Home costo della vita Un altro giro di giostra

Un altro giro di giostra

15
0
CONDIVIDI

Con un richiamo all’ultimo libro del grande Tiziano Terzani , propongo questo interessante spunto di riflessione di Federico Rampini di Repubblica che pienamente condivido . Si parla dell ‘ignobile accordo tra banche e governo americano per il ” perdono ” dello scandalo dei mutui subprime .Senz’altro un trionfo del pragmatismo americano ma siamo certi che in questo modo non ci si prepari ad un altro ” giro di giostra “? 

L’accordo è stato salutato come una svolta storica, forse addirittura la parola “fine” alla vicenda ignobile dei mutui subprime, nonché l’inizio di una ripresa per il mercato immobiliare americano. Si tratta di un maxi-patteggiamento: i protagonisti sono da una parte l’Amministrazione Obama e le procure generali di 49 Stati Usa, dall’altra cinque tra le più grandi banche americane che operano nel credito per la casa (Bank of America, JP Morgan Chase, Citigroup, Wells Fargo, Ally Financial). In cambio di una chiusura delle indagini giudiziarie e quindi di una rinuncia ai processi, le banche hanno accettato di pagare oltre 25 miliardi di dollari di indennità ai clienti. E’ il secondo maggiore risarcimento nella storia americana dopo quello dell’industria del tabacco. La maggior parte di questo denaro, 17 miliardi, andrà alle famiglie che hanno subito (o rischiano di subire presto) il pignoramento dell’abitazione, con il conseguente sfratto e vendita giudiziaria. Dunque sono fondi che vanno ad aiutare i più bisognosi, e possono anche mettere uno stop alla costante discesa dei prezzi immobiliare. L’effetto di equità c’è. L’effetto di sostegno macroeconomico alla ripresa c’è. Non stupisce che Obama abbia presentato questa operazione come un successo. Eppure qualcuno non è convinto. Certi procuratori statali avrebbero voluto andare avanti fino a trascinare i banchieri nelle aule dei tribunali. Non posso dargli torto. E non per una sorta di “giustizialismo all’italiana”. Ho sempre apprezzato il pragmatismo della giustizia americana, che tra i suoi motti ha anche l’antico proverbio “il meglio è nemico del bene”. A volte è più saggio puntare al patteggiamento, recuperare il maltolto subito, anziché voler inseguire una punizione esemplare che rischia di arrivare molto tardi (e magari di non arrivare mai: i banchieri hanno sempre dei buoni avvocati).
Il vizio in questo tipo di patteggiamenti però va alla radice delle patologie della finanza. Patteggiando, i banchieri non devono ammettere colpe personali e si mettono al riparo da conseguenze penali. Certo, l’indennizzo che pagano è colossale. Ma “chi” lo paga esattamente? Non un solo centesimo esce dalle tasche dei chief executive e altri top manager. Pagano le aziende da loro amministrate. Cioè in prima istanza gli azionisti. Poi i costi verranno “spalmati” in qualche modo sui clienti, escogitando nuove commissioni, nuovi margini d’intermediazione. E si scopre che in larga parte sarà finanziato indirettamente dal contribuente: la normativa fiscale infatti consente alle banche di usufruire di agevolazioni a fronte del pagamento di questi indennizzi. Non un solo banchiere verrà licenziato. Anche se gli azionisti volessero cacciare un top manager, non hanno il potere di farlo: questo è lo sporco segreto della “corporate governance” moderna. Dunque l’impatto sui bilanci delle banche sarà modesto, l’impatto sugli alti dirigenti sarà nullo. Effetto deterrente o “educativo”: minimo. Manca ogni principio di responsabilità personale, manca ogni meccanismo punitivo contro i colpevoli. Con queste premesse, perché non dovrebbe ricominciare tutto come prima?



Booking.com
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here