Home immobili Petrobras ed il disastoso affare Pasadena : ovvero come finiscono i...

Petrobras ed il disastoso affare Pasadena : ovvero come finiscono i soldi dei contribuenti brasiliani !

54
93
CONDIVIDI

L’articolo che segue spiega i dettagli della disastrosa operazione Pasadena ovvero dell’acquisto, per un valore enormemente superiore al valore reale , di una raffineria situata a Pasadena negli Stati Uniti .


La raffineria , acquistata un anno prima prima dalla belga Astra Olil per US$ 42.5 Milioni è rivenduta alla Petrobras per complessivi  US$ 1.2 Miliardi ovvero 28 volte il suo valore iniziale !  

All’epoca della decisione , il 2006 , il presidente del Consiglio di Amministrazione della Petrobras era l’attuale Presidente del Brasile : Dilma Rousseff .


A compra pela brasileira Petrobras de uma refinaria de petróleo em Pasadena, Texas (EUA), em 2006, levantou suspeitas de superfaturamento e evasão de divisas na negociação. Mas o caso ganhou ainda mais repercussão porque, na época, quem presidia o Conselho de Administração da estatal, que deu aval à operação, era a atual presidente da República, Dilma Rousseff.

Em 2006, a Petrobras pagou US$ 360 milhões por 50% da refinaria (US$ 190 milhões pelos papéis e US$ 170 milhões pelo petróleo que estava em Pasadena). O valor é muito superior ao pago um ano antes pela belga Astra Oil pela refinaria inteira: US$ 42,5 milhões.

Em 2008, a Petrobras e a Astra Oil se desentenderam e uma decisão judicial obrigou a estatal brasileira a comprar a parte que pertencia à empresa belga. Assim, a aquisição da refinaria de Pasadena acabou custando US$ 1,18 bilhão à petroleira nacional, mais de 27 vezes o que a Astra teve de desembolsar.

A presidente Dilma afirmou, após a abertura de investigações no Tribunal de Contas da União (TCU), Polícia Federal e Ministério Público, que só aprovou a compra dos primeiros 50% porque o relatório apresentado ao conselho pela empresa era “falho” e omitia duas cláusulas que acabaram gerando mais gastos à estatal.

Veja perguntas e respostas sobre a operação:

O que é a refinaria de Pasadena?


A refinaria de Pasadena, no Texas, é uma unidade de refino de petróleo que está localizada no Houston Ship Channel, umas das vias navegáveis mais importantes dos Estados Unidos. Tem capacidade para refinar cerca de 120 mil barris de petróleo por dia e entrou para o patrimônio da Petrobras em 2006, quando a estatal comprou 50% de suas ações.

Por que a Petrobras se interessou pela refinaria?


Na época da compra, em 2006, a estatal brasileira justificou a transação alegando que a empresa precisava expandir a quantidade de petróleo para atender principalmente ao mercado externo. Em seu site, a companhia publicou que “esta operação de compra está alinhada com o plano estratégico da Petrobras que estabelece, entre seus objetivos, consolidar-se como uma empresa integrada de energia, com forte presença internacional, expandindo as atividades de refino e comercialização, no país e no exterior, em sintonia com o crescimento dos mercados”.

Qual a polêmica em relação à compra da refinaria?


A Petrobras teria desembolsado um valor muito alto pela usina, o que originou investigações no Brasil de evasão de divisas e de superfaturamento. A empresa belga Astra Oil pagou US$ 42,5 milhões por toda a refinaria em 2005 e, um ano depois, a estatal brasileira gastou US$ 360 milhões para ter apenas 50% das ações (US$ 190 milhões pelos papéis e US$ 170 milhões pelo petróleo que estava em Pasadena). Além dessa diferença, o custo total que saiu do caixa da Petrobras ficou muito maior porque o contrato assinado por ambas contava com uma cláusula (chamada Put Option) que iria prejudicar ainda mais a estatal no futuro. Uma segunda cláusula, a Marlim, também foi motivo de desavença entre Astra e Petrobras.

O que são as cláusulas Put Option e Marlim?


A Put Option determinava que, em caso de desacordo entre os sócios, a outra parte seria obrigada a adquirir o restante das ações. A Marlim garantia à sócia da Petrobras, Astra Oil, um lucro de 6,9% ao ano.

Por que a presidente Dilma Rousseff está envolvida nesse negócio?


Em 2006, a atual presidente da República era ministra da Casa Civil no governo Lula e presidia o conselho de administração da estatal.

Qual foi o papel de Dilma na compra?


Com conselheira, Dilma votou a favor da compra do primeiro bloco de 50% das ações, em 2006.

O que diz Dilma sobre a compra?


Em nota divulgada na última quarta-feira (19), a presidente Dilma afirma que votou a favor da compra da refinaria em 2006 – quando presidia o Conselho de Administração da Petrobras –baseada em parecer “falho” e em documentação que omitia duas cláusulas do contrato, chamadas Put Option e Marlim. Essas cláusulas, mais tarde, obrigariam a estatal a desembolsar mais dinheiro no negócio, o que gerou um gasto total de US$ 1,18 bilhão.

Como começou a investigação?


A investigação foi iniciada em 2013 pelo Tribunal de Contas da União (TCU), isso porque um pouco antes (em novembro de 2012) o deputado federal Maurício Quintella (PR-AL) pediu à Comissão de Minas e Energia da Câmara Federal que acionasse o tribunal para apurar a compra da refinaria.

Como está o processo?


O processo que analisa a compra da refinaria de Pasadena tramita na área técnica do TCU, no Rio de Janeiro. O ministro José Jorge, relator da ação, diz esperar que até abril o relatório já esteja em seu gabinete, para que ele possa redigir seu voto. Como o procedimento ainda está aberto, o TCU não descarta ouvir os integrantes do Conselho de Administração e da Diretoria da Petrobras à época, incluindo a presidente Dilma Rousseff. A Comissão de Fiscalização Financeira e Controle da Câmara dos Deputados começou a investigar o caso e convocou ministro da Fazenda e atual presidente do Conselho da estatal, Guido Mantega, além de ex-diretores da Petrobras e a presidente da estatal, Graça Foster, para prestar esclarecimentos na Casa.
Fonte : O Globo
CONDIVIDI

93 Commenti

  1. devo dire che ogni tanto in brasile riescono anche a battere i pessimi affari fatti dalle aziende pubbliche italiane.speriamo che sia solo un caso isolato….
    saluti
    francis

    • funziona TUTTO così e pure peggio. e non pensate che quelli di opposizione siano migliori… aecio neves s'è fatto costruire un aeroporto con soldi pubblici vicino la sua fazenda… a s.paolo per il metrò so spariti 6miliardi, complici la siemens e la alstom (dei precisini tedeschi e francesi).
      quanto all'italia… 1km di TAV costa 8mln mentre in tutti gli altri paesi 1mln…
      e non è un problema solo del "pubblico"… qua sono privati che corrompono politici per devastare imprese pubbliche e casse statali.
      i privati finanziano le campagne elettorali, poi passano a riscuotere…
      lucio.

    • Quelli dell'opposizione non saranno migliori,pero' spendono meno..

      L'aereoporto che Aécio si sarebbe fatto costruire e' costato "solo" 14 milioni di Reais,l'affarone della Raffineria di Pasadena há bruciato letteralmente oltre 2 miliardi di reais..
      E tra poco scoppiera' il bubbone della Raffineria Abreu e Lima che dovevavcostare 5 miliardi di reais adesso pare che ne costera appena 35 !!
      Insomma,sicuramente tutti ladri,ma questi stanno sublimando il significato di rubare..

    • Non credo próprio che sia riuscito a rubare 2 miliardi di Reais per la costruzione di un solo palazzo.
      Comunque sia adesso Maluf e' alleato di Dilma&Co.
      Probabilmente gli da ripetizioni..

  2. Inizia la nuova campagna per denigrare la "vecchia"presidente e assieme la Petrobras. Ovvero,due piccioni con una fava.
    Non mi stupirei se alle elezioni, che sono alle porte,vincesse un nuovo "Monti" brasiliano…

    • seccondo me nel rubare non c'è differenza fra i 2 lati.
      il monti brasiliano ci fu negli anni 90: austerità per mantenere il real forte, economia distrutta, appecoronamento a interessi stranieri, debito (specie estero) alle stelle… meno male che l'opposizione "spende meno"…
      lucio.

    • Concordo con lucio. Non c'è differenza tra chi ruba tanto o poco, è solo una questione di opportunità e scaltrezza. Il vero problema brasiliano è la mancanza di alternative politiche credibili a Dilma perché l'altra sponda ha già dimostrato in passato di cosa sia capace e non è cambiata, propone sempre le stesse ricette neoliberiste funzionali al FMI. Personalmente durante l'ultima tornata elettorale mi ero illuso che Marina Silva potesse in qualche modo rompere le fila e scompaginare la "palude" politica brasiliana ma si è persa per strada. Francamente non vedo nessuno nel panorama politico che si proponga o che possa portare i cambiamenti strutturali necessari. Anche a livello generazionale, i supposti nuovi politici brasiliani sono figli o nipoti dei vecchi e vengono da quella scuola, vedono la gestione della cosa pubblica solo come opportunità di arricchimento personale.

