martedì 11 giugno 2013

Clamoroso : la RAI chiude ! Quella greca .


La crisi greca porta al black-out la tv di stato. Il governo di Antonis Samaras ha annunciato che da stanotte le trasmissioni delle tre reti televisive e delle radio di Ert (la Rai ellenica) verranno sospese a tempo indeterminato.

I 2.700 dipendenti saranno sospesi e "compensati" - ha promesso il portavoce dell'esecutivo Simos Kedikoglou - e la struttura sarà sostituita "da una realtà più moderna e non controllata dallo Stato".

I network pubblici hanno da 3 a 8 volte il personale necessario, ha sottolineato Kedikoglou, e la loro privatizzazione consentirà al governo di rispettare l'impegno preso con la Troika di ridimensionare gli organici della pubblica amministrazione di 2mila persone già entro la fine di quest'anno e di 14mila unità entro fine 2014.

"In un momento in cui chiediamo grandi sacrifici alla popolazione ellenica non possono esistere realtà intoccabili - ha fatto sapere il governo - ed Ert è una situazione dove esistono grandi sacche di opacità e di spreco di denaro pubblico". Ert, va detto, è stata da sempre un serbatoio di assunzioni per i partiti politici che da anni dominano - e anche oggi guidano - il paese.

La clamorosa decisione di Samaras - contro la quale si preannunciano già proteste - è stata resa possibile da un decreto che consente al governo di prendere iniziative drastiche di questo tipo durante la crisi. Il ridimensionamento di Ert dovrebbe avvenire per quanto possibile attraverso prepensionamenti ed esodi incentivati.


 Ma non sono escluse decisioni più dolorose per raggiungere gli obiettivi imposti da Fmi, Ue e Bce. Non a caso molti osservatori ad Atene hanno interpretato il fulmine a ciel sereno sui network di Stato come una sorta di prova di forza del leader di Nea Demokratia, che dopo il mezzo fallimento sul fronte delle privatizzazioni (Gazprom ha ritirato l'offertya per il colosso del gas Depa) ha bisogno di riaccreditarsi come uomo decisionista e dal pugno di ferro con gli organismi internazionali che hanno varato un piano di 230 miliardi di aiuti per salvare la Grecia dal crac.

4 commenti:

  1. ma il canone lo pagheranno ancora? pensate se lo faccesero anche in italia ci sarebbe qualcuno che gongolerebbe senza fare nomi il "giaguaro" e la gente pagherebbe ancora il canone perché in possesso di una televisione.
    Hola . Stefano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne approfitto per far notare che qui in Brasile non esiste questa odiosa tassa sul possesso del televisore .
      Inoltre la tassa di circolazione per le auto che in Italia è invariante con l'età della macchina qui in Brasile si riduce di anno in anno in conformità alla riduzione di valore del bene .

      Elimina
    2. anche negli USA e cosi,il "bollo" diminuisce con l'eta della macchina.ho sempre detto che in ogni paese c'e qualcosa di buono da copiare:)

      Elimina
  2. "Floris : "guadagno circa 500.000 euro ma la RAI con Ballarò incassa circa 14 milioni di pubblicità mi pare un compenso consono". Consono ai 15 milioni di Italiani cassaintegrati, disoccupati, esodati, pensionati al minimo, precari, indebitati, falliti, emigrati a tempo a cui la tua azienda chiede 113,50 euro? Per darli a te e agli altri prestigiatori della notizia! E' tempo di scrutini: Floris Giovanni bocciato!"
    Pompilia Cetra

    RispondiElimina

Lasciate qui un vostro commento