Home italia Questo governo non aiuta certo l’immagine dell’Italia all ‘estero

Questo governo non aiuta certo l’immagine dell’Italia all ‘estero

19
21
CONDIVIDI



Guardate la reazione di Sarkozy e Merkel alla domanda della  giornalista “Il premier italiano vi ha rassicurato sui provvedimenti che prenderà il suo governo?”. Segue la reazione ilare di Merkel, Sarkozy e di tutta la stampa presente. Poi la risposta diplomatica del presidente francese: “Abbiamo fiducia nel senso di responsabilità dell’insieme delle autorità italiane, politiche, finanziarie ed economiche”.


Come italiano all’estero mi sento veramente offeso da questo comportamento delle due massime autorità francese e tedesca e mi auguro che chi ne ha l’autorità ed il dovere faccia sentire la sua voce , in primis il Presidente Giorgio Napolitano . 

CONDIVIDI

21 Commenti

  1. Ciao Antonio, lo stesso presidente del consiglio nn aiuta, in nessun caso, l' immagine dell 'Italia all 'estero. Bisogna vivere fuori dall' Italia per capirlo, perché i mezzi di informazione nostrani nn mi sembra che ne parlino. Comunque é anche vero che chi ci rappresenta sta dove sta, perché é stato votato, pure questo non bisogna dimenticarlo. Quindi mr berlusconi ci rappresenta nel bene(???) e nel male….

    Salvatore

  2. Ciao Salvatore

    quello che dici è vero ma non diminuisce la gravità del gesto dei due rappresentanti di Francia e Germania .

    Se questa mancanza di rispetto fosse accaduta qui in Brasile pensa alle polemiche . Ci siamo incazzati come belve perchè il Brasile non ha concesso l'estradizione a Battisti e poi si lasciano passare fatti come questi che dimostrano la scarsa considerazione che gli stessi alleati europei hanno nei nostri confronti .

    Ragioni di opportunità fanno si che la stampa nazionale , addomesticata ,non dia risalto alla cosa : povera Italia .

  3. bè …io sono rimasto allibito a vedere questi due elemeti … uno parente di ebrei sefarditi di Salonicco e ungheresi arricchiti … probabilmente trasferitisi in francia per evitare la ghigliottina o l'impalaz…. l'altra figlia di una generazione di genitori che hanno causato la seconda e prima guerra mondiale … roba da matti .. altro che il pagliaccio di Berlusconi .. almeno lui è il pagliaccio di se .. rovina dell'Italia ma pagliaccio allo specchio …questi sono due personcine che dovrebbero rileggere la storia dal paleolitico …roba da matti già !! non mi capacito di dovermi far comandare dai tedeschi dopo che ancora in circolazione in germania c'è gente che quando aveva 15-18 anni sventolava la faccia di H. … roba da matti sono pagliacci messi li da chi veramente comanda il mondo che ha pagato loro la campagna elettorale …fatto pressioni ai vertici … vedi Obama .. e tenuti ai fili come fantocci … sarko poi è un pagliaccio veramente, basta guardare come si muove da marionetta … roba da matti … governati da banchieri che hanno messo a governarci pagliacci irriverenti … rideranno meno tra poco quando crollerà giù tutto …. e i greci marceranno su berlino … Andrè

