Home costo della vita Fineco aumenta il costo del prelievo in Brasile

Fineco aumenta il costo del prelievo in Brasile

35
39
CONDIVIDI


Pesanti limitazioni sono state imposte da Fineco sui prelievi e sulle spese che possono essere sostenuti in Brasile . I prelievi soprattutto sono stati limitati alla ridicola somma di 150 euro a prelievo . La Banca si giustifica invocando misure di sicurezza ma poi consentono prelievi ripetuti ! La vera ragione secondo me è lucrare sulla commissione che a questo punto si triplica . Prima per prelevare 1000R$ spendevo 2,9 euro adesso dovrò spendere 2,9×3 = 8,7 euro . Se qualche lettore ha una soluzione più economica è pregato di comunicarla .


Booking.com

39 Commenti

  1. Penso di averlo segnalato gia'in passato, per me la migliore soluzione attuale e' aderire al conto corrente Rivolution della BNL (Banca Nazionale del Lavoro) che consente prelievi giornalieri con la carta bancomat aumentando solamente il tasso di cambio del prelievo della commissione valutaria del 1,5% senza addebito di alcuna spesa. Pertanto un prelievo di 1000 Euro che equivalgono a a circa reais 2250 si spenderebbe 15 Euro equivalenti a reais 33,75 che corrispondono esattamente a 1,5% sul prelievo totale di reais 2250.
    Il risparmio totale non e' molto essendo di 10 reais ogni 1000 euro di prelievo, ma il limite di prelievo e' di 250 euro e non di 150.
    Il conto puo' essere gestito tranquillamente con tutte le chiavi di sicurezza dotate dalla banca a mezzo internet. Io lo uso da quando sono in Brasile e cioe' d almeno 6 anni e non ho mai avuto problemi, e inoltre, la banca rilascia anche carte di credito circuito Visa/Mastercard.

    Felice Pasqua a tutti.

    Michele di Fortaleza

  2. Molte banche italiane stanno riducendo o, in alcuni casi, addirittura azzerando i massimali di utilizzo all'estero delle carte bancomat (circuiti Europay e Cirrus/Maestro) a causa dei sempre più frequenti casi di clonazione e conseguenti truffe milionarie a danno delle banche e dei loro clienti. La clonazione delle carte viene effettuata in Italia attraverso delle tecniche abbastanza diffuse mentre l'utilizzo delle carte clonate avviene sempre all'estero nei Paesi dove ancora sono in uso le carte a banda magnetica e non il microcircuito. Generalmente la riduzione del massimale viene fatta "a tappeto" dalle banche, salvo poi ri-aumentare il massimale a seguito di eventuale richiesta scritta del cliente e firma della relativa liberatoria in caso di truffe. Il fenomeno delle clonazioni è purtroppo molto più diffuso di quanto si pensi.
    Personalmente ho scelto di aprire un conto corrente online con CheBanca (gruppo Mediobanca) che percepisce solo 2 euro di spese sui prelevamenti effettuati all'estero con massimali di euro 500 al giorno/3000 euro al mese. Bisogna poi aggiungere 1 euro al mese di spese di tenuta conto.
    Prima di aprire un conto corrente online italiano suggerisco sempre di verificare bene che il relativo bancomat rilasciato sia abilitato ad effettuari prelievi internazionali tramite il circuito Cirrus Maestro, unico funzionante in Brasile oltre a Visa. Quindi, ad esempio, i circuiti Europay e Vpay NON vanno bene per prelevare in Brasile.
    abraços
    Marco

  3. Salve, sono sposato con brasiliana, e purtroppo ancora devo viveve in italia. Per mandare i soldi in brasile uso REMESSA FACIL, ossia accordo del banco do brasil a milano con alcune banche italiane. con 10 euro posso mandare fino a 2500 euro e arrivano sul conto in brasile in un paio di giorni. FUNZIONA BENISSIMO. altrimenti ho lasciato a mia suocera una mia postepay con il codice per i prelievi (è più caro il prelievo che col bancomat, ma sono subito subito disponibili!!) se avete dubbi contattatemi!!

