Home News Natal , la sede più tranquilla tra le 12 città della Copa...

Natal , la sede più tranquilla tra le 12 città della Copa del Mondo .

5
16
CONDIVIDI
Spero di non innescare ulteriori polemiche da parte dei ” negazionisti ” . Se volete prendervela con qualcuno , nell’articolo trovate nome , cognome e posizione degli intervistati . 

O presidente da Comissão Estadual de Segurança Pública e Defesa Civil para Grandes Eventos (Coesge/RN), o delegado da Polícia Federal Paulo Henrique de Oliveira Rocha, afirmou que Natal foi a mais tranquila dentre as 12 sedes da Copa do Mundo no Brasil. Nesta quinta-feira (26), o delegado afirmou que houve redução na média de todos os crimes em relação a maio.

Os números definitivos do balanço sobre a segurança na Copa do Mundo só ficarão prontos no dia 30 de junho. No entanto, Paulo Henrique de Oliveira disse que a percepção pessoal e contato com coordenadores de outros centros do país demonstraram que Natal foi a que apresentou menos problemas relacionados à segurança.

Segundo dados preliminares, houve uma redução entre 50% e 60% no número de homicídios em Natal e no interior durante o mundial. A segurança nos pontos específicos para os torcedores que seguiram para a Arena das Dunas e Fan Fest também teve números satisfatórios.

De acordo com a Polícia Militar, nos quatro dias de jogos, foram registrados 42 boletins de ocorrência referentes a problemas no entorno da Arena das Dunas e na Fifa Fan Fest. As queixas foram de roubos, furtos e perdas de documentos, além de seis procedimentos entre Termo Circunstanciado de Ocorrência (TCO) e prisões em flagrante.

Apesar de não haver mais jogos em Natal, o aparato montado na Escola de Governo para o monitoramento da segurança permanecerá ativo até o dia 18 de julho, assim como a presença de membros da Força Nacional. O Exército, no entanto, já não estará mais nas ruas.

Fonte : Tribuna do Norte 
CONDIVIDI

16 Commenti

  1. Antônio ,per "negazionisti" intendi quelli che negano la realta' dei fatti,giusto?
    Che cosa avrebbero negato?

    Sarebbe interessante conoscere oltre la percentuale di riduzione degli omicidi anche il numero degli omicidi,non credi?
    Pero' e' resa nota solo la percentuale di riduzione,chissa' perche'?

  2. Leggo su Tribuna do Cearà che il Vice Consolato d'Itàlia a Fortaleza è stato assaltato ieri 27 giugno. Annosesto saluta.

  3. Ragazzi non dovete fare il paragone con L'europa. La e' un altro mondo. Punto e basta. Infatti qui si dice che NATAL e' la più tranquilla DELLE 12 CITTA DEI MONDIALI. Se Natal e' la piu' tranquilla chissa cosa succede nelle altre!

  4. Dal 1 gennaio 2014 ad oggi (sei mesi), 850 morti violente a Natal, media di quasi 5 morti al giorno.
    E questa sarebbe sicurezza?

    • Il solito anonimo a cui do la stessa risposta di sempre visto che io vivo a Natal da 5 anni ed in Brasile da 10 . Lo sai come sono distribuite queste morti ? 99 % in periferia ( zona norte ) ed 1% nella città vera e propria ( zona sud ) .E' come dire che , poichè ci sono tante guerre in corso sulla Terra , qualsiasi posto della Terra NON è ragionevolmente sicuro . Dipende da DOVE vivi e dal tuo STILE di vita . Se sei in grado di capirlo bene altrimenti punto . Io non voglio convincere nessun italiano a venire in Brasile . Lo scopo del Blog , fin quando esisterà , è quello di fornire info per coloro che hanno deciso con la loro testa di trasferirsi in Brasile .