  4. X Salvatore,
    concordo con te sul fatto che vivendo all'estero si capisce meglio la situazione imbarazzante. Rimango senza parole quando qualcuno a Salvador, apprendendo che sono italiano, mi chiede dell'Italia e di B. sorridendo compiaciuto. Non so se ridere o tacere per la rabbia/vergogna.
    Concordo meno sul fatto che B. sta dove sta perchè è stato votato. Ricordo infatti che la maggioranza di yes men prezzolati nominati con il porcellum nelle ultimi elezioni si è svanita in Parlamento da tempo (ricordo che l'Italia è ancora una Repubblica parlamentare e non presidenziale). B. è rimasto in sella sinora solo a seguito di una sfacciatissima vera e propria compravendita di parlamentari quali ad esempio i c.d. "responsabili" di Scilipoti ed altri. Sennò sarebbe caduto da tempo. Inoltre i sondaggi lo danno perdente per cui si rifiuta di lasciare la cara poltrona.
    Concordo sul fatto che B. rappresenta una larga fetta di italiani di oggi. Il vero problema è infatti proprio questo. L'italiano medio oggi si specchia in questa classe dirigente (intesa a 360 grandi, anche manageriale). E' l'italiano medio l'artefice ed il vero problema italiano, non B.
    Sul fatto specifico della risata poi, chiaramente indirizzata all'uomo e non all'Italia, sebbene quei due avessero fatto meglio ad evitare, dopo tutte le gaffes planetarie, dopo tutte le evidenti baggianate raccontate in giro e dopo che B. ha definito la Merkel una "culona inchiavabile" nel corso di una delle sue vomitevoli telefonate riportate da tutti i giornali del mondo, il minimo che poteva aspettarsi era una risatina di scherno.
    Ma l'unico vero problema è che a causa di questo siamo costretti a subire i dicktat di Merkel e Sarkosy che hanno imposto a B. di saccheggiare ulteriormente gli italiani entro mercoledì! E non abbiate dubbi che lui lo farà, pavido, raccontando bugiardamente che non ci sono alternative. In questa fase Merkel e Sarkosy non potevano sperare di meglio.

  5. Ma io sinceramente la vedo quasi all'opposto…

    Anche l'essere gentili e a modo ha un limite. I capi di stato degli altri paesi hanno fatto il possibile per "trattenersi" davanti alle castronerie del presidente del consiglio italiano, per anni e anni. Si vede che ormai non ce la fanno più. Ma lui certo non fa niente per aiutarli.
    Sinceramente "apprezzo" la loro reazione e risposta. A me sembra proprio che distinguano tra berlusconi e il resto d'italia e gli italiani, e questo mi fa piacere.

    Chi ne ha l'autorità e il dovere forse avrebbe dovuto farsi sentire ben prima e per episodi ben più importanti di questo. (e non nei confronti di altri..ma proprio qui da noi) E se fosse stato fatto, probabilmente questa scena non si sarebbe mai verificata in quanto il problema silvio sarebbe stato rimosso a tempo debito. (non parlo in senso politico/di come uno la vede che non sono fatti miei, nè mi pare momento e luogo giusto. Semplicemente è totalmente inadeguato al ruolo che deve svolgere).

    quando si dice ridere per non piangere… Ormai se ne sono resi conto tutti, solo noi ancora ce lo teniamo e lo sopportiamo. Que painel

  6. X LaJoe

    continuiamo a parlare di Berlusconi in merito a questa vicenda che secondo me non è il modo corretto di analizzarla ma visto che è stato tirato in ballo non posso non notare che i due rappresentanti di Germania e Francia si sono berlusconizzati ovvero ne hanno assunto lo stile burlesco suscitando addirittura con i loro sorrisetti compiaciuti da primi della classe le risate della platea di giornalisti come quando il Nostro racconta una delle sue barzellette .

    Purtroppo devo constatare che l'Europa tutta è governata da politici di " bassa statura ".

  7. il problema vero ormai non e' b. ma TUTTI COLORO CHE NON RIESCONO A FARE OPPOSOZIONE! se mr b. e' un pagliaccio , i cari casini, bersani, vendola, di pietro ecc. sono dei benemeriti rammolliti . Solo degli "sfigati" possono NON riuscire ad "eliminare" un pagliaccio… miki

  8. Mi spiace ,per l'Italia,ma sinceramente non vedo perchè dovrebbe essere rispettato un personaggio del genere,non c'è un Brasiliano che non mi chieda come un safado del genere possa essere ancora al comando,la risposta l'ha data Marcofalco qui sopra….abbiamo una camera che crede che ruby sia nipote di Mubarak,un ex ministro che non sapeva gli avessero regalato una casa vista colosseo,un ministro indagato per mafia,ecc..ecc..ecc..ecc…la conseguenza di tutto questo??,non solo la classe politica nostrana è considerata incapace e truffaldina…ma il popolo stesso non è meritevole di considerazione…..Trovo inutile continuare a parlare dell'Italia che fù..con i nostri poeti ,scienziati,artisti immensi,l'Italia oggi è il paese che non da spazio ai giovani laureati,non da spazio ai lavoratori onesti,abbiamo un problema sud che si trascina da più di mezzo secolo…..Bè, penso che per non essere considerati repubblica delle banane tante cose noi Italiani tutti dovremmo cambiare.

