giovedì 13 settembre 2012

Lavorare in Brasile senza rivalidare il titolo di studio

Spesso mi scrivono laureati o diplomati che vorrebbero venire in Brasile e continuare a svolgere il loro lavoro .In linea di principio questo non è possibile sic et simpliciter poiché il nostro Titolo di Studio non è valido in Brasile . Ma vediamo cosa ne persa un amico del Gruppo Linkedin di cui faccio parte e che sembra  ben addentro alla questione .



Salve a tutti. Anche io tra poco inizieró il duro cammino verso la legalizzazione. Credo tuttavia che , per brevi esperienze, si possa trovare lavoro anche senza diploma legalizzato. Si incontra sempre il "jetinho" per una piccola, o anche media sistemazione in un'impresa. Senza diploma si puó anche lavorare e perfino avere un contratto con la " carteira de trabalho" , ma se sei ingegnere, o architetto, o medico, insomma, se fai qualunque professione liberale, questo contratto NON potrá mai essere di architetto, medico ecc.. Ti contratteranno come consulente, o come amministratore. É questo il jetinho di cui parlo: fare cioé qualcosa ma risultare come un'altra.   Capisco che puó non essere un grande problema, visto che si puó lavorare e guadagnare relativamente bene, anche in questo modo. Non a caso é il modo in cui le imprese brasiliane contrattano i funzionari stranieri per fare il visto di lavoro.  Ma quando si intende esercitare seriamente la propria professione e per un tempo continuato, allora diventa necessario iscriversi all'ordine professionale, e prima ancora, legalizzare la laurea (oltre che dotarsi di visto permanente, chiaro) .

Faccio un'esempio. Se un ingegnere esegue un progetto di strutture, non potrá mai firmare come responsabile tecnico questo progetto. Dovrá magari trovare qualche professionista locale che "firma" per lui. Questo ovviamente va bene per opere sporadiche (per esempio i rinomati architetti che fanno opere all'estero fanno sempre cosi).
Quindi ripeto. Vuoi venire in Brasile per lavorare due o tre anni, trovando il jetinho per farti assumere? Fai pure, il paese verde oro ti ricompenserá.
Intendi effettuare in Brasile una seria attivitá professionale, strutturata,con uno studio, un'impresa , un'indipendenza professionale, e responsabilitá técnica? Vuoi partecipare a concorsi pubblici, tentare l'ingresso in una grande impresa come la Vale o Petrobras? Purtroppo non avrai scelte, nel 90% dei casi, dovrai entrare nell'Albo della tua professione, in Brasile .

Naturalmente  si puó anche lavorare senza essere iscritti all'ordine, ma é come essere ingegneri senza mai essere laureati. C'é chi preferisce responsabilizzare un collega, lasciando che sia questo collega a firmare la responsabilitá tecnica dei propri lavori (il cosiddetto "laranja"). Ma personalmente non la vedo una scelta saggia, sopratutto sul lungo periodo. 

Buona fortuna a tutti. 

14 commenti:

  1. Articolo molto utile..

    QUALI SONO TUTTI I PASSAGGI PER ISCRIVERSI ALL´ALBO, QUAL´ORA PER ESEMPIO UN INGEGNERE VOLESSE FARLO.
    GRAZIE ANTICIPATAMENTE
    GINO

    RispondiElimina
  2. buongiorno Gino,

    innanzitutto bisogna rivalidare la laurea presso un'università federale che abbia il corso corrispondente, il che dipende dalla fortuna. I tempi sono lunghi e i documenti richiesti variano da istituzione a istituzione. Le statistiche dicono che le lauree straniere rivalidate sono circa il 30% delle domande. Poi devi produrre documentazione varia sempre inerente gli studi fatti (se non l'hai già fatto per rivalidare la laurea), allegare la laurea rivalidata in Brasile oltre al visto permanente e iscriverti al locale CREA. Buona fortuna

    RispondiElimina
  3. grazie per la risposta Fran75 , sarebbe utile che qualcuno ci spieghi tutti i passaggi da fare per iscriversi all´albo
    grazie

    Gino

    RispondiElimina
  4. ciao Gino, bisogna andare al CREA locale e ti danno la lista dei documenti richiesti