  4. Non credo alla storia della sicurezza . La carta può essere clonata anche pagando un prodotto pertanto non vedo come ridurre la quantità prelevata aumenti la sicurezza .

    Difatti io ho semplicemente abolito i prelievi ( Adesso non spendo nemmeno un euro ) ma in compenso pago tutte le spese con la carta .Il risultato finale è che FINECO ha perso anche le decine di euro che pagavo mensilmente con i prelievi .

    Inoltre la sicurezza è nettamente peggiorata perchè mentre prima mi limitavo a meno di dieci transazioni al mese fatte in luoghi sicuri ( Prelievi nelle filiali del Banco do Brasil ) adesso ho centinaia di piccole transazioni nei luoghi più disparati ( Ristoranti , stazioni di riforminemto carburante , shopping center ,ecc )

    Ma chi è che prende queste decisioni dissennate ?

  5. il fatto di prelevare soldi da un conto italiano per uno che abita a natal e ha un conto brasiliano non lo capisco veramente…forse nemmeno lui, dato che può effettuare una trasferenza patrimoniale da conto a conto e finiti i problemi di prelievo,spese etc, etc

    almeno un turista è giustificato

  6. Caro Anonimo

    ti riporto le spese di una trasferenza di 1500 euro eseguita la scorsa settimana :

    IMPORTO LORDO RICEVUTO : 3260 R$
    IOF : 12,38 R$
    OPERAZIONE DI CAMBIO : 47,10 R$

    Pertanto le spese sono state 1,8% dell'importo . Al netto delle commissioni il cambio applicato è stato di 2,13 .
    Prelevando con la carta con 2 euro di commissione ogni 1000 R$ ( Come suggerisce Marco ) pagheresti al cambio di 2,3 ( Che era il cambio all'epoca del trasferimento ) 1,36% incluso anche lo 0,9% della VISA . Inoltre , e non è poco , riceveresti il cambio corretto di 2,3 .

    Ma esiste ancora un altro motivo più sottile . Usando la carta puoi prelevare quando il cambio è favorevole , come è accaduto qualche settimana fa con il cambio a 2,37 e non prelevare quando è sfavorevole .

    Allora caro anonimo cosa ne dici … hai capito adesso ?

  7. In pratica la tua banca per tutelarsi limita e penalizza l' uso del prodotto che ti fornisce!
    Oddio rispetto alle banche brasiliane sono ancora dei signori
    Io, dopo pessimo servizio di Banca Intesa, ora ho Credem con la quale ho negoziato 1,70 a prelievo con 2 bancomat sullo stesso conto costo 1 euro al mese cada se non li utilizzo

  8. Ciao anto … sono Andrea… visto che sinceramente questa volta non riesco a capire il problema del cambio e tassi vari, nel senso che se uno ( in questo caso tutti voi ) cambia 1000-2000 euro al mese in un modo o nell'altro risparmia poche decine di rs ( da quello che scrivete )e forse meno … stare a scervellarsi di come/dove cambiare per risparmiare pochi rs.. mi sembra strano, ma premetto che non sono ancora a Natal e forse anche pochi rs. servono !!! detto questo mi rimetto a te come sempre e quando sarò li seguirò i tuoi consigli …
    ps. sinceramente visto l'andamento euro/rs cercare di guadagnarci 20 rs a cambio sapendo che poi una volta è 2.30, il mese dopo a 2.16 …ma cmq sono costretto a cambiare mi risulta difficile capirne il senso. Avrebbe senso in un cambio costante nel tempo con piccole oscillaz. ma in questo caso si rimane cmq vittime dell'andamento globale delle valute lasciando poco spazio alla bravura/accortezza del singolo.

