Home lavoro Lo sciopero della Polizia Civile nel Rio Grande do Norte totalizza 62...

Lo sciopero della Polizia Civile nel Rio Grande do Norte totalizza 62 gg

44
34
CONDIVIDI

Mentre lo sciopero dei bancari totalizza 20 gg quello della Polizia Civile del Rio Grande do Norte supera i 62 gg . Non è un errore di battitura sono effettivamente sessantadue giorni . Pertanto tutte le investigazioni sono sospese ed è anche difficile realizzare un semplice BO ( Boletim de Ocorrencia ). 

Ancora un caso di incapacità del Governo di garantire ai cittadini un servizio essenziale . Attuale Governatore dello Stato è Rosalba Ciarlini .

Nesses 62 dias da greve da Polícia Civil, o Rio Grande do Norte já contabiliza 183 homicídios, uma média de três por dia, contando a partir do dia 6 de agosto até esta segunda-feira (7), sem que as investigações sejam encaminhadas.
Apesar da paralisação, as delegacias têm feito a abertura dos inquéritos, mas todos esses crimes não estão sendo investigados, porque não há equipes, de agentes e escrivães, à disposição dos delegados de Polícia Civil. 
O número de homicídios é do setor de Estatística da Secretaria de Segurança e Defesa Social (Sesed) que, por meio do Instituto Técnico-Científico de Polícia do Rio Grande do Norte (Itep-RN), publica diariamente os dados no seu site. 

Júnior SantosEste ano, o Itep já contabiliza 1.084 assassinatos no EstadoEste ano, o Itep já contabiliza 1.084 assassinatos no Estado



Ainda segundo os boletins, 2013 já conta com 1.084 assassinatos. Só neste último final de semana foram 16 mortes. Ontem, ocorreram mais duas mortes, uma delas dentro de uma escola municipal em José da Penha, zona Oeste do Estado. Os policiais civis já têm o maior movimento de greve de sua história. Hoje é o 62º dia de paralisações sem um acordo com o Governo do Estado. E não há nenhuma sinalização de que os dois lados se entendam, o que pode piorar ainda mais a situação da violência potiguar. 

Ontem o Sindicato dos Policiais Civis e Servidores da Segurança Pública do RN (Sinpol-RN) voltou à Governadoria para tentar mais uma rodada de negociações com a governadora Rosalba Ciarlini. Na semana passada, o Governo sinalizou que iria conversar com os sindicalistas, mas isso não aconteceu. Quem “ganha” com isso é a violência. “Hoje são 61 dias de greve e não houve mais contato por parte do Governo e estamos esperando isso. São 61 dias de greve e, sem investigações, o crime aumentando em todo o Estado”, afirmou ontem pela manhã o presidente do Sinpol, Djair Oliveira.

O sindicalista lembrou ainda que a greve mais longa até então havia acontecido em 2010, quando os policiais civis cruzaram os braços por 57 dias. O mais grave, como disse Oliveira, é o fato de as investigações brecarem com a paralisação dos agentes. Nesses 62 dias de paralisação, os locais de homicídios estão sendo vistos pelas equipes das delegacias de plantão, que colhem as primeiras informações e posteriormente encaminham os casos às DPs distritais. Contudo, quando chegam aos respectivos delegados, os inquéritos param.

Normalmente, com os policiais civis trabalhando, já tem sido difícil a conclusão do inquérito. De acordo com órgãos fiscalizadores da segurança pública estadual, em torno de 95% dos homicídios não são desvendados, por falta de provas técnicas. Um levantamento recente feito pelo Conselho Estadual de Direitos Humanos comprovou isso. 


Em 2012, dos 444 homicídios ocorridos só em Natal, somente 22 foram elucidados, um percentual de 4,95% do total. em equipe de investigação, a situação piora.

A delegada Ana Cláudia Saraiva, presidente da Associação de Delegados de Polícia Civil do RN (Adepol-RN) confirma a importância dos agentes para o prosseguimento dos inquéritos, que em dias de greve até são instaurados, mas não há andamento na investigação. 

“Gostaríamos que o Governo desse prosseguimento às negociações com os policiais civis porque o trabalho deles é de suma importância. Há um prejuízo para as investigações porque os delegados encaminham à justiça os inquéritos com o réu preso [casos de flagrante], mas nos demais casos [em que não se tem o culpado] as investigações ficam paradas”, explicou a delegada.

