Home News Lula proclama tre giorni di lutto nazionale

Lula proclama tre giorni di lutto nazionale

8
0
CONDIVIDI

Ieri sera il ministro della Difesa brasiliano, Nelson Jobim, aveva già affermato di non avere “alcun dubbio” che i resti trovati appartenessero al velivolo scomparso mentre sorvolava l’Atlantico. Subito dopo il governo di Brasilia ha proclamato tre giorni di lutto nazionale per le 228 vittime. A Parigi oggi pomeriggio si svolgerà una cerimonia interreligiosa a Notre Dame, alla presenza del presidente Nicolas Sarkozy, e una preghiera nella Grande moschea.  Altri voli militari francesi sono previsti per oggi sulla zona, tra cui quello di un aereo-radar che effettuerà una “cartografia” dei resti per tentare di determinare il luogo dell’incidente e quindi permettere il recupero della scatola nera, ha precisato ancora Prazuck. La cartografia verrà completata da un Falcon 50 che decollerà da Natal, in Brasile, e da un altro volo dell’Atlantique 2. Oggi sarà “una giornata di transizione”, ha detto ancora il comandante francese spiegando che “si passerà da un’operazione aerea che copre una vasta zona a un’operazione navale che interesserà un’area più ristretta”.  I sommozzatori brasiliani sono stati i primi ad arrivare e a percorrere la scia di detriti lasciata dall’airbus. Maltempo e mare grosso ostacolano però la raccolta di qualunque oggetto possa essere utile a capire cosa sia successo al volo AF447 sparito dai radar mentre nella zona infuriava una tempesta. Quattro navi della marina brasiliana equipaggiate con strumentazioni per il recupero e una nave cisterna pattugliano un braccio di mare lungo cinque chilometri disseminato di sedili, cavetteria, frammenti metallici e macchie di kerosene 1.200 chilometri a nordest di Recife.  Il contrammiraglio Domingos Nogueira, responsabile delle ricerche, ha ammesso che il compito più difficile sarà trovare le scatole nere: forse l’unico strumento per comprendere cosa abbia fatto precipitare l’A330 partito da Rio e diretto a Parigi. “Le navi sono equipaggiate per arrivare e cominciare a raccogliere pezzi dell’airbus” ha detto Nogueira, “ognuna ha a bordo due sommozzatori e battelli che devono essere calati in mare per raccogliere le parti più piccole”.  Tutto quello che verrà trovato sarà poi trasferito in elicottero alla base brasiliana nell’arcipelago di Fernando de Noronha. Ma le scatole nere potrebbero essere a una profondità compresa tra i due e i tremila metri e l’unica speranza è nel segnale che continueranno a mandare per un mese dal giorno del disastro.  Secondo gli esperti la caccia alla registrazione con i dati di volo e di bordo e a quella con le conversazioni dell’equipaggio sarà la più ardua dopo quella lanciata per ritrovare il Titanic. Ma il presidente brasiliano Luiz Iñacio Lula da Silva è convinto che sarà un’operazione coronata dal successo: “Un Paese capace di trovare il petrolio a sei chilometri di profondità può trovare un aereo a duemila”, ha detto.  Resta ancora fitto il mistero sulle cause del disastro: la tempesta può aver innescato una serie di avarie, ma per capire qualcosa di più gli esperti esamineranno due aerei della Lufthansa che alla stessa ora del disastro incrociavano nella zona attraversata dal volo AF447. 
Fonte : Repubblica

Booking.com
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here