martedì 31 luglio 2012

La fine del tunnel


«Noi e il resto d'Europa ci stiamo avvicinando alla fine del tunnel» della crisi. Lo ha detto il presidente del Consiglio, Mario Monti, intervenendo a Radio Anch'io. La crisi, ha spiegato, è un tunnel «però la fine del tunnel sta cominciando a illuminarsi». Scende in campo? «Sto diminuendo coscientemente la mia sensibilità uditiva a questa domanda» risponde il premier . 


Fonte : Il Sole 24 Ore 

domenica 29 luglio 2012

Diminuisce il numero di furti in abitazioni a Natal

Diminuisce , in alcuni  casi drasticamente , l'indice di furti in residenze nella citta di Natal secondo i dati pubblicati della Seac nella comparazione anno su anno in relazione ai periodi da Gennaio a Giugno . In basso è riportata un tabella con i valori quartiere per quartiere . Ad esempio nel quartiere dove abito , Barro Vermelho , l'indice si è ridotto di oltre la metà passando in valore assoluto da un valore di 32 furti ad appena 14 nel primo semestre 2012 .


O índice de arrombamentos a residências caiu em 19 dos 20 bairros que mais registram esse tipo de ocorrência, quando comparados os períodos de janeiro a 15 de julho de 2011 e 2012, de acordo com dados da Subcoordenadoria de Estatística e Análise Criminal (Seac) da Secretaria de Estado da Segurança Pública e da Defesa Social (Sesed). Barro Vermelho e Petrópolis foram as comunidades onde houve maior queda na quantidade de arrombamentos residenciais (-56,25%): foram 32 no ano passado e 14 em 2012. Em seguida, vem Neópolis, com a diminuição em 51,85%, com 27 casos em 2011 e 13 de janeiro até o final da primeira quinzena deste mês.


Fonte Diario De Natal 

sabato 28 luglio 2012

Importare automobili in Brasile

Questa è una domanda che ricevo spesso e che io stesso mi sono posto quando ho scoperto che la mia HONDA CRV che in Italia ho dovuto regalare per non rottamarla ( Aveva solo 20 000 chilometri ) qui si vende nuova intorno ai R$ 100 000 .
Ebbene la regola generale è che è vietata l'importazione di auto usate in Brasile a meno che non si tratti di una vettura di oltre 30 anni classificabile come vettura d'epoca . La burocrazia relativa all'argomento si trova a questo link  della Receita Federal .Il link riporta ad un testo word dove si dichiara tra l'altro :


QUEM PODE IMPORTAR 

Pessoa física ou jurídica, sendo que a pessoa física somente poderá importar em quantidade que não revele prática de comércio e desde que não se configure habitualidade.

VEÍCULOS USADOS 


A importação de veículos usados, de modo geral, não é autorizada pelo Decex. No entanto, excetuam-se dessa regra os veículos antigos, desde que com mais de trinta anos de fabricação, para fins culturais e de coleção, os importados sob a forma de doação, os havidos por herança aberta no exterior, pertencentes ao de cujus na data do óbito e os importados por missões diplomáticas, repartições consulares e representações de organismos internacionais.

Il visto permanente per unione stabile

Un articolo di Adler Martins , avvocato di Belo Horizonte ,autore di diversi blog sia in portoghese che in inglese sul diritto internazionale .
In questo si parla del visto permanente per matrimonio e per unione stabile . Sono analizzate le condizioni che bisogna rispettare per aver diritto a questi tipi di visto e la documentazione da produrre . Particolarmente interessante la sezione che riguarda le unioni stabili .
L'articolo è tratto dal suo Blog in lingua inglese :http://brazilianlawblog.com dove i lettori interessati a questioni legali riguardanti il Brasile possono rivolgersi per richieste di chiarimento .
Essendo l'articolo è in inglese consiglio l'uso di Google a coloro che non conoscono bene la lingua .

Love is always in the air when we talk about Brazil. At times when Brazilian economy is  better than others, this love tends to materialize in subsequent relocations to Brazil.

So you married a Brazilian and now you both want to come live in Brazil. Or you live with a Brazilian in a stable union and want to come to here.

But how does your marriage becomes fully efficient in Brazil? How do you prove a stable union? How can you get a visa to live in Brazil? These are some of the issues we will address today.

Marriage issues

Pursuant to Statute no. 6.015/73, which regulates public registries, the marriage of a Brazilian celebrated in a foreign country is considered authentic pursuant to the laws of this country after the certificate of marriage is legalized at the competent Brazilian Consulate (article 32). However, the marriage can only produce effects in Brazil if the legalized certificate of marriage is transcribed into the books of the 1stRegistry of the domicile of the Brazilian spouse (That is, a Cartorio. A detailed regulation can be found in 
http://www.adlerweb.blogspot.com.br  )

Therefore, in order to have a fully effective marriage in Brazil, the first step is to legalize the certificate of marriage (at the consulate) and the second is to submit it to the Registry (at a Brazilian cartório).

Note that the issue of whether homosexual marriages are accepted under Brazilian Law is not completely settled, although the Supreme Court of Justice understanding has made decision that recognizes this possibility.

Therefore, registering the certificate of a homosexual marriage in a Brazilian Registry may present problems, even if the marriage is officially recognized by the laws of the country in which it was celebrated.

Stable unions

For many purposes, Brazilian law equals marriage and stable unions. A stable union is defined as a family entity living together in a public, continuous and lasting manner and with the aim of constituting a family. There is no time requirement for a stable union, though courts are more incline to recognize them when they exist for a longer period of time (a year or more).

In 2011, the Federal Supreme Court recognized the validity of stable unions between homosexual couples.

But how do you prove a stable union?
For visa purposes, this condition can be proved with:
(1) one of the following documents (Art. 2 of Resolution CNIg no. 77/2008)


(a) certificate of stable union issue by a government entity of the country of origin; or

(b) proof of stable union issue by a competent Brazilian court or similar foreign authority.

OR

(2) by presenting the following documents (Art. 3 of Resolution CNIg no. 77/2008):

(a) certificate of civil registration of the Foreigner (in case, the Foreigner’s National Registration number and the Taxpayer’s Registry (CPF) or foreign equivalent (including passaport);

(b) declaration of two people which attests the existence of the stable union; and

(c) at least two of the following documents:

(i) proof of economic dependency issued by the fiscal authority or an entity equivalent to the Brazilian Revenue Office;

(ii) certificate of religious marriage;

(iii) will declaration which proves the union;

(iv) life insurance contracted by one of the interested parties which appoints the other person as beneficiary;

(v) duly registered deed of sale of real estate which appoints both interested parties as owners or lease signed by both; or

(vi) joint bank account.


NOTE: Documents number ii to vi must be at least one year old before they can be accepted. So, no lightning speed civil unions!

How to request the permanent visa

After obtaining proof of your marriage or stable union, you can request a family reunion visa. In Brazil, family is a constitutionally upheld value and so Brazilian authorities tend to grant this type of visa with relative ease.

If you are outside Brazil, you can request this visa at the Brazilian Consulate which has jurisdiction over your domicile. If you are already in Brazil, you should address your request to the nearest Federal Police office.

Pursuant to Resolution CNIg no. 36/1999, Brazilian authorities may grant permanent visas to foreigners married to Brazilians.

With this visa, you are allowed to stay and work in Brazilian territory and you may enter and leave the country as you wish.

However, if you stay over two years outside the country, you may lose your visa and, thus, you would have to either request a new one or ask for the revalidation of the previous one.

