Home costo della vita Italia : il paese del futuro !

Italia : il paese del futuro !

11
1
CONDIVIDI
Per anni ci hanno ripetuto che in Italia il costo del lavoro era alto , che ci voleva flessibilità . Furono così inventati il lavoro part time , quello a progetto , le collaborazioni , ecc . Il lavoro da solo è sparito . E’ sempre accompagnato da un aggettivo inquietante . Poi recentemente ci hanno detto che il posto fisso è noioso e che è bene che i giovani , ma anche i meno giovani , cerchino lavoro fuori dell’Italia . Tutto bene . Molti si sono sacrificati .E per quelli che restano e non sono protetti da qualche “corazza  politica ” cosa resta ? Lo leggete nello sconcertante articolo tratto dal Corriere di oggi .

A Grottaminarda, paese di confine tra la provincia di Avellino e quella di Foggia, la Guardia di Finanza ha scoperto un call center che operava per conto delle più importanti società telefoniche italiane, dove i dipendenti erano pagati meno di due euro all’ora. E per la maggior parte anche in nero.
I pochissimi contrattualizzati, con contratti a progetto che però di progettuale non avevano nulla, guadagnavano la stessa cifra dei loro colleghi. La differenza stava solo nell’aver firmato un contratto che teoricamente prevedeva un compenso più alto, ma che per i gestori del call center non era altro che carta straccia.

Una situazione estrema che va oltre qualsiasi opacità emersa finora nella conduzione – pur molto discussa – di queste strutture dove si lavora per aziende importanti e in molti casi anche ricche senza però alcun rapporto diretto. Lo scenario che gli investigatori si sono trovati davanti mano a mano che raccoglievano testimonianze e altri elementi utili alle indagini è apparso sempre più desolante. Tra gli operatori del call center c’erano giovani laureati, ma anche persone adulte reduci dalla perdita di precedenti posti di lavoro. Oppure donne senza alcuna tutela per la loro condizione di madri.

Tutti inchiodati per nove ore al giorno in un piccolo box con un telefono in mano e il compito di promuovere offerte commerciali di questo o quel gestore telefonico. Chi non portava risultati era fuori in un minuto, e veniva sostituito senza difficoltà; chi al contrario riusciva a piazzare qualche contratto si vedeva consegnare a fine mese una paga di 120 euro, a fronte dei 653 netti pattuiti.

Anche la gestione contabile era in sintonia con la totale violazione di qualsiasi legge e regolamento. I finanzieri del Comando provinciale di Avellino, e in particolare quelli della Tenenza di Ariano Irpino, hanno accertato che la titolare del call center, una trentacinquenne che in un colpo solo ha accumulato una lunghissima serie di denunce, era riuscita finora a evadere completamente il fisco. Le cifre venute fuori dagli accertamenti sono notevoli: almeno 114 mila euro non dichiarati. Una evasione che, insieme con le violazioni nei confronti dei lavoratori, verrà a costare alla titolare della struttura una sanzione di 213.500 euro già emessa dalla Guardia di Finanza. Ma altre se ne aggiungeranno certamente dopo che i documenti contabili saranno esaminati dagli ispettori dell’Agenzia delle Entrate e dei vari enti previdenziali.

CONDIVIDI

1 commento

  1. Il destino del Paese è segnato. Il fallimento economico, nascosto sotto il tappeto della diminuzione dello spread, è inevitabile. Le imprese chiudono o fuggono all'estero. Le tasse sui redditi di impresa si stanno prosciugando. La moltitudine di nuovi disoccupati non paga più l'Irpef. La bolla italiana si alimenta di Grandi Opere attraverso il trucco contabile del project financing che crea un pò di lavoro fittizio finanziato dallo Stato. "Scava una buca, riempi una buca, racconta in giro che è indispensabile"….. e monti vede la luce in fondo al tunnel …. ma se lui non c'è mai entrato come fa a saperlo?!! lo chiedesse ai "lavoratori" di questi call center se vedono la luce o se vedono il buio totale senza speranza che c'è in Italia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here