lunedì 23 gennaio 2012

La fine del sogno brasiliano



Il 1 Maggio 2010 ho pubblicato un post " storico " , il più letto in assoluto del Blog Vivere in Brasile con oltre 20 000 visualizzazioni e 271 commenti . Il post , che si intitolava Il cambio euro.real , la croce del pensionato italiano iniziava così : " Si parla spesso del trasferimento della propria pensione in Brasile come mezzo per ottenere il visto e vivere tranquillamente di rendita in Brasile . L'idea è sicuramente attraente e realizzabile ma merita alcune importanti riflessioni prima di essere attuata . I cambiamenti economici intervenuti in Brasile ed in Europa negli ultimi 10 anni impongono una speciale attenzione a quello che è il cambio euro -real può riservare in futuro e già riserva oggi per coloro che la scelta di venirsene in pensione in Brasile l'hanno fatta anni fa ."
 Ebbene molte cose sono cambiate da allora , non solo perchè il cambio si è ulteriormente ridotto arrivando nei giorni scorsi a 2,15 e l'inflazione ha eroso ulteriormente il potere di acquisto passando dal 5% al 6,5% circa ma , soprattutto, perchè un anno dopo la pubblicazione del post , il 10 di Agosto del 2011 , è cambiata la legge che consentiva ai pensionati italiani di ottenere il visto permanente in Brasile . Ecco il testo della nuova Risoluzione , in lingua originale ( in grassetto ci sono gli articoli che interessano i pensionati )

RESOLUÇÃO NORMATIVA Nº 95, DE 10 DE AGOSTO DE 2011
Altera dispositivos das Resoluções
Normativas nº 45, de 14 de março de
2000, e nº 62, de 8 de dezembro de 2004.
O CONSELHO NACIONAL DE IMIGRAÇÃO, instituído pela Lei
nº. 6.815, de 19 de agosto de 1980, e organizado pela Lei nº. 10.683, de 28 de
maio de 2003, no uso das atribuições que lhe confere o Decreto nº. 840, de 22
de junho de 1993, resolve:
Art. 1º O art. 1º da Resolução Normativa nº 45, de 14 de março
de 2000, passa a vigorar com a seguinte redação:
“Art. 1º O Ministério das Relações Exteriores poderá conceder
visto permanente a estrangeiro aposentado, acompanhado de até dois
dependentes, que comprovar poder transferir mensalmente para o Brasil
importância, em moeda estrangeira, em montante igual ou superior a
R$6.000,00 (seis mil reais).
§ 1º Se o interessado tiver mais de dois dependentes, será
obrigado a transferir, ainda, quantia, em moeda estrangeira, em montante igual
ou superior a R$2.000,00 (dois mil reais) para cada dependente que exceder a
dois.
§ 2º Em qualquer das hipóteses previstas neste artigo, os
dependentes deverão estar enquadrados nas disposições da Resolução
Normativa que trata da concessão de visto temporário ou permanente a título
de reunião familiar.”
Art. 2º O inciso V do art. 2º da Resolução Normativa nº 45, de 14
de março de 2000, passa a vigorar com a seguinte redação:
“V - comprovação de aposentadoria e de capacidade de transferir
para o País a quantia, em moeda estrangeira, em montante igual ou superior a
R$6.000,00 (seis mil reais) nos termos do art. 1º desta Resolução.”
Art. 3º O art. 3º da Resolução Normativa nº 62, de 8 de dezembro
de 2004, passa a vigorar com a seguinte redação:

