Home costo della vita Trasferirsi in Brasile : ne vale ancora la pena ?

Trasferirsi in Brasile : ne vale ancora la pena ?

32
20
CONDIVIDI

Iniziamo l’anno 2013 con un post  dal titolo provocatorio ma decisamente  attuale .In passato ho pubblicato  due articoli  in cui ho spiegato i motivi per cui conveniva trasferirsi in Brasile . Il primo nel 2009   ed il secondo di conferma  nel  2010  . Molte di quelle motivazioni sono valide ancora oggi , alcune un po meno .Vediamole analizzando il testo originale del 2009 



1) Non lasciate niente alle vostre spalle , solo problemi ed un incerto futuro . Oramai in Italia il lavoro è finito , anche quello squalificato . Quello qualificato , che dava piacere oltre alla indipendenza economica , come dovrebbe essere il vero lavoro era già finito da tempo .Dunque niente rimpianti .

2) Difficilmente in futuro il cambio sarà più favorevole . Il valore max raggiunto durante la prima elezione di Lula è stato 4 ma tutta l’America Latina sembrava sull’orlo della bancarotta . L’Argentina era appena fallita , in Venezuela c’era stato il colpo di Stato che aveva deposto il presidente Chaves ed in Brasile , per la prima volta sembrava che l’eterno secondo Luiz Inacio Lula da Silva del temuto Partito dei Lavoratori potesse prendere il potere .

Le cose sono andate poi come sappiamo : l’Argentina ha rinegoziato il suo debito , Chaves è rientrato trionfalmente a Caracas ed è stato rieletto , Lula è effettivemente diventato il nuovo presidente del Brasile , ma , contrariamente ai timori degli economisti , sotto di lui il Brasile ha prosperato come non mai . E’ stato indubbiamente fortunato perche , grazie alla apertura del mercato alla Cina , c’è stata una enorme richiesta di materia prima di cui il Brasile è principale esportatore : soia , minerale di ferro , succo d’arancia , caffè , zucchero .

3) Il costo della vita è ancora relativamente basso . Si vive tranquillamente con 1000 euro al mese e poichè siete sempre in vacanza non spenderete più una cifra per andare al mare una volta l’anno .

4) Gli interessi sui BOT brasiliani , benchè si siano ridotti di molto , sfiorano ad oggi il 10% netto .

5) Il clima è eccellente ( Almeno al nordest ) il che si traduce in una drastica riduzione dei costi per riscaldamento e vestiario .Bermuda , polo e infradito per tutto l’anno ! E poi i brasiliani sono cordiali e disponibili . L’ età media in Brasile è di 28 anni contro i 43 dell’Italia . E non dimentichiamoci della musica , del cibo eccellente e … delle donne .

Partiamo dal primo punto che definirei quanto meno ” profetico ” di quello che poi è successo nei tre anni seguenti . C’è qualcuno che possa negare la validità di questa motivazione ? Io direi piuttosto che ,dovendo dare un peso ai vari argomenti ,  questo è chiaramente aumentato . Negli ultimi anni , come ho avuto modo di spiegare in un altro articolo il Brasile si è trasformato da meta di turismo a meta di ricerca di lavoro o quantomeno di una nuova vita . 

Il secondo punto , anch’esso ” profetico” , nel senso che al momento dell’articolo il cambio era poco meno di 3 e  da allora NON è mai stato superiore , anzi è sceso sino a  2,18 . Oggi siamo nuovamente a valori superiori a 2,7  che è un valore decisamente interessante . 

Il terzo ed il quarto punto , che riflettevano una situazione economica in crescita si sono invece profondamente modificati .
Partiamo dal terzo: in questi tre anni l’economia brasiliana , contrariamente a quello che è successo in Europa , si è espansa a ritmi elevati benché inferiori a quelli degli altri paesi dei BRICS e questo ha comportato un aumento del benessere generale ma anche un inevitabile aumento del costo di prodotti di prima necessità . Molti prodotti , soprattutto quelli del settore della tecnologia sono diminuiti di prezzo ma i prodotti alimentari al contrario sono diventati più cari e soprattutto il prezzo dei servizi . Pertanto una  famiglia di 4 persone che pretenda di vivere qui al nordeste con un livello di vita europeo non spende meno dell’equivalente di  2000 euro al mese o forse più .