    • Per me la differenza c'e' eccome.
      Perche' i "Signori" che stanno al governo ci sono arrivati sbandierando la loro moralita' e promettendo lotta alla corruzione e all'impunita'.
      Eticamente sono molto peggio dei soliti ladroni

    • Lungi da me il voler difendere Dilma ma, a onor del vero, per lo meno con la "faxinha etica" lei, per la prima volta in Brasile e credo al mondo, all'inizio del suo mandato ha dimesso ben 7 (mi sembra) Ministri, spesso su semplici voci di stampa, cui poi hanno fatto seguito regolari processi giudiziari con esiti alterni. Ora è ovvio che nessuna parte politica è immune dalla corruzione ma almeno qualcosa si è tentato di fare, o no? Gli altri in passato non si erano mai dimessi mi sembra, tranne uno che a seguito di colossali scandali conclamati si è dovuto dimettere solo dopo processo di impeachment. Mi domando qual è l'eitca di Serra e compagni, gente attaccata solo al potere e ai relativi benefici?
      Personalmente ritengo Dilma molto più criticabile su ben altri temi di politica economica e sociale, sia per le scelte fatte ma soprattutto per quelle non fatte. Il governo Dilma mi è sembrato quello delle occasioni perdute e delle speranze vane.

    • La "faxina" ética e' uma dele piu' grosse mistificazioni del Governo dela Rousseff.
      Nessuno dei Ministri ddimissionati há avuto un processo.
      L'unico processo ,quello del Mensalão e' andato a finire a tarallucci e vino.
      Gli imputati neanche sono stati condannati per associazione a delinquere,e quei pochi che sono finiti in galera sono gia' tutti fuori.
      Il Presidente del Senato,uno dei politi piu' corrotti del Brasile e' stato addirittura rieletto ala Presidenza del Senato,dopo essere stato allontanato dalla carica per qualche tempo.
      L'ex-presidente Collor,si próprio lui che subi' l'impeachment ,e' affettuoso alleato di Dilma.
      Paulo Maluf,altro corrottissimo politico ,va' braccettodi Lula e Dilma,ma non puo' uscire dal Brasile perche' ricercato dall'interpol.
      Potrei continuare per ore.,ma e' facile capire,a partire dallo scandalo del Mensalão ,che questi al Governo si sono alleati com i corrotti del passato solo ed esclusivamente per rimanere al potere.
      E da uma parte politica che si e' sempre schierata contro la corruzione e il malaffare e' qualcosa di inaccettabile.
      E,le occasioni perdute di cui parli sono il frutto avvelenato di questo "lavorare" per rimanere al potere,senza alcun progetto per il paese.
      Il tutto condito da uma incredibile arroganza e negazione di ogni critica,con il giochetto dela lotta di classe.
      In Brasile stanno distruggendo la classe media,i ricchi sono sempre piu' ricchi.
      Altro che lotta alla disparita' sociale.

    • Non capisco perché la faxinha sarebbe una mistificazione del Governo. I 7 (mica 1) Ministri si sono dimessi oppure no su richiesta di Dilma? I processi poi, nei paesi civili, li fanno i giudici mica il Governo. Se li hanno scagionati mica è stato su ordine di Dilma (o almeno non è provato) per cui che c'entra il Governo? Sono forse state fatte leggi ad personam degli indagati?
      Che Lula poi abbia dovuto scendere a compromessi per essere eletto e rieletto dopo aver perso per 2 volte le elezioni presidenziali non lo scopriamo certo oggi. E questo è il vero male del Brasile di oggi in cui chi ha tanti soldi decide il destino di tutto il paese in funzione del proprio tornaconto. E' esattamente a seguito di questo fenomeno che in Brasile a tutt'oggi non esistono ferrovie mentre scuola primaria, sanità e sicurezza pubblica fanno piangere. E' in questo tipo di bisogni importantissimi che le classi basse e medie vengono penalizzate.

    • io vorrei sapere da benedetto dov'è sta distruzione della classe media… io sono classe media e non mi vedo affatto distrutto rispetto a 10 o 20 anni fa. classe media:
      – piccoli imprenditori e professionisti: pagano ZERO di tasse e si comprano appartamenti in predios di lusso
      – categorie privilegiate di lavoratori dipendenti (tipo bancari, polizia civile ecc.): fanno 2 mesi di sciopero (pagato) l'anno e ottengono aumenti del 20%
      – risparmiatori: il brasile e il paese al mondo col più alto tasso d'interesse reale.
      boh…
      lucio.

    • Ma da quanto vivi in Brasile?

      http://oglobo.globo.com/brasil/ministros-demitidos-estao-de-volta-da-faxina-etica-de-dilma-7794170

      I processi nei paesi civili li fanno i giudici,in Basile i processi ai ministri non li fanno,semplice,o ti sfugge che le nomine al STF le fa' il Governo?
      Leggi ad personam?
      Nooooo,a parte i 4 (quattro!) gradi di giudizio esistenti in Basile (cosa ,credo,quasi única nel mondo) ti recordo gli embragos infringentes,formula ,quase esotérica ,per scagionare quelli gia' condannati in via definitiva.
      Oppure tu credi che il processo del Mensalão sia stato um processo non inquinato da pressioni piu' che politiche?
      Lula ,alla scoperta dello scandalo , faceva la vittima,quello che non sapeva niente,addirittura chiese scusa ,poi,quando si rese conto che la memoria dei Brsiliani era minore di quella di um pesciolino rosso,nego' tutto,nego',pero' all'estero,anche di conoscere gli imputati;
      Compromessi?
      I compromessi si fanno con persone vicine alle tue posizioni,non con i tuoi peggiori avversari.
      Tra i quali,scusa eh,uno come Collor.oppure come Maluf e Sarney.
      Poi,per essere precisi Lula há perso tre volte le elezioni presidenziali, nel 1980 contro Collor, epoi nel 1994 e 1998 contro Fernando Henrique Cardoso
      Da cui há "rubato" la Borsa famiglia (ideato dlla moglie di Cardoso,e poi anche gli effetti del Piano Real,il piano econômico che há bloccato la folle inflazione (piano real a cui Lula si era oposto in tutti i modi)
      E per finire ti recordo che il PT,prima con Lula per otto anni e poi con la Rousseff ,e' al potere da 12 anni,mica sono pochi,e non pare próprio che abbiano cambiato ilmodo di fare politica o i ricchi brasiliani abbiano smesso di arricchirsi alle spalle dei poveri.
      Lula e' riuscito ad impoverire la classe media (questo e' per Lucio) e far arricchire,ancora di piu' i ricchi
      Illudendo i poveri di essere diventati ricchi all'improvviso,solo per avergli dato l'elemosina della bolsa familha,e l'illusione di poter comprare di tutto ,anche se a rate salatissime.
      Lucio cerca le tabelle con aliquote che definiscono la classe media in Brasile,spero ti verra' da ridere
      A me mi e' venuto da piangere.

    • Si vabbè ancora con 'sta storia che Lula avrebbe rubato la bolsa familha alla moglie di Cardoso il quale ha risolto tutto con il plano real, dai basta, o si parla di fatti reali oppure si fa solo polemica demagogica elettorale. Il che non mi interessa.

    • Caro Marcofalco,non e' uma storia,e' la realta'.
      Pensa te,anche in um sito del governo federale lo ammettono.
      Questo e' um FATTO reale.

      http://www.programadogoverno.org/programa-bolsa-familia/.

      Quindi prima di accusarmi di demagogia elettorale magari ti potresti informare meglio.

      E se ti sembra che lo scandalo del Mensalão sai uma piccola cosa credo che o tu non sai molto informato oppure non ti renda conto di quello che significa in una democrazia comprare i voti dei deputati..
      Non pubblico il link del vídeo dove Lula chiede scusa al popolo brasiliano per lo scandalo,cercalo,e vedrai da solo quanto la mancanza di memoria dei brasiliani,molto símile a quella di noi italiani,del resto,ha dato modo a questo partito ,il PT e ai suoi líder,sopratutto Lula,di cambiare la realta' dei fatti.

      P.S.
      Poi se ti va,mi indichi dove mi sono inventato qualcosa,.

    • Caro Benedetto, io mi dovrò sicuramente informare meglio e di più ma, rileggendo anche il link da te riportato non mi sembra di leggere le tue parole, ossia che Lula ha "rubato" la bolsa familha e gli effetti del Plano Real da FHC e consorte. Rileggi bene con occhi imparziali. Tutti i vari programmi che c'erano prima del 2003 non avevano prodotto i risultati reali in termini di lotta alla povertà e alla mortalità infantile che ha invece prodotto la B.F.
      Quanto al Plano Real, inoltre, ti ricordo che le contraddizioni interne al Piano stesso (tassi elevati, cambi semirigidi e sopravvalutati per favorire l'ingresso di capitali speculativi, ecc.) accelerarono la crescita del debito esterno ed interno del Brasile a vantaggio di speculatori internazionali e FMI; trasformarono il surplus del mercato estero in deficit e crearono grandi problemi nella bilancia dei pagamenti. A seguito di ciò, la vulnerabilità esterna e la crisi finanziaria internazionale fecero crollare l'economia del Brasile alla fine del 1998. Proprio la scelta scellerata di FHC di accettare supinamente le ricette imposte in quel periodo dal FMI (austerità, vastissimo programma di privatizzazioni, contrazione di nuovi prestiti per 41,5 miliardi di dollari) hanno determinato gran parte dei malanni del Brasile di oggi. Lula ha avuto il grande merito di "affrancare" il Brasile da tutto questo portandolo a poter sviluppare una politica internazionale propria (condivisibile o meno).
      Quanto alle compra vendita di voti e agli scandali, ci sono sempre stati e sempre ci saranno ma almeno i brasiliani riescono ancora a scandalizzarsi, altri no.
      Quanto alla "grande alleanza" tra Dilma e Collor mi sembrava di aver capito solo che Collor avesse deciso di imbarcarsi sul carro del possibile vincitore delle prossime elezioni, come nel suo stile di opportunista, ma non mi sembra rilevante politicamente visti anche i numeri espressi dal Parito Laburista.
      Infine, scusami, ma anche la storia che Lula avrebbe impoverito la classe media fa veramente sorridere. Chiunque viva in Brasile può toccare con mano la realtà e conoscere gente normalissima che negli ultimi 5/10 anni ha visto migliorare la propria condizione sociale, economica, lavorativa e abitativa. Mia moglie ha 5 fratelli e tutti hanno migliorato la propria condizione negli ultimi anni. Ciò non vuol dire che i poveracci sono diventati ricchi ma che hanno comunque migliorato, magari cambiato lavoro, comprato una casa al posto della baracca di prima, un'auto magari usata, acquisito un piano sanitario o previdenziale, ecc. E se hanno contratto un debito lo pagano col frutto del proprio lavoro.
      Non sostengo che tu abbia inventato qualcosa ma solo che i fatti vanno visti e letti in maniera più oggettiva possibile. In questo senso la diffusissima propaganda dilagante in Brasile non aiuta.