“Art. 3º A Sociedade Civil ou Comercial que desejar indicar
estrangeiro para exercer a função de Administrador, Gerente, Diretor ou
Executivo deverá cumprir com os requisitos estabelecidos pelo Ministério do
Trabalho e Emprego, quanto às disposições legais referentes à constituição da
empresa e comprovar:
I - investimento em moeda estrangeira em montante igual ou
superior a R$600.000,00 (seiscentos mil reais) por Administrador, Gerente,
Diretor ou Executivo chamado, mediante a apresentação do Sisbacen,-
Registro Declaratório Eletrônico de Investimento Externo Direto no Brasil,
comprovando a integralização do investimento na empresa receptora; ou
II - investimento em moeda estrangeira em montante igual ou
superior a R$150.000,00 (cento e cinquenta mil reais) por Administrador,
Gerente, Diretor ou Executivo chamado, mediante a apresentação do Sisbacen
- Registro Declaratório Eletrônico de Investimento Externo Direto no Brasil,
comprovando a integralização do investimento na empresa receptor; e geração
de dez novos empregos, no mínimo, durante os dois anos posteriores a
instalação da empresa ou entrada do Administrador, Gerente, Diretor ou
Executivo.”
Art. 4º Esta Resolução Normativa não se aplica aos pedidos
protocolados antes de sua entrada em vigor.
Art. 5º Esta Resolução Normativa entra em vigor na data de sua
publicação.
PAULO SÉRGIO DE ALMEIDA
Presidente do Conselho Nacional de Imigração
Publicada no DOU nº 160, seção 1, pag. 162 de 19 de agosto de 2011.



In pratica il diritto a richiedere il visto permanente passa adesso attraverso la prova da parte del pensionato , di poter trasferire in Brasile un montante in valuta straniera equivalente a R$ 6000  contro i $ 2000 della precedente risoluzione . Il peggioramento del cambio non aiuta certo : ben 2727 euro , una pensione da dirigente ! Ecco perchè parlo di fine di un sogno .
A ciò si aggiunge una ulteriore restrizione : quella del visto turistico che da 90 + 90 giorni di proroga consecutivi passa a 90 giorni a semestre con l'impossibilità dunque di trascorrere i classici 6 mesi invernali in Brasile e sei mesi estivi in Italia . Insomma due leggi che definire anti pensionati è un eufemismo . 

55 commenti:

  1. Evidentemente il Presidente del Consiglio Nazionale d'Immigrazione deve aver saputo che in europa le pensioni sono state abolite e che tra poco non pagheranno neppure più quelle già erogate!! D'altra parte il Brasile è un paese che guarda al futuro, o no? :)
    salut
    Marco

    RispondiElimina
  2. Cristian Salvador24 gennaio 2012 14:57

    Ciao Marco io non sono pensionato ho 30 anni ed ora mi trovo a salvador dove ho la mia compagna e comunque ho la mia attivita' libera di network marketing che mi permette di stare dove voglio e quando voglio.
    Avrei una domanda sul visto , ma non era tornato tutto normale qualche settimana fa? cioè 90 + 90? cosa è successo ora? e poi altra domanda nel caso decidessi di sposarmi in Brasile apparte i vari documenti tradotti di cosa altro avrei bisogno? dato che la mia compagna ha gia un ottimo lavoro e salario? ed io farei la mia attivita' libera.

    Grazie e spero che il sogno Brasiliano continui per chi davvero vuole cambiare vita e non venire in Brasile credendo di trovare solo belle donne samba Axe e vita con pochi soldi, almeno qui a Salvador la vita è abbastanza cara 2 sorvetes 21 reais ahahah...

    Ciao Grande e complimenti per il blog ti seguo sempre

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grande ! come si fa ad aprire o avere la mia attivita' libera di network marketing che mi permette di stare dove voglio e quando voglio. . grande.grazie

      Elimina
  3. Ciao Cristian

    mi chiamo Antonio e non Marco anche se molti amici intervengono con i loro contributi e li ringrazio .
    Il visto turistico oggi consente di trascorrere il Brasile legalmente 90 gg a semestre che è diverso da 90gg + 90gg di proroga come era prima . Infatti prima potevi trascorrere 180gg consecutivi sommando ai primi 90gg la proroga di altri 90 . Oggi non è più possibile : dopo i primi 90 gg devi lasciare il Brasile e puoi ritornare solo dopo la fine del semestre .
    Se ti sposi in Brasile hai diritto al visto come coniuge : la Polizia Federale può fornirti tutti i dettagli circa la documentazione da produrre , meglio chiederla direttamente nello Stato dove contrarrai il matrimonio ... il Brasile è strano .
    Il sogno continua ma meglio avere gli occhi aperti ed i piedi per terra .

    RispondiElimina
  4. Cristian Salvador25 gennaio 2012 06:33

    Grazie Antonio, scusami per il Marco :) sei stato molto chiaro e preciso.
    M'informero' sul da farsi nel frattempo dalla bella salvador seguo con molto stupore e vergogna quello che succede nella nostra bella Italia.
    Chissa' se tornera' mai ad essere quella dei nostri padri delle vespe anni 60 e della brava gente.