  9. Il fatto di ridurre i massimali di utilizzo giornalieri comporta per il truffatore il dover "diluire" i prelievi su più giorni e quindi dare tempo all'effettivo titolare della carta di accorgersi dell'utilizzo fraudolento. Per prevenire i fenomeni di clonazione gli istituti stanno rendendo disponibili (a richiesta) dei sistemi di sms/email alert che avvisano gli utilizzi in tempo reale (verificare gli eventuali costi aggiuntivi di questi servizi).
    Vedrai che Fineco, oltre a diminuire il massimale giornaliero di prelievo contanti, avrà contestualmente e proporzionalmente diminuito anche il massimale mensile di utilizzo P.O.S. (point of sale), ossia per i pagamenti presso gli esercizi.
    Gli utilizzi bancomat, a differenza di quelli effettuati con carte di credito, sono privi di coperture assicurative quindi, in caso di clonazioni, o la Banca rimborsa il cliente di tasca sua, oppure il cliente perde i soldi (a scelta della banca).
    Per quanto attiene la verifica dei costi effettivi dei vari sistemi, concordo con il tuo approccio Antonio. Molte persone, quali ad esempio Agostino, tengono conto unicamente dei costi "visibili" dell'operazione e non di quelli occulti riferiti alle commissioni di cambio e valutarie applicate nell'operazione dai vari circuiti internazionali. Tutti i sistemi di rimessa internazionale, tra i quali anche Remessa Facil o Money Transfer, applicano delle commissioni sull'operazione molto alti (tra il 2 e il 4%). Le banche in genere applicano delle commissioni di cambio tra il 0,50% e il 2%, oltre a dei costi fissi (15 euro nel caso del Banco Brasil).
    Personalmente credo che il prelievo bancomat, con utilizzo del circuito Cirrus Maestro, rimane il più vantaggioso di tutti in quanto lo scarto sul cambio applicato e quello ufficiale (Banco Central) si riduce sempre a pochissimi centesimi.
    Per Agostino, in relazione alla tempistica, volevo dire che anche gli utilizzi bancomat sono subito disponibili e sui bonifici bancari internazionali vengono impiegati massimo 2 giorni lavorativi riducibili però chiedendo alla banca ordinante di applicare valuta fissa per il beneficiario il giorno dopo, oppure addirittura stesso giorno (in questo caso il bonifico dovrà essere disposto entro la mattinata in Italia).
    Marco

  10. io ho capito, usavo questo metodo 10 anni fà..ma ho capito pure che è troppo macchinosa la cosa

    la trasferenza la puoi fare una volta sola, corposa, e decidere tu quando cambiare (e probabilmente anche quanto) e anche contrattare il cambio (se non lo sapevi..)

    avresti diversi vantaggi, incluso la sicurezza, che non è poco

    ma chi sono io per insegnare un "esperto" che ha un "blog" sul brasile?…

  11. Ciao Andrea

    io non cambio perchè ho bisogno dei soldi per vivere quel mese anche perchè quello che consumo lo guadagno qui in Brasile direttamente in R$ .

    Io cambio solo per reinvestire a tassi più alti qui in Brasile e non mi scervello affatto perchè ritirare i soldi ad una macchinetta non è affatto stressante :). Stavo semplicemente spiegando all'ironico anonimo perchè preferisco questo sistema .

  12. io non capisco la gente che scrive col tono dell'anonimo delle 08.49…a me sembra che questo sia un blog dove gente con un interesse comune ed esperienze diverse si scambia opinioni…ed è bello farlo in modo civile…ora ho letto un bel pò del blog di Antonio e non mi sembra proprio che lui si reputi esperto, è una persona che sicuramente ha tanta esperienza e la mette a disposizione degli altri…trovo gratuiti certi commenti e, per quanto mi riguarda, ringrazio Antonio per il suo lavoro e il suo entusiasmo…

  13. Ciao Virgine

    ti ringrazio per le parole gentili e ti auguro Buona Pasqua . Approfitto inoltre per informare che essendo la Pasqua la festa della pace per eccellenza non pubblicherò post polemici questa settimana e pertanto chi li posterà se li vedrà cestinati .