    • La mia affermazione sulla rovina dela classe media perpetrata ,sopratutto,dal Governo Rousseff si basa sul fato che questo governo há continuato a galleggiare sullo sviluppo econômico brasiliano che e' stato essenzialmente dovuto alla affermazione dela Cina come potenza econômica mondiale e la conseguente esplosione dei consumi di materie prime che há favorito enormemente le esportazioni brasiliane.
      Quindi i governi del PT non hanno avuto nessun mérito di questo tanto decantato boom econômico,anzi,visto la loro quase assenza di azioni positive atte a consolidare il crescimento del Brasile.
      Del Plano Real si puo' dire tutto il male possibile,ma e' stato quello che há fermato,in qualche modo,l'inflazione che dissanguava i lavoratori brasiliani.
      Il boom econômico del Brasile si e' gia' spento,perche' oltre alle esportazioni non há creato nulla se non un mercato interno scaldato dai tanti soldi entrati e distribuiti senza regole e senza molte contropartite .
      Infattii adesso vediamo un calo enorme della produzione interna che non riesce a produrre a prezzi competitivi, e dei prezzi assurdi per prodotti di bassa qualita'.
      Il miglioramento di cui parli c'e',ma e' fisiológico,come fisioligici sono no stati gli aumenti di PIL degli anni passati,ma per il resto zero.
      Um monte di soldi buttati senza alcun progetto di paese,con infrastrutture allo sfascio e servizi anche peggio.
      Io i fatti li leggo cosi',anche per mia própria esperienza,e ti assicuro che non mi faccio influenzare dalla propaganda,
      Che poi quella del Governo sia molto piu' massiccia,invasiva e anche pagata com i soldi dei contribuenti sara' ancora una mia impressione,ma devi ammettere che di mistificazioni questi ne fanno un largo e abbondante uso.
      E rispetto all'alleanza di Collor io volevo solo sottolineare la disinvoltura del PT e dei suoi leader nell'accettare tra i propri alleati un personaggio come lui,per non parlare degli altri,che altro non rappresentano che le oligarchie e i colonnelli di altri tempi.
      Ma saro' io che sono un idealista,chissa'..

    • Benedetto sono d'accordo con te che i governi PT avrebbero dovuto e potuto sicuramente fare di più e meglio specie in tema di welfare. In particolare Dilma non è riuscita a replicare neppure la metà delle cose buone (magari poche) fatte da Lula, come ad esempio la redistribuzione della ricchezza, perdendo treni importanti come gli anni di boom e l'occasione rappresentata da Copa e Olimpiadi. Al di fuori degli stadi si è realizzato molto poco e si è mangiato troppo.
      Torno però a ripetere che gli scandali e la corruzione in Brasile ci sono sempre stati, forse ieri più di oggi, e nessuno può garantirci che dei governi a guida liberista avrebbero fatto di meglio. Magari se al posto di Dilma ci fosse stato un Serra oggi assisteremmo alla chiusura generalizzata di scuole e ospedali pubblici come avviene in Italia. Chi può dirlo?
      Guardando al futuro, personalmente sarei felice se ad ottobre Dilma perdesse al ballottaggio contro Marina Silva. Mai dire mai.
      un saluto,
      Marco

    • scusate, ma cosa avrebbe dovuto/potuto fare il governo in tema di servizi e welfare?
      – aumentare la spesa/pil non si può perchè c'è la legge di pareggio di bilancio (cosa liberista)
      – stampare soldi e buttarli col ventilatore, come in venezuela, non si può se no sale l'inflazione e ti danno del bolscevico
      – le potentissime lobbies mafiose della salute/trasporti/scuole private non vogliono (cosa liberista)
      – hanno rotto i marroni per 10 anni che gli emergenti dovevano sviluppare domanda interna, importare di più e sostenere la domanda mondiale, e il brasile ha ubbidito.
      circa il piano real, è stato una cosa buona all'inizio, poi però si sarebbe dovuta lasciare fluttuare la moneta senza aspettare la crisi del 98, perchè 4 anni con moneta ipervalorizzata distrussero il paese a colpi di deficit commerciale, debito estero, privatizzazioni e disoccupazione.
      lucio.

    • "consolidare il crescimento"… investimenti, no?
      formazione capitale fisso (quadruplicata dal 2002):
      http://it.tradingeconomics.com/charts/brazil-gross-fixed-capital-formation.png?s=brazilgrofixcapfor&d1=20020101&d2=20141231

      mentre l'italia…
      http://it.tradingeconomics.com/charts/italy-gross-fixed-capital-formation.png?s=italygrofixcapfor&d1=20020101&d2=20141231

      investimenti diretti esteri (quintuplicati, 3° paese al mondo dopo cina e usa):
      http://it.tradingeconomics.com/charts/brazil-foreign-direct-investment.png?s=brazilfordirinv&d1=20020101&d2=20141231

      se non è consolidazione questa…
      poi circa il pil, tutti gli emergenti sono fermi, euro-sud recessione eterna, germania si sta fermando pure lei… gli unici che crescono (a parte cina) sono usa e gb, ovvero quelli che stampano a gogò e hanno raddoppiato il debito, cosa che se la facesse il brasile gli darebbero subito rating CCC e lo farebbero fallire.
      insomma, che cavolo volete?
      lucio.

    • É uma desconsideração para com a inteligência do brasileiro continuar com o ramerrame de que esse fiasco se deve à seca (embora o setor agrícola tenha crescido) e ao mau momento da economia global. Não é preciso listar os campeões mundiais. Basta comparar com o comportamento da economia de alguns emergentes: Turquia e Austrália crescem 3,0% ao ano; a Índia, 6,0%; a Coreia do Sul, 3,8%; o Chile, 2,8%; a Colômbia, 5,0%; a África do Sul, 2,0%. (Dados da revista The Economist.)

    • io chiederei agli ultraliberisti (col culo degli altri) dell'economist che fine farebbe il pil dell'uk nelle stesse condizioni del brasile, ovvero:
      – senza deficit del 6%
      – senza quantitative easing
      – senza raddoppio del debito pubblico
      – coi tassi all'11%
      – con tutte le categorie che fanno 1mese di sciopero per creare difficoltà in anno elettorale
      http://it.tradingeconomics.com/charts/united-kingdom-government-debt-to-gdp.png?s=gbrdebt2gdp
      lucio.

    • Lucio,ma sti feriados sono stati gli ultraliberisti col culo degli altri a deciderli oppure gli ultraincompetenti col culo dei brasiliani,cioe' i tuoi eroi companheiros?
      Che prima hanno liberato il credito per far vendere le automobili ai noti comunisti e benefattori del settore auto e poi,avendo le strade intoppate di macchine hanno risolto la mobilita' nella Coppa con gli " statevene tutti a casa" che tanto vinciamo la Coppa del Nonno.
      Oppure gli efficentissimi e competenti economisti dele banane non sanno che ad ogni feriado,sopratutto a San Paolo e a Rio, equivale uma perdita secca per il PIB?
      Dai,sono stati gli ultraliberisti a fargli il gioco delle tre carte e a confondergli i pochi neuroni..
      Sono riusciti anche a far dire,a Dilma,che il secondo semestre 2014 andra' molto meglio e che nel 2015 il PIB aumentera' del 3%
      E tutto questo a pieno impiego!
      Si,sono stati gli ultraliberisti inglesi,perfidi!

    • Ai fervidi difensori dela Rousseff,delPT e dela loro politica econômica.

      Jornal do Brasil

      É inadmissível que a presidente Dilma Rousseff afirme, a três meses do fim do ano e após três anos e nove meses de mandato, que vai demitir o ministro da Fazenda caso seja reeleita.

      ( engraçado,tambem o Jornal do Brasil e' da oposição!)

      Se um ministro é incompetente, tem de ser imediatamente demitido. Uma presidente reconhecer que a política econômica vai mal é como um cardiologista, após três anos de tratamento, dizer para o doente que não pode mais tratá-lo porque não conhece sua doença. O Ministério da Fazenda é o coração de um país.

      Não defender seu ministro é se entregar como responsável, é concordar com seus candidatos opositores, quando agridem e ofendem a competência do ministro da Fazenda. O titular desta pasta, como todo ministro de um Presidencialismo, é o presidente.

      Admitir o erro é reconhecer sua própria falta de competência

    • tranquillo, mo' viene marina che vuole l'"indipendenza della banca centrale"… ovvero come in europa oggi, politiche economiche geniali in europa oggi :))
      tanto geniali che le imprese fuggono e vengono in brasile.
      e poi fatela finita co ste macchine! comincia te a rinunciare alle macchine, vai a vivere da eremita 🙂
      lucio.