A reportagem da TRIBUNA DO NORTE também entrou em contato com o Ministério Público do RN para falar com o promotor criminal Leonardo Cartaxo sobre como a falta de policiais civis interfere nas investigações e operações do órgão. Porém, por meio da assessoria de imprensa, ele informou que “não tem interesse em falar sobre o assunto”. Nenhum outro promotor foi indicado para falar com a reportagem. A TN também tentou ouvir o titular da Degepol, Ricardo Sérgio, mas não obteve resposta. 

Fonte : Tribuna do Norte 

CONDIVIDI

34 Commenti

    • Se vuoi dire che ci sono molti ma molti più omicidi in Brasile che in Italia fai pure non è niente di nuovo . Vivendo qui mi sono però reso conto che la stragrande maggioranza degli omicidi sono regolamento di conto tra banditi ( Spesso giovanissimi ) generalmente per motivi di droga e spesso avvengono in aree ben delimitate . . Naturalmente un omicidio è sempre un omicidio anche se il morto è uno stupratore o un trafficante o un assassino . In Italia preferiamo metterli in galera .

    • Si,e' vero che la ,diciamo ,grande e non stragrande maggioranza degli omicidi in Brasile riguarda persone coinvolte in reati,ma e' anche vero che la risoluzionedi questi omicidi há um índice bassissimo e che quindi se ne deduce che in giro ,in Brasile ,ci sono moltissimni assassini in liberta'.
      Ed infatti non e' raro leggere di qualcuno che ha assassinato molte persone ,senza essere mai arrestato.
      Tutto questo non lascia molto tranquilli,non trovi?

      Sapere,come ho appena saputo,da una conoscente ,che li a Natal e' stata rapinata ter volte,e tutte le volte e'stata consigliata di stare zitta,per non essere magari uccisa, che un turista di San Paolo e' stato recentemente ucciso a sangue freddo dopo aver consegnato quello che il bandito chiedeva ,e in una zona turistica ,non e' rincuorante.

    • Ciao Benedetto , io non posso farci nulla se non ti senti sicuro .Non rinnego nulla di quello che hai detto ma forse leggi troppa cronaca nera . Io da quando vivo qui non ho nemmeno più l'assicurazione contro il furto dell'auto . In Italia mi hanno rubato la macchina tre volte in un anno , mi hanno rubato in casa e rapito ( NON rapinato ) ma rapito da due malviventi drogati che mi hanno aspettato nel parcheggio di casa . Qui vado in giro giorno e notte , con le ovvie precauzioni , e non mi è ancora accaduto nulla . Il prossimo anno sono 10 anni che sono residente in Brasile .

    • Forse leggo troppa cronaca nera?

      A parte che l'episodio del turista ucciso li a Natal non l'ho letto ,me lo hanno raccontato persone che erano li,ma non chapisco il senso della tua risposta.
      Mi sembra che tu voglia minimizzare i fatti.
      I fattisono che in Brasile e sopratutto nel Nordest,a Natal ne sapete qualcosa,la violenza e' dappertutto e a livelli impressionanti.
      Che tu ci dica che sono 10 anni che sei residente qui e non ti e' sucesso mai nulla non cambia lo stato delle cose.
      Io sono residente qui da 8 anni,e ho vissuto sia nel nordest sia a Rio de Janeiro.

      A Rio de Janeiro ,oltre che a sentire tutti i pomeriggi e le notti belle sparatorie nella favela imediatamente vicina a casa mia (quartiere bene,sotto il Cristo Redentore,) e a vedere pallottole traccianti solcare il cielo,ho ,nel raggio di due isoltai ,in 4 anni, visto rapinatore com um buco in testa,giustiziato da un segurança de rua,il mio cane há fiutato un cadavere chiuso in uma macchina,un segurança dela via dove abitavo e' stato assassinato (lui stesso pare fosse un killer a pagamento) La madre di un mio amico e' stata rapinata,in pieno giorno,davanti a decine di persone,poi picchiata a sangue e poi purê oggetto di colpi d'arma da fuoco.
      Questi gliepisodi piu' significativi.
      Nel nordest , in tre anni ne ho viste e sentite di tutti i colori, tanto che ho rimpianto Rio de Janeiro.
      Joao Pessoa ,citta' che tutti reputano tranquilla,e' un disastro.
      Hanno ammazzato un tizio a mezzo metro da me ,com 9 colpi di pistola,ma tu dici che leggo troppa cronaca nera?
      Sai,non parlare della realta' non cambia la realta'.

