Traduzione dal portoghese: Italiano IT Português PT
Home costo della vita Aumenta il prezzo della benzina e del diesel.Alcuni distributori di Natal ne...

Aumenta il prezzo della benzina e del diesel.Alcuni distributori di Natal ne approfittano per raddoppiare l’aumento

17
9
CONDIVIDI

O reajuste autorizado ontem para as distribuidoras de combustíveis não demorou para chegar às bombas dos postos de revenda na capital potiguar. No caso da gasolina, o consumidor já está pagando por um reajuste duas vezes maior àquele previsto pela Federação Nacional do Comércio de Combustíveis e Lubrificantes (Fecombustíveis). Os preços foram modificados na manhã de ontem. Em alguns postos, a gasolina custa R$ 3,00 e o diesel R$ 2,46.

O preço para o consumidor foi elevado mesmo com o estoque de combustível cheio nos postos. Ou seja, a gasolina vendida ao natalense foi comprada pelos empresários sem reajuste. Na última sexta-feira, o Sindicato do Comércio Varejista dos Derivados de Petróleo do Rio Grande do Norte (Sindipostos/RN) afirmou que o aumento seria repassado pelos postos, na medida em que for repassado pelas distribuidoras. Não foi o que aconteceu.

O sindicato informou desconhecer se havia estoques nos postos capazes de evitar um aumento já nos próximos dias. A TRIBUNA DO NORTE foi em alguns postos e os gerentes dos locais informaram que os reservatórios estavam cheios. O Sindipostos/RN disse esperar uma queda no consumo de combustíveis em função da alta. Se depender do vendedor Gilvan Firmino, a expectativa será confirmada. “Tenho dois carros em casa, mas vou vender um deles. Com esse valor é preciso economizar. Não posso gastar tanto com gasolina”, disse.

Joana LimaPostos em Natal amanheceram ontem com preço antigoPostos em Natal amanheceram ontem com preço antigo

A Fecombustíveis fez previsão de que o aumento da gasolina seria de no máximo 2% para a gasolina e 5% no caso do óleo diesel. Em Natal, esse aumento foi o dobro. A gasolina era comercializada a R$ 2,89. Com o novo preço, o aumento foi de 4%. Já o litro de óleo diesel era comercializado, em média, a R$ 2,28. O novo valor foi composto com um aumento superior a 7%. Os preços do etanol e gás veicular não sofreram aumento.

Os consumidores temem que o reajuste nos combustíveis acarrete o aumento em outros produtos. “Acredito que, a partir de agora, tudo vai subir de preço. Sempre acontece. O preço da gasolina já estava alto demais”, disse a dentista Priscila Pascelly. No momento em que Priscila abastecia o carro, o gerente do posto localizado na avenida Prudente de Morais autorizava a mudança nos valores cobrados nas bombas.

A alteração na precificação dos combustíveis foi decidida na última sexta-feira durante a reunião do conselho de administração da Petrobras e tem como objetivo assegurar que os indicadores de endividamento e alavancagem retornem aos limites estabelecidos no Plano de Negócios e Gestão 2013-2017 em até 24 meses, segundo divulgou a estatal.

Joana LimaMas logo começaram a reajustar o valor da gasolina e dieselMas logo começaram a reajustar o valor da gasolina e diesel
A Petrobras não divulgou os parâmetros da metodologia de precificação, “por razões comerciais e por cumprimento a uma recomendação do Conselho de Administração”. A estatal esclareceu, no entanto, que os preços da gasolina e do diesel, sobre os quais incide o reajuste anunciado, não incluem os tributos federais Cide e PIS/Cofins e o tributo estadual ICMS.

A estatal também explicou que caberá ao próprio Conselho de Administração avaliar a eficácia da política de preços por meio da evolução dos indicadores de endividamento e alavancagem da Companhia e que o reajuste tem como objetivo equiparar o preço dos combustíveis no Brasil ao preço dos combustíveis praticado no exterior.

Esse é o segundo reajuste aprovado no ano. O último foi em janeiro deste ano, quando o preço da gasolina subiu, em média, 6,6%. O preço já havia sido reajustado em junho de 2012, quando o litro da gasolina subiu 7,83% e o do diesel, 3,94%.