    • Io siono tranquilíssimo,anche perche' posso affermare senza paura di essere smentito,che non ho mai creduto alle evidenti menzogne per allocchi sparate dai vari Lula e Rousseff,e , ti sia bem chiaro,visto che usi le stesse patetice tecniche di distrazione del Governo,che non ho mai elogiato ne' parlato di Marina Silva,quindi che venga o non venga e' solo um problema di quelli che campano com le sovvenzioni piu' o meno pulite.
      E poi co ste macchine .. falla finita te,che io vado in giro in motorino,
      Mica c'e' bisogno di essere eremiti per usare la testa,,sai,basta conservare um poco di lucidita'..
      Ah,a proposito visto che siamo nel post sulla Petrobras,leggi questo articoletto leggero sulla delazione premiata del Luisinho,per chiamarlo come lo chiamava Lula..
      Ma tranquillo,gli eroi del PT si salveranno anche questa volta.

      PS
      Poi facci sapere chi viene in Brasile,ma mi raccomando,non aprire gli occhi.

    • tu hai le ALLUCINAZIONI. e sei pure il SOLITO itaGliano che sputa sul piatto dove mangia.
      IL BRASILE E' 3° AL MONDO COME DESTINAZIONE DI INVESTIMENTI DIRETTI.
      e quest'anno sono al livello dello scorso anno che fu anno record con 63mld $.
      non c'è MAI stata in brasile tanta stabilità come negli ultimi 12 anni (ci vengo da 25 anni), stabilità per imprenditori, lavoratori, noi stranieri. questo grazie alla politica economica DI CENTRO e all'indipendenza nella politica estera.
      non me ne frega NIENTE se i politici rubano… a proposito, tu le paghi tutte le tasse che dovresti?
      tu non sei allocco, sei malato di ideologia, tipico itaGliano. ti ho sparato un'infinità di dati che contrastano con le tue allucinazioni e niente (ovvio…).
      tornatene in italia invece che infamare la terra che ti ha accolto… oppure esci con qualche donnina in più così la realtà ti sembrerà più rosea.
      lucio.

  3. ciao antonio, un consiglio per favore….a ottobre mi trasferisco vicino sao paulo, ho consultato il sito del consolato brasiliano di milano per avere il visto permanente, ho' dedotto che sara' molto lunga la pratica. per tua esperienza e' meglio farlo in italia o in brasile?
    grazie

    • Ciao Massimo

      essendo padre di una bimba brasiliana ti consiglio di richiedere il visto come genitore e non come coppia di fatto . IL visto va richiesto alla Polizia Federale in Brasile che ti dirà cosa fare . Riceverai un numero di protocollo che ti consentirà di restare in Brasile anche senza visto ma che non ti serviràà per aprire un conto corrente e pertanto dovrai appoggiarti al conto di tua moglie . Il visto , quando ti sarà concesso , richiede un paio di anni e va ritirato al consolato in Italia .

  4. Lucio,ma quanto e' il tuo reddito?
    Potresti avere delle sorprese a leggere le fasce di reddito nelle quali il governo Rousseff há collocato la classe media.

    Poi..piccoli imprenditori pagano 0 tasse?
    Magari vorrai dire evadono le tasse,come del resto i professionisti.
    Ma quelli non sono classe media>
    In Itália la classe media comprenderebbe insegnanti e agenti di polizia,per esempio.
    Qui in Brasile tu dici che con il loro salario vivono o sopravvivono?
    O forse vuoi dirmi che il costo della vita,in Brasile e' piu' basso che in Itália?

    PAULO – A Secretaria de Assuntos Estratégicos (SAE) divulgou nesta terça-feira estudo que estabelece novos critérios para a identificação da classe média brasileira e a define como o grupo composto por famílias com renda per capita entre R$ 300 e R$ 1 mil. Atualmente, esse universo representa 54% da população do país.

    Em parceria com outros especialistas, foram adotados diversos critérios para definir as faixas de renda da classe média, dividida em três subgrupos. Segundo a SAE, o principal critério observado foi o da vulnerabilidade, ou seja, a chance que a população tem de sofrer decréscimo na renda, e assim ser rebaixada de classe.

    A nova classificação vai servir para o governo tomar medidas que sustentem a emergência da classe média na sociedade brasileira. Em 2001, o percentual da população que se encaixava nesse perfil era de 38%.

    “Adotamos um novo método, com novas metas e novas métricas. A expectativa é que a gente entenda melhor e mapeie essa nova classe, que ascendeu nos últimos dez anos e se transformou na maioria da população brasileira”, afirmou o ministro da secretaria, Moreira Franco.

    A nova classe média foi dividida entre a baixa classe média, com renda per capita entre R$ 300 a R$ 440; classe média, com ganho entre R$ 440 a R$ 640; e classe média alta, com rendimento entre R$ R$ 640 a R$ 1.020.

    Além dessas três definições, mais cinco foram feitas para enquadrar as diferenças de renda no país. A faixa “extremamente pobre”, com renda de até R$ 81; a “pobre, mas não exatamente pobre”, com renda entre R$ 162 e R$ 291; a vulnerável, com renda entre R$ 291 e R$ 441; a baixa classe alta, com renda entre R$ 1.019 e R$ 2.480; e a alta classe alta, com renda acima de R$ 2.480.

    O nível de renda foi feito com base nas últimas pesquisas disponíveis sobre o tema, realizadas em 2009. Os valores foram corrigidos até abril deste ano

  5. io con 4000rs mantengo 4 persone e ci vivo benissimo. pago pure 2 piani di salute e 2 scuole private, prova a farlo in italia con 1300 euro. frequento il brasile da 25 anni e ci vivo da 16.
    il costo della vita in italia è il DOPPIO (mediamente) che in brasile PUNTO E BASTA.

    http://www.numbeo.com/cost-of-living/compare_cities.jsp?country1=Brazil&country2=Italy&city1=Salvador&city2=Rome

    il reddito medio di un lavoratore brasiliano è oggi 2000 al mese. miei cognati operai edili a s.paulo prendono 3000, hanno casa propria, macchina e viaggiano in aereo. i barbieri di favela alzano 4000 al mese, i padroni di mercadinhos 6000 (se poi non dichiarano na mazza e il governo li classifica come disoccupati non è colpa mia).
    l'articolo che hai riportato sotto è vecchio, oggi i valori sono raddoppiati.
    il salario minimo sotto lula-dilma è salito molto più dell'inflazione. i poveri sotto FHC veramente facevano la fame nera, nel 95 il salario minimo era 70 reais, nel frattempo s'è moltiplicato x10 mentre il costo della vita x4. questo è l'IPC accumulato fatto 1000 il 1995 (dati world bank che non è un'istituzione bolscevica):
    http://it.tradingeconomics.com/charts/brazil-consumer-price-index-cpi.png?s=brazilconpriindcpi&d1=19950101&d2=20141231

    ho una laurea in economia e con me la propaganda non attacca.
    lucio.

    • Non chapisco dove vedi la propaganda.
      L'articolo e' vecchio?
      Si,ma se leggi l'ultima riga vedrai che i valori sono stati corretti in aprile 2014.
      Tu com 4000 reais di reddito sei considerato di classe alta-alta,non di classe media
      Il reddito médio brasiliano e' di 2000 reais al mese,bene,allora che bisogno c'era di classificare di classe media persone che hanno rendita da 440 reais a 640?
      Che tu riesca a mantenere 4 persone com 4 reais e' certamente dovuto al fato che hai una casa di proprieta' e che vivi iin uma dele citta' con costo della vita piu' basso del Brasile,immagino.
      Perche' mi sembra molto difficile poter vivere bene com questa cifra.,
      Il piano di salute te lo paga il datore di lavoro,immagino
      Perche' io ,solo per mia figlia di 6 anni tra scuola e piano di salutre spendo 700 reais al mese,,l'affitto mi costerebbe circa 1200 reais al mese,bollette varie circa 400 ,mangiare un 900 circa,e siamo gia' a 3200 reais.. vedi tu. com la tua láurea.
      Il costo della vita in Brasile,e per costo della vita intendo uma vita decente,dove non devi pagare due volte le stesse cose,come educazione e sanita',per non parlare di sicurezza,e' superiore eccome a quello dell'Italia.

    • Con 1.300 € non si può fare ma con 4.000 € (visto che la moneta in Italia è l'euro) si e dei piani di salute e delle scuole private non ce n'è bisogno….ti avanzano anche i soldi per le vacanze… il vero problema è che forse oggi è più facile guadagnarne 4.000 R$ in Brasile che 4.000 € in Italia…per il resto a parità di "rendita" si vive molto meglio in Italia anche oggi, non c'è nemmeno paragone.

    • vado in italia 2 mesi l'anno e non vivo a maceio (per l'anonimo…).
      benedetto,
      fai confusione. il tuo articolo parla di rendita a cranio, io parlo di rendita a lavoratore. nel mio caso 4000:4 = 500 a cranio, quindi rientro perfettamente nella "classe media".
      poi, prima dici che 4000 è classe alta-alta e poi dici che con 4000 non si riesce a vivere???
      nessuno mi paga plano de saude. per i figli, tra piani e scuole caccio 900 totali.
      ho casa propria come la maggioranza dei brasiliani, non vivo in "bairro nobre" come fanno tutti gli italiani che vivono qui, ma neanche nella favelazza con l'esgoto che scorre in strada.
      900 per mangiare è esagerato. 1200 di affitto è da bairro nobre, nel mio quartiere una casa nuova di 100mq si affitta a 600.
      lucio.

