Home immobili Costituire una Società in Brasile

Costituire una Società in Brasile

491
56
CONDIVIDI

Questa breve nota è dedicata a tutti coloro che spesso mi chiedono come aprire una Società in Brasile essendo una persona fisica o in qualche caso una persona giuridica . Spero di fare un poco di chiarezza sull’argomento . Maggiori approfondimenti potranno essere richiesti dagli interessati direttamente al proprio commercialista ( Contador ) di fiducia .


Sulla base della locale normativa, le società straniere che siano o desiderino essere titolari di beni immobili, veicoli, imbarcazioni, aeronavi, partecipazioni societarie, conti correnti presso una banca od investimenti nel mercato finanziario, sono obbligate ad ottenere l’iscrizione presso il locale fisco federale.
Tale iscrizione (CNPJ/MF Cadastro Nacional de Pessoas Jurídicas del Ministério da Fazenda), che è in ogni caso unica e relativa alla titolarità di qualsiasi bene in Brasile, dovrà essere effettuata, a mezzo di un procuratore speciale, residente in Brasile, identificato come persona fisica responsabile.
In alternativa, per operazioni da registrare presso la Banca Centrale, il CNPJ sarà emesso mediante l’iscrizione della società straniera presso il relativo Cadastro de Empresa (Cademp), e successiva presentazione dei documenti.

Le persone fisiche straniere che investano in Brasile, dovranno invece ottenere l’iscrizione innanzi il CPF/ MF – Cadastro Nacional de Pessoas Físicas del Ministério da Fazenda, per essere identificate fiscalmente in Brasile.
Dopo aver ottenuto il codice fiscale, per entrambi i tipi societari esaminati, è necessario che gli atti costitutivi, dopo la sottoscrizione, siano presentati per l’omologazione presso la Junta Comercial territorialmente competente.
Al termine di tale procedura (che dura circa 15 gg.) la società brasiliana appena costituita dovrà ricevere a sua volta il numero di iscrizione nel CNPJ (Cadastro Nacional de Pessoas Jurídicas), cioè il proprio codice fiscale.
Per poter operare, la società dovrà richiedere le seguenti ulteriori iscrizioni:

· Iscrizione municipale (CCM – Cadastro Contribuintes Mobiliários) – al fine, tra l’altro, di poter adempiere alla legislazione tributaria municipale.

· Alvará de localização e funcionamento – necessario per l’esercizio dell’attività desiderata, e rilasciato dal Municipio di localizzazione.

· Iscrizione statale (I.E. – Inscrição Estadual) – (equivalente alla partita IVA), necessaria alle imprese industriali e commerciali per le operazioni di circolazione dei prodotti.

Iscrizione Sisbacen (Sistema del Banco Central) – necessaria per le registrazioni delle operazioni relative agli investimenti o finanziamenti stranieri.


Tali attività richiedono da 60 a 120 giorni. I costi di costituzione delle forme societarie sopra indicate dipendono normalmente dal valore dell’investimento e dal tipo di attività e dalla consulenza richiesta.

56 Commenti

  1. IO POSSO FARE UNA SOCIETA' CON LA MIA RAGAZZA CHE E' BRASILIANA E CON UN INVESTIMENTO BASSO?E CIRCA QUANTO SONO I COSTI PER COSTITUIRE UNA SOCIETA'?SE RIUSCITE FATEMI DEGLI ESEMPI.GRAZIE

    • Ciao Federico

      ti consiglio di contattare un Commercialista ( Contador ) . Per quanto riportato anche nell'articolo costituire la Società è possibile dal momento che viene richiesto solo il CPF , naturalmente NON potrai ottenere il visto permanente e resterai un turista come nel caso che acquisti un appartamento . Tanto vale fare direttamente un regalo alla tua ragazza .

