Home Vivere in Brasile Quanti italiani stanno aprendo gelaterie in Brasile ! E’ una bolla destinata...

Quanti italiani stanno aprendo gelaterie in Brasile ! E’ una bolla destinata a sgonfiarsi ?

23
25
CONDIVIDI

Riporto in questo post l’intervento di Benedetta Giustezzi del Gruppo Linkedin  “Italians doing business in Brazil ” a proposito del crescente business delle gelaterie .

Carissimi, 

ci siamo accorti di quanti italiani stanno aprendo gelaterie in tutto il Brasile?
E’ sicuramente un argomento che fa riflette, considerando che solo pensando alle gelaterie artigianali e non che si incontrano tra Sao Paulo e Rio de Janeiro, il fenomeno e’ in FORTISSIMA crescita. Parlando con questi imprenditori sembra davvero facile, e’ un mercato in grande espansione e i profitti sono altissimi, dato che basta dotarsi di una macchina e il gelato si vende da se, ma sara’ davvero cosi?

Considerando che le coppette piu piccole vengono vendute a 8-10 reais e che queste gelaterie sono strategicamente collocate dei punti piu’ “in” delle citta’, dove la gente ha piu’ potere d’acquisto, sembra presto fatto.
Se prendiamo il fortunatissimo Bacio di Latte per esempio, e’ quotato numero 1 della classifica dei 22.700 “ristoranti” di Sao Paulo nel famoso sito Trip Advisor, e oramai il sito Time Out Sao Paulo sta promovendo tra le varie passeggiate della citta….il walking tour delle gelaterie, per conoscere solo le migliori!

Come un fungo e’ spuntata una nuova gelateria Italiana accanto al carissimo Venchi di Leblon, ad una distanza di 40 metri.

E badate non stiamo piu’ parlando di mastri gelatai che tentano la fortuna con i propri risparmi, ma di fondi di investimento e investitori brasiliani e non che stanno collocando milioni di reais in queste strutture.

Con tutto il rispetto per questi bravi imprenditori, perdonatemi e’ una vera a propria invasione!!!

Mi chiedo sinceramente quanto questo mercato abbia ancora potenziale o se questo fenomeno diventi il nuovo rodizio di sushi o affine del Brasile.
Premetto che questa mia considerazione e’ di carattere generale e non voglio criticare nessuno.

leggere per credere: http://www.timeout.com.br/sao-paulo/cafes/features/72/os-dez-melhores-sorvetes-da-cidadehttp://www.tripadvisor.com.br/Restaurant_Review-g303631-d2639583-Reviews-Bacio_Di_Latte-Sao_Paulo_State_of_Sao_Paulo.html





Riporto per i lettori del Blog alcuni dei commenti :


Bolla di sapone… poi il tempo dira se avevo ragione. Il mercato del gelato esiste ma secondo me il brasiliano è come l americano, il gelato se lo mangia a casa. Altra cosa da vedere, questi sfizi premium, tipo Venchi, sono i primi a morire in tempo di crisi. E la crisi sta arrivando al galoppo in Brasile

Sono a São Paulo dal 1996 e conosco parte delle gelaterie menzionate e aggiungo anche le 3 del Convivio , amico Lorenzo Fasano .
Alessandro ha ragione quando parla di crisi galoppante ma , almeno quando fara’ caldo come adesso , il gelato si vendera’ ….
Quello che io non farei sarebbe investire MOLTO in una gelateria in termini di ristrutturazione , decorazione etc e partirei piu per un sistema di espansione in vari punti/bairros
Almeno personalmente io soldi per sfizi premiun non ne ho ….. lo faccio piu’ che altro per assaporare un po’ di Italia.

Caro Fabio se pensi in un piccolo investimento hai sbagliato lido, chiedi qui se sanno quanto e costato investimento per aprire Bacio di Latte. Per quanto riguarda le gelaterie ne aprono cosi tante perche fare il gelato oggi e molto facile con le buste e ottieni un prodotto molto vicino e alle volte piu facile da vendere di un classico e vero artigianale.


In conclusione vorrei esprimere il mio parere . Non credo che sia una bolla ma che ci sia una proliferazione di gelaterie è innegabile , sta accadendo anche qui a Natal . Questo è tipico di tutti i business di successo qui in Brasile . Se qualcosa funziona ci si fiondano tutti e saturano il mercato in pochissimo tempo . Alla fine resteranno i più bravi e soprattutto i più capitalizzati . 


