Home News Draghi approva la rivolta dei giovani contro le Banche !

Draghi approva la rivolta dei giovani contro le Banche !

13
11
CONDIVIDI



Ecco il titolo di Repubblica di questa mattina :

Ed ecco  i titoli  nel pomeriggio 

Non c’è che dire , Draghi ci ha azzeccato ma forse farebbe bene a stare zitto vista la sua posizione . 



CONDIVIDI

11 Commenti

  1. CARO AMIGOS .SOU UMA BRASILEIRA QUE VIVI AQUI NA ITALIA POSO DISER QUE ASITUASAO QUE ISTAMOS VIVENDO AQUI PODI ACONTESER AI NO BRASIL…SI O NOSSO GOVERNANTIS NAO COMESAR LOGO COMBATER A CORUPISAO,DAR DIREITO I ASESSO A SAUDI COM DIGUINITADI .TRAB.EDUCASAO TUDO ISSO PODI ACONTESER.AQUI COMO COMESARAM FASER CORTIS NA SAUDI ,EDUCASAO CRIANDO SO PRECARIADO DESIGUALDADI COMESARAM AS MANIFESTASIS.TODOS TEMOS DIREITO A CURA ,SAUDI ,EDUCASAO PAGAMOS IMPOSTOS PARA TUDO ISSO ..QUANDO EU VEJO NOS JORNAIS ,AQUI QUE AI NO BRASIL AS PESOAS VAM IN 4,OSPITAIS DEPOIS DI UNA GRANDI PEREGRINASAO ,PARA COSEGUIR SI TRATAR E VERGOINOZO PARA TODOS NOS BRASILEIRO….E POSIVEL QUE NOSOS GOVERNANTIS NAM VE TUDO ISSO ..ESPERO QUE O GOVERNO DI DILMA A NOSSA PRESIDENTI,CONTINUI COMBATENDO A CORROPISAO ,CONTROLANDO QUE O DIERO PUBLICO XEGEN LA A ONDI SERVI NA SANITA(SUS)ESCOLAS QUE TENHAN MAIS CONTROLE PARA MEGLIORAR NOSSO PAIS CONTINUI ASIM PRESIDENTA..VAMOS TODOS NOS VIGIAR CONTRA A CORUPISAO O ABUSO DI PODER NO PUBLICO IMPIEGO INFIM SOMOS NOS QUE PAGAMOS COM NOSOS IMPOSTOS VAMOS TODOS JUNTOS COMBATER PARA MEGLIORAR TUDO PARA TODOS SAUDI .EDUCASAO QUER DIZER UM PAIS SIVILIZADO I NOS SOMOS VAMOS MOSTRAR PARA O MUNDO ESSA E A NOSSA XANSI NESTIS GRANDIS EVENTOS QUE ISTAM VINDO AI PARA MOSTRAR TUDO ISSO PARA NOS MESMO ..QUE SOMOS UM PAIS MERAVIGLOSO E GENTI CORDIAL I ALEGRES E VIVA O BRASIL I TODO O MUNDO SEM VIOLESIA COM MAIS IGUALDADI…ESTA E A MIA ESPERANSA PARA UM FUTORO MEGLIOR DA ANA PAULA………

  2. Draghi parlava degli "indignados" que manifestavano, arrabbiati si, ma in maniera pacifica. Ovvio che non si riferiva alle mele marce che hanno spaccato tutto, e che non hanno niente a che vedere con quella fascia sociale che chiede solo di lavorare nel rispetto dei diritti e della dignitá.

  3. Probabilmente Draghi, da sempre sostenitore del più bieco liberismo economico,
    avrebbe fatto meglio a tacere. Parimenti avrebbero fatto bene a tacere, secondo
    me, tutti i politici (nessuno escluso) che si sono affrettati a condannare gli
    eventi di ieri. Non che si possa giustificare chi usa la violenza ma nessuno
    che abbia fatto un minimo di autocritica, magari facendo proprie le giuste
    motivazioni del malcontento popolare, nonostante sia proprio a causa dei
    politici che si è determinata questa situazione insostenibile. Sono proprio i
    politici (tutti) al soldo di banchieri e mafiosi vari ad aver determinato le
    condizioni affinchè l'Italia si sia trasformata da una Repubblica fondata sul
    lavoro ad un paese terzomondista fondato sullo sfruttamento, il malaffare, la
    corruzione e l'inciviltà. Si è passato il limite anche della decenza. Se si
    guarda ai cambiamenti avvenuti in Italia e nel sud d'Europa nell'ultimo
    ventennio, gli eventi di ieri potrebbero essere solo l'inizio.
    L'Italia tutta è sempre più vicina al nord Africa e non solo geograficamente.
    Marcofalco