    Grazie ancora e sempre complimenti per il Blog

    Cristian

    RispondiElimina
  5. Ciao Antonio sono Giuseppe, ci siamo sentiti anche via e.mail...! Leggendo questi predenti post mi sorge una domanda.... : un uomo sposato(in Italia) con una cittadina brasiliana e con 2 figli avuti dalla stessa (uno nato in brasile e l'altro in Italia ) , nel momento che decide di trasferirsi in Brasile con famiglia, avrebbe dei problemi per restarci a lungo? Burocraticamente deve fare qualcosa, cominciare qualche pratica??
    Grazie e buona giornata.

    RispondiElimina
  6. Ciao Giuseppe

    per restare in Brasile oltre il periodo consentito dal visto turistico devi fare il visto permanente . Nel tuo caso puoi faro o per matrimonio o per riunione familiare avendo figli brasiliani .
    Hai registrato il tuo matrimonio in Brasile ? I tuoi figli sono entrambi registrati alla anagrafe brasiliana ? Se no provvedi altrimenti non puoi fare la richiesta di visto .
    Se sei in Italia il consolato brasiliano potrà seguire la pratica e ti dirà quali documenti presentare . Se sei in Brasile devi rivolgerti alla Polizia Federale . Tieni presente che i tempi sono lunghi .

    RispondiElimina
  7. X Cristian e Giuseppe,
    secondo l'esperienza di alcuni lettori del blog ed anche di miei conoscenti, sembra che la procedura per l'ottenimento del visto per ricongiungimento familiare (matrimonio) sia complessivamente più breve se inoltrata tramite consolato brasiliano in Italia invece che tramite Policia Federal in Brasile (8/9 mesi totali invece di 2/3 anni). Presupposto ovviamente è che il matrimonio sia stato previamente trascritto in ambo i paesi.
    saluti
    Marco

    RispondiElimina
  8. Cristian Salvador26 gennaio 2012 07:18

    Grazie Antonio questa notizia è molto utile mi mettero' in moto appena saro' rientrato in Italia ad aprile, nel peggiore dei casi verro' a vivere in brasile nel 2013 senza fretta!!!

    Grazie ancora Antonio teniamoci in contatto magari vengo a trovarti a Natal.

    RispondiElimina
  9. Grazie Antonio , grazie Marco...! Come sempre date dei consigli veramente utili! Infatti nel mio caso....(siamo ancora in Italia9 e andremo non prima di Giugno prox.) sarebbe meglio cominciare la pratica in Italia al consolato di Roma......per avere il vistopermanente in tempi più brevi..!!
    Un saluto e alla prossima....!
    Giuseppe

    RispondiElimina
  10. Ho casulamente trovato questo importante articolo sul Brasile che mi interessa da vicino. Vorrei gentilmente sapere, quando si parla di una pesnione equivalente a 6.000 Reals brasiliani al mese, da trasferire, se si tratta di pensione netta o lorda???
    Grazie infinite per il chiarimento. Giuseppe.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I R$6000 sono netti ma se fosse inferiore puoi integrare co reddite diverse : affitto di appartamento , ecc

      La “Resolução Normativa n º 45, de 14 de março de 2000 aggiornata con la RN 95/2011"” prevede il visto permanente per trasferimento di pensione lo ottiene il pensionato straniero che decide di vivere in brasile e che dimostra che possiede una rendita mensile di almeno R$ 6.000. Nel caso la pensione mensile del richiedente non giunga tale valore la legge da la facoltá di integrare la differenza con altre rendite. La pratica puó essere eseguita presso i consolati brasiliani di Roma o Milano a questo link (in portoghese) i documenti necessari e la disciplina di concessione. Il visto concesso al pensionato si può estendere anche a due suoi dipendenti.