25 Commenti

  1. Mah ti posso assicurare che di gelatieri in gamba ce ne sono in Brasile (tambem brasileiros). Tem sorveteiro que faz muitos sorvete de sabor que na italia nao acreditamos e nao usa ''buste'' claro que pra uma pessoa que nao trabalha no setor e difficil explicar que os preparados alguma vez sao essenciais, mesmo pra un sorvete artesanal. O problema e que o aumento da procura de ''Sorveteiros'' esta chamando atencao de pessoas que de sorvete da verdade nao sabem nada ( sao aquele que so usam preprados em po).
    o investimento è pesado no mesmo bairro do ''Bacio di latte'' reforma + equipamento ''Carpigiani'' sao 800 mil pao,sem falar de aluguel
    Io penso que è una bolla que esplodera presto, perche io per esempio anche lavorando non vado a prendermi il gelato a 9 euro la coppa piccola, anche se sono italiano!!! (e se ci vai con la famiglia!? paghi a rate?!), penso che per chi è furbo negli affari puntera su una diversificazione dei prodotti tale, una volta estinto il core business, di renderlo sufficientemente indipendente dalla domanda di gelato.

  2. Ciao Antonio. come è la situazione gelaterie a Natal?che io mi ricordo ne ho vista solo una al praia shopping(provato caro e niente di chè.) poi ho letto sul tuo blog che ne è stata aperta un'altra fior di latte se non sbaglio,sarebbero poche anche ce ne fossero una decina, secondo gli standard italiani specialmente con il clima che c'è li ed il posto turistico.é una cosa che mi sono sempre chiesto fin dai primi anni che venivo li a natal come mai non c'erano gelaterie artigianali.Forse non è nei gusti dei brasiliani il gelato artigianale? se così fosse anche il più bravo dei gelatai con tutto quel popò di frutta che c'è li venderebbe meno di quello sfigato che con la macchinetta carpigiani o simili e povere preparate ti fanno il gelato al volo.
    Ciao a tutti . Stefano.

    • Le "sorveterie" sono tante e concentrate in un unico barrio : Ponta Negra . Ci sono altre gelaterie in città come la storica Tropical , Real de 14 ,ecc . Quelle di cui parlo nell'articolo sono italiane e sono sorte negli ultimi anni .Le abitudini dei brasiliani sono diverse dalle nostre . il fatto più eclatante è costituito dall'orario di funzionamento . Tutte le sorveterie , ad eccezione di quelle degli shopping center sono chiuse di mattina ! ( Parlo di Natal ) . Il gelato qui è un modo per incontrarsi , è come andare a mangiare una pizza insieme agli amici . Nessuno compra il cono gelato e se lo gusta per strada . Il prodotto si consuma a tavolino con la famiglia o meglio con gli amici . Del resto avete mai provato a mangiare un gelato all'equatore per strada ? Provateci e vedrete cosa accade .
      Infine il prezzo della pallina di gelato è molto alta per lo standard salariale del brasiliano medio : 7/8 reais . Lo stesso discorso della pizza che viene venduta a 25 reais . Pertanto il mercato del gelato artigianale è sicuramente un mercato di nicchia . Considerate che un ottimo gelato industriale si vende al supermercato per 15 reais al chilo e pertanto è la scelta preferita della maggioranza delle famiglie di classe media .

  3. i brasiliani mangiano tanti dolci che piu dolci non si puo`, in Italia sarebbe impensabile vedere bar con mille torte e gente che ordina fettazzoni mangiati come in pizzeria da noi, e` la loro sobremesa(dolce) com cafezinho,questo dopo un lauto pranzo, fanno in totale le calorie di un giorno ingerite in un pranzo, non mi sorprenderebbe vedere il Brasile nei primi posti nelle classifiche mondiali di obesita`,diabete,etcc McDonald,Bob,Burger king con le loro creme,frappe`super-dolci fanno affari d`oro, le gelaterie serie chiudono visto che fanno prezzi assurdi,ne ho viste chiudere 3 qui allo shopping Paralela-Salvador nel giro di un anno, Gelaguela,Parmalat e Gelato, io mi servivo da Perini ma visto che hanno i frigo messi male ho mollato, da Perini hanno pure messo un distributore Häagen-Dazs,10rs a coppettina….i brasiliani di tutte le fasce di reddito mediamente mangiano dolciumi in gran quantita`baratissimi e di bassissima qualita` comprati da Lojas Americana,Biscuit,etcc basta fare il pieno di zucchero… a Cacau Show vendono un cioccolato da discount europeo a 9rs x tavoletta 100g 60percento cacao, un furto . Con una concezione della sobremesa iper-dolce tipica dei brasiliani, proporre gelato artigianale italiano,da non esperto,non mi sembra un buon affare, infine segnalo file al chiosco che vende ghiaccioli con pezzi di frutta, tipo quelli che ci facciamo a casa,lo chiamano helado messicano, acqua ghiacciata a 5-7rs a pezzo .Saluti