    Auguri a tutti

  14. io posso darvi il mio contributo del mio metodo anche se leggermente differente in quanto io sto' vivendo a Rio ma sono ancora ufficialmente residente a Londra e invio i soldi sul mio conto brasiliano dal mio conto di Londra. Uso transfast, invio dal mio conto barclays sul loro conto barclays(senza commissioni) e loro mi trasferiscono in 48 ore sul mio conto Itau' al cambio che ho potuto verificare sul loro sito prima di inviare i soldi. Tengo a precisare che molte volte il loro cambio £/R$ e' addirittura piu' alto di quello pubblicato su yahoo finance o currency converter.com Mi piacerebbe sapere se qualcuno in Italia ha usato transfast

  15. Premesso che non ho mai usato Transfast, sono andato sul sito trans-fast Italy e non ho trovato nessuna indicazione relativa ai costi del servizio. Ho visto solo una promozione per trasferire soldi in Portogallo con una commissione di 5 sterline.
    Con riferimento al link proposto dall'anonimo delle 10:49, ho verificato sui siti di chebanca (100%Mediobanca) e Iwbank. In effetti offrono conti gestibili via internet con annessi bancomat internazionali gratuiti in tutto il mondo.
    abraços e feliz fim de semana!
    Marco

  16. Ciao Antonio, ho letto con molto interesse l'argomento in questione perché passerò il prossimo inverno a Natal ( o forse a Pipa ). Poiché la necessità di liquidità sarà ricorrente, mi sono chiesto, comparando le varie offerte sul mercato, se "Conto tascabile" di "Che Banca !" potesse fare al mio caso. Si tratta, in pratica, di una carta ( mastercard ) di pagamento ricaricabile ( non carta di credito ) con alcune caratteristiche interessanti: limiti di utilizzo ( per operazioni € 5'000/giorno e 50'000/mese ; per prelievi € 500/giorno e 3'000/mese ) e commissioni (€ 3 per singolo prelievo di valuta diversa dall'euro, oltre alla commissione dello 0,16% per singola operazione in valuta diversa dall'euro). Pertanto, se non sbaglio, ogni 1000 R$ che prelevo spendo € 3 + R$ 1,16. Questo è l'aspetto principale che ho considerato ma la carta presenta altre particolarità vantaggiose che per brevità rimando al sito di "Che Banca !". Vorrei, se non Ti spiace, un Tuo parere ! Inoltre mi chiedevo se fosse possibile avere qualche dritta sugli appartamenti in affitto, in quanto starò lì almeno 3 mesi ( dicembre-febbraio ) e non vorrei dissolvere tutti i miei risparmi nell'alloggio. Grazie in anticipo per la risposta e spero di conoscerti quando sarò in Brasile ( …ahimé è ancora lunga !!!). Boa sorte, Paolo di Jesolo (VE)

  17. Intanto grazie. Ho approfondito l'argomento; non ci sono costi di ricarica e l'unico costo è rappresentato da 1 euro al mese di gestione del conto che è possibile abbattere versando almeno 250 € al mese. Ciò significa ZERO COSTI ! Ma non è finita qua: aprendo "Conto Deposito" ( sempre di "Che Banca !" ), sempre a costo zero, è possibile vincolare delle somme ( a 3-6-12 mesi ) che maturano degli interessi ( rispettivamente di 1,90 – 2,50 – 3%, a cui verrà ovviamente operata una trattenuta del 27% ) che il normale conto corrente non consentirebbe. Tu dirai che fin qui non c'è nulla di nuovo !…Però la novità consiste nel fatto che è possibile abbinare "Conto deposito" a "Conto Tascabile", per cui è possibile trasferire le somme che si desiderano da uno all'altro in modo tale, nel nostro caso ( noi italiani che andiamo in Brasile senza un conto in loco ), da ammortizzare le spese delle commissioni dei prelievi e delle operazioni in Real effettuate con "Conto tascabile" attraverso le somme degli interessi maturati nel "Conto deposito". In pratica, utilizzeremmo tutti i nostri soldi senza alcuna commissione ( ovviamente il deposito deve essere almeno di 7-8'000 € ). E' possibile avere un prospetto degli
    interessi maturati direttamente sul sito di "Che Banca" selezionando i 3 – 6 – 12 mesi di vincolo. Antonio, sia chiaro…non lavoro per "Che banca !" e non traggo alcun vantaggio nel consigliarla. Comunque andrò in settimana ad iniziare l'operazione ( si può fare direttamente sul web volendo ). Detto ciò, vorrei un Tuo commento, atteso che Ti contatterò in privato per l'appartamento. Ciao