      Elimina
  11. Ciao mi chiamo Ermando sono sposato in Brasile con cittadina brasiliana da 5 mesi, ho fatto richiesta del visto permanente presso la polizia federale in Brasile. Adesso non posso stare fuori dal territorio brasiliano per piu' di 90 giorni. Purtroppo per problemi personali ho la necessità di restare piu' tempo in Italia. E' vero che potevo fare richiesta del visto anche in italia presso l'ambasciata brasiliana anche se mia moglie abita in Brasile? Cosa posso fare adesso per poter restare piu' tempo in Italia fino a che non risolvo i miei problemi per poter poi andare a vivere in Brasile? Adesso mi trovo in Italia e se non rientro entro i 90 giorni la mia domanda di permesso di soggiorno verrà archivita (cosi è scritto sul pedito che mi ha rilasciato la polizia federale). Inoltre posso aprire un attività in Brasile con il solo pedito?

    Grazie mille per l'aiuto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao

      la legge dice questo nel caso di matrimonio celebrato in Brasile con cittadino/a brasiliana e richiesta del visto al consolato Brasiliano in Italia.
      E' possibile sposarsi in Brasile rientrare in Italia e richiedere il visto permanente al consolato Brasiliano in tal caso non è necessaria nessuna trascrizione in quanto il matrimonio ha già piena validità essendo stato celebrato in Brasile, oltre ad una fotocopia autentica (fatta in cartorio in Brasile o allo stesso consolato) del certificato di matrimonio è necessaria una dichiarazione della parte brasiliana ed altri documenti da produrre in Italia, tale procedura è chiaramente in indicata sui siti internet dei consolati brasiliani in Italia (Roma o Milano - www.consbrasroma.it - www.consbrasmilao.it )

      Senza visto permenente NON puoi lavorare in Brasile . Aspetta di avere l'RNE .

      Elimina
  12. Ciao e grazie per la risposta.

    quindi posso richiedere il visto al consolato brasiliano anche se mia moglie vive in Brasile o anche mia moglie deve vivere con me in Italia? Ho visto su i siti dei consolati ma loro parlano solo di ricongiungimento familiare. Lei lavora li in Brasile e non puo' perdere il lavoro, andro' io ogni 6 mesi da lei! Da quello che ho sentito ci vorranno 2-3 anni per avere il RNE e questo è un grande problema!

    Grazie ancora. Buon fine settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mark

      ti consiglio una visita al consolato per avere info recenti e certe , alla base del matrimonio c'è la convivenza ,se vai in Brasile sono una volta ogni sei mesi ti basta il visto turistico.
      Comunque se vuoi un parere spassionato , una coppia sposata da soli 5 mesi , non decide di " separasi " e vedersi una volta ogni 6 mesi a causa del lavoro . Queste sono cose che si sanno in precedenza e qualunque persona ragionevole sa che sono scelte "rischiose" soprattutto in Brasile . Scusa per la sincerità .

      Elimina
  13. Ciao, si hai ragione ma noi non ci siamo separati sono subentrati dei problemi qui in italia e per questo preciso di restare qualche mese in piu qui per risolverli. A fine anno andro' definitivamente in Brasile. Ho visto sul sito del consolato è posso fare il ricongiungimento famigliare... in settimana vado al consolato per maggiori informazioni. Ciao e grazie.

    RispondiElimina
  14. Mark fai tutto per consolato in Italia,in questo modo se non subentrano problemi l'RNE lo ottieni in sei mesi

    RispondiElimina
  15. Ciao, si faro' tramite consolto.. adesso vado un mese in brasile faccio tutti i documenti con mia moglie e al mio rientro porto tutto al consolato. Che problemi potrebbero subentrare? Grazie!

    RispondiElimina
  16. Buongiorno Antonio, sono Fabio e da tempo seguo con interesse il tuo blog e ti ringrazio per tutte le utili informazioni che rendi disponibili. Sono in attesa del visto permanente per investimento ma ti chiedo un chiarimento riguardo la permanenza come turista. Nel 2012 ho soggiornato in Brasile dal 6 marzo al 28 aprile (52 gg). Ora devo tornare in Brasile dal 20 luglio e mi devo trattenere fino al 30 settembre. I 90 giorni a disposizione si calcolano nei 6 mesi successivi al 6 marzo, dunque ho 38 gg che scadono il 27 agosto. Andando alla PF potrei chiedere proroga fino alla fine di settembre. Ti chiedo consiglio su che tipo di biglietto aereo prenotare per non trovarmi in difficolta' con compagnia aerea o dogana brasiliana. Devo prenotare biglietto con rientro "fuorilegge" al 30 sett, oppure con rientro "legale" al 28 agosto e poi spostarlo pagando penale? Spero che questa mia situazione personale possa aiutare a chiarire anche i dubbi di altri "colleghi" . Grazie, Fabio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I tre mesi si calcolano dal primo ingresso e non esiste proroga . Sono tre mesi a semestre . IL biglietto , per legge deve essere andata e ritorno ( spesso consentono anche l'ingresso con biglietto aperto ). Purtroppo i dubbi esisteranno sempre perchè la polizia di dogana si comporta in modo differente a seconda degli aeroporti , del momento , del poliziotto ,...

