Home cronaca Nuova versione dell’incidente di Ponta Negra

Nuova versione dell’incidente di Ponta Negra

8
0
CONDIVIDI

Oggi , il resto del Carlino , nella cronaca di Reggio Emilia riporta la notizia dell’incidente che è costato la vita a due nostri connazionali sabato mattina a Ponta Negra . In realtà la ricostruzione è differente da quella riportata sulla Tribuna do Norte di Natal . Secondo il giornale italiano infatti i due uomini erano all’interno del taxi e non stavano passeggiando .

Reggio Emilia, 7 dicembre 2015 – Era ubriaco  il conducente dell’auto che ha centrato in pieno il taxi sul quale ha perso la vita Ideo Ferretti, carrozziere 57enne di Arceto di Scandiano, mentre era in vacanza in Brasile.

Una scheggia impazzita quel Mitsubishi Pajero di color argento che nella notte tra sabato e domenica, alle 0,45 circa, non ha rispettato un semaforo rosso sulla Rotta del Sole, a Natal, nel Rio Grande do Norte, regione dello stato carioca e ha impattato violentemente contro l’utilitaria.

Il 16enne al volante del fuoristrada, uscito illeso dall’abitacolo dopo l’incidente, è poi risultato positivo al test dell’etilometro ed è stato così arrestato dalla polizia stradale brasiliana per guida in stato d’ebbrezza e dovrà rispondere anche di duplice omicidio intenzionale e lesioni personali.

Su quel maledetto taxi infatti non c’era solo lo scandianese Ideo Ferretti.

Insieme a lui ha perso la vita anche un suo amico di Firenze con cui era andato a trascorrere dieci giorni di ferie nel caldo di Natal e nel periodo del carnevale, dove il carrozziere aveva una proprietà in cui amava spesso andare.

Mentre altre tre persone sono rimaste ferite, tra cui la fidanzata dell’amico fiorentino, che si trova tuttora ricoverata in gravi condizioni al pronto soccorso Clovis Sarinho dell’ospedale di Natal, capitale dello stato del nord.

Anche  se sulla dinamica del sinistro ancora non ci sono certezze, perché alcuni media locali brasiliani hanno riportato che i due italiani sarebbero stati investiti dall’auto folle: pare che i due fossero appena scesi dall’auto.

Con Ideo in vacanza c’era anche il cugino Giordano che lavora in un’azienda ceramica casalgrandese. Lui però era a bordo di un altro taxi e non è stato coinvolto dunque nell’incidente.

Proprio con l’aiuto di Giordano, la famiglia Ferretti – Ideo lascia la moglie Marzia Bertarelli, il figlio Uber e un nipotino che adorava – ha avviato le pratiche per il rientro della salma in patria.

A tal proposito, la famiglia, ma anche il comune di Scandiano, in particolare la responsabile dell’anagrafesono in costante contatto con il consolato italiano in Brasile.

Alla situazione si sta interessando anche Rosalba Ciarlini, governatrice dello stato di Rio Grande do Norte, di origine reggiana, per fornire i supporti necessari al rientro in Italia della salma.

Ancora dunque non si conosce la data dei funerali di Ideo che saranno fissati una volta che si conoscerà la data del ritorno del corpo a Scandiano.

E ci vorrà probabilmente qualche giorno per espletare tutte le pratiche, non certo facili e immediate a causa della distanza.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here