  9. La domanda è stata: "Il premier italiano vi ha rassicurato sui provvedimenti che prenderà il suo governo?", prendere provvedimenti significa tagliare o ridurre drasticamente alcune spese strutturali quali pensioni-sanità-istruzione-sicurezza etc. tutte voci che compongono lo Stato sociale, l'uguaglianza sociale è garantita in maggior parte dal "welfare state" che consente di ottenere servizi di base a tutti i cittadini indipendentemente dall'estrazione sociale, se queste tutele vengono a mancare o sono ridotte cosa succede?? Loro continueranno a ridere ma altri inizieranno a piangere.
    Dimostrare sarcasmo e ilarità è stato assolutamente un comportamento fuori luogo e offensivo nei confronti di chi dovrà in seguito subire le conseguenze di tali provvedimenti.

    P.S. si possono eliminare gli sprechi della pubblica amministrazione le evasioni fiscali ed i costi della politica, ma sono obiettivi non raggiungibili a breve e difficilmente quantificabili, mercoledì alla Commissione europea di Bruxelles vogliono una lettera di intenti e non buoni propositi.

    Mauro2

  10. Caro babajazz,
    io non ho idea che brasiliani frequenti, ma io non ho mai trovato nessuno che provasse a criticare Berlusconi o qualche altro politico italiano. Forse lo avranno pensato, ma nessuno mi ha mai detto a quattr'occhi qualcosa del genere. Anche perchè se qualcuno ci provasse direi prima di guardare nel proprio piatto prima di sputare nel mio, o pensi forse che la classe politica brasiliana sia migliore della nostra?

    E se posso darti un consiglio, smettila di dare sempre ragione a marcofalco. il vostro rapporto sta diventando un poco imbarazzante…

  11. Marcofalco,
    Hai pienamente ragione sul fatto che governa grazie alle manfrine politiche e ai voti che compra o ricatta; peró io volevo dire che per ben 2 volte negli ultimi 10 anni la maggioranza l 'ha votato, questo é secondo me il dato che fa riflettere. Come é possibile ?
    La prima volta il suo governo duró i 5 anni interi della legislatura(forse l ' unico merito che gli si puó dare !!!). Come é possibile che un personaggio del genere ci rappresenti, come é possibile che la gente gli ha continuato a dare fiducia nonostante i processi a carico che aveva e che ancora ancora ha ?
    Questo mi lascia perplesso, che siamo stati tutti rincoglioniti ? Mah !!
    Spiegare queste cose a uno straniero é difficile, in Brasile mi é successa la stessa cosa, e qua in Spagna, ogni argomento é buono per prenderci in giro…..
    Come dice un anonimo, la nostra é la repubblica delle banane; la repubblica dei parlamentari strapagati, che pagano a nero i propri collaboratori, che hanno le case gratis, le spese gratis, le auto blu per andare a fare la spesa, per andare a prendere i biglietti allo stadio, per andare a prendere le mogli etc etc……Fanno di tutto, meno che lavorare per il bene del paese.

    Antonio, il caso Battisti é stato gestito malissimo da tutti, peró non credo che ci possiamo permettere di creare dissapori troppo grandi con i nostri grandi "amici" europei, siamo legati al loro destino; e guarda un po', storicamente, sono tra chi piú ci disprezza in giro per l' Europa.

    Un saluto a tutti

    Salvatore

  12. Sono dell'idea che Berlusconi avrebbe dovuto dimettersi da tempo,non avendo mai portato a termine neppure il 10% di quanto promesso in quasi 20 anni.
    E su questo terreno andava combattuto.
    Se e' ancora al suo posto la ragione e' da cercare nella nullita' dei suoi avversari,piu' intenti a metterla sul piano dell'odio personale (tipico di una certa schiera) invece che sul piano dei ragionamenti pacati ma incontrovertibili.
    Per quanto riguarda Merkel e Sarkozy,hanno parzialmente ragione (BCE compra i titoli italiani),ma ,soprattutto nel caso francese, non hanno una situazione molto migliore a casa propria,dove le principali banche sono a rischio e la disoccupazione galoppa.
    Triste tramonto per l'Europa: il migliore modello di stato sociale (con le opportune differenze tra stati) dovra' essere messo in naftalina,per la gioia degli abitanti del vecchio continente che si troveranno piu' poveri e piu' indifesi.
    Stefano