      Elimina
    2. Vero!
      Per quanto riguarda Fortaleza, non ti chiedono il biglietto di ritorno all'aeroporto,ma semplicemente fino a che giorno rimarrai e se non sfori con il prazo massimo te lo fanno presente e lo indicano sul timbro che non potrai rimanere per più di tot.
      Io avevo un biglietto "fittizio"che però me lo hanno fatto con rientro una settimana. Quando sono arrivato in aeroporto mi hanno indicato un prazo di 14gg e così dopo 13gg di soggiorno ho dovuto presentarmi con la stampa di un biglietto (che in realta non ho comprato perchè ancora non so quando rientro),carte di credito e tassa di proroga pagata(67reais),alla polizia federal e mi hanno messo il prazo massimo.
      In definitiva,meglio dichiarare il prazo massimo calcolando prima con i giorni,la data di rientro. Se ti chiedono perchè il ritorno fittizio non corrisponde perchè é antecedente alla data dichiarata rispondi che il biglietto é prorogabile e pensi che rimarrai fino a quella data.

      Elimina
  17. Grazie per le risposte. Come sempre resta una materia confusa e soggetta ad interpretazione! Per Bintar: mi spieghi per favore come era biglietto fittizio e chi te lo ha fatto? Fabio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il biglietto fittizio é una pratica che dovrebbe partire automatica nel momento in cui tu compri un biglietto di sola andata in Brasile. Perché le agenzie turistiche o telematiche,sanno che per legge ci vuole comunque un biglietto di ritorno nel momento in cui entri in aeroporto. Chiedi dettagli al momento dell'acquisto.
      A dir la verità,quando sono ritornato per ridefinire il mio prazo, che oltrettutto mi sento di dire che non sia stata una cosa giusta mettermi un tempo minore dato che per legge ho diritto a 90 gg,gli ho portato solo la stampa della videata dell'acquisto del biglietto con la data al prazo massimo,senza in verità mandare a buon fine l'operazione di acquisto.
      P.S. per l'anonimo quà sotto,io non so se sai leggere bene, ma qui si sta parlando di VISTO PERMANENTE e quindi di un cambio di vita radicale nel pieno della regolarità, con investimento e conseguente vita lavorativa e sociale. Perché come é stato già ripetuto mille volte in questo blog vivere di rendita in Brasile non é una cosa poi tanto facile.
      Buona vita
      Cristian

      Elimina
  18. Prima o poi inaspriranno sensibilmente le pene per chi si trattiene illegalmente in Brasile con visto turistico scaduto. E questo sarà essenzialmente grazie agli italiani "impiccioni e trafficoni" che, poi, saranno però i primi a lamentarsi inventando persecuzioni e discriminazioni, magari tirando in ballo Battisti e Pinochet .... dimenticando però che dal 2009 in Italia l'immigrazione illegale è diventato addirittura un reato penale. Anche in questo caso il Brasile potrebbe invocare il principio di reciprocità.

    RispondiElimina
  19. Buongiorno, seppur condivisibile in linea generale quanto affermato da Anonimo, mi sembra che questo commento sia fuoriluogo nella discussione che ho promosso. Infatti nessuno ha intenzione di rimanere in Brasile come clandestino. Ho dichiarato intenzione di rivolgermi alla PF prima della scadenza dei 90 gg disponibili per chiedere, se possibile, una proroga. In quel mese dovro' seguire e scegliere i lavori di finitura della mia casa. Ho investito il mio denaro in una nuova azienda, inoltre ho pagato architetto contador avvocato e sto dando lavoro a 10/15 persone per costruzione della casa. Ho chiesto informazioni a chi, piu' esperto, poteva consigliarmi sul tipo di biglietto aereo da acquistare visto il mio intento. Grazie a tutti, Fabio

    RispondiElimina
  20. ciao. non ho ancora capito che differenze sostanziali ci sono tra contador e avvocato. abbiamo aperto una newco e siamo indecisi se andare con l'uno o con l'altro. avete consigli? sapete la differenza tra l'uno o l'altro. grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il contador è il nostro commercialista mentre l'avvocato è ... avvocato
      Per una newco hai bisogno di entrambi . Se proprio devi decidere scegli il contador .