    • Benedetto , scusa la mia curiosità , ma dopo tutte queste disgrazie a cui hai assistito vivi ancora in Brasile ? Io sarei scappato via già da molto tempo e non sarei comunque tra i lettori di vivereinbrasile .

    • Quindi tu rimani in Brasile perche' non ti e' sucesso niente,e per lo stesso motivo ti senti tranquillo?
      Io ti racconto le mie esperienze perche' sono um po' stufo di sentire " a me non e' sucesso niente.."
      come se fosse l'esperienza personale a definire l'esperienza collettiva.
      Io non ho mai pensato che queste cose " succedono solo agli altri"
      Affronto la paura, e non faccio finta che vada tutto bene,o ,nel mio caso, tutto male ,solo perche' ho visto quello che ho visto

      Secondo me ogni brasiliano che vive in uma grande citta' há assistito a cose peggiori, e/o há tra i suoi conoscenti,amici e familiar persone morte tragicamente.

      Tu non ne conosci nessuno?

    • Non hai risposto alla domanda che ti ho fatto se vivi ancora in Brasile .

      Io sono tranquillo perchè seguo uno stile di vita che minimizza i rischi come ho ampiamente spiegato nel commento delle 20:04 . Di più non posso fare : la vita va vissuta non temuta .Vivere con la paura , anche se hai il coraggio di affrontarla , non è il massimo . SE fossi in questa situazione di stress estremo cambierei subito la mia situazione a qualsiasi costo .

      Infine tutti dobbiamo morire ma nonostante questa certezza ci curiamo e cerchiamo di condurre uno stile di vita quanto più sano possibile ( non tutti evidentemente ) Chi beve , fuma o si alimenta scorrettamente conosce il rischio che corre e se ne frega . Allo stesso modo possiamo ridurre il rischio di essere coinvolti in uno "spiacevole incidente "prendendo alcune precauzioni .

      Per quanto possa sembrarti strano nella mia cerchia di amicizie brasiliane ed italiane in Brasile gli unici morti sono morti per malattia. Non potrei mentire su una cosa del genere . Se poi ti riferisci ai casi visti in televisione su Brasil Urgente o trasmissioni terroristiche analoghe stendiamo un velo pietoso .

    • ciao,
      io sono andato almeno 10 volte in brasile e cumulando i mesi di permanenza,sono quasi 2 anni in tutto e non ho visto nulla di quello che dice benedetto anche se so che succede.ovviamente puo succedere ma non e cosi ovvio.a fortaleza,ho sempre girato in bus e a piedi e non mi e sucesso niente. conosco solo 1 persona che si e fatta rapinare a fortelaleza uscendo dallo studio di un avvocato ben vestito ecc…
      se si sta fuori da giri di droga,rapina,furti,pedofilia,e tutta sta schifezza,i rischi sono ne piu ne meno che a los angeles o un'altra grande citta del mondo.
      per il fatto che le autorita non risolvono i crimini tra questi delinquenti,secondo me,e una scelta nel senso che dicono che fino a che si amazzano tra di loro…va bene.e una scelta discutibile ma non mi permetto di giudicarla rispetto al nostro sistema europeo che quasi incentiva ad essere delinquente con fallimenti fraudolenti non puniti a gogo ecc..che rovinano la gente senza ammazarla ma il risultato finale e uguale perche sono omicidi morali.
      saluti
      francis

    • Affrontare la paura non significare vivere con la paura.
      Ed io non sono in una situazione di stress estremo.
      Diciamo che sono stressato come te,che dai una serie di consigli per minimizzare i rischi,ma dimentichi che le situazioni di rischio,in questo paese sono in qualsiasi posto e in qualsiasi momento.
      O a Natal non avvengono rapine a mano armate sugli autobus urbani,per esempio?
      O essere sulla spiaggia di Copacabana a Capodanno e essere colpiti da uma pallottola di fucile sparata in aria dai trafficanti due chilometri piu' in la' puo' essere evitato prendendo quale precauzione?
      Quella di non andare da nessuna parte,?
      Ma secondo te,io che vivo qui non le prendo le precauzioni basiche?
      Quello che voglio dire e' che qui in Brasile bisogna stare molto attenti e spesso neanche quello basta,perche' ,rispondendo alla tua domanda,quello che hanno ammazzato accanto a me stava passeggiando ed io ero fermo com la macchina ad um semáforo.
      Cha fosse coinvolto o meno con la droga,non lo so',certo non cambierebbe il fatto che la morte mi há sfiorato.