  2. Federico, i costi di costituzione di una società variano in base alla struttura cui ti appoggi, al tipo di società, al regime fiscale e all'oggetto sociale oltre che da Prefettura a Prefettura. Le imposte infatti non sono uguali dappertutto. Per questo credo Antonio ti ha consigliato di chiedere a un commercialista della tua città in Brasile.
    Io ad esempio a Salvador, per una limitada, ho speso meno di R$2.000,00.
    ciao
    Marco

  3. volevo ancora chiedervi se per aprire una societa' bisogna avere altri documenti come ad esempio certificato di nascita,residenza,stato di famiglia e civile ecc.
    oppure questi documenti servono per fare solo il visto permanente.
    un altra domanda, che tu marco e antonio penso che misapete dare una risposta ,e' se nel consolato italiano a salvador de bahia si riescono a fare tutti questi documenti senza tornare in italia.
    questo perche' saro' per tre mesi a salvador da fine novembre a fine febbraio e quindi se serve fare dei documenti per eventualmente aprire una societa' ho ancora del tempo qui in italia.grazie federico

    • Ciao Federico

      ricevo spesso questa domanda : quali siano i documenti necessari per l'apertura di una società in Brasile . Ebbene la risposta è semplice : il solo passaporto valido . Tutto il resto può e deve essere fatto in Brasile .

    • il consolato italiano di salvador mi ha detto che si devono legalizzare tutti questi documenti nell' ambasciata brasiliana qui in italia…..

    • Ciao Federico

      ti ripeto che per l'apertura della Società per la richiesta successiva del visto per investimento serve solo il passaporto .Per la successiva richiesta del visto servono una serie di documenti che vengono prodotti in Brasile .Il consolato italiano NON costituisce società brasiliane da quello che mi risulta 🙂 Le società brasiliane si costituiscono alla Junta Comercial. Rivolgiti ad una Agenzia preparata e vedrai cosa ti risponde .

    • oi Federico confermo quanto detto da Antonio ossia che per costituire la società non necessita di molto più che passaporto e CPF. Confermo anche che il Vice Consolato Onorario di Salvador non ha nessuna competenza in materia. Ti devi rivolgere ad un serio professionista che ti segue la costituzione della società a capitale straniero e la conseguente richiesta di visto come investitore presso il Ministero a Brasilia. Scegli uno molto bravo perchè altrimenti rischi di morire di burocrazia. Per ora può essere parzialmente chiarificatore questo link del Consolato brasiliano di Roma:
      http://www.consuladobrasilroma.it/it/vistos/visto_perm03.html
      Marco

    • Federico

      prova a leggere le risposte .

      1) PER APRIRE UNA SOCIETA' BASTA IL PASSAPORTO ( IL CPF SI FA IN BRASILE E PER ESSO E' SUFFICIENTE IL PASSAPORTO )

      2) IL VISTO NON PUOI FARLO DA SOLO . L'AGENZIA CHE SE NE OCCUPERA' FARA' TUTTO QUELLO CHE SERVE .

      PRIMA PERO' DI ARRIVARE ALLA RICHIESTA DEL VISTO PASSERANNO MESI PERCHE' DOVRAI COMPLETARE IL VERSAMENTO DEI R$150000 SUL CONTO DELLA SOCIETA' .

    • in base alle vostre esperienze dirette, avete da consigliarmi un contador bravo e affidabile a Salvador per l'apertura di una società di appalti di servizi, senza dipendenti, nella fascia di fatturato 1-5 milioni di reali?

  4. il consolato italiano a salvador ha dato prova innumerevolti volte a danno di moltissime persone di incapacita' …traduzioni che in realta'non poi non servivano…documentazione da produrre che non era necessaria…quindi informatevi bene anche presso altri organi competenti…

    • il problema è proprio questo miki ossia che il vice consolato onorario di Salvador non ha nessuna competenza ma al massimo, in alcune occasioni, può fare da passacarte con il consolato italiano di Rio de Janeiro, dal quale dipende lo stato di Bahia come competenza territoriale.
      Ci sono passato per esperienza diretta con il visto per l'Italia di mia moglie: mi hanno fatto spendere l'ira di Dio inutilmente con medici e polizze assicurative e perdere un mare di tempo a causa della loro totale incompetenza per produrre una serie di documenti inutili. Ricordo che addirittura mi sono recato personalmente anche alla Farnesina a Roma per reclamare e chiedere lumi sul comportamento di tale struttura la quale, comunque, si spende come emanazione del ministero degli esteri italiano e mi è stato risposto che avrebbero provveduto a verificare. Trattandosi di una struttura solo onoraria non sarebbe alle dirette dipendenze del ministero degli esteri italiano pertanto non è tenuta ad assicurare un livello di servizi e ad essere aggiornata sulle direttive del ministero. Poi non ho saputo più nulla.
      Diciamo che Casa d'Italia di Salvador è utile solo per fare la tessera che da diritto a sconti per le prestazioni mediche presso l'ospedale Sao Raphael. Per il resto è solo una perdita di tempo.