      Saluri ed auguri

      Elimina
  21. come posso far tornare in Italia mio fratello che si è messo nei guai? è da marzo che è a Fortaleza. se gli prendo il biglietto in Italia e glielo faccio avere? volevo mandare una email al consolato italiano a fortaleza ma mi dice che l'indirizzo pubblicato sul sito dei consolati non è giusto.....Aiutatemi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se i guai sono seri forse è meglio che vieni tu stesso qui , non credi ?

      Elimina
    2. ???
      Troppo vaga questa espressione "guai". Cosa vuol dire?
      Sei ancora in contatto con lui?

      Elimina
  22. Buongiorno,
    sono un pensionato e vorrei trasferirmi in Brasile con mia moglie. Vorrei sapere cosa occorre per prendere la residenza in Brasile e qual'è il regime fiscale sulle pensioni italiane. Mi sembra che avendo la residenza l'INPS mi dovrà trasferire il lordo della mia pensione ed io dovrò pagare le tasse in Brasile. Grazie per le infotmazioni che vorrete darmi
    Carlo

    RispondiElimina
  23. Ciao Carlo

    La “Resolução Normativa n º 45, de 14 de março de 2000 aggiornata con la RN 95/2011"” prevede il visto permanente per trasferimento di pensione lo ottiene il pensionato straniero che decide di vivere in Brasile e che dimostra che possiede una rendita mensile di almeno R$ 6.000. Nel caso la pensione mensile del richiedente non giunga tale valore la legge da la facoltá di integrare la differenza con altre rendite. La pratica puó essere eseguita presso i consolati brasiliani di Roma o Milano .Il visto concesso al pensionato si può estendere anche a due suoi dipendenti.

    RispondiElimina
  24. Buona sera a tutti. Mi chiamo serena e vorrei trasferirmi con il mio compagno e nostro figlio in Brasile. Premetto che io e mio figlio siamo brasiliani. Vorremmo aprire una segreteria italiana a Natal o Recife....cosa ne pensate? È da quattro anni che non torno in Brasile. Grazie

    RispondiElimina
  25. ciao Antonio, scusa ma i casi sono infiniti... nel mio caso cosa posso fare? Sono sposato con una Paulista, viviamo in Italia. lei ha un buon lavoro adeguato alla sua laurea, io vista la crisi in Italia vorrei avviare una attività in Brasile. Il consolato dice che il visto ce l'ho solo se mia moglie vive anche lei con me in Brasile ma io per ora non vorrei 'staccare' completamente senza aver prima qualche certezza. Come faccio per restare per periodi maggiori ai 90 giorni? Possibile che il mio matrimonio con una Brasiliana da più di 8 anni e con figli non valga niente?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Domanda : come fai ad avviare una attività in Brasile se vivi in Italia ? Ti affidi ad un funzionario ? Sei pazzo !!

      Elimina
    2. Assolutamente hai diritto al visto per "casamento", anche se tua moglie é in Italia. E' piú di un anno che faccio avanti e indietro e mia moglie brasiliana vive e lavora in Italia.

      Elimina
    3. questo quanto mi dicono al consolato:
      La normativa brasiliana prevede la concessione di visto permanente per riunione familiare soltanto nei casi in cui ci sia il trasferimento definitivo della residenza del nucleo famigliare completo in Brasile.
      C'è qualcosa che mi sfugge... io ho ben spiegato al consolato che mia moglie mi segue non appena sarà avviata l'attività.






      Elimina
    4. Devi chiedere il visto "per matrimonio" e non per ricongiungimento familiare.
      Cri....quello di sopra!!!

      Elimina
  26. scusa ma non mi sono spiegato bene, io andrei in Brasile da solo finchè l'attività non abbia preso piede e poi verrebbe mia moglie con i figli... No funzionari evidentemnete

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ragazzi

      tra anonimi che fanno la domanda ed anonimi che intervengono non si capisce più nulla . Se volete mantenere la discussione chiara usate almeno un nickname altrimenti diventa impossibile rispondere .