    • 100% d'accordo con Benedetto. Il punto e' che più si vive in Brasile più ci si "anestetizza" di fronte a notizie ed avvenimenti che da altre parti (Italia compresa checche se ne dica) sono quasi inimmaginabili . Dopo qualche anno tutto diventa routine quotidiana e non ci da più tanto peso…

    • Ecco,forse sono l'eccezione che conferma la regola.
      Qui sono tutti sotto anestesia,fina a quando si risvegliano tragicamente e si mettona a fare i mini cortei com la maglietta del loro caro assassinato.

  1. Sono stato assaltato e derubato 2 volte,una a Fortaleza ed una a Paracuru'. Sia mia moglie che io eravamo sempre vestiti "poveri" e senza oro,nemmeno la fede nuziale. Pure ci rimisi 2 vetri della VW Gol e sistema d'allarme piu' 2 serrature. Fortuna che almeno in una occasione in qualche modo ho potuto recuperare i miei documenti italiani. Manca soprattutto il senso di sicurezza quando si cammina o quando si viaggia in macchina di notte. Certamente che un turista e perdipiu' giovane,non pensa a queste cose. Sono stato spettatore di qualche assalto. Annosesto.

  2. Mi pare che il post sia chiaro sui dati della violenza pertanto non capisco il senso di certi interventi . Leggete il post per favore , è in portoghese , ma siamo residenti e conosciamo la lingua del paese o no ?

    Raccontare che in 10 anni di residente in Brasile non mi è capitano nulla non cambia lo stato delle cose è vero ma è una testimonianza valida quanto la tua , Benedetto o la tua Annosesto e pertanto va presa in considerazione .

    Lo stile di vita aiuta molto in questi casi , ovviamente non esclude le casualità della pallottola vagante o dell'assalto del balordo ma uscire tutte le notti , frequentare particolari locali o particolari persone ( Il 90 % , non è un dato inventato , degli omicidi è legata a fatti di droga ) , ostentare la propria ricchezza ( basta poco ) , cambiare frequentemente il partner , ecc aumenta la probabilità che possano accadere fatti spiacevoli .Non è una novità che la maggior parte degli incidenti di transito capitano la notte del venerdì e del sabato in concomitanza con l'abuso di bevande alcoliche . Altro elemento importantissimo è la scelta del quartiere dove vivere e della abitazione ( Casa o appartamento in condominio ) .
    .
    Tutto quello che ho sinteticamente riassunto vale ovviamente in qualsiasi paese dove di vive sia esso europeo che extraeuropeo . Provate a rispettare queste raccomandazioni e vedrete la differenza . Ogni volta che sentite parlare di un omicidio provate ad andare , se possibile , oltre al fatto brutale per capire le cause e chiedetevi se a potevate trovarvi voi in quelle circostanze . . Chiedo a Benedetto se ha saputo perchè il tizio è stato ucciso con 9 colpi di pistola . E' chiaro che non si tratta di un omicidio casuale o di una latrocinio ( rapina seguita da morte ) . Qui , come dappertutto nel mondo , esistono ambienti particolari dove sbagliare significa una sentenza di morte . Chi si arrischia in questi ambienti lo sa e rischia . volontariamente . Penso di aver espresso chiaramente il mio pensiero ..

  3. porque as pessoas que estao falando tao mal do brasil nao tornam para italia falida…engracado falar e facil quando nao tem nocao do que realmente acontece…exiatem sim assaltos.mortes etc.. isso acontece em grandes cidades o tempo todo….e comum outra coisa parem de passar uma imagem do brasil com um pais violento.ne ate parece que italia so tem santo.