    • Si Antônio,probabilmente hai ragione,ma visto che Lucio cita il salario médio di um brasiliano ,che sarebbe di 2000 reais io allora lo comparo com quello médio di um lavoratore italiano,che e' di 1650 euro.
      Quindi stando alle medie Lucio guadagnerebbe ,in Itália oltre 3300 euro.
      La questione e' ,vive meglio un brasiliano com 2000 reais o un italiano com 1650 euro?
      Io sono dell'opinione che sia l'italiano a vivere meglio.
      E questo mi fa' arrivare alla conclusione che la vita sia meno cara in Itália.

    • benedetto,
      1)il discorso originario era sulla presunta distruzione della classe media brasiliana. quindi sul rapporto tra condizioni attuali e di 10-15 anni fa. e mi pare che non c'è confronto.
      2) tu hai parlato di "costo della vita", questo in brasile è più basso, in termini assoluti. se invece intendevi il rapporto tra costo della vita e salari dovevi parlare di "tenore di vita"… e questo ovviamente è peggiore in brasile rispetto a italia, usa o norvegia. nessuno si sognerebbe di dire che il brasiliano medio si può permettere una vita come un norvegese.
      3) vedendo le cose in progress, il brasile è uno dei pochi paesi al mondo in cui questo "tenore di vita" delle classi mediobasse è migliorato negli ultimi lustri, pur ancora inferiore a quello dei paesi più sviluppati. diamogli tempo. non dimentichiamo che 70 anni fa per andare da cuiaba a rondonia ci volevano 6 mesi tagliando foresta com facao e che 30 anni fa nell'interior vivevano quasi tutti in casa de barro.
      lucio.

    • Lucio,
      1) la presunta distruzione della classe media non e' presunta,ma sta avvenendo,proprio attraverso queste aliquote fantasiose che fanno credere ai poveri di essere classe media,e attraverso l'inflazione nascosta e negata.
      Ripeto ,per uma famiglia com um reddito totale di 4000 reais e' molto difficile vivere dignitosamente in uma grande citta',e visto che l'80% dela popolazione brasiliana vive in citta'..
      Per costo dela vita io intendo e credo tutti lo intendano,il costo per vivere rispetto al salario médio,e anche qui ,scusami,mi devi dar ragione,i prezzi in Brasile sono totalmente sfasati dai salari medi,mentre per quelli reali sono assurdi.
      Oppure mi vuoi dire che 8 reais (circa 2,5 euro) al kg di pane qui chiamato francese,sono um prezzo proporzionato a um salario mínimo di 750 reais al mese,o anche a quello ,favoloso per la maggior parte dei brasiliani di 2000?
      O il prezzo di um biglietto di autobus che nella media sfiora spesso i 3 reais ?
      Um lavoratore com 2000 reais e due figli,con moglie che non lavora e senza casa di proprieta' dici che ssi puo' permettere uma ,anche modesta scuola privataw
      E dai,ammettiamolo,il Brasile há servizi molto scadenti a prezzi piu' che europei
      Per il "diamogli tempo" sono d'accordo,ma anche tu sarai d'accordo con me che questi al Governo ne hanno perso moltissimo e che il Brasile e' sull'orlo di uma crisi sistêmica.

    • non concordo affatto. tu parli del pane… e io ti parlo della casa di 120mq che un amico ha comprato a 50.000rs (allora 20.000 euro) 4 anni fa. anche ammesso che oggi valga 30.000 euro, che rapporto è coi prezzi/salari in italia?
      e la carne? e un tecnico computer? e un pittore? e il barbiere?
      lo sai quanto prende un tecnico computer in italia per mezz'ora? 70 euro… qua gli dò 15 reais è grasso che cola.
      guarda non ce la faccio più di fare dibattiti del genere con voi "libbbberisti" che ogni volta mi propongono il prezzo di un paio di prodotti dimenticandone altri 34.758.
      finora l'inflazione dichiarata dall'ibge è giustissima.
      se poi l'autobus costa 3rs è proprio perchè a voi libbbberisti piace che sia tutto privatizzato e che il padrone abbia profitti fantastiliardici. conosco personalmente il padrone di una delle imprese di autobus della mia città. pare un imperatore, berlusconi gli fa un baffo. ma che c'entra il governo in questo?
      e in italia che fai con moglie e 2 figli se becchi 1240 e devi pagare affitto? in italia l'affitto si fotte 2/3 dello stipendio, almeno qui appena 1/4. tant'è vero che in italia non fa figli più nessuno, al contrario di qui.
      poi perchè parli del salario minimo? ma lo sai quanta gente lavora in italia coi contratti cococo a 400 al mese?
      poi se con "vivere dignitosamente" intendi le fisse aristocratiche della maggior parte di voi italiani che vivono qui (e che magari in italia facevano la fame)… allora c'hai ragggione te :))
      lucio.

    • Caro Benedetto

      e non lamentarti sempre , alla fine se vivi ,come dici , in Brasile da 10 anni nella tranquilla cittadina mineira di Poço de Caldas qualcosa deve pure tenerti li . Non credo che tu non possa rientrare in Italia e godere del basso costo di vita e della ottima e gratuita assistenza sanitaria del belpaese . Allora perchè continui a sputare nel piatto dove mangi ? Analizzando i tuoi interventi sul blog ,sono tanti e ti ringrazio , non ne ho trovato uno di ringraziamento per questo Paese che ti ha accolto e ti ospita , nel bene e nel male , da una decade .

      Ammettilo che in Brasile è molto più semplice vivere : io ho avuto bisogno di una stanza in più per mio figlio appena nato , ho chiamato un muratore ed ho ricavato in casa una nuova stanza . Pensi che in Italia avrei potuto farlo senza scomodare l'ingegnere comunale e pagare una mare di tasse ? Potrei farti centinaia di esempi tratti dalla vita quotidiana . Il pane francese costa si 8 reais ma ho comprato il mio appartamento di 185mq da ristrutturare al centro di Natal ( non in un paesino dell'interior ) per R$ 190 000 , a voglia di pane che compro con quello che ho risparmiato rispetto all'Italia . E' vero che il condominio è una coltellata ma è il prezzo che pago per una serie di servizi che in Italia comunque non avevo .
      Infine godiamoci quello che abbiamo e questo splendido clima che allunga la vita o comunque ne migliora la qualità .

    • Antonio,

      in Italia non avresti dovuto pagare nessun ingegnere Comunale
      per ricavare una stanza in più né pagare un mare di tasse. Parola
      di geometra.
      Con 1000 euro al m2 compri appartamenti da ristrutturare
      a Bergamo città per esempio e il pane costa molto meno di
      8 euro al kg. Il condominio è un vero salasso per servizi
      per lo più inutili.

    • Lucio,
      ho formattato il pc il Italia ho pagato 30 euro in Brasile
      A Uberlandiia mia nipote ha pagato 60 real, il doppio.

      55000 real per 120 m2 è l'affare del secolo perché nemmeno
      nella peggiore favela della zona nord di rio trovi quei prezzi.
      In che città si può sapere?

      La carne in Italia costa meno ma in Brasile è più
      buona. La frutta costa uguale ma in Italia è più buona il pane costa
      molto di più in Brasile ed è meno buono i formaggi anche e
      non sanno di niente. I barbieri
      Costano uguale (la mia ragazza ha avuto un salone
      sia in Brasile che a Milano)
      Macchine più care, la benzina costa quasi il doppio e
      le strade sono pericolosissime (provato sulla mia pelle).
      Muratori o pittori costano uguali ma in Brasile sono meno bravi
      più pasticcioni. Paese bellissimo ma invivibile il Brasle a meno che
      uno non sia ricco…

    • Il problema di molti italiani che vivono in Brasile da anni,come te,e' che iniziano a avere la struttura mentale dei brasiliani,per i quali se appunti qualche problema e/o difetto ti stai lamentando sempre.

      Io ho vissuto in diverse citta',principalmente a Rio de Janeiro ,da cui me ne sono andatoc per la violenza e il caos che imperano.
      Mi sto lamentando o sto' affermando uma verita'?
      Godersi la vita non e' certo negare la realta',caro Antônio.
      Lamentarsi non e' la causa dei problemi,ma l'effetto,sai?

    • Valutare il costo della vita è qualcosa di molto soggettivo e le statistiche ufficiali spesso non coincidono con l'esperienza diretta di ognuno di noi. E' ovvio che se si continua a fare raffronti con l'europa e si vogliono mantenere le "abitudini europee" di una vita diventa difficile il paragone. Ma, arrivati ad una certa età, è anche comprensibile che molti di noi non siano disponibili a rinunciare al pane francese, ai pelati italiani piuttosto che al cambio di auto e telefonino ogni 2/3 anni.
      E' pur vero che il costo della vita in Brasile varia molto anche da zona a zona oltre che da persona a persona.
      Personalmente anche io la spesa fissa mensile che più digerisco male in Brasile è proprio quella del condominio anche se ho cercato di limitarla molto attraverso alcuni "accorgimenti".

    • Vorrei solo aggiungere, per dovere di cronaca, un dato volto a sfatare quello che oramai è solo un mito ossia quello della scuola e della sanità gratuita italiani.
      Mio fratello a Roma con moglie e 2 figli lo scorso anno, dopo aver pagato un mare di tasse in busta paga, ha speso circa 3.500 euro in tickets sanitari presso strutture pubbliche o convenzionate oltre a circa 1000 euro per iscrivere la figlia all'università "pubblica" (peraltro presso la facoltà decisa dallo stato e non dalla studente perché è stata respinta ai quiz di medicina e di biologia quindi ha dovuto iscriversi a lettere, unica facoltà a Roma dove è stata accettata). Per prendere un autobus a Roma si paga 1,50 euro (R$4,5) a tratta e non è che il servizio fornito sia tanto migliore di quello di Salvador (che pure è penoso), credetemi. Se hai bisogno del "pronto soccorso" a Roma devi inevitabilmente sottostare a ore e ore di fila interminabile e, anche potendo, non esiste l'alternativa del pronto soccorso a pagamento privato alternativo.
      Per cui attenzione a fare raffronti perché tutto è relativo.
      Mia nonna diceva "è sempre la somma che fa il totale" e io aggiungo che tutto il resto nella vita è una media(zione).
      Marco

    • Unknown,

      E' andata alla grande a tuo fratello, immagina se fosse stato in Brasile senza plano de saude.
      La moneta italiana è l'euro non il real, l'autobus costa in Brasile il doppio rispetto Roma.

