domenica 25 marzo 2012

Vivere in Brasile : le vostre storie /13


La storia che riporto in seguito è il contenuto di una e-mail realmente ricevuta a cui ho solo cambiato il nome dell'autore sostituendolo con il solito nome di fantasia : Alberto .
La storia parla di un gruppo di amici , uno impiegato da 36 anni nelle  poste sposato con una brasiliana e a cui è stato detto che non ha bisogno del visto per risiedere in Brasile ( basta essere sposati ! ) e due soci panettieri che decidono di " esportare " il pane in Brasile , il pane  "Che e' nato in italia  nel primi anni avanti cristo  dai romani   a pompei" 
Il gruppo purtroppo non ha un euro " 0 denaro nostro " ma ha intenzione di  chiedere un prestito in Brasile ad una Banca italiana .Se la cosa andrà come previsto l'intenzione è poi quella di aprire altri punti vendita  e  una scuola per insegnare l'arte della panificazione ai locali . 

La pubblicazione della e-mail è stata autorizzata dall'autore a cui spero che i lettori scriveranno dei commenti per aiutarlo a prendere una decisione ragionata . 



Buona sera  Ingegnere, sono  Alberto ( nome di fantasia ) e  abito a Treviso
sposato con una Brasiliana (in italia)   interior di Fortaleza  300km, il  casamento civile è stato registrato in ambasciata brasiliana in italia a milano   e poi  succesivamente  trascritto nel  1 scrittorio  vicino a  fortalezza: 
Il Brasile lo visita diverse volte, ed ho intenzione nel più breve tempo possibile  di   formare  una societa' illimtata (con mia moglie  e altre due persone)  in  Brasile per  avviare   assieme  un panificio  con lanscionette   e dolci.
Mia moglie  sara' l'amministratore d'azienda   per ovvi motivi di legge brasiliana   solo lei ha  la possibilità di esserlo    ha la residenza e tutti i documenti brasiliani ed io saro  socio   che mettera il capitale assieme  a  lei    100%
gli altri due soci    uno  e' un panettiere di professione con tanto di diploma    sarà socio per manodopera  e quell'altro pure per manodopera  diventera socio
1^ ) domanda come posso  fare avere a loro il permesso di soggiorno  illimatato  per  svoglimento di  lavoro  alla societa?
     
da quello che mi hanno detto  a me non serve perche sono  casato con una brasiliana ed  ho  legalizato il matrimonio in  brasile
Dopo  servono  i macchinari e l'arredamento per questo  panifico  artigianale  e  antistante la vendita    con lanscionette   credo che i migliori macchinari  per la produzione del pane  e dei dolci siano quelli italiani non comperarli nuovi ma  usati
2^) domanda      Esistono  dei prodotti italiani  li in brasile ? 

Se per caso dobbiamo comperarli in italia     per  arrivare  in brasile  in  dogana  aplicano le tasse di   importazione che  equivalgono a quello che  ho letto  anche   a 35  % del valore  degli  macchinari. E possibile  che  si possa avere  un' agevolazione  fiscale da parte del governo  Brasiliano,  si posso avere anche dei mutui a tasso agevolato  per questi macchinari ?
  
Chiedo  un 'altra domanda  noi partiamo con 0 denaro nostro   vogliamo lavorare  con il denaro della banca       ci sono banche  italiane che lavorano  li in brasile  per avere questo  prestito
anche perche'  Ingeniere noi vogliamo far conoscere  il prodotto italiano su questo territorio che non lo conosce  e  se la fortuna ci assieste di aprire altri   con insediamento e insegnamento a personale del luogo  nel fabbricare questo prodotto  del pane   Che e' nato in italia  nel primi anni avanti cristo  dai romani   a pompei 
Io lavoro alle poste italiane  ho  36 anni  di lavoro  sempre alle poste     Naturalmente ho visto qusta vista  di puntare su un panifico  e lanchionette    di prodotti italiani 
Ingeniere  Le chiedo scusa  di questa mia  noiosa  e stancabile  email   spero che Lei  abbia capito   e   nell' attesa di  una sua  cortese  e comprensibile    risposta in merito  
Le uguro  un felice  inizio di settimana   e  grazie di tutto cuore se Lei potrà rispondermi 
ps Cortsemente  se mi puo' anche indicare che documenti  necessitano per  formare il tutto grazie e chiedo del disturbo
se Lei  ha piacere e non La disturbo  mi rilascia  in risposta a questa email   il suo nr  di telefono  che   La richiamo  ben volentieri 

25 commenti:

  1. Ciao

    purtroppo il fatto di essere sposati con una brasiliana è solo una condizione per poter ricevere il visto di permanenza che bisogna comunque richiedere in Ambasciata a Milano .