  5. Marcofalco,mi diresti per cortesia ,visto che ci sei passato, 2 cose: io sposato regolarmente con brasiliana qui a Salvador dove vivo(non iscritto Aire )cosa faccio per legalizzare,tradurre e trascrivere in Italia o casamento senza incubi viceconsolari? spero non dover andare a Rio! grazie

    • Per prima cosa devo correggere una errata informazione che ho dato qui sopra. Dal sito della Farnesina ho appreso solo adesso che, dal 1 maggio 2012, è vigente una nuova ripartizione delle circoscrizioni consolari all’interno della rete consolare italiana in Brasile.
      Per quanto riguarda il Consolato di Recife gli stati dell’Amazonas, Parà, Amapà e Roraima sono passati di competenza all’Ambasciata d’Italia a Brasilia e lo stato di Bahia è passato alla circoscrizione del Consolato a Recife.
      Conseguentemente tutti i residenti negli stati dell’Amazonas, Parà, Amapà e Roraima devono, da quella data, indirizzare le loro richieste di servizi consolari direttamente all’Ambasciata d’Italia a Brasilia ed alla sua rete di uffici periferici (Vice Consolati onorari, Agenzie Consolari, ecc.), i cui recapiti si trovano sul sito: http://www.ambbrasilia.esteri.it.
      Quindi gli italiani residenti nello Stato di Bahia (Salvador) devono rivolgersi al Consolato di Recife (NON più Rio de Janeiro) tramite:
      Cons. Onorario Giovanni Pisanu (Casa d'Italia)
      Avenida Sete de Setembro, 1238 – 40080-001 Salvador (BA)
      Tel.: (71) – 3329.5338
      Fax.: (71) – 3329.3591
      E-mail: consuladodaitalia@br.inter.net

      Per quanto attiene lo specifico caso dell'Anonimo amico qui sopra devo dirti che il tuo caso è opposto al mio in quanto io mi sono sposato in Italia. Per il tuo caso o ti fai una passeggiata a Recife con tua moglie oppure (dopo un propiziatorio segno della croce) ti fai tramitare la pratica dal console onorario di Salvador.
      Trovi TUTTE le informazioni dettagliate di cui hai bisogno per la tua pratica a questo link:
      http://www.consrecife.esteri.it/NR/rdonlyres/B2C0547A-BB2C-4145-B8BE-92A6FEEA6E8E/13499/Trascrizionematrimoniononresidenti.pdf

      Stampa le istruzioni e seguile attentamente e non potrai sbagliare. Se del caso sbattile in faccia all'impiegata di Salvador caso ti sollevi eccezioni sui documenti o ti crei altri problemi.
      ciao
      Marco

    • Come tradutor juramentado a Salvador ti consiglio tranquillamente questa io mi sono trovato sempre bene) che è accreditata anche al consolato italiano:
      Eugenia Maria GALEFFI
      Tel.: (71) 3335-5945 – Cel.: 8711-5945 e-mail: eugalef@ufba.br
      Rua Almirante Barroso, 312 ap.401-E – Rio Vermelho
      41950-350 – Salvador

  6. Ciao, ho seguito il discorso e vorrei anch'io alcune informazioni: sono italiana residente in Italia e vorrei capire se si può aprire una società in Brasile, prevelantemente per gestire un sito di ecommerce,se potete pfv indicarmi dei link vado a leggere… vorrei anche prendere in analisi la possibilità di trasferirmi con un'attività di produzione di beni che ritengo buona per quel tipo di mercato e gradirei, se le avete, le indicazioni necessarie… grazie a tutti quelli che mi daranno un aiuto

    • Cara amica

      in questo blog si parla spessissimo di questo ,incluso il post a cui fanno riferimento questi commenti .
      Capisco le tue perplessità ma sappi che è legalmente possibile costituire una Società in Brasile , devi aver un socio brasiliano ed un Amministratore brasiliano oltre che un ottimo commercialista .
      Se , oltre alla Società desideri anche ottenere il visto permanente per lavorare e restare a tuo piacimento in Brasile devi investire almeno R$150 000 .