Note that pursuant to art. 75 of Statute no. 6.815/1980 (which regulates the legal status of foreigners in Brazil), a foreigner with a Brazilian spouse or companion cannot be expelled from Brazilian territory if the marriage and/or stable union exists for over 5 years. Accordingly, after this period, the foreigner can request the transformation of its permanent visa into a kind of permanent stay permission.

giovedì 26 luglio 2012

Fresche fresche da Londra

Mio figlio mi ha appena spedito queste foto scattate poche ore a Londra nei  pressi di  Downing Street che mostrano i festeggiamenti per la  torcia olimpica .


Un " abraço gratis " agli incroci di Sao Paulo

Ne sono state dette tante sulla violenza in Brasile , fenomeno soprattutto legato alle megalopoli delle quali ne noi ne le nostre amministrazioni abbiamo la più pallida idea dei problemi di gestione ma siamo subito pronti a criticare e proporre ricette come se fossimo i CT di una squadra di calcio . Basti pensare solo al problema della raccolta e smaltimento rifiuti di una città di poco meno di 20 milioni di abitanti ovvero più di un terzo della intera popolazione Italiana e maggiore della popolazione di molti Stati della vecchia Europa  come la virtuosa  Svizzera ( 8 milioni  ) , Finlandia ( 6 milioni ) , Olanda ( 16 milioni ) , Portogallo ( 11 milioni ) e così via .


Ma il Brasile non è solo il Paese degli assalti agli incroci è anche il Paese degli " abbracci all'incrocio " , una iniziativa che farà sorridere molti di noi che avrebbero forse voluti i marines agli incroci ed invece no i brasiliani ancora una volta ci stupiscono  e rispondono allo stress del traffico ed indirettamente alla violenza con gli " psicologi del traffico " . Notate la sottigliezza della azione . Cosa ne pensate ?



   

Il matrimonio di comodo per ottenere il visto permanente

Questo articolo di Andrea Torrente , apparso su ArticoloTre , parla dei finti matrimoni contratti dagli stranieri per ottenere il visto permanente . Apparentemente sembrerebbe una opzione attraente  ma attenzione ai rischi immediati ( Fino a cinque anni di prigione oltre alla espulsione dal Paese  ) ed alle conseguenze future . 
Considerate che per ottenere il visto , oltre che a sposarvi dovete dimostrare la convivenza e pertanto la Polizia Federale fa precedere l'approvazione della pratica da una visita a sorpresa anche alcuni anni dopo la richiesta . Nel frattempo restate si in Brasile , ma senza RNE , con tutte le difficoltà che questo comporta : non apertura del conto corrente , impossibilità di lavorare , ecc . 
Una volta conseguito il visto chi vi libererà poi dalla incombenza di mantenere la futura moglie e la sua famiglia di origine i cui membri  improvvisamente si ammaleranno o perderanno il lavoro ? Potete rispondere che non siete tenuti a farlo ma ricordate che siete in Brasile e con un processo pendente la vita incomincia a farsi difficile . Qualunque attività vogliate intraprendere vi chiedono i Certidoes negativi , non potete più vendere alcun bene in vostro possesso nemmeno l'automobile .
Ecco perchè noi sconsigliamo fortemente questa pratica che , comunque , a onor del vero e per la mia esperienza personale non è comune tra i nostri connazionali.
Fino a una decina di anni fa, un brasiliano doveva sborsare fino a 10mila euro per sposare un cittadino europeo: il Vecchio Continente era considerato la Terra promessa e il Brasile soffriva ancora le conseguenze della crisi degli anni Novanta.
Dieci anni dopo il mondo si è rovesciato. Adesso, a pagare per un finto matrimonio con un cittadino brasiliano, sono gli europei: 3mila reais, circa 1.200 euro, è quello che Luis, un pubblicitario spagnolo ha versato ad una donna delle pulizie 36enne di San Paolo per convincerla a sposarlo.
Luis, che è omosessuale, ha scelto la via del matrimonio pur di scappare dalla crisi economica che flagella l´Europa: una pratica illegale, ma che, secondo il quotidiano El País, è sempre più diffusa in Brasile.
“Sono a conoscenza dei rischi – spiega il giovane spagnolo – però conosco tre tedeschi a Rio de Janeiro e un americano a San Paolo che hanno fatto lo stesso”. Se scoperti, la coppia dovrà rispondere di falsità ideologica e documentale: la pena massima è di cinque anni, oltre all´espulsione di Luis dal Paese.
Tuttavia, per molti stranieri questa rimane l´unica strada percorribile per stabilirsi definitivamente in Brasile, incoraggiata anche da avvocati e intermediari senza scrupoli che si fanno carico di organizzare i finti matrimoni. Se da una parte le imprese brasiliane hanno frequente bisogno di manodopera qualificata, materia scarsa in Brasile, dall´altro sono fortemente scoraggiate dall´assumere cittadini stranieri a causa della burocrazia infinita: “Devi anche dimostrare che non ci sia un brasiliano che possa svolgere la tua mansione” racconta Carlos, un altro spagnolo residente a San Paolo che ha contratto un finto matrimonio con una brasiliana.
Che sempre più europei in questi anni abbiano scelto il Brasile come meta per sfuggire dalla crisi e tentare una nuova vita è dimostrato anche dai dati del Ministero brasiliano della Giustizia: tra il 2009 e il 2010 le richieste di visto permanente sono state 6.303, in crescita del 95%. Anche gli italiani residenti in Brasile sono sempre di più: nel 2006 ne risultavano iscritti all´Aire circa 68mila, mentre nel 2011 questo dato (che tiene però conto anche degli oriundi) oscillava tra i 200 e i 300mila, dei quali circa 130mila residenti a San Paolo.
In forte aumento sono anche le unioni stabili, contratti di convivenza tra un cittadino brasiliano e uno straniero. Tra il 2009 e il 2011 sono passate da 222 a 403 richieste: in testa ci sono inglesi, francesi e spagnoli.
E anche se molti europei optano per il matrimonio, secondo Fabio Mortari, direttore della Camera di Commercio Brasile-Spagna, “una persona con una qualifica sufficiente, ha i mezzi per ottenere un visto di lavoro nel rispetto della legge”. “Il Brasile soffre una carenza di persone qualificate e ci sono vari modi per ottenere un visto. Sposarsi è una soluzione, ma poi convivere diventa un problema”. 
Fonte : ArticoloTre

martedì 24 luglio 2012

"Manuale d'amore" al Centro di Cultura Madrelingua


              FilmeManual do amor (Manuale d’amore), 2005 –
                         Diretor: Giovanni Veronesi
Quatro histórias divertidas para contar a grande comédia do amor: Tommaso e Giulia vivem todas as etapas da relação: primeiro encontro, primeiro beijo, sexo, moram juntos e se casam. Já Barbara e Marco estão passando por uma crise no relacionamento, o que os faz pensar em terem uma criança e resolver seus problemas. Ornella foi traída, mas está disposta a superar o evento voltando suas forças à luta contra os homens. Goffredo foi abandonado e, desesperado, busca alívio em no livro de auto-ajuda "Manual do Amor"...

Data: sábado 28 de julho 2012, às 18:30h

Local: Centro di Cultura Italiana MadrelinguA

Entrada franca

Informações: 4141-6437/9991-0876 –

lunedì 23 luglio 2012

Un Putin ingessato sembra ricordare l'altro con "saudade"

Una doccia fredda al termine di una giornata nera per l'economia europea. L'agenzia internazionale di rating Moody's rivede al ribasso l'outlook della Germania, dell'Olanda e del Lussemburgo a 'negativo' da 'stabile'. Anche i colossi, dunque, scricchiolano.
"L'Italia è il Paese con il maggior numero di accordi con le regioni russe", dice il leader del Cremlino. "Abbiamo grandi progetti comuni. Voglio sottolineare che nemmeno uno di questi nostri progetti è morto".