Per quanto riguarda il quarto punto : i rendimenti dei titoli di stato , possiamo dire addio al 10% netto , oramai siamo al 6%  ed in discesa . La causa di ciò è nella caduta dei tassi di interesse , riduzione voluta per dare maggiore impulso alla economia stimolando i consumi interni .
Questo processo è iniziato con il governo della Presidente Dilma e proseguirà anche durante quest’anno .  Lo stimolo dei consumi interni appare al momento la via più rapida per contrastare la crisi negli altri continenti . Chiaramente sarebbe meglio investire in infrastrutture ( Strade , ferrovie , porti ed aeroporti ) che realmente renderebbero più competitive le merci brasiliane . Questo sembra essere nei piani futuri del governo .
La  riduzione dei tassi , accompagnata da una facilità di credito e da una forte pubblicità dei mezzi di comunicazione deve consentire , nei piani del governo , di evitare la perdita di posti di lavoro ed il mantenimento del livello di benessere ottenuto sinora in attesa che migliorino le condizioni esterne . Al momento le cose sembrano andare effettivamente così anche se l’indebitamento delle famiglie sta lentamente crescendo .

Questo nuovo scenario fa definitivamente crollare la possibilità di pensare di vivere di pura rendita finanziaria essendo il rendimento molto prossimo al valore della inflazione . Diventa pertanto indispensabile per chi voglia stabilirsi in Brasile investire in una attività il cui rendimento sia direttamente agganciato al costo della vita . 

Tornando alla domanda iniziale se valga ancora la pena trasferirsi in Brasile la risposta è sicuramente positiva per coloro che vivono in quelle nazioni europee la cui ripresa è ancora di la da venire ( Grecia , Spagna , Portogallo , Italia ) ma con una attenzione ai costi del processo di ” integrazione ” nella economia brasiliana . Non si può più pensare di trasferirsi in Brasile  senza avere un capitale minimo per iniziare una propria attività e conseguire il visto permanente .

Tutti naturalmente sono liberi di sognare un approccio diverso ma la realtà nel 90% dei casi è differente . 

Booking.com

20 Commenti

  1. Grande Antonio, è con questi articoli che dimostri di non essere di parte e che riesci sempre a centrare in pieno i vari problemi o quesiti e le le loro soluzioni.
    Andrea

  2. Ciaoo Antonio come sempre ottima analisi, ma forse ti sei dimenticato di alcune cosa che io reputo sicuramente molto interessanti!!!
    1. la Violenza – il divario sociale anche se si sta assottigliando è sempre enorme e purtroppo noi "gringo" siamo sempre i loro bersagli preferiti.
    2. E' vero che il Brasile sta crescendo, ma è un finto benessere in quanto
    ormai si paga tutto a rate non di rado si vedono case fatiscenti con il televisore al Plasma di ultima generazione (e non so fino a quando sarà possibile una cosa del genere!!!)
    3. Il professionista Brasiliano purtroppo non è ancora preparato al cambiamento che sta effettuando il Paese, quindi ci ritroveremo Direttori di Banca, Commercialisti ecc.. rimanere basiti di fronte alle più semplici domande (il Direttore della mia Banca ITAU non sapeva cosa fosse il codice SWIFT)!!!
    4. Per il resto ottima analisi anche se bisogna cmq menzionare il Plano de Saude le scuole private per i figli… ecc.. una famiglia di 4 persone per vivere bene attualmente deve guadagnare 3000 euro!!!
    Ciaooo Fabio

    • Ciao Fabio

      quello del costo della vita è sempre un punto controverso . C'è sempre qualcuno che spende di più e qualcuno che spende di meno . Tutto sta nel significato della parola " bene" e come si sa la sensazione di benessere è fortemente soggettiva .

      Per esempio io NON ho nè plano di saude ( Uso il SUS e qualche volta pago direttamente ) nè pago l'assicurazione per l'auto ( Pago solo il DPVAT obbligatorio ). Possiamo dire che per questo vivo male ?

      Chi vive in appartamento paga il condominio , che come nel mio caso supera i R$700 al mese ma chi abita in una casa NON paga nulla .Le stesse scuole private possono costare R$250 o R$ 1000 al mese e non è detto che questo si rifletta sulla qualità della educazione .

      Comunque , senza voler strafare posso garantirti che con una famiglia di 4 persone qui al Nordeste puoi vivere " bene " con R$ 5500 al mese . Se non ce la fai pensa che il tuo vicino ne guadagna poco più di mille ed ha tre figli da mantenere .

      Felice 2013 !

    • Ciaoo Antonio, io mi riferivo a tutte quelle persone che vorrebbero vivere in Brasile, conservando lo Standard Europeo…. Conosco abbastanza il Brasile soprattutto il nord est e anche li ci sono delle disparità enormi… città come Fortaleza e Salvador hanno prezzi completamente differenti..
      Se poi non hai il plano de Saude e nn paghi l'assicurazione sicuramente non sei coperto come in Europa..
      Sulla qualità dell'educazione lasciamo perdere, la scuola ha ancora troppe lacune sia a 250 che a 1000 reais.

