Francesco B.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Francesco

      mi dispiace per quanto accaduto ma ciò non fa altro che confermare la mia impressione di residente da 8 anni in Brasile . Il governo e le istituzioni brasiliane NON vogliono affatto professionisti stranieri a meno che non entrino con visto di lavoro ( temporaneo ) richiesto dalle aziende straniere che qui sono installate . I giornali possono scrivere quello che vogliono ma i fatti dimostrano il contrario . Naturalmente possono esistere eccezioni ma questo non cambia le regole .Per questo motivo ho scritto il post : http://www.vivereinbrasile.com/p/visto.html

      Elimina
    2. grazie Antonio. Effettivamente lo sapevo da prima di venire qui seguendo il tuo sito e ho confermato questa idea già nei primi mesi qui; tuttavia mi son detto, proviamo.... per quanto riguarda le PALLE che quotidianamente scrivono Veja, Exame, Folha de Sao Paulo e siti vari sulla necessità di professionisti stranieri, sono appunto solo PALLE. O meglio, i professionisti e la mano d'opera qualificata in tutti i settori servirebbero, ma non interessa a nessuno cambiare il dia a dia brasileiro con persone straniere che hanno una mentalità diversa.
      Francesco B.

      Elimina
  11. Ciao, sono Daniela, ho conseguito una laurea specialistica in Antropologia e vorrei fare un dottorato in Brasile. Ho anche una laurea vecchio ordinamento e un dottorato in Matematica. A parte la procedura per i documenti, posso fare direttamente il dottorato o devo fare prima il mestrado? Pensi sia possibile ottenere una borsa brasiliana tipo CNPQ (al momento non ho trovato altri tipi di borse)?
    Pensavo di fare domanda alla UFRJ, che scade a fine agosto.
    Grazie
    Ciao
    Daniela

    RispondiElimina
  12. Salve a tutti sul tema rivalidazione in Brasile potrei scrivere un libro, sono ormai due anni che sono in questo pozzo senza fondo ma ancora non sono riuscito nemmeno a fare l'esame; confermo tutto quanto detto qui ovvero che il Brasile è estremamente protezionista (io direi con mentalità da medioevo) ovvero non vede di buon occhio professionisti stranieri a meno che: 1) Non siano altamente qualificati in qualcosa di specifico nel qual caso li chiamano solo per periodo limitati giusto il tempo per formare professionisti locali; 2) Non lavorino in aree di fortissima richiesta.

    In generale posso dire: l'iter di rivalidazione è profondamente diverso da laurea a laurea, si va da processi semplici (presentare la documentazione ed aspettare) a processi impossibili (come nel mio caso, Medicina, sebbene anche la Dilma ammetta che manchi almeno il 40% di medici nel Paese l'iter di validazione è impossibile perchè la "mafia" locale degli ordini medici non vogliono concorrenti).
    Caso a parte Legge: credo proprio (non ho certezza) che non sia neanche prevista la validazione, occorre studiare li.