    • E onde e como, querido anônimo,voce' percebe que estamos falando que so' existem santos na Itália?
      Sera' que falar a verdade e' falar mal?
      Se pensa assim,problema seu, porque voce' e' um ipocrita.

    • ha ragione questo anonimo.
      perche benedetto continua a scrivere qui in un blog chiamato "vivereinbrasile"?un po di critica ci sta bene ma sta esagerando perche ripeto che anche in altre citta del mondo tipo los angeles senti gli spari di notte.a Venice beach per esempio dove ho abitato un bel po di tempo.e ovvio che in brasile ci sono dei problemi ma ripeto che se si vive senza vizi ed eccessi,le probabilita di finire in guai come dice benedetto sono minime ma forse un po piu alte che in italia.bisogna anche vedere dove uno sta perche il brasile è 33 volte la superficie dell'italia e abbiamo l'abitudine di dimenticarlo.
      se ti fai i fatti tuoi e abiti a sao miguel do gostoso o ibiraquera per esempio,non ti succedera mai niente.e ovvio che se abiti sotto ad una favelas a rio,le probabilita aumentano.cerchiamo di essere costruttivi e confrontare mele con mele.
      ciao
      francis

    • Francis,forse tu leggi di corsa o dstrattamente i miei interventi,o forse dai alle parole um signifiicato diverso da quello vero.
      Io non ho fatto nessun confronto,ne' com l'Italia ne com nessun altro paese.
      Ho solo raccontato dei fatti.
      Raccontare la verita' adesso e' diventato criticare?

      In quanto all'anonimo che parla dell'Italia fallita,gli suggerisco di controllare la própria coda di paglia,che pare molto lunga,se continua com il luogo comune,come del resto fai anche tu,nel dire che queste cose succedono in tutte le grandi citta'.
      Io non ho mai scritto che non accadano in altri posti,in altri paesi,ma non com la frequenza alucinante che c'e' qui.
      Ti faccio um esempio,io ho vissuto nella Paraíba,che há poco piu' di tre milioni di abitanti.
      Ieri ,nella Paraíba ci sono stati almeno 10 omicidi.
      Riporta questo numero com la popolazione dell'Italia e dimmi se e' normale che in um giorno ,in italia ci siano 200 omicidi.
      Quindi io ho assolutamente ragione e non sto mentendo ne criticando ,ma solo dicendo la verita' quando affermo che il Brasile e' um paese molto pericoloso e quelli che pensano che farsi gli affari propri li metta al riparo da guai sono solo degli illusi.
      E non vedo perche non dovrei scrivere qui oppure non dovrei vivere in Brasile.

    • Amo il Brasile da prima ancora di averlo conosciuto e dopo che nel 2000 ci sono andato per la prima volta, ho subito capito che questo paese sarebbe stato la mia seconda patria;
      in questi anni ho fatto molti viaggi, ho perfezionato la lingua e sono entrato in stretto contatto con persone delle diverse classi sociali, che in comune avevano solo il fatto di non avere rapporti con turisti;
      oggi, per un puro caso, ho una compagna Brasiliana conosciuta in Italia con la quale condivido vita lavoro ed una figlia di 3 anni e mezzo. Spesso mi capita di pensare che se non avessi coltivato l' interesse per il Brasile, molto probabilmente oggi non passerei il mio tempo libero con in braccio 15 kg di felicità e gioia.
      Il Brasile mi affascina da sempre, viverci rimane per me un sogno ricorrente, la semplicità l' allegria delle persone la natura spesso ancora incontaminata, le spiagge l' oceano ed il vento che spettina continuamente gli alberi di coqueiro, l' immensità del paese delle sue risorse ed il pensiero di quanto ancora ci sia da fare mi attirano come una calamita.
      Ma la sicurezza in Brasile è un grande problema; con la crescita dell' economia il divario culturale tra le varie classi aumenta, è dagli strati sociali più degradati che arriva la delinquenza che spaventa di più, si può morire per un nonnulla, per mano di chiunque ed in qualsiasi momento, si può venire assaltati da un garoto pieno di droga che ti da una coltellata, anche dopo che gli hai consegnato tutti i tuoi soldi, solo perché ti ritiene più fortunato di lui. Grazie alle statistiche, possiamo fare il conto delle probabilità e confrontarlo con quello degli altri paesi, ma a riconoscere la faccia del matto di turno ed evitare di incontrarlo, le statistiche non possono aiutarci purtroppo.
      A ragione Antonio, quando dice che uno stile di vita attento aiuta, ma come faccio a vivere e sentirmi libero se devo continuamente guardarmi le spalle senza sapere da chi e da che cosa? Non si tratta di sicurezza, la sicurezza posso averla all' interno nel mio condominio, nella mia auto blindata nella mia guardia del corpo o nel revolver che mi porto in tasca, ma la libertà di andare dove voglio quando voglio e come voglio, a cui sono abituato da quando sono nato, posso scordarmela in Brasile.
      Da quando ho conosciuto la mia attuale compagna,lei mi ha sempre detto che una delle cose che più ama dell' Italia, è proprio questo, la libertà, di poter andare in ogni luogo in qualsiasi momento da sola con la sua auto e nostra figlia, senza dover preoccuparsi di guardarsi intorno scegliere il percorso l' orario e l' abito più sicuro,
      devo comunque riconoscere che solo da poco, ho realmente compreso il senso di queste sue parole.
      Dico tutto questo non perché mi è capitato qualcosa di brutto, anzi nei miei viaggi sono sempre stato da solo mi sono quasi sempre spostato a piedi, anche in quartieri poco sicuri e non mi è mai capitato nulla di spiacevole; lo dico perché l' ho letto nell' animo delle tante brave persone conosciute in questi anni.
      saluti a tutti
      Roberto

