Home cultura Record di presenze straniere in Brasile nel 2013

Record di presenze straniere in Brasile nel 2013

31
21
CONDIVIDI


O Brasil recebeu, em 2013, um total de 6 milhões de turistas estrangeiros!

O número é um recorde histórico e rompe a casa dos 5 milhões de visitantes que o país recebeu em 2005. De acordo com o Governo Federal e com a Embratur, eventos como a Copa das Confederações e a Jornada Mundial da Juventude (JMJ) contribuíram para que esse número fosse atingido.

A partir desses números e visando apresentar o país aos turistas estrangeiros, a Embratur acaba de lançar o site Brasil Home, que traz referências culturais e turísticas sobre o Brasil. O hotsite simula o ambiente de uma casa, onde cada cômodo representa uma atividade específica: cinema, paisagens, obras e artistas plásticos, entre outros. O intuito é mostrar o país e sua cultura, indo além dos famosos cartões-postais.

CONDIVIDI

21 Commenti

  1. quanta strada deve ancora fare il Brasile per arrivare ai livelli di alcune altre Nazioni…..certo non può che crescere e l'aumento dei turisti stranieri indicati nell'articolo a mio avviso è ancora molto poco. Francia: oltre 60.000 di turisti stranieri anno, Italia oltre 40 milioni di turisti stranieri anno, etc.etc. Penso che il Brasile non avendo richiamo per un turismo "storico", "artistico", "gusto" comunque faticherà ad arrivare ai livelli massimi. Crescerà, sicuramente crescerà per la sua "natura" e per le sue "spiagge"…..stop.

  2. E in merito la troppa violenza e la disorganizzazione di alcune città non aiuta. Se poi aggiungiamo i prezzi cari allora ….
    E' pur vero che ci sono ancora molte zone del Brasile da promuovere ai fini turistici perché ancora poco conosciute ai più.

  3. Ciao Undo

    concordo con te , il numero benchè in crescita è niente in confronto a quello che potrebbe essere , almeno 50 Milioni di turisti stranieri all'anno .
    Comunque i dati vanno interpretati alla luce di alcuni parametri importanti . I dati della Francia o dell'Italia non sono significativo per questo confronto perchè riflettono realtà molto diverse . Basti pensare che anche gli Stati Uniti totalizzano meno della Francia o che la Spagna totalizza quanto tutta la Cina !

    Perchè questa differenza ? A mio modesto parere il motivo , al di la di ovvie ragioni storiche va ricercato nella geografia politica .

    Immagina per un momento che la Francia incorporasse tutte le nazioni europee limitrofe . Di colpo il dato sul turismo straniero diminuirebbe perchè NON sarebbero più stranieri a visitarla ma francesi .
    Questo ragionamento per assurdo dimostra che le nazioni federali , ovvero costituite da più stati , sono penalizzate nel modo di calcolare l'afflusso turistico . Avrebbe molto più senso calcolare il turismo totale : straniero + locale .

    Faccio un ulteriore esempio : il turismo straniero a Natal è crollato dopo la crisi europea e la eradicazione della prostituzione di Rua da Salsa . Gli italiani che arrivano oggi ricordando " i dei tempi " dele garote di programma
    in Rua da Salsa restano delusi e scappano o a Recife o a Fortaleza . Ebbene il turismo straniero è stato integralmente sostituito dal turismo brasiliano principalmente di famiglia o di business . In definitiva la somma totale dei turisti è rimasta costante , anzi direi che è cresciuta ,

    Altro elemento da considerare è quello della ricchezza culturale . Venendo al caso Italia dei 46 milioni di turisti stranieri che hanno visitato il Bel Paese oltre 10 milioni hanno visitato il Veneto ( Venezia ) , 6,5 milioni la Toscana ( Firenze ) , poco più di 6,5 milioni il Lazio ( Roma ) mentre poco più di 800 000 la splendida Sardegna o altre regioni del sud famose per il mare ed il clima . Con questo voglio dire che se l'Italia avesse solo spiaggie , ottima cucina ed ottimo clima probabilmente non arriverebbe nemmeno a 10 milioni di visitatori , gli altri 30 milioni li deve alla sua storia millenaria . Questo elemento NON può essere compensato da altre Nazioni per quanti sforzi possano fare .

    • concordo al 90% caro Ottoaprile perchè sulla bilancia della tua corretta analisi ci sarebbe da mettere la carenza delle infrastrutture d'accoglienza del Brasile che fanno alzare i prezzi a dismisura ed anche una particolare formazione del personale preposto ai servizi turistici che per il 99% in Brasile non parla ne Inglese e ne Esperanto….le lingue piu' parlate al mondo. PS: nel mio primo intervento per la Francia intendevo oltre 60 mio di turisti stranieri non 60.000.

