Home costo della vita Inflazione di nuovo sotto pressione : le menzogne del governo !

Inflazione di nuovo sotto pressione : le menzogne del governo !

6
1
CONDIVIDI

Il 16 Ottobre ho scritto questo post :

Il governo ha deciso che la Selic deve diminuire . Una mossa politica , non economica . La televisione mostra massaie sorridenti che fanno la spesa , contente perchè l’inflazione è diminuita .
Il governo afferma che , grazie all’aumento della disoccupazione ed all’aumento degli “inadempienti ” ( Coloro che non pagano i propri debiti a scadenza ) l’inflazione è meno pressionata .
Altri elementi favorevoli al taglio sarebbero l’approvazione ” elastica ” del piano di limitazione della spesa pubblica nonchè la diminuzione del prezzo dei carburanti venduti da Petrobras alle raffinerie .
Impressione dell’uomo della strada : il prezzo degli alimentari NON è diminuito ma segue il ciclo delle piogge ( soprattutto i freschi ) , la benzina alla pompa non è diminuita , i politici continuano a ” magnare ” come e più di prima nonostante Moro . 
Meno di un mese dopo , oggi 9 Novembre , il giornale riporta la verità e cioè che l’inflazione ha subito una accellerazione a causa proprio dell’aumento dei combustibili ( ma la Petrobras non aveva diminuito il prezzo dei combustibili  ?? )  e dell’alimentazione . 
La previsione del governo per il 2016 è  del 4,5% . Oggi a due mesi dalla fine dell’anno l’inflazione calcolata sugli ultimi 12 mesi è del 7,87 % !!
Ecco perchè confermo la mia affermazione del 18 Ottobre :
Il governo ha deciso che la Selic deve diminuire . Una mossa politica , non economica 

O preço dos combustíveis subiu em outubro e pressionou o Índice de Preços ao Consumidor Amplo (IPCA), considerado a inflação oficial do país. A taxa voltou a ganhar força e ficou em 0,26% em outubro, depois de chegar a 0,08%, em setembro.

Em outubro, na análise dos grupos de gastos, o que mais puxou o aumento geral de preços foi o de transportes. Em setembro, o grupo havia registrado queda de preços de 0,10% e, no mês seguinte, teve forte aumento de 0,75%. Também pressionaram os alimentos e bebidas (de -0,29% para 0,05%) e os artigos de residência (de -0,23% para -0,13%).

Projeções


A estimativa mais recente dos economistas do mercado financeiro projeta o IPCA em 6,88% no final deste ano, permanecendo acima do teto de 6,5% do sistema de metas de inflação e bem distante do objetivo central fixado para 2016, que é de inflação de 4,5%. 

Fonte : Globo

1 commento

  1. Il Governo vorrebbe artatamente diminuire la Selic per contenere la spesa per interessi sul debito pubblico.
    Quanto all'inflazione è indubbiamente in crescita anche se, come giustamente sostieni anche tu Antonio, bisogna vedere il "paniere" di riferimento. A Salvador ad esempio 1 litro do olio di oliva italiano è arrivato a R$40, 1 caffè espresso a R$4,20 mentre il litro di etanolo sta a R$2,75 (Petrobras). Lo stesso litro di etanolo la scorsa settimana a Florianopolis (SC) mi è costato R$3,49! (Ipiranga).
    Il Brasile resta per molti versi un paese misterioso e imprevedibile.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here