    • Caro Roberto

      ti ringrazio delle belle parole ma quando parli di uscire e guardarsi alle spalle , auto blindata e così via e dai una immagine assolutamente errata della mia/nostra vita quotidiana .Quello che tu dici vale per i grossi impresari nelle grandi metropoli e sarebbe lo stesso se vivessero a New York o Los Angeles .Io non mi sento affatto meno sicuro e le statistiche le lascio agli studiosi di statistica . Non mi stancherò mai di ripeterlo , anche se sembra che non ci sia peggior sordo di chi non vuole sentire , la violenza è distribuita sul territorio a macchia di leopardo . Esistono aree pericolose , NON è vero che il popolo brasiliano è più violento . E' vero che esiste una diseguaglianza sociale e che un relativamente piccolo gruppo , concentrato in specifiche aree , genera la maggioranza degli omicidi di cui parlano le statistiche . Frequentemente un balordo è responsabile da solo di decine di omicidi .
      Non so dove abitava tua moglie in Brasile e dove abita oggi in Italia .Se abitava a Sao Miguel do Gostoso (RN) e si trasferiva alla periferia di Roma voglio vedere dove si sentiva più sicura . Voglio dire che ogni esperienza è valida ma soggettiva .

    • Benedetto

      abbiamo capito che il Brasile è un paese pericoloso . Grazie di averci messo in guardia .Adesso però cerchiamo di non annoiare i lettori continuando a dire la stessa cosa in salsa diversa tanto ognuno resta con le proprie opinioni . Opinioni alle quali ho dato spazio ed alle quali ho anche risposto esaurientemente Evitiamo di essere paranoici .

    • "Três detentos morreram e um ficou ferido após tentativa de fuga no Presídio Estadual de Parnamirim, na noite desse domingo (13), por volta das 23h. De acordo com a direção do centro de detenção, um preso conseguiu fugir e outro foi recapturado."

      Secondo le statistiche altri tre omicidi ?

    • Invece di guardare ai numeri guardiamo ai fatti : prendiamo questo fine settimana . L'Istituto ITEP dichiara 8 omicidi nello Stato . Analizziamo dove e se possibile come si sono svolti i fatti .

      O Instituto Técnico-Científico de Polícia (Itep) registrou oito homicídios entre o sábado (12) e o amanhecer deste domingo (13) em Natal e no interior do Rio Grande do Norte. Já por volta das 7h de hoje, foi morto com um tiro de pistola calibre 40, uma pessoa conhecida como “Andinho”, na rua Senador Carlos Alberto, em Jardim Progresso, Zona Norte de Natal.

      Outra vítima de homicídio na Zona Norte foi João Batista Elias Sabino, 33 anos, morto a tiros na rua rua Henrique Dias, em Igapó. A mãe dele, Maria Sabino, registrou Boletim de Ocorrência (BO) na Delegacia de Plantão da Zona Norte e afirmou que filho havia saído para tomar uma cerveja no “Bar da Zefinha”, próximo à sua residência.