  4. "Il governatore uscente della Banca d’Italia Mario Draghi dice d’essere solidale con gli “indignati”, i giovani italiani che protestano per una crisi economica che colpisce anzitutto le loro vite e il loro futuro. Due giorni fa Luca Cordero marchese di Montezemolo aveva detto altrettanto: fanno bene questi ragazzi a protestare… Si tratta, com’è noto, di due omonimi del Draghi futuro presidente della Bce e del Montezemolo ex presidente di Confindustria. Se questi ragazzi sono con la merda fino al collo lo devono anche alle politiche padronali e alle letterine della Bce che reclama conti in ordine, tagli all’occupazione e più precarietà per tutti. A sentirsi offrire la solidarietà di Draghi e Montezemolo, quei ragazzi dovrebbero sentirsi cornuti e mazziati. Ma per fortuna è solo un caso di spiacevole omonimia."

    Fonte " Ilfattoquotidiano"

  5. Ana Paula, por favor aprende um pouco de gramatica e ortografia antes de postar um comentario estou morta de vergonha compatriota.

  6. La solidarieta'di dei due ex compagni di classe (Draghi e Montezemolo) alla protesta contro il mondo finanziario e' un po' sospetta?
    Non e' che forse sono tra i piu' contenti per gli incidenti avvenuti?
    Il mondo finanziario internazionale e' molto subdolo,e quei 500 imbecilli che hanno rovinato una giusta protesta sono delle utili pedine…
    Stefano

  7. Gente pericolosa.
    – Giuliano Ferrara, altro che Er Pelliccia: negli anni '60 e '70, da comunista sfegatato, è uno specialista del piccone. Usava il manico di un piccone per menare! Già Ministro ed Europarlamentare, oggi è il Direttore del Foglio, ha un programma ben pagato su Rai 1 e scrive i discorsi del Presidente del Consiglio.

    – Roberto Maroni, Lega Nord, nel 1996 si oppone all'irruzione della Digos nella sede di via Bellerio. Si sospetta che i leghisti abbiano messo in piedi un'organizzazione "paramilitare tesa ad attentare all'unità dello Stato". Maroni morde il polpaccio ad un poliziotto, 16 punti di sutura. Verrà condannato definitivamente per resistenza a pubblico ufficiale ad 8 mesi di reclusione. Oggi è Ministro dell'Interno.

    – In via Bellerio ad opporsi alla perquisizione della polizia ci sono anche i leghisti Roberto Calderoli, oggi Ministro della Semplificazione, creatore del porcellum ed esperto in lanciafiamme, e lo xenofobo Mario Borghezio, oggi Europarlamentare.

    – Marcello De Angelis, negli anni '80 milita in "Terza posizione", estrema destra, neofascismo, e viene condannato per banda armata ed associazione sovversiva. Oggi è Parlamentare Pdl.

    – Gianni Alemanno, Pdl, nel 1982 viene accusato di aver lanciato una bomba molotov di fronte all'ambasciata dell'Unione Sovietica. Negli anni '80 finisce in carcere un paio di volte. Partecipa a molte manifestazioni violente. Oggi è Sindaco di Roma e emette ordinanze che vietano tutte le manifestazioni anche pacifiche.

    – Maurizio Gasparri e Gianni Alemanno negli anni 70 occupano l'Università "La Sapienza" in Roma. Già Ministro delle Comunicazioni nel secondo Governo Berlusconi, oggi Gasparri è Senatore Pdl (capogruppo).

    – Ignazio La Russa, Pdl, nel 1973 è in prima linea. Giovedì nero: Manifestazione non autorizzata dell'Msi, tra molotov, pistole e mazze ferrate, ci lascia la pelle un poliziotto. Oggi La Russa è Ministro della Difesa e picchia i giornalisti.

  8. Premetto che condanno l'atteggiamento teppistico dei black block (mi sarebbero stati più simpatici se avessero bruciato qualche auto blu, devastato qualche vetrina di montecitorio e rotto il naso a qualche politico che passava di lì (verde, giallo bianco nero o rosso che sia…… tanto sono tutti uguali ;-)).
    ma una cosa che non mi va proprio giù è tutto questo moralismo di condanna nei confronti dei black block da chi non tanto tempo fa era come loro (della serie senti da che pulpito viene la predica)GUARDATE E GIUDICATE.
    http://www.tzetze.it/tzetze_news.php?url=http://nonleggerlo.blogspot.com/2011/10/gente-pericolosa.html

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here