      Ciao

    • Qui a Verona il bus costa 1.20 euro. ci sono pacchetti da 10 biglietti a 1 euro cada . il biglietto vale 90 minuti dalla prima convalida e puo' essere utlizzato su linee diverse sempre dentro i 90 minuti. – – Mio padre (purtroppo ora lassu' nel cielo) e' stato assistito per 2 anni dalla comparsa di un brutto male. 2 Operazioni chirurgiche, degenza per quasi 1 mese cada una in ospedale e 15 giorni successivi in altro ospedale per la riabilitazione. Una volta a casa fornitura di materiale sanitario per medicazione ecc. Bene io NON RICORDO di aver pagato un euro per tutto questo. Come si dice spesso qui : non ribattiamoci le cose in faccia l'un l'altro. Anch'io ho vissuto anni a Salvador. Ci sono cose che funzionano e altre no sia in Italia che in Brasile. (…e a volte bisogna avere anche un po' di c–lo 🙂

    • Francesco

      avevo immaginato che non eri residente in Brasile , mi pare che per te il Brasile sia solo un paese dove passare le vacanze ( bellissimo ma invivibile ) .

      Con molta probabilità non lavori in Brasile , non hai un plano de saude , e così via . Tiro ad indovinare perchè nonostante tutti i tuoi commenti non trapela assolutamente nulla su che cosa tu faccia in Brasile . Naturalmente la mia non è curiosità fine a se stessa , tento solo di "pesare" i tuoi interventi sulla base della tua conoscenza reale del paese .
      Io do grande importanza alle opinioni dei residenti , meglio ancora se sposati e con figli perchè sono loro i residenti che realmente conoscono la vita quotidiana . Gli atri sono turisti la cui opinione non può essere presa come riferimento per prendere una decisione come quella di vivere in Brasile .

      Trovo interessante che a Bergamo si trovino appartamenti al centro da ristrutturare a R$ 3000 ( 1000 euro ) al mq ma mi chiedo quanti giorni di sole all'anno ci sono a Bergamo , qual'è la spiaggia più prossima ,che lavoro potrei fare da quelle parti per vivere bene come qui a Natal e non ultimo se le ragazze sono carine e cordiali come qui .

    • Caro Miki

      mi dispiace per tuo padre . Tu non hai pagato un euro , vero , ma tuo padre ha pagato per tutta la vita sul suo stipendio fior di quattrini come il sottoscritto per l'assistenza sanitaria . Io qui non pago un real dallo stipendio , pago un plano di saude dove è scritto chiaramente quello che la società assicuratrice mi garantisce e se il contratto non è rispettato esiste la legge per farlo rispettare . Sulla capacità dei medici non entro in discussione : non sono un medico e tanti che la questionano non lo sono pertanto per me è aria fritta .

      Infine : ma ti sembra possibile che si possa continuare ad avere una assistenza sanitaria di livello gratuita ? In passato ciò è stato possibile attraverso la crescita del debito pubblico che oggi pesa sulle tue spalle e non ti consente di trovare un lavoro perchè le imprese non possono investire perche i soldi costano troppo a causa del debito pubblico … ed il cerchio si chiude . La sanità privata è il futuro per l'Itala , è solo questione di tempo altri modelli non sono sostenibili nel lungo periodo .

    • francesco villa,
      scusa ma tu sei da ricovero. in italia la carne costa meno? la benza costa la metà? i barbieri uguale?
      no comment.
      il sole è quadrato e io sono la madonna :))
      lucio.

    • Certo Antonio. Mio padre ha pagato ed e' stato ampiamente retribuito. Io sto pagando e fino ad ora vengo ampiamente soddisfatto . Questo ho voluto far notare. L' assistenza sanitaria non e' gratuita nemmeno qui. viene trattenuta una quota dal nostro reddito . Sono d'accordo con te che in italia come in tutti i paesi europei ancora troppo legati al "pubblico" l assistenza privata sara necessaria , quanto meno per completare cio'che la pubblica potra' dare (sempre meno). Quanto potremo durare ? Io non lo so…so che ciascuno di noi vive un presente che deve essere il più piacevole possibile. Quindi mi godo cio' che adesso questa societa mi sta offrendo cercando di vivere il più tranquillamente e beatamente possibile restando laddove la situazione mi pare migliore. Opportunista ? Lo siamo tutti . Ogni uno di noi che partecipa a questo blog sta vivendo dalla parte del mondo in cui vuole vivere per quache ragione di opportunita. Pronto . Abraços p todos ai ! Miki

    • Antonio,

      Ti sembra che parli da turista ??

      non sarei di certo ad Uberlàndia se lo fossi; abbiamo un salone che gestisce la mia ragazza, un piccolo negozio online e lavoro "a chiamata" per un architetto di Udia, abito in periferia e paghiamo l'affitto…ultimamente vado avanti ed indietro dall' Italia per motivi personali.

      Il plano de saude lo farò appena possibile, mi è capitato di avere una colica e spendere in clinica 430,00 R$ per una visita di 2 minuti ed una flebo…forse mi conviene farlo.

      La casa che tu hai pagato 1000 R$ al m2 qua sarebbero stati 1000 €, la stessa cosa.

      Dici bene, bellissimo il Brasile ma invivibile per chi non ha molti soldi.

      Ciao

    • Francesco Villa
      forse non mi sono spiegato bene. Mio fratello a Roma la sanità "pubblica" in realtà attualmente la deve ripagare ben 4 volte.
      Una volta in busta paga (1500 euro/mese di tasse pari a 4500R$/mese). una seconda volta al momento di pagare i ticket, una terza volta al pagamento di tasse e addizionali regionali e una quarta volta quando è costretto a pagarsi comunque una polizza sanitaria privata per farsi rimborsare i salatissimi ticket sanitari del nucleo familiare che, altrimenti, non potrebbe più permettersi di pagare.
      Definisco salatissimi i ticket anche in considerazione dei servizi scadenti offerti (oggi a Roma per fare un'ecografia si può mediamente attendere oltre i 12 mesi).
      Mio fratello attualmente in Italia, essendo un lavoratore dipendente che non può evadere, è un saccheggiato ostaggio dello Stato italiano che, se lavorasse in Brasile, pagherebbe prestazioni sanitarie di buona qualità solo attraverso la sottoscrizione di un Plano de Saude, quindi 1 volta sola anziché 4 volte per il medesimo servizio.
      Mi sembra poi veramente "fantasiosa" la tua asserita parità euro/real ai fini del biglietto dell'autobus. Se un brasiliano atterra a Fiumicino e vuole prendere un autobus deve sborsare R$4,5 per cambiare e comprarlo e non R$1,5. Mentre alla partenza dal Santos Dumont paga R$3 per il medesimo autobus (o forse migliore). Come fai a sostenere il contrario della realtà??
      Marco

    • ah francesco villa,
      dimenticavo… questa tua pittoresca interpretazione della moneta e dei prezzi comparati, vale anche per gli stipendi (una teoria deve valere sempre, non solo quando ci conviene) no?
      lo sai che il salario medio in brasile è 2.200rs? quindi secondo te corrispondono a 2.200 euro in italia… quindi i brasiliani guadagnano il doppio degli italiani, visto che il salario medio italiano è 1240… e anche il salario minimo brasiliano è doppio di quello italiano, visto che lì è pieno di gente a 400 al mese, giusto?
      i miei cognati operai edili a s.paulo beccano 3000rs… in italia gli edili beccano 3000 euro?
      ahahah!
      lucio.

    • Francesco

      forse non mi sono spiegato , per me il turista è proprio quello che fai tu . Anch' io tanti anni fa avevo un negozio gestito dalla mia ragazza ed andavo avanti e indietro dall'Italia ma il negozio era intestato a lei ed era lei che lo gestiva e certamente io , come sono sicuro anche tu adesso , non vivevo dei proventi di questa attività : ci rimettevo e basta . Essere residenti in Brasile significa :

      1) Essere in possesso di un visto PERMANENTE
      2) Svolgere una attività in Brasile dalla quale ricavare un utile che consenta di vivere
      3) Se poi hai moglie e figli brasiliani ancora meglio , aiuta nella integrazione anzi io direi che è indispensabile .

      L'assenza degli attributi di cui sopra non consente una conoscenza del Paese nella sua quotidianità , la visione delle cose è parziale e ciò che non si capisce è automaticamente rigettato . Prevale quello che io chiamo " atteggiamento del missionario " : io sono il detentore della verità e gli indigeni sono selvaggi da convertire .
      Pertanto , almeno per me sei solo un turista , diciamo curioso ed affascinato dal Brasile ma comunque un turista .

      Non mi hai risposto sulle domande su Bergamo . A quel prezzo ti suggerisco di comprare 1000 case da 1 euro de ristrutturare in Sicilia ( http://www.skyscanner.it/notizie/trasferirsi-sicilia-20-case-1-euro ).

    • Calma, uno alla volta 🙂

      Marco,
      Ho 1000 euro in tasca e faccio un litro di benzina (-1,70 €) = rimangono 998,30 €
      Ho 1000 real in tasca e faccio un litro di benzina (-3,00 R$) = rimangono 997,00 R$

      Molto meglio la sanità e le scuole in Brasile, non ci sono dubbi…io non sono convinto.