  4. Turismo in Brasile,oltre a tutti pregi e difetti detti sopra,si deve mettere in conto la distanza dall'Europa,costa meno andare in Cina.Ma il turismo in Cina o Vietnam/oriente medio( a parte Thailandia-Cambogia),e' turismo vero.Invece nella maggior parte dei casi in Thailandia e Cambogia e' turismo sexuale. Conosco pensionati e molti che fanno la spola.Dopo aver mollato il Brasile.

    • Grazie a Dio la figura dell'arzillo pensionato mosso a pillole blu ( comprate al mercato nero ) sta sparendo dal paesaggio brasiliano . Ancora si incontrano alcuni irriducibili ( non tutti amano il fisico delle asiatiche ) ma i prezzi elevati stanno seriamente minacciando di estinzione questa " specie " di turisti .

  5. ancora in troppo pochi parlano inglese.. fa prima il turista a imparare il portoghese che farsi capire in altre lingue!
    Inoltre influisce l'alto tasso di criminalità al quale un'europeo che ama muoversi liberamente (e non chiudersi in un villaggio) non è preparato.
    Il fai da te poi è terribilmente complicato senza supporti del posto. Se non avessi avuto dei parenti nel nordest non avrei mai visto questo paese… vedremo adesso coi mondiali! 😉

    • Ciao Roby

      premesso che nemmeno il turista italiano medio parla inglese ma perchè mai due popoli di lingua simile con le medesime radici culturali devono esprimersi " male " in una terza lingua sconosciuta ad entrambi ? Se in hotel ti esprimi in italiano la maggioranza dei gestori ti capisce . Ovviamente non la gente comune che incontri per strada .

      Ricordo un mio cliente inglese sposato con una brasiliana che quando si accorse che io parlavo inglese finse di non conoscere il portoghese per non sforzarsi .

      Posso garantirti per esperienza che esistono molti italiani trasferiti qui in Brasile ( soprattutto pensionati ) che non intendono assolutamente imparare il portoghese e pretendono che la gente comune ( la commessa del negozio , il panettiere , la fruttivendola , .. ) li capisca e si lamentano perchè vengono fraintesi o non compresi affatto .

    • Antonio, permettimi di dissentire. L'inglese, come ben sai, e' la lingua franca in ogni ambito, nella finanza, nella ricerca come anche nel turismo. Un' attività' turistica oggigiorno, in Italia come in Brasile, deve disporre di personale che sappiano comunicare in inglese, semplicemente perché' ci sono altissime probabilità' che il turista gringo, non necessariamente di lingua madre inglese, parli (o si arrangi con) l'inglese come seconda lingua.
      E in Brasile, in effetti, ci sono ancora troppo poche persone che parlano in Inglese.
      Anto

  6. Mi stupisco di questi dati! In tutti gli aerei (internazionali) che ho preso i 3/4 sono barsiliani (lo vedo alla fila in dogana) Attirare turisti stranieri non mi sembra per nulla um loro obiettivo..anzi..con i costi legati alla qualita´dei servizi conosco solo brasiliani che se ne vanno in USA o in europa perche´spendono meno

    • Posso confermare che la quantità netta di turisti brasiliani è notevolmente aumentata anche all'interno del Paese . E' il segno dell'aumentato benessere della popolazione brasiliana checchè se ne dica .

    • Tutto vero anche se i voli aerei interni sono eccessivamente costosi perchè non subiscono adeguata concorrenza di altri mezzi di locomozione (treni, navi e gomma). Se non fosse per il cambio ora sfavorevole ai brasiliani sarebbe proporzionalmente più conveniente per loro fare biglietti aerei internazionali. Molti ancora preferiscono andare a Miami piuttosto che a Recife perchè rivendendo parte di quello che comprano si ripagano il biglietto aereo. E poi vuoi mettere quanto è più chique dire agli amici che sei stato a Miami?? Mostrare loro foto e oggetti come trofei di caccia?