    • i brasiliani (anzi le brasiliane) già sono a livelli record di diabete e obesità. fino a 10 anni fa 8 donne su 10 avevano corpi da urlo, oggi 9 su 10 sono da rottamare già a 20 anni.
      comunque io vivo in favela e qua 1 real a "bola"… gelato allo shopping gli dò in c..o e foco ai capelli :)))

    • La tua statistica vale appunto in favela dove concordo con te 9 su 10 sono da rottamare anche se apparentemente hanno un " corpo da urlo " . Naturalmente lo dico con dispiacere ma è un fatto . Naturalmente esistono le eccezioni .

    • ma e' vero che gli shopping fanno (o a breve faranno) pagare l estacionamento ai clienti? …e anche tanto da quello che sento dire…(?)

    • Non che mi risulti . Esistono da tempo shopping che fanno pagare lo stazionamento come il Natal Shopping che ha recentemente costruito un parcheggio multipiano . Quelli al centro città come Nordestao , Extra , Midway , Bompreço , ecc sono tutti gratuiti .

  4. Certo che accusare i brasiliani di mangiare cose troppo dolci da gente che è venuta su a pane e nutella mi sembra eccessivo . Cosa dire allora dei tanto rinomati dolci siciliani : il cannolo , la cassata , ecc Altro che diabete !!
    Non so al sud ma qui nel Rio Grande do Norte, McDonald e Burger King non fanno affari d'oro , per R$15 invece di un misero panino la gente preferisce un pasto completo nelle tante Komida a Kilo , anche nei centri commerciali . Questo non significa che Mc e King chiudono ma certo non si moltiplicano come altrove .
    Le gelaterie chiudono perchè sono troppo care e la gente comune non riesce a pagare 7-8 reais una pallina di gelato . Immagina una famiglia di 4 persone che prenda ognuno due palline di gelato ( la copertura anche quella si paga a parte ) . Devi spendere 60 reais per una cosa che , volendo o nolendo , al massimo ti occupa 15 minuti al tavolo ( Il gelato si squaglia !!!) Allora , meglio la pizza per passare un pomeriggio . Ho visto famiglie o gruppi di amici comprare max due pizze e stare a tavolo un'ora a chiacchierare bevendo birra e mangiando le porzioni di pizza . Qui non acquistano una pizza ciascuno , la pizza è come un petisco non è " comida " come da noi . In compenso consumano bevande che sono molto più redditizie per il gestore del locale . La pizza è un richiamo . Deve essere barata . Chi lo capisce cresce .

    • mi sa che non lo capiscono, visto che una pizza biposto da 400g te la mettono 40-50 reais… meglio del gelato però sempre troppo cara.

  5. sentite… in 20 anni ne ho visti a centinaia di italiani che hanno aperto svariate attività, il 98% fallisce entro 2 anni… specialmente quelli che vogliono fare la "novità" perchè si sentono culturalmente superiori ai brasiliani.
    se non avete grandi capitali, un consiglio… prendetevi un buco in favela e vendete SOLO BIRRA e churrasquinho.
    antonio.

  6. ho a disposizione 170.000 euro mi piacerebbe cambiare vita e andare in Brasile zona nord est già conosco un po a provare a fare qualcosa non so un bar pizzeria tapas una cosa familiare semplice che ne prnsate e fattibile.
    saluti e grazie di tutto.

    • Il capitale , se ben utilizzato è senz'altro sufficiente . Un consiglio , non spendere troppo in affitto e dipendenti , tieniti basso per cominciare e cresci assieme al business . Se apri una pizzeria ricorda che devi competere con i "petiscos " e non con i ristoranti quindi niente prezzi pazzi . La mia pizzeria preferita , dopo 8 anni , chiede R$14 per una ottima margherita a tavolo . Il massimo è R$ 25 per una pizza con prosciutto di parma .