Fonte :Tribuna do Norte 
CONDIVIDI

9 Commenti

  1. La notizia, fenomenale,sarebbe stata " La benzina aumenta, 4 distribuitori in tutto il Brasile NON NE APPROFITTANO"

    Qui in Minas Gerais la benzina e' passata da 2,89 a 3,11 reais al litro, quase l'8 %

  2. Purtroppo il Brasile è fermo, la sua economia batte il passo, chi ha investito con il real a 2,5-2,6 pensando al miracolo brasiliano adesso si lecca le ferite, io sono uno di quelli che ci ha creduto. Adesso molti si chiedono se questo stallo è solo una questione fisiologica o strutturale. Purtroppo molti pensano sia strutturale, un paese che non investe in infrastrutture è un paese destinato a bloccarsi, basta guardare a Natal, si continua a costruire ma le infrastrutture sono sempre le stesse, si è speso solo per gli stadi, ma non si fa praticamente quasi nulla per la viabilità e i servizi, anche per questo la popolazione è incazzata. Speriamo solo che non si involva. Questo il mio pensiero, considerato che ci ho investito, ma le aspettative sono veramente incerte, difficile capire se il mattone è ancora buono oppure no. Le famiglie brasiliane si stanno indebitando all'inverosimile hanno superato gli americani come debito procapite, comprano tutto con carta di credito, si fanno strozzare dagli interessi e a breve ho paura che cominceranno a incrementarsi le insofferenze verso le banche. Questo significa attivare una catena veramente devastante per l'economia. Speriamo che il governo Brasiliano capisca di cosa il paese ha bisogno e cominci una vera politica di sviluppo e investa sulle infrastrutture, soprattutto nel RN, io che ho interessi là lo spero proprio. Quello che posso dire è che se avete intenzione di investire in brasile fatelo con criterio e affidatevi a persone serie che abbiano agganci sul territorio, io sono stato fortunato in quanto quello che ho investito per lo meno non l'ho perso, ma conosco un paio di amici ci hanno sbattuto la faccia. Antonio mi sembra una persona seria, fate solo molta attenzione a investire nel mattone perché l'offerta in alcune zone sta diventando maggiore della domanda e il futuro sul cambio del real è veramente incerto.

    • Ciao Anonimo

      da come parli sembra che tu viva a Natal però dimentichi di citare i lavori di riqualificazione della Orla di Pontanegra che sono quasi terminati e le opere di viabilità in corso su tutto l'anello dello stadio ( Av. Prudente de Morais ) ed altri . Io sono rientrato in Italia ( Caserta ) per una settimana e ti posso garantire che è tutto come 10 anni fa !! L'unica differenza sono l'enorme quantità di negozi chiusi ed i cartelli vendesi un poco dappertutto .Certo una novità l'ho trovata : decine di negozi cinesi che vendono tutti gli stessi prodotti .

      Per quanto riguarda l'investimento immobiliare io ho investito in immobili commerciali e sono contentissimo : guadagno netto 10% oltre alla rivalutazione dell'investimento . Immobili residenziali li sconsiglio a meno che non servano per abitarci o in località turistiche ( A pochi metri dalla spiaggia ) .Comunque se ben gestiti si può guadagnare anche sul turistico ma si lavora molto di più che con il commerciale . Se invece hai comprato sperando in una rapida rivalutazione per poter rivendere allora certo non hai comprato da me , non te lo avrei mai consigliato ( Era possibile prima del 2005 )