    • si può scaricare il "mapa da violencia" di julio jacobo waiselfisz, che è la fonte più completa che ci sia. ultimo anno analizzato 2011.
      in tutto lo stato del RN gli omicidi sono 1042, tasso 32.6 (su 100.000 abitanti).
      a natal 397, tasso 49.
      non credo che in 2 anni gli omicidi possano quadruplicare… quindi informiamoci bene prima di parlare. probabilmente l'anonimo ha preso i numeri da qualche articolo che fra le "morti violente" include anche suicidi, incidenti stradali, domestici e sul lavoro (spesso in brasile vengono inclusi).
      sono numeri e tassi certamente alti, comunque simili a molte metropoli USA (ma nessuno penso si fa problemi nel caso degli USA…).
      lucio.

    • Sai, Antônio ,il tuo ragionamento non farebbe uma grinza (salvo una certa differenza nelle percentuali che elenchi)
      Peccato che le rapine e i furti avvengano dappertutto,e forse con piu' incidenza nelle varie zone sud del Brasile.
      Certo non e' molto bello pensare di essere in un'isola felice,mentre accanto si scannano a volonta'
      Poi, ci sono persone che riescono a vivere tranquille anche in uma situazione cosi',altre no.
      Dipende dai peli che hanno sullo stomaco…

    • Ma tu come fai a vivere in Brasile sapendo di quello che succede attorno a te ? Tu stesso hai detto di aver scelto un paese nell'interior di Minas perchè è più tranquillo . E' quindi una differenza di chilometri ? Se la distanza tra lo scannatoio e te è superiore a x chilometri allora va bene mentre se è inferiore ad x la cosa ti disturba ? Non siamo ipocriti .

    • X Lucio . Grazie della segnalazione . Il sito è : http://www.mapadaviolencia.org.br/ ed è aggiornato annualmente . A breve uscirà un nuovo aggiornamento . I dati confermano la mia tesi della violenza a "macchia di leopardo " . Per chi conosce Natal , ad esempio , il municipio di Parnamirim è oramai collegato sena soluzione di continuità alla città tanto che molti che abitano a Parnamirim pensano di abitare a Natal . In quel municipio si è concentrato il flusso della classe media della città a causa del prezzo favorevole di case e terreni . Ebbene il tasso di morti per arma da fuoco in quella regione è il 19% contro il 36% medio di Natal Il giorno in cui Natal ( 800K abitanti ) assorbirà anche Parnamirim ( 200K abitanti )il tasso medio di Natal scenderà ! Ecco perchè non amo le statistiche …

  5. Ma cosa c'entra se il 99% è nella zona Nord Sud Est o Ovest? Fammi capire la città vera e propria sarebbe solo la zona Sud?
    Sarebbe come dire, a Roma in centro andate sul sicuro mentre al testaccio si ammazzano…ma te ne rendi conto che discorsi fai? E ancora sostieni che Natal è una città tranquilla, ma te ne rendi conto? La Zona Nord di Natal non è forse città? I lavoratori di Natal vivono principalmente nella zona Nord, quindi loro non sono Natalensi sulla base di quello che dici.
    Natal quindi è composta solo da Ponta Negra, Capim Macio, Tirol, Petropolis. Il resto è spazzatura?
    Io sono Brasiliano, originario proprio della zona e sono sposato con un'italiana, quindi io non sarei Natalense fammi capire?
    Ronei Maia

    • Ho forse detto che non sono natalensi quelli che vivono in aree degradate( è sotto gli occhi di tutti ) come la zona norte ? Mi dispiace aver urtato la tua suscettibilià ma vuoi confutare quello che ho detto ? Purtroppo è così ed è inutile arrampicarsi sugli specchi cercando di spostare la questione . Quello che ho detto lo ripeto perchè è la pura verità e gli stessi natalensi la pensano così tanto è vero che i prezzi delle case nella zona sud sono nettamente superiori ed i prezzi non li fisso io ma la legge della domanda e della offerta . Del resto di cosa di sorprendi , anche a Parigi o Londra esistono zone degradate dove è meglio non andare a vivere . Naturalmente se ci sei nato e vissuto è diverso , ma anche tu prima di andare a vivere in Italia ti domanderai se il quartiere dove vai a vivere è sicuro . Tutti vogliamo il bene nostro e dei nostri cari . Pertanto , dico anche a te , non siamo ipocriti .