I genitori di Tommaso Lotto sbarcati oggi a Sao Paulo


A família do bancário italiano Tommaso Lotto, de 26 anos, morto durante uma tentativa de assalto no sábado, 21, na Avenida 9 de Julho, no Itaim Bibi, zona sul da capital paulista, chegou ao Brasil na manhã desta segunda-feira, 23. Os pais de Lotto desembarcaram no Aeroporto Internacional de Guarulhos, na Grande São Paulo, onde eram esperados por um carro da embaixada italiana.
No último sábado, às 18h30, o bancário estava com um amigo espanhol em um Honda Civic quando os dois foram abordados por dois homens em uma moto. Os suspeitos bateram com uma arma no vidro do carro e anunciaram o assalto. Lotto, que não falava português, saiu do carro na tentativa de escapar dos criminosos, mas os ladrões atiraram nas suas costas. Eles fugiram sem levar nada.
Com ferimento no tórax, o italiano chegou a ser levado para o Hospital São Luiz, mas morreu antes de chegar ao Pronto-Socorro. O amigo espanhol que o acompanhava não foi ferido. O bancário italiano chegou ao País na última sexta-feira, 20, com o objetivo de se mudar definitivamente para o Brasil, informou a polícia.
A ocorrência foi registrada como roubo seguido de morte no 14º Distrito Policial, mas nesta segunda passou para o 15º DP, que cobre a área onde o crime aconteceu. A SSP afirma que Departamento de Homicídios e de Proteção à Pessoa (DHPP) também assumiu parte das investigações. Até o momento, os assaltantes não foram identificados.
O estadao.com.br procurou o Consulado da Itália em São Paulo, mas até às 10h50 não conseguiu contato. A entidade falou com a família da vítima no domingo, 22. Eles são da região do Vêneto, no nordeste do país. Os familiares pediram para as autoridades o máximo de discrição na divulgação de informações. Ainda não há informações sobre o destino do corpo de Lotto.
Nos primeiros cinco meses deste ano, a região do 15º DP registrou 625 roubos, um aumento de 21,6% em comparação com o mesmo período do ano passado, segundo as estatísticas mensais de criminalidade divulgadas pela SSP.

Monti chiede aiuto al Papa russo .



domenica 22 luglio 2012

Italiano muore durante un tentativo di assalto a Sao Paulo

La notizia, riportata su Globo , è di poco fa e non ci sono molti elementi .Un turista o bancario  italiano  di 26 anni , Tommaso Lotto , da appena due giorni a Sao Paolo che sarebbe stato assalito da due motociclisti questa notte mentre era  in auto con un amico avvocato spagnolo.
La vittima avrebbe cercato di fuggire ma è stato colpito alle spalle ed è morto  in ospedale per le ferite riportate . Nessun assaltante è stato catturato .


Um bancário italiano de 26 anos, que estava no Brasil há dois dias, foi morto a tiros durante uma tentativa de assalto na noite deste sábado (21), na região central de São Paulo, de acordo com informações da Polícia Civil.
A vítima estava em um carro na Avenida 9 de Julho, com um amigo, quando dois ladrões chegaram de moto e anunciaram o assalto. O italiano saiu do veículo e tentou fugir correndo, mas foi atingido pelas costas, segundo a polícia.
O bancário chegou a ser levado ao Hospital São Luiz, na Avenida Santo Amaro, mas não sobreviveu. Nenhum suspeito foi preso. A ocorrência foi registrada no 14º Distrito Policial.

sabato 21 luglio 2012

Le vostre storie : vendo tutto ed apro una pasticceria in Brasile

Continuo a pubblicare , usando ovviamente nomi di fantasia delle storie che mi sembrano particolarmente significative circa lo stato di disorientamento in cui si trovano molti nostri connazionali . Purtroppo la stampa alimentata dai politici sta cercando di orientare la popolazione ad emigrare a tutti i costi allo scopo di ridurre la pressione sociale . Questo è già accaduto in passato in Italia ed in altre nazioni . 
L'emigrazione può senz'altro essere una soluzione ma solo se si hanno i mezzi per ricominciare altrove una nuova vita e soprattutto se si conosce bene la situazione che si va ad affrontare .In questo senso sento una profonda responsabilità quando mi vengono posti certi quesiti .


Salve Oliviero ,


sono Francesco, ho 39 anni sono sposato e ho 3 figli di ormai 5   13   e   15 anni lavoro solo io  presso una pasticceria artigianale che rifornisce i bar di cornetti etc. etc.
Ultimamente sento sempre più persone,trasmissioni di persone che pensano di trasferirsi in altri paesi e anch'io da tempo ci penso ma non ho mai avuto la forza di prendere una decisione del genere che per me e la mia famiglia penso potrebbe essere molto bello da una parte ma non vorrei peggiorare la situazione dall'altra non so se riesco a farmi capire,non vorrei fare un buco nell'acqua perche non essendo solo sarebbe una tragedia.
Non dispongo di grosse cifre liquide, tranne la liquidazione che comunque penso mi verrebbe pagata in più volte vista la difficoltà di cassa della ditta dove lavoro,con la vendita di un paio di proprietà potrei ricavare qualcosa ma sono mosse che richiedono tempo e adesso non è nemmeno il migliore momento per vendere.
Mi rivolgo a Lei quindi per chiederle se questo mio pensiero è meglio rimanga tale o se è possibile anche per persone nella mia condizione intraprendere un passo come trasferirsi in Brasile per dare un futuro migliore e più sodisfacente ai miei figli.
Sarebbe possibile aprire una pasticceria italiana con bar è presente come attività in Brasile?
La ringrazio anticipatamente se vorra dare risposta a queste mie domande.
Saluti Sinceri.Francesco  



Ciao Francesco 

nelle tue condizioni un trasferimento in Brasile sarebbe un salto nel vuoto .Tieni presente che una famiglia di 5 persone qui nel Nordeste ( Tra i più economici del Brasile ) spende almeno  R$6000 al mese ( 2400 euro ) perché scuola e sanità sono a pagamento . Un affitto di un locale per la pasticceria in un posto con circolazione di persone costa non meno di R$ 3000 al mese e così via .
Devi attendere tempi migliori per poterti trasferire .

Saluti  Antonio          

venerdì 20 luglio 2012

Ponta Negra a Sydney

Dedico questo  articolo a coloro che pensano che l'erosione della passeggiata di Ponta Negra sia un fenomeno locale , facilmente risolubile riconducibile alla incuria ( peraltro innegabile ) della Prefettura . 
Purtroppo non è così . Qui siamo in Australia nello Stato di Sydney ed il problema si ripete in tutta la sua drammaticità .

Si chiama Old Bar, vecchia sbarra, e il suo nome è tutto un programma. Perché in questo ex paradiso del Nuovo Galles del Sud, lo stato australiano di Sydney, l'Oceano Pacifico, giorno dopo giorno, raises the bar (in lingua anglosassone, supera l'asticella, anche in senso figurato, quello dell'andare oltre), erodedo spazi dell'ex litorale da sogno, fino a minacciare l'abitato. 


Negli ultimi 8 anni, la prima asticella, quella dell'arenile, si è ritirato, in lunghezza, di 131 piedi, 40 metri, nonostante gli sforzi dei circa 4 mila abitanti di questa località che si trova vicino a Taree, circa 320 chilometri a Nord-Nord Est di Sydney. Dighe, barriere, arenile protetto con feltri e tendaggi: tutto inutile, contro il progressivo avanzamento delle acque. 
 
Elaine Pearce ha lasciato Sydney 12 anni fa. La promessa ricevuta era duplice: avrebbe trovato un paradiso da un lato, avrebbe portato a termine un solido investimento, acquistandovi casa. Oggi tre dei suoi vicini sono già stati sfrattati dall'ascesa dell'oceano, e le case, che a quel tempo si potevano pagare cifre vicine ai 2 milioni di euro, oggi vengono svendute a 300 mila. "Volevo una casa affacciata sull'acqua, e quello ho ottenuto", commenta lei con humour alla France Presse. 