  18. Ciao a tutti. Nuovo del blog ma anche inesperto. Mi sposo in Brasile, a San Paolo, nel prossimo dicembre. Vorrei rasferire lì i miei rispartmi che qattualmente sono in Banca in Italia. La somma è rilevante. Mi hanno detto che devo GIUSTIFICARE la provenienza del denaro e non ci sarebbero problemi, ma anche che dovrei pagare una tassa come se fossero utili!!! Dichiarando che sono soldi provenienti da una vendita di casa, dovrei provarlo con l'atto di vendita. Poi in Brasile fanno il calcolo della differenza tra somma pagata (20 anni fa e non ho come provbare la cifra) e quella di vendita attuale. Con un calcolo del valore dei soldi di 30 aqnni fa io dovrei pagare la differenza. Ma è così difficile portare soldi in Brasile? Ti fanno passare la voglia… sarebbe un ladrocinio. Se così fosse i miei soldi non si muoveranno dall'Italia ed userei la carta di credito come faccio attualmente. Qualcu8no mi sa delucidare? Grazie, saluti.

  19. partendo dalle limitazioni della multifunzione che ho potuto sbloccare solo a ritorno in Italia confermo che il blocco é avvenuto per incompetenza del CALL CENTER (senza contare i costi che la wind mi ha accollato qusi 5 euro per rispondere all´estero e per fortuna che ero con l-opzione estero o sarebbe stato un salasso)comunque confermo i 150 euro…… se superate il limite e tentate 2 volte e non rispondete vi trovate con la carta come sotto bicchiere.

    Per fortuna sono in possesso sempre emessa da fineco di 2 carte ricaricabili Master Card uma la usa mia moglie ,costo 1.90 per prelievo piú commissione VISIBILE sul cambio…. in media non so di preciso a volte vedo 5 euro altre volte vedo 2.e qualcosa…. sempre per prendere 1000 R$ percui BOH… comunque é visibile la commissione il che almeno sai quanto ti prendono per ogni acquisto o prelievo sul cambio.

    Tornando alla scusa della sicurezza non centra nulla dato che la limitazione serve proprio per fregarti la commissione prelievo da quando sono diventati UCGGROUP sono diventati un poco ladri con le commissioni :(…….

    Con le ricaricabili puoi prelevare 1000 R$ commissione 1.9 euro piú il cambio….. senza restrizioni alcuna ci puoi caricare max 2500 euro ma io ci metto quello che mi serve esempio se il cambio era 400 euro per 1000 R$ ci mettevo 410 420 euro……. e cosa incredibile….. ogni carta il prelievo maximale é di 10.000 euro. logico che fatti i conti prelievo o invio tramite bonifico guardate quale vale la pena…… la differenza é che prelievi 1000 R$ al giorno per 5 giorni ( se prelevi venerdi prima delle 17 o 18.00 ,non ricordo bene l´orario, sabato e domenica non puoi prelevare se prelevi oltre lórario non puoi prelevare domenica e lunedi ti calcola che ha prelevato sabato come contabilitá della HSBC ,io uso HSBC niente costi aggiuntivi almeno visibili da fineco vedo la tassa di cambio che é molto simile al valore di prelievo….

    fatevi la ricaricabile si costa il rinnovo annuale… ma lo ripagate con i prelievi scontati di 1 euro e sopratutto nessun problema se la perdete entrate nel sito pagate 2 euro e la scaricate………… e diventa un sotto bicchiere per il clonante……. e poi basta metterci esattamente quello che vi serve al momento d´utilizzo……..piú sicuri di cosi.. le ricariche sono a costo zero……… unica pecca……. gli SMS arrivano solo sopra una certa cifra che non so al momento….. ma fino a 50 euro non mi sono visto arrivare SMS ma lo fa anche in italia 😀

    spero di esservi stato utile.

    Giuseppe

    Joinville.

