Home costo della vita Brasile : quadro socio economico

Brasile : quadro socio economico

9
0
CONDIVIDI

Il Brasile è una delle maggiori economie del mondo, e la maggiore dell’America Latina. Dopo il Brasile, nel continente latino-americano vi è quella del Messico seguito dall’Argentina e, al quarto posto, dalla sola città di Sào Paulo. Il paese gode attualmente di stabilità politica e di un regime democratico che offrono sicurezza per gli investitori. Il paese conta 190 milioni di abitanti di cui il 63% della popolazione ha meno di 29 anni, il che implica un numero ingente di potenziali consumatori. Quinto paese del mondo per estensione, 8.547.403 kmq (28 volte l’Italia 301.318 kmq e due volte e mezzo l’Unione Europea), dal clima temperato che contribuisce alla ricchezza della bio-diversità.La forte crescita del Brasile si è concretizzata negli ultimi mesi, grazie a un contesto internazionale favorevole caratterizzato da elevate quotazioni dei prezzi dei prodotti agricoli di base e dalla crescente domanda di acciaio di cui il paese è forte esportatore. Nella composizione merceologica dei beni destinati ai mercati esteri, le commodities continuano ad avere un peso importante (in netto aumento i minerali di ferro, lo zucchero e il caffè, le granaglie), ma nell’ultimo anno si è registrato un sensibile aumento della vendita di manufatti che rappresentano la prima voce dell’export brasiliano. Anche la domanda interna è cresciuta grazie alla diminuzione del tasso di sconto. Alla crescita degli ultimi mesi e al ravvivarsi della domanda interna, il governo, per evitare sul nascere il rischio del sorgere dell’inflazione, ha ripetutamente aumentato il tasso ufficiale di sconto che è oggi altissimo, suscitando le critiche del mondo imprenditoriale. Il 2005 ha confermato la positiva crescita dell’ economia brasiliana gia’ rilevata nel 2004 (+4,9%).Tale crescita é avvenuta in un contesto caratterizzato da una politica di rigoroso controllo della spesa pubblica e dalla lotta ad ogni eventuale focolaio di inflazione. Il governo Lula a tale proposito ha scelto di utilizzare continui e ripetuti aumenti del tasso di sconto che in successivi rialzi è stato portato dal 17,75 % del dicembre 2004 al 19,75% del maggio 2005. Il saldo della bilancia commerciale brasiliana per è estremamente positiva (+ 19,7 miliardi di dollari) con esportazioni per oltre 53 miliardi di dollari e importazioni per circa 34 miliardi. L’ effetto complessivo di tali manovre, il buon momento economico e i commenti positivi degli organismi internazionali hanno favorito un significativo rafforzamento del Real su dollaro (+21,28%) e sull’ euro (+28,4%). Il citato apprezzamento della valuta nazionale e la politica di alti tassi d’interesse hanno fortemente preoccupato gli ambienti imprenditoriali e, a livello di governo lo stesso Ministro dell’Industria ha espresso riserve e preoccupazione. È possibile che gli effetti di un Real valorizzato sull’economia brasiliana si facciano sentire nel primo semestre di quest’anno con un rallentamento della crescita, ma il quadro economico generale rimane tuttavia positivo anche se come abbiamo detto, principalmente dovuto a fattori esterni. La politica paternalista e assistenzialista del governo Lula che assiste 44 milioni di brasiliani con il “programma salario famiglia” ha un effetto positivo sui consumi ma un effetto negativo sulla crescita. In pratica é come se tutta l’Argentina vivesse di assistenzialismo. Ovviamente questa politica é stata premiata dalle classi meno abbienti con la rielezione. Un mercato che, nel giro di qualche anno, varrà quanto quello di Cina e Russia, inoltre ha un solido legame con il nostro Paese.Le valutazioni di rischio delle principali agenzie di rating sono le seguenti:- Moody’s: B1/outlook stabile- Standard & Poors: BB-/outlook stabile- Fitch-IBCA: B+/outlook stabile- La SACE colloca il Brasile nella Categoria OCSE n. 4. Condizioni di assicurabilità senza alcuna restrizione.La crescita del PIL secondo le stime effettuate su base annua dovrebbe essere trail 3-3,5 %, in diminuzione rispetto al precedente anno anche per il forte aumento del tasso di sconto, tra i più alti del mondo.Nel 2007 la crescita dell’export sarà rallentata, in linea con la crescita ridotta del commercio mondiale,Secondo le previsioni di esperti, il progressivo rafforzamento della crescita nel 2007 e 2008, al 3,2% e 3,6% rispettivamente, si basa sull’ipotesi che una stabile tendenza al ribasso dei tassi d’interesse reali, sosterranno gli investimenti e la domanda dei consumatori.Le PMI invece hanno subito effetti negativi dovuti al mercato non regolamentato ma specie a causa dell’alto costo burocratico (permessi, licenze, piccole tasse che per pagarle hanno un costo lavoro maggiore della stessa tassa, ecc.) che porta al fallimento di circa il 50% delle PMI durante il primo anno di vita. Maggiori informazioni sugli Indicatori sull’ economia brasiliana possono essere trovati sul sito della Banca Centrale del Brasile www.bcb.gov.br disponibile nelle versioni inglese e portoghese. Questo sito contiene, fra le altre, informazioni sulla legislazione brasiliana, informazioni macroeconomiche e i dati statistici sul sito dell’ Istituto Nazionale di Geografia e Statistica www.ibge.gov.br disponibile nelle versioni portoghese, inglese e spagnola.Fonte : Intervista con Giovanni Caporaso del 20 Gennaio 2008

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here