martedì 24 gennaio 2012

Un amico mi ha scritto : qui va tutto a rotoli



Marcianise (CE) - I Forconi bloccano casello Caserta Sud. La protesta dei "Forconi" arriva nell'Italia continentale, partendo dalla Campania ed estendendosi a tutta la penisola, dove sono circa 60 i blocchi stradali. Dalla tarda serata di domenica decine di camion e tir hanno bloccato e uscite autostradali di Caserta Sud, Capua e Santa Maria Capua Vetere, sostenuti dai volontari dei centri sociali del casertano. Tir fermi anche sulla A30 Caserta-Salerno, sulla Napoli-Pompei-Salerno, Mercato San Severino, Palma Campania e sulla Statale 7bis.

Ma il movimento, nato in Sicilia, contro il rincaro del gasolio, dei ticket dell'autostrada e dell'Irpef, si estende a tutta la penisola. 60, circa, i blocchi lungo le autostrade italiane. In Abruzzo il presidio simbolico organizzato da venerdì scorso nei pressi del casello di Città Sant'Angelo-Pescara Nord dell'autostrada A14 potrebbe trasformarsi presto in una nuova forma di contestazione. A Torino il movimento sta bloccando l'imbocco dell'autostrada A4 per Milano e Venezia: una sola corsia viene lasciata libera per le auto. Lungo la tangenziale anche lo svincolo autoporto è stato bloccato, e i tir si starebbero organizzando per occupare anche quello interporto. Sempre sulla Torino-Venezia segnalati code anche ad Asti, oltre che a Capriate, a Seriate e a Dalmine, nel bergamasco. Nel capoluogo orobico sono 70 i tir che presidiano l'accesso all'autostrada: una sola corsia risulta libera. A Genova forti rallentamenti alla convergenza tra l'autostrada A7 Genova-Milano e l'A10 dal capoluogo ligure a Ventimiglia....... (23.01.12)

continua: http://www.pupia.tv/notizie/0010781.ht

12 commenti:

  1. Ieri sera a Ballarò c'era il Ministro Passera. L'impressione è stata molto buona, persona pacata serena e fiduciosa. Il rischio al di là di un mio personale atteggiamento critico a quello che stanno facendo, è quello di una delega eccessiva e senza condizioni. Inoltre diamo tempo che le liberalizzazioni vadano a regime ed altre opere di governo vengano messe in campo... (mi domando se 500 notai e 5000 farmacie in Italia, in più, facciano tutta questa diffrenza...). In ogni caso la mia impressione è che la situazione sia molto grave, la pazienza nulla e la voglia di cambiare TUTTI altrettanto nulla. Il cambiamento è sembre difficile ma mai come oggi necessario. Se non cambiamo approccio e sistemi non si va da nessuna parte con queste riforme. Il nodo è la produzione. Cosa, chi, come, a che costi e con quali ricadute occupazionali. Il resto è fuffa! Cosa vado a comprare di notte in un negozio se non ho i soldi neanche di giorno??? La voglia di fuga che percepisco in Italia è troppa e ridondante rispetto alla voglia (e possibilità) di rimettersi in gioco e ri-costruire. Certo non è facile se non si capisce come e cosa e con che soldi. Con le banche che non rilasciano più finanziamenti... (M)andare tutto a rotoli è rischioso e imprudente. Ci vogliono progetti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao a tutti, ciao Anto ... io sono scappato dall'Italia mesi fa come tu ben sai, cercando di anticipare la catastrofe che giorno dopo giorno si abbatte sull'Italia lasciando posto fisso e una vita relativamente dignitosa. Non ho idea di come andrà a finire di certo ci ho provo. Vedere questi banchieri filoamericani che muovono l'Italia ...gli Italioti ,,, e tutti i nostri soldi non è un bello spettacolo e rafforza la mia scelta. L'Italia è ridotta così male che giorno dopo giorno questi banchieri corrotti svendono l'Italia a pezzi e purtroppo in Italia non c'è nessuno che li ricomprerà ... andrè