      Il mio vicino vive con 1000 reais ma lui è Brasiliano e abituato a vivere così… io sono Europeo abituato in maniera diversa e per garantirmi quel minimo di sicurezza stabilità e efficenza purtroppo devo pagare.

      E' cmq è una mia considerazione poi qualcuno potrebbe vivere a 300 reais al mese con una capanna sulla spiaggia a jericoacoara. 🙂

      Xauuuuu
      Feliz 2013!!!

      Fabio

      Fabio

    • Ciao Fabio

      ti ringrazio della tua osservazione perchè mi da la possibilità di chiarire alcuni punti :

      se ritardo due ore per pubblicare una risposta non è perchè non mi è piaciuta ma perchè oltre al Blog che gestisco gratuitamente devo fare qualcosa d'altro durante la giornata per pagare le bollette . Sono certo che se mettessi un pulsante di Donazione o collocassi la pubblicità Google o altro raccogliere qualcosa a fine mese ma non mi piace .

      Questo è anche uno dei motivi per cui , nonostante tante sollecitazioni , non scrivo un manuale su " Vivereinbrasile " . Quale sarebbe lo scopo ? Tutte le info sono pubblicate in tempo reale ed aggiornate sul Blog . Un manuale diventerebbe obsoleto in pochi mesi e servirebbe solo a guadagnare qualche spicciolo oltre a soddisfare l'ego personale. Non mi piace , io preferisco confrontarmi quotidianamente con i lettori sulle pagine del Blog .

      Infine se qualcuno non vedesse un suo commento pubblicato può stare certo che il motivo è nel fatto che sta offendendo qualcuno o sta usando un linguaggio improprio . Questo sia chiaro è mia totale responsabilità come amministratore del Blog .

    • Condivido tutti i dubbi espressi da Fabio…
      Antonio non hai parlato della violenza e sulla difficoltà di uscire di casa dopo una certa ora…Saluti
      Felice

    • Caro Felice

      io come amministratore del Blog dal 2009 e residente il Brasile dal 2004 ho affrontato e discusso questo problema sino alla nausea così come tanti altri .Preferisco che voi riportiate le vostre personali esperienze di violenza subite in Brasile , io purtroppo non ne ho !

      Quando capita qualcosa a qualche gringo in Brasile sia esso italiano che spagnolo o di altra nazionalità lo pubblico sempre . Purtroppo non posso inventarmi le cose .

      Uscire dopo una certa ora ? Dovresti precisare l'ora , dove vai e come ci vai . Io di solito esco alle 21 per andare a cena e rientro intorno alle undici mezzanotte ed esco in auto .Mio figlio che è venuto a trovarmi 15 gg per il carnevale usciva da solo con il taxi alle 22 e rientrava alle 4 di mattina . Certo noi non andiamo a cercarci guai con la droga o con le prostitute come tanti connazionali … forse è a questo problema che ti riferivi ? Comunque posso garantirti che tra i nostri clienti di Natal ( turisti italiani , brasiliani e sudamericani ) nessuno si è mai lamentato di sentirsi insicuro ad uscire la sera .

      Che poi il problema esista in metropoli come Salvador , Fortaleza , ecc non è una ragione per fare di tutta l'erba un fascio .

    • Non ho capito se il Sig. Felice vive in Italia o in Brasile, e se come dice il Sig Antonio que compagnie frequenta.
      Intanto sono stato in Brasile tre volte per un totale di 6 mesi, e posso garantire che non ho mai avuto problemi, certovivendo correttamente, e sopratutto educatamente. Ho sempre trovato persone gentili pronte ad aiutare quando chiedevo informazioni fino ad accompagnarmi di persona quando dovevo cambiare onibus, darmi dei consigli dove dovevo stare attento, la prima volta scendendo da un taxi, mi e' caduto dalla tasca il portafoglio (ad Annapolis (Goiais) con l'aiuto del portire del condominio (non sapevo che pochissime parole di portoguese) che a telefonato alla centrale, dopo 10 mnuti il taxi e' tornato dove mi aveva lasciato, consegnandomi il portafoglio senza toccare 1centavos, e rifiutandosi anche di farsi pagare la corsa a vuoto. Un'altra volta in Salvador sempre in taxi, mi sono caduti gli occhiali (Ray-Ban), bene dopo circa un ora soto ritornato dove avevo preso il taxi, e per fortuna ho trovato il taxi e gli occhiali, anche qui, il taxista rifiutando qualunque mio gesto di ringraziamento. Certo poi succedono anche assalti e violenze varie, ma succedono solo in Brasile? IlSig Felice e mai stato a Napoli magari con un Rolex al polso? O passeggiando a milano torino roma etc? Comunque guardare un telegiornale in un giorno qualunque per verificare.
      Perche' il Sig Felice si lamenta che essendo europeo, e volendo vivere con lo stesso standard, si lamenta che "purtroppo" deve pagare? Qui in Italia riceve tutto gratis? Se si mi dica dove per favore.
      per finire, se si trova cosi male in Brasile, perche' ci torna spesso? Se e' piu felice inItalia, basta rimanerci,in questo paradiso di tasse, disservizi e stress anch per pagare.
      distinti saluti