    • Anche col cambio di ora parenti amici e conoscenti solo parlano di andare a Orlando Miami New York Europa perche´comunque il costo/beneficio e´superiore! próprio i miei conoscenti di Natal dicevano che andare a Gramado gli costa di piu´che andare a Lisbona (stesse ore di volo) oltre ala moamba…

  7. ciao antonio,mi sai dire perfavore qual'e il metodo piu' conveniente per trasferire dei soldi in brasile? premetto che mia suocera ha gia' un conto corrente e vorrei trasferire circa 20.000 euro entro dicembre (data del trasferimento).grazie molte

  8. premesso che non amo i pensionati presunti arzilli che pagano per il sesso (perchè mi rovinano il mercato, eheheh!), tuttavia non ho mai capito sta storia del "turismo sessuale".
    una italiana 45enne rottamata che va in jamaica a negroni? un gay che va a ibiza? le svedesi che andavano a rimini?
    cioè, se uno è adulto e del paese X e fa sesso consenziente con un adulto del paese Y, qual'è il problema?
    se no faccimo una serie di leggi:
    – si può fare sesso solo tra connazionali e nel paese di residenza
    – agli anziani è vietato il sesso
    – durante le vacanze è vietato fare sesso
    ma per favore….
    lucio.

    • Caro Lucio

      ti ricordo che non stiamo trattando di sesso tra adulti consenzienti ma di prostituzione e/o sfruttamento della prostituzione che è un reato in molti paesi compreso il nostro . Altrimenti come spieghi i blitz dei nostri carabinieri che arrestano i clienti delle cosiddette lucciole ?

      Inoltre a questo reato molti aggiungono quello di pedofilia avendo rapporti sessuali con minori . Il fatto che il 38% degli italiani , secondo i dati pubblicati qualche giorno fa da Repubblica , ammettano il sesso con minori non migliora la situazione .

      Comunque non siamo ipocriti : quando vedi tuo nonno di 75 anni andare a letto ogni sera con una di 20 anni , sempre diversa , non chiedermi qual'è il problema . Il problema esiste sicuramente , perchè una ragazza di 20 anni non ha certo tra le sue principali aspirazioni quella di andare a letto con suo nonno .

      Vogliamo riconoscere una volta per tutte che stiamo sfruttando la " ignoranza " , la "povertà materiale o spirituale " di un altro essere umano ?

  9. ottoaprile,
    la tua opinione è estremamente ortodossa. ma abiti veramente in brasile? mi vengono dei dubbi, perchè se abiti veramente in brasile dovresti averle conosciute le piriguete, anche per puro caso. non sono sfruttate da nessuno, è gente che vuole fare soldi tanti e facili senza lavorare. vogliono spendere e spandere, fare la bella vita sfruttando gli uomini e vomitano sulle donne veramente povere ma oneste e che lavorano duro a salario minimo.
    la prostituta è l'equivalente femminile del rapinatore e la polizia dovrebbe arrestare loro, non i clienti. e non mi sembrano proprio per niente "ignoranti", anzi mi sembrano belle furbe.
    sai quante ne ho conosciute che dicono "io manco morta farei la empregada… io manco morta prendo l'autobus"… loro sono NOBILI, possono girare solo in taxi.
    l'idea che sia il cliente a sfruttare la povera donzella innocente scusa ma fa veramente ridere, anzi piangere.
    insomma qua le mogli ci rubano e ci sottomettono, fidanzate e amanti pure, le prostitute pure… e voi ancora a dar retta a questa assurda ideologia politicamente corretta cristian-femminista?
    il maschio è ormai diventato "servo della gleba planetaria, schiavo della ghiandola mammaria" come dicono elio e le storie tese.
    e poi senza cultura sessuorepressiva (di derivazione cristiana) non ci sarebbe bisogno di prostitute. nei villaggi indios non esisteva la prostituzione, le donne lavoravano come gli uomini e ci si accoppiava (abbondantemente, senza remore e tabù) per il piacere.
    lasciamo perdere poi l'argomento pedofilia, del quale i brasiliani sono professori universitari, e lo dovresti sapere… si trombano DI TUTTO, cani, gatti, asini, bambini di 1 anno, vecchie di 90 anni…
    lucio.

  10. Caro Antonio,
    tu generalmente sei sempre centrato nei tuoi interventi , sei schietto e diretto, insomma io ti stimo. Però questa volta ciò che dice Lucio nella sua replica , SOPRATTUTTO NELLA PRIMA FASE DEL DISCORSO , è a mio avviso più che reale.
    Moltissime ragazze non vogliono assolutamente fare lavori comuni o umili e guadagnare conforme al loro lavoro, ma vogliono tanti soldini facili subito. E tu me le chiami ignoranti o povere ???
    Che in ,molti paesi del mondo ci sia il reato di sfruttamento della prostituzione, questo è indubbio però molte di queste non sono affatto sfruttate o sfruttabili, anzi molte volte (la maggior parte ) ti sfruttano.
    Poi il discorso pedofilia è tutt'altra cosa, e la non transigo in nessun modo. Chi sbaglia deve pagare !!
    Un abbraccio,
    Andrea

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here