  13. Hhahahahahah,caro ANONIMO,lavorando 12 ore al giorno i contatti che ho con i Brasiliani sono quasi esclusivamente con i miei clienti,per lo più avvocati,medici,giudici comunque gente benestante…..potrai non crederci e potrei anche darti i nomi ma non vedo perchè dovrei farlo…il fatto è che di Berlusconi ridono,le critiche sono per gli Italiani che lo accettano….io non faccio paragoni tra i politici italiani e brasiliani,essendo italiano provo più rabbia per le schifezze dei nostri…e comunque sarà illusione ma vedo che Dilma ne sta silurando molti,certo non sta regalando poltrone a chi da la fiducia.Detto questo da oggi in avanti,ti chiederò chi poter frequentare e sopratutto come pensare…..hahahaah questo non mi era mai capitato!!!!!!una persona che mi dica come devo pensarla non mi era mai capitato….non sarai mica geloso!!!!!!!!

  14. Nossa babajazz, non sapevo che avevi amici così importanti. Per essere uno che ha un centro estetico e che vive in una casa da 250 reais al mese non è male. Ne hai fatta di strada in questo tempo, vero? Son contento per te.

    "…una persona che mi dica come devo pensarla non mi era mai capitato…" come vedi c'è sempre una prima volta in tutte le cose e non ti eccitare troppo, non sono affatto geloso.

  15. Chissà perchè ma le cose più assurde escono sempre fuori da anonimi. Tanto assurde che a volte non vale neppure la pena replicare.
    Io resto sempre dell'avviso che i sorrisi imbarazzati di Merkel e Sarkosy erano chiaramente ed esclusivamente riferibili alla persona B. palesemente imbarazzante.
    L'Italia e gli italiani non c'entravano nulla, come prontamente spiegato subito dopo da Sarkosy stesso che si è affrettato a chiarire di avere ampia fiducia nell'insieme delle istituzioni italiane ecc.
    Nessun raffronto tra stati ma solo imbarazzo per il dover ascoltare le chiacchiere di un personaggio come minimo imbarazzante.
    Tutto qui.
    E non chiedetemi di sentirmi rappresentato da uno come B.
    saluti
    Marcofalco

  16. Bè, il mio amico anonimo, magari invece di insegnare a pensare e a vivere agli altri, dovrebbe cominciare a leggere i commenti attentamente……le persone menzionate sono miei CLIENTI,non amici,con i quali per ovvie ragioni ed educazione,parlo e scambio opinioni,anche perchè molti di questi hanno più volte viaggiato in europa e italia….e adesso spreco per l'ultima volta, un pò del mio fiato per rispondere ad una persona estremamente maleducata,malfidente e cosa che più mi rattrista, cattiva come te.La casa in affitto, è un prezzo di favore fatto dal compagno di mia suocera,la clinica sta andando bene,con molti sacrifici sto riuscendo ad aprirne una seconda,e i miei clienti sono di questa fascia,1 perchè non tutti possono permettersi dei trattamenti estetici,2 perchè il centro è al lato della migliore accademia della città.Detto questo,non capisco perchè tu mi debba dire con chi concordare o meno,non capisco perchè non credi che un brasiliano mi abbia detto una cosa su berlusconi.Se tu non hai mai visto il mare ,vuol dire che il mare non esiste???.Bè infine se leggi il commento qui sopra di Marcofalco, se riesci, potrai capire che questa volta non abbiamo concordato