    La panetteria o padaria è una attività ben conosciuta in Brasile dove gli italiani sono sbarcati il secolo scorso molti provenienti proprio dal Nordeste italiano .

    Una volta ricevuto il visto per matrimonio tu e tua moglie potete aprire la società e tu puoi anche fare da amministratore avendo il visto .

    I due altri sovi posssono entrare come soci stranieri ma senza visto . Per ottenere il visto devono entrare nella società portando ognuno in dote R$ 150000.

    Non contare su prestiti da parte di Banche sia Brasiliane che Italiane .

    RispondiElimina
  2. Perchè purtroppo? Forse ho capito male, ma l'essere sposati con una brasiliana e aver trascritto il matrimonio e ottenuto il visto non da diritto a vivere in maniera permanente in brasile?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. esatto ... trascritto il matrimonio ed ottenuto il visto , non basta solo trascrivere il matrimonio , bisogna fare la richiesta di visto e seguire la trafila burocratica sino all'ottenimento dell'RNE .
      L'amico della storia , da quello che dice , ha solo trascritto il matrimonio . Non è il primo caso che mi capita .

      Elimina
  3. Sono Cinzia, cittadina italiana. Ho avuto una figlia da 7 mesi con il mio compagno svizzero. Avendo partorito in Brasile (Santos,SP) ho potuto inoltrare la domanda di visto permanente, essendo mia figlia brasiliana. Dopo 3 mesi è venuto il controllo della PF a casa e mi hanno detto di consultare il mio processo (con nr. protocollo) su internet. Non esiste un termine di tempo e posso stare fuori dal Brasile al max 90 gg. finché non ricevo RNE. Qualcuno ha avuto un'esperienza del genere? Da quello che ho capito a San Paolo la burocrazia è più veloce che al nord. Il passaporto brasiliano per mia figlia l'ho avuto in 8 gg. Grazie per la risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cinzia

      sei stata fortunata perchè quando è arrivata la PF eri ancora in Brasile . Se non ti avessero trovata avresti avuto problemi . Grazie per la testimonianza che sarà sicuramente utile a molti amici .

      Elimina
    2. Ciao Cinzia;avrei bisogno di farti delle domande su come hai risolto la tua situazione perchè anch'io sono una ragazza che tra pochi mesi partorirà in Brasile;possiamo sentirci per mail?
      Baci

      Elimina
  4. Alberto, premesso che nella vita se veramente si vuole ottenere qualcosa si possono superare gli ostacoli, a me pare che parti da una posizione molto difficile che e' quella di non avere il capitale iniziale. In genere quando si formano le societa' tra conoscenti almeno uno dei soci porta il capitale e gli altri se non ce l'hanno, hanno il know how etc. Voi vorreste aprire una societa' di 4 soci senza che nessuno metta i soldi?Dalla mia limitata esperienza posso dirti che il Brasile offre molte possibilita' ma a patto di disporre di una capitale iniziale sufficiente. Tu potrai certamente risolvere abbastanza facilmente il problema del visto attraverso un ricongiungimento familiare. Possibile che tra te tua moglie il panettiere e l'altro non riuscite a trovare un capitale per iniziare? In teoria una volta che apri la limitada potresti chiedere il visto per il panettiere se puoi dimostrare che la sua qualificazione tecnica e' difficile da incontrare in Brasile. L'altro problema che tu hai e' che non sei tu il panettiere, in teoria potresti portare i macchinari dall'Italia pagando solo la spedizione e non le tasse se dimostri che sono il tuo strumento di lavoro.Hai esperienza diretta del settore? Hai gia' lavorato con il tuo "futuro socio". per me e' impossibile riuscire a ricevere soldi dalle banche, forse piu' facile trovare un investitore privato che creda nella vostra idea ma come minimo dovresti preparare un business plan dettaglaito. Secondo me ci sono troppe falle nel vostro progetto, avete almeno scelto la localita', vi siete informati sul costo di affitto e utenze? dove alloggierete etc.. comunque auguri di cuore e se hai bisogno di informazioni dettagliate a patto che mi mandi una richiesta dettagliata posso darti una mano. Valutate bene