    La validazione si compone delle tappe descritte qui, è possibile ottenerla SOLO in Università pubblica e spesso l'iter varia da univ.a univ.
    Inoltre cosa importante per alcune aree (neanche a dirlo Medicina) richiedono gia all'atto della presentazione della documentazione anche il visto permanente, cosa illegale perchè il processo di validazione è solo un processo universitario, io posso decidere di rivalidare oggi ed andare a lavorare in Brasile tra 20 anni...a fronte di questa irregolarità fare una causa sarebbe inutile e tempo perso.
    Sulla tassa di 500 reais ti posso dire consolati io ne ho spesi almeno 10 volte di più e sono ancora a zero.
    Inoltre spesso (manco a dirlo in Medicina) all'atto dell'iscrizione per il processo può venire richiesto il Celpe Bras (certificato proficiencia lingua portuguesa) cosa anche questa illegale come nel caso del visto per gli stessi motivi.
    Se qualcuno ha esperienza della laurea in Medicina mi contatti pure (tuan974@libero.it) ci possiamo scambiare idee ma resta il fatto che ad oggi la percentuale di passaggio dell'esame (eh si noi medici dobbiamo fare anche un esame su TUTTO quello che abbiamo studiato in 6 anni e molti di più) è inferiore all'1%...
    Umiliazioni se ne ricevono in continuazione, i titoli stranieri sono visti con MOLTA diffidenza (a meno di non avere amicizie altolocate, in quel caso si va dritti alla meta), sia che vi siate lauerati in Italia, Comunità Europea, USA (qualche anno fa è spuntato il caso eclatante di lauree ad Harvard non riconosciute).
    Il Brasile è anche questo, persone comuni della vita di tutti i giorni meravigliose ma chi lavora ai poteri decisionali ha una mentalità molto ristretta ed è influenzato da poteri forti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Silvi, ti capisco benissimo. Ma voglio credere che chi la dura la vince. Il Celpebras e il visto permanente sono richiesti per es. alla USP, ma non in altre università, almeno nella documentazione iniziale ufficiale, anche se potrebbero essere richiesti nel corso del processo, perchè qui le cose non sono mai ben definite. Anch'io sono in ballo da oltre un anno senza risultato. Buona fortuna

      Francesco

      Elimina
    2. Ciao Silvi! Sono Sara, mi sono appena laureata in medicina a Roma e sto vedendo le procedure per far rivalidare la mia laurea in Brasile, per motivi amorosi, visto che il mio ragazzo è brasiliano. A luglio avrò i test per provare la specializzazione in Italia e sono un pò in confusione! Ho paura di perdere troppo tempo con la revalida qui in Brasile e quindi di iniziare a lavorare tra un bel pò di tempo.Il tuo post è un pò vecchio, non so come si è evoluta la tua situazione attuale. Volevo alcuni tuoi consigli e delucidazioni, visto che hai dovuto affrontare prima di me queste procedure. Inoltre nel caso io consegua una specializzazione qui in Italia, per lavorare poi come medico specialista in Brasile occorre la stessa procedura? quanto è difficile quel test che valuta le nostre conoscenze? In particolare io vorrei specializzarmi in psichiatria infantile. Sai di qualche buona scuola in merito? Scusa per le mille domande, ma sono in gran confusione e in cerca di risposte. Grazie mille.

      Elimina
    3. Ciao Silvi e Francesco! sono Sara. Sto cercando informazioni sul procedimento di rivalidazione della mia laurea in medicina in Brasile. Ho visto in questo forum, anche se i vostri commenti sono un pò vecchi, che anche voi vi siete imbattuti nella stessa situazione. Il motivo di questo mio interesse è prettamente sentimentale, in quanto il mio ragazzo è brasiliano. Com'è andata poi a voi? Anche se si è conseguita una specializzazione in Italia, per lavorare da specialista in Brasile occorre la revalida? occorre fare anche un test sulle nostre conoscenze scientifiche? voi avete fatto questo test? è molto complesso? Io sarei interessata alla psichiatria infantile, conoscete qualche scuola in particolare molto buona in questo campo? Scusate le mille domande ma sono in un periodo molto pieno e confuso.Aspetto vostre notizie. Grazie mille.

      Elimina
    4. Ciao Sara! Affronterò la tu stessa identica situazione l'anno prossimo..per caso hai novità??? Grazie mille, Sara.

      Elimina
  13. E chi ha fatto l'Erasmus? Se uno ha fatto degli esami fuori dall'Italia, deve raccogliere anche i programmi e le ore delle discipline seguite nella facoltá estera? O varrebbe giá la garanzia dell'Universitá italiana di aver convalidato le materie straniere con materie italiane interne al proprio corso di studi italiano?
    Io ho fatto alcuni esami in Spagna, ma poi sono stati convalidati con esami equivalenti italiani. Quindi presento i programmi di quali esami? Di quelli spagnoli o di quelli italiani che sono stati dichiarati equivalenti agli esami spagnoli? Chi puó mi risponda, grazie!