  7. Buonasera,
    ho letto con molta attenzione il discorso e credo di aver bisogno di chiedere una cosa.
    L'ottobre scorso ho fatto un pedido per riuscire a ottenere il visto de trabalho ma ahime non è andata a buon fine.
    Adesso mi è capitata un'occasione. Un mio amico ha una società (a San Paolo) e vorrebbe inserimi in questa società (con CPNJ, già esistente da 7 anni). La società vale 200000R$ e io ne farei parte portando una quota minima.
    È possibile farne parte? Quali sono le procedure da adottare? È possibile richiedere il CPF come turista?
    Spero mi sappiate aiutare.
    Grazie in anticipo.
    Francesco

    • Ciao Francesco

      puoi fare parte della Società , ma sarai solo un socio investitore senza diritto al visto ne temporaneo da lavoro ne permanente come investitore .
      Il CPF è concesso a tutti , basta il solo passaporto . Recati presso una Agenzia del Correio ( Poste ) e ti spiegheranno come farlo in 1 gg .

    • Quindi pur facendo una società non avrei diritto al visto… che strano, perche teoricamente dovrei lavorare li con lui, giusto?
      Non c'è un modo per chiedere il visto in virtù della società?

    • Francesco

      l'errore è proprio questo : tu NON puoi lavorare legalmente in Brasile se non hai il visto.Acquistare una piccola parte della società del tuo amico non ti da alcun diritto se non quello di dividere gli utili a fine anno . Per chiedere il visto con la società DEVI entrare con un capitale di R$ 150 000 come già detto più volte sul blog .

    • Un additivo al contratto sociale può contenere diverse modifiche come ad esempio uscita di un socio , ingresso di un nuovo socio , cambio delle quote sociali , cambio amministratore. ecc .
      Comunque è il tuo commercialista ad avere l'ultima parola in proposito .

  8. buon giorno vorrei costituire una società a san Paolo Brasile è vero che non serve versare il capitale sociale come una s.r.l. italiana ? e quali sono i costi vivi di costituzione per rendere la stessa operativa considerando di avere già delle persone in loco che potranno gestirla?
    Grazie

  9. Buongiorno, una domanda: il capitale di 150.000 R$ è da intendersi per ogni socio lavoratore facente parte della società? nell' ipotesi dunque che vi fosse 1 socio brasiliano + 2 soci italiani il totale sarebbe 300.000 R$? e nel caso caso che vi fossero ulteriri soci investitori italiani sono necessari ulteriri versamenti sul capitali sociale? grazie per l'attezione

    • L'investimento di R$ 150 000 è individuale . Ogni socio che intenda acquisire il diritto a richiedere il visto permanente deve soddisfare questo obbligo . Se non si intende richiedere il visto la quota associativa può essere inferiore .

  10. in caso di nomina di un' amministratore 1% in immobiliare ltda questo avrà potere di prelievi dal conto corrente? mi sono stati raccontati casi in cui l' amministratore prosciuga il conto in maniera legale visto che ha tutti i poteri per farlo offerti dalla banca.grazie

    • L'amministratore di un società LTDA brasiliana ha gli stessi poteri dell'amministratore di una Srl o altra società in Italia . Tra questi il potere di prelievo sul conto corrente della società . Nessuna banca brasiliana apre il conto se si pongono limiti a questo specifico potere dell'amministratore .

      Per questo motivo l'amministratore deve essere una persona di fiducia o legato ad una organizzazione di rinomata serietà .Nel caso specifico del visto per investimento parliamo comunque di importi limitati : R$ 150 000 e nessuna organizzazione contabile metterebbe a repentaglio la propria reputazione per una "inezia " simile .

