Home costo della vita Lo Stato italiano pagherà le Aziende con i BOT

Lo Stato italiano pagherà le Aziende con i BOT

7
3
CONDIVIDI

Le imprese stanno morendo. Si sta fermando il cuore della Nazione. Quello che pompa sangue e reddito al Paese. Lo Stato deve alle aziende 70 miliardi di euro. Soldi che significano la vita o la morte per migliaia di imprese e famiglie buttate in mezzo a una strada. I becchini Monti&Passera, invece del massaggio cardiaco, hanno preparato per loro un’iniezione letale: i BOT. Salderanno il debito statale con debito pubblico. E’ come pagare il conto al ristorante con le figurine Panini (con tutto il rispetto per il glorioso album), scambiarsi la cacca con la pupù. Le imprese potranno a loro volta pagare i dipendenti con una modica quantità di BOT e questi pagare l’affitto, il benzinaio, le bollette della luce e del gas con qualche titolo pubblico.
E’ una presa per il culo così abnorme che sembra una storia tratta da Topolino, ma non per i giornalisti schierati con il Sistema . Sentite qua, da Repubblica : “Tra le novità dell’ultima ora si segnala anche la possibilità che il corposo debito pubblico della PA con le imprese – circa 70 miliardi di euro – sia erogato in titoli di Stato, per dare fiato alle imprese strozzate dal credit crunch, la stretta creditizia”. Propongo che da subito il finanziamento ai giornali sia pagato in BOT, così la pianteranno di scrivere cazzate. E non solo, anche il finanziamento ai partiti va pagato in BOT e pure lo stipendio ai parlamentari, ai consiglieri regionali e ai ministri, fino allo stesso Napolitano. Perché fermarsi qui? Tutti i vitalizi di senatori e deputati, a iniziare da Amato e Veltroni passando per Scalfari, siano onorati in BOT e ogni cartella di Equitalia sia in futuro saldata in BOT. Ho un debito con te? Ti dò un altro debito! Chi è in asfissia di liquidità e riceve in cambio del credito con lo Stato un debito dello Stato può solo vendere, ma i Bot valgono meno del loro valore nominale, anche il 20-25%. Il debito ha sostituito la moneta. Ci stiamo trasformando in un Paese di accattoni. Pagherò l’elettricista con il debito che ho con l’idraulico. Loro non si arrenderanno mai (ma gli conviene?). Noi neppure.

Dal Blog di Beppe Grillo 

Booking.com
CONDIVIDI

3 Commenti

  1. Già nel 1995 un altro ladro di Stato, Dini, ebbe la stessa pensata: pagare gli arretrati delle pensioni con i CCT; ed inoltre aumento della benzina, dei contributi e dell'IVA; oltre alla prima diabolica e devastante riforma delle pensioni italiche.
    Verrebbe da chiedersi cosa è cambiato a distanza di 16 da Dini a Monti. Stesse ideologie e stesse perverse ricette. Guarda caso entrambi ultraliberisti ed entrambi espressioni della bieca finanza voluta dall'FMI.
    Per chi volesse rinfrescare la memoria:
    http://archiviostorico.corriere.it/1995/febbraio/07/Pensioni_arretrati_con_titoli_Stato_co_8_950207850.shtml

  2. "Li guardo e non vedo umanità, ma lo sguardo fisso e indecifrabile degli squali. Il Paese va a fuoco, ma per loro è solo una pratica da chiudere al più presto. 'Magic Monti': la schiumattiva che mantiene il water profumato…". E' un attacco frontale al Premier Mario Monti l'ultimo scritto sul blog di Beppe Grillo che ha per titolo 'il water della democrazia' e per immagine un video del Presidente del Consiglio. "Ho una sensazione di freddo alla schiena. Guardo Rigor Montis, la Frignero, Passera e le facce di cera dei vari ministri e vedo dei contabili, degli esattori, dei curatori fallimentari, degli estranei. Chi li ha invitati? Chi li ha votati? Mi ricordano la pubblicità degli anni '80 della Johnson: la signora Luisa, la domestica seria e precisa, dal fare sicuro, che si presentava alla tua porta, dal motto 'Comincia presto, finisce presto e di solito non pulisce il water', perché usava la schiuma attiva di Magic Water". Del pari "il governo di Magic Monti sta facendo le pulizie di casa nostra senza preoccuparsi di chi ci abita in questa casa. Le categorie sociali gli sono indifferenti. Pensionati, camionisti, tassisti, cassintegrati, piccoli imprenditori è come se non ci fossero, come se non avessero mai abitato in Italia". "I ministri non fanno parte del tessuto sociale, non sono stati eletti, non devono rispondere a nessuno, non discutono con le controparti, eseguono il loro mandato. Sembrano alieni in visita ispettiva, alteri. Indifferenti a tutto tranne che alle banche. Ospiti che sono diventati padroni, che dopo tre mesi cominciano a puzzare tremendamente e il water non lo puliscono mai. Mi inquieta la perdita totale, definitiva della democrazia e la accettazione di questa perdita da parte degli italiani come se fosse ineluttabile, ovvia, scontata. Come se la democrazia fosse un optional. Negli anni '70 andava di moda l'esproprio proletario. Si entrava in un supermercato e si faceva la spesa senza pagare. Si usava così. Oggi- ha scritto ancora Grillo- assistiamo all'esproprio bancario, una sottrazione dei diritti dei cittadini, dall'art.18 alla cassa integrazione, fatta alla luce del sole con rigidità burocratica da persone grigie, in giacca e cravatta, per salvare le banche e l'euro".

  3. questa è davvero incredibile, i debiti pagati in BOT! Ma ormai, è brutto da dire, non c'è capacità di reazione popolare; chi reagisce va via, chi resta sembra accettare il tutto come ineluttabile. Pensare a cos'era il nostro paese e a cos'è oggi… che pena
    Francesco B.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here