      Lucio,
      Come fai a calcolare il salario medio di un Paese dove il 90% guadagna 1000 R$ al mese, 5% qualcosa in più
      ed il restante 5% è ultramilionario…??
      Ho parenti muratori e giro a volte per cantieri, conosco solo operai che in Brasile guadagnano dai 1.000-1.700 R$ al mese (come in Italia), quelli che ne guadagnano 3.000 sono "artigiani" o lavorano a giornata.
      Quando le cose andavano bene si guadagnavano anche in Italia da dipendenti 3.000 €.

      Quando sarò diventato ricco in Brasile e potrò permettermi il Plano de Saude ci penserò al ricovero, promesso…

      Antonio,
      Rispetto l'opinione di tutti ma soprattutto la mia.
      Bergamo è un esempio di città ricca (non il paesino pur bello sulle colline della Basilicata) con prezzi mediamente alti dove puoi trovare appartamenti da ristrutturare a 1.000 € al m2 (non in centro).
      Il bel clima e il mare (per chi piace) ci sono anche in Italia e le ragazze sono altrettanto carine e simpatiche,
      anche più educate.

      Il problema (grande) è che l'Italia non garantisce oggi un lavoro sicuro e una rendita decente…per il resto non c'è nemmeno paragone.

      …comunque pensavo che dai miei commenti fosse chiaro che preferisco il Brasile all'Italia !!

      Ciao

    • ahah, sei troppo forte!
      quindi in giappone (cambio 1/100 con $) siccome la benza costa 150yen, 1000-150=850, tu deduci "poveri giapponesi che lì la benza costa 50 volte più che in brasile"???
      teoria economica pazzesca…
      non è vero che il 90% dei brasiliani becca 1000rs al mese. la media è 2200, 1/3 beccano più di 2200, 2/3 da 700 a 2200. i miei cognati sono operai dipendenti, non autonomi, e beccano 3000 a s.paulo.
      mio fratello in italia è quadro super in grande banca e becca 2200 e con 20 anni di anzianità. gli operai fiat 1100. i postini 1200, i precari 400. ripeto, la media è 1240 e non è diminuita.
      ma chi l'ha mai visti in italia 3000? giusto i dirigenti o gli imprenditori…
      lucio.

    • Antonio il ping pong non mi piace .Allora ti dico che in trentino con la tessera di studente (qualsiasi tipo di corso tu stia facendo) adulto o giovane che tu sia i mezzi pubblici e treni sono gratis o poco ci manca. Poi io nel mio scritto parlavo di Verona (Veneto ) e non Lombardia . Riguardo la rivoluzione per aumenti dei mezzi pubblici mi sembra che sia il Brasile la nazione dove poco tempo fa tutto veniva paralizzato e si registravano scontri per le strade a causa del rincaro dei mezzi pubblici …o sbaglio?? Io stesso a Salvador ho assistito tempo fa a cortei di studenti che bloccavano la citta e incendiavano cassonetti e copertoni in mezzo alle strade per protesta . Altroche Napoli… Se stiamo a ribattere ad ogni commento andiamo avanti all'infinito. chi e' convinto che si sta meglio in Io ho volevo far passare (come più volte e' stato scritto sul blog) che non ci sara' nessun vinto e nessun vincitore poiche' ciascun rimane dove più gli conviene .

    • Ciao Miki

      non ti piace ma hai risposto punto per punto . Allora , il trentino è una regione a statuto speciale e assieme a tutte le altre a statuto speciale gode di privilegi tributari vergognosi .

      Ciò detto anche qui a Natal gli studenti hanno il Passe Livre e gli anziani dopo i 65 anni non pagano nulla .

      La Lombardia non è in Italia ?

      Certo che protestavano a Salvador per l'aumento del prezzo dell'autobus . Ecco perchè ti ho detto che per un aumento dello 0,61% qui avrebbero fatto la rivoluzione . Per inciso gli aumenti sono stati tutti ritirati o ridotti .

      Sono daccordo con te che ognuno resta dove maggiormente gli conviene . Non è affatto mia intenzione di convincere qualcuno a trasferirsi in Brasile . Una di queste volte pubblicherò alcune delle lettere di " scoraggiamento " che invio a coloro che mi scrivono e-mail e che vogliono trasferirsi qui senza avere i numeri necessari . Tuttavia informare correttamente e fuori dagli stereotipi lo sento come un obbligo del blog .

    • Ciao antonio. Lombardia e' Italia ( ma io ho parlato di Verona – Veneto – che pure e' Italia) , Trentino e' Italia (statuto speciale o no e' comunque Italia) . Tu rimani convinto che sia meglio stare li in Brasile e io che sia meglio restare in Italia (magari in regioni virtuose ). Entrambi abbiamo vissuto sia di qua che di la per anni. Siccome entrambi abbiamo successo e viviamo bene nella nostra realta' tu non mi convinci quando difendi a spada tratta e tue idee e io non ti convinco con le mie. Ma le opinioni divergenti servono per far pensare e speriamo che coloro che sono indecisi sul da farsi abbiano materiale su cui riflettere! In fondo basta documentarsi. Abraços . Miki

    • Caro Miki

      non voglio convincere nessuno ma i fatti sono fatti : tu sei su una strada in discesa mentre noi qui siamo in salita . Al momento , ma solo al momento alcune parti della tua strada sono più in alto della mia ,ma è solo questione di tempo . Io sono andato via dall'Italia oltre 10 anni fa , in tempi non sospetti, e da allora ho visto solo discesa da un lato e salita dall'altro . Certo che basta documentarsi :

      http://espresso.repubblica.it/inchieste/2014/08/25/news/poverta-la-mappa-della-disperazione-in-italia-i-giovani-in-vent-anni-hanno-perso-quasi-tutto-1.177654?ref=HRBZ-1

    • certo antonio ( e qui finisce la replica) bell incoraggiamento che dai ai tuoi giovani connazionali. bravo . invece potresti documentarti su nuovi lavori che i giovani qui stanno scoprendo quali per esempi il ritorno all'agricoltura biologica, l'artigianato di alta qualità…questo non si dice…meglio evidenziare il negativo . Dire che sara' solo questione di tempo a me suona come un macabro augurio…e questo detto da un italiano a giovani italiani suona ancora più deprimente . bravo. obs invece di mandare link sulla disperazione in italia vuoi che ti mandi link sulla disperazione in brasile ? …e guarda che ne troviamo tanti in giro eh cosi i giovani italiani avranno un bell'incentivo a venire li…replica conclusa ( ma sempre con affetto…kkkk)

    • Caro Miki

      il rispetto prima di tutto , tu sai che io apprezzo la discussione civile e con te ho sempre sviluppato tematiche con grande compostezza . Purtroppo la critica che fai dovresti inviarla all'Espresso spiegando quello che hai detto qui sui nuovi lavori che si stanno inventando i giovani ( Certo agricoltura biologica ed artigianato non mi sembra il massimo di innovazione , ma va bene così . Se non ci fossero state le patate durante la guerra la metà dei civili sopravvissuti sarebbero morti di fame ) .

      Per quanto mi riguarda non ho bisogno di documentarmi ulteriormente visto che ho ancora famiglia ed amici in Italia che non fanno altro che ripetere quello che dice l'Espresso perchè passa quotidianamente sulla loro pelle .
      Il consiglio che do ai giovani italiani , in verità ai pochi rimasti , è " fuitevenne " : scappate ! E' l'unico modo per salvare l'Italia . Restando continuerete ad alimentare ( nel vero senso della parola ) l'attuale classe politica che continuerà a rubarvi la vita sino a che a 40 anni vi chiederete perchè l' avete fatto .

      La vita , quella parte bella della vita , dura trenta anni al massimo : dai 20 ai 50 . Prima dei venti non si è ancora indipendenti e dopo i 50 iniziano gli acciacchi e le morti dei parenti anziani oltre alle responsabilità della famiglia . Pertanto quello è il periodo in cui dovete giocarvi tutto . Non perdete tempo , non ne avete molto : trenta anni passano come un lampo , credetemi .

      Il Brasile è una opzione ma non è l'unica . Coloro che hanno una preparazione adeguata possono fare carriera tranquillamente in Europa e molto più rapidamente che in Brasile per i noti ostacoli sul visto . Prova ne è che i miei primi due figli , entrambi laureati in Italia ,si sono inseriti con successo a Londra . Per il terzo , essendo ancora giovane e già dotato di visto ho preferito che frequentasse direttamente il liceo in Brasile in modo da non avere problemi di inserimento nel mondo del lavoro brasiliano in futuro . Con queste storie personali come potrei , senza essere ipocrita , consigliare ad un giovane italiano di restare nel Belpaese ? Certo se fossi un politico italiano i miei figli sarebbero gia inseriti in qualche istituzione direttamente o indirettamente legata al governo ed allora si , con grandissima faccia da culo , consiglierei i giovani a restare .