      A informação repassada à Polícia pela mãe da vítima foi de que João Batista foi acusado pelo assassino de ter furtado um aparelho celular dele. O filho teria negado e o suspeito disparou contra ele.

      Em Mãe Luiza, na Zona Leste de Natal, José Paulino da Silva foi morto a facadas e encontrado na rua Guanabara, nº 44.

      Região Metropolitana
      Também foi identificado como Ivanaldo de Araújo, 34 anos, a pessoa morta numa troca de tiros com a Polícia Militar, durante uma perseguição no Loteamento Campinas, já depois da entrada de Jenipabu, no município de Extremoz.

      Ivanaldo Araújo estava numa moto Honda Titan e reagiu à abordagem de uma guarnição da PM, que descobriu que a moto em que eles estavam tinha denúncia de roubo. A viatura do 11° Batalhão ainda prendeu Anderson Nascimentos dos Santos, 20 anos, quem informou que o comparsa era apelidado de “Nanico”.

      Quatro homicídios no interior
      No interior do Rio Grande do Norte, também foi morto numa troca de tiros com a PM, João Paulo Duarte, 27 anos, que na quinta-feira passada (10) havia fugido de Areia Branca e feito refém o gerente do posto do Bradesco naquela cidade. Ele foi morto no sítio Retiro, em Janduís, onde havia se escondido e era foragido da cadeia pública de Caraúbas, na região Oeste. Com ele, a polícia encontrou uma espingarda 12 e um revólver 38.

      Já em Governador Dix-Sept Rosado, no sítio Lagoa do Pau, foi morto com nove tiros Luciano Franklin de Oliveira, 23 anos, conhecido como “Pezão”. Ele residia na rua Filgueira Filho, Ilha de Santa Luzia, em Mossoró. Anderson de Souza Ferreira, 25 anos, também foi morto a tiros em Mossoró e encontrado na rua Sebastião Francelino, no bairro Santo Antônio.

      Outro homicídio ocorreu na noite de ontem no bairro Paraíso, em Santa Cruz, na região do Trairi. A vítima foi Cledenilson de Araújo, 31 anos, conhecido como “Soró”. Ele foi morto com quatro tiros disparado por um desconhecido que passava numa bicicleta enquanto a vítima conversava com um dono de bar, chamado de “Mazinho”.

      ANALIZZIAMO ADESSO LA GEOGRAFIA DEGLI OMICIDI : 100% FAVELAS .

      Due dei morti erano pregiudicati uccisi nello scontro a fuoco con la polizia .

      Uno , accusato di aver rubato un cellulare , ucciso dal proprietario dello stesso .

      NESSUNO è morto per assalto , tutti sono stati GIUSTIZIATI ( Sicuramente per motivi futili per noi , poche centinaia o meno di reais ma come ho detto prima esistono ambienti dove certi comportamenti equivalgono ad una sentenza di morte ) . Altra causa frequente di omicidio è la gelosia , in questo caso le vittime sono quasi sempre donne . In Italia esisteva fino a pochi anni fa il delitto d'onore che veniva punito in modo blando .

    • Salve a tutti… Il Brasile è grande, di conseguenza la scala dei problemi è maggiore, sendo l'Italia piu piccola la dimensione dei problemi è ovviamente minore. Per qto riguarda il camminare in Italia senza guardare alle spalle non sono cosi sicura, abito a Roma ormai da 23 anni, e non vedo tutta questa tranquillità, anche qui dobbiamo essere attenti dove andare, dove parcheggiare la macchina, se torna la sera non è che puo' camminare come si fosse in paradiso, sui treni venendo da Napoli x Roma ad un'ora decente, cioè le ore 20, rischi lo strupro. Violenza è violenza, non importa se da una parte è piu dell'altra. Poi scusatemi, se uno si sente minacciato ogni minuto nella giornata e vive nel terrore, che vita fa? Io, qdo mi sono trovata in pericolo in una cittadina nel Lazio che stupidamente sono stata per 2 anni con mio figlio di 7 anni, ho preso la drastica decisione di portarlo in un posto sicuro, anche se con un minorenne e separata non potevo prenderla da sola, ma ho lottato e volevo proteggere la mia famiglia nonostante la casetta fosse mia, e cosi invece di vivere nell'inferno, a lamentarse e stare a guardare le spalle per non essere stuprata o mio figlio non prendere le botte dal branco per essere educato e voler studiare, me ne sono andata. Allarmanti i dati del rapporto mondiale dell'Organizzazione mondiale della sanità. In Italia ogni 2 giorni e mezzo viene uccisa una donna. Dall'inizio del 2013 al 30 giugno si contano 65 femminicidi. Si stima che 6.743.000 donne, tra i 16 e i 70 anni, siano vittime di abusi fisici o sessuali e circa un milione abbia subito stupri o tentati stupri. Piu quelle povere donne o bambine che per vergogna o paura non dicono, non denunciano. Buon procedimento

