mercoledì 24 febbraio 2016

Non c'è due senza tre : dopo S&P e Fitch , anche Moody riduce la nota del Brasile a junk



A agência de classificação de risco Moody's rebaixou a nota do Brasil e tirou o grau de investimento – selo de bom pagador – do país nesta quarta-feira (24), como já era esperado. A nota do país caiu dois degraus de uma vez: passou de Baa3, o último nível dentro do grau de investimento, para Ba2, que é categoria de especulação. A agência também colocou o Brasil em perspectiva negativa, indicando que pode sofrer novo rebaixamento.

Em nota, a Moody's afirma que o corte da nota foi influenciado pela maior deterioração das métricas de crédito do Brasil, em um ambiente de baixo crescimento, com expectativa de que a dívida do governo ultrapasse 80% do Produto Interno Bruto (PIB) nos próximos três anos.

A agência também aponta a "dinâmica política desafiadora" vai continuar a complicar os esforços de consolidação fiscal e atrasar as reformas estruturais.

"A perspectiva negativa reflete a visão de que os riscos são de uma consolidação e uma recuperação ainda mais lentas, ou de que surjam mais choques, o que cria incertezas em relação à magnitude da deterioração do perfil de crédito do Brasil."

Última a tirar grau de investimento


Entre as três grandes agências internacionais, apenas a Moody's mantinha o Brasil com grau de investimento. No dia 9 de dezembro, entretanto, a agência colocou a nota do país em revisão para possível rebaixamento, indicando que ela poderia ser reduzida em breve.

A primeira a tirar o selo de bom pagador do Brasil foi a Standard and Poor's (S&P), em setembro do ano passado. Há uma semana, a agência voltou a rebaixar a nota brasileira.

Em dezembro, foi a vez da Fitch, que ao mesmo tempo colocou a nota do país em perspectiva negativa, indicando que ela pode voltar a ser rebaixada.




Como principal motivo para a retirada do grau de investimento do país, as agências apontam a deterioração das contas públicas, o aumento do endividamento público e a preocupação com a retomada do crescimento da economia.

No mercado financeiro, a nota de um país funciona como um "certificado de segurança" que as agências de classificação dão a países que elas consideram com baixo risco de calotes a investidores.


Fonte : Globo 

9 commenti:

  1. E LE COSE POTREBBERO ANCHE DETERIORARE ULTERIORMENTE; CI SONO PROIEZIONI CHE SOSTENGONO CHE IL BRASILE, IN CASO DI MANCATE RIFORME IN CAMPO PREVIDENZIALE ED ECONOMICO IN GENERALE, SCHIZZEREBBE NEL 2018 AD UN RAPPORTO DEFICIT PIL ATTORNO SE NON OLTRE L'80% CON CAMBIO CATASTROFICO ED INFLAZIONE A DOPPIA CIFRA. SE NON SI AGISCE SERIAMENTE SIN DA ORA SI RISCHIA IL DEFAULT BIANCO: IL GOVERNO , IL CUI DEBITO E' AL 95% IN REAIS, ONOREREBBE I CREDITORI MA STAMPANDO NUOVA MONETA CHE CREEREBBE, APPUNTO, L'EFFETTO INFLAZIONISTICO DI CUI SOPRA. IL BRASILE SUCCURSALE DEGLI STATI UNITI? CI AVEVO CREDUTO ANCHE IO PER QUALCHE ANNO, ADESSO E' DI NUOVO SUDAMERICA !!GRATTIAMOCI...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è anche chi nelle crisi vede opportunita', il mercato è fatto di compratori e venditori, due pensieri diversi, ma che alla fine daranno ragione ad una delle 2 categorie. http://www.infomoney.com.br/bloomberg/mercados/noticia/4652360/ninguem-mais-ama-brasil-sim-compradores-titulos

      Carmine.

      Elimina
  2. In merito suggerisco la lettura anche di questo articolo di settembre scorso:

    https://fernandonogueiracosta.wordpress.com/2015/09/21/controle-da-evolucao-do-endividamento-publico-brasileiro/

    RispondiElimina
  3. è di oggi l'annuncio che il Brasile (Petrobras) si ritirerà dall'estrazione del costoso petrolio pre-sal. 2 considerazioni a caldo: 1a) iniziano i tagli dei dipendenti e dei costi operativi e generali del pre sal anzichè fare una riforma energetica aprendosi al mercato; 2a) Maduro è pronto a subentrare a Petrobras sul pre sal perchè l'estrazione del petrolio Venezuelano è decisamente superiore del costosissimo pre sal. Il Brasile si sta portando in casa un "cancro"! Spero non facciano stupidaggine e spero non ci sia sotto sotto una tangente per il PT e per i partiti di governo. Chiudo esprimendo accordo su quanto scritto da Anonimo. No riforme e presto.......patatrack per tutti!