  6. sarebbe interessante sapere da quale lavoro provengono quei 4000 Reais…allora forse si potrebbe fare un paragone con l'equivalente lavoro in Italia…forse e' l unico modo di fare qualche confronto

    • Caro Miki

      prima che Lucio ti risponda ti rispondo io per l'esperienza sia mia che dei tanti italiani residenti che conosco o che non conosco direttamente ma sono lettori del blog . Una cosa è certa : nessuno fa il lavoratore dipendente ( tranne casi eccezionali di assunti da aziende italiane ) . La stragrande maggioranza degli italiani in Brasile ha investito il proprio denaro , spesso l'ultimo , per costituire una impresa più o meno regolarizzata . Molti hanno scelto la strada di investire nell'immobiliare al momento giusto ed oggi vivono con i proventi degli affitti , qualcuno ha investito in Pousade e ristoranti , altri hanno collocato in applicazioni finanziarie una parte dei loro risparmi e lucrano con gli interessi . Comunque è difficile che si possa vivere in Brasile senza avere una diversità di fonti di guadagno , pertanto non escludo che molti abbiano immobili in affitto , rendite finanziarie e proventi da azienda nello stesso tempo . Tutto ciò è praticamente impossibile in Italia per una quantità di motivi che non sto qui ad elencare … perchè devo uscire 🙂

    • Lucio ,credo sia tu a far confusione.

      4000 reais diviso 4 a casa mia fanno 1000 reais a crânio, e certo, non basta la definizione del Governo di classe alta a far bastare i soldi per le spese mensili,.
      Poi Maceio deve essere un'isola felice com i prezzi piu' bassi di tutto il Brasile,ma ti assicuro che nel resto del paese non e' cosi'.
      Maceio deve essere un'isola felice,se con questa cifra arrivi felicemente a fine mese.

  7. Lucio ,libberista non mi ci aveva chiamato mai nessuno.
    Ma qui se critichi il PT e diventi súbito uno dela elite bianca e adesso purê um libberista..
    In Itália criticavo Berlusconi ed erro comunista..
    Esilarante come le reazioni dei criticati siano sempre le stesse,non difendersi dalle critiche ma etichettare i critici.
    Nel tuo caso,mi spiegheresti perche' sarei libberista?
    Perche' considero la Borsa Famiglia il piu' grande acquisto di voti del mondo?
    O perche' non sopporto che chi governa si arricchisca usando termini e modi populisti che non hanno alcun riscontro nella realta'?
    No,dimmi te…

  8. beh, avere allucinazioni su inflazione e costo della vita è fissa tipica libbberista. inventare apocalissi solo quando ci sono al potere i "bolscevichi-populisti" è fissa tipica libbberista. dimenticare i "difettucci" di quando governavano i leccapiedi degli americani è fissa tipica libbberista.
    non mi sono difeso dalle critiche? altra allucinazione. mi pare che ho scritto un sacco di dati per confutare le tue teorie, a proposito non hai detto nulla (guarda caso) sui dati degli investimenti in brasile (e italia) che ho postato sopra.
    lucio.

    • Bhe,Lucio, questo tuo ultimo "comento" mostra exatamente di che pasta sei fato.
      Pasta PT.
      Non ho inventato nulla,di apocalittico c'e' solo la tua disattenzione al leggere ,e anche solo a cercare di capire le altrui parole.
      Per criticare questo governo di corrotti e incompetenti non devo certo mettermi a compararli a quelli del passato.
      Criticare il presente non significa essere d'accordo com il passato.
      E si,criticavo il Governo del PT,mica te,che scrivi un sacco di dati.
      Ma non me la prendo,anche tu sei una vittima del pensiero único,chi critica i "compagni" al potere e' un servo degli imperialisti yankee giudaici massoni,etc,etc..
      Lo dice anche l'uccellino Chavez a quell'altro grande statista di Maduro.

  9. non sono affatto pasta PT, tu sei pasta anti-PT. tu non capisci quello che dico, distorci quello che dico, dimentichi quello che dico, non rispondi alle mie domande, sorvoli sui dati che posto.
    non sai NIENTE di come andavano le cose negli anni 90 e del perchè e del chi ci guadagnava.
    chavez e maduro sono dei pazzi, il fatto che li compari col PT indica il tuo grado di allucinazione. qua il pt privatizza, lì gli chavisti nazionalizzano. sono all'opposto e il pt di compagno non ha un bel niente.
    i politici rubano tutti, in tutto il mondo… anzi l'unica differenza è che in questi anni di pt le magagne vengono fuori con più facilità.
    lucio.

    • Se dico che sei di stampo PT e' per via delle reazioni scomposte che hai.
      Comparo Chavez e Maduro ai tuoi eroi per il loro grado di ipocrisia,populismo e incompetenza.
      E non e'un caso che il governo brasiliano sai tra i piu' stretti alleati del Venezuela Chavista.
      So' bene come andavano le cose negli anni 90 ,nel 91 sono stato tutto l'anno in Brasile per lavoro.
      E ricordo anche che il PT e Lula sopratutto,ancora accusano FHC di aver privatizzato la Companhia Vale do Rio Doce.
      E si,il PT privatizza i guadagni ,pero',e presta soldi a tipi come Elke Batista,oppure costruisce porti e metropolitane all'estero,o meglio ancora perdona debiti di dittature africane.
      E si,con la formuletta tutti ipolitic rubano e che in questi anni le magagne sono venute furi con piu' facilita' che dimostri?
      Che questi rubano uguale solo che sono piu' deficienti e si fanno beccare piu' facilmente oppure che sono cosi' arroganti e forti del sostegno elettorale ,comprato con la borsa famiglia,che engano anche l'evidenza dei fatti.
      Ma non ti ricordano il nostro Scajola,per dirne uno a caso?
      Affermare che rubano tutti i politici e' lapalissiano,ma non e' mica la formuletta magica per assolverli tutti.
      E,guarda caso,adesso a depredare il Brasile ci sono quelli al Governo,quelli del PT, fattene uma ragione,senza mettere in ballo libberisti,massoni e chissa' chi altro.

    • benedetto,
      ok il PT ruba di più (tanto non possiamo controllare la contabilità esatta delle ruberie), c'hai raggggione te.
      per me "scomposto" è chi dice falsità, come le tue, che trascendono la dimensione ruberie. e qui invece possiamo PROVARE che dici falsità, vedi i dati che ho postato sopra AI QUALI NON HAI POTUTO REPLICARE:
      – distruzione classe media: falsità
      – mancato consolidamento della crescita: falsità
      – iperinflazione nascosta: falsità.
      perchè sostieni ste falsità?
      mi sembra che parli solo per luoghi comuni.
      ipocrisia, populismo, incompetenza e prendere mazzette da potenze straniere era la moda degli anni di fhc, con politiche DEMENTI E CRIMINALI che stavano portando il paese alla VERA devastazione, come poi hanno devastato l'argentina.
      moneta forte, si comprava tutto all'estero, qui non si lavorava più, le imprese chiudevano, debito estero quintuplicato… TE LE RICORDI STE COSE???????????????????????????????
      che poi sono le stesse identiche cose che stanno succedendo oggi in italia, per far piacere al padrone alemanno (non il sindaco!:)). tu non hai idea delle dimensioni dei fenomeni… cosa me ne frega se scajola ruba qualche milioncino quando le politiche europeiste hanno fatto perdere all'italia solo di bil.commerciale 600miliardi di euro in 12 anni, che si sono bellamente trasferiti nelle saccocce teutoniche, per esempio?
      esaltare queste politiche (le stesse di fhc anni 90) nascondendo la realtà, non è ipocrisia, populismo?
      lucio.

    • Mi hai convinto: l'acquisto della raffineria a Pasadena e' stato un affarone,come tutto quello che há fatto il governo PT.
      Grazie.

  10. ciao Miki e ciao Antonio riguardo alla sanità pubblica in italia in specifico a Verona mi ritengo ampiamente soddisfatto ci sono appena passato e non ho finito!(ora sono a casa dopo due mesi di ospedale) devo dire si ho sempre pagato e sto pagando sul mio stipendio ma sono stato ampiamente ripagato in questi due mesi devo solo ringraziare tutti i medici e infermieri dei vari ospedali che ho passato tre(bgo roma-bgo trento uno dei posti migliore per operazioni al cuore in italia e forse anche in europa e non detto da me .io ho visto gente da tutta italia venire li a operarsi e poi villa garda per la riabilitazione cardiaca).
    IO SONO ANCORA QUA'! CIAO E UN ABRAço a tutti. ora appena mi riprendo un pò ho bisogno di una vacanza o forse più, linda a Natal mia seconda città che adoro. ciao a tutti di nuovo e grazie sempre ad Antonio per il tuo blog utilissimo per tutti noi abraço. da Stefano.

    • Caro Stefano

      sei stato fortunato a nascere nel nord italia . Mia madre , che come te ha sempre pagato , in questo esatto momento è in ospedale al Maresca di Torre del Greco dove deve essere sottoposta ad un intervento chirurgico di urgenza e NON hanno la UTI per il dopo operatorio !!! Dovranno trasportarla dopo l'operazione in un altro ospedale di Castellammare dove speriamo di trovare un posto nella UTI . Faccio presente che al Maresca NON ESISTE UTI non è che non ci sono posti . Non potrebbero neppure operarti di appendicite in questi posti eppure hanno la sezione di chirurgia ! Questa è l'assistenza sanitaria al sud Italia e pertanto finchè l'Italia sarà unica per me è tutta l'Italia che è rovinata . Quando Calderoli ed i suoi decideranno di separarsi allora …

    • hai ragione Antonio la sanità in italia non è tutta uguale. e questo non so di chi sia colpa! se dei nostri politici(ladri)lega compresa (ha imparato subito come si vive sul trasantlantico di roma che chiamavano ladrona ma si sono infarinati anche loro)/manager delle strutture ospedaliere e/o personale che vi lavora ma quest'ultimo il personale ci credo meno perchè a verona ospedale civile bgo trento ci sono giovani infermieri del sud italia napoli molto bravi e proffessionali.
      Riguardo a tua madre perchè non chiede di fare l'intervento in un'altro ospedale italiano atrezzato per questo tipo di intervento ? credo sia possibile! Ciao e abraço stefano.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here