  11. Grazie per la risposta un' ultima cosa….se l' amministratore prosciuga il conto si sporca solo la reputazione o è punibile per legge visto che ha fatto i propri interessi e non quelli dalla società? insomma se l' amministratore svuota tutto la somma è recuperabile o l'investitore perde tutto
    grazie

  12. Cosa succede se l' amministratore si rifiuta di firmare l' additivo a favore del socio investitore dopo che questo riceve il visto?

    • L'amministratore non socio è destituito dalla assemblea dei soci e non è affatto richiesto il suo consenso .
      Nel caso sia socio dipende dalla quota che possiede . Generalmente l'amministratore residente ha una quota minoritaria e quindi anche in questo caso , pur opponendosi ,può essere dimesso .

  13. Buongiorno, MI chiamo Antonio sto per aprire una società ltda in san paolo. Come possono alcuni investitori italiani interessati al mio progetto finanziare e quindi investire sulla mia società brasiliana?
    Vorrei capire come posso dare giustificativa che i loro soldi siano realmente investiti nella mia ragione sociale e che tipo di tassazione esistente devono affrontare o che tipo di documentazione necessitano? dovrò inserirlo nello statuto? dovranno partecipare alle riunioni? possono delegare essendo in italia?
    grazie anticipatamente

  14. salve,vorrei sapere se rilevando una società(sarebbe un ristorante gia' avviato) con un socio brasiliano ma non avendo il visto permanente se sono tutelato al 100% in caso di eventuali attriti.
    grazie anticipatamente

    • Anonimo

      non fare società con soci brasiliani è una regola generale per noi gringo . Se poi , come nel tuo caso , non hai nemmeno il visto e quindi operi come turista è come se stessi regalando soldi al tuo "socio " . Possibile che noi italiani siamo tanto ingenui ? .

      • Non credo mi pentiro’ mai di aver scelto l’investimento finanziario come fonte di rendita qui in Brasile; Zero costi bancari, zero costi di intermediazione e soprattutto niente persona fisica come controparte o socio, ma solo istituzioni finanziarie ( solo in minima parte corporative) regolamentate da Banco Centrale e protette dal Fondo Garantidor de Credito fino a 250k per CPF e Ist. Finanziario;
        Il tutto gestito personalmente da casa e regolarmente registrato presso la CETIP(https://pt.wikipedia.org/wiki/CETIP)

        Carmine.

          • Gentile Undo, vorrei chiarire che, l’investimento immobiliario e terreni, sono un OTTIMO investimento, per chi ne capisce e ha tempo, voglia da dedicarci;
            Purtroppo, non va bene per il mio profilo poiché una compra vendita, richiede molto tempo, molta attenzione nella documentazione(che non sempre è in regola) , tanta fiducia nell’intermediario o socio(persona fisica) e spese varie;
            Insomma, nonostante sia un OTTIMO investimento, crisi o non crisi, si possono perdere tempo,salute(intesa come rabbia e incazzature) e soldi ;
            Nella Renda Fixa + Tesoro Direto, una compra vendita è realizzata in 1-3 gg al massimo( 3gg per il Tesoro Direto), senza problemi, tutto registrato, senza intermediazione di persone fisiche e zero spese(per chi lo sa fare in autonomia on line);
            E’ un investimento destinato a investitori con un profilo di rischio MOLTO BASSO, per cui, eventuali perdite, si avrebbero solo in caso di “cataclisma” finanziario.

            Carmine.

        • Si hai fatto bene, peccato che però la rendita finanziaria stia scendendo rapidamente (fino a quanto/quando?) e per chi ha investito anni fa resta la pesante svalutazione sul capitale duvuta al cambio (2,30-3,70= -61% in 6 anni).

