Home costo della vita Il ” Tomato index “

Il ” Tomato index “

6
10
CONDIVIDI

In America esiste il Big Mac index ovvero è uno strumento informale introdotto dall ‘ Economist per  comparazione del potere d’acquisto di una valuta.L’assunto centrale è  che il tasso di cambio tra due valute dovrebbe tendere naturalmente ad aggiustarsi in modo che un paniere di beni abbia lo stesso costo in entrambe le valute.


Nell’indice Big Mac, il “paniere” è composto da un singolo Big Mac, così come viene venduto dalla catena di fast food della McDonald’s. Il Big Mac è stato scelto perché è disponibile con le stesse specifiche in diverse nazioni del mondo,

Qui in Brasile abbiamo creato il “Tomato index ” come simbolo della inflazione galoppante  . Alcuni mesi fa tutti gridavano allo scandalo per il prezzo dei pomodori passato da R$ 2 al Kg a R$10 ed oltre . Il prezzo della ” solanacea ” diventò in quei giorni il simbolo della inflazione galoppante in Brasile . Addirittura si arrivò ad assumere personale addizionale per la sorveglianza dei silos che conservavano ” l’oro rosso “.


Oggi nessuno ne parla più . Perchè ? Perchè tutte le cose in Brasile , nel bene e nel male , sono passeggere . Basta aspettare . Ieri all’Extra i  famigerati pomodori si acquistavano a  R$ 1,25 ( Foto in basso )  Ed assieme ai pomodori sono crollati i prezzi di cipolle , patate , carote , ecc  .


Con buona pace degli amanti , come me , del pomo d’oro ed in generale di tutti i prodotti freschi , non processati .




Booking.com

10 Commenti

    • Purtroppo la corruzione fa parte del bagaglio dei difetti della umanità e non mi pare che ai tempi degli antichi romani la situazione fosse molto diversa 🙂

      Il fatto è che in alcune culture la " corruzione " cambia semplicemente nome si chiama lobby e si dichiara al Fisco .

    • Quindi dici che la corruzione che c'e' qui in Brasile e' agli stessi livelli,che ne so',degli Stati Uniti? (visto che parli di lobby)

      Sai Antônio,io non ho alcuna nostalgia dei politici italiani,ma a compararli com questi brasiliani mi fanno anche um po' di tenerezza.

      E io non credo che la corruzione esista solo qui,ma entrano in ballo la quantita' e le conseguenze dirette sulla popolazione,e allora credo próprio che il Brasile sai uno dei paesi piu' corrotti del mondo,usando come parâmetro di misura la quantita' di scandali,il numero di amministratori pubblici coinvolti,le quantita' di denaro e sopratutto la imensa faccia di tolla creata dalla assoluta impunita'.

    • Io parlavo della corruzione come difetto di tutte le società umane ( esiste anche nel Vaticano ) non della " quantità di corruzione " .La corruzione è figlia diretta della burocrazia sia pubblica che privata ( Es. Ordini professionali )

      Non ritengo il Brasile "qualitativamente" superiore in corruzione , in questo gli Stati Uniti , in occidente , sono di gran lunga il numero uno.

      Il fatto che tu percepisca tanta corruzione in Brasile è la sua diffusione , la quantità appunto .

    • Quindi che i presidenti di Camera dei Deputati e Senato brasiliani,usino gli aerei militari come se fossero di loro proprieta' e poi colti com le mani nella marmellata se la cavino dichiarando che restituiranno i soldi equivalente ai biglietti aerei,senza che nessuno ,a cominciare dela Presidente Dilma,li inviti a dimettersi,secondo te e' quantita' o qualita' ?
      Io non discuto l'esistenza negli Stati Uniti di corruzione ,ma gli effetti di questa nella vita di tutti giorni ,e sopratutto dei piu' deboli,mi sembrano devastanti,qui in Brasile.

    • beh,non so in quantita ma la corruzione in brasile e a livelli stratosferici e la giustizia e la regina.
      in brasile,coi soldi,corrompi tutto.
      purtroppo e un dato di fatto.da noi in italia o negli USA non riesce lontanamente a fare certi "numeri" che ho visto fare in brasile.
      deve pure avere qualche difetto sto brasile,no?
      saluti

    • Purtroppo non sono assolutamente daccordo ma mi rendo conto che non è un discorso che può essere affrontato in questo blog …. la storia sarebbe troppo lunga e ci porterebbe fuori tema .

    • Non capisco su che cosa non saresti assolutamente d'acordo.
      Ho solo fatto uma domanda ,e una affermazione,che credo sia impossibile confutare

  1. Caro Antonio, penso che mi convenga venire a vivere a Natal. Qui a São Paulo i pomodori mi costano 6,99 R$ al chilo. Riesco trovare dei pomodori scadenti per 3,99 R$, ma solo a vederli passa la voglia di mangiarli! E pensare che in Italia trovavo dei pomodori "Cuore di bue" che erano favolosi a dei prezzi irrisori. Saudade!

    • Senza dubbio ti conviene vivere a Natal . Ne sa qualcosa l'amico Marco Vittoria che ha lasciato un ottimo lavoro a Sao Paolo per venire a vivere qui .
      A parte il discorso pomodori il clima e le bellezze naturali del posto bilanciano qualunque sacrificio economico .Naturalmente non aspettarti le notti agitate di Sao Paulo e la sua vitalità culturale . Qui la cultura la devi portare tu 🙂

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here