lunedì 3 febbraio 2014

Rio de Janeiro : prezzi folli in vista dei mondiali

Anche il Corriere della sera se ne accorto ed oggi pubblica un articolo sul fenomeno dei prezzi surreali a Rio de Janeiro .
Il governo da un lato promette controlli e sanzioni e dall'altro chiude gli occhi . I prezzi salgono perchè c'è qualcuno disposto a pagare per quel bene o servizio  non è colpa della inflazione , quella si è alta ma non giustifica i  R$ 100 per una omelette di 4 uova e sei gamberi che viene offerta a questo prezzo in quello che prima era uno dei popolari bar/ristoranti dove si passava il tempo la sera in attesa della apertura della mitica discoteca Help ! Altri tempi 


Un’omelette al ristorante? Trenta euro. Un toast al bar? Sette euro. E poi la birra, l’acqua di cocco, la sdraio e l’ombrellone in spiaggia... Non parliamo degli affitti. Prima ancora che i turisti di tutto il mondo si preparino ad invadere Rio de Janeiro per i Mondiali e le Olimpiadi, il grido di rivolta si alza dagli stessi cariocas, gli abitanti della città che da secoli si sentivano gratuitamente benedetti da Dio. Ma che adesso cominciano a non poterne più per il prezzo da pagare - in senso letterale - a tale sorte.
LA RIVOLTA NEI SOCIAL NETWORK - Da qualche settimana, amplificata dai social network, la rivolta contro il caro-Rio è diventata un fenomeno di massa. Gruppi e hashtag che invitano a rendere pubblica l’indignazione e passare alle vie di fatto, cioè il boicottaggio, incontri di protesta, inchieste giornalistiche di denuncia. Difficile da capire perché dal boom immobiliare e dai folli prezzi degli alberghi (Rio ha già superato New York o Roma da tempo), la febbre dei rincari si sia spostata su quanto i carioca avevano di più caro - nell’altro senso del termine - e a portata di qualunque tasca. Cioè una giornata con amici e familiari, un paio di birre e un pranzo a metà pomeriggio. Su spiagge libere, come tutte in Brasile, senza concessioni. I numeri fanno impressione anche se trasformati in euro, e persino adesso che la moneta brasiliana si è svalutata fino al 30 per cento rispetto a quelle forti.
COPACABANA PIÙ CARA DI NEW YORK - Il Jornal Nacional, principale tg della sera, visto da un centinaio di milioni di persone, è andato in un bar del lungomare di Copacabana per scoprire che una frittata di gamberi costa 100 reais (circa 30 euro), mentre a New York , con un altro bel servizio, appena 16 dollari. A Parigi, dove l’hanno inventato, il croissant costa un euro, a Rio ce ne vogliono quattro, anche se imbottito di formaggio e prosciutto (pessimi, tra l’altro). Una cena in un ristorante italiano può trasformarsi in un salasso, con un piatto di spaghetti ai frutti di mare per 70 reais (22 euro), e lasciamo chiusa sulla tavola la scandalosa carta dei vini.
LA PIZZA PIÙ SALATA DEL MONDO - Sulla pizza margherita più cara del globo (fino a 30 dollari a Rio e San Paolo), il New York Times ci ha fatto addirittura un articolo da prima pagina. Ma l’inspiegabile è sulla spiaggia, dove l’affitto per un giornata di sdraio e ombrellone è raddoppiato da un’estate all’altra e l’acqua di cocco da bere con la cannuccia, a Ipanema, ha toccato i 6 reais (da anni costava 3 o 4). Il gruppo Facebook «Rio Surreal» ha raccolto decine di migliaia di consensi in pochi giorni. Giocando sull’assonanza con la parola real, la moneta brasiliana. L’invito a tutti è chiaro: portarsi da casa la sdraio, il telo, i panini e la birra. Scomodo ma educativo, sostengono i fautori dell’iniziativa, convinti che presto il fenomeno diventerà virale e i prezzi inizieranno a scendere. Ma è solo speculazione in vista dei grandi eventi e dei turisti da spennare? I commercianti negano, e anche gli economisti ammettono che la questione non è così semplice.
PREZZI QUADRUPLICATI - I prezzi elevati nelle grandi città brasiliane hanno cause strutturali, e spesso sono figli dell’inefficienza del sistema. Il proprietario del ristorante degli spaghetti a 22 euro giura che a meno di così ci perde. «Costi della manodopera raddoppiati, affitto, luce, gas, materie prime di qualità tutte importate. E poi le tasse. Qui nessuno può più evadere un centesimo», assicura. Sì, perché il contante in Brasile è praticamente sparito e si usano soltanto carta di credito o bancomat (un suggerimento per l’Italia?). Quanto ai prezzi degli alberghi e ai voli interni già quadruplicati nel mese del Mondiale, il governo ha promesso una task-force e raffiche di controlli. Ma finora si è visto poco. E il mistero dell’acqua di cocco rimane.
Fonte : Il corriere della sera 