    RispondiElimina
  14. Buona sera do Mario, avrei un problema con la conversione di una laurea in INGEGNERIA EDILE qui in Brasile. Ho preparato tutti i documenti ma ora il consolato mi chiede "PROVA DE REGULAR FUNCIONAMENTO DA INSTITUICAO E DO CURSO" ho provato a chiedere in FACOLTA' ma mi hanno risposto che non sanno cosa significhi ed hanno bisogno che il consolato BRASILIANO faccia loro una richiesta specifica.Figurati! Potresti darmi qualche indicazione in merito.
    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mario, anche io ho il tuo stesso problema!
      L'unico documento che non sono riuscito ad ottenere è questa dichiarazione di "idoneità" della scuola.
      Sono già stato dal consolato Brasiliano, Italiano e dalla facoltà, la mia ultima speranza è il MIUR.

      Tu ci sei riuscito?

      Grazie
      Vinicius

      Elimina
    2. La cosa buffa, si fa per dire, è che grazie ad accordi tra Italia e Brasile, i brasiliani possono fare il dottorato di ricerca presso le università italiane ma non è possibile il viceversa per gli italiani. Oltre il possesso della laurea gli italiani per accedere ad un dottorato di ricerca brasiliano devono fare il mestrado.
      Non per dare sempre addosso ai nostri politici ma, oltre al protezionismo del Brasile, c'è anche la dabbenaggine delle università italiane e di chi ci governa. Figurarsi poi far validare la nostra laurea! Inoltre dovrebbero esserci servizi di informazioni per agevolare queste necessità, ma il cittadino rimane sempre solo e deve cavarsela da solo se gli riesce. Boa sorte!

      Elimina
  15. Buongiorno a tutti, sono architetto è mi prospetta al possibilità di lavorare in brasile; c'è qualcuno che ha già fatto l'esperienza della rivalidazione per questo titolo?
    Grazie in anticipo.
    Elio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, io sono laureata in lettere (vecchio ordinamento), vivo qui da 15 anni e ho già tentato due volte la procedura e non mi hanno riconosciuto il titolo. Prima all'UFMG poi all'UFOP. Ci proveró per la terza volta all'USP, calcolando di spendere una fortuna e senza nessuna garanzia, perché sono comunque riuscita a fare un master e sto finendo il dottorato in linguistica (presso l'UFMG), ma senza il riconoscimento della laurea (graduação), non posso fare concorsi.
      Ma rispondendo al tuo caso: ho un'amica che è laureata in architettura in Italia ed è riuscita a farsi riconoscere il titolo qui presso l'UFMG. Prima gliel'hanno negato, poi lei è entrata con un avvocato e le hanno rivisto il processo. Alla fine ha dovuto seguire tre materie ed è riuscita ad ottenere il riconoscimento, ed in seguito ha potuto iscriversi all'ordine degli architetti, per cui può esercitare la professione.
      Dipende da dove pensi di farti riconoscere il titolo. Comunque ho visto che dopo questo caso, l'UFMG qui a Belo Horizonte, sta riconoscendo le lauree italiane in architettura, al massimo devi avere la pazienza di seguire qualche corso per integrare il curriculum. E preparati a spendere un SACCO di soldi, sia in Italia (nel sito del consolato brasiliano, e in quello delle università, trovi informazioni su TUTTI i documenti che devi avere, far vidimare e poi consolarizzare), sia in Brasile, tra traduzioni giurate e tasse dell'università (attualmente all'UFMG siamo introno ai 750 R$, all'USP 1500,00).
      Allora ti consiglio di informarti bene prima e avere TUTTI i documenti.
      E in bocca al lupo.

      Elimina
  16. Eu sou ítalo brasileira, e fiz um Master Universitario di II livello em Modena. Agora estou no Brasil e incrivelmente ainda não consegui resposta para a minha pergunta. Quem sabe posso tê-la perguntando a um italiano. O diploma de Master di II livello é equivalente a um mestrado aqui no Brasil? Favor enviar e-mail para bertolo_it@hotmail.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sim, o Master é equivalente ao mestrado...

