Home News Drammatico epilogo : una giovane turista paulista di 19 anni attaccata ieri...

Drammatico epilogo : una giovane turista paulista di 19 anni attaccata ieri da uno squalo a Recife muore in ospedale

13
12
CONDIVIDI
La foto in basso mostra il momento drammatico dell’assalto . In alto i pompieri arrivano con il jet skiing , più in basso la macchia di sangue lasciata dall’attacco dello squalo che ha asportato uno degli arti inferiori .




A jovem de 18 anos atacada na tarde de segunda-feira (22) por um tubarão na praia de Boa Viagem, na Zona Sul do Recife, morreu em consequência dos graves ferimentos sofridos durante o ataque. Segundo o Comitê Estadual de Monitoramento de Incidentes com Tubarões (Cemit), a turista paulista foi a primeira mulher morta por tubarão em Pernambuco – até então só homens haviam morrido.

Bruna da Silva Gobbi, que passava férias com a família no litoral do Recife, foi retirada da água pelos bombeiros. Na hora do ataque, estava nadando com sua prima, Daniele Souza Gobbi, que não foi atacada.
“Sabíamos que havia riscos de ataque, mas eu não achava que seria tão no raso, e sim no fundo”, disse Daniele à reportagem do portal de notícias G1.  Imagens divulgadas pela Secretaria de Defesa Social (SDS) de Pernambuco mostram o  momento do ataque .
Ela morreu no Hospital da Restauração, onde foi internada em estado crítico. Pouco tempo depois de chegar ao hospital, ela teve sua perna esquerda amputada, a cerca de 15 centímetros acima do joelho.
“A lesão apresentada no membro foi muito extensa. Pedaços da musculatura e do tecido ósseo foram perdidos. Precisávamos de uma atitude rápida para conter o sangramento e tentar salvar a vida da paciente”, afirmou a cirurgiã María Claudia Albuquerque, chefe da equipe médica que tentou salvar a vida da jovem.
As autoridades ainda não sabem qual a espécie do tubarão responsável pelo ataque à Bruna.
A região do Recife é a que tem maior presença de tubarões em todo o litoral brasileiro.De acordo com as estatísticas oficiais, nas praias de Pernambuco foram registrados 59 ataques de tubarões desde 1992, e 23 deles ocorreram em Boa Viagem. Nos incidentes, 24 pessoas morreram, incluindo Bruna, paulistana que passava férias no Recife.  
Fonte : Globo
CONDIVIDI

12 Commenti

  1. una bella tragedia,poverina.ho visto il video di uno che filmava ed e sconvolgente come i soccorsi anche di base siano non professionali.mi piace il brasile ma bisogna solo spersre di non avere mai un'incidente di qualsiasi tipo che richiede cure immediate perche altrimenti ciao.anche perche questa ragazza e morta disanguata e non per altro visto che lo squalo gli ha portato via il polpaccio.
    saluti

    • Purtroppo in questi caso sarebbe meglio prevenire . La praia di Boa Viagem a Recife è nota per la sua pericolosità e sarebbe necessario l'utilizzo di reti di protezione per i bagnanti per delimitare aree sicure .
      In questo caso i soccorsi sono intervenuti prontamente come si vede dal filmato ma il rischio di dissanguamento resta la prima causa di morte a causa della vastità della lacerazione .
      Il mio consiglio è di evitare definitivamente di bagnarsi in queste località sino a che le autorità non prenderanno i dovuti provvedimenti preventivi .

  2. credo che se fosse capitato in Australia la ragazza si sarebbe salvata magari senza gamba ma viva infatti ci sono molti più attacchi e specie di squalo compreso il grande squalo bianco in Australia con minore numero di morti.

    ciao Piero.

    • Purtroppo sei stato subito smentito .

      Un altro surfista è stato attaccato da uno squalo in Australia e questa volta, al contrario di altri suoi colleghi aggrediti in precedenza, per l'uomo non c'è stato nulla da fare. La polizia di Stato di Western Australia è in cerca dei resti dello sportivo. L'attacco è avvenuto nei pressi dell'isola di Wedge, zona conosciuta come meta turistica privilegiata dalle famiglie, a circa 160 chilometri a nord di Perth. Secondo i media locali il surfista sarebbe stato attaccato da un grande squalo bianco mentre si trovava sulla sua tavola. Drammatico il racconto dell'amico che ha assistito all'attacco: era davanti con una moto d'acqua, ha visto il mare tingersi di rosso, è tornato indietro e ha trovato solo il torso del giovane, ed è fuggito verso terra. Ora non si trovano nemmeno i resti.

