Home Vivere in Brasile FIART 2014 : Fiera internazionale dell’Artigianato di Natal

FIART 2014 : Fiera internazionale dell’Artigianato di Natal

5
1
CONDIVIDI

Ieri pomeriggio sono stato alla FIART 2014 , la fiera annuale  che si tiene a Natal nel “Centro de Convençao ” dedicata all’artigianato internazionale, giunta ormai alla sua 19° edizione .

Erano presenti 385 stands rappresentanti singoli artigiani , tribù indigene , città del Rio Grande do Norte , organizzazioni di appoggio all’artigianato e nazioni straniere ( India , Kenia , Egitto , Indonesia , ecc ) .

A causa dell’intenso flusso di visitatori , che mi aveva impedito di parcheggiare due giorni prima , ho utilizzato un taxi per arrivare al Centro . Durante il percorso ne ho approfittato , come faccio spesso , per scambiare due chiacchiere con il taxista sull’afflusso turistico in città .  La risposta è stata in sintonia con quanto vado osservando sin dalla fine dello scorso anno : il flusso turistico , che prima si concentrava in periodi definiti di alta e bassa stagione adesso è costante e con piccole variazioni . In media l’afflusso è cresciuto ed è costituito in prevalenza da brasiliani .

Sarà stato l’effetto della novella Flor do Caribe trasmessa dalla rete Globo alcuni mesi fa ma la differenza si apprezza . Si apprezza soprattutto nel prezzo ” astronomico ” raggiunto dai tessuti di “renda ” che si vendono ormai a centinaia di reais  . Il tessuto è creato manualmente dalle “rendeiras ” che utilizzano un apposito attrezzo chiamato ” bilros ” .

Ecco casa dice a proposito il libro : A praia da Pipa dos meus avos

A renda de bilros é, sem dúvida, uma das mais antigas e mais ricas manifestações da arte do nosso povo. 


Surgiu no século XV na Itália, posteriormente chegou à França e depois a Portugal. É uma arte praticada exclusivamente por mulheres. 

Chegou ao Brasil com a colonização, trazida pelas esposas e filhas dos portugueses. Estremadura, Minho, Algarve e Alentejo são as regiões que mais tradição têm na renda de bilro que era feita geralmente no âmbito doméstico.

No Brasil a atividade desenvolveu-se nas comunidades interioranas, particularmente nas faixas litorâneas. Na Pipa, como na maioria das comunidades praianas, as rendeiras gostavam de se reunir para “bater bilros” na sombra dos coqueirais que se estendiam por toda a beira da praia. Lá, debruçadas sobre suas almofadas, teciam belas rendas animadas por intermináveis conversas de comadres. Também cantavam antigas canções e hinos religiosos. Tudo ao som do inconfundível gemido melódico que vinha das palhas dos coqueiros fustigadas pelos ventos.



I tessuti e gli abiti di renda sono veramente belli soprattutto se li immaginate indossati da una stupenda fanciulla indigena dai capelli neri e lunghi , scalza e con uno smagliante sorriso che ricorda la polpa dei cocchi . 
Alla fine della fiera , per chiudere la serata in bellezza , sono andato a mangiare  una ottima pizza margherita dal mitico Tomatino dell’amico Ivano appena rientrato dall’Italia dopo una assenza di quattro mesi .
Gli ho chiesto se continua a comprare la mozzarella  da Fior di latte nonostante l’aumento del 50% del prezzo del prodotto . Mi ha confermato che la qualità e la costanza nelle forniture gli fanno ancora preferire Fior di Latte ad altri produttori locali . Ha però dovuto ripassare parte dell’aumento sul ” cardapio ” ed infatti la pizza margherita è passata da 13 a 15  reais che corrisponde al 15% di aumento . Altro che 6% di inflazione come dichiara il Governo , ma probabilmente la pizza margherita non è nel paniere dei beni dei brasiliani . 

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here