      Elimina
  2. Il problema è che quasi TUTTI i problemi sin qui adottati sono depressivi. Ad iniziare dall'inutile riforma delle pensioni, per passare dall'aumento dell'IVA e delle accise e delle addizionali, per finire ai tagli agli enti locali che comportano meno o peggiori servizi di base. Tutti provvedimenti presi in danno delle classi medio-basse già iper tartassate da sole.
    Io dico solo questo: se ci fosse stato un qualsiasi candidato o partito che si fosse presentato alle elezioni con un siffatto programma di governo lo avrebbe forse democraticamente eletto qualcuno?
    Io dico di no.
    Ergo questi finti tecnici stanno facendo quello che il popolo NON vuole, CONTRO la sua volontà, servendo interessi diversi e poteri forti ben noti, ad iniziare dalla finanza e dalle banche (i cui debiti abbiamo garantito con i soldi di tutti noi!).
    Allora se si governa senza essere stati eletti, facendo cose che la gente non vuole e contro la volontà popolare, solo ed esclusivamente al servizio di UE, banche e FMI, dove starebbe la tanto decantata democrazia in Italia oggi?
    In Italia è stato fatto un vero e proprio golpe finanziario avallato dal presidente della repubblica Napolitano (uno dei peggiori che si ricordi) che, aggirando i dettami costituzionali, ha fatto si che l'Italia finisse dalla padella alla brace.
    Monti: un governo-bidone che con i suoi provvedimenti-bidone sta portando l'Italia a fondo nella spirale della recessione definitiva.
    Purtroppo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Marco .... il purtroppo finale è la mia firma non copiare :-) concordo con te su tutto ... e per la prima volta leggo un commento realistico sul sig. Napolitano che già ai tempi di B. era considerato da tutti l'ultimo baluardo si speranza ...solo oggi qualcuno comincia a chiedersi se effettivamente questo soggetto sia un tutore della legalità o un ladro patentato ...dormiente in attesa di essere attivato, fautore della caduta della democrazia in Italia e braccio operativo del sistema finanziario che attualmente governa l'Italia....questo è.... purtroppo. Andrè

      Elimina
    2. E infatti,nessuno si è voluto prendere questa responsabilità,era risaputo che si sarebbero dovute prendere queste misure,quindi nessun politico di professione voleva prendersi queste responsabilità...Berlusconi dopo aver comprato Scilipoti e porci vari, pur di rimanere al potere,secondo voi perchè ha deciso di dare dimissioni? per non apparire il responsabile,chiudendosi in un silenzio per lui inusuale,per non parlare della lega che il giorno dopo la caduta del governo ha ripreso a fare un'opposizione che nemmeno agli albori della sua storia faceva....adesso dico forza con i forconi,risvegliamo le nostre menti.Tutto questo doveva succedere mooooolto tempo fà,non è da ieri che il potere d'acquisto del lavoratore diminuisce sempre più, nessuna politica è stata fatta per porre fine a questa disgrazia

      Elimina
    3. Io non sono affatto convinto che "si sarebbero dovute prendere queste misure" anzi, sono convinto che si sarebbe dovuto fare esattamente l'opposto. Abbassare l'IVA e non alzarla, aumentare le pensioni minime e tagliare le massime (quelle attuali non quelle future) e non alzare indiscriminatamente l'età pensionabile futura per tutti (tranne alcuni). Queste cose fatte erano "risapute" solo a causa del cancan mediatico di TV, agenzie e giornali di regime al soldo dei finanzieri. Hanno continuato a ripetere le loro nefaste ricette volute dal FMI per anni, fino a convincere la gente dell'ineluttabile "necessità" che si è tradotta nell'imbonimento di tutti, sindacati compresi, che stanno firmando e avallando di tutto di più in Italia (altra casta da abolire). Solo a titolo di esempio, l'ultimo rinnovo del contratto dei bancari si è concluso praticamente a costo zero per le banche per il periodo 2011-2014 oltre al mancato adeguamento dei salari all'inflazione depurata per il triennio 2008-2010. In pratica i bancari italiani (ma potremmo guardare a altre mille categorie) da contratto non hanno aumenti di salario reale, neppure i recuperi inflattivi minimi, dal 2007 al 2015 e nessuno parla di scioperi a oltranza da fare o di barricate, pur essendo tutte le banche ampiamente in utile.
      8 anni di minor salari reali portano inevitabilmente alla recessione che, sommata all'aumentata inflazione, danno stagflazione. Lo sanno tutti eppure continuano scientemente con il loro progetto.
      Monti, con la sua cricca impregnata di ideologie liberiste (non liberali e tantomeno democratiche), è soltanto il boia dell'FMI. E tanto più saremo poveri e divisi, tanto più saremo ricattabili. Il circolo vizioso è ormai chiarissimo e inevitabile.
      A parte questo sono perfettamente d'accordo sul resto.
      un saluto
      Marco