    RispondiElimina
  5. Mah, ho letto la risposta del Jeitinho (che si scrive con la i)e, avendo maturato 20 anni di Brasile, ho cercato anche io di "rivalidare" (termine che apprendo ora)un semplece Diploma tecnico di Accompagnatore linguistico. Inanzitutto sono andato al Consolato Brasiliano di Milano col mio Diploma; fatta la copia l'ho fatto validare. Be' non ci crederete ma ho fatto traduzioni per il tribunale senza neanche essere iscritto e senza jeitinho. Anni fa volevo iscrivermi a una Università - stranamente proprio ingegneria- e mi richiedevano solo un estratto delle materie studiate in Italia per poi accedere all'esame (vestibular) e perciò iscriversi a una Università Federale che sono gratuite (non cercate quelle private che sono carissime). Più che gli studi ci vuole una gran padronanza del portoghese e ovviamente esperienza del proprio lavoro poiché i pezzi di carta...(lascio libera immaginazione)

    Android

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Android , grazie del contributo

      il jeitinho a cui si riferiva il post , comunque non riguarda la validazione di un Diploma di Studio che non è messa in discussione . Riguarda l'assunzione di un ingegnere come amministratore per " eludere " le complesse procedure di validazione della Laurea italiana in Brasile .
      Puittosto , visto che sei da 20 anni in Brasile , sarebbe interessante sapere se e come la validazione del tuo Diploma tecnico di Accompagnatore linguistico ti abbia poi aiutato o se hai fatto il Verstibular per l'accesso alla UF .

      Elimina
  6. Salve Android, tu hai scritto : "richiedevano solo un estratto delle materie studiate in Italia per poi accedere all'esame". Potresti dirmi cosa esattamente hai prodotto per "estratto delle materie studiate in Italia"?
    Cioè, io che ho un diploma di analista contabile, quale estratto e in quale forma dovrei produrlo?
    Semplice curiosità.
    Un caro saluto
    Mario

    RispondiElimina
  7. Buongiorno,

    sapete se per il riconoscimento della laurea in ingegneria e l'iscrizione all'Albo è necessario aver superato l'esame di lingua portoghese?

    Grazie

    Luca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luca

      O Certificado de Proficiência em Língua Portuguesa para Estrangeiros (Celpe-Bras) é conferido aos estrangeiros com desempenho satisfatório em teste padronizado de português, desenvolvido pelo Ministério da Educação.

      O exame é aplicado no Brasil e em outros países com o apoio do Ministério das Relações Exteriores.
      Internacionalmente, o Celpe-Bras é aceito em firmas e instituições de ensino como comprovação de competência na língua portuguesa e, no Brasil, é exigido pelas universidades para ingresso em cursos de graduação e em programas de pós-graduação.

      Outorgado pelo MEC, o Celpe-Bras é o único certificado brasileiro de proficiência em português como língua estrangeira reconhecido oficialmente. É conferido em quatro níveis: intermediário, intermediário superior, avançado e avançado superior. O primeiro teste foi aplicado em 1998.

      Elimina
  8. Scusate ma io leggo che loro in 3 anni fanno la scuola professionale, ma i diplomi tecnici italiani quinquennali, come quello da perito chimico indistriale come vengono rivalutati laggiù?

    IO qua sono iscritto all'ordine dei periti industriali, quindi un ordine professionale, quale sarebbe a occhio e croce l'equivalente del mio titolo in Brasile?

    Un'altra cosa, io avevo sostenuto circa 15 esami al vecchio ordinamento di ingneria chimica, mi conviene farlo presente quando chiederò la rivalutazione del titolo?

    RispondiElimina
  9. ma cos'è letteralmente il jetinho? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricardo Martins27 aprile 2013 17:18

      Il "Jeitinho" brasiliano non è nient'altro che "l'arte di arrangiarsi" italiana.

      Elimina
  10. Ricardo Martins27 aprile 2013 17:12

    Io non sono mai riuscito a farmi riconoscere in Brasile il mio titolo di studio italiano (Scienze Politiche) perche' il criterio usato dalle commissioni incaricate di convalidarlo e che vengono istituite presso le universita' brasiliane è quello della somiglianza dei curriculum, inesistente nel mio caso. Nel caso dei diplomi tecnici italiani quinquennali dovrebbe essere meno difficile. In ogni caso l'indirizzo giusto per saperlo è il www.capes.org.br oltre ovviamente ai consolati del Brasile in Italia.

    RispondiElimina
  11. Scusa, il dominio che hai inserito nel tuo commento risulta riservato...
    Potresti fare un controllo?
    Ho anche scritto a Consolato di Rio, un cui avviso professionale mi ha fatto venire la curiosità sul tema, ma non ho avuto alcuna risposta...
    Grazie

    RispondiElimina

Lasciate qui un vostro commento