    • Attualmente Che banca! sta promovendo un conto a zero spese se operi online che ti da anche un bancomat internazionale a zero spese. In pratica non ci sono commissioni italiane su importi di valuta diversa dall'euro.
      Il circuito della carta è Maestro.
      Per me questo è il massimo.
      Se qualcuno ha altri suggerimenti me li faccia sapere.
      Saluti
      Simone

    • Simone concordo con te, anche io utilizzo la medesima banca solo che si pagano 2 euro fissi a prelievo, tutto il resto è zero e il cambio netto quasi uguale a quello ufficiale.
      Il prelievo tramite (uno o più) bancomat abilitati al circuito internazionale Maestro resta in assoluto il modo più economico, sicuro e legale per trasferire soldi dall'Italia al Brasile.

    • Qual'è il miglior conto on.line per ritirare e pagare in brasile?
      Pensavo tra questi 2 : Conto Arancio o Che banca ..
      chi è più affidabile?
      chi costa di meno per prelevare in Brasile?
      Conto Arancio ha carta di credito
      Che banca ha bancomat…

      Grazie a tutti

    • Gabriele Esposito anche Chebanca ha la carta di credito mentre il bancomat che ti rilascia Ingbank su conto arancio usa il circuito Vpay che NON FUNZIONA in Brasile. Quindi preferirei sicuramente Che banca anche per un discorso di solidità patrimoniale oltre che funzionale. Ricordo che il bancomat italiano in Brasile deve essere utilizzato usando esclusivamente il circuito Maestro (controllare che esiste lo stemma sulla macchina prima di prelevare) il quale assicura i costi più contenuti. Prelevare solo su banche brasiliane di levatura internazionale (HSBC, Banco Brasil, Santander ecc. NON Itaù, Bradesco, Caixa ecc. che applicano spese aggiuntive).

    • Valida alternativa, secondo me, oggi è divenuta anche IBL Banca la quale offre il conto deposito a costo zero, zero bolli, ottima remunerazione delle somme e bancomat gratuito con spese fisse di 2 euro su prelievi all'estero. Buona e sicura (token) la funzionalità via internet. Opzionale carta di credito Visa.

    • Gentilissimo Marco, ottima dritta grazie!! valuterò anche un'altro conto on.line a zero spese o costo molto basso, sempre con carte che facciano prelevare in sicurezza ed a prezzi bassi e magari con bonifici gratis… vedrò IBL e sentivo anche di Youbanking We bank e Hello Bank …
      Grazie !!!

    • Anche io ho fineco, ed ogni volta che devo fare un prelievo al bancomat in Brasile di valore superiore ai 150 euro, chiedo tramite il servizio" contattaci", o qualcosa del genere, di togliermi il blocco sicurezza per un determinato periodo( es. 1 settimana , 10 gg…), per cui prelevo la somma massima di 1000 reais con una sola commissione per il periodo autorizzato .

      Carmine.

    • Confermo la procedura . Anch'io ho risolto il problema del prelievo allo stesso modo . Resta comunque il fastidio di contattare la Banca via e-mail per ottenere lo sblocco .Comunque sono abbastanza veloci e precisi .Se avete FINECO guardatevi le commissioni che si prende la VISA per ogni prelievo ! Queste si aggiungono ai 2,9 euro di FINECO generando un costo di circa R$25 ogni R$1000 prelevati . Ogni 10 prelievi vi mangiano 250 reais ! Per chi vive qui è tanto .

    • Con il bancomat libramat di UBI Banca ho tetto massimo di 250 € al giorno con commissione di 3,00 € ogni prelievo.

      Voi riuscite a prelevare in qualsiasi banca…?? Io riesco solo da Bradesco (sempre) e BdB (a volte non funziona), le altre mi danno sempre errore, anche quelle con l'adesivo visa, maestro, ecc…

    • con Fineco,oltre ai 2,90 euro di commissione, bisogna aggiungere il tasso di cambio del circuito della carta( Visa / Mastercard) che, se ricordo bene, dovrebbe essere il 2% a carico del cliente.

      Carmine.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here