      Elimina
  17. Salve!
    Ho una triennale in psicologia, vorrei rivalidare la mia laurea per poter lavorare in Brasile, precisamente a Salvador.
    Non voglio fare nessun mestrado o altro, vorrei solo rivalidare la laurea e mandare curriculum nelle scuole. Qualcuno sa dirmi se la mia laurea è sufficiente per fare ciò?
    Ringrazio chiunque per l'aiuto.

    RispondiElimina
  18. Ciao! Vorrei solo dire che in Italia è la stessa cosa...Gli stranieri raramente riescono a riconoscere i loro titoli e spendono un sacco di soldi... Siamo molto simili (Italia - Brasile), per tante cose!!!! rsrs Ma non perdiamo la speranza!!!

    RispondiElimina
  19. Salve a tutti. Vedo che non sono il solo a nuotare in questo casino. Anche io ho un problema simile, ma per ora leggermente diverso. Sto aspettando un visto di lavoro vitem 5 visto che ho una compagnia brasiliana che mi sponsorizza il visto. La richiesta è passata e ho il visto a condizione che io presenti entro 60 giorni dalla data di entrata in brasile i documenti che provano il mio titolo di studio legalizzati in consolato. Tutto chiarissimo a parte una cosa.

    Esattamente, quali sono i titoli che per il consolato provano il mio titolo di studio?? La pergamena di laurea (che non vorrei far toccare nella sua versione originale....)?? Una copia autenticata nel caso andrebbe bene??? Un certificato con tutti gli esami legalizzato presso la prefettura?

    Non riesco a saltarne fuori....qualcuno ha qualche consiglio per favore??

    grazie!
    Tommaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tommaso, sto più o meno nella stessa situazione, ho una ditta in Brasile, a Campinas, che ha intenzione di farmi il visto Vitem V per lavoro temporaneo. Hanno contattato un'agenzia di consulenza per seguire l'iter burocratico di richiesta del visto, e mi hanno passato l'informazione che, già per richiedere il visto, se presentassi la mia laurea "legalizzata" dal consolato brasiliano di Roma, ridurrei la mole di documenti da presentare per provare la mia esperienza professionale nel settore dove lavorerò (fotovoltaico). Ho già contattato il consolato di Roma via email per capire meglio la questione della laurea "legalizzata", ricevendo per il momento risposte piuttosto stringate e standard (tipo, di cercarmi le informazioni nel loro sito internet). Ho comunque già ritirato il mio certificato di laurea dalla mia università, non è la pergamena di laurea ovviamente, è un certificato che ho richiesto e che viene rilasciato dopo pagamento di marca da bollo, dove l'università attesta che sono laureato nel corso tal dei tali, della durata di X anni, con il voto di laurea.
      Sto cercando anche io di venirne a capo, se ho qualche novità a riguardo ti aggiorno.

      Giulio

      Elimina
  20. Ciao a tutti.
    Voi sapete come funziona il collegamento fra i titoli italiani e quelli brasiliani.. voglio dire: la SPECIALISTICA ITALIANA corrisponde al MESTRADO BRASILIANO?
    Se qualcuno sa qualcosa in più su questo argomento, mi illumini ! :)
    grazie in anticipo.

    daianny.dutra@hotmail.com

    vi lascio la mia mail.

    RispondiElimina
  21. salve!
    avrei solo una domanda da porre, tutta a pratica di convalida di una triennale italiana in brasile puo' o deve essere effettuata direttamente in brasile o devo essere in alcune tappe del processo personalmente in italia?

    RispondiElimina
  22. Io sono laureata in Farmacia. Ho provato la rivalidazione a Belo Horizonte (UFMG) ma non è stata accolta, dicono che la struttura del mio corso è troppo differente da quella brasiliana...Ho speso quasi 2000 reais nel 2012. Vorrei riprovare ma non so se convenga. Qualcuno ha esperienze positive?

    RispondiElimina

Lasciate qui un vostro commento