      Elimina
    4. Caro Marco,daccordissimo su tutto,il "si sarebbero dovute prendere queste decisioni" non voleva dire assolutamente che erano le migliori o uniche da prendere,ma che sarebbero state le uniche adottate per i motivi che tu hai elencato.I sindacati???? UNA VERGOGNA!!!l'azienda dove ho lavorato ha aperto mobilità per prepensionare,sistematicamente ogni 2 anni passando dagli straordinari alla mobilità veniva praticata questa misura....nell'ultima epoca dopo aver messo in mobilità circa 120 persone tra volontari e prepensionamenti,l'azienda sta sostituendo tutti con contratti a termine.......i sindacati??? al fianco dell'amministratore studiando le migliori formule

      Elimina
    5. Si, infatti, i sindacati (pur se mantenuti dai soldi delle tessere sindacali) sono esclusivamente a fianco dell'imprenditore (o amministratore) studiando le formule migliori per far guadagnare sempre di più lui a danno dei lavoratori e dell'erario! E non c'è un solo giornale in Italia che dica qualcosa in merito o faccia un commento minimamente critico! Eppure i sindacati italiani continuano ad avere un elevatissimo numero di iscritti perchè la maggior parte dei lavoratori e pensionati se ne frega degli interessi collettivi e sottoscrive la tessera al sindacalista anche solo sulla base della promessa di una singola cortesia clientelare (ad es. se ti iscrivi ci metto una buona parola per farti avere una promozione o il trasferimento, o per il pensionato gli fanno fare la dichiarazione dei redditi o la domanda di invalidità, ecc.).
      Lo sappiamo tutti che in Italia funziona così.
      Italiani brava gente? Un mito da rivedere radicalmente.
      In Italia non c'è senso dello stato e l'interesse privato viene SEMPRE prima di quello pubblico, per questo una larga fetta non paga le tasse e per questo stiamo facendo la fine della Grecia. Non è un caso che la crisi ha trovato terreno più fertile principalmente dove c'è più evasione, e quindi meno giustizia sociale, e non dove c'è più debito pubblico. Non c'era nessun bisogno di tagliare le pensioni anche perchè l'Inps è in ampio utile, basta leggersi il suo bilancio pubblicato sul sito. E' stata fatta solo demagogia di regime, proprio come avviene a Cuba (e forse neanche più lì). Ma bisognava pur incentivare i fondi pensione PRIVATI come fatto negli USA (dove sono anche falliti) a danno della previdenza PUBBLICA.
      Mi dicono che io amo parlar male dell'Italia e degli italiani ma NON è vero, io dico queste cose reali con profonda rabbia e dispiacere.
      un saluto
      Marco

      Elimina
  3. Cristian Salvador25 gennaio 2012 14:57

    Ciao Paolo a mio avviso la vedo davvero molto ma molto dura, condivido tutto cio' che hai scritto, ma l'Italia è un paese molto vecchio fatto di una politica vecchia e senza idee, non danno spazio ai giovani non danno modo a nessuno di poter andare al potere e dare idee innovative, ecco perche' noi Italiani parlo di me classe 80\81 che abbiamo oggi 30 anni scappiamo. Cosa restiamo a fare in Italia? se io che ho 30 anni dopo 3 anni di servizio Militare e vari lavori non ho costruito nulla? e non mi vergogno a dirlo. Eppure le capacita' le ho, io credo che dovranno passare molti anni prima di vedere una ripresa forte in Italia, ma siccome molti come me si sono stancati delle favole scappiamo e andiamo all'estero dove forse magari il lavapiatti un ragazzo puo' farlo, non è il mio caso ma lo dico con molta onesta' lo farei anche se ne avessi il bisogno forte!!!.. Un'abbraccio e forza Italia.

    RispondiElimina
  4. c'è un monti di troppo ... ecco la vera realtà delle cose
    http://www.serviziopubblico.it/i_potenti/2012/01/20/news/la_city_monti.html?cat_id=2
    ps. interessante la risposta di Monti all'inivato a termine serviz. direi che è il sunto di tutti gli articoli postati sulla crisi Italiana....che ne dite vi piace ... o meglio .... vi rassicura
    a me no ... purtroppo
    andrè

    RispondiElimina
  5. In tema propongo la visione di questo video. Vale la pena vederlo tutto, specie la fine.
    saluti
    Marco
    http://youtu.be/HYMQjvD2Pqg

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sconsiglio vivamente di vederlo perchè dimostra come gli italiani abbiano bisogno di una violenta sveglia ! Castelli NON doveva essere lasciato uscire sulle sue gambe dopo aver detto quello che ha detto ( Vi consiglio la visione integrale dell'intervento )

      Elimina

Lasciate qui un vostro commento