Colpa ovviamente del global warming, che provoca scioglimento dei ghiacci ai poli e conseguente innalzamento delle acque in ogni parte del pianeta, naturalmente. Fenomeno relativamente graduale e prevedibile, su cui si innesta la crescente frequenza, nelle aree al confine tra zona temperata e tropici (Old Bar è a 32 gradi sud, latitudine paragonabile a località come Djerba, Tunisia), della migrazione delle tempeste tropicali verso aree tradizionalmente più miti. "Ci aspettiamo la moltiplicazione e l'intensificazione dei fenomeni - spiega Mattew England, oceanografo dell'Università del New South Wales - E in quelle situazioni, che l'acqua riesce a insinuarsi nella costa con violenza ancora maggiore. Se in condizioni di calma, l'oceano guadagna un metro, in una situazione di tempesta può guadagnarne anche 4". 



"Nella stagione piovosa, alle porte - conferma Allan Willan, residente di vecchia data a Old Bar - il mare potrebbe erodere altri 5 metri di litorale. Se continua così fra sette anni l'avrò davanti alla porta..."
Le banche neanche più provano a vendere i terreni di questo ex angolo di eden, che è soltanto il più a rischio tra i 14 comuni in situazioni simili. Ma l'intero stato è in preallarme. Un problema che interessa 5,8 milioni di persone, che potrebbero perdere, secondo stime del Governo australiano, un totale di 275 mila case da qui al 2.100, con danno complessivo, includendo strade, ferrovie, complessi industriali che rischiano di andare perduti, di 180 miliardi di euro. 

Le inondazioni che mel 2010-2011 hanno flagellato il confinante Queensland non sono che l'esplosione eclatante di un fenomeno che l'Australia sta guardando con crescente preoccupazione. Si progetta di innalzare case, strade, di costruire sbarramenti sulla falsariga di quelli che proteggono Amsterdam. Con la differenza, che nel caso olandese, l'area da proteggere è ben inferiore. Ci vorranno molte energie e denaro. Old Bar, da parte sua, sta cercando di ottenere da Canberra un finanziamento di 8 milioni di euro per costruire uno sbarramento artificiale sul mare. Per tornare a sperare

O NON mangi la minestra o ti butto dalla finestra

Ai tanti critici del Brasile voglio sottoporre questo articolo apparso oggi su Repubblica . Alcune volte non ci rendiamo conto di essere stranieri in Brasile e diamo per scontato che tutto ci sia dovuto . Ecco come in altri Paesi , suppostamente civili , vengono trattati gli stranieri . Almeno la tolleranza religiosa questo al Brasile ed ai brasiliani non si può negare .



I non musulmani che vivono in Arabia Saudita dovranno rispettare il Ramadan astenendosi dal bere, mangiare e fumare in pubblico, altrimenti saranno espulsi dal Paese.

Il ministero dell'Interno saudita ha chiesto a tutte le persone di fede non islamica di "mostrare rispetto per i sentimenti dei musulmani preservando i rituali sacri islamici". Se il Ramadan non sarà osservato, ha sottolineato, le autorità saudite cancelleranno i permessi di lavoro delle persone interessate, che saranno poi espulse.

La nota è stata diffusa oggi, primo giorno di Ramadan in quasi tutto il mondo islamico. Oltre ai 19 milioni di cittadini sauditi, nel Paese vivono quasi 8 milioni di lavoratori asiatici e centinaia di migliaia di emigrati di altre nazionalità.

giovedì 19 luglio 2012

Le vostre storie : vado a vivere a Goiania ... o no ?

Sto ricevendo molte mail come quello di Chiara ( Nome di fantasia ) ed ho deciso di pubblicare domanda e risposta affinchè anche i lettori possano  esprimere i loro commenti e dare suggerimenti .


Salve! Mi chiamo Chiara  e ho trovato il suo indirizzo sul sito Vivereinbrasile .Il  mio compagno ha ricevuto un'offerta di lavoro da un'azienda italiana che ha una sede a Goiania( GO) .fin qui,non ci piove..il dubbio che mi assale e' se con il suo stipendio possiamo riuscire a vivere fino a quando non trovo un lavoro anche io.
Lui prenderebbe 1200 euro al mese+incentivi . Noi abbiamo tre figli di 13 e 12 anni, sento pareri molto discordanti circa il costo della vita,casa,lavoro ecc e le assicuro che leggo di tutto per chiarirmi le idee.sarebbe cosi' gentile da rispondermi e darmi dei chiarimenti?


Grazie mille


Chiara 



Ciao Chiara 


innanzitutto ti do il benvenuto come nuova lettrice del Blog Vivereinbrasile il cui scopo è quello di fornire informazioni , le più accurate possibili , circa il Brasile e le possibilità di trasferimento in questa splendida terra .


Ciò detto però vediamo di stare con i piedi per terra e cominciamo a parlare un pò di costo della vita a Goiania . Lo stipendio di tuo marito equivale a  R$3000/mese , veramente pochino per il Brasile , ma procediamo con ordine . Una buona fonte di informazioni sui costi è il sito www.custodevida.com.br che fornisce capitale per capitale sia un indice di confronto con le altre città sia i valori medi dei prezzi di beni e servizi comunicati dai lettori che in queste città vivono . Da questo sito apprendiamo che Goiania ( Nella foto ) capitale dello Stato di Goias , ha un indice di costo della vita di 3.5 comparato con 10 che il costo a Rio de Janeiro . Considerato che Belo Horizonte , altra capitale molto frequentata dai lavoratori italiani a causa della FIAT  ha un indice 6.1, possiamo concludere che Goiania è una città molto economica per vivere ... per un brasiliano .


Nel caso di un europeo , noi diamo per scontato alcuni servizi che lo Stato fornisce gratuitamente ma che qui , pur esistendo , non sono all'altezza di quelli europei . Naturalmente essendo il Brasile un paese immenso le cose sono diverse da Stato a Stato e chi è vissuto a Goiania mi parla di una realtà molto migliore rispetto alle Capitali del Nordeste che io conosco con maggiore profondità . Comunque sia quasi certamente avrai bisogno di un Plano de Saude privato ovvero una assicurazione sanitaria per te e per i tuoi tre figli che costerà non meno di  R$1000 al mese a meno che la Società di tuo marito non li includa nei benefit ( La maggioranza delle grandi e medie aziende  lo includono ) . Se non è così  NON vi conviene accettare il trasferimento : i costi sanitari sono elevatissimi ed anche con il Plano de Saude dovrete comunque acquistare le medicine che sono MOLTO più care che nelle farmacie italiane ( Lo so per esperienza ) .


Altra voce di spesa è la scuola . Dove pensate di mandare i vostri tre figli ? Per la scuola si ripete lo stesso discorso della salute con l'aggravante della lingua . 


Altro aspetto da considerare è quello dei trasporti . Le città brasiliane sono molto estese ed i servizi pubblici raramente sufficienti . L'auto è praticamente indispensabile ed è un bene costoso . Una vettura sia nuova che usata costa mediamente il 30% di più che in Italia e la benzina benchè apparentemente costi 1 euro al litro , a causa dell'aggiunta di alcool nella miscela , rende molto meno che in Europa e pertanto con un litro non si superano i 12Km al litro in città .


Infine la casa . La Società vi fornisce l'alloggio ? Almeno per i primi 6 mesi dovrebbe per consentirvi di adattarvi e trovare una adeguata sistemazione . L'ideale sarebbe che l'alloggio facesse parte del pacchetto dei benefici perchè comunque non spenderete meno di  R$1000 al mese tra affitto e condominio .