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono alberto grazie a voi tutti che mi state dando dei ottimi consigli
      allora purtroppo non vedo sbocchi di ritrovare un sito di 200mq per il momento ho trovato un sito di circa 65m2 gia piastrellatao nelle pareti e naturalmente pe terra questo servirà per il laboratorio, costo di affitto circa 4504R al mese
      per l'alloggio tutti e quattro no siamo gia fissi per gli altri due da mia suocera , la sua abitazione dista a 50 metri
      sto cercado di un altro sito di circa 54 mq per poter fare esposizione e vendita dopo di che fattto questo costituiro la societa' gia fatto ricerche per le attrezzature:
      la societa verra costituita li in brasile tra me e mia moglie dopo subentreranno gli altri due
      la città, dove spero di poter reallizzare questo sogno da ben 4 anni, e di circa 25.000 abitanti, ci sono altri 3 panifici ma non sfornano un pane buono, di qualita'
      sono tutti e tre uno vicino all'altro nel raggio di 10 metri.
      e dove io desidero fare sorgere questo panificio e c'e' un flusso grandissimo di gente non c'e' niente
      nemmeno una rivendita' di pane
      Mi piacerebbe parlare con lei se potessi avere la Sua email
      Comunque spero se no amen e' pecca

      Il mio sogno e' di far conoscere un tipo o due di pane italiano
      e e poi anche i famosi dolci tipo la briosc o il cornetto con la crema o cioccolato e fare conoscere espresso o il cappuccino che la non lo hanno mai bevuto ma sentito parlare tanto anche perche' il nescaffe vende un surrogato
      signor guido spero molto di poterLa incontrare
      ringrazio tutti coloro che mi potranno dare un aiuto e
      ringrazio sopratutto l'ingeniere
      ma credo che sia buona come idea

      Elimina
    2. guido Le chiedo scusa come posso contattarla privatamente grazie ? sono alberto da treviso anche telefonicamente La chiamo telefonicamente dall'italia

      Elimina
    3. guido@ciaoplanet.com
      contatto skype:ciaoplanet

      Elimina
  5. Ciao sono Jade, per quanto riguarda il nostro amico con 36 anni di poste,ma chi te lo fa fare lasciare il tutto!!?? Ti mancano solo pochi anni di lavoro per ottenere la pensione italiana. Può essere una tua garanzia economica, per il tuo futuro lavoro di padaria in Brasile.E poi aprire una società in Brasile ci vuole molto tempo, uguale per il prestito bancario.Adesso chiedo al Sig.Ottoaprile, secondo lei dopo i mondiale in Brasile,il valore dell'euro-real crescerà? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il valore del cambio sta già crescendo a causa delle azioni del governo brasiliano per svalutare il real e ridare slancio alle esportazioni . Una previsione oggi sul cambio 2014 non ha alcun senso , nessuno può seriamente giustificarlo . Chi afferma che dopo i mondiali l'economia brasiliana si contrarrà dice una grossa sciocchezza . Tutti sappiamo che i mondiali sono si un grande evento ma di durata limitata e pertanto non è nessuna sorpresa . Saranno altri i fattori , oggi sconosciuti , che determineranno il cambio nel dopo Copa . Chi vivrà , vedrà .

      Elimina
    2. Ciao Jade, vorrei ricordarti che nella incivile e ingiusta Italia sono state recentemente abolite le pensioni di anzianità per cui, a breve, non basteranno più 40 anni di duro lavoro per andare in pensione (misera) a meno che non si sia raggiunta l'età pensionabile (67 o più anni).
      Conseguentemente è presumibile prevedere che l'amico Alberto, a cui comunque raccomando di verificare meglio e personalmente le proprie informazioni, debba continuare a lavorare alle poste ben più di 4 anni per ambire al pur misero pensionamento.
      abraços
      Marco

      Elimina
  6. spesso in Brasile le attività economiche simili sono vicine nella stessa città (che so, i mobilifici tutti in una via, le vernici in un'altra, gli studi avvocatizi nella tal piazza, le padarie in quell'altra); inoltre non è per niente detto che quello che per il nostro gusto è quantomeno discutibile (si pensi alla pizza brasiliana), non sia di gran lunga preferito dal pubblico brasiliano al corrispondente originale italico. Sono solo due esempi per far ragionare sulle dinamiche di "negocio" brasilieire che spesso sfuggono ai nostri schemi.
    Francesco B.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il consiglio che do a tutti coloro che intendono intraprendere una attività qui in Brasile è quello di non arrivare con idee precostituite sulla base della esperienza italiana , soprattutto nel Nordeste . Il Sud del Brasile è stato parzialmente colonizzato dagli italiani ed esiste un mercato plasmato dal gusto italiano , qui al Nordeste , da Bahia in su , è completamente differente . Siamo sempre in Brasile ma qui è più Brasile che nel Sud !