23 commenti:

  1. "I prezzi elevati nelle grandi città brasiliane hanno cause strutturali, e spesso sono figli dell’inefficienza del sistema. Il proprietario del ristorante degli spaghetti a 22 euro giura che a meno di così ci perde"
    FALSO!
    è che tutti vogliono diventare ricchi senza lavorà!
    la pressione fiscale in brasile è 30% inferiore che in italia e gli esercenti si scaricano pure l'inverosimile.
    non prendiamocela sempre col "sistema" e col governo.
    per difendersi dai prezzi assurdi basta NON COMPRARE e farla finita di fare i fighetti nei quartieri fighetti.
    lucio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lucio

      guarda che nelle nostre località turistiche i prezzi non sono affatto inferiori . Ti parlo di località visitate di recente come Sorrento , Capri , ecc
      Sul fatto di diventare ricchi senza lavorare poi qui siamo maestri . Guarda cosa è accaduto all'indomani dell'euro in Italia ai prezzi degli immobili . Gente che aveva investito 200 milioni di lire si è ritrovato con 200 000 euro ( il doppio ) e si è arricchito rivendendo .
      La via maestra è sempre la stessa : non comprare a questi prezzi , cercare località dove i prezzi sono ragionevoli . Il Nordeste offre ancora ( non si sa per quanto tempo ) questa possibilità sia che tu sia turista sia che tu sia investitore .

      Elimina
  2. tutto surreale qui in Rio capitale e con solo! ieri per 4 ore di parcheggio in Rio Sul (shopping center in Botafogo) ho pagato 32 Reais.....mi hanno detto: è domenica! l'acqua di cocco in Urca è a 10 Reais mentre una geladina comune (Skol in vetro) sempre in Urca è a 12 Reais.....pieno zeppo di Inglesi perchè in Urca soggiornerà la nazionale britannica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Considerando che una sterlina vale 4 reais per gli inglesi in vacanza è tutto diviso per 4 ! Il problema maggiore è per i brasiliani in visita a Rio , perchè quelli che vivono a Rio ( non tutti ) si beneficeranno di questi prezzi alti . Forse è per questo che tanti turisti brasiliani hanno invaso Natal e credo anche le altre capitali del Nordeste che hanno mantenuto prezzi ragionevoli . Qui il cocco in un botequim al centro città costa 2 reais e sulla praia 3 .

      Elimina
  3. Fanno bene io lo farei pagare 20 reias il cocco agli inglesi !! Francesco (Uberlandia)

    RispondiElimina
  4. ottoaprile04 febbraio 2014 08:18
    (non funziona il "rispondi"... boh...)
    concordo. però non mi si venga a dire che mettono piatti di pasta a 22rs (ma ne ho visti anche a 50) perchè poverini non ce la fanno a causa delle tasse. oh a loro un piatto costa 2rs massimo (se con condimento ricercato).
    guarda io sto nel nordeste e conosco decine di ristoratori, anche italiani... il discorso è che vogliono fare i soldi facendo pochi coperti (= lavorare poco) ma carissimi...
    tutti nobili!
    poi si lamentano dell'inflazione...
    lucio.

    RispondiElimina
  5. cosa dici trovera qualcuno che affitta?? Considera che lo stadio si trova in periferia lontano da tutto
    http://g1.globo.com/bom-dia-brasil/noticia/2014/02/na-copa-aluguel-de-casa-perto-da-arena-corinthians-chega-r-55-mil.html

    Michele

    RispondiElimina
  6. Mi viene da sorridere.. non c'é niente di peggio della presunzione accompagnata dall' Ignoranza.... e il Brasile ne é un ottimo esempio.. si stanno fregando da soli ? Mi auguro di no, ma... grazie a dio il tempo é galantuomo aspetto con ansia il post mondiale e gli anni a venire...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Attenzione però a non confondere la città di Rio con il "continente" Brasile !!

      Elimina
  7. Non capisco sinceramente quale sia il problema...??
    Chi può permettersi il cocco a 12 reais o le uova a 100 li compra chi non può non li compra...quale è il problema ??
    Non si scopre oggi che Rio è un posto per ricchi !!

