martedì 21 maggio 2013

Par condicio : rapina con due molotov in pieno centro a Milano.

E per non fare torto a nessuno , dopo il  mio post sulla rapina a Mergellina , noto quartiere  bene di Napoli  , ecco che un altro colpo eclatante avviene  questa volta nella Milano bene : Via Spiga .
Il problema criminalità è oramai dilagante nella nostra penisola e non esiste differenza , la criminalità corre dove c'è denaro e ricchezza .... chi  ha orecchie per intendere intenda .
 

Rapina con due molotov in pieno centro a Milano. Un commando di malviventi - almeno sette o otto, secondo le prime testimonianze - armati di mazze hanno distrutto la vetrina della gioielleria Frank Muller, in via della Spiga, in pieno Quadrilatero della moda. Il blitz è scattato alle 11.40. Dopo essersi impossessati del bottino (soprattutto orologi e preziosi), i rapinatori si sono dati alla fuga. E nel tentativo di coprirsi, ma anche di provocare panico nella zona, hanno lanciato due bombe molotov alle loro spalle. Il colpo è avvenuto proprio nel giorno in cui il ministro dell'Interno, Angelino Alfano, è in città per presiedere una riunione del Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica.

Durante il colpo sono rimaste ferite due persone. Un addetto alla security, colpito da una sprangata, ha riportato un trauma toracico ed è stato trasportato al pronto soccorso in codice giallo. Un'altra persona, ferita di striscio, è stata medicata sul posto. "Quello che è successo supera la fantasia", ha commentato un testimone che dice di aver assistito alle fasi finali della rapina. "Erano vestiti di nero e armati di spranghe che durante la fuga, all'imbocco di via Gesù, hanno lanciato le bottiglie incendiarie".


Fonte : La Repubblica 

11 commenti:

  1. Premetto che non sono d'accordo con questo tipo di ribilanciamento della delinquenza tra Italia e Brasile, lo trovo un modo un pó strano di convincere gli altri che il crimine non é una peculiaritá solamente brasiliana, cosa naturalmente ovvia. Vorrei far presente che anche nella civilissima Olanda, é altamente sconsigliato ai turisti stranieri di praticare certe zone del centro di Amsterdam per non essere derubati, per non parlare della fama che Rotterdam ha tra gli olandesi stessi.
    Io sono stato in alcuni piccoli centri del Ceará e di Bahia e ho potuto godere di una tranquillitá assoluta. Le grandi cittá sono antropologicamente soggette a un tasso di criminalita piú elevato rispetto a, per esempio, le zone rurali, quanto piú grandi sono le cittá maggiore sara la possibilita dello sviluppo di un ambiente criminale. Ció é piú evidente nelle cittá cresciute a dismisura in tempi brevissimi, cosa accaduta a molte cittá brasiliane, le cause dello sviluppo criminale sono molteplici ma la questione di fondo é la vivibilita della cittá stessa, quanto piú essa sara sviluppata in modo da venire incontro alle esigenze dei sui abitanti tanto meno sara probabile lo sviluppo di un ambiente fertile per l'illegalitá.
    Ritengo si combatta anche troppo la criminalitá e la si prevenga invece troppo poco. É provato da diversi studi che ad una forte repressione non consegua una diminuizione sostanziale degli atti criminosi. Attraverso la ristrutturizzazione sociale si ottengono indici di legalitá molto piú alti.
    Investire in educazione e pianificazione sociale é la soluzione per creare in tempi relativamente brevi una societá piú equa e di conseguenza meno criminosa.
    Saluti, Yuri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono perfettamente d' accordo con te che la prevenzione e non la repressione è la forma migliore di combattere il crimine ... in tempi lunghi . L'investimento maggiore dovrebbe riguardare l'educazione . Solo per curiosità : stasera al TG hanno comunicato che nell'ultimo anno sono triplicati gli atti delittuosi compiuti dai minori a Rio de Janeiro . l motivo è stata la pacificazione delle favelle avvenuta appunto a Rio che ha spinto migliaia di giovani manovali dei trafficanti verso altri quartieri . Nelle favelle la loro azione era completamente non segnalata mentre adesso sono più in vista . Insomma la pacificazione delle favelle non accompagnata da sufficienti azioni sociali per recuperare i giovani ha aperto il classici Vaso di Pandora .

      Elimina
    2. Ricardo Martins22 maggio 2013 10:17

      E la prevenzione migliore sarebbe quella alla cinese: non piu' di un figlio per coppia...
      Anche se in Brasile da qualche anno la natalita' è in calo, c'è molto da fare ancora nelle favelas e nelle periferie delle grandi citta'. Il problema è che per certi settori della societa' il tema è ancora un tabu...

      Elimina
  2. Le favelle?

    Le fave senza pelle?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questi sono i commenti che non vorrei pubblicare ... ma Benedetto insiste !! Ciao Benedetto

      Elimina
  3. "Erano vestiti di nero e armati di spranghe che durante la fuga, all'imbocco di via Gesù, hanno lanciato le bottiglie incendiarie".

    Le spranghe hanno lanciato le bottiglie incendiarie?

    Sorprendente...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. O il giornalista ha sbagliato a riportare la testimonianza o il testimone ha veramente dello così ... chi può saperlo !

      Elimina
  4. Credo che una rilevante percentuale di questi giovani criminali vada considerata, purtroppo, non recuperabile. Bisogna valutare gli effetti di una ristrutturizzazione sociale credo nel giro di 2 generazioni.
    Naturalmente la criminalitá trovandosi chiusa in un angolo provera a dare dei colpi di coda , come nel caso da lei citato, é quindi sara altrettanto necessaria una forte azione di polizia per l'estirpazione totale di tale fenomeno.
    Credo anche che molte volte la collusione della politica con la criminalita non consenta l'applicazione di tali metodi, vi sono poteri a cui fa comodo che tali sacche di resistenza sociale persistano, non sia mai si inizzi a indagare sui crimini di altro genere.
    Grazie, Yuri.

    RispondiElimina
  5. guardate che questa e' una banda di matrice serba. sono paramilitari (ex combattenti) super organizzati che fanno capo comunque a gente che viene dall'est europa...non delinquenti italiani. tutti i giornali da repubblica a corriere della sera ne parlano. la gioielleria e' stata assaltata nello stesso identico modo la seconda volta nel giro di 80 giorni e testimoni dicono che le persone sono le stesse . rapine dello stesso tipo recentemente anche a DUBAI!

    RispondiElimina
  6. Il colpo è avvenuto proprio nel giorno in cui il ministro dell'Interno, Angelino Alfano, è in città per presiedere una riunione del Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica.

    mi sa tanto di false flag(se così si scrive)
    ciao gian

    RispondiElimina
  7. Puoi prevenire quanto vuoi con l'educazione, ma se a fine mese non hai soldi, non ci sono santi. Cmq anche io (grazie a dio) dal 2005 al 2007 andavo a casa a Natal (brasile) all'una di notte a piedi e non mi è mai successo niente....

    RispondiElimina

Lasciate qui un vostro commento