  3. Salve a tutti, mi presento mi chiamo Max e sono un programmatore informatico. Mi piacerebbe avere un paio di consigli da voi che sicuramente ne sapete più di me su un'eventuale trasferimento a Rio. Qualche giorno fa ho ricevuto una proposta di lavoro per una società brasiliana, questo significa trasferirmi per un periodo di nn meno 2 anni. L'idea mi alletta molto, mi sono stufato di quello che succede in Italia e se penso al Brasile mi carico di nuova energia. ho letto diverse cose in giro sul web, ma nn ho ancora capito bene il discorso tasse. mi è stato offerto un lordo annuo ma nn so di preciso il tasso di interesse da applicare per ricavare l'effettivo netto…il carovita è sicuramente aumentato rispetto a qualche anno fa ma nn credo che possa raggiungerere i livelli italiani…tuttavia dovrò affitare un appartamento ma i prezzi per gli affitti sembrano come in italia… sbaglio? rimnago in attesa di un vostro gentile riscontro un saluto

    • Ciao Max

      lavorando in Brasile come persona fisica ( dipendente ) pagherai le tasse sul reddito come un brasiliano . Ci sono quattro fasce progressive per il 2013 :

      Tabela Progressiva para o cálculo mensal do Imposto sobre a Renda da Pessoa Física para o exercício de 2013, ano-calendário de 2012.

      Base mensal em R$ Alíquota % Parcela a deduzir do imposto em R$

      Até 1.637,11 esente 0

      De 1.637,12 até 2.453,50 7,5 122,78

      De 2.453,51 até 3.271,38 15,0 306,80

      De 3.271,39 até 4.087,65 22,5 552,15

      Acima de 4.087,65 27,5 756,53

    • Prima che qualcuno me lo chieda faccio un esempio per chiarire come si usa la tabella :

      supponiamo che Max guadagni R$ 10000 lordi al mese e viva da solo ( Esistono deduzioni per i familiari a carico )

      In questo caso rientra come salario nella fascia del 27,% e pertanto dovrebbe pagare R$ 2750 di tasse . Ma essendo la tassazione scaglionata ecco l'utilità del fattore correttivo ( Parcela a reduzir do Imposto de Renda ) che viene dedotta dai 2750 ottenendo la vera tassazione : R$ 1993,47 che corrisponde in media al 19,9%

      Spero di essere stato chiaro

  4. grazie mille davvero ottoaprile sei stato chiarissimo….quindi devo aspettarmi una tassazione del 20% più o meno…. speravo in qualcosa meno ma va bene lo stesso!nn appena avrò messo tutto a posto prenderò il volo per Rio…nn vedo l'ora sono veramente stanco di stare in Italia….ho bisogno di una nuova carica… gente nuova e posti nuovi per sentirmi vivo veramente….e credo che il Brasile sia il posto giusto adesso. In passato sono stato sempre per lavoro a San Paolo (trasferta )ma solo per pochi mesi e mi sono trovato bene nonostante la città che nn è il massimo….
    volevo chiederti se eventualmente avevi qualche dritta per una casa o appartamento a Rio…
    rimango in attesa di un tuo gentile riscontro
    a presto ciao

    • Ciao Max

      auguri per il lavoro . Non ho suggerimenti particolari per Rio è da tempo che non la frequento . Da quando, nel 2004 , per R$ 350 000 ho rifiutato acquistare una appartamento su Avenida Atlantica fronte oceano !!!

  5. Ottime riflessioni, ma io farei anche il punto sulla sanità che è molto importante. Sto pensando di trasferirmi davvero, un piccolo capitale c'è, spero di prendere la decisione giusta. Se vuoi completa l' articolo dettagliando di più il cambio e i costi della vita nelle varie regioni, visto che la vastità dello stato e grande e diversa come risorse. Cosa mi consiglieresti se volessi investire in Brasile? E in quale regione? Grazie mille ciao….

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here