In attesa che tu trovi un lavoro dovete quindi tirare la cinghia . Un salario " adeguato " per una famiglia di 5 persone non scende sotto i  R$5000 al mese in una capitale . Spero che i lettori ti diano ulteriori informazioni . 


Saluti e ti auguro di trovare presto anche tu un lavoro in quel di Goiania .

Il mercato scommette sulla SELIC al 7,5% entro fine Agosto

Con questo scenario presente e futuro diventa sempre più urgente trovare una alternativa di investimento per il proprio risparmio . Vivere di rendita finanziaria con questi tassi è fuori discussione anche ammettendo una "inflazione personale " del 4,5% resta ben poco oltre la pura sopravvivenza ed il capitale rischia una rapida e violenta erosione . 
A questo punto , volendo restare sul finanziario bisogna incominciare a considerare orizzonti medio lunghi e muoversi sulle azioni oppure se non si ha sufficiente pazienza e sangue freddo spostarsi sugli immobili anche in questo caso con la dovuta attenzione . 
Certo è che se non ci sono buoni affari in vista meglio non muoversi : meglio non guadagnare o guadagnare poco che perdere .


O Comitê de Política Monetária (Copom) do Banco Central indicou nesta quinta-feira (19), por meio da ata de sua última reunião, quando os juros recuaram para 8% ao ano, nova mínima histórica, que o processo de corte dos juros, iniciado em agosto do ano passado, deverá ter prosseguimento. O próximo encontro do Copom está marcado para o fim de agosto.

"O Copom entende que, dados os efeitos cumulativos e defasados das ações de política implementadas até o momento, qualquer movimento de flexibilização monetária adicional deve ser conduzido com parcimônia", informou a instituição no documento.Desde que começou a utilizar a palavra "parcimônia" nos comunicados, o BC tem optado por reduções de 0,5 ponto percentual. A aposta do mercado financeiro é justamente de que a autoridade monetária continuará reduzindo os juros em agosto, quando a taxa, ainda segundo os analistas, deverá recuar de 8% para 7,5% ao ano.
A maior parte do mercado financeiro aposta que a redução de juros prevista para agosto (7,5% ao ano) seria a última deste ano. Entretanto, alguns analistas já estimam que a taxa básica da economia poderá chegar a 7% no fim de 2012, ou até abaixo disso.

O processo de redução dos juros básicos da economia tem sido uma das principais marcas do governo da presidente Dilma Rousseff na área econômica. No mercado bancário, porém, o repasse total dos cortes efetuados desde agosto do ano passado chegou somente em maio deste ano.

Cenário externo e atividade econômica

Ao baixar os juros, o BC busca estimular a atividade e combater os efeitos da crise financeira internacional na economia brasileira. Mesmo com oito cortes consecutivos nos juros, o Produto Interno Bruto (PIB) cresceu apenas 0,2% no primeiro trimestre deste ano.A autoridade monetária avalia que os cortes de juros demoram de seis meses a um ano para terem impacto pleno na economia, e informa que espera um crescimento maior do PIB brasileiro no segundo semestre de 2012.

O Copom informou, na ata de seu último encontro, divulgado hoje, que a recuperação da atividade econômica doméstica tem se materializado de "forma bastante gradual". Por outro lado, acrescenta que o cenário central contempla ritmo de atividade mais intenso neste semestre.

Sistema de metas de inflação
Pelo sistema de metas de inflação, que vigora no Brasil, o BC tem de calibrar os juros para atingir as metas pré-estabelecidas, tendo por base o Índice Nacional de Preços ao Consumidor Amplo (IPCA). Para 2012 e 2013, a meta central de inflação é de 4,5%, com um intervalo de tolerância de dois pontos percentuais para cima ou para baixo.

O Copom tem argumentado que a crise financeira internacional possui "viés desinflacionário" e que, por isso, tem sido possível reduzir a taxa básica de juros sem comprometer o controle da inflação.

"O Copom avalia como decrescentes os riscos derivados da persistência do descompasso, em segmentos específicos, entre as taxas de crescimento da oferta e da demanda", informou o Banco Central. A instituição diz ainda que, no cenário central com que trabalha, a taxa de inflação posiciona-se em torno da meta em 2012.

Fonte : O globo

mercoledì 18 luglio 2012

" Procura immensa "

" Procura immensa " ovvero richiesta enorme , con queste parole l'impiegata dello sportello PJ ( Persona Juridica ovvero Società ) del Banco do Brasile di Ponta Negra ha giustificato la decisione presa dalla Agenzia di bloccare momentaneamente l'accettazione di apertura di nuovi conti .


Il problema non è di poco conto se teniamo presente che il BB è una delle poche banche , se non l'unica , a consentire l'apertura di conti a Società straniere qui a Natal . Le altre , con motivazioni esotiche o meglio ancora senza motivazione non aprono conti a Società di nuova costituzione .
Al momento il blocco sarebbe dovuto alla mancanza di personale per fare fronte alle richieste ma probabilmente c'è qualcosa d'altro . Il rossore sulle guance dell'impiegato che due settimane fa aveva ritirato dalle mie mani il plico di documenti da inviare a Recife per la valutazione ( Si ,Natal dipende da Recife per queste cose e non solo ... anche il consolato , ma precisiamo è solo un consolato onorario senza una vera sede e soprattutto senza un "tostao"  , manda tutto a Recife ) rivela qualcosa d'altro , qualcosa di cui vergognarsi ! 


Su mia insistenza l'impiegata ritrova il mio plico che riposava tranquillamente tra molti altri , lo ha aperto , ha vidimato le pagine dei vari documenti e mi ha confermato che in giornata lo avrebbero digitalizzato e spedito a Recife . Qui , riposerà un'altra settimana , dopodichè avrò acquisito il diritto a chiamare ,reclamare ed incazzarmi con calma alla moda nordestina .


Meno male che fuori splende il sole e nonostante il diluvio di stanotte il cielo è azzurro .

Il punto sulle centrali eoliche in Brasile

La Renova Energia ha inaugurato nello stato di Bahia il più grande complesso eolico di tutta l’America Latina, denominato Alto Sertão –I è situato nei municipi di Caetité, Igaporã e Guanambi, nel sud-est dello stato. Questa area detiene il maggior potenziale di vento di tutto il Brasile ed uno dei maggiori al mondo dato che la velocità dei venti arriva a 15 metri al secondo, le stime per i prossimi anni è di arrivare a produrre dai 2,5 GW ai 3 GW. Il progetto è composto da 14 parchi eolici in grado di generare 293,6 MW, quantità sufficiente a rifornire una città di due milioni di abitanti. Il costo è stato di R$ 1,2 miliardi e darà lavoro a 1.300 persone. Questo complesso renderà R$ 180 milioni all’anno per i prossimi 20 anni. La Renova ha annunciato che costruirà altri tre parchi eolici entro il 2016 per un totale di 670 MW, l’investimento complessivo sarà di R$ 4,4 miliardi; oltre all’eolico è anche previsto lo sfruttamento dell’energia solare. 

Il progetto è stato sviluppato quasi interamente con risorse brasiliane e soprattutto è stato realizzato entro la scadenza prevista. L’aspetto negativo è che potrà entrare a pieno regime solo tra un anno quando la Compagnia Idroelettrica San Francisco (Chesf) terminerà la costruzione delle due linee di trasmissione per la connessione al Sistema Elettrico Nazionale. 


Oltre a questo complesso eolico l’Agenzia dell’Energia Elettrica (Aneel) ha autorizzato la Desenvix Energie Rinnovabili alla costruzione di un altro parco eolico situato nella regione della Chapada Diamantina, sempre nello stato di Bahia. L’investimento ammonterà a R$ 425 milioni e sarà in grado di generare 90 MW. L’energia che sarà prodotta è già stata acquistata dalla Camera di Commercializzazione dell’Energia Elettrica per un periodo di 20 anni.