    Francesco (Uberlandia)

    RispondiElimina
  8. Il fatto che in brasile non si usino piu' contanti e' una grande cazzata, anzi grandissima.
    Ancora quasi nessuno compra su internet perche' deve usare la carta di credito!!! maddaiiiiiiiiiiiii
    Comunque il brasile e rio in particolare sta messo malissimo, io volevo vivere li ma sono dovuto scappare,
    mi volevano affittare un appartamento ossia un buco a copacabana per 1200 dollari al mese , quindi sono andato in giro per alberghi ho trovato una bettola e voleva 300rs al giorno ma la cosa particolare e' che non aveva internet!!! a copacabana e' quasi impossibile trovare un wifi ma come? in repubblica dominicana in qualsiasi spiaggia ci sono i chioschetti che poi sono baracche col wifi. Da qui mi sono accorto che il brasile sta messo malissimo, prezzi altissimi che corrispondono a servizi pessimi, la cosa non puo' durare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Frank

      tu sei stato a Rio de Janeiro che è in Brasile ma NON è il Brasile ! Lo diceva pure la ragazza di Zio Bello nel mitico film "Il barbiere di Rio " con Diego Abbatantuono .

      Elimina
    2. Non è Rio che si deve adattare al tuo portafoglio...quem pode...pode, quem nao pode fica olhando !!

      Francesco (Uberlàndia)

      Elimina
    3. Ottoaprile,

      secondo me Rio è lo speccho del Brasile...o tutto o niente, o la ricchezza vera della zona sud o il poco-niente della zona nord !! Francesco (Uberlàndia)

      Elimina
  9. Pagare il cocco 20 R$ o la Skoll 30 non sarebbe un problema se accompagnato da elementi accessori quali un buon servizio, una location decente. Il problema non è tanto il prezzo quindi quanto :
    1)I marciapiedi sono pieni di buchi e ogni 2 per 3 stai per terra e la manutenzione è a carico degli stabili che stanno nell'area di fronte.
    2)I servizi ai bar e ristorante fanno schifo con tempi di attesa che passano le mezz'ore
    Forse oltre a far pagare dovrebbero investire qualche R$ per migliorare le cose..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La filosofia di guadagnare tanto lavorando poco e´alimentata anche dagli otari che comprano anche quando il prezzo e´ surReale, i locali se pagano tanto sono contenti perche´e´chic e fa´molto classe ricca....e´il complesso de vira-lata

      Elimina
  10. http://m.bomnegocio.com/anuncio?ad_id=28651565
    anche a .natal è scoppiata la copamania. credo che molti rimarranno delusi dai magri affari derivanty dalla copa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come dice il mio amico Andrea la Rosa se non hai soldi non venire in Brasile , specialmente durante la Copa . Comunque ho dato una occhiata alla offerta e la trovo economica . Il mese di Giugno una casa che ospita 12 persone a 17 euro al giorno a persona non la vedo esagerata . Quando abitavo a Salvador 5 anni fa affittavo il mio flat per due persone per la settimana di carnevale a R$ 4000 .

      Elimina
    2. Chi conosce l'impresario italiano MASSIMILIANO FUSCO assaltato con tiri di arma a a ponta negra?
      si dice si un tentativo di omicidio su commissione . ahttp://portalbo.com/materia/Empresario-italiano-e-vitima-de-atentado-em-Ponta-Negra

      Elimina
  11. Quanto riportato dalla rivista "FRANCE FOOTBALL" è verità o fantasia??
    http://www.pulpitocristao.com/2014/02/revista-francesa-resume-o-brasil-em.html#.UwtH2fl5O1w

    Mauro2

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma chi l'ha scritto l'articolo : Michel Platini ? Mi sembra un articolo di un tifoso più che di un giornalista serio . I fatti citati sono distorti o completamente falsi . Per esempio all'epoca del Trem Bala , Dilma Rousself era primo ministro e non presidente del Brasile , l'incidente no Itaquerao fu dovuto ad un sovraccarico di una gru che crollò e distrusse parte delle opere dello stadio già completate ( pertanto non fu la struttura dello Stadio a cedere ) , ecc.ecc.

      La protesta dei cittadini è reale e civilissima . Tutti ricordano come i media abbiano gridato alla rivoluzione in quei giorni ... e la polizia non è intervenuta se non in casi estremi ( Gli unici peraltro a cui è stato dato spazio sui media ! )

      Vedrete che questo come tanti altri grandi eventi di casa in Brasile andrà benissimo a dispetto di tanti " gufi " . Ricordo che fino a pochi mesi fa nessuno credeva che lo Stadio di Natal fosse pronto per la Copa , invece è li bellissimo e già in operazione .
      Infine che un giornaletto sportivo emetta giudizi politici economici su un Paese sia esso il Brasile o qualcun altro mi sembra come minimo fuori luogo .

      Elimina
  12. Purtroppo molte cose sono vere...

    RispondiElimina
  13. sì, molte cose sono vere. ma era così anche quando al governo c'erano altri partiti (che nessuno mette in galera...) ed è così in tutti i paesi tropicali.
    in indonesia l'inefficienza è decupla, ci vive un mio amico.
    quel sito poi è di estrema destra "crente"... fanno opposizione e alla bisogna pagano 150 reais a qualche "blackblock" per sfasciare la città... magari con la regia che viene dall'estero...
    lucio.

    RispondiElimina

Lasciate qui un vostro commento