  17. Durante gli incontri ufficiali non esiste la persona B. la persona M. e la persona S. come può avvenire in visite private, ma rappresentanti di cariche istituzionale, nello specifico il Presidente B. la Cancelliera M. e il Presidente S. avendo ottenuto un mandato politico, nel rispetto delle attuali leggi elettorali, sono titolati a rappresentare i rispettivi governi. Se poi i sorrisi sono di ilarità come dice -ottoaprile- (opinione che io condivido) o di imbarazzo come sostiene -marcofalco- poco importa, la sostanza è che sono fuori luogo perchè rivolti NON ad una persona ma ad una istituzione. Le persone possono essere indifendibili ma le istituzione vanno rispettate.

    saluti
    Mauro2

  18. Ciao Mauro2,
    sono d'accordo con te sul fatto che le istituzioni vadano rispettate.
    Sono anche convinto però che anche il parroco o il maresciallo di un paesino possono rappresentare delle istituzioni da rispettare. Ma se il parroco del paese diventa un noto poco di buono, difficilmente i parrocchiani daranno credito alle sue omelie.
    Quanto al tuo intervento precedente, sono d'accordo che la lotta all'evasione richiede tempo ma anche alzare l'età pensionabile dal 2026 non è una cosa a breve, è qualcosa che risponde solo alla logica di voler affamare le generazioni future cercando di spingerle verso il capitalismo sfrenato, quello che porta alle guerre, oltre che ai fondi pensione privati.
    Che ne diresti, invece, di dimezzare DA SUBITO, tutte le spese militari, di stabilire un contributo immediato su tutte le pensioni e i vitalizi baby che costano 163,5 miliardi di euro allo Stato, eliminare i contributi alle scuole private e ai giornali di partito, tutti i contributi elettorali, tutti i portaborse e tutte le consulenze pubbliche. Sono solo le prime cose che mi vengono in mente che si possono fare subito, chiedendo una volta in più la fiducia in parlamento in 15 giorni si fa tutto. Volere è potere, il vero problema è che si vuole fare esattamente l'opposto. Per l'abolizione delle provincie hanno votato a favore solo 20 parlamentari, tutti gli altri hanno votato contro, non solo il governo.
    un saluto
    Marco

  19. Concordo con Marco: i nostri militari a casa da missioni inutili se non deleterie.
    Inutili?Abbiamo i nostri in Kossovo, narcostato voluto dagli americani per fini inconfessabili,dopo la guerra alla Jugoslavia.
    Abbiamo i nostri militari in Afghanistan, dove l'occupazione militare ha portato ad un aumento della produzione di oppio (come mai?).
    Deleteri? La guerra (aggressione , direi) alla Libia,tanto caldeggiata dall'abitante di Napoli,cosa ci portera'?La perdita di una posizione privilegiata in un paese molto prossimo al nostro, ricco di petrolio e gas.
    Sui costi della politica ( e della Confindustria, dei sindacati) non c'e' molto da aggiungere:in Italia comandano un gruppo di corporazioni che cercano di convivere tra loro (la famosa concertazione) a scapito della maggioranza di cittadini onesti.
    Le selezioni sono basate su quanto si e' leccaculo e solo questo.
    Peccato, ci sarebbe tutto per fare molto bene anche in tempi di crisi nera, invece chi ha fatto la scelta di emigrare ha visto piu' che giusto.
    Stefano

  20. Ciao Marcofalco

    Come la moglie di Cesare anche i politici dovrebbero essere al disopra si ogni sospetto per evitare che i chiacchiericci da trivio si sostituiscano alla politica.
    La poca credibilità e autorevolezza di buona parte della classe politica credo sia alla base della disaffezione nei loro confronti, il solco fra chi risiede nei palazzi del potere e chi vive del proprio lavoro si sta' lentamente trasformando in una voragine ed è incomprensibile con quale noncuranza la "casta" proceda come se nulla fosse.
    Le soluzioni che proponi sono di buon senso, proprio per questo non avranno seguito, anche le indicazioni su come ridurre i costi della politica sono ragionevoli ma difficilmente chi decide sceglie di tagliare il ramo su cui è seduto.
    Onestamente non saprei suggerire una via d'uscita, le ambizioni le speranze vengono quotidianamente sconfitte dalla realtà, il desiderio di cambiamento lascia il passo alla rassegnazione anticamera della morte sociale.
    Inizio a comprendere chi in libertà decide di emigrare per ricominciare a rincorrere i propri sogni senza arrendersi.

    saluti
    Mauro2

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here