      Elimina
  27. Scusa Antonio, sono Paolo. Il marito italiano di una Paulista!! A quello che mi dicono in consolato io come libero professionista, senza incarichi professionali con qualche impresa brasiliana, non posso restare più di 90 giorni.
    Mi domando ma se devo avviare una qualsiasi attività (gelateria, costruzioni, commercio) i 90 giorni volano. Come posso fare? Mia moglie tornerà pure in Brasile ma non lascia il lavoro così su due piedi no? quindi prima parto, poi arriva lei. Intanto come ci resto in brasile? iL VISTO per casamento lo danno solo a chi trasferisce l'intero nucleo famigliare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Paolo

      se tu sei sposato con una brasiliana e sei in Italia devi fare richiesta di visto per matrimonio al consolato brasiliano di Milano o Roma . Entro pochi mesi , se la documentazione è ok , riceverai il visto e potrai andare in Brasile da solo ed iniziare l'attività che desideri .Molti nostri lettori hanno ottenuto il visto in questo modo .Prova a chiedere nuovamente di persona ( A quale consolato fai riferimento ? )

      Non devi chiedere al consolato se puoi lavorare in Brasile come libero professionista , è chiaro che senza visto non puoi fare nulla .

      Elimina
    2. Ciao Paolo

      per tua conoscenza questo è il link al Consolato Brasiliano di Roma dove sono riportati i documenti da presentare per il visto IN ITALIA nel caso di matrimonio da meno di 5 anni

      http://www.consbrasroma.it/vistos/visto_perm01_02.html

      e da più di 5 anni

      http://www.consbrasroma.it/vistos/visto_perm01_01.html

      Elimina
  28. Grazie, in effetti per ora avevo solo mandato mail al consolato, ma pensavo che le richieste fossero molto chiare e loro mio hanno risposto che ci voleva il trasferimento dell'intero nucleo familiare. All'ottenimento del visto sono correlate ulteriori 'pendenze'? Come funziona il regime patrimoniale dei coniugi in Brasile?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. http://www.vivereinbrasile.com/2009/07/il-regime-patrimoniale-del-matrimonio.html

      Elimina
  29. Salute a tutti,sono fabio e ho bisogno di alcuni vostri consigli:
    sono sposato in italia con brasiliana dopodiche sono venuto subito qua in brasile perchè lei aveva dei problemi familiari.
    mi sono portato il certificato di matrimonio,ma qua poi mi hanno spiegato che deve essere timbrato dal consolato brasiliano a roma,io ci avevo pensato perche gia per sposarci avevamo fatto tanti documenti,adesso qua vogliono di nuovo tutti i documenti che gia avevamo fatto per poter timbrare e validare il certificato.
    bene,adesso io sono qua 1 mese,vorrei sapere se posso rimanere fino a 3 mesi e dopo altri 3 mesi,dato che nel frattempo ci vuole tempo per fare i suddetti documenti,cioè posso rimanere qua e nel frattempo faccio partire tutta la pratica per il visto permanente ?

    ho un altra possibilità,tra 3 mesi nascerà la mia bambina qua in brasile,quindi potrei rimanere e quando nasce chiedere il visto permanente per prole in brasile.in questo caso quale è la procedura esatta??
    un consiglio,cosa mi conviene fare ?
    grazie a tutti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Fabio

      il tuo caso è comune a molti italiani ed onestamente non capisco il perchè visto che sul sito del Consolato brasiliano è spiegato per bene come ottenere il visto per matrimonio ed io stesso ho pubblicato innumerevoli volte la procedura .Noi NON possiamo sostituirci ai Consolati : le regole sono quelle indicate , i documenti richiesti devono essere tradotti e legalizzati in tutti i Paesi del mondo non solo in Brasile .

      Pertanto rispondo solo alla seconda parte della domanda , ovvero se puoi restare in Brasile oltre i 3 mesi . La risposta è NO , come turista puoi restare 3 mesi a semestre , quindi devi rientrare in Italia .Se resti oltre i tre mesi sei clandestino , puoi attendere che tua figlia nasca e chiedere il visto come padre di una bambina brasiliana .La richiesta va fatta alla PF dopo ovviamente aver registrato al Cartorio la bambina .La procedura è relativamente semplice .