      Elimina
  7. salve vorrei sapere se la nascita di un bambino in brasile ma da genitori italiani dà la possibilità per il visto permanente ai genitori....ho letto che il piccolo avrebbe la cittadinanza brasiliana di diritto e che i genitori la avrebbero di conseguenza dovendo provvedere la minore , è vero ?? anche se i genitori non sono sposati?? e per i fratelli minori già esistenti ma italiani ?? per loro come funziona??grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A differenza che in Italia dove esiste solo lo jus sanguinis , in Brasile esiste anche lo jus soli ovvero si è brasiliani NON solo se uno dei genitori lo è ( Diritto di sangue ) ma anche se si è semplicemente nati ( jus soli ) sul suolo brasiliano indipendentemente dalla nazionalità dei genitori . I genitori a questo punto devono dichiarare il bambino/a alla anagrafe brasiliana e richiedere la permanenza per ricongiungimento al minore alla PF . In Brasile non esiste differenza tra essere sposati o conviventi .Per ulteriori dettagli meglio chiedere in Ambasciata se in Italia o direttamente alla PF se in Brasile .

      Elimina
    2. grazie sei sempre molto chiaro .....stavo già progettando di andare via con la mia famiglia poi sono rimasta incinta e avevo abbandonato l'idea poi ci ho pensato bene e credo che invece sia un vantaggio.....ma penso anche agli altri figli ....immagino che ci sia una specie di ricongiungimento anche per loro.

      Elimina
  8. in risposta ad anonimo del 29 marzo, come ho scritto qualche giorno fa mia figlia è brasiliana, nata a Santos, da me italiana ed il mio convivente svizzero. Abbiamo registrato nostra figlia in cartorio con tutti e 2 i cognomi senza problemi ed inoltrato la richiesta di visto permanente come famiglia. Mia figlia ha già passaporto, RG, CPF, SUS brasiliani. Noi genitori però non prendiamo la cittadinanza brasiliana, ma solo RNE che dà diritto a vivere in Brasile. Per altri figli italiani non saprei. Sono entrata al 5. mese di gravidanza ed ho concluso qui con il parto a Santos. Mia figlia è bella, sana e...brasiliana! Tanti auguri. Cinzia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grandissima Cinzia

      auguroni a te ed a tutta la tua famiglia . Grazie per la testimonianza .

      Elimina
    2. ciao anonimo vorrei sapere come hai gestito la tua permanenza in brasile con il visto scaduto,hai partorito in un' ospedale pubblico o privato? hai pagato? se avessi avuto necessità di partorire con cesario, quanto ti sarebbe costato? hai potuto convertire la patente?
      grazie mille delle tue info.
      ti auguro una felice permanenza

      Elimina
    3. Ciao Cinzia, scusa se nella email precedente non ti ho chiamata x nome e non ti ho dato un mio indirizzo email personale.Puoi farmi avere delle info scrivendomi in privato a france.puglisi@gmail.com Grazie mille

      Elimina
  9. eh si ...interessa anche a me ,io partorirò i primi di novembre e mi devo organizzare bene e portare i soldi che servono ....pensavo di partire ad ottobre almeno un mese prima poi quando saremo là penseremo alla casa e all'attività lavorativa.....

    RispondiElimina
  10. Francesco e anonimo del 1.aprile, allora x il visto scaduto (1 mesetto) ho pagato una multa alla Polizia Federale di RS 8,28 al giorno quando mi sono presentata per RNE. Ho partorito col cesareo in una clinica privata pagando circa RS 4'000 (osp+ostetrico), soldi che la mia ass.ne malattia internaz. mi ha rimborsato (fatta previamente prima di partire), la patente non l'ho e voglio farla in BR, ma senza RNE (che sto ancora aspettando) non puoi farla. Attenzione a partire 1 mese prima, gli aerei non ti accettano all'8. mese e non mi stupirei se col pancione non ti fanno entrare in BR. Io sono entrata al 5. mese con un camicione largo e non si notava nulla. In ospedale sono stata trattata benissimo ed il cesareo è andato bene. Auguri a tutti voi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusami potresti dirmi quale assicurazione internazionale hai stipulato che prevede anche il caso del parto?
      Grazie 1000

      Elimina

Lasciate qui un vostro commento