 
Con questi progetti entro 3-4 anni lo stato di Bahia sarà il maggior produttore di energia eolica del paese; nel Nord-Est si concentrerà il 30% del potenziale brasiliano e Bahia ne produrrà il 15%. Prima dell’entrata in funzione del complesso Alto Sertão-I il più grande parco eolico si trovava nel comune di Osorio nello stato di Rio Grande do Sul, mentre il maggiore produttore è lo stato del Ceará seguito dal Rio Grande do Norte


Oltre alla produzione lo stato di Bahia sta sviluppando tutta la catena produttiva con investimenti mirati. La General Electric Energy, che ha fornito i 184 generatori, investirà R$ 1 milione per realizzare un centro di formazione per la manutenzione degli impianti nel comune di Caetité. La Aeris, il maggiore fabbricante brasiliano di pale eoliche con sede nello stato del Ceará, costruirà una nuova fabbrica nella città di Feira de Santana investendo R$ 117 milioni. La Torrebras installerà una nuova unità produttiva nel comune di Camaçari, alle porte di Salvador. Dallo scorso anno sono presenti in questo municipio anche fabbriche della Alstom (produttrice di motori) e della Gamesa (turbine eoliche).

 
È importante sottolineare che in Brasile l’energia eolica è la seconda fonte di energia più a buon mercato, mentre a livello mondiale il paese sud americano è quello che la produce ai costi minori.


Economia della decrescita , l'opinione di Latouche


«Italia, serve la bancarotta»

Per Latouche, guru della decrescita, il debito non sarà mai ripagato: meglio ripartire da zero. Su Berlusconi: «È pazzo».

di Giovanna Faggionato
da Parigi
A sinistra c'è il cafè Le metro, a destra ilRonsard. Uno di fronte all'altro, con la stessa veranda affacciata sul viale e lo spazio interno percorso dalla luce dei paralumi e dai riflessi degli specchi. In mezzo scorre Boulevard Saint Germain: 30 metri di asfalto antracite, bollente e polveroso, la colonna vertebrale della rive gauche parigina.
«Una volta, i giornalisti li ricevevo dall'altra parte: il proprietario del caffè abita al primo piano, proprio sotto il mio appartamento, peccato che mia moglie ci abbia litigato». Il teorico della decrescita, Serge Latouche, si presenta al tavolino del Ronsard con un affare di condominio e la fatica di attraversare la strada.
A dispetto delle lunghe gambe e dello sguardo da marinaio, l'economista 72enne sembra desideroso di restringere il mondo. Anche quello che lo circonda, fatto di caffé dove si dibatte di politica e flilosofia, da cui sono passati sia Adam Smith sia Karl Marx.
LA NECESSITÀ DI UNA DECRESCITA. Latouche ha cominciato a parlare di globalizzazionequando la parola non era nemmeno nei dizionari, ma da poco era stato pubblicato il rapporto dell'associazione non governativa Club di Roma sui limiti dello sviluppo e la fine del petrolio.
Ha riletto i liberali classici e il padre del comunismo e ne ha concluso che né il capitalismo concorrenziale teorizzato dai primi, né l'economicismo statalista di Marx sarebbero stati capaci di dar vita a una società in equilibrio con l'ecosistema.
Entrambi, anzi, avrebbero portato al collasso. Così ha messo in discussione il concetto di sviluppo come progresso, teorizzando la necessità di un dopo-sviluppo, della decrescita: l'uscita dal dominio dell'economia e una rifondazione culturale, fondata sulla limitazione dei bisogni.
CONTROCULTURA GLOBALE. Le sue idee si sono diffuse attraverso il mondo globalizzato, diventando la critica radicale del nostro tempo, la controcultura del mondialismo.
Oggi che è docente di Scienze economiche all'Università di Parigi Sud, i giornali aperti sul bancone del locale sembrano dargli ragione: parlano di rifiuti nucleari e licenziamenti, di nazioni indebitate e speculazione internazionale.
«Sappiamo già che l'attuale sistema crollerà tra il 2030 e il 2070», spiega a Lettera43.it, «il vero esercizio di fantascienza è prevedere che cosa succederà tra cinque anni».
DOMANDA. Lei ha un'idea?
RISPOSTA.
 L'Europa nata nel Dopoguerra farà la fine del Sacro romano impero di Carlo Magno che cercò di restaurare un regno crollato, durò per 50 anni e fu travolto dai barbari.
D. Che cosa c'entra l'impero romano?
Crollò alla fine del V secolo, ma non morì: continuò a sopravvivere per centinaia di anni con Carlo Magno, l'impero d'Oriente e poi quello germanico. Un declino proseguito nel tempo, con disastri in successione. Come succederà a noi.
D. È la fine della globalizzazione?
R. Io la considero una crisi di civiltà, della civiltà occidentale. Solo che, visto che l'Occidente è mondializzato, si tratta di crisi globale. Ecologica, culturale e sociale insieme.
D. Più di un crollo finanziario...
R. Se vogliamo andare oltre è la crisi dell'Antropocene: l'era in cui l'uomo ha cominciato a modificare e perturbare l'ecosistema.
D. E il sogno degli Stati Uniti europei?
R. È un'illusione. Perché è solo un prodotto della globalizzazione: non hanno costruito un'Unione, ma un mercato liberista.
D. Che fine farà il Vecchio continente?
R. L'Europa è schiacciata tra due movimenti. Uno politico e centrifugo che si è sviluppato anche in Italia con la stessa Padania. E uno economico e centripeto, la globalizzazione.
D. Per ora l'economia batte la politica...
R
. Sì, il movimento centripeto ha il sopravvento. Ma è anche quello che nel lungo periodo andrà a crollare. Non può funzionare senza il petrolio e il blocco delle risorse materiali. Alla fine, con tutta probabilità l'Europa si dividerà in macro regioni autonome.
D. Come ci arriveremo?
R. La barca affonda e andremo giù tutti insieme. Ma non è detto che questo avverrà senza violenza e dolore.
D. Parla del conflitto sociale in Grecia e Spagna?
R. Ecco, putroppo siamo già dentro il capitalismo catastrofico. È solo l'inizio del processo, ma vediamo già gli effetti del mix di austerità e crescita voluto dai leader europei.
DÈ comunque meglio della sola austerità...
R. Crede che l'imperativo della crescita funzioni? Basta guardare alla Francia: questo governo socialista vuole allo stesso tempo la prosperità e l'austerità. Ma non riuscirà a ottenere la crescita. O, se avverrà, sarà per pochi. Mentre l'austerità è sicura per molti.
D. Perché?
R. Perché non hanno scelta.
D. In che senso?
R. Sono chiusi dentro questo paradigma del produttivismo, del Prodotto interno lordo (Pil). È per questo che la decrescita è una rivoluzione. Perché prima di tutto è un cambiamento di paradigma.
D. Facile dirlo. Ma lei che cosa farebbe se fosse il premier italiano?
R.
 L'Italia dovrebbe andare in bancarotta.