    RispondiElimina
  4. http://exame.abril.com.br/economia/noticias/pt-sugere-uso-de-reservas-e-impostos-para-pais-sair-da-crise

    OVVERO:ULTERIORI INGERENZE DELLO STATO NELL'ECONOMIA, CON CONSEGUENTE SPERPERO DI RISERVE MONETARIE IN VALUTA STRANIERA, AUMENTO DELLA PRESSIONE FISCALE E...CILIEGINA SULLA TORTA...RIDUZIONE SELIC E TASSAZIONE SULLE RENDITE FINANZIARIE IN AUMENTO. GAME OVER

    RispondiElimina
  5. MENO RICCHI I RICCHI, PERCHE' IL GOVERNO SENZA IDEE E CHE DISTRUGGE LE CAPACITA' PRODUTTIVE ANDRA' A PRENDERE I SOLDI A CHI HA SAPUTO RISPARMIARE E A CHI E' OBBLIGATO A TENERE FERMI I CAPITALI, PIU' POVERI ANCHE I POVERI PERCHE' L'INFLAZIONE A DOPPIA CIFRA DISTRUGGE SOPRATTUTTO I PIU' SVANTAGGIATI. QUANDO LA SMETTERANNO DI FARE DEMAGOGIA SULLA REDISTRIBUZIONE DELLA RICCHEZZA E CAPIRANNO CHE L'ECONOMIA SI BASA SU DOMANDA E OFFERTA E IN MEZZO C'E' IL CAPITALE, FORSE SARA' GIA' ARRIVATO IL TEMPO DI ANDARE A BUSSARE ALLA PORTA DEL FMI. SE L'INDEBITAMENTO CONTINUA A CRESCERE E L'INFLAZIONE A CORRERE...SI POTRA' TELEFONARE A BUENOS AIRES O A CARACAS SENZA PREFISSO IN SOLI 24/36 MESI !!QUANDO AVRANNO AUMENTATO DI 2,5 % LA TASSAZIONE SULLE RENDITE FINANZIARIE(GIA' TASSATE DA INFLAZIONE E RISCHIO CAMBIO), COME GIA' E' TRAPELATO, QUANDO IL REAL SARA' ARRIVATO A 4,40 SUL DOLLARO, COSA DATA PER SICURA DA ANALISTI BRASILIANI ED ESTERI, QUANDO L'INFLAZIONE SARA' A CAVALLO TRA 15 E 20%...TUTTI I RISPARMI SARANNO BUONI PER ANDARE A COMPRARE UNA PIZZA A L'AVANA. BRAVA DILMA,TU SI CHE HAI ACCORCIATO LE DISTANZE SOCIALI, TU SI CHE HAI MESSO IL BRASILE COL CULO SUL GHIACCIO SENZA DISTINZIONI DI PORTAFOGLIO!!HASTA LA VICTORIA SIEMPRE !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. stiamo sereni (eheheheh), ora il Brasile attraverso il suo attuale governo e presidenta dichiarerà guerra agli USA. Questi (USA) in 3 giorni conquisteranno il Brasile e in pochi mesi tutto sarà a posto.
      Intendo dire che se il Brasile si rivolgerà al FMI è come dichiarare una guerra sia agli Usa che al resto del mondo che non vedono l'ora di ripagare il Brasile del suo corporativismo e del suo protezionismo con l'aggiunta di una corruzione che ha coinvolto il mondo intero e del continuo trasferimento di capitali piu' o meno puliti all'estero.
      Cito un esempio che è successo qualche mese fa.....dove vivo io erano iniziati i lavori per l'apertura di un nuovo Club Med (dopo 10 anni di tira e molla). Club Med è in crisi nera ma ha iniziato i lavori di cantiere perchè il gorsso dell'investimento era già stato fatto e nessuno ha voluto acquistare l'avanzamento. Bene, Club Med ha sospeso tutto ed ha denunciato la Pubblica Amministrazione locale e regionale e statuale di "estorsione"....udite udite, nella denuncia la somma "richiesta" da questi Enti pubblici è arrivata al 130% dell'investimento!!!! Avete presente quanto c'è da investire per un Club Med? ........ già ci sono giornalisti che girano ed anche, dicono, investigatori della Policia Federal.... ora taccio.

      Elimina
    2. La PF girerà meno ora che il pt ha cambiato il ministro dell interno!
      El che vive!

      Elimina

Lasciate qui un vostro commento