      Qui trovi articolo e filmato :http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-8f76456b-f75d-4a52-892a-a43a1166587d-tg1.html

    • ciao ottoaprile,
      sono stato 11 volte in australia e parecchie volte in brasile e anche 2 mesi a boa viagem.prima cosa da dire e da sfattare,il fatto di pensare che vicino a riva si e sicuri,NON e vero.una squalo attacca in meno di 1 metro d'acqua ed è sucesso a perh citta all'inizio degli anni 2000.
      per quanto riguarda l'attacco di wedge,il surfista è sato attaccato da uno squalo bianco e non e piu stato trovato e in piu wedge e in una zona deserta.
      non si puo assolutamente paragonare la sanita australiana che è il top nel mondo e quella brasiliana.a perth citta,in un attacco come quello di boa viagem,l'ambulanza sarebbe gia stata li all'uscita dall'acqua dopo 5 minuti e la ragazza si salvava di sicuro perchè la ferita dal video non era sicuramente una cosa mortale.
      e ovvio che la ragazza è morta disanguata per la lentezza dei soccorsi.
      se vuoi,leggi la storia di questo surfista attaccato da un tigre in una zona supe deserta e malgrado questo salvato.
      http://www.watoday.com.au/wa-news/fight-or-flight-i-chose-fight-shark-survivor-20121210-2b5rt.html
      mi piace il brasile ma vedere il video della ragazza in braccio hai bomberois che cercano un'asciiugamano e non sanno cosa fare è molto triste e purtroppo ancora da paese del terzo mondo.
      ciao a tutti
      francis

  3. dopo aver perso tempo per l'ambulanza senza preoccuparsi di fermare emoraggia avranno trovato anche i dottori in sciopero…
    ciao piero.

  4. sarebbe interessante capire perché in questa zona" io ci sono stato nel 2011 e si diceva ed era segnalato pericolo squali" ci siano questi attacchi e di quale specie si tratta perché noi umani non siamo il cibo preferito dagli squali.
    saluti stefano.

  5. Piero e un neuro chirurgo affermato fa parte dello staff del famoso professore Takanori Fukushima del "Duke Raleigh hospital" in North Carolina (USA)il migliore e piu avanzato al mondo e quindi puo a rigor di causa vedere da 1 km di distanza una ferita lacero contusa in arteria femorale , inizio di dissanguamento e da li pontificare (epa …. dalle 11 volte che e andato in oceania sicuramente per dare appoggio alla equipe del Prof Mantero puo parlare con rigor di causa che sicuramente con una ambulanza ferma sulla spiaggia la ragazza si sarebbe salvata .. ricordo che un conoscente mio qui a salvador si e preso una palla di 38 sdraiato sul divano in assalto la quale e entrata nella coscia dx e scesa verso il ginocchio gli e lo ha spappolato da dentro ed e risalita uscendo dall inguine e lesionandogli permanentemente il sistema urinario .. la gamba ormai ha preso le dimensioni di un omino michelin non riesce piu a camminare se non con stampelle senza potere appoggiare il piede e doopo 3 consulte 1 delle quali fatta nel albert enstein di rio i medici non hanno scartato la possibilita di amputare l arto … tutto per una semplice palla di piombo di nemmeno grosso calibro ma giusto sempre secondo piero che vede le ferite a 1 km di distanza ed e stato ben 11 volte in oceania qui e 3 mondo kkkkk li no si sarebbe salvata

  6. La presenza di quali è arci nota e ampiamente segnalata lungo tutto il litorale di Recife e solo un idiota può rischiare surfando in quelle acque.
    Dopodichè è ovvio che le emergenze sanitarie in Brasile sono un problema cui andrebbe trovata una soluzione.

  7. di solito gli squali che ci sono a recife sono del tipo"tiburon cabeza chatta" che se non sbaglio sono i famosi bull shark molto pericolosi e che ogni tanto attaccano l'uomo.
    saluti
    francis

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here