«Il debito italiano? Non sarà mai ripagato»

D. Che cosa intende?
R. Pensi al debito.
DSecondo l'Fmi quello italiano è quasi al 140% del Pil.
R. Appunto: non sarà ripagato, lo sanno tutti. Ne è consapevole anche Mario Monti. Il problema, per l'attuale classe dirigente, non è ripagare il debito. Ma è fingere di poter continuare il gioco: cioè ottenere prestiti e rilanciare un'economia che è solo speculativa.
D. Quali sono le prime cinque misure che adotterebbe al posto di Monti?
R. Innanzitutto, cancellerei il debito. Parlo come teorico, so che ci sono cose che Monti non potrebbe fare comunque, neppure se fosse di sinistra o un decrescente. Ma sto parlando di bancarotta dello Stato.
D. La bancarotta è la soluzione?
R. È più che altro la condizione per trovare le soluzioni.
D. In che senso?
R. Non porta necessariamente alla soluzione, anzi in un primo momento le cose possono peggiorare. Ma non c'è altro modo, perché non esiste via d'uscita dentro la gabbia di ferro del sistema attuale.
L'Italia non sarebbe la prima né l'ultima. Tutti quelli che l'hanno fatto si sono sentiti meglio, da Carlo V all'Argentina.
D. Ma l'Argentina non era dentro una moneta unica.
R. Questo significherebbe uscire dall'euro, ovviamente, dentro non si può fare niente. Per questo dico che parlo come teorico: nemmeno i greci hanno avuto il coraggio di abbandonare l'Unione.
D. Siamo al terzo punto allora: uscire dall'euro, cancellare il debito e poi?
R. Rilocalizzare l'attività. C'è tutto un sistema di piccole imprese, di saper fare diffuso, che è stato distrutto dalla concorrenza globale.
DSì, ma come si fa?
R. Devo usare una parola che in Italia fa sempre paura: serve una politica risolutamente protezionista.
D. Su questo, il dibattito è annoso...
R. Esiste un cattivo protezionismo, è vero. Ma c'è anche un cattivissimo libero scambio. Mentre esiste un buon protezionismo, ma non un buon libero scambio.
D. Perché no?
R. Perché la concorrenza leale sempre invocata non esiste. E non esisterà mai. Semplicemente perché tutti i Paesi sono diversi. Come si può competere con la Cina? È una barzelletta.
D. Parla come se facesse parte della Lega Nord.
R.
 Lo so, lo so. E anche come uno del Front National. Sa perché ha successo l'estrema destra?
D. Me lo dica lei...
R. Perché non tutto quel che dicono è stupido. C'è una parte insopportabile, ma se sono popolari - e lo saranno sempre di più - è perché hanno capito alcune cose, hanno ragione. È questo che fa paura.
D. Quindi qual è la ricetta della decrescita?
R. Il protezionismo ci permette di non essere competitivi per forza. Se lo siamo in alcuni settori, bene. Ma possiamo anche sviluppare produzioni non concorrenziali. Stimoliamo la concorrenza all'interno, ma con Paesi che hanno altri sistemi sociali, altre norme ambientali, altri livelli salariali, questo non è possibile. D'altra parte, è stata l'eccessiva specializzazione a renderci così fragili.
D. Siamo alla quarta misura, quindi.
R. La tragedia attuale, per me, è soprattutto la disoccupazione.
D. E come pensa di risolverla?
R. Lavorando meno, ma lavorando tutti.
D. Una formula già sentita...
R. Sì, ma ci dicevano anche che la concorrenza attuale ci avrebbe fatto lavorare di più per guadagnare di più, come ha dichiarato quello sciagurato di Nicolas Sarkozy. E invece ci fa lavorare di più e guadagnare sempre meno: questo è sotto gli occhi di tutti.
D. Ma è una questione di denaro?
R. No, si tratta di vivere. Dobbiamo ritrovare il tempo per dedicarci al resto, alla vita. Questa è un'utopia, ma l'utopia concreta della decrescita: superare il lavoro.

«La decrescita: ripartire dalla terra, eliminando le attività nocive»

D. Sì, ma come?
R. Partendo dalla riconversione ecologica. Tornando a un'agricoltura contadina, senza pesticidi e concimi chimici. In questo modo, la produttività per l'uomo sarà più bassa, ma si creeranno milioni di posti di lavoro nel settore agricolo. E questa è la quinta misura.
D. Basta l'agricoltura?
R. Dobbiamo affrontare la fine degli idrocarburi, sviluppare le energie rinnovabili e rinconvertire le attività parassitarie che danneggiano l'ambiente.
D. Per esempio?
R. Le fabbriche di automobili, che oggi sono in crisi.
D. Peugeot ha annunciato 8 mila licenziamenti...
R. Bisognava aspettarselo da anni. Si sa che l'industria dell'auto non ha futuro: con lo stessoknow how potrebbero essere trasformati in stabilimenti che producono sistemi di cogenerazione.
D. Parla di una globale ristrutturazione del mercato del lavoro?
R. La quota di occupati in agricoltura potrebbe arrivare al 10%. Ci sono industrie nocive come l'automobile, il nucleare, la grande distribuzione che vanno ripensate. E c'è la necessità di una rinconversione energetica. In Germania, con le energie rinnovabili hanno creato decine di migliaia di posti di lavoro.
D. Ma sono dati contestati...
R. Il dibattito è aperto: si dice che chiudere le centrali nucleari francesi cancellerà 30 mila posti di lavoro ma, allo stesso tempo, prima bisogna smantellare. E nessuno lo sa fare. Quanti posti di lavoro si potrebbero creare allora?
D. E la grande distribuzione?
R. Sicuramente ha effetti distruttivi per l'ambiente e alimenta un alto tasso di spreco alimentare, pari a circa il 40% della produzione.
D. E allora?
R. Cancellarla significa essere pronti a ripensare tutto il sistema della città e soprattutto delle periferie.
D. Come?
R. La gente ha bisogno di piccoli negozi. Di fare la spesa più spesso, con più tempo a disposizione. Quando si comincia a cambiare un anello, come in una catena cambia tutto.
D. E i trasporti?
R. Dobbiamo pensare che il 99% dell'umanità ha passato la propria vita senza allontanarsi più di 30 chilometri dal proprio luogo di nascita. Quelli che si sono spostati di più, cioè noi, sono solo l'1%. Anche questo è un fenomeno molto recente e la maggioranza delle persone non ne soffrirà, poi ci saranno sempre i grandi viaggiatori alla Marco Polo.
D. Ne è certo?
R. È stata la pubblicità a creare il turismo di massa. In ogni modo, con la fine del petrolio, non ci sarà il traffico aereo di oggi, i trasporti costeranno sempre di più, andranno meno veloce. Muoversi sarà sempre più difficile.
D. E a livello fiscale?
R. Bisognerebbe introdurre una tassazione diretta e progressiva. Che può arrivare anche al 100%, se i redditi superano un certo livello. E poi una tassazione sul sovraconsumo dei beni comuni. A partire dall'acqua.

«Bisogna limitare i bisogni per soddisfarli davvero»