          • Dipende da come , dove e quando si investe;
            Anche in questo settore entrano in gioco scelte soggettive, dettate anche dalla conoscenza o meno degli strumenti finanziari e dalla propensione al rischio, insomma, dal profilo dell’investitore;
            In media questo Paese paga interessi molto alti, tali da compensare anche una eventuale svalutazione;
            Come dice sempre Antonio, la media è del 10% netto all’anno:
            Bisogna considerare che gli interessi sono composti, quindi piu’ lungo è il periodo dell’investimento, maggiore è il rendimento;
            In pratica, in 6 anni, il capitale ben investito puo’ anche raddoppiare;
            Dipende dalla propria educazione finanziaria;
            Il residente che vive permanentemente in Brasile, investe principalmente nel debito interno, in reais, non valuta straniera, per cui il cosiddetto DEFAULT non esiste in modo diretto;
            Le riserve in dollari del Brasile, se non mi inganno, sono superiori al debito estero, è ricco di risorse naturali, è sovrano della propria moneta e forse, prprio per questi fattori, che con questo caos politico, disorganizzazione, violenza ecc.. , non si è ancora disintegrato.
            Il discorso è lungo, ma mi fermo qui.

            Carmine.

          • Bradesco nella sua nota di Aprile 2017 prevede un cambio nel 2018 a 4 Reais (++) per 1 Euro. Stiamo a vedere e, quelli che possono, si preparino a “monetizzare”……

  15. vorrei aprire societa di mediazione o agenzia, ho visto permanente e cugino residente che mi fa da socio la capitalizzazione è necessaria e quanto tempo passa da quando costituiamo la societa.
    posso aprire in una zona e poi girare per altri stati.
    cordiali saluti Giampiero

  16. Gentile Undo, vorrei chiarire che, l’investimento immobiliario e terreni, sono un OTTIMO investimento, per chi ne capisce e ha tempo, voglia da dedicarci;
    Purtroppo, non va bene per il mio profilo poiché una compra vendita, richiede molto tempo, molta attenzione nella documentazione(che non sempre è in regola) , tanta fiducia nell’intermediario o socio(persona fisica) e spese varie;

    A Carmine… hai citato 4 variabili di cui se anche te ne sballa una sei fritto… e lo chiami OTTIMO investrimento? posa il fiasco, da retta.

    • @fagiano e @Anonimo/Carmine. prima dall’Italia, 1988 – 2007 e poi come residente in Brasile dal 2008 che investo in piccoli lotti di terreni ed in piccoli appartamenti residenziali su pianta. dopo le prime “fregature” mi sono fatto assistere da uno studio legale internazionale per tutte le precauzioni pre e post investimento. i titoli di Stato non sono investimenti….e NON sono a rischio ZERO bensì sono speculazioni condivisibili e a rischio “MODERATO”.

    • Per @fagiano: ho scritto per “chi se ne intende” , ma proprio perche’ non me ne intendo, è rischioso per “me”, per i 4 motivi che ho citato;
      Per @Undo :Chi fa speculazione, non fa un investimento vero e proprio, perché ha l’intenzione di trarre profitto a breve termine, anche su un investimento a lungo termine ;
      la speculazione , si puo’ fare su tutto (ne vedo fare anche sugli immobili), ma è piu’ rischiosa dell’investimento stesso, per il TIMING, ovvero, momento di entrata ed uscita dall’investimento;
      se si sbaglia il TIMING, ci si puo’ far davvero male;
      chiaramente anche sui titoli di stato (investimento finanziario piu’ sicuro per i residenti) c’è rischio di perdere se non si sa investire, es: non rispettare le scadenze sui PRE e IPCA( speculazione)!!
      Comunque, non volevo far nascere una polemica, personalmente investo solo su cose di cui ne capisco rischi e vantaggi, le chiacchiere le lascio agli altri.
      C’è molta gente che ha la presunzione di sapere, e forse è proprio quella che puntualmente perde soldi e non sa far altro che polemizzare con gli altri.
      Finora, con la Renda Fixa e T.D., non ho perso nemmeno un centesimo, anzi, mi sono creato una bella posizione in modo del tutto autonomo, senza invidiare nulla a nessuno.

      Carmine.

      p.s.: scusate eventuali errori , ma ho difficolta’ a postare.

      • allora le chiamo “primavere” e non speculazioni. i quattrini in tasca (banca) non faticati e faticati (non a rischio e a rischio) sono un’ottima cosa ma sono sempre secondari sia alla salute che alla felicità di vivere circondato da affetti sinceri. spero che su questa affermazione tu sia d’accordo. ciao.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here