  3. ok.. io non vivo a natal ma ci vengo spesso, non voglio disilludere nessuno, dico solo a chi vuole investire laggiù di farlo in modo oculato e di appoggiarsi a qualcuno del luogo di cui potersi fidare. La orla di pontanegra e la viabilità intorno allo stadio sono due gocce in mezzo al mare, le infrastrutture che servono non sono certo queste. Ponta negra così come tutto natal o almeno la striscia sul mare, avrebbe bisogno di un sistema di depurazione degli scarichi civili come quello che abbiamo sul nostro adriatico, altrimenti tra qualche anno la sabbia sarà completamente nera, gli scarichi a celo aperto sono veramente deleteri, e il mare si sta mangiando tutta la sabbia avanzando sempre di più, occorrerebbe un sistema di contenimento delle maree e del moto ondoso, le istituzioni in quella zona non stanno facendo nulla per il turismo, questi sono solo due esempi per chi crede nel turismo futuro di natal, ma ripeto che le infrastrutture vere sono ben altro che il ripristino di un viale sulla spiaggia e le strade per andare alla partita. Io non sono mai stato a Caserta, ma penso che sia più avanti della zona RN, anche se non si è fatto nulla negli ultimi 10 anni,… certo l'italia sta passando un periodo di m….a e i politici non fanno nulla. Ma anche i politici brasiliani in quanto a corruzione non sono da meno e stanno imparando dai nostri tutto il peggio. Io ho comprato terreni e costruito del residenziale e ho anche venduto non senza difficolta, (i brasiliani vogliono comprare tutto senza soldi) ma il cambio mi ha eroso un po del mio guadagno, ma adesso vedo una situazione un po diversa, più difficile. Comunque è bello sapere che nella zona ci sono agganci come il tuo, può essere che mi faccio vivo, ma ripeto che la situazione brasiliana adesso è al quanto incerta e la crescita del brasile per la comunità mondiale è stata una cocente delusione rispetto a quanto ci si aspettava, le grandi multinazionali sono molto restie a investire in brasile adesso. Comunque ritengo questo sito un buon punto di riferimento e consiglio a chiunque voglia provare questa avventura di non fare del fai da te, ma appoggiarsi a qualcuno competente di fiducia e che sia sul territorio, anche perché (questa è la mia esperienza) l'investimento iniziale è sempre sottostimato, bisogna tenere conto di una certa percentuale per "oliare" i vari imprevisti che si presentano strada facendo. Se volete che le carte viaggino rapide, specialmente quelle bancarie, bisogna "ungere", questa è la mia esperienza personale ma parlando con altri colleghi ho capito che comunque è la prassi, altrimenti si aspetta.
    Ciao Antonio, saluta Caserta e ritengo il tuo sito un buon blog a cui attingere per conoscere meglio la zona del RN, non te la prendere se tra le mie righe c'è anche qualche critica al sistema paese del brasile, ma anche il brasile così come tutti gli stati del pianeta ha i suoi problemi. Ciao e buone feste (ormai ci siamo)

    • Ciao

      permettimi di discordare su questa frase "occorrerebbe un sistema di contenimento delle maree e del moto ondoso " .La soluzione adottata, che difende adeguatamente il marciapiede e quindi la passeggiata a mare ( Io eliminerei completamente lo stazionamento dei veicoli sul lungomare creando un grande parcheggio multipiano sulla Roberto Freire ) è stata scelta non a caso . Per quasi un anno si è dibattuto sulla possibilità di una scogliera in acqua ma la soluzione è stata bocciata per i riflessi ambientali sulla fauna marina e sulle correnti . Le maree sono un fenomeno naturale e dove i fondali sono bassi scoprono o sommergono svariati chilometri di spiaggia . Nessuno in Francia si è mai sognato di mettere una scogliera per impedire il fenomeno del Mount Saint Michelle che resta isolato come una isola diverse ore al giorno a causa delle maree .Quando ci sono stato diversi anni fa lo stesso parcheggio era sommerso dalla marea e dalle alghe e ripulito una volta al giorno !
      La baia di Ponta Negra è una bellezza naturale da preservare per le future generazioni senza " piegarla " al volere dell'uomo per poter semplicemente creare sull'orla più spazio per parcheggiare le sue scatole di latta .

      Per quanto riguarda gli scarichi fognari sono perfettamente d' accordo con te ma questo è un problema di tutto il Brasile dal sud al nord .http://ricmais.com.br/sc/saude/videos/santa-catarina-esta-na-19%C2%AA-posicao-do-ranking-do-saneamento-basico/

      Grazie per gli auguri che ricambio cordialmente

    • Ciao

      rispondo separatamente per quanto riguarda la questione di "ungere" . Noi preferiamo aspettare se è necessario e/o giustificato . Nessun nostro cliente ha mai pagato più del dovuto per ottenere quello che è suo diritto anche se in qualche caso avrebbe voluto . Alcuni credono che si debba ungere necessariamente ma non è così . Una buona relazione personale è la soluzione migliore nel lungo periodo . Noi siamo qui per restare e pertanto non adottiamo strategie " mordi e fuggi " , inoltre spesso aspettare fa maturare la relazione se si ha la dovuta pazienza .

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here