    • Vorrei aggiungere qualche altra cosa . Innanzitutto è sorprendente la tua padronanza della lingua italiana visto che sei nato nella zona norte di Natal ( quale barrio precisamente ? ) : complimenti .
      Secondo , rileggendo il tuo intervento non capisco bene dove vuoi arrivare .

      Mi spiego : io sostengo che Natal è tranquilla a " macchia di leopardo " ovvero ci sono zone dove avvengono la maggior parte dei crimini , tu dici che non è vero che Natal sia una città tranquilla . Questo è ovvio visto che sei nato proprio nell'area che io ho indicato come a maggior indice di violenza e pertanto confermi la mia tesi .

      Il discorso sulla spazzatura poi è demagogia di bassa lega o aria fritta come preferisci .

  6. alla fine bisognerebbe guardare non gli omicidi ma l'ASPETTATIVA DI VITA.
    perchè a fronte di tassi di omicidio molto superiori all'italia, in brasile per esempio si muore meno di suicidio o di cancro.
    l'aspettativa di vita in brasile è 76.2, corrispondente all'italia del 1987.
    insomma non mi pare che tutti scappassero dall'italia nel 1987 a causa dell'aspettativa di vita troppo bassa…
    lucio.

    • Scusa Lucio,ma dove le avresti prese queste informazioni?
      Ma secondo te nel Brasiule maraviglia le statistiche sopra i suicidi e i morti per cancro sono attendibili?
      Se neanche quelle sugli omicidi riportano i numeri veri,figurati quelle di cui parli.

    • Rispondo io perchè mi sembra che tu stia provocando le persone con la tua arrogante saccenza . Lucio ha segnalato chiaramente DOVE si trovano queste informazioni . Io stesso le ho lette ed ho anche riportato il link al sito :http://www.mapadaviolencia.org.br/ . Leggiti tutti i reports e soprattutto con quale metodologia è stato preparato lo studio e da chi prima di fare commenti che offendono la intelligenza mia e dei lettori . Infine se sei così scettico su tutto , non credi a quello che dico io che vivo qui , non credi ai dati raccolti scientificamente e pubblicati con tanto di nomi e cognomi ti prego astieniti da fare commenti , apri un tuo sito e pubblica i tuoi dati .

    • benedetto,
      il padrone di casa è antonio… io ho un atteggiamento diverso da antonio, diciamo "asettico" e per me potresti dire quello che ti pare. io da anni faccio ricerca su questi argomenti e la ricerca deve basarsi su dei dati, non su sensazioni personali. poi i dati se possibile vanno vagliati per mezzo di altri dati. ad esempio il dato dell'anonimo che parlava di 800 morti in 6 mesi a natal è errato, come ho spiegato sopra.
      i dati non li prendo da articoli giornalistici, i giornalisti sono sempre volutamente imprecisi e condizionati politicamente. in genere i dati li prendo da pubblicazioni scientifiche o organismi internazionali (onu, ocse, oms ecc.). pensi che l'onu, che è dominata dall'occidente, menta a favore del brasile?
      poi, se vogliamo per forza contestare i dati allora possiamo contestare i dati di chiunque, anche i tuoi o anche quelli che dicono che l'italia è un paese pacifico… ma se contestiamo i dati di chiunque perchè perdere tempo a dibattere?
      comunque sul web trovi tutti i dati che vuoi, basta investirci un po' di tempo, usare il motore di ricerca e magari districarsi con la lingua inglese.
      lucio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here