    • Ciao, allarmanti i dati per tutto il mondo. da questo commento sembra quasi che in italia sia peggio che in Brasile. tanto per ricordarsi, leggete questo articolo http://www.correio24horas.com.br/noticias/detalhes/detalhes-2/artigo/casos-de-estupros-cresceram-18-no-pais-aponta-anuario/
      50mila stupri nel 2012, popolazione carceraria di 500 mila abitanti. Evitiamo gli eccessi nell'uno e nell'altro caso. Il punto è che la donna è considerata oggetto e molte volte grazie anche alla televisione (soprattutto certe pubblicità studiate apposta per far presa sul desiderio sessuale).
      Dario

  4. ciao a tutti. premetto che io non sono mai stato assaltato, ed è 12 anni che vado a natal e in tutto avrò passato 6 mesi effetivi di permanenza, forse troppo pochi per essere assaltato,forse sono stato fortunato o forse o preso pochi bus visto che noleggio sempre una macchina sta di fatto che a me sempre è andata bene.ora sono quasi due anni che non vengo però sentendo amici brasilani che vivono li a natal mi dicono che non è più la natal tranquilla di qualche anno fà c'è più violenza sui bus e perfino a ponta negra non si è al sicuro mah!.comunque di una cosa sono sicuro al paesello portalegre interior è tranquillo, ,gente allegra che ciel aiuta .
    hola Stefano

    • Ciao Stefano

      cosa fai a Portalegre ? Segundo Luís da Câmara Cascudo, Portalegre foi a terceira vila a ser fundada no Rio Grande do Norte, sendo antecedida de Nova Extremoz do Norte (região que atualmente pertence a Ceará-Mirim), e da vila Nova Arês.

  5. Ciao Antonio, scusa la mia ignoranza non conosco Luís da Câmara Cascudo mi sono documentato su wikipedia e ho visto che era uno scrittore storico,giornalista ecc ecc ma non capisco il nesso con il fatto che sia stata la terza citta ad essere fondata in RN. bella domanda cosa fare a portalegre,potrei dire di tutto perchè cè poco o niente e quel poco è anche fatto così così o male.io ci passo una decina di gg quando vengo in vacanza di più no……tempo di fare una visita famiglia della moglie e nipotini vari il resto li passo a natal,però potrebbe avere dei potenziali portalegre mi incuriosisce…tutte le volte che ci vado pernotto in un hotel "portal da serra" della rete Sebino hotels questo o questi ne hanno 4 o 5 non ricordo bene martins mossoro natal e portalegre.bene per fartela corta l'hotel nei fine settimana si anima 30/40 persone sicuro poi ho trovato anche una corriera piena di pensionati portoghesi di portalegre portogallo citta gemmellata . vedremo…. come diceva nel film forrest gump "la vita è come una scatola di cioccolatini non sai mai quello che ti capita".
    Hola Ciao Stefano.

    • Ciao Stefano

      Luis da Camara Cascudo è uno storico , antropologo , avvocato e giornalista brasiliano ed è nato e vissuto a Natal dove esiste un memoriale in suo onore e la sua casa oggi trasformata in museo . Io conosco personalmente la figlia , anche lei studiosa di storia e letteratura .
      Molti pensano che il Brasile sia un paese giovane dal punto di vista culturale ma dimenticano le culture indios preesistenti all'arrivo dei colonizzatori europei . E' proprio Camara Cascudo che parla di Portalegre in uno dei suoi testi

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here