      Qualcuno lo ha già fatto ma ti ripeto la situazione in cui vai a trovarti è di illegalità e quindi io non posso suggerirti di fare una cosa del genere su di un blog pubblico . Sto solamente illustrando dei casi effettivamente accaduti .

      Elimina
    2. ciao otto,grazie mille per la risposta,sei gentilissimo.

      e si hai ragione,purtroppo è accaduto che lei è gia al 6° mese,e se non partivamo subito rischiavamo di rimanere bloccati in italia in quanto i medici e compagnia aerea non l avrebbero fatta volare,cosi abbiamo preso il primo aereo.

      si ho visto che per fare la trascrizione devo far fare e dopo fare portare in consolato diversi documenti miei e di lei,penso non ci siano problemi.
      poi dopo x i documenti da portare qua in polizia federale ho questo elenco:

      1)ri-registrare il matrimonio qua
      2)copia registrata in cartorio di tutte le pagine del passaport(cioè devo andare in cartorio e lo fanno loro ??)
      3)certificato generale del casellario giudiziario legalizzato in procura e poi in consolato brasiliano in Italia (penso non ce bisogno di me per portarlo,giusto ?e dopo fare traduzione in Brasile.
      4)foto tessera dei coniugi
      5)copia autenticata in cartorio di documento di identità del coniuge brasiliano.
      6) copia autenticata dei biglietti andata e ritorno,io ho quello di ritorno scaduto ovviamente,cosa gli presento,questo ?

      la trafila e enorme ma penso si può fare,ma mi sta venendo l idea di aspettare che nasce la bambina e rimanere qua un paio di mesi irregolare,dopodiche come registriamo la bambina,faccio la richiesta,tanto viviamo tutti insieme.
      ti chiedo se si può fare cosi, dato che è molto piu semplice ??
      poi per la registrazione del matrimonio faccio con calma .
      che documenti di preciso ci vogliono per farlo come padre della bambina ?
      non ce scritto granche nei siti consolari,che documenti devo presentare e per il sostentamento economico,cosa devo presentare?il mio conto in banca,carta credito...

      ti ringrazio anticipatamente
      poi dimmi anche in che zona sei,non si sa mai che siamo vicini..ehehe
      grazie.

      Elimina
  30. Ciao Antonio
    Sono marco ma il casamento vale anche per i matrimoni omosessuali?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se il matrimonio è stato celebrato ed i documenti sono a posto non vedo problemi . Qui il matrimonio omosessuale è consentito .
      Se non si è legalmente sposati si può ricorrere alla Uniao Estavel che bisogna però dimostrare .

      Elimina
  31. Ciao sono Rachele, non riesco a capire una cosa, al consolato di Roma, ci hanno detto che per fare la domanda di ricongiungimento familiare devo farlo in Brasile ( nel mio caso PF a Rio). Sono brasiliana e ho una figlia con un Italiano, nata a roma. Ho fatto entrambi i registri di nascita. Ora noi vogliamo trasferirci a Rio, e mi chiedo come mai non possiamo avviare la domanda di regolarizzazione dei documenti del papà di mia figlia tramite consolato?? Non ci hanno detto nemmeno i documenti che serviranno.
    Ma è possibile? Vi ringrazio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La domanda va fatta alla PF di Rio che verificherà tra l'altro con una intervista l'effettiva situazione abitativa e familiare a Rio dove fornirete la vostra residenza .La visità è a sorpresa e non programmabile.
      Io ci sono passato personalmente .

      Elimina
  32. bpomeriggio
    intanto complimenti per il blog!
    a breve (metà settembre)il mio compagno si trasferirà a Recife per lavoro, lui ha già un visto temporaneo della durata della commessa lavorativa.
    la sua azienda si stà occupando anche del mio visto come famigliare al seguito, ma non essendo sposati, stanno avendo dei problemi.
    io sono in gravidanza e per motivi di salute non lo potrò seguire prima di gennaio pv. c'è la maniera di essere riconosciuti come nucleo famigliare anche senza doversi sposare? grazie per la gentile risposta
    Debora

    RispondiElimina

Lasciate qui un vostro commento