D. Quindi meno lavoro e più agricoltura. Per ottenere cosa?
R.
 Un mondo di abbondanza frugale.
D. Cioè?
R. Una società capace di non creare bisogni inutili, ma di soddisfarli. E per soddisfarli, bisogna limitarli.
D. Le sembra possibile, quando gli operai cinesi si suicidano per un iPad?
R. In una società sana non esiste questa forma di patologia dell'insoddisfazione. Ci può essere una forma di seduzione, ma non un'insoddisfazione permanente. Questo fenomeno è esacerbato dalla pubblicità.
D. Cioè?
R. Ci convince che siamo insoddisfatti di ciò che abbiamo, per farci desiderare ciò che non abbiamo.
D. Vorrebbe spazzare via il marketing?
R. Una delle prime misure della società della decrescita riguarda la pubblicità: non si tratta di cancellarla - perché non siamo terroristi - ma di tassarla fortemente, questo sì.
D. Con che motivazione?
R. È lo strumento di una gigantesca manipolazione, il veicolo della colonizzazione dell'immaginario.
DE la finanza che rappresenta il 10% del Pil britannico?
R. Penso che questa crollerà da sola. Sarebbe già successo se questi sciagurati di governi non avessero salvato le banche.
D. Che cosa intende?
R. È colossale quello che è stato fatto per le banche negli Usa: secondo l'Ocse, 11.400 miliardi di dollari di fondi pubblici sono stati destinati agli istituti di credito.
D. Se facciamo crollare le banche si affossa il sistema...
R. Sì, meglio così. Abbiamo bisogno che il sistema crolli.
D. E i cittadini?
R. Dobbiamo pensare a come riorganizzare il funzionamento della società. Ma bisogna ricordarsi che questo sistema così come lo conosciamo è piuttosto recente.
D. Quanto?
R. Non ha più di 30-40 anni, prima era un sistema capitalista, ma non funzionava su queste basi finanziarie.
D. Che misure bisognerebbe adottare?
R. Il primo passo, prima di rimettere in discussione l'intero sistema bancario, è cancellare il mercato dei futures: pura speculazione. Un economista francese, Friederic Lordon, ha anche proposto di chiudere le Borse. E non sarebbe un'idea stupida.
D. Che cosa succede alle società che ci lavorano? E ai dipendenti?
R. La situazione attuale è talmente tragica che possiamo affrontare con serenità anche un cambiamento difficile.
D. Nella società della decrescita circola denaro?
R. La moneta è un bene comune che favorisce lo scambio tra i cittadini. Ma se è un bene comune non deve essere privatizzata. Le banche sono degli enti privati. E allora dico sempre che noi vogliamo riappropriarci della moneta.
D. Come?
R. Magari partendo dai sistemi di scambio locali che utilizzano monete regionali. Come ha funzionato per due o tre anni in Argentina, dopo il crollo del peso.
D. E chi governa il commercio?
R. Diciamo che sarà necessario trovare un coordinamento tra le varie autonomie.
DMa nel suo modello ogni regione fa da sé?
R. Ogni Paese deve trovare la sua strada. Una volta che siamo riusciti a uscire dal mondo del pensiero unico, dell'homo oeconomicus, a una sola dimensione, allora ritroviamo la diversità. Ogni cultura ha il suo modo di concepire e realizzare la felicità.
D. Esistono già esperienze in questa direzione?
R.
 In Sud America sono sulla strada giusta. In Ecuador e Bolivia, ispirandosi alla cultura india, hanno inserito nella Costituzione il principio del bien vivìr: del buon vivere. Ma, con la crisi, la decrescita ha avuto un successo incredibile anche in Giappone
D. Come mai?
R. I giapponesi stanno riscoprendo i valori del buddismo zen che si basa sul principio di autolimitazione. E sono convinto che la stessa cosa potrebbe succedere in Cina nei prossimi anni, anche attraverso il confucianesimo.
D. La Cina però è anche la più grande fabbrica del mondo...
R. Lì la crisi è già arrivata. La situazione cinese è bifronte: 200 milioni di abitanti hanno un livello di vita quasi occidentale e altri 700 milioni sono stati proletarizzati. Cacciati dalla terra, si accumulano nelle periferie delle metropoli, dove c'è un tasso di suicidi altissimo.
D. Ma l'economia continua comunque a crescere.
R. Anche il ministro dell'Ambiente cinese ha riconosciuto che se si dovesse sottrarre dal Pil di Pechino la quota di distruzione dell'ambiente questo calerebbe del 12%.

«La democrazia è un'utopia: il bene comune è più importante»

D. Come immagina la transizione?
R. Può avvenire spontaneamente, dolcemente. Ma anche in un modo violento.
D. Lei sogna la democrazia diretta?
R. Se si deve prendere la parola sul serio, ha senso solo la democrazia diretta. Ma direi che su questo punto, recentemente, le mie idee sono cambiate.
D. In che direzione?
R. Prima immaginavo un'organizzazione piramidale con alla base piccole democrazie locali e delegati al livello superiore.
D. E ora?
R. Oggi penso che la democrazia sia un'utopia che ha senso come direzione. Ma la cosa importante è che il potere, quale che sia, porti avanti una politica che corrisponde al bene comune, alla volontà popolare, anche se si tratta di una dittatura o di un dispotismo illuminato.
D. Si spieghi meglio.
R. Norberto Bobbio si chiedeva quale è la differenza tra un buono e un cattivo governo. Il primo lavora per il bene comune. Il secondo lo fa per se stesso. Questa è la vera differenza.
D. Va bene, ma come si ottiene un buon governo?
R. Con un contropotere forte. Un sistema è democratico - non è la democrazia, attenzione, ma è democratico - quando il popolo ha la possibilità di fare pressione sul governo, qualunque esso sia, in modo da far pesare le proprie esigenze e idee.
D. Ma non sta rinnegando la democrazia?
R. L'ideale sarebbe naturalmente l'autogoverno del popolo, ma questo è un sogno che forse non arriverà mai.
D. Non pensa alla presa del potere?
R. Gandhi l'aveva spiegato a proposito del suo Paese: «Al limite gli inglesi possono restare a governare, ma allora devono fare una politica che corrisponde alla volontà dell'India. Meglio avere degli inglesi piuttosto che degli indiani corrotti». Mi sembrano parole di saggezza.
D. Sa che Silvio Berlusconi vuole tornare in politica?
R. Ah, lo so, ma lui è pazzo.
Martedì, 17 Luglio 2012  Fonte : Lettera 43

martedì 17 luglio 2012

In memoria di Jon Lord

Scompare a Londra Jon Lord , il leggendario tastierista dei Deep Purple , una icona rock della mia generazione .Li ho ascoltati dal vivo nel 1973 quando si esibirono a Palasport di Napoli ... 39 anni fa !  Il miglior modo per ricordarlo è attraverso uno dei pezzi più famosi del gruppo : Smoke in the wather   .


lunedì 16 luglio 2012

Una napoletana imperatrice ai tropici



La principessa napoletana Teresa Cristina di Borbone (1822-1889), moglie dell'imperatore del Brasile Dom Pedro II, è stata ricordata in un convegno all'Accademia di Belle Arti di Napoli con la partecipazione di studiosi italiani e brasiliani. L'occasione è stata la presentazione del libro di Aniello Angelo Avella, “Una napoletana imperatrice ai tropici” (Exorna Edizioni), che ripercorre i 50 anni in Brasile della principessa - sorella di Ferdinando II di Borbone-Due Sicilie - con l'apporto di documenti e carteggi privati degli archivi brasiliani.

''Maria Teresa Cristina - ha detto Regina Weissmann, responsabile del Rettorato della Uerji (Universidade do Estado do Rio de Janeiro) inaugurò, con la sua personalità forte e la sua grande sensibilità, le relazioni tra Italia e Brasile. Nei decenni successivi al 1843, data del suo arrivo, milioni di emigranti si trasferirono nel nostro Paese, dove oggi si calcolano in 30 milioni i discendenti di italiani''. ''Con il matrimonio tra Maria Teresa Cristina e Dom Pedro II la famiglia imperiale brasiliana - ha detto Mauricio Gomes Candeloro, Capo Gabinetto dell'ambasciata del Brasile a Roma - si incrociò con i Borbone-Due Sicilie e con Napoli. Quattro anni più tardi, nel 1847, cominciò l'emigrazione degli altri Paesi europei in Brasile''.

Sul grande Paese latino-americano, oggi classificato tra i Brics, Ferdinando II aveva scommesso da subito. Nel 1823 fu siglato un accordo commerciale per l'esportazione senza dazi doganali dei filati, nel 1827 fu nominato un incaricato d'affari a Rio de Janeiro. Colta, appassionata di archeologia, Maria Teresa Cristina faceva arrivare dai siti di Pompei e di Ercolano, reperti ed oggetti di vita quotidiana. ''Grazie a lei - ha detto Aniello Angelo Avella, docente di storia della cultura dei Paesi di lingua portoghese all'Università di Roma Tor Vergata e visiting professor alla Uerji - oggi il Brasile possiede la maggiore collezione di archeologia classica dell'America Latina, ricca di oltre 700 pezzi''.