mercoledì 22 maggio 2013

Brasile , da Gennaio 2011 ad oggi creati oltre 4 milioni di posti di lavoro formali : disoccupazione al 5,7%

In Brasile, il tema dell’occupazione continua ad essere uno dei cavalli di battaglia della presidente Dilma Rousseff. Il paese membro del Brics (Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica) ha creato in aprile quasi 200.000 nuovi posti di lavoro, superando così i quattro milioni di lavori formali da quando si è insediato l’attuale governo (1° gennaio 2011), ha detto Rousseff durante il suo solito appuntamento del lunedì, ai microfoni del programma radiofonico Café com a Presidenta.












Questa settimana il ministero del Lavoro pubblicherà i dati sulla situazione occupazionale di aprile raccolti dal Registro generale degli occupati e disoccupati (Caged).

“La mia amministrazione ha creato più di quattro milioni di nuovi posti di lavoro, tutti formali. Siamo arrivati a questo traguardo storico (…) in aprile, quando sono stati creati 200.000 nuovi posti”, ha detto Rousseff.

“Il dato è straordinario e la sua importanza è ancora maggiore quando compariamo la nostra situazione a quella dei paesi sviluppati”, ha aggiunto.

Al settore dei servizi, precisa Rousseff, viene attribuita la creazione di quasi la metà degli oltre quattro milioni di posti registrati durante l’attuale governo; altri 470.000 posti di lavoro sono arrivati dall’industria 500.000 dall’edilizia.

Il mercato del lavoro brasiliano ha riportato in marzo un + 112.450 alla voce “posti di lavoro formali”. In quel mese, la disoccupazione è lievemente aumentata, passando da 5,6% in febbraio a 5,7%; tuttavia, si tratta del più basso livello storico per il mese di marzo, secondo l’agenzia nazionale di statistica Ibge.

In base alle previsioni della Banca Centrale brasiliana, quest’anno l’economiadel paese potrebbe crescere del 3%, e questo grazie agli aumenti salariali, alla generazione di posti di lavoro e ai crescenti investimenti esteri.

Nel 2012 il Brasile ha attratto 50,5 miliardi di euro in investimenti esteri, consolidando la sua posizione come destinazione preferita per i capitali stranieri in America Latina.

Nei primi tre mesi del 2013, secondo l’indice di attività economica rilasciato la scorsa settimana dalla Banca Centrale, l’economia brasiliana è cresciuta dell’1,05%, contro lo 0.63% registrato nel quarto trimestre del 2012. Dati positivi che potrebbero ulteriormente crescere con l’approssimarsi di importanti appuntamenti sportivi: il Brasile ospiterà infatti la prossima Coppa del mondo di calcio e le prossime Olimpiadi.

Fonte : Atlasweb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Lasciate qui un vostro commento