Home Vivere in Brasile La nuova Chicago ai tropici

La nuova Chicago ai tropici

8
0
CONDIVIDI

Gli effetti della scellerata politica di sicurezza del Governo centrale brasiliano , ovvero ridurre gli indici di criminalità nelle grandi città del sud , sud-est  spostando i peggiori criminali dalle carceri relativamente sicure di queste aree alle scatole di cartone del nord , nordeste  sta mostrando tutta la sua efficacia .

Vediamo la situazione qui nel Rio Grande do Norte , dove vivo  . Dopo i massacri della serra elettrica di Alcazuz che ha lasciato i tecnici dell’ITEP a comporre teste con corpi la ribellione si allarga ad altre città dell’interior come Caicò .
Due fazioni criminali , quella del sud , sud est conosciuta con il nome di     PCC   e quella locale  ” Sindacato del Rio Grande do Norte ” si affrontano per il controllo del mercato : territorio .

La prima , esportata dalle politiche del governo , tenta di espandersi in questa area vergine , fino a pochi anni fa una vera oasi di tranquillità .  ” Il Sindacato del Rio Grande do Norte ”  protettore degli interessi criminali locali cerca di non soccombere ma il loro destino sembra segnato .

Sulle reti sociali  passano dopo pochi minuti dall’accaduto le terrificanti immagini dei massacri in carcere . Sono video ripresi dagli stessi detenuti per mezzo di cellulari  e trasmessi dal carcere dove in teoria un costosissimo sistema di blocco radio dovrebbe impedire a questi ultini di funzionare . Era stato questo il fiore all’occhiello del governatore Robinson Faria e del Segretario di Sicurezza Virgulino all’atto della prima installazione . Ma qualcosa è andato storto .

Nel carcere di massima sicurezza di Alcazuz entrano armi e cellulari ed escono cadaveri senza testa .

Ieri pomeriggio sono iniziati i temuti attacchi ai mezzi di trasporto collettivi ed auto di polizia e prefettura . Gli incendi non si contano . Le imprese di trasporto , temendo per la incolumità del personale e della flotta hanno ritirato tutti i mezzi lasciando 400 000  tra lavoratori pendolari , in maggioranza a salario minimo , e studenti con in tasca giusto i soldi per l’omnibus , per la strada .Bonanza per i taxi che per una notte hanno fatto la pace con quelli di  UBER .

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here