  7. Per aprire un ristorante o pizzeria che sia serve molto impegno e un minimo di esperienza se lo gestisci direttamente,
    170.000,00 € bastano ed avanzano…

    Se dovessi pensare solo ai $$$$ (Rio a parte) io investirei in città come Belo Horizonte, Sao Paulo, Brasilia, certo che vivere al NE a 100 m dal mare è un altra cosa…ma economicamente secondo me rendono più le grandi città dell' interior. Francesco (Uberlàndia)

  8. secondo me un ottimo business è fare "quentinhas" per gli operai delle imprese edili… a te costa 2rs a piatto e la vendi a 8.

  9. Antonio, quale sarebbe questa pizzeria ? Dimmelo per favore, cosí la prossima volta che vado a Natal, ci passo. Non é cosí facile trovare questi prezzi per una margherita !
    Saluti

    • La conoscono tutti i residenti di Ponta Negra e non , è la pizzeria Tomatinho di Giovanni detto Ivano , un ragazzo di Salerno che opera da anni una pizzeria artigianale ( Forno a legna , diametro unico , menù classico con qualche disgressione come la pizza con la nutella ) .
      In segreto del prezzo contenuto e della buona qualità sono il locale non fronte mare ma con ottime possibilità di stazionamento ., pagamento solo a vista ( non sono accettate carte di credito ) , dipendenti fissi , ingredienti scelti ma locali NON importati . Ad esempio la mozzarella è ottima perchè prodotta da un caseificio locale di un italiano che ha a Natal il suo punto vendita .

      Naturalmete Ivano ci mette tanta passione e professionalità –

    • Grazie mille Antonio, grazie per questi consigli, la prossima volta invece di mangiare una pizza al Natal Shopping (40 reais), vedró di provare questa Tomatinho di Giovanni. Ponta Negra é un posto strano, turistico, dove allo stesso tempo ci sono posti che valgono la pena. Io sono sempre andato a Camaroès, posto ottimo, dove peró facilmente spendi 80-100 reais per persona.
      Un saluto

    • Ciao Salvatore

      Camaroès ( ce ne sono due a Ponta Negra ) è un ristorante di lusso fatto per andare a chiudere affari ma non per mangiare tutti i giorni . Se vuoi mangiare veramente bene e con classe vai al Mangai ( Rua Amintas Barros entro la Prudente de Morais e la Romualdo Gavao nel quartiere Lagoa Nova ) dove spendi la metà di Camaroès ed hai accesso ad un buffet veramente ricco e completo (http://www.mangai.com.br/site/ )

    • Ciao Antonio e grazie delle dritte su Natal.Come churrascheria cosa consigli? Io di solito quando vengo a natal vado al tabua de carne e un paio di volte al sal e brasa ma è più caro e di livello superiore almeno fino ad un paio di anni fa.ci sono posti anche se non sono churrascherie e rodizo alla buona dove si mangi una buona carne magari pichana ad un buon prezzo?
      Ciao a tutti e grazie Stefano.

  10. ciao Antonio, volevo chiederti se sai con precisione quanto è il prazo di tempo per ritirare il cartellino definitivo R.N.E. Quello cartaceo l'ho già con il mio nr. e con una data. La poliziotta federale mi ha detto che a partire da quella data ho un anno di tempo. Rimane depositato in Polizia federale. Solo che mi ha detto di controllare sul loro sito per esserne sicura, ma non trovo nulla. Al momento sono in Europa e tornerei in Brasile solo per ritirarlo. Qualcuno ha un prazo preciso? Sono nello stato di San Paolo. Grazie mille

    • a me hanno dato quello provvisorio di 6 mesi, se non è pronto quello definitivo devi fare il rinnovo, tra l'altro anche della carteira di trabalho che ha la stessa validità del rne provvisorio perche ad esso collegato. anche io sono a san paolo la policia federal e a lapa de baixo

  11. Io so che non puoi stare fuori dal Brasile per oltre 2 anni sennò potrebbero revocarti il visto permanente in quanto non residente.
    D'altra parte a Salvador per avere il definitivo bisogna aspettare oltre 8 mesi quindi mi sembra strano un termine di soli 12 mesi visto che 8 se li mangiano loro con il loro ritardo.
    Siamo alle solite dei "sentito dire" ma di scritto io ho trovato solo il termine di 2 anni di cui sopra.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here